Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il Financial Times: "Il Movimento 5 Stelle è maturo"

  • 18

New Twitter Gallery

ft_fs.jpg

discorso_fbg.png

Oggi il Financial Times - uno dei quotidiani più autorevoli e letti al mondo - parla del MoVimento 5 Stelle in prima pagina. Ecco il testo, tradotto, dell'articolo:

"Il MoVimento 5 Stelle è maturo. Un partito dal passato eccentrico si reinventa come seria alternativa a Renzi.
Quando il M5S esplose nella politica italiana nel 2009 durante la crisi economica, era caratterizzato da una protesta senza compromessi e dalla burlesca, sardonica figura del suo leader, il comico Beppe Grillo.
Ma il M5S sta cercando di cambiare volto rispetto a quello di uno dei più eccentrici -addirittura clowneschi- partiti politici europei. L’obiettivo che la trasformazione mira a raggiungere sembrava una fantasia appena un anno fa: governare il Paese e sfidare il governo di centrosinistra del primo ministro Matteo Renzi.
Beppe Grillo, 67 anni, ha tolto il suo nome dal simbolo del partito, un segnale del fatto che potrebbe presto farsi da parte. Il suo erede più probabile è Luigi Di Maio, un ventinovenne napoletano, dalla retorica efficace, con un look elegante e toni moderati. ”La percezione del MoVimento è cambiata” sostiene Di Maio. “All’inizio c’era l’idea che fosse solo un movimento di protesta… ma siamo riusciti a sfondare quel muro. Vogliamo governare.”
Le probabilità che ciò accada sono in aumento. Il M5S è il secondo partito d’Italia. Dopo lo svantaggio rispetto al partito di Renzi di quasi 20 punti un anno fa, i sondaggi mostrano che la distanza si è ridotta a circa 5 punti - 32 a 27 per cento.
Il M5S è sicuramente quello nella forma migliore, tra tutti gli sfidanti di Renzi, che ne è spaventato” afferma Gianfranco Pasquino, professore di scienze politiche al SAIS-Europa di Bologna.
Che il M5S abbia una chance nel minacciare Renzi la dice lunga sul declino sofferto dal quarantenne ex-sindaco di Firenze, che è salito al governo nel febbraio del 2014 tra grandi speranze di potere trasformare l’Italia. L’economia sta crescendo dopo anni di stagnazione, ma i miglioramenti non sono stati largamente percepiti.
“La gente è scoraggiata, delusa e ancora arrabbiata” sostiene Roberto D’Alimonte, professore di scienze politiche all’Università Luiss di Roma. “La ripresa non viene avvertita”.
Di Maio ha affinato il messaggio contro il primo ministro. “Renzi sembrava una faccia nuova, ma non ci è voluto molto a capire che si stava muovendo nella direzione dei soliti vecchi sistemi di governo del Paese”, dice.
Ma convincere gli italiani che il M5S sia un’alternativa credibile resta un arduo compito, visto che molti ancora lo vedono come un partito da ostruzionismo e opposizione. Lo slogan più famoso di Beppe Grillo quando lanciò il movimento era “vaffanculo”, una parolaccia indirizzata all’establishment, e lo stesso Grillo rifiutava di fare parte di qualsiasi coalizione.
Ma gradualmente il M5S ha vinto alcune elezioni locali, conquistando il controllo di città come Parma, Livorno e Ragusa. I risultati sono stati diversi. Il sindaco di Livorno, ad esempio, ha dovuto affrontare critiche in seguito ad uno scandalo scoppiato nella città portuale toscana per la mancata raccolta dei rifiuti.
“La loro indeterminatezza, la loro incompetenza, e la loro inadeguatezza sono evidenti a tutti” afferma Alessia Rotta, un’esponente del Partito democratico vicina a Renzi.
Un test più importante arriva il prossimo anno, quando le elezioni locali si terranno in alcune delle città più grandi d’Italia. Il premio è la città di Roma, travolta dagli scandali, dove il M5S ha primeggiato nei sondaggi fin dalle dimissioni del sindaco PD Ignazio Marino in ottobre.
“Gli altri partiti hanno paura di governare Roma, ma noi crediamo sia un’opportunità per metterci alla prova” afferma Di Maio, che è figlio di un imprenditore edile e di un’insegnante di scuola superiore ed è cresciuto in quella Pomigliano D’Arco all’ombra del Vesuvio famosa per l’industria Fiat. Ha studiato legge e stava avviando un’impresa di marketing prima di entrare in politica.
La piattaforma del M5S ha attratto sostenitori da destra e da sinistra. I suoi pilastri comprendono la battaglia contro la corruzione, l'attenzione all'ambiente e un referendum sulla permanenza nell’euro, che Di Maio ritiene responsabile di molte delle sofferenze economiche italiane.
“Il vero fallimento dell’unione monetaria è pensare che i Paesi del Sud possano viaggiare alla stessa velocità di quelli del Nord”, sostiene.
Il suo partito ha attaccato il salvataggio italiano di quattro banche, che ha spazzato via migliaia di piccoli investitori detentori di obbligazioni secondarie. “L’obiettivo è stato salvare i banchieri, non i cittadini”, ha scritto Di Maio su Facebook la scorsa settimana.
Ci sono segnali che Di Maio abbia cercato di smussare gli angoli di Grillo. E’ stato di aiuto nel definire un accordo con Renzi per eleggere tre giudici costituzionali. Dopo gli attacchi terroristici di Parigi, ha negato il suo appoggio al ritiro dell’Italia dalla NATO-un’idea sostenuta da Grillo. “Non è in discussione” ha affermato.
Invece dei bombardamenti, ritiene che l’Occidente necessiti di maggiore “human intelligence” e debba estinguere le fonti finanziarie dell’Isis nel Golfo. Non ha dubbi sul prendere le distanze da un altro partito che sta scuotendo l’establishment europeo, il francese Front National. La sua ascesa riflette un “clima di generale indignazione” dice Di Maio. Il M5S, aggiunge, non è una tossina populista, ma un antidoto: “Noi siamo i portavoce naturali dei cittadini. Siamo una barriera contro l’odio e l’estremismo”.
Fonte: Financial Times

acquistavvw.jpg

30 Dic 2015, 15:21 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 18


Tags: di maio, financial times, grillo, movimento 5 stelle

Commenti

 

IL M5S è MATURO secondo il Financial Times perchè: Il M5S esplose nella politica italiana nel 2009 caratterizzato da una protesta senza compromessi e dalla burlesca, sardonica figura del suo leader, il comico Beppe Grillo.
Beppe Grillo, potrebbe presto farsi da parte.
Lo slogan di Beppe Grillo era “vaffanculo”, una parolaccia indirizzata all’establishment, e lo stesso Grillo rifiutava di fare parte di qualsiasi coalizione.
Il M5S, ha negato il suo appoggio al ritiro dell’Italia dalla NATO-un’idea sostenuta da Grillo.
Sarebbe questo il programma che piace al Financial Times? Manca solo il fatto che gli piaccia Di Battista a Sindaco di Roma.
Il mio programma è questo: 1) protesta e governo senza compromessi per cancellare tutte le scelte fatte dal 1979 alla vittoria del M5S e del popolo italiano; 2) Beppe Grillo 1° portavoce del M5S e Presidente della Repubblica; 3) Il sardonico motto "vaffanculo" all'establishment sempre attivo, come dire "Bombardate il quartier Generale; 4) Fuori l'Italia dalla Nato; 5) Fuori dall'Euro. No: 1), 2), 3), 4) 5)? Allora, No M5S.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.12.15 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma che è ? Il nostro sogno era avere un articolo sul ft ? Un articolo che parlasse bene di noi? Ma che è ? Che siamo diventati? Il nostro sogno era entrare nel circolo esclusivo solo per aprire le finestre e far prendere un po' d'aria? No, no! Il nostro sogno, il mio sogno, anzi il sogno di Beppe che poi è diventato il mio era fuori da quel circolo, era una visione, la visione di un nuovo mondo. Se non mi sbaglio bakunin una volta nell'Ottocento disse una cosa che adesso non cito alla lettera, anche perché sto scrivendo di getto in metro e devo sintetizzare. E comunque anche se non la avesse detta lui e non sono preciso , poco importa, quello che importa è il senso. Quindi la cosa era questa : fino ad adesso hanno buttato addosso a noi anarchici ogni tipo di ignonimia, ogni tipo di delitto, perversione ed idea del mondo dominata dal caos . Poi molti si sono accorti che noi, le nostre idee erano sempre più spesso il contrario di tutto ciò . Allora hanno incominciato a dire che eravamo dei visionari falliti. Beppe torna a guidarci con le tue parole guerriere, io voglio essere un guerriero non una mezza sega a cui viene offerto un avana in un circolo esclusivo.

Marcello G., Milano Commentatore certificato 30.12.15 17:26| 
 |
Rispondi al commento

su livorno sembra l'unita comunque articolo basato su le balle che si leggono su i media itagliani 73°posto nessun europeo compra un giornale italiano lo sanno pure i sassi che sono piegati a 90 gradi sperando il fallò di turno

danielcortes 30.12.15 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Niente di nuovo. E' un pastone del corrispondente in Italia del Financial Times che deve avere avoto una chiaccherata con il nostro Di Maio.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 30.12.15 17:15| 
 |
Rispondi al commento

Bello che si parli del movimento ma non ci hanno ancora capito molto!

non c'è patrimonio (pater numus) e non c'è erede!

Proprio non vogliono accettare la fine della rappresentanza...l'intermediazione politica è dispendiosa, inutile e fonte di problemi!
Comprensibile che non vogliano arrivarci sennò poi le lobby (che tutto oliano) cosa potranno poi fare.
Finiscono due mestieri in una botta quella dei politici e quella dei lobbisti!

Il politico di servizio per il tempo più breve possibile li spaventa da morire

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.12.15 17:12| 
 |
Rispondi al commento

Speriamo. Visto che proprio oggi qualcuno vuole risolvere il problema dell'inquinamento mandando le auto a meno di 30 Km/h.

Si, avete letto bene. Che idee i nostri politici tradizionali, che menti eccelse.

A riveder le stelle....

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 30.12.15 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Bah, a dire il vero mi pare un coacervo di luoghi comuni...
Un articoletto senza molte pretese, un pò raccogliticcio e decisamente superficiale.

Antonio Maria Vinci Commentatore certificato 30.12.15 16:33| 
 |
Rispondi al commento

...io resto sempre 1 nostalgico di crimi della lombardi e del vaffa ..

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.12.15 16:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

di certo è meglio della maggioranza dei giornali in italia!.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 30.12.15 16:25| 
 |
Rispondi al commento

Articolo un po' superficiale ed omertoso .

Ad esempio , più che di "scandalo rifiuti" , sarebbe stato più aderente al vero citare i 42 mln di euro di buco lasciati dai pidioti , con quel che ne è conseguito . Invece , l'articolista fa commentare la situazione della città dal pidiota di turno . Anche ricordare che Livorno è stata governata dalla sinistra per 70 anni non sarebbe stato malvagio ...

Riguardo Roma , accennare magari che i pidioti sono coinvolti in Mafia Capitale non sarebbe stata una cattiva idea ...

Vabbè , comunque sempre meglio di quel che raccontano i media italioti .

Gianfranco .

Gianfranco 30.12.15 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Di Maio successore di Grillo?
Certo che i giornalai sono uguali dappertutto..
Leggete Colonia Italia, prima di esultare per un qualunque articolo di giornale...
M5S non ha successori, è nato con Grillo e con Grillo morirà, in ogni caso.

Claudio M., Milano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 30.12.15 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S sta virando al centro. L'uscita dalla NATO deve restsre parte integrante del programma

roberto 30.12.15 15:39| 
 |
Rispondi al commento

E' tempo di mollare il FATTO e di passare al FINANCIAL TIMES.

Bene così.
Il FATTO ormai rappresenta la casta,
il Financial Times sta dalla nostra parte.

PZ 30.12.15 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori