Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Passaparola: Vendita di armi, un affare di Stato sporco di sangue - di Francesco Vignarca

  • 129

New Twitter Gallery


Francesco Vignarca dal 2004 è il coordinatore nazionale della Rete Italiana per il Disarmo. Ha approfondito temi come le spese militari, le compagnie militari private, il controllo del commercio di armi, l’alternativa conveniente del disarmo, la riconversione industriale. E' stato promotore e coordinatore di campagne come Control Arms (per la richiesta di un Trattato internazionale sul commercio di armamenti, recentemente approvato all’ONU), come la campagna Banche Armate o infine come la recente campagna “Taglia le ali alle armi!” contro l’acquisto dei caccia F-35 e l’aumento delle spese militari. E' laureato in Astrofisica all’Università dell’Insubria ed ha un Master in discipline sociologiche. Oggi ci racconta come funziona l'affare di Stato della vendita delle armi, tra divieti nazionali e internazionali aggirati.

"Come funziona l’export militare di armamenti italiano? Abbiamo una legge del 1990, figlia di tutti gli scandali degli anni 80 in cui noi vendevamo armi a Saddam Hussein, che sancì una regolamentazione molto stringente e molto stretta, positiva su due aspetti: uno quello della trasparenza. Dall’altro il meccanismo prevede che un’azienda prima di poter esportare, debba chiedere il permesso e il governo dare il permesso. Il fatto di non poter esportare armi a paesi che siano in conflitto armato, a paesi che violano in maniera grave i diritti umani, a paesi che spendono troppo per il militare rispetto alle esigenze sociali, quindi quando questo succede noi lo possiamo sapere e possiamo anche criticare questa problematica.

VIDEO L'export militare

Banche e armi
La legge italiana di 25 anni è stata creata anche per avere un controllo rispetto alle intermediazioni finanziarie, proprio perché derivante dagli scandali in tal senso che si erano avuti negli anni 80 e quindi non solo chi vende armi deve chiedere l’autorizzazione al governo, ma poi anche nella transazione finale, quando qualcuno li paga ovviamente, anche l’istituto di credito su cui transita il pagamento deve essere segnalato. Quando parliamo di commercio di armi, di questa portata, il singolo cittadino non ha molta voce in capitolo, sono i governi, le grandi aziende che lo determinano, ma noi abbiamo fatto capire al singolo cittadino che un pezzo gli è di competenza, se la sua banca in qualche modo concede lo sportello a un incasso di una vendita di armamenti, in qualche modo uno ne può essere responsabile o quantomeno può chiedere conto alla propria banca, dicendo: "sposto i miei soldi se tu continui a fare questo tipo di attività e questo ha permesso davvero di fare cambiare le dinamiche". Molte banche hanno capito che il rischio reputazionale era proprio alto, magari anche per pochi soldi perché non erano certo loro che facevano i soldi o facevano gli incassi, loro facevano solamente un supporto finanziario, ma hanno iniziato a introdurre i codici di regolamentazione, hanno iniziato a dire: "benissimo non mi va bene tutto, dipende a chi vendi, se vendi le pistole alla Polizia della Finlandia è un conto, se vendi le bombe all’Arabia Saudita che poi ci bombarda lo Yemen è un altro!" Questo ci ha permesso di far capire a molte persone che il meccanismo della compravendita degli armamenti non è solo qualcosa di lontano ma in qualche modo le strade delle armi ci passano vicine e noi possiamo intervenire, se crediamo che sia importante dare la nostra consapevolezza anche al riguardo.

VIDEO Le banche e le armi

Vendita di armi e trasparenza
La relazione sull’export di armamenti che per anni il Parlamento non ha dibattuto sarebbe importante perché dà dei dati importanti su quelle che sono delle nostre dinamiche di alleanza, è una relazione da 2500/3000 pagine che si può scaricare sì in Pdf dal sito della Camera o dal Senato, ma non è un Pdf ricercabile, è un Pdf scansionato, per cui se voglio sapere se ho venduto all’Albania, all’Algeria, all’Arabia Saudita devo andare a sfogliare ogni pagina, devo sapere dove cercare perché non posso neanche mettere una ricerca è chiaramente questo un altro elemento di mancanza di trasparenza, di resa di difficoltà nei confronti dei cittadini e del parlamentare che volesse andare a vedere cosa sta succedendo e questo lo riteniamo grave perché se un governo sostiene o pensa che questa autorizzazione è legittima e giusta, dovrebbe anche prendersene la responsabilità e non avere paura che i cittadini – parlamentari sanno quello che si sta facendo al riguardo della vendita degli armamenti.

VIDEO Vendita e regolamentazione internazionale armi

Il marketing della guerra
L’aspetto della guerra serve a fare marketing, mi ricordo sempre nel 2011 quando le potenze occidentali hanno bombardato la Libia, la copertura di una rivista che in Italia si occupava in particolare di aerei militari, titolava “Libia air show” cioè il bombardamento della Libia era considerato anche un modo per far vedere i prodotti militari, in particolare i francesi fecero vedere il loro caccia che fino a allora non era stato acquistato se non dalle forze armate francesi, lo fecero vedere in combattimento, lo testarono in azione e grazie a questo riuscirono a promuoverlo molto di più, tant’è vero che 4/5 anni dopo è stato venduto all’Egitto e all’India e non è banale. Se posso dimostrare che il mio prodotto ha avuto modo di avere il battesimo del fuoco, ho fatto un marketing molto efficace sull’acquisto di un sistema d’arma ovviamente.

VIDEO Il marketing delle armi

Divieti internazionali e raggiri
I meccanismi di violazione della vendita di armamenti a livello internazionale sono molto stringenti ma pochi, si tratta fondamentalmente degli embarghi delle comunità internazionali, sia embarghi delle Nazioni Unite, sia eventualmente embarghi anche della comunità europea per quanto ci riguarda. L’ultimo per esempio delle Nazioni Unite è quello relativo alla Libia, in precedenza ci sono stati per molti stati africani la Sierra Leone in Europa è ancora in vigore un embargo, anche se spesso violato nei confronti della Cina del 1989. In questi casi l’Italia se non vuole incorrere in una problematica a livello internazionale che sarebbe molto grave, non deve vendere. Però ci sono altre regolazioni oltre agli embarghi che sono proprio dei divieti assoluti, in particolare quelli della nostra legge che come abbiamo detto prevedono l’impossibilità di esportare a piesi che sia in uno stato di conflitto armato o che violano i diritti umani o che abbiano problematiche di spesa militare troppo alta, in più però si sta configurando anche una legislazione internazionale al riguardo, dopo 10 anni di sforzi, grazie anche allo sforzo della società civile, noi abbiamo fatto questa campagna a livello italiano, si chiamava “control arms” (peraltro abbiamo raccolto anche un sacco di firme ai tempi durante gli spettacoli di Beppe Grillo). Siamo riusciti a ottenere dopo 10 anni un trattato internazionale sul commercio delle armi, per le prima volta è stato deciso di fare una regola internazionale che già 70 paesi hanno ratificato e sottoscritto, quindi il trattato in vigore, non sono ancora definiti i meccanismi, non sono ancora definiti i meccanismi secondo con cui verrà effettivamente realizzato questo controllo, ma dal Natale 2014 in poi è in vigore pienamente. Ora ci sono delle regole sul commercio delle armi, prima di allora c’erano sulla vendita di banane, di scarpe, di caffè, ma non sulla vendita internazionale di armamenti e quindi è stato un salto culturale molto forte.
Quello degli armamenti è un mercato lucrativa da un certo punto di vista, per chi le produce ma è soprattutto un mercato che si collega molto a dinamiche anche di politica internazionale e di rapporti tra governi e quindi va al di là rispetto a quelle che dovrebbero essere le considerazioni che secondo noi dovrebbero essere utili per evitare i conflitti.

Armi affare di Stato
Gli armamenti sono affari di Stato perché chi compra le armi sono i governi e chi le produce spesso sono delle aziende direttamente o indirettamente controllate dai governi, quindi è molto semplice fare l’imprenditore delle armi, perché non hai che da convincere un funzionario del tuo Stato o di un altro Stato, quindi spesso anche con accordi governativi, quindi anche con l’ingerenza diretta della politica. Secondo i dati di Transparency International il commercio degli armamenti che da solo assolve a circa il 2/3% del commercio mondiale, ma è responsabile del 45% della corruzione mondiale, perché? Perché non è un mercato, perché per vendere lì tu non devi fare solo un prodotto buono, dei convincere dei funzionari governativi e spesso e volentieri per convincerli si fa ricordo alla corruzione.

Il fatturato delle armi italiane
Noi possiamo valutare il fatturato dell’industria bellica italiana soprattutto da quello che esporta. Il Governo italiano in 25 anni ha autorizzato oltre 53 miliardi di Euro di export militare e effettive consegne per 36 miliardi di Euro. Questo è il volume d’affari che la nostra industria militare sviluppa nei confronti dell’estero. In più bisogna anche, ovviamente, sommare quelli che sono gli acquisti interni, gli acquisti fatti direttamente dal nostro governo, anche in questo caso arriviamo a avere fatturati dell’ordine delle decine di miliardi di Euro, tant’è vero che la nostra industria militare è da tempo e da sempre, se vogliamo, inserita nella lista dei 10 principali esportatori mondiali di sistemi d’arma. L’Italia è ai vertici della produzione militare mondiale, soprattutto grazie a Finmeccanica che è il conglomerato industriale controllato dallo Stato e oggi come oggi in particolare noi siamo “forti” sia dal punto di vista dell’elicotteristica, abbiamo poi una grande fetta di mercato nella parte legata ai sistemi avionici, agli aerei, abbiamo la parte cantieristica con Fincantieri, quindi la produzione di navi da guerra e la parte anche di produzione di armi piccole o leggere che sono facili, pistole, mitragliatori e quindi nel caso lo Stato ha un ruolo solo o di acquirente, quando serve per le proprie forze armate o le forze di Polizia o di regolatore nei confronti dell’export.

Le armi all'Arabia Saudita
Cambia tutto se andiamo sui sistemi d’arma perché in quel caso le aziende sono direttamente controllate dallo Stato tramite Finmeccanica che per legge deve prevedere una proprietà statale del Ministero delle Tesoro di almeno il 30% e quindi lo Stato che nomina i vertici di Finmeccanica e con essi nomina anche i vertici della scelta industriale che Finmeccanica fa. Proprio in questi ultimi mesi l’attuale capo di Finmeccanica Mauro Moretti ha deciso di dismettere le parti di Finmeccanica molto avanzate e molto importanti riguardanti il civile, ha deciso di vendere, per esempio tutta la parte legata all’armamento ferroviario, al segnalamento ferroviario per concentrarsi sul core business degli armamenti, abbiamo fornito 4/5 volte bombe all’Arabia Saudita che poi ha usato queste bombe in Yemen bombardando civili, bombardando anche ospedali e queste bombe sicuramente lì sono state utilizzate perché sul campo sono state trovate con i numeri di serie di produzione italiana, in realtà la fabbrica è di proprietà tedesca, ma la produzione viene fatta e l’assemblaggio anche in Italia. Abbiamo fatto in modo che fossero fatte anche diverse interrogazioni parlamentari e le risposte sono sempre evasive, non precise, dicendo sì ma noi rispettiamo gli embarghi delle Nazioni Unite che non era quello in discussione perché non c’è nessun embargo, ma c’è una legge nazionale, c’è una legge italiana che secondo noi non voi viene rispettata, su questo devo dire che l’attuale Governo Renzi in carica non si sta dal nostro punto di vista comportando bene perché non è disposto neanche a un confronto o a dettagliarci come mai sta facendo queste autorizzazioni o a prendersene la responsabilità.


L’Opal che è un osservatore di Brescia sulle politiche di vendita sia delle armi leggere e della sicurezza che è uno dei nostri centri di ricerca, ha stimato in particolare grazie al lavoro di Giorgio Beretta che nell’ultimo quinquennio 2009/2014 dei primi 20 paesi a cui siamo andati a esportare armi 7 sono considerati dall’Economist paesi autoritari. Stiamo vendendo armi non solo a paesi che in qualche caso sono addirittura in conflitto armato come il caso recentissimo delle bombe all’Arabia Saudita, ma sono di per sé già dei paesi autoritari, paesi quindi in cui la violazione dei diritti umani, in cui la coercizione rispetto a cittadinanza di democrazia è molto alta, siamo veramente convinti di fare questo? Noi lo critichiamo dal punto di vista di cittadini italiani che non vedono una coerenza con la politica estera e di sicurezza del nostro paese, il rischio è di mandare benzina su fuochi già ben accesi.

La vera sicurezza
Spesso e volentieri noi pensiamo che la sicurezza sia 500 milioni in più per gli armamenti, per comprare nuovi caccia bombardieri, per comprare nuovi aerei, nuovi elicotteri. No. Non è questo che garantisce la sicurezza del nostro paese
Le minacce alla sicurezza sono il rischio idrogeologico, il rischio di perdere il lavoro, il rischio di non avere adeguati servizi, ma la risposta è “compriamo gli F35”. Non solo si sbaglia nel percepire la minaccia, ma perché quando anche c’è una minaccia più direttamente violenta, si usano degli strumenti che non funzionano, pensiamo ai casi degli attentati a Parigi, lì un caccia bombardiere, una nave militare avrebbero fatto qualcosa? No? Forse più intelligence, forse più capacità adesso comprendere la situazione, forse una rete di conoscenza anche di intervento rispetto alle situazioni di disagio, avrebbe impedito maggiormente quel tipo di attacco terrorista e poi non diffondere gli armamenti naturalmente e mi raccomando, di tutte queste cose legate agli armamenti, passate parola!" Francesco Vignarca

REGALA_aI.png

14 Dic 2015, 15:35 | Scrivi | Commenti (129) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 129


Tags: Arabia Saudita, armi, disarmo, Francesco Vignarca, governo, Pinotti

Commenti

 

Ciao a Tutti,
Vorrei rendere nota a tutti, la tragica situazione che si sta verificando solo a Roma, e metto in risalto che riguardo a ciò non ho visto nessuna notizia sui media.
Attualmente circa il 40% delle case sono in "Diritto di Superficie" cioè sono costruite su un terreno di proprietà del comune.
Oggi a causa di una sentenza del 20/09/2015 tutti i contratti di compravendita sono bloccati a causa dell'interpretazione di tale sentenza,in base alla quale il comune di Roma non ha ancora deliberato. Cioè non ancora deciso sul da farsi.
A sentire vari notai, sembra che l'intenzione del comune di Roma sia quella di far pagare una "Nuova Tassa", mai applicata prima di ora in tutta Italia, a tutti coloro che comprano/vendono una abitazione.
Tale nuova tassa che io chiamerei: "Tassa sullo Svincolo del prezzo di vendita per le case in diritto di superficie",
si pagherà per l'eliminazione dei Vincoli del prezzo massimo di cessione per le abitazioni costruite in aree con Diritto di Superficie
e sarà calcolata sulla differenza tra il prezzo imposto, che sarà determinato dal Comune, e quello di libero mercato, di vendita.
Si parla di importi che vanno dai 5000 ai 10000 in più da pagare.
Io coglierei l'occasione per rendere pubblica l'istituzione di questa nuova imposizione fiscale creata dal Comune di Roma, solo per fare cassa e colmare i buchi di gestione.
Penso che noi cittadini dobbiamo rifiutare tale nuova limitazione dei diritti, ai quali ci si affranca con il pagamento di una ulteriore imposta.
Soprattutto bisogna vedere se questa situazione si ripercuoterà in tutta Italia.
Penso che questo possa essere un motivo per costuituire una "Class Action" per imperdire la creazione di una nuova imposizione fiscale non dovuta.
Oppure fare una Interrogazione Parlamentare per liberare i cittadini da questa "Nuova Tassa Romana"!
E che il Diritto sia con Noi!
Saluti,
Claudio

Claudio Desimo 23.12.15 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Va bene la pubblicità.
Va bene anche la pubblicità che si apre e non si può chiudere quando fai il primo accesso al blog ma che parta ogni volta che si ricarica la pagina è VERAMENTE troppo. Non si riesce nemmeno a leggero un articolo in pace. A tutto c'è un limite. Peggio di rete 4.
Da quando compare questa pubblicità io visito la pagina molto meno e come me molti altri. Non fate scappare la gente da questo blog. Non fate scappare i lettori.
Grazie

moschin massimo 23.12.15 09:00| 
 |
Rispondi al commento

che cretinate!Non vendiamo noi venderà qualcun altro!Abbiamo bisogno di lavorare,di esportare ,di essere anche un paese forte...lasciamo stare le stupidaggini utopistiche alla gandhi,sono passate di moda,"Si vis pacem para bellum" antica sapienza latina oppure tra un po' faremo tutti i camerieri dei cinesi,camerieri molto pacifisti ma camerieri

alberto cremona, Milano Commentatore certificato 19.12.15 19:37| 
 |
Rispondi al commento

Il traffico d’armi è legato alle guerre, vero? Non sfugge a nessuno che molte guerre sono legate a petrolio e gas. Armi ed energia sono due fonti colossali di guadagni e drammi. Per limitare i secondi, bisogna assicurare i primi, in un altro modo. Per esempio, proponendo una soluzione energetica che fornisca una colossale business a grandi industrie, per esempio automobilistiche. Si arriva così al progetto delle reti WaMs: Una cosina per produrre ‘energia democratica’, non più complessa di uno smartphone, quel ‘gadget democratico’ che sarebbe parso assurdo, impossibile, solo 10 anni fa. Prodotte dalle case automobilistiche, le WaMs permetterebbero a ciascuno di produrre idrogeno in casa con un panello solare, di accumularlo per uso proprio (casa ed auto) e di rivenderlo grazie ad una rete sociale, ricolendo così il noto problema della distribuzione dell’idrogeno. Se interessa, un sito accademico di San Francisco offre un riassunto in quattro lingue. In italiano si chiama «Vogliamo le WaMs ! Un cambio di paradigma per l’industria automobile, l’energia, la società e la pace», su https://independent.academia.edu/JeanSantilli

Jean Santilli, Urbino Commentatore certificato 19.12.15 19:30| 
 |
Rispondi al commento

https://www.change.org/p/stop-alla-fornitura-di-armi-all-isis?recruiter=43677425&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

Carlo Battistella 16.12.15 07:08| 
 |
Rispondi al commento

prova

Paolo Rossi 15.12.15 20:50| 
 |
Rispondi al commento

GRAZIE A FRANCESCO VIGNARCA PER L'INTERVISTA E PER AVERCI SPIEGATO I LATI OSCURI DELLA VENDITA DELLE ARMI

alvise fossa 15.12.15 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Articolo 1 della costituzione Italiana:

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, la sovranità appartiene al popolo.

Articolo 11 della costituzione:

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

DUE ARTICOLI DELLA COSTITUZIONE CHE L'ATTUALE GOVERNO NON STA' RISPETTANDO.

#M 5 S, Italia Commentatore certificato 15.12.15 12:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'avidità della maggioranza della gente è fonte di tanti guai e lutti e sofferenze , non si esita in molti casi a uccidere , sterminare per un ritorno economico . Dal rapinatore al capo di Stato che dichiara guerra , passando attraverso le molteplici sfaccettature dei metodi violenti e illegali , un filo comune unisce la criminalità : il profitto !

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 15.12.15 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Sperare che un affare gigantesco come la vendita delle armi si possa fermare o limitare è pura utopia ! Gli interessi mostruosi che girano attorno a questo mercato da centinaia di miliardi di dollari ne rende impossibile l'eliminazione . Quasi tutte le guerre nascono dalla vendita e produzioni delle armi , pensiamo all'America degli anni trenta depressa e arrancante che con la seconda guerra mondiale si riprese magnificamente diventando , alla fine , ricca e prosperosa ! Siamo selvaggi sanguinari che non esitano a spargere terrore e morte pur di trarne profitto , cinquanta milioni di morti e cento milioni di invalidi fu un prezzo ragionevole per rimpolpare le casse americane e non solo ! L'obsolescenza delle armi , sopratutto le bombe d'aereo , costringe chi le detiene a disfarsene alla scadenza , in un modo o nell'altro .

vincenzodigiorgio digiorgio, roma Commentatore certificato 15.12.15 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Grande di Maio ieri sera .
Buongiorno blog.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 15.12.15 11:48| 
 |
Rispondi al commento

ot

#sfiduciamoMaryHellen?

""Al Senato, invece, la storia sarebbe molto diversa. Nota Maurizio Gasparri di Forza Italia: “Riterrei un atto di saggezza agire al Senato. Per i numeri che renderebbero onerosa e poco onorevole la salvezza della Boschi”. A Palazzo Madama, infatti, i numeri non sono blindati come alla Camera, grazie al premio di maggioranza del Porcellum.

Al Senato, la maggioranza del centrodestra renziano è risicatissima (il centro del Pd più la destra alfaniana) ed è per questo che da tempo si avvale dell’apporto dei neoresponsabili di Denis Verdini, ex berlusconiano e già sherpa riservato del fu patto del Nazareno tra il premier e l’ex Cavaliere. E così si arriva alla “salvezza poco onorevole” tratteggiata da Gasparri: a Palazzo Madama per non fare affondare la ministra del giglio magico sarebbero necessari i voti della pattuglia di Verdini.
""

anche io come gasparri mi ero chiesto perchè non è stata presentata una mozione di sfiducia al senato...

ma forse son cose troppo difficili per me da capire :)

pabblo 15.12.15 11:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

avete visto Mieli ieri sera dalla Gruber?
Uno dei tanti troppi giornalisti accondiscendenti verso il potere governativo, cercava di eludere ogni evidenza posta da Di Maio sul conflitto d'interesse tra un ministro il premier e le 4 banche salvate con tre operazioni legislative finalizzate a salvare interessi di una minoranza a scapito di una maggioranza di cittadini ignari e inermi.

Il Sig. Mieli dovrebbe fare il suo mestiere in quanto professionista dell'informazione mediatica , chiedendosi perchè mai nei Paesi democratici spesso citati da lui come esempi da seguire esistano leggi che evitano le commistioni tra ministri e banche, come dovrebbe domandarsi come mai in una delle 4 banche sia stato assunto tra un salvataggio e l'altro come AD un alto esponente della Consob, organismo che controlla tipologia e meccansmi delle obbligazioni emesse dalle banche.

Clesippo Geganio 15.12.15 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Banche e investimenti.
Per me non è giusto proteggere da parte dello stato chi ha investito e ha perso.
Se una persona investe in una casa, e è un investimento sicuro, e viene il terremoto, lo stato deve rifargli la casa?
Se la persona investe il suo capitale in BOT argentini, o Parmalat o Pagine Gialle, lo stato deve parargli il culo?
Altrimenti quando le cose vanno bene, il guadagno deve arrivare allo stato, ovvero a noi.

Diversificare gli investimenti, non serve una laurea in economia!!

Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.12.15 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse il Movimento anzichè rifiutare i finanziamenti, li avrebbe dovuti prenderli e stornarli a queli cliento che hanno perduto i loro risparmi rapinati dalle proprie banche

Roberto ., Roma Commentatore certificato 15.12.15 10:33| 
 |
Rispondi al commento

O.T.
So che non c'entra con l'argomento, ma...

C.V.D.

Dal canone Rai non si scappa

Italia Oggi

Dovrà pagare il canone Rai anche chi rende inutilizzabile l'apparecchio con la chiusura dello stesso in un'apposito involucro. E' una delle novità contenute nella legge di stabilità. Dal prossimo anno il canone finirà nella bolletta elettrica ed il gettito solo in parte andrà alla Rai stessa. Gli introiti andranno al fondo per garantire il pluralismo e l'innovazione dell'informazione di radio e tv locali. Mentre il tax credit per il cinema è pronto a un restyling con l'estensione dell'agevolazione anche per gli investitori esterni al settore cinematografico e televisivo.


Ma non si chiama "canone RAI"???

Gian A Commentatore certificato 15.12.15 10:33| 
 |
Rispondi al commento

ot

il corriere, dico il corriere... :)

""Parla Stefania Agresti, la madre del ministro: «A mia figlia dico di andare avanti,
il nuovo fa paura. È stanca e turbata, soprattutto perché vede soffrire noi»""

il nuovo fa paura!??! il nuovo!?!? il renzismo il nuovo?!?!?

vabbè :)

i toschi stanno restaurando...altro che nuovo vogliono riportarci all'ottocento...

ps

a er fruttarolo
avevo un regalo per lei,ma non vorrei che equivocasse... per adesso mi astengo :)

pabblo 15.12.15 10:10| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S dovrebbe lasciar perdere i p.secondari e occuparsi di certe realt¨¤' interne degne del " miglior " PD ..
Ripeto e non finir¨° mai di ripetere : chi si candida per il M5S deve prima essere sottoposto ad un serio test psico-attitudinale per verificare l' effettiva adeguatezza del candidato.. Evitiamo figure di merda con personaggi di merda!!!!!!!!!!!

http://www.lettera43.it/politica/bagheria-il-m5s-alza-gli-stipendi-alla-giunta_43675164101.htm

Incasnero 15.12.15 10:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E così,i medichi faranno sciopero...addirittura i pediatri...

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 15.12.15 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il tumore vuole curare il tumore....lo strofinaccio sulla testa il baffo a manubrio..un vero pagliaccio...

http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/mondo/arabia-saudita-esce-allo-scoperto-coalizione-islamica-per-battere-l-isis-_2149180-201502a.shtml

Incasnero 15.12.15 09:35| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera a 8 e 1/2 si è dimostrato come i media e giornalai siano al servizio del Sistema.
Trattasi di TV privata e quindi immaginate quella sovvenzionata(canone) dai cittadini come può essere.
Inoltre il grado di disinformazione con cui lavorano:un grande Di Maio che invece ha fatto informazione e i tentativi dei due di nascondere la verità!
Ora capite cosa vuol dire per 60 anni dire falsità?
Vuol dire che sono riusciti a rincoglionire gli Italiani!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.12.15 09:27| 
 |
Rispondi al commento

La merda torna a galla....Che " bel paese "...PENA DI MORTE PER I REATI COMMESSI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E PER LE ORG.DI STAMPO MAFIOSO...

http://m.repubblica.it/mobile/r/locali/palermo/cronaca/2015/12/14/news/cuffaro_posso_dare_a_ricostruire_area_di_centro_-129441943/

Incasnero 15.12.15 09:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi è piaciuto Di Maio quando ha detto alla Gruber e al Mieloso giornalista: se MaryHelen...è uscita al momento dei decreti a favore delle Banche....ha dimostrato che in cuor suo riteneva di essere in"conflitto d'interesse"!
Grande di Maio!
E un vaffa al gommone e al mozzo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.12.15 08:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO VIGNARCA
IO METTEREI IN DUBBIO CIO' CHE SCRIVE IL GIORNALE BRITANNICO L'ECONOMIST, CHE IN PASSATO HA GETTATO M... SUL NOSTRO PAESE E ANCHE SU BEPPE E IL MOVIMENTO, FACENDO INTENZIONALMENTE DISINFORMAZIONE.

FORZA M5S!
FUORI DALL'UE!

Zampano . Commentatore certificato 15.12.15 08:56| 
 |
Rispondi al commento

UN MONDO IMPERFETTO

Se il progresso dell’umanità è rappresentato dalla vendita di armi e di petrolio siamo già belli che fritti perché non abbiamo alcuna speranza di evolverci verso il meglio.
Se le nazioni basano i loro profitti,i cosiddetti pil, sul principale inquinante del pianeta responsabile dei peggiori cambiamenti climatici e delle più massicce migrazioni di esseri umani siamo destinati a cuocerci a fuoco lento e se a questo aggiungiamo le armi come core business degli stati non c’è altra via di uscita dallo stato attuale delle cose di un conflitto mondiale e della totale distruzione di quel poco che abbiamo costruito.
D’altronde è un ciclo che si autoalimenta:le nazioni basano le loro politiche di crescita sull’accaparramento di petrolio e per farlo colonizzano e corrompono gli stati che ne producono di più.Tali stati,quasi sempre controllati da governi autoritari, hanno bisogno di armi per piegare le popolazioni al potere assoluto del dittatore di turno che spiana il terreno alle “democrazie” occidentali per succhiare ricchezze dal loro territorio,naturalmente dietro ampio compenso.
Tale pianificazione dei rapporti tra gli stati e gli esseri umani ha acuito le differenze sociali e le le ribellioni intra ed extra nazionali che ha loro volta sono sedate con le armi e i bombardamenti di strane coalizioni dove a combattere i “ribelli” ci sono le autarchie e le “democrazie” il cui unico denominatore comune è il petrolio.
Non dimentichiamo,infatti,che in Siria i ribelli erano civili che combattevano contro il regime di Assad trasformatosi d’incanto in combattenti dell’Isis.
Il mondo è imperfetto proprio perché è governato dall’uomo ma lo è ancor di più se è il male che lo guida.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 15.12.15 08:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BERLUSCONI, M5S "IL PREGIUDICATO E' ANCORA CAVALIERE. NAPOLITANO NON MOSSE UN DITO"
IL DEPUTATO M5S DANILO TONINELLI DEPOSITO' UN'INTERROGAZIONE PER CHIEDERE COME MAI NON SIA PARTITO L'ITER DI REVOCA DELL'ONORIFICENZA DOPO L'AUTOSOSPENSIONE DEL LEADER DI FORZA ITALIA A MAGGIO 2014; "SERVE L'INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FEDERICA GUIDI E POI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, PERCHE' NON E' STATO FATTO?"
SPERIAMO LO FACCIA ORA IL PRESIDENTE MATTARELLA!!! SPERIAMO!!!

Franco Rinaldin 15.12.15 02:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si è fatta "na certa" ed è proprio tempo di andare a dormire
tuttavia desidero regalare ancora qualche minuto ai cari amici del Blog per suggerire l'interessantissima lettura di questo post di SERGIO DI CORI MODIGLIANI dal titolo:

"Un po’ di geo-politica per cercare di capire come si stanno mettendo le cose."

questo il link:

http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2015/12/un-po-di-geo-politica-per-cercare-di.html


Serena notte a tutti ed un abbraccio forte al nostro Luigi che stasera ha messo sotto-sopra quei due spelacchiati (ex) volpini di bilderbeg

ps: GRAZIE BEPPE! (solo per ricordarti quanto sei sempre presente nei nostri più benevoli pensieri)

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.12.15 02:47| 
 |
Rispondi al commento

CARE AMICHE E CARI AMICI M5S,
SECONDO ME SE VOGLIAMO AVERE SEMPRE MAGGIORE SUCCESSO POLITICO DOBBIAMO DIRE CHIARO E FORTE CHE NOI M5S DIFENDIAMO I LAVORATORI, I PENSIONATI, I PICCOLI MEDI IMPRENDITORI E LA POVERA GENTE.
DOBBIAMO DIRE CHE SIAMO A FAVORE DELLA LEGALITA' LA SICUREZZA DELLA GENTE, PER LA SOLIDARIETA', CONTRO LA CORRUZIONE, LA MAFIA, LA EVASIONE FISCALE; DOBBIAMO DIRE CHE SIAMO CONTRO TUTTE LE RUBERIE, CONTRO GLI SPRECHI, GLI SPERPERI,I PRIVILEGI PUBBLICI, GLI STIPENDI E LE PENSIONI D'ORO, CONTRO GLI ENTI INUTILI, LE AUTO BLU, CONTRO IL MALFUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, CONTRO LA MASSONERIA ILLEGALE ED I SERVIZI SEGRETI DEVIATI.
DOBBIAMO DIRE CHE SIAMO A FAVORE DEI DIRITTI CIVILI, PER LA DIFESA DELL'AMBIENTE E
DOBBIAMO DIRE INFINE CHE SIAMO PER LA PACE NEL MONDO ASSIEME ALL' UNIONE EUROPEA E ALLE NAZIONI UNITE.
GRAZIE E CORDIALI SALUTI.

Franco Rinaldin 15.12.15 01:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa deve fare un padre affinché un figlio si dimetta da una carica politica?
Certo, le colpe dei padri non devono ricadere sui figli.
A patto che i figli ne riconoscano la colpa altrimenti è .... cos'è?
Ma in Italia le colpe, a certi livelli, non esistono, tutti si comportano bene ed è sempre colpa di altri.
Verranno licenziarti un paio di sportellisti (forse). Finirà così, com'è giusto che sia...... hai voglia poi che questi dicano che sono stati spinti a vendere. Dov'è scritto?
Nessuno ne sapeva nulla lassù, dietro la scrivanie in mogano e sulle poltrone di pelle umana.

Santo Cielo, inferno Commentatore certificato 14.12.15 23:51| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione è diretta, semplice e senza infingimenti : la Costituzione prevede che l'Italia abbia il diritto di difendersi . Ogni altra opzione è preclusa . Qualsiasi vendita di armi è supporto ad una aggressione

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.12.15 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Segue…Oggi come ieri questi spiriti disarcionati da un destino avverso, spinti al rimpianto del domani reso celebre da un difetto . Difetto di non oltrepassare la contigua linea di parziale sospetto, li vedi raccogliere il giorno d’impeto. D’impatto è il secondo appena trascorso, di sfratto è il minuto. Sfrattati dal destino per un solo giorno, il tempo lascia loro la possibilità di consumare un rimpianto, un amaro e un contorno. Contorno intrinseco di riflessioni non attentamente collaudate, riflessioni importate su lunghe chiatte usurpate in alto mare, s’affretta, allora, il tramonto a dar sentenza ponendo su ogni lato una mancata contingenza. Una geometria del giorno senza pura risoluzione, con una sola dimostrazione nascosta tra le grida di una madre in totale disperazione. Riflessioni talvolta troppo seviziate. Semplici serve di vizi immagazzinate tra un ospizio e un altare, tra un indirizzo e un collare. Qualcuno si concede di chiudere la dizione tra le sbarre e s’appresta a dar lezione di antincendio alle fate, sotto la supervisione dell’angelo di spade. Una sola giocata senza l’asso, una sola inadempienza nell’impasto. Impasto di crusca e farina per i polli, incastro per una mosca in una scarpa di finta pelle che sì vuol tirare fuori. Si schiarisce il cielo e s’intravedono le stelle.

Alessandro morigi, Bracciano Commentatore certificato 14.12.15 23:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

le basi


http://goofynomics.blogspot.it/2015/12/stampare-moneta-ovvero-la.html#comment-form

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 23:38| 
 |
Rispondi al commento

carissimo DI Maio sei stato grande. adesso lo posso dire perchè al momento del faccia a faccia pensavo che la RUBER ti potesse sparare tutti i liQuidi compressi nel gommone, che di minuto in minuto aumentava di volume . anche il leccone del miele a dovuto riservArsi i leccamenti per quando passerà da quella gran troia della leopolda., ahahaHAHAHAHUUUUUUU

andrea a44, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.12.15 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Penso che la soddisfazione di vedere un giovane come Di Maio nella mia vita di cittadino alla ricerca del meno peggio sia veramente grande almeno x me

anni di ricerca di persone oneste nella politica mi stavano accompagnando verso il rifiuto della scheda elettorale

che vi devo dire che vi ringrazio ragazzi

GRAZIEEE!!

e qui ringrazio il blog xchè certamente Grillo ha i suoi meriti come pure il M***** ma io ho cambiato idea qui ed è x questo che il mio grazie va ai

MONELLI DEL BLOG

saluti

old dog 14.12.15 23:09| 
 |
Rispondi al commento

Prima di andare a letto, una cosa la voglio dire: mi sono proprio innamorata del M5S.

Un abbraccio a tutti i grillini.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.12.15 23:08| 
 |
Rispondi al commento

..secondo me la Brugher...prima di andare a OTTO e mezzo...non era passata dal gommista (come di consueto) per verificare la pressione labiale...ehm...

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 14.12.15 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Però che strani...I socialisti francesi.
INVECE di chiedere alla destra di Sarkozy di votare per loro che sono al governo e che esprimono persino il Presidente della Repubblica, hanno detto AI LORO DI VOTARE per quelli che 'dovrebbero' essere gli avversari...

Qualcosa non mi torna in tutto questo...

Dino Colombo. Commentatore certificato 14.12.15 22:27| 
 |
Rispondi al commento

MA la Gruber e Mieli...stasera che hanno detto o fatto a 8 e mezzo se non INTERROMPERE ad hoc il Perfetto DI Maio?...

Mi è piaciuto un sacco quando pur 'interrotto' e disturbato dai due, ma sopratutto dalla Gruber, TORNAVA sulle sue parole e sui suoi concetti senza dargliela vinta...

L'unico sprazzo di sincerità il Mieli l'ha avuto, quando ad un'affermazione di DI Maio sulle nomine politiche della Banca d'Italia (credo), ha detto (confessandosi forse a sua stessa 'insaputa'sul suo essere 'contro il M5S a prescindere) che avrebbe voluto non dargli ragione a Di Maio...ma che era costretto (dai fatti) a dargliela...

Di Maio...sei tutti noi....


Ieri ho 'dovuto' seguire nei vari tg nazionali alcuni stralci della cosidetta 'Leopolda'...

Mi è sembrata un 'Meeting' di Comunione e Fatturazione in miniatura...

Con i partecipanti alla kermesse che si spellavano le mani per applaudire la Boschi (che non faceva alcun riferimento alla faccenda sporca della banca etruria)omaggiandola persino con una sorta di standing ovation per i suoi (QUALI?) meriti...

Quegli applausi mi hanno ricordato molto da vicino le standing che gli accoliti di Comunione e Appaltazione riservavano ai vari Andreotti, Formigoni, e a tante altre........degnissime persone...

C'è poco da fa...la DC non è mai morta...sta camminando ancora sulle gambe di sta gente....

Dino Colombo. Commentatore certificato 14.12.15 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Che figura di merda hanno fatto la Lilli e il pelato che parla di naso.

Di Maio se li è messi nel taschino e loro se lo sono preso direttamente nel q.lo

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.12.15 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Questa sera a 8 e 1/2 in due obtorto collo!
Come son contento...in tu culo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.12.15 21:36| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 5)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Secondo uno studio dell'Università di Washington i dati dei telefonini possono rivelare la distribuzione del reddito nei Paesi poveri. Intanto si moltiplicano le app che utilizzano le informazioni dei cellulari per suggerire ai finanziatori se concedere o rifiutare prestiti agli utenti....

essere o non essere...magari fosse questo il problema


http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2015/12/14/news/il_cellulare_termometro_di_ricchezza_e_poverta_-129105321/?ref=HRLV-7

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 21:35| 
 |
Rispondi al commento

ANCHE IL DIAVOLO HA LE SUE "CHIESE"... SONO LE BANCHE....

aniello r., milano Commentatore certificato 14.12.15 21:34| 
 |
Rispondi al commento

Ho appena visto su LA7 la trasmissione OTTO E MEZZO. Partecipavano Di Maio e Mieli. Complimenti a Di Maio per la chiarezza della sua esposizione, nessuna timidezza, corretto con Mieli sul caso Boschi e senza tentennamenti nelle sue argomentazioni. E con un guru come MIeli non è poco.
BRAVO E GRAZIE.
GABRIELLA

Gabriella . Commentatore certificato 14.12.15 21:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Boschi si sarebbe dovuta dimettere appena il disastro finanziario è uscito alla luce.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.12.15 21:19| 
 |
Rispondi al commento

..la brugher...e mieloni...invece di intitolare 5 stelle attacco alla boschi...dovevano intitolare 8,5 ATTACCO A DI MAIO.,..che con l'ultima risposta sulle olimpiadi ha mandato un messaggio inequivocabile a tutti...spiazzando i due giornalisti.
BRAVO Di Maio

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 14.12.15 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A 8 e 1/2 DUE GRANDISSIMI "PEZZI DI MERDA" SE LA SONO PRESA IN CULO!

Se questo è giornalismo, si spiega benissimo la situazione italiana!


GRANDISSIMO DI MAIO!

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 21:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Gruber, traditrice della sua terra di origine. Invece di essere comunista dovrebbe essere tirolese

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.12.15 21:02| 
 |
Rispondi al commento

La faziosità servile della Gruber e di Paolo Mieli, non riesce a mettere in difficoltà chi si attiene solo alla pura realtà dei fatti.
Difendono un partito di corrotti (PD), ma se glielo dimostri si chiudono a riccio, cercando di interrompere i concetti dell'interlocutore (Di Maio), con modalità arroganti ed irrispettose.

gianfranco chiarello 14.12.15 20:58| 
 |
Rispondi al commento

Mieli si sta guadagnando un'altra stagione in rai e la gruber si rinnova la tessera di partito!
Forza Di Maio una persona così onesta spero che un giorno se la possano meritare anche questi due teatranti a tariffa pd.
Forza Movimento 5 Stelle!

fabiola rossi 14.12.15 20:54| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Grande Di Maio, preparato e serio.

La Lilli e Mieli, scusate il francesismo, mi fanno davvero cacare. La rossa, invece di condurre, è di parte nei confronti del PD, Mieli il solito servo-leccaculo.

Non si sopportano più, comunisti nell'anima.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.12.15 20:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa sera a 8 e mezzo il nostro Di Maio!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.12.15 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Mettete dei fiori nei vostri cannoni, diceva una canzone dei Giganti..... e, ancora, in quegli anni, fate l'amore e non la guerra, con i simboli ai ciondoli delle collane.

Sarebbe troppo bello, ma irreale non fare l'amore, bensì tutto il resto.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 14.12.15 20:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"far credere agli schiavi di essere liberi"....ciao Maria Pia. mi chiedevo se è un passo avanti per gli schiavi. dico da quando si usavano altri mezzi di persuasione.....:)

Sandro ., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 20:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Argomenti troppo alti, inarrivabili. Credo che nemmeno governando si riesca a fare molto per limitare le armi. Si possono non comprare f35 o cose del genere ma le armi si devono produrre.
In ogni caso combattere per il disarmo è una causa perduta in partenza. Certo, possiamo disarmarci noi. E poi? Che beneficio ne otterremmo?
In realtà potrebbero disarmarsi tutti gli Stati che non hanno l'atomica. Poi però si dovrebbe far fronte a chi ci assalisse con frecce e spade. A chi chiederemmo aiuto?
Le armi sono necessarie, purtroppo.

GIORGIO S., TS Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.12.15 19:43| 
 |
Rispondi al commento

ot

renato schifani 17 novembre 2009

""«Compito del governo - dice la seconda carica dello Stato durante un dibattito organizzato dai Cavalieri del Lavoro - è lavorare per realizzare il programma concordemente definito al momento delle elezioni. Compito dell'opposizione è esercitare il proprio ruolo di critica e di proposta alternativa, in coerenza con il proprio mandato elettorale. Compito della maggioranza è garantire che in Parlamento il programma del Governo trovi la compattezza degli eletti per approvarlo. Se questa compattezza viene meno, il risultato è il non rispetto del patto elettorale. Se ciò si verificasse, giudice ultimo non può che essere, attraverso nuove elezioni, il corpo elettorale».

Per Schifani, questo «è sempre un atto di coraggio, di coerenza e correttezza verso gli elettori. Molti ordinamenti costituzionali da tempo accettano questi fondamentali principi di una democrazia matura. La scelta dei cittadini non va tradita, va rispettata fino in fondo, senza ambiguità ed incertezze. La politica non può permettersi di disorientare i propri elettori».""

i renzisti invece non si fanno scrupoli nel cercare i voti di persone elette nello schieramento a loro avverso per completare il (diabolico? :) ), disegno riformatrice...

http://www.unita.it/italia/schifani-se-la-maggioranza-non-egrave-compatta-si-torna-a-votare-cicchitto-c-039-egrave-disegno-anti-premier-1.32448

l'unità avvolte serve...

pabblo 14.12.15 19:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Grazie,servizio completato!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.12.15 18:53| 
 |
Rispondi al commento

Pronto,ecospurghi?
Pronto è la Mantova spurghi di via Pacinotti ?
Siiii...dica!
Ecco, potete venire immediatamente?
Abbiamo il blog ingolfato di m***a!
Si veniamo anche gratis se non è molta!
Noo,è solo m***a occasionale,poca ma maleodorante.
Si allora veniamo immediatamente!
Grazie!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.12.15 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non saranno gli alieni a riportare gli esseri umani all’anno zero, ma le banche mondiali e le multinazionali. Questi personaggi, nascosti dietro sigle, tengono in ostaggio il mondo e tutto finisce nei loro artigli. Gli autori di questo crimine andrebbero fucilati per alto tradimento, fantocci che hanno svenduto le rispettive nazioni e schiavizzato i propri cittadini. E’ inaccettabile anche il livello di passività raggiunto dalle classi subalterne che permettono a questi capitalisti di avvolgere il mondo in un sudario e assistendo rassegnati alla fine della civiltà. Il mondo viene messo in ginocchio da assassini seriali che dovrebbero essere processati e condannati per genocidio, se la Corte penale internazionale non fosse a sua volta un organo controllato dal sistema.
Nessun “cervellone” ha capito che la cancellazione degli Stati sovrani avrebbe condotto l’umanità verso una dittatura globale, tranne il Presidente venezuelano Chavez, che aveva visto l’abisso dove si intendeva portare l’umanità e vi si era opposto, impartendo una lezione di vera democrazia: garantire i diritti morali e civili a tutti per mezzo dello Stato, non affidarne la gestione agli avidi artigli dei capitalisti. La lucida visione di questo grandissimo uomo, scatenò una forsennata campagna contro di lui, dipinto come un dittatore e contro il marxismo facendo ricadere su di esso, le atrocità dello stalinismo e del maoismo, grazie all’ignoranza della gente che impedisce di fare luce sulle leggi specifiche del modo di produzione capitalistico e della sua contraddizione fondamentale. La macchina del fango messa in moto da questi criminali ha comportato il regresso generale del pensiero critico e della società, Delinquenti che conoscono l’importanza dell’ideologia con la quale tengono in ostaggio l’intero pianeta, arrivando a far credere agli schiavi di essere liberi.


Lingotti d'oro sotterrati sotto la cuccia di un paio di pit bull.
Oggi l'oro è anche ai minimi storici quindi conviene ancora di più oltre al fatto di essere liquidità come il contante. l'oro lo cambi ovunque.
Sono mesi che vi ripeto di scappare dalle banche.
Lo volete capire o no che le banche italiane sono controllate da mafiosi tramite fondazioni politiche?
Io non riesco a capire come si possa dare i propri soldi a qualcuno, solo perchè è seduto in giacca e cravatta dietro a una scrivania, e poi pensare che quel qualcuno non cerchi in tutti i modi di soffiarteli.
I soldi sono una droga e voi portate i soldi dove? a casa dei più grandi tossici del pianeta.
Io non so più come spiegarvelo.
Meglio farseli fregare a casa da un ladro che ha bisogno e non farseli fregare da un tossico in giacca e cravatta che è già ricchissimo di per se...poi fate un po come vi pare

Johnny Gaspari, Cepagatti Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.12.15 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Il merdaccia toscano non conta una cippa e ' solo la testa di cippa messo li a difesa delle lobbi bancarie & multinazionali......
OT??? ricercano i soliti zingari...per fargli cosa??? Tra loro ,rumeni ,tunisini ecc si e' sparsa la. voce..." in italietta il massimo che si rischia e' il figlio di via....ahahahah.."

http://www.baritalianews.it/22469/2015/12/14/campobasso-gruppo-di-rom-chiede-una-visita-ma-deruba-il-medico/
.

Incasnero 14.12.15 18:09| 
 |
Rispondi al commento

quanto manca all'uscita da euro e trattatiiiiiii??

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 17:46| 
 |
Rispondi al commento

ot

Banche, Boschi: “Mozione sfiducia contro di me? Voteremo e vedremo chi ha la maggioranza”

Josif Stalin: "quante divisioni ha il papa?"

mah...

arrogance...
eau de toilet? pour femme? :)

recuperare ilsenso della realtà...alla svelta :)

pabblo 14.12.15 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Non dite al toscano che guarda solo i sondaggi altrimenti si offende,coglione.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 14.12.15 17:12| 
 |
Rispondi al commento

ben svegliati italiani!!!!

godetevi fino in fondo questi 7 minuti di film nei quali si descrive alla perfezione l'ipocrisia che regna in occidente.

https://www.youtube.com/watch?v=ltFgYASod-U

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 14.12.15 16:57| 
 |
Rispondi al commento

forza....FORZAAA!!! tiriamo su questo blog che ci servirà a vincere le elezioni!
TUTTE le elezioni!!!
impegnatevi al massimo...per ritornare ai gloriosi 1000 post al giorno e più!
io sono come il colonnello di Apocalypse Now, quello a cui piaceva "l'odore del napalm al mattino"...
io sento l'odore della pulizia al governo di questo paese!!!

davide lak (davlak) Commentatore certificato 14.12.15 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Stasera non perdete di maio a otto e mezzo.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 14.12.15 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao,
per coloro che sono giovani e non ne sono a conoscenza, consiglio di andarsi a vedere un film di Alberto Sordi, di molti anni fa che s'intitola "Finchè c'è guerra c'è speranza". Esso è drammaticamente attuale e mette fortemente a nudo l'ipocrisia della piccola e media borghesia. Io ne ravvedo una forte analogia con l'attuale governo e le mistificazioni da esso adottate per far digerire le più schifose nefandezze che vengono perpetrate ai danni della gente povera ed onesta; vedi la questione delle banche e dei loro salvataggi.
Dino

dino 14.12.15 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a)O le vendiamo noi o le vende qualcun altro.

b)Non avere fabbriche di armi e' stupido (si vis pacem para bellum) .

c)Una politica estera si fa con relazioni internazionali supportate dalla possibilita' di farsi rispettare ed avere marina, esercito ed aviazione con nuclei operativi ed efficaci.

d)Il pacifismo di questo post va ascritto al ruolo di "Utopia: eresia perenne" .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 14.12.15 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Ho sentito ora che la banca d'Etruria ha finanziato per decine di milioni una Soc. che costruisce navi (mai varata una nave) , presumo che un finanziamento del genere sia stato autorizzato dal C.D.A , papà della Boschi compreso.

Ragazzi del Movimento indagate e fateci sapere.

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.12.15 15:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1) La casa è un diritto.
4) Sentirsi sicuro.

Qualcuno è in grado di spiegare pubblicamente nel blog, come si intendono sviluppare questi due punti?
La casa è un diritto per i cittadini italiani, o la proposta è aperta anche ai cittadini non italiani?
La casa può essere assegnata gratuitamente, o si dovrà pagare un regolare affitto?
Gli occupanti abusivi saranno obbligati a lasciare l'appartamento, o resteranno impuniti ad occupare illegalmente?
Cosa si intende per sentirsi sicuri?
Nei quartieri dove la criminalità ha preso il sopravvento, chiederete l'intervento dell'esercito per ripristinare la legalità, o lo faranno gli eletti del M5S in prima persona?

Ecco perchè è opportuno dare risposte analitiche ai 10 punti elencati, altrimenti sarebbe più onesto dire semplicemente che il M5S, davanti ai problemi che si evidenzieranno di volta in volta, si impegnerà ad affrontarli con serietà e trasparenza?

gianfranco chiarello 14.12.15 15:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

""Roma, 14 dic. (LaPresse) - "La Leopolda 6 si è chiusa con il maggior numero di partecipanti di sempre. Sono davvero felice di questa esplosione di buona politica". Lo scrive il premier Matteo Renzi in un post su Facebook. "Gli italiani - aggiunge - hanno voglia di luoghi in cui è possibile discutere, confrontarsi, ascoltare proposte. Sui giornali, come sempre, si è parlato di altro: soprattutto di banche. Ormai è una caratteristica della Leopolda: mentre i partecipanti discutono di politica, i media affrontano solo ciò che può essere 'vendibile' dai giornali. Quest'anno le banche, lo scorso anno il rapporto con la Cgil, due anni fa lo scontro nel Pd, tre anni fa il potere della finanza. Sono le regole della comunicazione e noi le rispettiamo. Ma questo non toglie che siano stati tre giorni fantastici, pieni di idee, sogni e progetti".""

intanto nel mondo reale:

""Il tasso annuo di inflazione si conferma allo 0,1% a novembre, in rallentamento di 0,2 punti percentuali rispetto a ottobre. È quanto emerge dalla stima definitiva Istat. Su base mensile, sempre a novembre, l'inflazione si attesta a -0,4%. L'inflazione acquisita per il 2015 resta stabile al +0,1%.""

matte' , te lo ripeto
o reddito minimo o pontassieve!
tertium non datur checchè ne dica il tuo think tank :)

ps

un saluto a er caciara... ah.. "Napoli tre cos' ten' bell.. o mare o sole e a Sfugliatell""?

pabblo 14.12.15 15:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori