Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'olio extravergine italiano rischia di scomparire

  • 113

New Twitter Gallery

olioscompare.jpg

"Nuova mazzata per l'olio extravergine di oliva Made in Italy. Dopo l'emergenza xylella che ha messo in ginocchio la produzione pugliese, dopo la truffa dei 7 grandi marchi che spacciavano un olio di bassa qualità per uno extravergine, adesso dall'Europa arriva il colpo finale per il settore.

La Commissione europea vuole concedere alla Tunisia la possibilità di esportare verso l'Europa senza dazi ben 70 mila tonnellate di olio in 2 anni, una quantità che corrisponde alla produzione totale del Portogallo. Il totale delle tonnellate esportate dalla Tunisia corrisponde al 20% di quanto prodotto in Italia. L'olio tunisino è prodotto e venduto a basso costo rispetto all'olio europeo e questa concorrenza diretta rischia di mettere in ginocchio l'agricoltura italiana che, ancora una volta, viene usata come merce di scambio per la politica internazionale.

Il prezzo di un (giusto) aiuto umanitario dell'Unione europea verso la Tunisia viene fatto pagare dalle regioni più povere d'Europa (Sud Italia, Grecia, Portogallo, Spagna che vivono già difficoltà economiche strutturali proprie), rispetto a quelle più ricche. L'agricoltura non può essere ogni volta usata come merce di scambio per le politiche di sostegno e di vicinato verso i Paesi terzi. E' stato già fatto con il Marocco per le arance, lo stiamo facendo con il sud est asiatico per il riso e il risultato lo hanno pagato gli agricoltori del sud Europa. Perseverare è diabolico.
L'Europa sta già facendo molto per il popolo tunisino. Nel 2011 anni ha stanziato, per esempio, nel programma di macro assistenza finanziaria ben 800 milioni di euro. Quest'anno sono stati già erogati 100 milioni di euro, una prima tranche di un prestito complessivo di 300 milioni. Perché adesso questa ulteriore apertura? Alcuni sospetti nascono dagli interessi economici dell'attuale primo ministro tunisino. Habib Essid è, infatti, uno dei maggiori produttori di olio del Paese e dal 2004 al 2010 è stato persino direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale. Con questa importazione senza dazi si vuole aiutare il popolo tunisino o gli affari dei suoi governanti?
Chi è l'ideatore di questa politica suicida per l'Italia? Ovviamente il Pd!" M5S Europa

avolte_banner_ca.jpg

14 Nov 2015, 16:14 | Scrivi | Commenti (113) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 113


Tags: olio, olio extravergine, Pd, truffa olio

Commenti

 

Compra direttamente dal Contadino
IL VERO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA
ALTA QUALITA' ACCESSIBILE A TUTTI
SPEDIZIONE IN ITALIA GRATUITA
INFO: Tel: 338.2353003 email: sal.tumminello@gmail.com
Pagina Facebook: Azienda Agricola Tumminello

Salvatore T 22.11.15 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno, ma guardate che l'olio extravergine italiano è da un pezzo che è difficile da trovare negli scaffali di negozi e supermercati! Molte confezioni con scritto "olio extrtavergine di oliva" ha probabilmente alle spalle migliaia e migliaia di chilometri e un ciclo di trasformazione/lavorazione alquanto contorto. Fortuna che, piano piano, i "consumatori" si sono abituati! Una volta c'erano le banconote false, adesso ci sono anche quelle, ma stampate ufficialmente spacciate in cambio di carta straccia, ma in più adesso c'è anche la merce falsa, ben confezionata in belle bottigliette (nel caso dell'olio ma anche del vino), con accattivanti colori ed etichette. Dicono che ci sono un mare di controlli e che questa roba non fa male, ma è intuibile che dopo decenni di "consumo" di questa roba certo si consuma pure la salute, quindi saliranno le azioni delle aziende farmaceutiche e la spesa sanitaria. Tutto PIL che cresce, evviva!
Cordiali saluti a tutti.

Enzo Rossi 20.11.15 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno, ma guardate che l'olio extravergine italiano è da un pezzo che è bandito dagli scaffali di negozi e supermercati! Quasi tutto quello che è spacciato come "olio extrtavergine di oliva" è roba quasi sempre falsa, strani intrugli dai sapori nauseanti. Fortuna che, piano piano, i "consumatori" si sono abituati! Una volta c'erano le banconote false, adesso ci sono anche quelle, ma stampate ufficialmente spacciate in cambio di carta straccia, ma in più adesso c'è anche la merce falsa, ben confezionata in belle bottigliette (nel caso dell'olio ma anche del vino), con accattivanti colori ed etichette. Dicono che ci sono un mare di controlli e che questa roba non fa male, ma è intuibile che dopo decenni di "consumo" di questa roba certo si consuma pure la salute, quindi saliranno le azioni delle aziende farmaceutiche e la spesa sanitaria. Tutto PIL che cresce, evviva!
Cordiali saluti a tutti.

Enzo Rossi 20.11.15 09:29| 
 |
Rispondi al commento

L'olio di oliva extra vergine deve vivere e non morire per colpa di grandi distribuzione che lo metyono in commercio dpacciandolo per olio extra vergine

fiorenzo di giacomo, francavilla al mare Commentatore certificato 17.11.15 23:39| 
 |
Rispondi al commento


Buongiorno
Avete bisogno di un finanziamento per la vostra casa, per la creazione delle vostre imprese, per i lavori, per le vostre necessità personali e soprattutto per i crediti immobiliari, più dubbio. Accordiamo crediti personali che vanno del 2000 fino a 800.000€ con un tasso d'interesse nominale del 3% indipendentemente dall'importo. Volete precisarci nelle vostre domande di prestito l'importo esatto che desiderereste e la data. Volete scriverli per i vostri prestiti personali: maria_carthe16@hotmail.com
Ai vostri servizi 24/24 ore
P.S: presto soltanto alle persone suscettibili di rimborsarsi.: maria_carthe16@hotmail.com

maria 17.11.15 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Sono un piccolo produttore di olio di oliva della Sabina. So quanto sia dura produrre un po' d'olio con la fatica e il sudore e il sangue (e non esagero). Sono anni che assisto sbalordito agli interventi comunitari assurdi che anno dopo anno stanno sempre di più distruggendo il settore della produzione tanto da non rendere quasi più conveniente raccogliere le olive che infatti alcuni anni vengono in gran parte lasciate a marcire sulle piante di olivo. E con le olive purtroppo scompaiono tradizioni millenarie, vita agreste, tutela del territorio...Non posso credere (e infatti non credo che non ci siano interessi economici dietro a queste assurdità) che l'imbecillità di questi governanti si spinga fino a tal punto. Questi finti benefattori dell'umanità che svendono e tradiscono il bene del loro popolo per un po' di notorietà.

andrea duranti, mompeo Commentatore certificato 16.11.15 10:03| 
 |
Rispondi al commento

L'olio tunisino è ottimo!

Ovviamente anche da loro ci sono quelli onesti e quelli che sofisticano così come ci sono quelli che sanno lavorare bene e quelli incapaci!

Anche l'olio libico sarebbe ottimo ma si rifiutano di coltivarlo per ragioni troppo lunghe da spiegare.

Ho trovato del buon olio anche in albania.

Ma forse il migliore olio di oliva arriva dal marocco che ha nna pianta autoctonoa che produce un olio da un gusto particolarissimo.

Tutto per ricordare agli italioti che anche riguardo l'olio abbiamo perso il primato come per un sacco di altre cosette....


D'altronde a ragionare col culo solo risultati di merda di ottengono .... è una legge universale.

gli italioti ragionano col culo 16.11.15 05:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Italioti!!!!
pensate che gli altri,gli stranieri,ai quali volete rifilare le vostre schifezze, siano tutti cretini ?
I cretini siete voi e chi vi rappresenta.
Sono spesso in Polonia e non riesco a trovare un olio decente per me.
Una delle più importanti aziende ole arie italiane,del centro italia per intenderci,vende per extra Vergine un olio puzzolente.
Bisognerebbe controllare questi esportatori perché stanno rovinando l'immagine della produzione alimentare italiana in un settore dove ci salvavamo ancora.


stamattina sono andato a fare la spesa al superstore della mia città, e nello scaffale degli oli extra vergine d'oliva, volevo acquistare una bottiglia con olio prodotti in Italia, ebbene uno scaffale pieno zeppo di tante marche comprese quelle dello scandalo, ma non esisteva nessuna bottiglia d'olio di extra vergine d'oliva con produzione italiana, tutti ma proprio tutti con olive provenienti dalla comunità europea ed extraeuropea. Ero disposto a spendere anche di più ma non c'era il prodotto!!!

agosta c., Modica Commentatore certificato 15.11.15 19:38| 
 |
Rispondi al commento

OGNI NAZIONE DEVE PRODURRE PER IL PROPRIO FABBISOGNO, CON LE SUE TRADIZIONI. QUELLO CHE ECCEDE IN PIU' LO SI VENDE ALLE ALTRE NAZIONI.
NE GIOVEREBBERO TUTTE LE NAZIONI E MOLTO IL TURISMO.

grace 15.11.15 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e le multinazionali sono sempre tra i piedi!

GIANCARLO O., SALSOMAGGIORE TERME (PR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 17:33| 
 |
Rispondi al commento

l'unica cosa da fare e' lasciare l'olio di oliva nei supermercati e andare possibilmente nel frantoio e prendersi l'olio che scende dalla spremitura per un anno intero

aurelio m. Commentatore certificato 15.11.15 15:37| 
 |
Rispondi al commento

non bastava il governo italiano a mandare al macero l'italia e mo' ci si mette anche l'europa.

qui c'e' una congiura verso i cittadini italiani ed europei,come al solito fanno leggi da guerra fondai.
piu' dividi i cittadini d'europa e' piu' li puoi governare.
e' ora che spariscano in un meteorite e spariscano per sempre

aurelio m. Commentatore certificato 15.11.15 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Le tasse sono un privilegio degli italiani, i tunisini vengono esentati in nome del Dio Liberismo e probabilmente delle mazzette.
Non esiste solo il ttip, fra un paio d'anni avremo un accordo di libero scambio con la Tunisia e come al solito l'unico modo per evitarlo è USCIRE DALL'UE.
Nessuno ha ancora impiccato il pd e quelli spingono ancora di più sulla globalizzazione selvaggia incentivando il made in Tunisia... in fondo gli italioti sono felici di pagare le tasse per sostenere l'ue, le banche tedesche e i clandestini che arrivano a flotte quindi con gioia possono pagare pure per le tasse che verranno scontate alle multinazionali e alle aziende che li hanno truffati, li truffano e continueranno a truffarli con l'olio non extravergine o di semi.
A chi giova?
Il sud Europa si trova concorrenza agricola imbattibile (e gli agricoltori tunisini non devono rispettare i nostri standard né subiscono una tassazione record come quella italiana) e il Nord Europa guadagna un nuovo mercato di sbocco:
la Germania si arricchisce e noi diventiamo più poveri.
Devo dire che gli italiani hanno un'impareggiabile resistenza alle umiliazioni da paesi stranieri che possono fare tranquillamente tutto senza mai alcun accenno di reazioni... politically correct o semplice stupidità?

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Mi pare di vedere di nuovo un caso Lactalis, dove "qualcuno impone un prezzo" ricordandoci che se questa manovra và in porto è l'equivalente di 1/5° del prodotto Italiano, con quel che viene fuori dalle inchieste sull'olio taroccato è una nuova mazzata all'economia di alcune Regioni.
Possibile che in "Questo paese non sia possibile che un produttore abbia un'equo guadagno senza che la grande distribuzione lo uccida mettendo in commercio un'olio a prezzo stracciato?"

Pietro Mantelli 15.11.15 10:57| 
 |
Rispondi al commento

OLIO?

Al di sotto del costo di 7/8 euro al litro l'olio extravergine di oliva non è più tale,almeno secondo gli standard Italiani.
La qualità dell'olio prodotto dipende da 3 fattori:densità di coltivazione,metodo di raccolta,metodo di spremitura.
Solo l'Italia coltiva olivi con una proporzione di 200 alberi per ettaro mentre all'estero si arriva anche a colture intensive di 2000 /ettaro con la conseguenza delle scarsa qualità del frutto dato che gli alberi mangeranno il nutrimento di quello vicino per cui è necessario un supporto "artificiale" alla produzione.
La raccolta in Italia generalmente avviene ancora a mano cogliendo il frutto direttamente dall'albero che è quello migliore,all'estero ci sono vere e proprie catene meccanizzate senza distinzione per la qualità.
In ultimo e più importante in Italia la spremitura delle olive avviene ancora a freddo ed è rimasta una peculiarità solo italiana.All'estero quasi sempre si applica una spremitura a caldo che ne aumenta la resa ma ne altera drasticamente la qualità con dei veri e propri mutamenti delle qualità organolettiche.
Lo sapete quante olive ci vogliono per fare un buon olio extravergine se ve lo producete da soli?
Ci vogliono ben 7 chili di olive per litro,prima le dovete raccogliere a mano salendo sull'albero se è vostro o le dovete acquistare dal coltivatore a cui dovrete versare la mano d'opera e il ricarico sul raccolto.
In un secondo momento dovrete portarle al frantoio a cui si aggiungerà il costo di spremitura e poi dovrete imbottigliarlo.
Se l'albero è vostro vi costa 3,50 al litro,4 euro se le acquistate da un coltivatore a cui vanno aggiunti i costi di trasporto e imbottigliamento.
Ciò vuol dire che se ce lo produciamo da noi costa quasi 4,50 euro al litro,cosa imbottiglieranno all'estero per 2,80/3,00 euro al litro?

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.11.15 09:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sequestrate 3800 tonnellate di falso riso biologico.
per decine di anni hanno concimato e spruzzato usando
sostanze chimiche di tutti i tipi, poi, il miracolo
è arrivato il bio.

il consumatore 15.11.15 09:46| 
 |
Rispondi al commento

'A stampa de Stato, dice de sta' tranquilli, chè qua, c'avemo n' "Intelligence" de tutto rispetto:
ner vedè 'a faccia der Ministro, però, a mme, me fa' teme che c'avemo 'na "Stupidity", de tutto rispetto....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.11.15 09:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una volata in qualsiasi Paese ti trovassi, dire "sono Italiano" era un punto di vantaggio, ricevevi subito un sorriso da tutti ed un certo rispetto una certa considerazione.
Oggi ti ridono in faccia, e presto, se continuiamo a "svendere" e svalutare, manco ci cag....nno!

Wlad d. Commentatore certificato 15.11.15 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riguardo a ieri e Parigi posso farvi un identikit del Foreign fighter visto che ne ho conosciuto uno.
Figlio della seconda generazione di immigrati Marocchino in questo caso sui 20 anni , padre operaio madre casalinga ,primo di 5 figli , studi professionali, a casa sua tradizioni mussulmane Ramadan compreso ,carattere timido e introverso.
Nato qua' con passaporto di entrambi i paesi, come avere il piede in due scarpe , viene in contatto con l'IS via internet e decide con due suoi amici di arruolarsi partendo con loro senza mettere al corrente dela sua decisione nessuno della propria famiglia.
Prima tappa Turchia poi Siria , a nulla valgono le invocazioni della madre del padre dellla sorella , contatti avvenuti via Skype nel periodo di addestrameno e indottrinamento , unici contatti permessi da un punto internet e solo di pomeriggio avendo il divieto di possedere cellulari , come a nulla sono valsi i contatti avuti dai genitori con la polizia locale la cui risposta e' stata non possiamo farci nulla.
Questi sono quelli che si fanno esplodere, e una cosa da notare, difficile che superano i 25 anni di eta', nel caso di cui vi racconto il padre ha ricevuto la telefonata di uno degli amici partiti col figlio in cui gli comunicava che il figlo era stato abbattuto da un cecchino.
E' gente giovane indecisa a quale mondo appartenere, con l'is si sentono di Essere, Appartenere, Contare , senza sapere di essere solo delle marionette nelle mani di gente senza alcun scrupolo.

Attilio Disario R dam Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Buondi'
di una cosa posso rassicurarvi e cioe' che vi e' una gran fame di prodotti Italiani nel nord Europa e cio' non riguarda il prezzo bensi' la qualita'.
Su questo bisogna puntare sul marchio made in Italy ,cioe'un marchio esclusivo che certifichi che il prodotto sia stato prodotto e confezionato in Italia e state sicuri che il consumatore scegliera' sullo scaffale l'olio di oliva 10 euro dell'Itala e non a 5 quello Tunisino.
Il Made in Italy e' un patrimonio inestimabile riappropriamocene.

Attilio Disario R dam Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 08:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando l'URSS combatteva l'Isis, NOI, l'abbiamo esclusa dalle Olimpiadi.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 15.11.15 08:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Trovo molto inopportuno questo cambio di argomento
Non sarebbe stato troppo difficile tenere il tema del gravissimo attentato un giorno in più. Ma il buon senso e questo blog sono ormai agli antipodi

Faceva senso ieri sera dalla Gruber la pacatezza e il buon senso di Letta contro la sfacciata e demenziale arroganza di Renzi o, peggio, contro il suo silenzio inspiegabile
Diceva giustamente Letta che l’errore più grande in questo momento è la generalizzazione che produce un fanatismo non dissimile a quello che produce il terrorismo
Il fatto che un terrorista fosse (forse) un profugo siriano non vuol dire che tutti i terroristi fossero profughi né che tutti i profughi siano terroristi
Allo stesso modo, visto che uno dei terroristi era francese e un altro era belga, non ne consegue che tutti i Francesi o tutti i Belgi siano terroristi
Anzi, i profughi sono proprio le vittime del terrorismo e fuggono dai loro paesi anche per quello
Se tra loro c’è un infiltrato (il che poi è tutto da dimostrare), questo non può trasformare le vittime in carnefici. Per cui l’odio generalizzato è pretestuale e assurdo e non è molto diverso dall’odio che i fanatici dell’Isis hanno per l’Occidente

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.11.15 07:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@Patty:
Il Reato di Clandestinità:
Il Clandestino, quindi, ha commesso un reato e deve essere giudicato, pertanto, è in attesa di processo E NON PUO' LASCIASCIARE IL TERRITORIO ITALIANO;
è un nullatenente, e quindi, ha diritto al Gratuito Patrocinio, ossia, io e te gli paghiamo l'avvocato.
Processo 1°grado, 2°grado e Cassazione,(minimo 8 anni), poi,o lo mettono in galera, o gli intimano di lasciare il suolo Italiano.
Lui, non lo lascia, e lo riarrestano.
Et Voilà
Lui non lo lascia, e ricominciamo da capo.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 15.11.15 07:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono sconvolta dall'attentato e ancora più dalla campagna di odio razziale sui blog
L'8 dic. inizia il Giubileo fino al 24 nov. 2016, scelta inopportuna del papa,che lo anticipa di 10 anni,con milioni di pellegrini a Roma.Quale migliore occasione per i fanatici religiosi?
Renzi,invece di prendere misure straordinarie di sicurezza,elimina 18.000 poliziotti che vanno in congedo senza il concorso per rimpiazzarli e taglia di un altro mezzo miliardo i fondi per la polizia,mentre aumenta le spese in armi per le guerre americane,col voto festante degli sciagurati che lo sostengono.Polizia e militari mortificati da Renzi rispondono con lo sciopero all’ennesima beffa.5 anni che hanno gli stipendi bloccati!Però si insiste nei 15 mld per gli F 35 che non stanno in aria e che non abbiamo mai stornato per quanto lo abbiano fatto tutti.Quest'anno anzi abbiamo speso 6 mld in più in armi per essere al 12° posto nel mondo per spesa militare.Ma dobbiamo essere sempre i più lecchini verso i padroni USA
Così non abbiamo i 19 mld per il reddito minimo di cittadinanza ma ne buttiamo 35 in quelle guerre di depredazione e distruzione che produrranno milioni di profughi che poi non sapremo come gestire,mentre alimentiamo l'odio dei terroristi.Noi distruggiamo i loro paesi,le guerre creano profughi e terroristi e per nessuna delle due cose sappiamo cosa fare
Chi ci guadagna sono i signori di Wall Street,i mercanti di armi,i partiti razzisti,i governi corrotti.Follia assoluta!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.11.15 07:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

_______

ci hanno provato anche mesi fa per poi presentarsi come salvatori...

..ora però dovranno giustificare il perche non sono stati capaci di proteggere il popolo Francese dopo le ultime promesse !

vi allego un video da guardare:

https://www.youtube.com/watch?v=2_NcbdaJyss

John Buatti 15.11.15 05:15| 
 |
Rispondi al commento

caffè notturno a 5 stelle qui!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.11.15 03:06| 
 |
Rispondi al commento

La politica estera di Wall-Street sta portando lutti e sofferenze nel mondo occidentale , Europa , e mediorientale . Gli Stati Uniti potrebbero cancellare dalla faccia della terra gli ottantamila soldati dell'isis in un colpo solo , perchè non lo fanno ?

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 14.11.15 23:53| 
 |
Rispondi al commento

che vendessero olio tunisino in italia lo sento dire da anni (costo € 0,40 al litro). la comunita' europea non c'entra niente. e' una furbata delle nostre aziende distributrici.

un po' come fanno per i pistacchi di bronte. scrivono "confezionati a bronte" quando sono turchi. quando invece sono proprio di bronte, specificano il "coltivati (o prodotti) a bronte". cosi' per la legge (italiana, che non prevede di specificare la provenienza del prodotto) sono inattaccabili. e il bello/brutto e' che anche se vai a bronte a prenderli, rischi di comperare quelli turchi. naturalmente il prezzo che fanno e' quello di veri pistacchi di bronte (lo so perche' ci sono stato e mi e' stato detto da addetti ai lavori).

sono trucchi che fanno i nostri grossisti, le nostre aziende, gli italiani. assurdo dare colpe all'europa.

carlo 14.11.15 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma l'attuale post sull'olio..non è per caso un pocchettino O.T.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 14.11.15 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vendita libera di armi ! Siamo stufi di essere massacrati senza potere difenderci , i romeni e albanesi sono armati , i terroristi pure , noi no ! Noi siamo le vittime inermi e pronte al sacrificio ! Siamo in guerra ? Allora dateci la possibilità di difenderci .


tutte le manovre economiche sostenute in Europa sembrano essere dettate o da un matto o da qualcuno che deve avere il suo ritorno

Rolando D., Imola Commentatore certificato 14.11.15 21:28| 
 |
Rispondi al commento

Lanciamo l'idea di produzione interna diretta senza passare per nessuno e di lasciare nel banco della grande distribuzione l'olio di oliva estero cosi che questa storia finisce da sola..
Io mangio italiano e voglio olio italiano..
Siamo italiani...


L'économia, ma anche la societa' tutta, e' come un mosaico dove quello che conta non e' il singolo pezzo, ma gli accostamenti complessivi. Ed e' incredibile e devastante, trovare questi M5S che non riescono a comprendere NIENTE delle varie complessita' delle cose. Con la Tunisia, siamo il 2" partner commerciale, sia in import che in export. Abbiamo una miriade di piccole e medie aziende manifatturiere variamente installate in Tunisia, soprattutto nel tessile, e tramite la Tunisia abbiamo aperto il mercato di tutta l'Africa. Si tratta di un Paese vicino al quale siamo molto legati da sempre. Che dobbiamo agevolare ed aiutare nelle cose in cui possiamo e che dobbiamo ringraziare per tutte le opportunita' che ci permette. Lo sviluppo economico e sociale del Pianeta Terra, non passa da muri e dogane, ma passa attraverso corrette, leali, positive, propositive, avvedute, produttive, progettuali, COLLABORAZIONI...I vs consulenti economici, variamente nobelizzati o cattedratici sono anni luce lontani da questi sentimenti,e, pur con tutte le loro lauree e premi sono lontani anni luce anche da UN MONDO MIGLIORE PER TUTTI...

tomi sonvene Commentatore certificato 14.11.15 20:48| 
 |
Rispondi al commento

A me l'Islam fa venire la cacaiola, perchè sono convinta che non esista un islam moderato e che sotto sotto, nei cuori di queste persone cova soltando odio verso di noi.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.11.15 20:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Agli sciacalli leghisti che vanno a rompere il cazzo a dibattista,spero che vi arrestino mezzo partito,avete rubato e con la scusa,ah è roba vecchia pensate di farla franca,io giuro che non ve la faccio passare liscia,con i soldi che vi siete intascati si potevano investire in forze dell'ordine,se salvini fa il tour non tirategli ortaggi e cose varie,tirategli soldi falsi!.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 14.11.15 20:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se l'olio diventa tunisino, vuol dire che anche l'olio sarà mussulmano.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.11.15 20:27| 
 |
Rispondi al commento

SPERIAMO DI NON DOVER PASTEGGIARE CON OLIO DI "ricino"

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 14.11.15 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.

ORIANA FALLACI

Ha scritto gli ultimi tre libri meravigliosi, la trilogia, dopo la distruzione delle torri gemelle, trascurando la sua salute. Si può dire benissimo che è morta sul lavoro.

Ha denunciato, andando contro tutti i ben pensanti e pagando di persona con processi e condanne, i pericoli dell'Islam e dell'immigrazione selvaggia.

L’ultima battaglia, che non è riuscita a portare a compimento, fu quella di ribellarsi alla costruzione della moschea in Valdelsa con i soldi pubblici dei contribuenti.

Non ha mai avuto riconoscimenti di rilievo perché è sempre stata considerata scorretta politicamente.

Ma quanto aveva ragione!!!!!!!

Bisogna ripristinare il reato di immigrazione clandestina, perchè fra i clandestini si annidano i terroristi, come pure nelle moschee mascherate da luoghi di culto.

Le prossime stragi saranno a Roma e Milano come sentenziato da quelle brave persone.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.11.15 19:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot


in francia la le pen diceva ieri:

""Les chiffres de la croissance en France au 3ème trimestre 2015 n’ont rien qui justifient les fanfaronnades ridicules de Michel Sapin ce matin. En effet, après une croissance nulle au 2ème trimestre, ce très léger rebond de 0,3% apparaît particulièrement faiblard, dans un contexte où l’euro et les prix du pétrole sont au plus bas.""

più o meno:

le cifre della crescita in francia nel terzo trimestre non hanno niente che giustifichino le fanfaronate ridicole di michel sapin questa mattina.in effetti, dopo una crescita nulla nel secondo trimestre, questo leggero rialzo del 0,3 % appare particolarmente debole, in un contesto dove l'euro e il prezzo del petrolio sono a livelli bassi.


festeggia il governo francaise una crescita che non c'è ...

anche in italia... sul fatto di oggi si precisa:

""Se nel quarto trimestre il Pil rimarrà invariato, la crescita acquisita per il 2015, sarebbe di +0,6%. Se, invece, tra ottobre e dicembre aumentasse tra 0,1% e 0,4%, l’anno si chiuderebbe a +0,7% (il valore previsto ad aprile nel Def). Per raggiungere il +0,9% l’ultimo trimestre dovrebbe far registrare una
crescita congiunturale di 0,9%, un aumento che non si vede dai primi tre mesi del
2008, subito prima che iniziasse la grande crisi (e se anche il terzo trimestre fosse rivisto al rialzo a +0,3%, occorrerebbe comunque un +0,7% nel quarto per arrivare a una crescita annuale di +0,9%). Un risultato assai improbabile, tenendo conto che nell’ultima parte dell’anno anche Expo ha chiuso i battenti.""

però anche il nostro governo festeggia...

pabblo 14.11.15 19:18| 
 |
Rispondi al commento

@ lalla,b,,Venezia:
http://www.luogocomune.net/site/modules/sections/index.php?op=viewarticle&artid=10
^.^

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.11.15 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Quando ci fù lo scandalo del vino al metanolo, ci dissero che il vino non poteva costare meno di 800 lire al litro.
Il giorno dopo, tutto il vino che costava 600/700 lire, costava 850 lire.
Oggi, ci hanno detto che l'olio non può costare meno di 8 euri.
Questa mattina, l'olio che costava € 6,90 al litro, costava €8,30.
La sodomizzazione, può avvenire senza vasellina e con vasellina.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 14.11.15 18:55| 
 |
Rispondi al commento

SIRIA
Vedevi la satira tedesca (con sottotitoli in italiano) quante verità tira fuori...

Cliccare su

https://d6ckf2jg3t9om.cloudfront.net/07112015-LaSatiraTedescaSmascheraLaPropagandaUSA.mp4

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 14.11.15 18:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e anni che l'olio non è più italiano , senza contare che lo vendono per olio di oliva ma ho seri dubbi. Chi ha assaggiato l'olio di Puglia vero può capire che quelli che trovi al supermercato sono una qualità che non è neanche lontanamente paragonabile. Viva viva l'olio di oliva ....

Mimmo ., Vicenza Commentatore certificato 14.11.15 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Fulvio Grimaldi

A nessuno tra coloro che seguono storia e cronaca e meditano sul cui prodest, dovrebbe venire in mente di accreditare la fandonia di un genuino e autonomo terrorismo islamico a Parigi.
Non dopo l'11 settembre, la metro di Londra, i treni di Madrid, l'albergo di Amman, il Boeing russo, le bombe a Beirut, i massacri di Ankara, quelli di Mosca e, se guardiamo indietro, Pearl Harbour, il Golfo del Tonchino, la Maine a Cuba, il piano Northwoods, e, volendo, Piazza Fontana, l'Italicus, le stragi di "mafia"...
False Flag: l'arma finale dell'imperialismo.
Vedrete che incentivo ne verrà alle guerre, all'assalto alla Russia, alla fascistizzazione. Orgasmi della Cupola.
E dobbiamo ancora inventarci una difesa, visto che latita un rifiuto politico organizzato della vulgata falsa e bugiarda che porti al disvelamento universale.

Fulvio

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 14.11.15 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Mi sto chiedendo perchè sono stati presi di mira a Parigi proprio 'luoghi di svago'....lo stadio, un ristorante, una sala concerti...posti di solito frequentati in larga parte da giovani il fine settimana...Ci avete pensato?

E lungi da me anche il solo 'capire', nemmeno lontanamente un gesto barbaro e crudele come le stragi di ieri sera...perchè di questo si tratta, mi chiedevo se tutto questo si sarebbe verificato lo stesso se l'Occidente non fosse andato, al seguito dei detentori del potere mondiale, a portare la "democrazia" in paesi come l'Afganistan o l'Iraq a suon di bombe 'intelligenti' che poi in molti casi si sono rivelate delle bombe 'imbecilli' che hanno mietuto vittime anche tra i civili, tra i quali donne e bambini, di quelle zone.

Era proprio necessario portare la "nostra" democrazia in paesi che in molti casi non ne sentivano assolutamente il bisogno?...

Per far cambiare 'idea' a un popolo sui suoi usi e costumi, spesso è stata sufficiente la diplomazia che, come in cina, ha trasformato un paese da comunista 'puro' qual'era in uno degli stati più capitalisti del mondo...

O no???...

Certo l'Isis fa schifo, ma penso che basi la sua PROPAGANDA anche su questi fatti, al punto di convincere anche ragazzi giovanissimi a dare la propria vita per quella che gli fanno credere essere un 'buona causa'....

Ieri notte ho sentito in una delle tante dirette, la lettura di un twitt di un simpatizzante islamico di quello che era successo a Parigi e il twitt diceva più o meno...

"ora state provando voi, sulla carne dei vostri figli, quello che fate provare a noi su quella dei nostri figli..."

Le guerre più tremende si sono fatte tra popoli che CREDEVANO entrambe di avere ragione...Peccato che poi di mezzo di solito ci vanno gli innocenti...

Dino Colombo. Commentatore certificato 14.11.15 18:12| 
 |
Rispondi al commento

Quando nel 1999 a Seattle si scatenarono violenti proteste contro la riunione del WTO, organismo internazionale di scambi commerciali, pochi (tra cui il sottoscritto) capivano i motivi di tanto accanimento, se non fumosamente.
Oggi, con il senno di poi e le scelte che la UE attua sulle nostre migliori produzioni, abbiamo la prova provata che la sovranità nazionale in materia di scambi commerciali è pari a zero. Il nostro governo nulla può fare se non obbedire ai diktat, pena la defenestrazione, come è successo con il Berlusca (di cui non sono un fan).
Minacciare l'uscita dalla zona UE? Ma anche la UE conta relativamente poco difronte a organismi super potenti, come il WTO.

M. Mazzini 14.11.15 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Uno degli attentatori morto ieri a Parigi, era sbarcato come profugo in Grecia, ed aveva ottenuto l'asilo politico ed un passaporto per muoversi liberamente in Europa.
Di quanti non sappiamo ancora nulla?

gianfranco chiarello 14.11.15 17:45| 
 |
Rispondi al commento

a riprova di quanto sottolineavo che non è una guerra di religioni a confronto ma di giochi di poteri economici senza regole, questo un esempio: la ex telecom-FR oggi Orange sta acquisendo un poco alla volta la Telecom-Italiana!!!
Questa è la guerra che si sta combattendo fuori e dentro l'Europa, andate a vedere chi è il maggior azionista di Orange e vi renderete conto di cosa realmente sta succedendo per noi italiani e nel mondo a causa del sistema capitalistico e finanziario fuori controllo.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 14.11.15 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Regà, tutto quer che volete, ma me sembrate quelli che presentano 'e condojanze, e poi, raccontano subbito 'na barzelletta: 'a faccenda de l'ojo Tunisino, sarà pure 'na faccenda seria, ma nun sarebbe mejo, vista 'a situazione, de rimannà 'a discussione?.......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.11.15 17:30| 
 |
Rispondi al commento

hanno smantellato il made in italy con il beneplacido dei nostri politici ignavi collusi e insipienti ! w la UE

MANUELA ., ROMA Commentatore certificato 14.11.15 17:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

À la guerre comme à la guerre
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4841

Figaro oggi titola a 9 colonne: "La guerre en plein Paris". L'Est titola: "Etat de guerre". Le Parisien: "Cette fois c'est la guerre". Lo storico francese Marc Lazar dichiara : "Siamo in guerra". E naturalmente il Corriere della Sera si adegua, e apre col titolo "Guerra a Parigi".

Vi ricorda qualcosa?

A poche ore dagli attentati dell'11 settembre, dagli schermi di tutti i networks americani rimbalzavano nel mondo le scritte "War against America", "America under attack", "America at war". Questo servì a preparare l'opinione pubblica mondiale a quello che poi sarebbe conseguito, ovvero l'invasione militare dell'Afghanistan.

Ed oggi questo tam-tam mediatico, che ci parla così ossessivamente di "guerra", servirà probabilmente a preparare l'opinione pubblica mondiale ad una violenta escalation della guerra in Siria, e forse anche ad una possibile invasione del loro territorio da parte della solita "coalizione" delle Forze del Bene.

È chiaro infatti che l'entrata in scena della Russia sullo scacchiere mediorientale ...

... abbia rimescolato a tal punto le carte, da rendere ormai impensabile un rovesciamento di Assad da parte dell'Isis. Bisognerà quindi intervenire in modo diretto, e certamente gli attentati di Parigi stanno spianando la strada verso quella che sembra una conclusione ormai inevitabile.

Non è certo un caso che proprio nei giorni scorsi Netanyahu abbia chiesto a Obama di "riconsiderare" la possibile annessione delle Alture del Golan, da parte di Israele, "a causa del conflitto siriano".

Solo un fesso non riesce a fare 2+2, di fronte a questo genere di notizie.

Nei prossimi giorni, invece, noi verremo letteralmente inondati di informazioni sui terroristi di Parigi: chi erano, da dove venivano, dove si erano addestrati; vedremo dozzine e dozzine di interviste di persone scampate per miracolo alle sparatorie: ero andato al gabinetto, mi sono nascosto sot

Lalla M., Arezzo Commentatore certificato 14.11.15 16:57| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'aqgevolazione per il riso danneggia l'agricoltura del nord ,ma quella relativa alle arance,all'olio ed alla salsa di pomodoro (quest'ultima concessione alla Cina ) danneggiano la già poverissima agricoltura del Meridione .
Queste scelte evidenziano il disinteresse dei politici di dx e di sn verso la tutela degli interessi nazionale in europa

vincenzo m., roma Commentatore certificato 14.11.15 16:50| 
 |
Rispondi al commento

Ci attaccano anche le piante secolari a ns/ insaputa per distruggere il prodotto e sostituirlo con l'importazione spregiudicata! W i ns/ politici di mer.....

silvana rocca, genova Commentatore certificato 14.11.15 16:40| 
 |
Rispondi al commento

pabblo NON E' OT é parte integrante della strategia del caos indotto nel quale solo pochi cinici ne trarranno ricchezze immense.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 14.11.15 16:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non capisco con quello che é successo a Parigi stanotte non siete capaci di cambiare la "scaletta" invece di argomentare sull'olio tunisino un'altro giorno piú appropriato?!

Massimo S. 14.11.15 16:38| 
 |
Rispondi al commento

ot

http://video.sky.it/news/mondo/libia_obama_sarkozy_e_cameron_gheddafi_deve_andare_via/v85715.vid

pabblo 14.11.15 16:33| 
 |
Rispondi al commento

questo è uno dei motivi per cui ho quasi del tutto abbandonato il blog: cazzo, è scoppiata una mezza III guerra mondiale e qui si pensa di seguire pedissequamente la scaletta programmata.

davide lak (davlak) Commentatore certificato 14.11.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento

ot

parafrasando Josif Stalin che diceva:
""Il Papa! Quante divisioni ha?""

l'isis quante divisioni ha?

pabblo 14.11.15 16:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori