Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Olio extravergine italiano: la qualità ha il suo prezzo

  • 60

New Twitter Gallery


La qualità ha il suo prezzo, è impossibile ottenere un olio extravergine di oliva, buono che faccia bene a dei prezzi come spesso si trovano negli scaffali della grande distribuzione a 3/4/5 Euro, sicuramente non è un prodotto italiano, ma poi anche se fosse un prodotto mediterraneo comunque non è al 100% naturale o comunque olio extravergine di oliva. Oggi intervistiamo Andrea Gradassi, produttore di olio ed esperto di olivicoltura.

Un saluto a tutti gli amici del Blog di Beppe Grillo, siamo qui in Umbria per farvi vedere da dove parte l’olio extravergine di oliva, i costi e la fatica c’è dietro alla produzione di un buon prodotto sano e che faccia bene. L’olio extravergine di oliva è un prodotto naturale ottenuto dalle olive raccolte durante il periodo di maturazione e lavorate esclusivamente con procedimenti meccanici, non c’è l’utilizzo, né l’aggiunta di nessun altro ingrediente, è un prodotto naturale altamente salutare per il nostro corpo.

Come si produce l'olio extravergine

Si parte dalla raccolta delle olive che per gran parte avviene manualmente o con l'aiuto di agevolatori meccanici, perché il 90% dell’agricoltura italiana, è ancora tradizionale, non intensiva e né super intensiva, quindi la meccanizzazione di questo processo produttivo è ancora agli inizi, ci sono molti costi di manodopera e di produzione, di raccolta. E' importante dire che per la produzione di olio extravergine di oliva di alta qualità bisogna raccogliere le olive nel momento di maturazione, quando l’oliva non è completamente matura questo sicuramente dà molta qualità e sapore sia dal punto di vista di gusto, ma anche chimico all’olio extravergine di oliva, però allo stesso tempo comporta delle rese in olio extravergine di oliva più basse rispetto a una raccolta tardiva. Questo cosa vuole dire?

Il costo reale dell'olio extravergine
Vuol dire più qualità, ma meno quantità e quindi un costo maggiore.
- In un giorno manualmente o con l'aiuto di mezzi meccanici se ne raccolgono di più, però al massimo un quintale, un quintale e mezzo d’oliva, che può fruttare dieci litri d’olio. Dieci litri d’olio sono 100 Euro, 80 Euro li prende chi li raccoglie, le spese per la potatura, per la pulizia del terreno, quindi non è possibile vendere l’olio a bassi prezzi.
- Adesso ritiriamo tutto e andiamo al mulino.
- L’oliva deve essere lavorata fresca, al massimo entro 12 ore dalla raccolta, così si interrompono tutti gli eventuali processi fermentativi dell’oliva che possono nascere in attesa al frantoio. Il 90% dei frantoi presenti in Italia sono a ciclo continuo, quindi usano le più moderne tecnologie che permettono di ottimizzare tutte le fasi dell’estrazione, sempre con un occhio rivolto alla qualità, la temperatura di estrazione inferiore ai 27°, una granulazione se è possibile in assenza di ossigeno e tante altre cose tecniche che portano ad ottenere un olio di alta qualità ma anche con un suo prezzo.

Extravergine al 100% italiano
Quando andiamo a comprare un olio extravergine di oliva, visto che siamo italiani e ci piace mangiare italiano, bisogna affidarsi a un olio extravergine di oliva 100% italiano da olive coltivate in Italia, leggete bene le etichette anche perché comprando un olio italiano si difende anche l’agricoltura italiana e gli agricoltori italiani e quindi proteggono anche il territorio, sicuramente gli oli che costano troppo poco, quindi dai tre Euro anche ai cinque Euro, al di là che sia buono o meno ma non c’è neanche olio extravergine di oliva, se invece si vuole comprare un olio extra vergine di oliva, sicuramente affidiamoci a un prodotto 100% italiano o anche Dop o di agricoltura biologica, quindi di denominazione di origine protetta o di agricoltura biologica, un olio extravergine di oliva italiano buono, deve costare almeno sugli otto Euro, cifra ovviamente che consente agli agricoltori e anche a tutta la filiera poi produttiva e distributiva e di affrontare tutti i costi.

Qualità e diversità
Poi da qui si può salire e ci si può sbizzarrire anche da un punto di vista della qualità e della diversità che il mercato e che la nostra agricoltura ci mette a disposizione, quindi possiamo scegliere per esempio degli oli monovarietali denominazione di origine protetta, dalle varie zone d’Italia, quindi possiamo scegliere un olio 100% siciliano, umbro, 100% toscano del Garda etc., pensate solamente che in Italia esistono più di 400 tipi di olive diverse e ogni pianta di oliva dà un olio con dei sentori differenti, questa è anche un’altra ricchezza dell’Italia che è unica in tutto il mondo.

Gusto e profumo dell'olio extravergine
Un olio extravergine di oliva non deve avere difetti all’assaggio, quindi senza arrivare alla parte chimica, senza arrivare alle analisi, comunque anche per un non cultore di questo prodotto è possibile capire se è un olio extra vergine di oliva buono oppure no, innanzitutto quindi non deve avere difetti, quindi non deve avere sensazioni di rancido, di muffa, terra e altri difetti che magari sono solo più tecnici ma lasciano al palato una sensazione non piacevole, anche il colore che deve andare dal giallo, al verde, il colore dipende dalle zone di produzione perché si può avere un olio più paglierino al nord o un olio molto verde smeraldo per esempio del centro Italia come in Umbria e Toscana, il profumo è fondamentale, un olio deve essere floreale, erbaceo, fruttato, sapere di oliva verde e dare la sanzione di qualcosa di vivo al gusto, deve presentarsi altrettanto fresco, erbaceo con dei sentori che poi i sentori vanno da posto a posto, da zona geografica a zona geografica e da oliva a oliva, pensate solamente che in Italia esistono più di 400 tipi di olive diverse e ogni pianta di oliva dà un olio con dei sentori differenti, al gusto deve presentarsi fresco, erbaceo, profumato con retrogusto di piccante e a volte anche amaro. Gli oli con un’alta presenza di polifenoli e di antiossidanti hanno proprio questa nota caratteristica di amaro e piccante nel finale dell’assaggio.passate parola!

acquistavvw.jpg

13 Gen 2016, 14:50 | Scrivi | Commenti (60) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 60


Tags: Andrea Gradassi, olio, olio d'oliva, olive

Commenti

 

Feci un corso di assaggiatore di olio d'oliva molti anni fa a Piacenza (per il mio ristorante a Milano). In quell'occasione mi spiegarono che il problema è nell'etichetta della bottiglia d'olio d'oliva.

The Dhaba Milano, Mlano Commentatore certificato 02.12.16 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Articolo sacrosanto. Siamo sommersi da oli provenienti dall'estero e spacciati per italiani e noi piccoli produttori facciamo fatica ad emergere. Raccomando di diffidare dai prodotti a basso costo distribuiti dai supermercati e rivolgersi direttamente dai produttori eliminando i ricarichi di intermediazione ma sopratutto evitando i rischi di truffe e sofisticazione.

Luigi Cafarelli 22.11.16 00:01| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti, appena due giorni fa ho finito di raccogliere le olive dei miei oliveti che, quest'anno hanno prodotto a pieno carico e, nonostante ciò, la resa non è stata alta, per intenderci la media di 10 litri per quintale, quindi, i prezzi dell'olio sarà più rispetto agli altri anni. Comunque, le mie olive le ho tutte molite trasformandole in olio che ovviamente vendo, chi è interessato mi può contattare anche per sole informazioni all'indirizzo e-mail: f.cursio@hotmail.it.

Francesco Cursio 14.11.16 01:07| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per questo bellissimo servizio. Ne sono contento in qualità di produttore di extravergine di oliva bio e anche come direttore della rivista vdg i viaggi del gusto. Ho fatto decine di servizi sul mio giornale ma non bastano mai. Sembrano tutti sordi grazie ancora per questo intervento
Domenico Marasco
Editore e direttore
Vdg i viaggi del gusto giornale di bordo dei treni Italo

Domenico Marasco 14.02.16 22:02| 
 |
Rispondi al commento

L'olio di oliva vera è BUONISSIMO, ma chi non l'ha potuto mai assaggiare non lo può sapere.

Io me ne sono accorto una quindicina d'anni fa quando l'ho fatto, prima pensavo che l'olio d'oliva fosse quello del supermercato, ma sono due prodotti completamente diversi.

Consiglio a tutti di non comprarlo mai dalla grande distribuzione, mai, ma di andare al frantoio più vicino, o meglio ancora di trovare un piccolo produttore e prenderlo da lui (spesso lo vendono praticamente sottocosto perchè il prezzo lo fa il mercato).
Se io dovessi venderlo per non andare in perdita dovrei venderlo almeno 15 euro al kg, e sarebbe ancora poco, quindi secondo se ve lo vendono a meno di 10 siete a rischio.

Buon assaggio!

fabrizio castellana Commentatore certificato 14.01.16 14:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche se sono d'accordo sul fatto che l'olio buono ha un costo superiore ai 4/5 euro/lt. dei supermercati, bisogna dire che quanto affermato è un pò esagerato al "ribasso"; infatti per esperienza personale, come raccoglitore sia di olive proprie che altrui, posso dire che solitamente da 100 kg di olive raccolte si estraggono mediamente 12 lt. di olio e non 10 come affermato nell'articolo e che inoltre al raccoglitore in genere spettano solo 6 lt. dell'olio estratto dal suddetti 100 kg. di olive, per cui al proprietario restano i restanti 6 lt...
per cui al raccoglitore vanno 60 euro e altrettanti vanno al proprietario ... DI SEGUITO

aIn un giorno manualmente o con l'aiuto di mezzi meccanici se ne raccolgono di più, però al massimo un quintale, un quintale e mezzo d’oliva, che può fruttare dieci litri d’olio. Dieci litri d’olio sono 100 Euro, 80 Euro li prende chi li raccoglie, le spese per la potatura, per la pulizia del terreno, quindi non è possibile vendere l’olio a bassi prezzi.

Carlo MARCON 14.01.16 12:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Meglio parlare di scie chimiche in questo momento. Hanno bombardato l'Italia per 15 giorni continui da nord a sud isole comprese, e migliaia di italiani in maggioranza bambini sono tutti con la diarrea(sciolta popolare). Di cosa ci dobbiamo meravigliare se abbiamo tutto contraffatto in nome dei prodotti tipici italiani. Il bello deve ancora venire, dietro l'angolo c'è il famigerato TTIP, poi ci imporranno l'olio di oliva prodotto in Alaska!!!!!!!!!!!!!! Per la vicenda Xilella in Puglia, gli ulivi secolari danno fastidio al gasdotto della Merkel. L'olio prodotto in Calabria ed altre regioni dalla cultivar Carolea, non rispetta i parametri di un acido grasso, l'acido eptanoico. Questo parametro è stato stabilito dal Consiglio Oleicolo Internazionale il mese di luglio 2015. In conclusione, l'olio prodotto dalla cultivar carolea non può essere venduto come extra-vergine, ma deve essere miscelato ad altri oli. In soldoni, la campagna olearia 2015 è stata eccezionale come se ne ricordano poche per qualità e quantità. Gli intermediari comprano l'olio di eccezionale qualità per aggiustare le enormi quantità di olio di scarsa qualità proveniente dall'estero che poi viene venduto come extra vergine a 3,50€ al litro dalle multinazionali. Europa, Governo, Consiglio Oleicolo Internazionale, andate a ca--re

Carlo Cuda, Falerna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 14.01.16 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Parole sante. Ve lo dice uno che per gioco ha piantato seicento alberi di ulivo (in Umbria) e che ogni anno li pota e li raccoglie. Lasciate perdere, a me un litro d'olio viene a costare venti euro.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 13.01.16 16:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il caso comune di Quarto è solo un primo assaggio di quello che il PD si appresta ad organizzare contro il Movimento.
Ragazzi preparatevi le strategie ora, non fatevi prendere dal panico e dall'ansia durante i fatti.

Grillo metti in moto la materia grigia , prepara la contraerea e le bombe di profondità, gli attacchi arriveranno da tutti i lati , da sopra e da sotto.

Ho fede nel Movimento.

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.01.16 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Insisto,

e parlo a quella base elettorale del PD che è formata dalla falda nostalgica del PCI e in buona fede crede ancora che esista la sinistra: ficcatevi in testa che il PD "E' LA NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA!!!!". E come la prima Dc è sostenuto dalla grande finanza, dai banchieri, dai grandi capitalisti.
Sono pronti a tutto, e ho paura che quando arriverà il momento in cui il loro potere sarà realmente in pericolo ricorreranno di nuovo come in passato all'aiuto dei servizi segreti, delle mafie, della cia. E allora ci sarà un'altra stagione di piombo, con finti gruppi eversivi e stragi di stato.

Raffaele M. Commentatore certificato 13.01.16 16:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/
tutto giusto,io prendo quello certificato a 8 euro a bottiglia,ossia 750 mm,ma ricordiamoci pure che se uno lo compera a buon mercato è perchè non ci sono soldi

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.01.16 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Son qua che mi rodo il fegato e

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 13.01.16 16:46| 
 |
Rispondi al commento

.... ma l'olio di vasellina non c'entra niente, vero?

Er Caciara er mejo de 'a curva sudde Commentatore certificato 13.01.16 16:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'italiota standard mangia l'olio da 3 euro in offerta ma poi mette l'olio turbo sint specifiche api...... Alla macchina per proteggere il motore della sua auto...lo stesso italiota che ha la figlia diciottenne(forse meno) che si tromba il marocchino spacciatore clandestino dai denti marci per avere la dose gratis...olio buono a che serve?

me 13.01.16 16:36| 
 |
Rispondi al commento

I ristoranti cinesi ALL YOU CAN EAT
sono sempre piu' pieni...

PZ 13.01.16 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Articolo 1
L'Italia è una "Repubblica democratica", fondata sul JOBS ACT.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione Riformata: FLESSIBILE, A TUTELE CRESCENTI e OLIO DI RICINO

Antonino Marrara, Pisa Commentatore certificato 13.01.16 16:34| 
 |
Rispondi al commento

Il costo reale dell'olio extravergine...in assenza di ossigeno e tante altre cose tecniche che portano ad ottenere un olio di alta qualità ma anche con un suo prezzo.

Antonino Marrara, Pisa Commentatore certificato 13.01.16 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Quando il povero consumatore. ha come punto di riferimento solo il prezzo, rimane sodomizzato 2 volte.
Se un olio extravergine, non può costare al di sotto di una certa cifra, il giorno dopo, le autorità competenti, dovrebbero andare in giro ad analizzare tutti gli oli venditori al di sotto della suddetta cifra.
O no?

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 13.01.16 16:16| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Il bravo produttore d'olio lavora più o meno come descritto, e con il prezzo di vendita deve rientrarci anche con i costi di potatura, pulizia del terreno, lotta ai tanti parassiti dell'olivo (se biologica, i costi dei prodotti sono più alti), trasporto, confezionamento, ecc.. .
Il produttore furbetto compra l'olio estero, lo taglia, lo filtra, e lo rivende ad un costo irrisorio guadagnandoci.
Entrambi ricevono gli aiuti comunitari, che per i primi sono preziosi per far sopravvivere questo prodotto, mentre per i secondi sono un ulteriore arricchimento.
L'etichetta non tutela nessuno, servono i controlli, controlli, controlli ...

Paolo R. 13.01.16 16:15| 
 |
Rispondi al commento

La truffa è l'etichetta. Da sempre. Ho fatto sia un corso di assaggiatori di olio molti anni fa vicino firenze ed è stata l'occasione per stare a contatto con i piccoli produttori. E il modo migliore alla fine per comprare un olio buono è andarselo a prendere al frantoio: andate all'uscita e chiedete a qualcuno che ne ha in abbondanza se ve lo vende. Avrete così la quasi certezza che è un olio locale, prodotto con cura. La stessa che chi l'ha fatto la dedica a se. Tutto il resto purtroppo sono etichette e truffe. All'italiana e non. sicuramente le certificazioni aiutano (l'unica che corrisponde l'etichetta al prodotto e lavorazione è la dop a meno di truffe...) E anche a cercare di esser "puri" la mazzata arriva da chi ti dovrebbe difendere: i consorzi che certificano il dop ad esempio si prendono molto, troppo, anzi per la precisione al litro che produci. Si! E non si parla di spicci. 200 euro a botte da 200 litri. Quindi un euro per il bollino... Cornuti e mazziati! Oltre tutti gli altri costi. Assaggiate! E spendete bene. Sia che compriate roba da poco che da tanto. Spendiamo cifre enormi per del vino che dura un'oretta in tavola, e poi non ci possiamo permetter una bottiglia di olio che ci dura almeno una settimana? non è che è un retaggio dei tempi di guerra??? Ogniuno con le sue tasche: io cerco di avere una bottiglia di olio buono (magari fatto da me), uno economico ma sempre spero proveniente dalle olive e uno per friggere di semi. A vostro gusto e palato!

Vittorio Pellegrineschi (v.pellegrineschi), v.pellegrineschi@lacab.it Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.01.16 16:08| 
 |
Rispondi al commento

la differenza, scuotendo gli alberi e raccolte direttamente e macinate entro 2 giorni diventano olio extravergine e all'assagio un timbro piccantino alla gola. La raccolta facilitata per l'accumulo della caduta spontanea e lasciate a marcire per molti giorni sotto gli alberi, quindi acidificate dalla decomposizione, diventano olio "lampante", cioè una volta veniva usato per le lampade a olio

Cosimo Coro, Montemesola Commentatore certificato 13.01.16 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Dedicata a Grillo e Casaleggio

Pure colline chiudevano d'intorno
marina e case; ulivi le vestivano
qua e là disseminati come greggi,
o tenui come il fumo di un casale
che veleggi
la faccia candente del cielo.
Tra macchie di vigneti e di pinete,
petraie si scorgevano
calve e gibbosi dorsi
di collinette: un uomo
che là passasse ritto s'un muletto
nell'azzurro lavato era stampato
per sempre - e nel ricordo

Eugenio Montale

Antonino Marrara, Pisa Commentatore certificato 13.01.16 15:55| 
 |
Rispondi al commento

speriamo che questo governo scivoli su tutto l'olio cattivo che mette in giro!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.01.16 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Quando ci fu lo scandalo del vino al metanolo, vennero in televisione a dire che il vino buono, non poteva costare meno di 1.000 lire il litro.
IL GIORNO DOPO, IL VINO CHE COSTAVA 800 LIRE AL LITRO, ERA PREZZATO A 1.100 il litro.
Et voilà.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 13.01.16 15:52| 
 |
Rispondi al commento


Olio con sapiente arte spremuto
Dal puro frutto degli annosi olivi,
Che cantan -pace! -in lor linguaggio muto
Degli umbri colli pei solenti clivi,
Chiaro assai più liquido cristallo,
Fragrante quale oriental unguento,
Puro come la fè che nel metallo
Concavo t'arde sull'altar d'argento,
Le tue rare virtù non furo ignote
Alle mense d'Orazio e di Varrone
Che non sdegnàr cantarti in loro note...

Gabriele D'Annunzio (Alcione)

Antonino Marrara, Pisa Commentatore certificato 13.01.16 15:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rimango dell'idea che al posto di DOP, DOC, IGP e compagnia cantante, per proteggere il prodotto fatto e finito in italia dall'imitazione o dal basso profilo qualitativo, ci vorrebbe un sigillo unico, recante il "Made in Italy", chippato e non contrafattibile, che possa essere applicato esclusivamente al prodotto originale di qualita'. Poi, nel mondo, chi vorra' comperarsi il chianti californiano o l'olio d'oliva spagnolo brandizzato italiano potra' farlo, ma sapra' che il vino toscano vero e l#oro verde italiano saranno quelli sullo scaffale piu' in la', col bel sigillo in rilievo. Auguri a chi non ha piu' paura! Ps: d'ora in poi si vota per abbattere il governo: si' alla sfiducia di Fi e niente piu' voto congiunto con le puttane del Pensiero Debole.

Massimo Trento (orbo e semisordo), Belluno Commentatore certificato 13.01.16 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo il
***** CORSO DI INTRODUZIONE ALL'OLIO *****
che si è svolto nel 2012 a QUARTO (Napoli).

http://www.mondodelgusto.it/2012/11/14/assaggiare-olio-corso-per-amatori-quarto-napoli/

Speriamo che simili iniziative si possano ripetere.

PZ 13.01.16 15:27| 
 |
Rispondi al commento

a)Gli italiani non possono comprarsi cio' che producono: vero e lo sara' sempre piu'. Lo stile di vita italiano e' identificato come salutare e buono, pertanto fatto per i "ricchi".
Il prezzo e' formato dalla domanda/offerta: pensate a quale prezzo andrebbe la mortadella vera "Bologna" se ogni cinese ne volesse 1 etto alla settimana.

b)Olio : i primi a ciulare nel manico sono i nostri grandi produttori italiani che in Italia e per l'Italia confezionano in una determinata bottiglia solo olio Italiano (o almeno cosi' dice l'etichetta), mentre la stessa bottiglia fuori d'Italia contiene olio "100% Europeo" . Cosi' facendo non abituano il gusto del consumatore estero alla differenza .

L'olio e' amaro quando l'oliva viene spremuta matura (e rende di piu') , in Spagna preferiscono questa via.
E' il sapore che (se lo conosci ) lo riconosci.
Ho fatto assaggiare il mio olio ad amici fuori Italia , dopo aver fatto il raffronto con quello detto "Italiano" del supermercato hanno capito la differenza .

Ovviamente se non si procede ad una acculturazione al gusto le persone pensano che un olio valga un'altro .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 13.01.16 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se le pressioni / intimidazioni / minacce / ricatti, fatti da vari esponenti locali alla sindaca Capuozzo, devono, correttamente, intendersi "criminalita' organizzata", come dovrebbero intendersi le altrettante intimidazioni / pressioni / minacce / ricatti, fatti dalla magistrata giudicante al governatore De Luca???? E dove sta' la Mafia e dove sta' lo Stato??? e Chi dovrebbe essere sanzionato e come??? Da quanto mi risulta la magistrata dovrebbe essere stata nient'altro che ...trasferita. E credo suo marito NIENTE...e NESSUNO, NESSUNO, NESSUNO cita e commenta e chiede spiegazioni e propone soluzioni??? e CHI persegue il BENE dei cittadini??? ...Una canzone...Povera Italia...

tomi sonvene Commentatore certificato 13.01.16 15:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche il dalai lama ringrazia la cina che involontariamente l'ha portato a diffondere la non violenza nel mondo e a tenersi fuori dalla corruzione e a preservarsi moralmente integro. Non lo dice perche' dovrebbe dimettersi minimo :)

socket 13.01.16 15:21| 
 |
Rispondi al commento

ot

reddito minimo per gli italiani?
è contro la costituzione! dice il tosco... evvabbè..non ha studiato bene, forse :)

rolex per i provincialotti assurti momentaneamente al potere, non si sa in base a quale miracolo?, oh yes!....

hunger game in salsa casentinese? :)

pabblo 13.01.16 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Mentre gli altri continuano a gettare merda...noi parliamo di olio...mah!
Continuare a battere il ferro finchè è caldo no?
Non ci sono altri indagati?
Se stampo il post lo porto in un ristorante?

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 13.01.16 15:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quanto staranno i cinesi a fabbricare l'olio extravergine italiano! Come pure il vino, la loro arte è la contraffazione.

Sono un popolo di tarocchi, basta guardarli, sono tutti uguali, sembrano fatti con lo stampino.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato 13.01.16 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Italia bisogna cambiare quello che non funziona , le cose inutili, la burocrazia, non le cose buone. Queste sono la nostra carta d'identità nel mondo intero e bisogna difenderle anche contro le direttive paranoiche dell'Europa. Ad ogni costo. Basta proteste inutili, bisogna andare all'attacco in queste situazioni, non subire. Vedasi direttive europee per l'agricoltura italiana e vedasi banca Etruria.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 13.01.16 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Se l'olio extravergine per essere tale deve costare circa 10 euro al litro, immagino che anche il vino debba costare altrettanto. Si tratta sicuramente di prodotti di eccellenza, ma...adatti alle caste. Per gli italiani veri, quelli che campano con poco piu' di mille euro al mese lacrimati e sudati, quelli che pagano gasolio e autostrade, ive e irpef, immondizie e luce e acqua e gas, bolli e canoni, e vessazioni di tutti i tipi, e multe e sanzioni e.e.e.e. ...e che subiscono disservizi, maleducazioni e angherie da tutti i dietrosportellisti di tutti i servizi dello staterello, purtroppo, ma...benvengano i prodotti taroccati, cinesi. I migliori prodotti italiani si prestano molto di piu' ad essere esportati a favore di cittadini piu' abbienti, meno derubati dalle caste dei poteri...Gli italiani, lavorano a produrli, ma non hanno la possibilita' di acquistarseli...fantastico...

tomi sonvene Commentatore certificato 13.01.16 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come cosa c'entra? Credi ancora alla favola che la religione è uno stato estero?

socket 13.01.16 15:02| 
 |
Rispondi al commento

io a Novembre ho comprato 40 lt di olio extra-vergine direttamente da privati al frantoio con olive di una zona vocata pagando 200€... 5 € al litro

beppe i., catania Commentatore certificato 13.01.16 14:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

veronica lario, 2009:

""Mio marito insegue lo spirito di Napoleone, non di un dittatore. Il vero pericolo è che in questo paese la dittatura arrivi dopo di lui, se muore la politica come temo stia succedendo."""

la stampa in questi ultimi giorni sta confermando la profezia? :)

pabblo 13.01.16 14:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori