Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il New York Times boccia il Jobs Act

  • 18

New Twitter Gallery

liceaanziact.jpg

"Per il "New York Times" il Jobs Act di Renzi non sta sortendo gli effetti sperati. Il premier italiano ha cantato vittoria il mese scorso, quando i dati diffusi dall'Istat hanno registrato un calo del tasso di disoccupazione nazionale ai minimi da tre anni. Renzi ha attribuito il risultato al Jobs Act, la riforma del mercato del lavoro che il suo governo ha introdotto tra gennaio e marzo di quest'anno. Secondo il “New York Times”, però, uno sguardo più approfondito agli indicatori relativi all'occupazione italiana dimostrano che la riforma non ha sortito gli effetti sperati. Dall'inizio dell'anno, scrive il quotidiano, il numero dei posti di lavoro a tempo indeterminato, che la riforma puntava a incrementare, è rimasto perlopiù stabile, mentre quello dei lavori con contratto a termine ha continuato a crescere. Il modesto aumento dell'occupazione complessiva – sostiene l'analisi del quotidiano – più che alla recente riforma del governo Renzi, è dovuto all'aumento dell'età pensionabile da parte dei governi precedenti a quello attuale. La riforma varata dal suo governo semplifica le procedure di licenziamento nelle grandi aziende, concedendo al contempo generosi incentivi alle aziende che assumono a tempo indeterminato secondo un nuovo sistema a tutele progressive. Il “New York Times”, però, sottolinea che tra gennaio e ottobre di quest'anno, con l'economia in leggera crescita, in Italia sono stati creati 83 mila posti di lavoro netti, meno della metà dello scorso anno, quando nello stesso periodo i nuovi posti di lavoro erano stati 174 mila. Se poi anziché ai dati sulla disoccupazione si guarda a quelli relativi all'occupazione, si scopre che in realtà a ottobre essa è calata di 39 mila unità a ottobre, dopo un calo di 45 mila unità a settembre. Secondo il “New York Times”, più che di una nuova legislazione del lavoro, le piccole aziende italiane hanno bisogno di una minore imposizione fiscale, di costi dell'energia inferiori e di un maggiore accesso al credito bancario. Il calo della disoccupazione registrato dall'Istat riflette secondo il “New York Times” soprattutto il sensibile aumento degli sfiduciati, che hanno rinunciato alla ricerca attiva di un impiego e dunque non figurano nelle statistiche relative alla disoccupazione. Ne è prova, secondo il quotidiano, il fatto che a ottobre la partecipazione alla forza lavoro – occupati e persone alla ricerca di impiego – è calata ai minimi da oltre tre anni." Agenzia Nova

Guarda il video: Renzi ha paura di Di Maio

REGALA_aI.png

16 Dic 2015, 11:15 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 18


Tags: disoccupazione, jobs act, new york times, occupazione, Renzi

Commenti

 

questa riforma del lavoro non è altro che l'ennesima bolla che si sgonfierà(anzi sta gia sgonfiandosi)perchè i giovani si sono gia resi conto che saranno precari a vita.Non hanno accesso a mutui per la casa,non possono programmare il loro futuro,ecc.ecc.

giuseppe mandalà 21.12.15 10:05| 
 |
Rispondi al commento

http://www.istat.it/it/archivio/176594

A ottobre flessione delle esportazioni )-0,4%), stabili le importazioni.
La ripresa e' rimandata

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 17.12.15 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Oltretutto qualcuno che appare con occupazione stabile in privato, in effetti non lo è, in quanto con il timore del licenziamento, è costretto a sottoscrivere una serie di contratti a termine sempre nello stesso impiego ormai occupato da anni, che permette al datore di lavoro di approfittare sia economicamente del lavoratore, che dello Stato stesso per eventuali evasioni fiscali facilitate dalle leggi in vigore.

Mario Di Lorenzo, GIUGLIANO IN CAMPANIA Commentatore certificato 17.12.15 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Prendo spunto dal post, per collegarmi al salvabanche, che hanno approvato frettolosamente senza rendersi conto degli effetti. Così, all'indomani del disastro, hanno cercato scuse di ogni sorta, fino ad ergersi ad eroi per aver salvato 7000 posti di lavoro.
A parte che se per salvare 7000 lavoratori, si rovinano 100 mila e più persone, non sembra una gran salvezza, se le riforme strutturali, che "ce le chiede l'europa" (allora cosa fanno lì, pagati da noi, se è l'europa che pensa, legifera e fa tutto al loro posto?), servono per garantire e aumentare i posti di lavoro, perchè alla prima emergenza si è dovuti nuovamente intervenire?
Voglio dire, hanno strombazzato le riforme strutturali come la panacea (?) per il lavoro, e per le banche quella panacea non ha effetto?
Ci hanno preso in giro per le riforme di allora o per il salvabanche di oggi?
O entrambe le volte... mah..

Gian A Commentatore certificato 17.12.15 08:56| 
 |
Rispondi al commento

L'articolo originale non è del NEW YORK TIMES, ma di un inviato a Roma di REUTERS. Qui in inglese: http://www.reuters.com/article/us-italy-employment-analysis-idUSKBN0TX1WA20151214
e qui in Italiano: http://it.reuters.com/article/topNews/idITKBN0TX22520151214?pageNumber=1&virtualBrandChannel=0
Nell'articolo citato dal blog, contrariamente a quanto qui si sostiene, non vengono enunciate opinioni del New York Times, ma viene sintetizzato l'articolo di reuters, cosa che il NYT chiaramente, correttamente e professionalmente dice all'inizio dell'articolo mediante la dicitura "By REUTERS DEC. 14, 2015, 10:45 A.M. E.S.T." e che, invece, in questo Blog, mi auguro non in malafede, viene omesso. Naturalmente tra una posizione ufficiale assunta da NYT e un'articolo di un corrispondente locale di reuters passa una certa differenza. Credo che questo post vada rettificato perchè fornisce un brutto esempio di come si possa fare, sicuramente in buona fede, ma questo conta fino a un certo punto, disinformazione.

Angela 16.12.15 20:05| 
 |
Rispondi al commento

Ministro Poletti,Padoan,Boeri,Camusso,... ma dove state vivendo ????. Purtroppo la realtà è questa !!! UN DISASTRO SU TUTTI I FRONTI !!!

valentino g., castelfranco veneto Commentatore certificato 16.12.15 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Se l'hanno capito anche in America non c'e' proprio piu' speranza per il nostro Bomba. C'e' da aggiungere che l'aumento estivo degli occupati e' "merito" dell'ISIS per l'attentato al museo del Bardo di Tunisi che ha fatto fuggire i turisti dalla Tunisia verso le spiagge italiane. Altro che job's act.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.12.15 18:57| 
 |
Rispondi al commento

siamo quasi al punto di non ritorno, o forse già oltre. FERMIAMOLI, QUESTI AMMAZZANO IL PAESE.

Francesco Cossu 16.12.15 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Sarebbe bello poter leggere l'articolo del NYT su cui si basa tutto il post, ma il link è sbagliato e se cerco sul sito del NYT l'articolo non sembra esistere.
Beppe (...Grillo), potresti essere così gentile da indicare qual'è il link corretto?

Angela 16.12.15 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quindi il M5S non puo' arrogarsi il diritto di criticare l'efficacia delle missione militari all'estero, mentre il Governo , puo' "permettersi" di disporre l'utilizzo della forza militare dello Stato per proteggere di fatto la commessa di un importante gruppo finanziario privato.
Quest'ultima non solo apparirebbe come assegnataria dei lavori appaltati , ma con bizzarra coincidenza, avrebbe nel proprio collegio sindacale "un omonimo" di un ministro dello stesso Governo.
Il fatto poi, che lo stesso gruppo poi sia quotato in borsa e abbia avuto un piccolo exploit sulle quotazioni è un fatto secondario.... mentre che a Luglio dello scorso abbia collocato un minibond da 50 milioni di euro ad un banca popolare del veneto che risulterebbe debitrice nei confronti del vicepresidente del partito del presidente del consiglio è veramente epico!!!

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Scheda-Trevi-azienda-italiana-che-riparera-la-diga-di-Mosul-d2823d0a-3164-4762-b324-0671cf312523.html

http://www.trevifin.com/viewdoc.asp?co_id=970

http://www.milanofinanza.it/news/exploit-di-trevi-18-su-voci-commessa-per-diga-mosul-201512161142399535

http://redazione.finanza.com/2014/07/10/popolare-di-vicenza-punta-forte-sui-minibond-in-arrivo-il-collocamento-di-trevi/

http://www.wallstreetitalia.com/news/pop-vicenza-serracchiani-ho-perso-18-mila-euro-e-sono-furibonda/

id &as Commentatore certificato 16.12.15 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Io vedo (anche in tv.) un ritorno soft di enrico letta! La vendetta lui la serve "fredda"! Questo gallinaccio attuale (renzi) fà l'uivo fuori dal cesto e appare in tv. sempre con più parole baldanzose e poca sostanza: Reanzistaisereno !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 16.12.15 12:49| 
 |
Rispondi al commento

spero che tra un'anno al massimo l'italia si sara' dimenticata da questo incubo in cui stiamo vivendo,che questo parlamento e questa sporca politica venga soppiantata da cittadini,che daranno nuovi impulsi di vita e di societa a questa magnifica nazione,terra di arte,di poeti e di uomini illustri,questo paese si merita altro,non quello per cui ora stiamo assistendo con questi scellerati e delinquenti al comando!!!!

nuccio barone 16.12.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Il link all'articolo del new york times è sbagliato: contiene caratteri HTML, vi consiglio di correggerlo.

Federico Capoano 16.12.15 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Ovvio, solo i pappagallini sono soddisfatti, ma presto il bomba tornerà da dove è venuto, e sarà per sempre!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 16.12.15 11:27| 
 |
Rispondi al commento

"la riforma non ha sortito gli effetti sperati"
Affermazione opinabile....dipende tutto dagli effetti che si speravano di sortire ....precariato a vita, stipendi piu' bassi, abbolizione dei diritti dei lavoratori.... a mio avviso per il bomba ed i suoi padroni e'stato un successo!!!

Pippo Spano, Firenze Commentatore certificato 16.12.15 11:27| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori