Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Le fantastiche quattro #BancheFallite

  • 105

New Twitter Gallery

banchefallite.jpg

1.2 miliardi di euro è il costo sostenuto dalle famiglie italiane per il salvataggio di quattro banche ormai fallite da tempo e sotto amministrazione controllata della Banca d’Italia: Banca delle Marche, CariFerrara, Banca Etruria e CariChieti.
Federconsumatori e Adusbef denunciano il fatto che tali perdite siano state subite in gran parte da 130mila piccoli azionisti e 20mila piccoli obbligazionisti che si sono visti azzerati i loro risparmi investiti in queste banche spesso utilizzando anticipi sul loro TFR per sottoscrivere carta straccia.

VIDEO La denuncia di Adusbef

ABI invece mugugna per le perdite che sarebbero state coperte dalle altre banche. Il governo sostiene di aver risolto al meglio la grana senza utilizzare le tasse degli italiani. La Banca d’Italia respira per una soluzione che non la vede chiamata in causa nonostante la sua vigilanza allegra. Chi ha ragione? Ma soprattutto perchè nessuno ci dice il motivo per cui lo strumento ad hoc previsto per queste situazioni, il fondo di tutela dei depositi, non sia stato utilizzato in questo caso come sarebbe invece stato giusto fare?

I fatti
Proviamo a far luce sulla vicenda e a spiegare perchè (ancora una volta) è l’Italia ad uscire sconfitta in Europa ed i suoi risparmiatori a soffrirne le conseguenze.
A fine novembre quattro banche sono state salvate con il cosiddetto fondo di risoluzione bancaria europea dopo aver azzerato il valore del capitale e delle obbligazioni in mano appunto alle famiglie. Tale fondo è previsto all’interno dell’Unione Bancaria e sarà operativo da gennaio 2016: tutte le banche europee contribuiranno a costituire un salvadanaio che nel giro di dieci anni dovrà raggiungere circa 50 miliardi di euro da utilizzare per salvataggi bancari e prevenire il rischio sistemico generato dai fallimenti bancari senza dover contare sull’intervento dello Stato. In Italia dunque si è anticipato il ricorso a tale fondo chiedendo alle banche soldi che non sono ancora stati versati. Al fine di salvare le quattro banche che rappresentano non piu’ di 1% dei depositi nazionali le banche hanno trasferito 3.6 miliardi di euro nel fondo che sono poi stati utilizzati per i salvataggi:
- 1.8 miliardi saranno usati per ricapitalizzare le banche pulite che verranno rimesse in vendita
-140 milioni per ricapitalizzare la bad bank in cui saranno trasferiti quasi nove miliardi di sofferenze
- 1.7 miliardi serviranno per coprire le perdite da svalutazione su tali sofferenze.
E’ dunque vero che le banche italiane hanno fornito liquidità al fondo e dunque salvato le quattro banche attraverso due linee di credito: €2.3 miliardi a breve e €1.6 miliardi a 18 mesi con un intervento di garanzia da parte della Cassa Depositi e Prestiti (CDP) su quest’ultima in caso tali fondi non dovessero essere sufficienti.

VIDEO Come funziona il Bail In per salvare le banche

Ha dunque ragione l’ABI?
In realtà no perchè ciò che le altre banche italiane hanno fatto è anticipare soldi al fondo di risoluzione, soldi che avrebbero comunque dovuto fornire anche se in modo più graduale negli anni a venire. E non lo hanno fatto gratis, ma con prestiti ben remunerati e senza rischio perchè in caso di difficoltà sarà la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) a coprire il buco con il risparmio postale degli italiani. Aggiungiamoci benefici fiscali per le banche ‘salvatrici’ ed il fatto che alcune di loro ora potranno comprarsi con due lenticchie le banche ripulite ed ecco che l’operazione per il sistema bancario si risolve in un mega anticipo di pagamenti comunque dovuti ed in ogni caso ben remunerati.

2016, arriva la fregatura del bail in
Le perdite subite invece dai piccoli azionisti e obbligazionisti restano definitive e prive di appello.
- E dal 2016 sara’ ancora peggio perchè con la nuova disciplina di 'bail in’ i salvataggi bancari saranno effettuati scaricando le perdite non solo su su azionisti e obbligazionisti (come nel caso delle quattro banche in questione), ma anche sui depositi bancari superiori a 100mila euro e su altri strumenti obbligazionari prima di attingere al fondo di risoluzione. Ci viene detto che questa disciplina eviterà i salvataggi bancari con soldi pubblici ed in teoria questa è una buona cosa. In pratica però il 'bail in' applicato al caso italiano puzza di fregatura per diversi motivi.
- L’Italia presenta una forte peculiarità nel fatto che molte obbligazioni bancarie sono state vendute alle famiglie come alternativa piu’ remunerativa dei BTP. Nel resto d’Europa sono gli investitori specializzati a mettere i loro soldi in questi strumenti. Al momento ci sono circa 650 miliardi di euro di obbligazioni bancarie in circolazione in Italia di cui circa 250 miliardi in mano alle famiglie e dunque a rischio di azzeramento in caso di fallimenti bancari. L’eventuale salvataggio di stato buttato fuori dalla finestra grazie al "bail in", nel caso Italiano rientra dalla finestra attraverso le perdite che in caso di fallimenti saranno subite dai detentori di questi titoli, ossia le famiglie stesse.
- In questi anni di crisi l’Italia e’ quella che meno ha sborsato per aiutare le banche. Parliamo di alcuni miliardi di Monti bond di MPS (ripagati in toto oltre che con 10% di interessi). Questo a fronte solo in Germania di oltre mezzo trilione di aiuti alle banche, un numero da moltiplicare per otto se si allarga a tutta l’Europa del dopo Lehman. Chi doveva sistemare le banche lo ha dunque fatto con soldi pubblici a volte attinti da fondi europei a cui contribuiamo anche noi. Gli altri si arrangiano. Significa che se un domani fosse necessaria la nazionalizzazione del MPS (cosa che il M5S auspicava sin dall’inizio delle difficoltà della banca senese) dal 2016 in poi saranno i suoi piccoli risparmiatori con obbligazioni MPS in portafoglio a farne le spese in primis.
- Ci dicono che non c’era alternativa alla soluzione adottata salvo azzerare tutti i depositi e non pagare gli stipendi rischiando una corsa agli sportelli in Italia. Non è vero. Esiste il Fondo interbancario di tutela sui depositi che era pronto ai salvataggi attraverso i fondi forniti questa volta per davvero dalle altre banche. Perchè non è stato possibile attivare lo strumento previsto per queste situazioni? Il motivo è che il governo non ha voluto contestare la fattispecie di aiuti di Stato che l’uso di quel fondo avrebbe configurato secondo Bruxelles e che ha quindi obbligato l’Italia a seguire la via della risoluzione che non prevede il consenso delle banche. Peccato che in Germania negli stessi giorni il governo abbia staccato un assegno da tre miliardi di euro per salvare Hsh NordBank senza alcun mugugno europeo sugli aiuti di Stato. Due pesi e due misure dunque anche se Renzi non lo ammetterà mai.
- Per lo stesso motivo, la necessità di evitare che si configurino aiuti di Stato, l’Italia non riesce oggi ad implementare un veicolo di gestione e dismissione delle sofferenze bancarie come invece ha fatto la Spagna nel 2012 attingendo a fondi europei (inclusi quelli italiani). Monti deve ancora spiegarci in base a quale criterio capestro l’Italia non ha seguito allora l’esempio spagnolo lasciandoci oggi una eredità di 200 miliardi di euro di sofferenze bancarie che bloccano la ripresa economica. Se questo necessiterà di salvataggi saranno di nuovo anche i piccoli investitori a farne le spese.
Questo decreto di salvataggio presenta dunque controversie tali da poter essere impugnato di fronte alla Corte europea di Strasburgo. Se è la logica dell’Unione Bancaria europea a guidare le decisioni qualcuno dovra’ pur spiegarci come si pensa di evitare il rischio sistemico con un salvadanaio di appena 50 miliardi di euro pari a meno di 1% degli attivi totali delle banche europee che si intende salvare. Non è così che si previene la corsa agli sportelli ma con l’unico strumento da sempre atto a questo fine: la garanzia sui depositi. Peccato che sia proprio la Germania ad opporsi all’attivazione di un tale strumento di garanzia su scala europea. Come per gli eurobond tutto ciò che prevede condivisione di rischio non viene preso in considerazione. Il risultato è che in nome dell’Europa ci ritroviamo cornuti e mazziati: abbiamo perso l’uso del nostro fondo di tutela dei depositi a livello nazionale senza poter contare su uno strumento analogo su scala europea.

REGALA_aI.png

3 Dic 2015, 10:16 | Scrivi | Commenti (105) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 105


Tags: adusbef, banche, banche fallite, Elio Lannuti, TFR

Commenti

 

Il fondo di garanzia depositi serve a tutelare, appunto, i depositi e non le obbligazioni, e i depositi fino a 100k: per questo non è stato usato. Usarlo (come si ipotizzava) avrebbe significato un utilizzo diverso da quello per cui quel fondo è stato costituito.
Vorrei anche fare una riflessione sul fatto che le banche sono state salvate dai risparmiatori: a parte il fatto che mi dispiacia che persone poco abbienti (e poco avvedute) abbiano perso tutti i risparmi, non sarebbe nemmeno giusto che io (come tanti altri milioni di italiani) che con quelle banche non abbiamo nulla a che spartire ci dobbiamo rimettere dei soldi per salvare chi ha investito senza seguire alcune semplici regole basilari:
1- investire solo i soldi che si è disposti a perdere
2- leggere attentamente tutta la documentazione e, se non la si comprende, farsi aiutare da qualcuno esperto e che non sia in conflitto di interessi (lo sportellista è lì per venderteli i prodotti e farà di tutto per convincerti che sono validi)
3- se non sei propenso al rischio non comprare strumenti rischiosi (le obblgazioni, ma soprattutto le azioni lo sono per definizione!)

Comprendo anche che qualche pensionato poco esperto si sia fatto convincere da una persona di cui si fidava, non per questo i soldi ce li devo rimettere io.

Christian Z. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.12.15 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma voi credete veramente che la Serracchiani e la Boschi ci abbiano rimesso qualcosa e pure una miseria in base alle loro possibilità, per me è un'altra genialata del supremo turlupinatore ormai il giochetto è noto, armi di distrazione di massa il solito copione tanto col prossimo rimborso spese ci rimettiamo in pari, basterebbe vedere quando è stata acquistata la carta straccia di cui si parla

ALBERTO G., Teolo Commentatore certificato 07.12.15 21:47| 
 |
Rispondi al commento

Ormai è chiaro che nell'Europa dell'euro c'è un problema di democrazia.

https://soundcloud.com/marco-guerrieri-3/sets/litalia-pu-farcela-bagnai

marco andrea antonio guerrieri Commentatore certificato 04.12.15 18:56| 
 |
Rispondi al commento

CHE RIDERE....E LE PECORE DEL CALCIO DELLE CURVE SCENDONO A MANIFESTARE PER UNA TESSERA DEL CAZZO E NON SI MUOVONO PER CHI GLI VUOLE FOTTERE IL FUTURO.......HAHAHAHAHAHA CHE MASSA DI COGLIONI.

Antonio Salvagno, Fossano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.12.15 02:28| 
 |
Rispondi al commento

ART. 4 DECRETO SALVA BANCHE.
TUTTO SECRETATO.
I CITTADINI NON POSSONO CONOSCERE NULLA DELLE ATTIVITA'SVOLTE DALLA BANCA D'ITALIA E DAI SUOI COMMISSARI PER RISOLVERE LA QUESTIONE DELLE BANCHE IN CRISI.
SEGRETO DI STATO.
FATE SENTIRE LA VS. VOCE.
ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE L'ITALIA NON CONOSCE LA DEMOCRAZIA.

SAURO SALUSTRI 04.12.15 00:04| 
 |
Rispondi al commento

da leggere, all'interno dell'articolo c'è un link a un pdf che tratta del bail-in in vigore dal 1 gennaio 2016. io speriamo che me la cavo

http://www.leggioggi.it/2015/07/09/prelievo-forzoso-sui-conti-correnti-dal-2016-ce-vero-riguarda/

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Ma è ora di mettere un freno agli imBoschimenti dei soldi che paghiamo di tasse per i soliti amicidegliamici ; le tasse devono andare alla sanità, alla scuola, ai servizi sociali, alla assistenza domiciliare, pubbliche chiaramente, non ai privati già privilegiati. Giustizia !

barlafuss 03.12.15 21:57| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto un commento in cui si cita il pluriacronimo PCI/PDS/DS/PD e mi sono reso conto che per la prima volta l'ho visto scritto. Mi è sembrata, lì per lì, una frazione. E mi son chiesto che risultato producesse il partito di Berlinguer diviso quello di Occhetto, ulteriormente fratto quello di Veltroni e, infine, quello di Renzi. Un brivido. Allora ho provato a guardarlo come se fosse un filotto evolutivo tipo la sequenza che parte dall'Australopiteco per finire all'Homo sapiens:
1989 - Il PCI, travolto dai calcinacci del Muro di Berlino, scarica quell'orribile aggettivo, comunista, grondante sangue e terribilmente demodè.
Dentro la quercia (un albero forte, che fa contenti gli ecologisti e piace un po' anche ai conservatori) e fuori la falce e martello. Non proprio fuori, nascosta, tra le radici della quercia. E dentro il meraviglioso, caldo, avvolgente, rassicurante, aggettivo: DEMOCRATICO. Troppo americano? E vabbè, mettiamoci DELLA SINISTRA. Poi lo spieghiamo: sinistra si fa per dire.
1998 – Nuovo lifting, basta PARTITO, basta radici (leggasi PCI, soprattutto la C), dentro una rosa che fa contenti tutti, socialisti e fiorai.
2007 – Vinte le elezioni con L'Ulivo, insieme alla Margherita, la quercia con la rosa nel simbolo (tutto vero) decide che è tempo che il passato ritorni.
Non nel senso del comunismo, che se no i nostri padroni d'oltre acqua (oltre oceano e oltre Tevere) si incazzano. Ritorna il PARTITO. E fuori, definitivamente, quella SINISTRA che porta pure un po' sfiga.
PARTITO DEMOCRATICO
Come in America. Con le primarie. Le cene con gli industriali per finanziarsi. Le banche. Gli appalti. Come la destra. Ricapitoliamo. Il Partito Comunista perde il comunismo e acquista democrazia e sinistra. Poi il Partito dei Democratici della Sinistra perde il Partito.
Poi i Democratici di Sinistra perdono l'orientamento e rinunciano alla sinistra ma riportano a casa il Partito. Pare che il prossimo stadio sarà rinunciare a quell'inutile orpello Democratico.

Andrea Molteni (nembo1972), Como Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 03.12.15 18:29| 
 |
Rispondi al commento

Non molto..ma meglio di nulla... Speriamo che ora i Porci Dementi non si inventino qualche cavillo per aggirrare il tutto...

http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/politica/camera-basta-viaggi-gratis-per-gli-ex-deputati-il-privilegio-abolito-dal-2016_2147219-201502a.shtml

Incasnero 03.12.15 16:57| 
 |
Rispondi al commento

Il Bail in sara´possibile a partire da gennaio 2016, infatti a tale data il correntista non "deposita" piu´denaro in banca, ma diventa "creditore" della banca, che ha il diritto di usare il denaro dei correntisti a piacere.
Cosi´se lo perde fallisce e il correntista perde tutto.
Infatti l´assicurazione sui 100.000 euro e´solo teorica, in quanto l´assicurazione che dovrebbe garantire i soldi depositati, possiede un capitale irrisorio molto inferiore al valore che garantisce.
Lo stato aiutando la banca a non fallire garantisce i depositi dei cittadini.
Ma non sarebbe meglio dare i soldi ai cittadini e NAZIONALIZZARE le banche fallite?
Qui o si prendono provvedimenti o andiamo tutti a ramengo.
Riguardo all´inflazione quando DRAGHI stampa denaro l´euro PERDE valore.
La vera inflazione non e´l´aumento dei prezzi, ma la perdita di valore del denaro.
Le banche centrali stanno facendo il giochetto al ribasso.
La fed stampa e il dollaro perde valore rispetto all´euro, poi la BCE stampa e l´euro perde valore rispetto a dollaro e yen.
Poi e´la volta della banca del Giappone e cosi´via.
SEMBRA che il valore sia lo stesso, ma in realta´un bel giorno ci accorgeremo che il nostro denaro non vale piu´nulla.
Si chiama "fiat" che significa che il valore e´dato da chi lo usa.
Fino a che continueremo a farci prendere in giro da questi criminali non potra´che peggiorare.

Patrizia 03.12.15 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Il problema non è bail in o bail out o l'Europa( che non ha permesso al governo di salvare le banche con fondi pubblici per un'ottima ragione: la Germania ha un bassissimo debito publico e se lo aumenta fa benementre l'Italia ha un debito pazzesco che dovrebbe diminuire. Quindi una ragione del presunto " due pesi due misure" c'è!)ma è che a prenderlo in...quel posto...sono sempre gli stessi: gli gnari risparmiatori.Loro perdseranno( complessivamente ovviamente) oltre un miliardo di euro per salvare le famose 4 banche ma gli amministratori imbroglioni e/o incapaci che hanno portato al fallimento le aziende da loro amministrate avranno ricchissimi trattamenti di fine rapporto, premi di rendimento e raggiungimento obbiettivi(quali???)per decine e decine di milioni di euro.

michele d. 03.12.15 16:21| 
 |
Rispondi al commento

Su draghi oggi
"La Banca centrale europea torna a intervenire contro la debolezza di economia e inflazione, con una nuova riduzione sul tasso dei depositi e con la modifica del Quantitative easing, il programma di acquisto di bond.

All’indomani del dato sull’inflazione nell’Eurozona, con prezzi cresciuti solo dello 0,1% a novembre, l’Eurotower mette dunque sul piatto un nuovo pacchetto di misure “per assicurare il ritorno dell’inflazione intorno al 2%” e sostenere la ripresa in atto."

Le palle a cui la gente crede:
- stampare tanta moneta crea inflazione
- il bazooka di draghi (un pistolotto utile solo all'autoerotismo finanziario)
- l'inflazione e' brutta e cattiva
- meglio delegare la politica monetaria all'europa (quelli si che so' bravi)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 03.12.15 16:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

secondo fonti ufficiali della WW le nuove immatricolazione auto della casa tedesca sono in caduta libera, ma solo in ITALIA sono in crescita!
Un popolo che ama inquinare con la coscienza sotto le scarpe... presumo che i nuovi possessori di auto WW siano tutti del PD.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 03.12.15 15:55| 
 |
Rispondi al commento

Risparmiatori parco buoi
Dai se hanno voluto fare i buoi
Si arrangino

Di chi sono le banche ?

Rosa Anna 03.12.15 15:33| 
 |
Rispondi al commento

SINTETICO, ma CHIARISSIMO “quadro” che descrive una guerra effettuata ma NON DICHIARATA !

In sintesi, dal 1 ottobre 2015 ad oggi, 3 dicembre la guerra “non dichiarata”, ma combattuta , di alcuni Stati occidentali , contro la Siria ed i terroristi dell’ISI, compresa la approvazione questa notte del Parlamento inglese che ha dato il via IMMEDIATO ad un massiccio bombardamento aereo.
http://www.polisblog.it/post/252566/siria-isis-ultime-notizie-3-dicembre-2015

Vincenzo Matteucci 03.12.15 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Ma per quale logica criminale le banche non devono fallire. Perche' bisogna continuare a sostenere un sistema finanziario ipertrofico, causa di disastri economici, di guerre (che grazie al propri strapotere alimenta e finanzia), che brucia ogni giorno miliardi per i propri mal affari, salvo farsi rifondere da stati compiacenti, anche con leggi ad hoc (vedi l'ultima cosiddetta del bail in che carica sul cittadino, persino semplice correntista il peso di affari scritteriati;il semplice cittadino fallisce, una banca evidentemente inutile e dannosa si salva e con essa i propri pluripagati amministratori.

Carlo Alberto Farris 03.12.15 15:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

il bail-in andrebbe benissimo se esistesse un ring fencing e se i depositi fossero garantiti, altrimenti è la solita finanza creativa che i rapinatori in confronto sono dei santi.

Il salvadanaio di 50 miliardi è solo simbolico, infatti i salvataggi avvengono tramite il fondo salva stati a cui noi contribuiamo con 20 miliardi annui (regolarmente indicati in bilancio):
i debiti privati passano allo stato che si indebita richiedendo il salvataggio e paraculando gli investitori incauti (banche franko tedeske).

morire per Maastricht e morire per le banche.

chi accetta i soprusi finanziari non è meno criminale di chi accettava i soprusi nazisti in nome delle banche naziste (vd sterminio correntisti e banchieri ebrei).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.12.15 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Ma dai !
Ho appena udito tg 1 economia
Le banche italiane non hanno fatto pesare di un euro i cittadini
O iiiii
Haaaahhhh
Da denuncia!

Rosa Anna 03.12.15 15:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io nn capisco perchè chi è stato rapinato nn scenda in piazza o....di più!!!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.12.15 15:01| 
 |
Rispondi al commento

un pezzo di storia dell'italia (a un certo punto dice che i politici hanno sempre rubato,ma prima rubavano sui profitti,ora sui debiti.quindi il problema pricipale che abbiamo ora è che i politici rubano?)

https://www.youtube.com/watch?v=5lPGzvfnI9M

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 14:54| 
 |
Rispondi al commento

"L'unione bancaria dettata dalla Commissione UE è un potenziale disastro, soprattutto per l'Italia. Le direttive europee penalizzano non solo migliaia di risparmiatori ignari e innocenti ma anche gli istituti di credito nazionali, e in particolare le medie e piccole banche. Vincono invece le grandi banche internazionali e del nord Europa. Se il governo italiano avesse la volontà e il coraggio di salvaguardare non solo a parole l'economia nazionale dovrebbe impedire questo attacco frontale al risparmio degli italiani da parte dei concorrenti dell'Italia. E la Cassa Depositi e Prestiti dovrebbe intervenire per garantire il risparmio italiano utilizzando anche l'arma delle nazionalizzazioni bancarie (come del resto hanno fatto Germania e Francia). Le stesse banche italiane dovrebbero respingere con forza questa unione bancaria che le discrimina rispetto alle concorrenti tedesche, francesi e anglosassoni."
...
"non solo sono a rischio i soldi degli obbligazionisti e dei clienti maggiori, ma sono minacciati anche i soldi dei cittadini-contribuenti che il bail in in teoria dovrebbe proteggere. Un disastro annunciato. Talmente palese e assurdo che lo stesso Mario Draghi in maniera riservata ha espresso ufficiosamente la sua forte contrarietà al sistema di bail in voluto dai tedeschi"
...
e lo dice un giornale rosso

http://temi.repubblica.it/micromega-online/lunione-bancaria-europea-colpisce-i-risparmiatori-e-le-banche-italiane/

PS senza l'euro ci sarebbe la fuga dai depositi (da spanciarsi dalle risate) qui te li prendono prima della fuga

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 03.12.15 14:53| 
 |
Rispondi al commento

@ pabblio

nun mai risposto alle 15,34 de ieri..... ma ke to' fatto de male?

Caciara ........Roma Commentatore certificato 03.12.15 14:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

un uomo un problema (per l'italia e gli italiani)

https://www.youtube.com/watch?v=rMkXG7KlTuI

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Che sta succedendo al blog ? Dopo due o tre minuti che scrivo va via la pagina con tutto ciò che scrivo ! Si sta rendendo difficile la vita del blog , opera nostra , del PD o del mio computer ? Datemi una risposta per favore , capita anche a voi ?

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 03.12.15 14:43| 
 |
Rispondi al commento

uno dei motivi dei nostri problemi :

https://www.youtube.com/watch?v=JL_HTATY8o4

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 14:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io la faccio breve!: Ma perchè non mettono in galera subito, con sequestro, i responsabili della dirigenza? Magari sarebbe un esempio ! La magistratura dorme? Le prove (il fallimento) ci sono !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 03.12.15 14:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

una bella sintesi dei nostri problemi(dal min37 al min 43

https://www.youtube.com/watch?v=WORJPpfU7PM

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Che si tutelino i risparmiatori mi potrebbe anche andare bene nonostante il fatto che se investo lo faccio a mio rischio.
I consigli di amministrazione e i dirigenti dovrebbero però cacciare fino all'ultimo centesimo che hanno ricevuto e si dovrebbe anche congelare il 50% dello stipendio di tutti loro, di qualsiasi banca, e renderlo loro salvo buon fine, un paio d'anni dopo le dimissioni. Se la banca va male, ciao ciao milioncini.

Santo Cielo, inferno Commentatore certificato 03.12.15 13:36| 
 |
Rispondi al commento

Il Giubileo si avvicina e con lui la minaccia dei terroristi che non scherzano . L'ultimo Papa , dicono , sarà l'attuale . Dobbiamo attenderci di tutto , non sarà il grande spiegamento di forze a fermarli almeno non completamente e l'eventualità di una strage non è da sottovalutare ! Cosa accadrebbe se dalle centinaia di clandestini saltassero fuori centinaia di terroristi ? L'assetto delle forze di polizia è carente , senza mezzi moderni , senza giubbotti antiproiettile , addirittura senza benzina a volte ! Non sarebbe il caso di armare le centinaia di migliaia di ex appartenenti alle forze dell'ordine , almeno fino a quando le cose si calmeranno ?


Dal Blog di Beppe Grillo​
LE FANTASTICHE QUATTRO
#BancheFallite

Però noi, caro dottor Lannuti, continuiamo a non fare una cosa semplice, quella di spostarci "tutti" in una unica banca, magari "etica".

Milioni di risparmiatori pronti a mettersi con le terga al riparo, se solo si proponesse una soluzione sicura.

Siamo l'essenza del guadagno delle banche, se gli chiudiamo i conti, altro che fondo salva banche, vanno in miseria, chiudono!

Siamo noi stessi il nostro valore contrattuale, possiamo investire su noi stessi senza rischi, perché non si fa?

Perché si fanno "buttare" soldi in titoli e fondi fregatura?

Perché le vostre associazioni non mettono in piedi un'azione legale senza precedenti e tentano di salvare qualche disgraziato?

Mettiamo 5 Euro ciascuno per la causa e facciamo anche la vostra tessera se serve(va bene?).

Servono azioni forti e concrete, adiamo tutti in una banca, stabiliamo noi le condizioni, e vediamo che succede a fargli perdere "clienti", apriamo dei conti con 100 Euro ciascuno.

I clienti sono l'unica cosa che conta in questo mondo del caxxo, l'unica benzina che tiene in moto il loro motore!

E SMETTETELA DI CHIAMARVI VACCHE DA MUNGERE, VOI SIETE CLIENTI...

...E IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE, SE SOLO LO CAPISSE!

Arrivederci e grazie, garziella e grazie alle banche...e a noi che che ci mettiamo i soldi!

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.12.15 13:02| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma al di là di tutto quello che c'è scritto, che ci azzecca con il titolo di questo post?
Non leggo nulla sulla mancata erogazione di liquidi dagli sportelli automatici.
Sono io che sono stato disattento o c'è qualcuno che induce a inutili allarmismi? Non mi piace sto modo di fare.

Luigi Bellu, Montasola Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 03.12.15 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stiamo arrivando al punto che comincia a essere necessario il ritorno alla libera circolazione delle armi , saremmo arrivati ai centoquaranta morti e trecento feriti di Parigi se molte delle persone del Bataclan fossero state in possesso di Berette e Magnum ? I tempi che ci si prospettano sono bui e pericolosi , molto pericolosi ! Prima del 1974 , quando comprare un'arma era permesso , i morti per sparatorie erano minori di oggi .


per curiosità qualcuno verifichi se la famiglia Boschi abbia avuto depositi bancari superiori a 100mila €uro oppure fossero azionisti o obbligazionisti della Banca Etruria prima dell'avvenuto salvataggio.
Un controllo andrebbe effettuato giusto per fugare dubbi sulla eventuale possibilità che abbiano sottratto lecitamente intendiamoci, parte del capitale evitando di partecipare al salvataggio.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 03.12.15 12:29| 
 |
Rispondi al commento

OT??
Sapete chi paga lo stipendio del prete che 1 o 2 volte dice messa in parrocchia ( ore lavoro max 2...gran fatica per loro..li ho sentiti lamentare) chi
paga e' lo stato italiano, il pubblico..e anche la loro pensione....

Incasnero 03.12.15 12:24| 
 |
Rispondi al commento

AUMENTO SPROPOSITATO CREDITI DI LATINO CLASSI A12 - A22
Nel documento Legislatura 17ª - 7ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 235 del 25/11/2015, nel primo allegato, SCHEMA DI PARERE PROPOSTO DALLA RELATRICE SULL'ATTO DEL GOVERNO N. 220, comma ii n°2 si legge che:per gli insegnamenti di discipline letterarie delle classi A12 e A22 (ex A043 e ex A050), si aggiornino i CFU indicati nelle note, prevedendo almeno ulteriori 16 CFU acquisiti nel settore scientifico disciplinare di latino.
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=17&id=950925
Questo riordinamento delle classi di concorso inciderà conseguentemente anche sul prossimo Tirocinio Formativo Attivo (Tfa) 2016.Non si possono recuperare 16 CFU per un Tfa che uscirà a breve. Le università statali non permettono il recupero crediti improvviso.
C’è stata forse una grave confusione?
Nelle vecchia classe A050, che si univa alla A043, erano richiesti 12 CFU nel settore L-FIL-LET/04 (latino). Ora, con le nuove classi A12 e A22, a questi se ne devono aggiungere altri 16, per un totale di ben 28 CFU nel settore L-FIL-LET/04, e questo per una classe di concorso dove non è previsto l'insegnamento del latino. I CFU richiesti nel settore L-FIL-LET/04 per l’accesso alle nuove classi di concorso A12 e A22, risultano così addirittura superiori a quelli necessari per la classe A11, ex A051, dove il latino si insegna, e dove i crediti L-FIL-LET/04 (latino) restano sempre 24.
I docenti delle classi A12 (ex A050) e A22 (ex A043), anche se verranno ampliati gli indirizzi di studio, impartiranno gli insegnamenti di: storia, italiano e geografia. Un carico di 28 CFU nel settore L-FIL-LET/04 (latino) risulta quindi inappropriato per una materia che non verrà nemmeno insegnata nelle classi A12 e A22.
Questo atto, così com'è, crea un problema insormontabile per migliaia di noi. Vi chiediamo gentilmente di riesaminare la questione perché possano essere presi provvedimenti.
Grazie Marcello e Roberta

Marcello F., Alghero Commentatore certificato 03.12.15 12:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di dare soldi alle banche fallite, bisogna dimostrare come sono fallite,allora ti potrei anche aiutare.Ma se te li sei pappati, puoi anche fallire ,e chi se ne frega .

Gino GIACOMINI 03.12.15 12:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

stiamo tutti vivendo nella fattoria degli animali.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 03.12.15 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Che brutto lavoro fare il banchiere ! Sempre in passivo , sempre a pietire aiuti dallo Stato , dal popolo . L'importante compito di supportare l'economia e le attività della gente è mal ripagato : un direttore di agenzia non arriva ai cinquemila euro di stipendio , e salendo più su troviamo dirigenti che devono sopravvivere con poche decine di migliaia di euro al mese ! Se poi guardiamo nelle alte stanze ci si stringe il cuore nel constatare che i gran capi si devono accontentare di qualche milione , sempre mensili ! Proporrei di erigere un monumento , a piazza degli Affari , al banchiere .

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 03.12.15 12:00| 
 |
Rispondi al commento

e va be!
Sono anni che le banche derubano, truffano e bruciano miliardi dei risparmiatori.
Se la gente insiste a fidarsi dei direttori di banca e continuano a investire su consigli degli stessi...a un certo punto, se lo meritano.
Ma come cazzo si fa a investire i propri risparmi in società private indebitate fino al collo?
Perchè in fondo questo è successo.
La gente ha investito i propri risparmi su obbligazioni di banche decotte da 10 anni e piene di debiti.
Ora dico io. Ma sei coglione o cosa?
Ma andiamo su!

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.12.15 11:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quindi mi vien da dire che se partecipiamo a ripianare le perdite delle banche, partecipiamo anche agli utili delle banche stesse.
Cioè, il cittadino viene sempre chiamato da questo stato a pagare un qualcosa senza esserne partecipe? Perchè?

Cioè, un tizio, magari anche parente di un qualche ministro, si mangia il capitale di una banca (sua o, indirettamente, di qualche partito), si mangia i finanziamenti degli obbligazionisti, e non solo non confiscano tutto a lui e parenti entro il II grado, no!! Nulla di tutto questo: per legge paga il cittadino!!
E gli utili che domani la banca produrrà, se li tiene il tizio di prima.

Ma è follia pura!


Gian A Commentatore certificato 03.12.15 11:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Infatti l'Italia è l'unica nazione europea che scandalosamente non ha un difensore civico nazionale...altro che mance ai maggiorenni o targhe alle biciclette...
m5S rimediare prego...

http://goo.gl/Dq6d7S


id &as Commentatore certificato 03.12.15 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno in Italia propone una legge, questa si a tutela dei cittadini, che OGNI, QUALSIASI, responsabile di cose pubbliche, sia veramente RESPONSABILE e paghi di tasca sue e di punizione sua le eventuali malegestioni. Ed una legge del genere non sara' nemmeno MAI possibile, in quanto TUTTO quanto e' di pubblico interesse e' COMPLETAMENTE contaminato ed intrallazzato con Partiti e Sindacati...Non se ne viene fuori...e M5S continua a guardare a solidarismi e aiutismi e ...Germania...siamo a posto...

tomi sonvene Commentatore certificato 03.12.15 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse l'obiettivo del nostro amato governo e' quello di far tornare i risparmiatori italiani all'utilizzo improprio del buon vecchio materasso.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 03.12.15 11:28| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno. Ma se noi cittadini ci rimettiamo tutti questi soldi, ed i piccoli risparmiatori hanno comunque perso tutto. Noi, chi stiamo aiutando? Sempre le banche. Allora conveniva farle fallire come hanno fatto in Islanda...

Andrea Fardi, MARINA DI CARRARA Commentatore certificato 03.12.15 11:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi siete mai chiesti perche' l' Italia sia il paese più' retrogrado dellaUE?
Semplice abbiano una cultura socio politica inquinata dal cancro del pensiero cattolico..I preti gira e rigira li trovi infiltrati ovunque..c' e' sempre il loro zampone in tutte le faccende grandi e piccole...Il papato non e' finito con potrà pia ma ha cambiato solo facciata..
Pensare che riescono perfino a farsi assegnare lavoratori assunti dalla regione a tempo determinato perche lavorino alle loro dipendenza ma a spese del pubblico .Prendono gli aiuti UE per il disagio utilizzandoli per i LORO bisogni..Finché non si libererà il territorio italiano da qualsiasi forma clericale questo paese sara' destinato a. trascinatsi nella arretratezza..

Incasnero 03.12.15 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Anche a livello bancario esiste la mondializzazione: far fuori i piccoli per sfamare l'appetito dei grandi

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 03.12.15 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Complimenti per tutto, davvero il Movimento è l'unica speranza che resta alle persone oneste. Proprio per questo aumentano le responsabilità e gli attacchi del sistema partitico - mafioso; proprio per questo sono assolutamente da evitare situazioni come quella di Bugani, calato dall'alto: non perché sia un candidato valido o meno, ma perché ci espone agli attacchi di cui sopra. Occorre unità di intenti e soprattutto ferreo rispetto dei ns principi.

federico2 s. Commentatore certificato 03.12.15 11:12| 
 |
Rispondi al commento

ci inchiappettano,ma solo dal 1 gennaio 2016 (ce lo chiede l'europa)

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-12-02/padoan-obbligatoria-l-introduzione-strumento-bail-in-183815.shtml?uuid=

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Merdaccia fiorentina vuoi soldi?? Vai a zappare te il babbo, la mamma, sorella , moglie e figli...andate a zappare..

Incasnero 03.12.15 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

auspico che il m5s acceleri,amplifichi,migliori la comunicazione e il dibattito per uscire da euro,trattati vari e ricominciare il percorso dell'italia sotto sovranità nazionale.
la politica deve ritornare a dominare sulla finanza.
oramai tutti questi svantaggi a stare in questo sistema sono sotto gli occhi di tutti....o no?

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.12.15 10:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poveretti quelli che hanno perso tutto!

Ma possibile che non vengano puniti coloro che hanno allegramente creato una situazione così gravosa?

Meglio il fallimento allora!

Loro parlano di 7/12 miliardi di danno se le fanno fallire ma è solo x salvare il culo dei loro amici!

Perchè se le fanno fallire i libri contabili vengono portati in tribunale e qualcuno dovrà pure rispondere!

Io noto che le dirigenze sono invece premiate... prendete il padre della boschi!

La boschi è dove è e tutti noi possiamo intuirne il perchè!

Possibile che solo report faccia inchiesta in italia!

Possibile che la magistratura non li tocchi mai i banchieri?

O se li tocca poi però qualche spiraglio di salvezza glielo lasciano sempre?

Magari con la prescrizione?

il pedopornonano aveva ragione a dire che la magistratura va profondamente riformata.

Occorre creare un reato per quei magistrati che sono affiliati politicamente.

Il CSM non deve più avere nomine politiche.

Verso la democrazia diretta!

Anche la giustizia può essere amministrata dal popolo!

Non servono più i tromboni!

Via intermediari dalle cose pubbliche... hanno dimostrato di lavorare davvero male!

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.12.15 10:35| 
 |
Rispondi al commento

vogliono TASSARE le BICICLETTE,non inquini? lo stato ti punisce.

il consumatore 03.12.15 10:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

la migliore della settimana...per adesso, ma temo ne arriveranno altre :)

""Renzi: segnali ripresa ci sono ma voglio Italia meglio di Germania""

Roma, 1 dic. (askanews) - Per l'Italia "i segnali di ripartenza ci sono". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi...."Se l'Italia rimette in moto la fiducia e la consapevolezza nei propri mezzi - ha aggiunto - l'Italia riparte, ciò che può fare il consumo interno è pazzesco, straordinario ed è ripartito"""


ma evidentemente vive in una realtà parallela:

""Crisi Saeco, corteo contro i 243 licenziamenti. E a Gaggio Montano negozi chiusi per solidarietà""

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/01/crisi-saeco-corteo-contro-i-243-licenziamenti-e-a-gaggio-montano-negozi-chiusi-per-solidarieta/2267900/

pabblo 03.12.15 10:23| 
 |
Rispondi al commento

E c'ho er compiuter usato...

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 03.12.15 10:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot


dalla lettera di marco travaglio agli italici di oggi

""Renzi ha iniziato a dire e soprattutto a fare cose sensate.
Non s’è lasciato trascinare dallafregola guerrafondaia di chi
bombarda l’Isis tanto per dire che fa qualcosa, e ha chiesto alleati credibili e obiettivi chiari. Può darsi che l’abbia fatto perché
non sa che pesci pigliare,""

""non sa che pesci pigliare,""

indovinato!

ed anche perchè ha paura di perdere il joystick :)

pabblo 03.12.15 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori