Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Attentato al Made In Italy!

  • 19

New Twitter Gallery

madeinchina.jpg

"Se alla Cina venisse riconosciuto lo status di economia di mercato, per l'Europa sarebbe un suicidio con circa 3 milioni di posti di lavoro persi, 400 mila dei quali sono in Italia. I settori più colpiti dall'eliminazione dei dazi antidumping sono molteplici, in particolare siderurgia, meccanica, chimica, ceramica, bulloneria, carta, calzature, tessile e arredo. Tutti questi comparti garantiscono oggi al nostro Paese una notevole capacità di export. E' un attentato al Made in Italy.
Nonostante questi dati e nonostante sia Confindustria che i sindacati siano contrari al riconoscimento del MES alla Cina, il governo italiano non ha ancora espresso una opinione di netta contrarietà a questa ipotesi. Bisogna essere forti in Europa e battere i pugni perché tutti i Paesi nordeuropei (Germania e Gran Bretagna incluse) sono a favore. La Commissione europea ha un comportamento omertoso ed evita di affrontare il tema nonostante le ripetute interrogazioni e iniziative politiche dei portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

VIDEO La Cina ucciderà le PMI italiane


Domani, martedì 12 gennaio, a partire dalle 09:30 si terrà una conferenza dal titolo "China's market economy status; is winter coming for european industries?". Potrete seguirla in live streaming attraverso i nostri canali Facebook e Twitter. In questa battaglia il Movimento 5 Stelle non è solo. Parteciperanno all'evento organizzato dal copresidente dell'Efdd, David Borrelli, anche parlamentari europei di altri gruppi politici. L'obiettivo è far rete e informazione. Le imprese europee vanno salvate." M5S Europa

acquistavvw.jpg

11 Gen 2016, 16:20 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 19


Tags: Cina, Italia, M5S, M5S Europa, made in, made in italy, PMI, Ue

Commenti

 


Ciao è necessario un finanziamento per la casa, per la vostra
Business per acquisto auto , acquistare moto , per
creare la propria azienda per le vostre esigenze personali di più
Garantiamo doute.Nous di crediti personali dal 2000 al
€ 800.000 con un tasso di interesse nominale del 2 %, a prescindere
importo. Si prega di dirci nelle domande di prestito l'importo
vero che si desidera e la data. Si prega di scrivere al vostro
Prestiti personali : Credit Sigma per i propri servizi 24/24 ore P.S : I
successori prestano a persone mi rembourser.millerbettina7@gmail.com~~V

miller 17.02.16 11:32| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETE QUI: https://www.change.org/p/ministra-della-salute?recruiter=46243358&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=autopublish&utm_term=des-lg-share_petition-no_msg&fb_ref=Default

GIANCARLO O., SALSOMAGGIORE TERME (PR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.01.16 02:57| 
 |
Rispondi al commento

E' ovvio che questa cosa ai tedeschi conviene: loro non hanno mai prodotto un cazzo a parte le loro macchine di merda e la birra di cui si mbriàcano... Affossare l'Italia è un must.

Biagio C. Commentatore certificato 13.01.16 14:10| 
 |
Rispondi al commento

Parliamo di cinesi in Italia:
Qualcuno ha mai visto una famiglia cinese vivere in appartamento o in una casa residenziali?
A 200 mt da casa mia c'è un megabazar cinese dove vendono di tutto, e guarda caso i simpatici cinesini vivono comodamente negli uffici del Bazar, ovviamente sono locali commerciali e non per viverci.
Non capisco perché le autorità locali non se ne siano mai accorti e non vanno a fare qualche accertamento/ multa. Eppure di notte dalle finestre ( oscurate per non dare nell'occhio) si vedono le luci delle TV .
Allora siamo noi i fessi che paghiamo affitti, bollette, tarì, tarsu, canone Rai, ecc...
Loro così non pagano niente!!!!!
Vivono nei loro BAR,RISTORANTI,BAZAR
NON CAPISCO PERCHE I VIGILI NON VANNO A CONTROLLARE.
IO SE FOSSI VIGILE PRIMA DI TUTTO CONTROLLEREI FINO ALLO SFINIMENTO QIESTE SITUAZIONI, COME GLI STRANIERI (ROMENI IN PRIMIS) CHE GIRANO DA ANNI CON TARGHE ESTERE VIVENDO IN ITALIA. IN CENTRO A BOLOGNA C'E PURE UN AUTO TARGA ROMENA CON PERMESSO ZONA TRAFFICO LIMITATO MAGARI LO RINNOVA OGNI ANNO E NESSUNO DICE NIENTE. IO SONO STUFO DI ESSERE ITALIANO TARTASSATO E GLI STRANIERI INVECE FANNO QUELLO CHE VOGLIONO.
BUONANOTTE A TUTTI

Giorgio Rossi 12.01.16 21:54| 
 |
Rispondi al commento

NNON SO QUALI SIANO I COMMENTATORI DUI QUESOBLOG MA ANCORA UNA VOLTA SONO IN RITARDO CON LA REALTA' DELLE COSE: SONO DECENNI CH EI CINESI , SI BADI BENE IMMIGRATI , HANNO DEVSTATO LA PICCOLA INDUSTRIA ITALIANA NEL TESSILE E IN ALTRI SETTORI SE VOI CARI MIEI NON VENE SIETE ACCORTI E' UN PROBLEMA GRAVISSIMO, SOP'RATUTTO PER CHI VI VOTA E CREDE IN VOI ...NON VORREI CHE ANCHE IN QUESTO CSAMPO VI FOSSE DI MEZZO IL POLITICAL CORRECT COME PER GLI ABUSI SULLE DONNE DI COLONIA E ALTRE PARTI DELLA GERMANIA (MENTRE DI QUELLO CHE SUCCEDE IN ITALIA NESSUNO PARLA)

bulgarelli mario 12.01.16 16:42| 
 |
Rispondi al commento

O liberisti o nazionalisti.

Se i dazi antidumping ai cinesi vanno bene allora perché i dazi alla Germania o alla Polonia o all'Inghilterra no?
Perché sempre due pesi e due misure?
Se la Cina è un'economia di mercato allora valgono i trattati internazionali cretini che l'Italia continua a sostenere e che il M5S continua a sostenere:
prima smettetela di sostenere trattati di libera circolazione e scambio anche per gli altri cattivoni e poi parlate della Cina altrimenti i conti non tornano (e il maggiore concorrente per i prodotti italiani è proprio la Germania che ci fotte grazie alla moneta unica).
Non potete stare contro il libero mercato con la Cina se poi siete a favore del libero mercato europeo.

Smettetela con la cretinata di battere i pugni sul tavolo dell'Europa: o i pugni li battete in faccia a qualcuno o ve li tenete in tasca!
Dovete scegliere fra il bene dell'Europa e il bene dell'Italia e se scegliete la seconda allora sul tavolo dell'Europa battete una forte ma educata richiesta di uscita dall'Ue.
Quello che va messo in discussione non è la Cina ma i trattati internazionali che impediscono all'Italia di stabilire dei dazi antidumping con la Cina.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 12.01.16 14:47| 
 |
Rispondi al commento

Quelle poche che restano ! Il suicidio è tutto per il popolo che i manovratori : l'alta finanza e la grande industria , ne traggono grandi vantaggi ! L'apertura è in atto da tempo , già da più di dieci anni si decise , sotto spinta americana , di aprire ai prodotti cinesi senza i dazi che li parificassero rispetto ai nostri ! Omicidio ! Non suicidio , che chi prese questa distruttiva decisione sapeva bene che avrebbe distrutto la vita dei nostri operai , del nostro tessuto produttivo ! Pazzi incoscienti ? No , solo gente che ne avrebbe tratto grande vantaggio con la delocalizzazione in Cina del lavoro ! Così al grido di " Bisogna competere ! " , si tolse buona parte del lavoro agli europei per darlo ai cinesi a un costo molto minore per il capitale e l'industria ! Il mio lavoro crollò , sono un discreto pittore , mi ritrovai a dover competere con i pittori cinesi che offrivano al mercato quadri a 10-30 euro , il prezzo della sola tela per me . Come posso competere ?! Così per i tanti altri lavoratori , dagli artigiani agli addetti dell'industria , tutto il comparto produttivo ne risentì fortemente ! Intanto gli americani che avevano voluto la globalizzazione selvaggia iniziarono a reintrodurre i dazi , ordinando ai loro servi governanti europei e sopratutto italiani e greci di non fare altrettanto ! Ora stanno completando l'opera estendendo il più possibile l'apertura dei mercati ! Non si può non concludere che se uniamo questa destabilizzazione alla destabilizzazione politica dei Paesi che confinano con l'Europa ne risulta una chiara volontà di bloccare il formarsi di una vera Unione Europea che toglierebbe la leadership mondiale Agli Stati Uniti ! Accontentiamoli e risorgeremo ! Torniamo agli Stati nazione .

vincenzodigiorgio 12.01.16 12:36| 
 |
Rispondi al commento

PEr quale motivo i paesi nordici sono a favore?

Stefano P., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 12.01.16 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Ma che differenza c'è' tra la concorrenza dei cinesi della Cina e la concorrenza dei polacchi della Polonia o dei Rumeni della Romania ( vedi Saeco) o dei Lavoratori low cost del resto d'Europa? Ma il tessile non è' stato ammazzato anche dalla delocalizzazione nei Paesi della fascia africana mediterranea? Marocco, Algeria e Tunisia dove anche Benetton e molte altre aziende hanno investito per sfruttare il lavoro low cost e le leggi di quegli Stati che permettono di fare impresa mentre da noi con i lacci burocratici, le migliaia di vincoli e una tassazione al. 64 per cento per le PMI non c'è' più verso fare impresa? E poi se si mettono i dazi ai cinesi e i cinesi comprano poi direttamente le aziende italiane che succede? Se vengono qui a produrre in Italia come a Prato o in altri distretti? Cosa è' rimasto alla industria Italiana, al Made in Italy del tessile per esempio? Con i maggiori marchi veduti a multinazionali estere?

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato 12.01.16 07:48| 
 |
Rispondi al commento

Mi era sfuggito prima:
"siderurgia, meccanica, chimica, ceramica, bulloneria, carta, calzature, tessile e arredo. Tutti questi comparti garantiscono oggi al nostro Paese una notevole capacità di export. " .

Cosa c'entra con i dazi eventualmente da porre internamente o a livello EU ?

Poco o nulla.

L'exporto sui mercati mondiali NON varia se la Cina DA NOI entra senza dazi .

Infatti sul mercato mondiale la cina c'e' gia' , sono le nostre aziende che non hanno convenienza ad esserci.

La competitivita' e del sistema ed il sistema Italia non puo' competere con imposte, balzelli , lacci e lacciuoli che rendono non-conveniente lavorare .

La Cina e' un problema da affrontare nelle sedi opportune per perequare l'import.

Ma non possiamo legiferare sull'export Cinese in concorrenza col nostro, nei paesi terzi .

La frase sopra riportata non c'entra nulla col problema del dumping dei prodotti cinesi in entrata in italia .

Chi scrive questi (ed altri post) non sa quello di cui si parla .

Il lavoro da fare e' convincere i paesi terzi importatori (es.: Messico, Brasile , ecc ) che per loro e' conveniente porre dazi superiori ai prodotti provenienti dalla Cina rispetto a quelli provenienti da EU perche' se non lo fanno noi mettiamo dazi superiori ai loro prodotti verso EU.

La lotta si fa con santi ricatti bilaterali .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 12.01.16 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Se devo continuare a nuotare in un mare di cazzate, datemi almeno dei braccioli, sono stanco.

Impedire agli altri di produrre o di vendere, non è il giusto modo di competere. Il problema del Made in Italy, è stato sempre affrontato in modo miope. L'Italia manifatturiera, con il suo artigianato, ha sempre vantato una produzione di alto o altissimo livello, certo diversa, da quella molto più economica e maldestra della Cina.
L'errore che si commette soventemente e quello di volere raffrontarsi sul prezzo più che sulla qualità, lasciando indifesi da plagio prodotti impareggiabili ed inimitabili.
Un esempio per tutti può essere quello del riconosciuto re dei formaggi, il Parmigiano Reggiano, che nonostante le sue impareggiabili organolettiche e nutritive proprietà, si trova, per una questione di traduzione, ad essere sostituito, nell'immaginario collettivo e sulle tavole di tutto il mondo, dal "parmesan" prodotto dalla kraft e da molte altre aziende, che con l'italia, nulla hanno a che vedere, danneggiando con tali derrate sicuramente più economiche, ma qualitativamente inferiori ed imparagonabili, oltre all'economia nazionale anche l'immagine del prodotto stesso.
Questa fasulla competizione, per una falsa idea di posizionamento, spinge verso una flessione dei prezzi che a lungo andare, deve per forza di cose, danneggiare la perfetta realizzazione del prodotto di eccellenza, portandolo su di un piano più facilmente attaccabile dalle multinazionali fino alla sua definitiva eliminazione.
Il problema va affrontato in modo diverso, io non mi sognerei mai di pagare una Ferrari al prezzo di una FIAT 500, perchè in questo caso, la differenza mi risulta evidente e così, allo stesso modo, deve risultare evidente a chi non conosce le nostre trimillenarie tradizioni, la diversità qualitativa che esiste tra i prodotti del Made in Italy e "gli altri", imitazioni incluse.
Naturalmente tutto ad un giusto prezzo, che lasci inalterati gusto, qualità e voglia di produrre.

Ciro Iengo

ciro iengo (kyrosoryk), Portici (NA) Commentatore certificato 11.01.16 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E no un momento si è sempre parlato di imprenditoria di mercato di libero mercato e adesso che posso acquistare prodotti cinesi al prezzo equo anziche gonfiato per far guadagnare gli imprenditori de noantri,quelli che quando c'è crisi vogliono la cassa integrazione PAGATA DA ME e quando invece la crisi non c'è portano i soldi all'estero SUI CONTI LORO,ebbene ve lo dico chiaro : annateve tutti dove dice sempre Beppe.

Per gli operai su cui si piange tanto è ora che spariscano,oggigiorno se non sai fare nulla devi fare il disoccupato.......................

Andrea B., Perugia Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.01.16 20:20| 
 |
Rispondi al commento

Oggi un progettista elettronico che anche lavori da solo sul suo CAD fa il disegno in casa sua , manda il file con il PCB in Cina e riceve le schede in 15 gg circa .

Le mette sulla sua macchina a montaggio superficiale (che usa da solo) e fa le produzioni fino a circa 1000 pezzi .

Se la produzione supera qualche migliao di unita' allora fa fare tutto la' .

Non e' è solo un problema di costi ma di realta' dimensionali: per il mercato Italiano le macchine sono dimensionate in un certo modo, per il mercato Cinese ovviamente in un altro .

Questo rende la cosa impari.

Come la carne Argentina: costa zero , solo bisogna convincere il bue a farsi prendere.
Eppure noi non possiamo importare carne argentina, cosa fatta per difendere i nostri allevatori.

Pero' i nostri bambini mangiano meno carne di buona qualita' perche' costa troppo .

Cosa e' meglio fare ?

Pensare di mettere dazi e' come pensare di poter fare lo sgambetto al treno .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 11.01.16 20:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quello che non capirò mai è la globalizzazione, cioè la coesistenza dell'economia di mercato senza regole con l'economia di mercato con regole. Quando parlo di regole non mi riferisco solo alle condizioni di lavoro, ai diritti dei lavoratori, alle norme civili che le democrazie occidentali hanno prodotto dopo lotte e guerre, ma anche al rispetto del territorio, all'inquinamento dell'aria e del suolo che in Cina è, appunto, senza regole.
La domanda è: in base a quali requisiti occidentali si vuol dare alla Cina lo status di economia di mercato?

M. Mazzini 11.01.16 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché non vi incazzate anche per il prezzo della benzina che abbiamo, quando il barile costa 33 dollari ?

alex bi 11.01.16 19:20| 
 |
Rispondi al commento

io continuo a sentire che è la politica che ha venduto il made in italy . bene penso che sia falso esso è stato rovinato dagli italiani stessi che per una manciata di sporchi denari in piu dei tanti che gia prendevano son andati ad investire all estero senza pensare che il loro malloppo lo avevano fatto sulle spalle degli italiani . la politica sta solo approfittando della miseria morale degli italiani chi sofre del proprio male pianga se stesso buona giornata

renato costalonga 11.01.16 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Come e' noto l'Europa attuale ha una impostazione liberista, contraria cioe' all'adozione e alla permanenza di dazi doganali. Mi sembra difficile cambiarla da una posizione di netta minoranza e ancora piu' improbabile che il governo italiano si impegni in una battaglia sicuramente perdente. Al Bomba non piace perdere, le imprese italiane si preparino percio' ad adottare contromisure che non siano riduzioni salariali.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 11.01.16 16:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori