Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L'imprenditore che lascia ai dipendenti eredità milionaria

  • 32

New Twitter Gallery

pieromacchi_.jpg

"Un premio in busta paga da migliaia di euro, più o meno corposo a seconda dell'anzianità, a tutti i dipendenti. E' l'inaspettato regalo di Natale ricevuto dai lavoratori della Enoplastic di Bodio Lomnago, in provincia di Varese. Ultimo dono che il fondatore dell'azienda, Piero Macchi, scomparso a luglio, ha voluto fare a chi ha lavorato per e con lui. Insieme al denaro una commovente lettera scritta dalla moglie di Macchi, Carla.
Sono stati gli stessi dipendenti a raccontare a varesenews.it della generosità di Macchi, la cui storia imprenditoriale iniziò nel 1957. Oggi la sua Enoplast, che conta 280 dipendenti e filiali negli Usa, in Spagna, in Australia e in Nuova Zelanda, è leader nella produzione di capsule, tappi e chiusure per l'industria enologica. "Ci siamo sempre considerati una grande famiglia e questo regalo di Natale è un segno di tutto questo", commentano alcuni dipendenti dello stabilimento di Bodio Lomnago".
Fonte

acquistavvw.jpg

9 Gen 2016, 12:04 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 32


Tags: eredità, imprenditore, macchi

Commenti

 

Da un gesto simile,indipendentemente dalla cifra,si denota la personalità e la generosità d' animo di questo grande UOMO.Chapeau

celestino ercoli 13.01.16 10:21| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno, una rondine non fa primavera, purtroppo, il grande gesto di questo Signore sia d'esempio a tanti riccastri come quelli intervistati nell'inchiesta " l dieci comandamenti" a Milano; rai 3 ieri pomeriggio. Cambio argomento, mi sono veramente rotto di vedere e sentire tutti i media contro la prima cittadina di Quarto e l'indegna gazzarra dei piddioti ... da che pulpito!!! Cittadini parlamentari, di grazia, non favorite in alcun modo in parlamento il pd.Grazie, WMV5*****

leopoldo cerantola 10.01.16 14:30| 
 |
Rispondi al commento

I nostri politici si staranno sicuramente interrogando sul perchè gli siano sfuggiti questi soldi che sarebbero dovuti andare nelle loro tasche e non nelle tasche della plebe sicuramente adesso si impegneranno affinchè simili imprenditori populisti scompaiano dallo stivale. Se ci fossero dei populisti al governo avremmo un Italia da serie A. Ma a giudicare dalla magra figura che abbiamo fatto con i sauditi per i rolex mi viene da dire che per noi italiani non c'è più niente da fare se non cacciare a calci in culo questi assetati di sangue. W il populismo a morte questi pseudi patrizi (ladri nell'anima)

Luigi Gatti 10.01.16 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Invece il titolare dove lavoro io, c'ha fatto un cesto di natale del valore di 8,99€... c'erano 4 cioccolatini (di sottomarca) in croce...
Evidentemente per lui, noi non contiamo niente...
ONORE al sig PIETRO MACCHI, come diceva lui, i dipendenti dovrebbero essere visti come una risorsa e non semplicemente come una spesa...

Luca Sabatini 10.01.16 09:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si, complimenti ad un Signore onesto e generoso, ma in tv degli intervistati nessuno ha preso più di 6000 euro e non mi pare che il Sig. Macchi avesse più di 200 operai, quindi 1.500.000 euro.....qualcosa non quadra.

Wlad d. Commentatore certificato 10.01.16 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ce ne vorrebbero tanti così!

l'Italia con la A maiuscola era fatta da questi uomini 10.01.16 05:54| 
 |
Rispondi al commento

Un altro esempio eclatante di beneficenza (ovviamente all'estero) è quello di due degli uomini più ricchi del mondo, Bill Gates e Buffet che hanno lanciato una sfida agli altri miliardari: mettere insieme 600 miliardi di dollari, una cifra pari alla metà del Pil dell’India.
Il patrimonio di Gates raggiunge i 54 miliardi di dollari: si vive bene anche con la metà. E 27 miliardi sono un mucchio di soldi che potrebbero andare per combattere la povertà o per sostenere la ricerca, la cultura, la tutela dell’ambiente.
Si tratta convincere i 400 uomini più ricchi degli Stati Uniti presenti nella lista della rivista Forbes a impegnarsi – seriamente e ufficialmente – a devolvere almeno il 50% del loro patrimonio in opere benefiche nel corso della loro vita o come volontà testamentaria.
I due sono convinti dell’effetto virtuoso del loro esempio e della cosiddetta “pressione dei pari“. In altre parole, se io metto mano al portafoglio convincerò anche i miei colleghi miliardari a farlo. Per convinzione, per “immagine”, o solo per non essere da meno.
Dubito che un simile esempio possa avere molto seguito da noi. Per cui l'esempio dell'imprenditore Piero Macchi assume anche più valore, come una voce nel deserto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 09.01.16 19:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il gesto di quest'uomo mi ha commossa tanto più che scelte simili sono rare o quasi uniche in un Paese come l'Italia dove la cultura generale è improntata al più bieco egoismo e dove al massimo si provvede al clan famigliare
In altri Paesi, invece, gli Stati uniti, per esempio, gli atti di benefattori, sponsor, mecenati, finanziatori, sono frequenti e tutte le grandi associazion umanitarie sono beneficate da uomini potenti che danno parte della loro ricchezze per l'aiuto del mondo
L'Italia è un Paese cattolico ma la sua fede religiosa è evidentemente più di superficie che di sostanza e non tocca il mondo dei più ricchi, sempre più aggrappati ai loro privilegi e volti a rapine ulteriori, e sempre più incuranti del bene dei loro dipendenti, della salvezza dei più poveri, degli aiuti a giovani
Da questo punto di vista, sembriamo a un popolo che ha perso il senso della partecipazione come della carità
Se i simboli della nostra epoca sono Marchionne, Bagnasco, Berlusconi o Renzi possiamo aspettarci pochi simboli positivi che siano di incoraggiamento agli altri per un futuro migliore

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 09.01.16 19:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UNA BELLISSIMA PERSONA.
Ma rara, purtroppo!

giovanni ., Roma Commentatore certificato 09.01.16 19:30| 
 |
Rispondi al commento

anche berlusconi era generoso ma con le patonze.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 09.01.16 19:02| 
 |
Rispondi al commento

IDENTICO, UGUALE al mio datore di Lavoro che dopo ventanni di sacrifici neanche un centesimo per il mio credito ENORME PRIVILEGGIATO di arretrati TFR e quant'altro. Come il papa' di matteo con tecniche avanzate TRE FALLIMENTI, un IMPERO, nelle grandi opere METROPOLITANA MILANESE- PASSANTE FERROVIARIO- ASFALTI e SCAVI dappertutto, ma la lotta dal 2010 prosegue, revocatorie atti criminosi e bancarotta.Gia' condannato tangentopoli ma da Bandito al contrario di MACCHI, eppure Milanese di sette generazioni. Spero con altrettanti 100 colleghi tra operai ed impiegati.

Emilio C., MILANO Commentatore certificato 09.01.16 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Creiamo una lista dei veri Onorevoli.
Portiamo a conoscenza di tutti i nomi di questi Uomini

fiorangelo forno, susa Commentatore certificato 09.01.16 18:30| 
 |
Rispondi al commento

persone come queste avranno i veri elogi solo da PERSONE CHE NELLA VITA SONO STATE ONESTE E CORRETTE un plauso alla sua memoria

franco carreri 09.01.16 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Quest'uomo dal grande cuore ha capito che la vera risorsa non è il vil denaro ma l'uomo. Non si può investire solo nei robot, nei computer e nella tecnologia ma anche in noi stessi. Basterebbe ricordarci che siamo tutti esseri viventi e che dobbiamo crescere negli stessi diritti e negli stessi doveri senza egoismi e senza indifferenza. Questo lo si deve fare sempre e non soltanto dopo la morte perchè le azioni più importanti e più vere sono quelle fatte tutti i giorni!

dario fertoli, beverino Commentatore certificato 09.01.16 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Questa Persona è Onorevole !!!!!
Cordialità

Toto A., Milano Commentatore certificato 09.01.16 16:45| 
 |
Rispondi al commento

"ma quanto e' buono lei".

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 09.01.16 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Un grande semplicemente ! In tempi nei quali spesso gli imprenditori ti licenziano ma continuano a circolare con auto costose (e inutili) e tu sei costretto a rivolgerti agli avvocati o ai sindacati per difendere Il tuo diritto al lavoro ci vogliono queste figure come esempio. Spero che a loro volta i dipendenti si esprimano in gesti di generosità verso altri bisognosi. Complimenti anche alla Signora.

barlafuss 09.01.16 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non lo ha fatto per lavarsi la coscienza.

PZ 09.01.16 14:35| 
 |
Rispondi al commento

un cervello sano intelligente

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 09.01.16 14:30| 
 |
Rispondi al commento

Se tutti fossero come lui... che riposi in pace...

David Z., Milano Commentatore certificato 09.01.16 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo, ce ne sono pochi come lui.
Lavorare con gente del genere è una soddisfazione enorme.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 09.01.16 13:59| 
 |
Rispondi al commento

Non esistono parole per esprimere un elogio a questo NOBILUOMO.

rocco 09.01.16 13:15| 
 |
Rispondi al commento

UN ALTRO IMPRENDITORE ONESTO SI CHIAMA BRUNELLO CUCINELLI !!!
SPERO NE ESISTANO ANCORA ALTRI, FORSE POCHI, MA CREDO DI SI !!!

Franco Della Rosa 09.01.16 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Proprio come altro imprenditore tempo fa (mi pare fosse imprenditore messicano).
Ha venduto la sua attività ad una multinazionale e, siccome la stessa non garantiva la riassunzione dei dipendenti, ha diviso il ricavato della vendita della sua azienda tra i suoi collaboratori tenendosi una parte del ricavato (dicendo che lui aveva guadagnato abbastanza), mi pare che siano arrivati sui 200 mila dollari a testa.
Questi sono imprenditori consci del fatto che se hanno avuto dei guadagni dalla loro attività la hanno avuta anche grazie ai loro dipendenti.
Questi si che sono IMPRENDITORI con la I maiuscola anche se c'è da "spezzare una lancia" in favore di quei datori di lavoro che vessati dalle altissime (65-70%)tasse che pagano in Italia possono anche trovare una giustificazione nel momento in cui chiudono le loro attività in Italia per andarle ad aprirle all'estero.
D'altronde non è semplice nemmeno per chi (come il sottoscritto) essendo lavoratore dipendente è conscio di partecipare alle spese statali con un 40% del suo stipendio, non è semplice perchè altresì conscio che di quel 40% più dei 2/3 se li rubano politici di professione, loro sodali, loro protetti e chi a loro porta pacchetti di voti.

mario 09.01.16 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori