Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

150 milioni dei veneti fregati con i derivati #ZaiaRispondi

  • 37

New Twitter Gallery


I derivati firmati nel 2006 dall'allora vicepresidente Luca Zaia, ora governatore, hanno causato ai veneti una perdita di 57 milioni di euro, saranno 150 milioni alla chiusura del contratto nel 2036. Un cappio strettissimo attorno al collo dei cittadini. Un contratto folle, condizioni assurde e nessuna necessità di stipularlo. Perchè Zaia ha firmato un contratto da cui ci hanno guadagnato solo le banche? #ZaiaRispondi! Oggi il consigliere regionale M5S Jacopo Berti glielo chiederà nelle aule del consiglio regionale: segui la diretta qui a partire dalle 10:45. Di seguito e nel video Berti racconta l'ennesimo scandalo derivati che colpisce le regioni, questa volta il Veneto. E' imbarazzante la leggerezza con cui questi contratti vengono firmati: incompetenza o complicità? In ogni caso a rimetterci sono sempre i cittadini e i veneti rischiano presto di dover pagare un conto salato anche per Veneto Banca e popolare di Vicenza. Basta politici che fanno gli interessi dei banchieri. Potere al popolo, non alle banche!
"Ci hanno fregato di nuovo, hanno venduto 330 milioni di Euro di derivati alla Regione Veneto e chi ci rimette siamo noi cittadini perché sono 330 milioni di Euro dei nostri soldi. Questo prodotto abbiamo la certezza che è stata una follia farlo ed è stata una follia il modo in cui l’hanno fatto. Nel momento stesso in cui hanno sottoscritto questi contratti la Regione avrebbe dovuto prendere 3 milioni di Euro e invece questi 3 milioni di Euro sono rimasti alle banche e quindi ecco la prima fregatura.
Poi cosa è successo? Questi 330 milioni di Euro di derivati hanno aperto una voragine nei conti della Regione che stiamo pagando da 9 anni e che continueremo a pagare fino al 2036. Nei primi 9 anni abbiamo perso 57 milioni di Euro e arriveremo a perderne 150 fino al 2036, c’è solo un modo per fermare questo dissanguamento: ascoltare e fare quello che noi proponiamo per la Regione Veneto.
Cosa è successo? Sono stati sottoscritti questi derivati, che servivano a coprire un rischio, ma nel momento in cui coprivano un rischio, aprivano un’enorme voragine dall’altra parte che ha mangiato e bruciato centinaia di milioni di Euro di soldi nostri, di cittadini onesti che hanno versato le loro tasse e i politici le hanno prese e le hanno letteralmente buttati dalla finestra o forse nelle tasche di qualcuno.
Dove è stata la beffa? La beffa è stata che al momento della firma si sapeva che questi prodotti al 65% dei casi avrebbero perso, quindi nel momento in cui hanno firmato questi contratti, al 65% dei casi avremmo perso soldi e questo lo dico con assoluta e totale certezza perché abbiamo fatto fare una perizia da un ente terzo che ha certificato che erano assolutamente contratti che lavoravano in perdita per i cittadini, ma non di sicuro per le banche, infatti la politica ha dato modo ancora una volta alle banche di potersi arricchire con i nostri soldi.
La nostra perizia inoltre dimostra che se noi avessimo ricontrattato dal 2009 questi contratti, avremmo fermato immediatamente l’emorragia, si poteva fermare questo disastro uscendo da questi contratti capestro e dando la possibilità ai veneti di recuperare la maggior parte dei soldi che altrimenti finiranno nelle banche e nelle tasche dei soliti noti.
Per i prossimi 20 anni i soldi dei veneti invece che andare in servizi, in aiuti alla popolazione o magari in reddito di cittadinanza, andranno a ingrassare le banche e gli amici degli amici e questo solo perché la politica gliel’ha permesso, questa politica sempre e comunque dalla parte dei più forti e mai dalla parte dei cittadini.
La politica che ha permesso tutto questo ha un nome e è proprio su questo foglio ed è l’attuale governatore Luca Zaia che sulla delibera che ha permesso l’acquisto di questi prodotti e quindi la perdita di tutti questi soldi dei cittadini veneti ha messo la sua firma.

immagine: la delibera firmata da Zaia
firmazaia.jpg

Grazie a Zaia i soldi delle tasse dei cittadini anzichè andare in servizi sono servite a ingrassare le banche e abbiamo visto cosa sta succedendo con Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Allora prima di andare a offrire soluzioni, a parlare di cosa si dovrebbe fare o cosa non si dovrebbe fare, rivolgendosi a una terra di imprenditori che sanno benissimo come e dove andare a utilizzare il loro denaro, sarebbe il caso che Zaia andasse a controllare bene cosa sta succedendo all’interno della Regione Veneto e come sta usando i soldi dei veneti perché a oggi sta bruciando letteralmente 150 milioni di Euro delle nostre tasse. Gli imprenditori non possono fidarsi di chi regala milioni, centinaia di milioni di Euro delle loro tasse alle banche.
La domanda per Zaia è una: ma stai facendo gli interessi dei veneti o stai facendo gli interessi delle banche? #ZaiaRispondi! Oggi sarò in aula proprio per chiedere questo, per fare chiarezza e riuscire a capire da che parte stanno." Jacopo Berti, consigliere regionale M5S Veneto

APPROFONDIMENTO: Leggi la documentazione che Jacopo Berti porterà oggi in consiglio regionale


REGALA_aI.png

10 Dic 2015, 10:30 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 37


Tags: banca popolare di Vicenza, banche, derivati, Jacopo Berti, M5S, Regione Veneto, risparmi, Veneto Banca, Zaia

Commenti

 

"Nell'appassionata difesa del Ministro Boschi veniamo a sapere finalmente che la famiglia Boschi aveva investito nella Banca Etruria quasi un 10 mila euro. Il babbo con circa 7750 azioni, il fratello con circa 1700, lei con1500 e la mamma con 350 azioni. Tra l'altro tutte comprate, a suo dire, prima del 2008.Quello che stride da questa dichiarazione è che nel momento in cui la Banca va in difficoltà invece di mettere mano al proprio portafoglio e di essere i primi a sobbarcarsi le conseguenze delle proprie cattive scelte, i dirigenti e gli amministratori della banca si siano rivolgono ai piccoli risparmiatori e alla povera gente. E come se in una famiglia piena di debiti, il padre invece di mettere mano ai propri risparmi si rivolgesse agli amici, ai conoscenti, ai vicini. Per cui il padre e il fratello della Boschi saranno senza dubbio delle bravissime persone ma oggi sappiamo che non hanno messo un euro per acquistare le obbligazioni che invece consigliavano ai piccoli risparmiatori. E' il capitalismo di provincia, familistico. In Borsa i grandi guadagni li fanno sempre i piu’ potenti, nel capitalismo familistico italiano i potenti ci rimettono poco o niente e i piccoli i risparmi di una vita. Per cui abbimo che il vice presidente della banca Etruria ci ha rimesso 7.500 euro di azioni mentre il pensionato, la casalinga, il commerciante, che 30 mila, chi, 40 mila, chi centomila. E’ proprio vero che il cetriolo va finire sempre.......... ai piu' indifesi."

pino tassi 18.12.15 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Scandaloso, dico solo questo.

Anatocismo Bancario Commentatore certificato 17.12.15 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Non si capisce nulla in questo articolo. Sembra una di quelle email di truffe scritte da persone straniere che non sanno parlare in italiano. Siamo certissimi di qua abbiamo la conferma di ciò... Truffa truffa truffa!!! Foto dalla quale non si capisce una cippa a fine pagina e via allo scandalo. Quando scritto potrebbe anche essere vero, ma francamente un articolo con questa superficialità e scontatezza non riesce proprio a convincermi. Sembra stato adibito apposta per generare cagnara e caos, e onestamente non mi sorprende.


che paghino i veneti che hanno votato Zaia e che continuano a votare la Lega
è da qui che si comincia, facendo pagare di persona coloro che per ignoranza o per connivenza continuano ad alimentare questa politica.
Basta col voto segreto, in cabina elettorale si registri chi e cosa vota, poi ne renderanno conto nel pagare i danni. Io sono stanco di pagare per questi Italioti

fabio 11.12.15 07:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Jacopo , alle regionali , in famiglia ti abbiamo votato e certamente non ci stai deludendo . Veneti , levatevi le fette di salame dagli occhi e aprite bene le orecchie , non seguite il pifferaio di turno... I lemmings sono tutti annegati ! Zaia , dimettiti , non ci sto a pagare danni di cui non sono l ' autore !!! Buon pomeriggio .

leopoldo cerantola 10.12.15 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Se sei di sinistra e hai giurato fedeltà alla magistratura, con l'impegno di non far modificare nulla di questo criminale sistema giudiziario, puoi anche corrompere tutto e tutti, tanto la magistratura, tra prescrizioni e assoluzioni, ti proteggerà sempre.
Dopo Bassolino in Campania, vedrete che anche Penati, tra qualche mese, finirà per candidarsi da qualche parte.
Oltre a Beppe Grillo, non ho sentito un solo commento negativo sulla magistratura, da parte di altri esponenti del M5S.
Forse perchè preferiscono non rischiare più di tanto?

gianfranco chiarello 10.12.15 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Matteo Renzi?
Nooo
Matteo Salvini?
Nada
MATTEO DEL FANTE

maurizio p. Commentatore certificato 10.12.15 14:21| 
 |
Rispondi al commento

FONDAMENTALISTI

Spero che la parola sia intercettata dai motori di ricerca per ribadire al mondo intero che il M5S è un movimento fondamentalista.
E fondamentalista della pace,dell'onestà,della giustizia e della coesione sociale,del merito,del reddito di cittadinanza,dell'accoglienza,dell'ambiente.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.12.15 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Oggi il tg delle 13,30 la7, commentando la vicenda del salvataggio governativo delle quattro banche "popolari" e del suicidio di uno dei tanti risparmiatori derubati, erge a paladino(di comodo)dei loro diritti Salvini, omettendo comletamente di citare la battaglia parlamentare che in questi giorni e da sempre il M5S combatte contro questi truffatori.Alla faccia della corretta informazione!

adolfo palazzini 10.12.15 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Con tutte le banche in Italia si è stipulato un contratto di prestito con la depfa bank, banka teteska con sede in irlanda, quindi le tasse venete hanno contribuito ad arricchire la Germania o meglio i banchieri tedeschi e il fisco irlandese (e ricordiamo che la Germania è un paese europeo con moltissime condanne per corruzione e scandali finanziari giganteschi quindi il dubbio di decisione come dire 'agevolata' rimane).
La depfa oltre a fregare l'Italia (secondo mercato dopo la stessa Germania) è pure in pessime condizioni economiche.
La depfa è quella dei derivati milanesi assieme a Jp Morgan, Ubs, Deutsche Bank nonché la stessa di tante regioni/comuni (la sua specialità è proprio il settore pubblico perché nel libero mercato dei privati che pagano di tasca loro non è in grado di competere).
http://argomenti.ilsole24ore.com/depfa-bank.html

Amici leghisti, davvero non vi sorge il dubbio che la lega stia fregando?
Di un politico si devono giudicare le azioni non le chiacchiere.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 10.12.15 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Le banche comprano gli amministratori pubblici, i politici e gli fanno firmare i derivati? Oppure questi politici firmano senza sapere un tubo di niente consigliati dai burocrati e dagli azzeccagarbugli da sempre dentro le pubbliche amministrazioni? Con le banche e le finanziarie in contatto diretto con questi pseudo tecnici burocrati?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato 10.12.15 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Quali sono le banche che hanno fatto i derivati? Perché se c'e uno che ci rimette c'è' amore uno che ci guadagna... Come si chiamano queste banche che hanno fatto firmare questi derivati alla regione? ... A Prato il Pd aveva fatto una serie di derivati con la Dexia crediop che era stata sia il consulente, sia l'avviso e sia la banca che materialmente ha fatto il derivato al comune di Prato sui rischi di cambio, con una perdita per il comune di milioni di euro l'anno... C'è' stata però una sentenza di un tribunale di Londra che ha riconosciuto la banca colpevole....

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato 10.12.15 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Zaia e tutti i "frateli leghisti sul libero suol" fanno solo propaganda politica, sono come tutti gli altri partiti, anzi peggio, perchè loro sono seduti nelle istituzioni da tempo e non hanno cambiato una virgola del sistema.
Mi pento di averli votati in passato.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 10.12.15 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Sono solo degli stupidi incapaci.
Prova a far capire ad uno stupido che è stupido, non lo caprà.
Altrimenti non sarebbe stupido.

giorgio peruffo Commentatore certificato 10.12.15 13:43| 
 |
Rispondi al commento

E se colui che si è autocondannato a morte, chiedesse, come ultimo desiderio, di essere preceduto da colui che l'ha truffato?
Forse, il numero dei truffatori, calerebbe vistosamente.
O no?

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 10.12.15 13:43| 
 |
Rispondi al commento

..e poi si permettono di non avere neppure i pochi miseri fondi necessari per finanziare i pochi corsi di formazione validi, idonei alla riqualificazione professionale dei disoccupati..
A questi apparenti arrembanti filibustieri, vorrei solo dire che si vergognino!! e alla prima occasione: TUTTI A CASA!!

Ezio Bersan 10.12.15 13:40| 
 |
Rispondi al commento

---COSTITUIRE UN FONDO PER INIZIARE AZIONI PENALI E CIVILI---


Delle denunce informative del M5S a questi ceffi interessa nulla: essi sanno che possono continuare tranquillamente e impunemente a depredare i cittadini.
Le denunce hanno un effetto troppo lento sui cittadini, perché i media sono in gran parte collusi e non diffonderanno certo le nostre informazioni.

L'unico modo per potere diffondere l'informazione sono le denunce penali e civili ai singoli politici, ai partiti, ai governatori e governanti vari.

Occorre costituire un fondo per adire a vie legali contro i soggetti e i partiti che sono causa di tali disastri

DENUNCE PENALI! DENUNCE PENALI! DENUNCE PENALI, ANCHE A RISCHIO DI RASENTARE LA LITE TEMERARIA!


Non si può non riconoscere che Putin sta aggiustano le cose in medioriente . Che lo faccia sopratutto per mantenere la sua base navale in Siria e un po per la sua opinione pubblica nauseata dalle atrocità dell'isis , non ha importanza . Siamo stanchi delle bugie americane , francesi e inglesi che non hanno mai convinto nessuno , dicono di bombardare a lungo i terroristi ma risultati non ne hanno mai avuti , forse perchè facevano finta o li bombardavano con viveri o armi ! La marionetta dell'alta finanza , il premio Nobel per la pace Obama sta rosicando parecchio nel constatare che non può rischiare una guerra contro i determinati russi , obbietta che i rivoltosi siriani non vanno toccati e che Assad se ne deve andare ! Molto democratico ! Cosa gli ha fatto Assad agli americani di così brutto per volerlo morto ? Niente ! Rivuole le alture del Golan , ormai israeliane e impedisce la totale destabilizzazione del medioriente e nordafrica . Tiene in piedi una situazione tragica per i tanti morti , atrocità tremende : decapitazioni , crocifissioni , roghi umani e tanto altro di orrendo che mente possa concepire ! Milioni di morti e tra loro centinaia di migliaia di bambini ! Questa è l'alta finanza . Forza Putin !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 10.12.15 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Ladri...ladriiiii!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 10.12.15 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Jacopo! Le fotocopie del foglio firmato da Zaia affiggilo a tutti i muri del veneto, ai negozi, bar, pali luce q aunt'altro (con i ns attivisti) e vediamo che rispondono i veneti! DAVONO SAPERE CAPILLARMENTE !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 10.12.15 12:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bel lavoro quello del politico...
Ruberie, mazzette, bella vita e non sei mai responsabile delle fesserie che fai...

Massimo Vannucci 10.12.15 12:46| 
 |
Rispondi al commento

Non ci resta che diventare tutti banchieri . Associamoci a gruppi di centomila , fondiamo una banca e mettiamoci d'accordo con la banca d'Italia , così potremo rubare tutti e nessuno verrà derubato . In alternativa potremmo non mettere più un euro nelle attuali banche .

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 10.12.15 12:13| 
 |
Rispondi al commento

ot

""Pensionato suicida, la lettera di addio:
«Ho perso tutto». La Cei: «Riflettere»""

Mary Hellen, l'apina et similia:" Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame? "

pabblo 10.12.15 11:56| 
 |
Rispondi al commento

anche l'ultima asta dei BOT è con rendimento sottozero.
Mi chiedo cosa diranno i sottoscrittori di titoli italiani se passa la proposta dei 5* che vogliono eliminare il debito pubblico semplicemente cancellandolo.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.12.15 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia è allo sbando, una classe politica corrotta ed incapace, fincheggiata da una casta di burocrati dediti al saccheggio della cosa pubblica, questa è l'Italia oggi, non ho più nessuna speranza , il malaffare è talmente diffuso e radicato che è impossibile sradicarlo,dovunque ti giri trovi disastri.
L'unica speranza è la magistratura che però non dispone di leggi che le permettano di chiudere in cella nessuno.

Ci attende il disastro totale.

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 10.12.15 11:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Zaia importa solo delle sagre a base di prosecco. Del resto, poverino, non ne sa e non ne capisce niente.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.12.15 11:01| 
 |
Rispondi al commento

ot?

""Il ministro dell'Economia nel frattempo sta tentando di ottenere l'ok della Commissione a un parziale rimborso agli obbligazionisti delle banche "risolte": "E' un'operazione umanitaria, non sarà aiuto di Stato"""

anche il fatto di avere un siffatto minecomico al governo si potrebbe intendere come un aiuto umanitario?

pabblo 10.12.15 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Non si tratta di fare gli interessi dei cittadini o delle banche...Si tratta di operare entro il mandato ricevuto di amministrare al meglio e nel migliore interesse di tutti i cittadini, o di fare operazioni speculative. Ci puo' anche stare che qualche amministratore sbagli. Ma queste sono operazioni SPECULATIVE che non ha ricevuto mandato per poterle fare e che comunque non competono a chi amministra cose pubbliche. Nemmeno alla banche ordinarie competono... Ma il problema in Italia e' che TUTTI politici e caste dello Stato a loro collegate, operano sempre sopra le righe, CONSAPEVOLI che NESSUNO MAI paghera'. Servono leggi di RESPONSABILITA' per chiunque amministri cose pubbliche e di SANZIONI con possibili sequestri di TUTTE le proprieta' ascrivibili... Adoperarsi per preparare e proporre nei programmi queste leggi e per vincere le elezioni devono essere le attivita' di M5S...non stupidaggini da incompetenti contro Euro ed Europa. Togliendo le amministrazioni a Partiti e Sindacati e Caste varie dello Stato e rendendo RESPONSABILI dei loro atti TUTTI gli amministratori pubblici l'Italia sarebbe molto piu' riccha della Germania. Ed importante e' anche attivarsi per nominare un RESPONSABILE per OGNI opera pubblica. Qui, anche in Veneto, abbiamo costruzioni con cemento al 2 anziche' al 4 e con meta' ferri di quelli che servono..e MAI un vero responsabile...figurarsi il resto d'italietta...

tomi sonvene Commentatore certificato 10.12.15 10:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori