Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Gli eurokiller del Parlamento Europeo al servizio delle lobby #CosiCiAmmazzate

  • 44

New Twitter Gallery

inquinamentoauto.jpg

intervento di M5S Europa

Prima il rinvio del voto, poi gli incontri serrati con i gruppi politici ed infine un documento "ultim'ora" e "cartastraccia" della Commissione Europea: con questa strategia la potente lobby dei costruttori di auto europei è riuscita a capovolgere il voto della Commissione Ambiente con cui in dicembre si era posto il veto al documento che consentiva di raddoppiare i limiti di emissione delle autovetture fino al 2020. All'indomani dello scandalo VW, la Commissione aveva avanzato una proposta al comitato tecnico sui metodi di misurazione ed i limiti di emissione delle autovetture (CTVM). Il fine era quello di rivedere le procedure di omologazione ed il controllo delle emissioni in condizioni reali mediante rilevatori portatili, a partire dal 2017. Dagli inizi del 2000, infatti, diverse ricerche avevano mostrato che, quando le misurazioni delle emissioni venivano fatte su strada e non in laboratorio, la maggior parte delle vetture diesel in circolazione emettevano molti più ossidi di azoto di quanto previsto.

I LIMITI FASULLI
Il timore, o forse la certezza, che usando strumenti di rilevamento portatili tutti o quasi i veicoli potessero risultare fuori norma, ha spinto gli Stati membri ad introdurre un fattore moltiplicativo (chiamato fattore di conformità o "CF"). Quest'ultimo viene applicato ai limiti di emissione stabiliti, per renderli comparabili con quelli misurati al tubo di scarico. Nonostante la Commissione Europea avesse proposto un fattore temporaneo di 1,6 ed uno successivo di 1,2 per tenere conto delle incertezze tecniche, la lobby del settore automobilistico è riuscita a far votare un immotivato "CF" di 2,1 fino al 2020 e di 1,5 per gli anni successivi. Morale della favola: le vetture potranno inquinare oltre il doppio di ciò che è consentito dai limiti.

LA STRATEGIA DEI SOTTOTRACCIA
Così, per gli ossidi di azoto (NOx) per i quali le vetture Euro6 devono rispettare un limite di 80 mg/km, fino al 2020 potranno emettere 168 mg/km e, successivamente, 120 mg/kg rimanendo in regola. Uno dei tanti ricatti messi in scena dalla lobby dell'auto nei confronti dei parlamentari europei riguardava l'occupazione. L'argomentazione è semplice: se voterete per il rigetto metterete in ginocchio le industrie e quindi milioni di posti di lavoro saranno a rischio

VIDEO La denuncia della portavoce M5S Eleonora Evi

LA TRUFFA DEI PRODUTTORI
Tuttavia, stanno mentendo. Vi spieghiamo perché: le vetture che si esportano negli USA riescono a rispettare limiti pari alla metà di quelli in vigore in UE. Gli stessi limiti che sono stati introdotti già nel 2007 proprio per lasciare il tempo alle aziende di conformarvisi. È evidente che le multinazionali hanno preferito attivarsi per raggirare le regole, piuttosto che investire in innovazione e tecnologie dedicate ad abbattere le emissioni inquinanti (che, aspetto non secondario, sono colpevoli di mezzo milioni di vittime premature ogni anno).

MANAGER ED EUROPARLAMENTARI CON LE PEZZE AL CULO
E se pensate che questi super manager siano i veri "dritti", quelli che riescono a fare utili piegando le legislazioni, vi sbagliate di grosso. Provate a pensare cosa varrebbe oggi una casa automobilistica che vanta emissioni a norma e che rispetta l'ambiente. Le sue azioni in tutte le borse del mondo schizzerebbero alle stelle e le sue auto godrebbero di un vantaggio competitivo riconosciuto a livello internazionale. La Commissione Europea ha fatto gioco di squadra con gli Stati membri offrendo il giusto paracadute ai parlamentari intenzionati a tutelare gli interessi industriali. Senza però perdere la faccia di fronte ai propri elettori, pubblicando un documento imbarazzante (la carta straccia di cui sopra) con il quale s'impegna sostanzialmente a fare meglio in futuro, e grazie al quale oggi la maggioranza ha premiato chi inquina di più.

NOI NON MOLLIAMO: INIZIA LA BATTAGLIA
Il Movimento 5 Stelle in Europa, tramite la sua portavoce Eleonora Evi, ha già dichiarato guerra a questo scandaloso voto. Faremo ricorso in tutte le sedi istituzionali possibili, a partire da domani, quando presenteremo una lettera al Mediatore Europeo per denunciare gli illeciti della Commissione Europea. Ci appelleremo al diritto comunitario rivolgendoci alla Corte di Giustizia Europea e a tutta quella parte di Europa che ancora non si è fatta seppellire dagli interessi della grande industria e della finanza.

Ecco la lista di voto, nomi e cognomi di chi ha permesso questo abominio:
Lega Nord: Mara Bizzotto; Mario Borghezio; Gianluca Buonanno; Lorenzo Fontana; Matteo Salvini.
ECR: Raffaele Fitto; Remo Sernagiotto.
PPE (Forza Italia, NCD): Lorenzo Cesa; Salvatore Cicu; Alberto Cirio; Lara Comi; Elisabetta Gardini; Giovanni La Via; Fulvio Martusciello; Barbara Matera; Alessandra Mussolini; Aldo Patriciello; Salvatore Domenico Pogliese; Massimiliano Salini; Antonio Tajani.
Si sono astenuti:
S&D (Partito Democratico): Simona Bonafè; Caterina Chinnici; Silvia Costa; Luigi Morgano; Michela Giuffrida.
Fatevi sentire anche voi e chiedete a questi signori il perché delle loro azioni, perchè #CosìCiAmmazzate!


4 Feb 2016, 10:09 | Scrivi | Commenti (44) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 44


Tags: inquinamento, M5S, M5S Europa, smog

Commenti

 

ottenete il vostro finanziamento rapidamente in meno di 72 ora


siete nella necessità di finanziamento per realizzare i vostri progetti.


sono pronto ad ottenervi il vostro finanziamento lo contattate rapidamente e sono pronto a voi incontrate.


Mail: lucarinimarie@libero.it

lucarinimarie 22.02.16 16:54| 
 |
Rispondi al commento


Quanta ignoranza, faziosità e disinformazione!!!

Qualcuno ha letto (personalmente e su documenti originali) gli atti del parlamento Europeo?

Vi bastano i giudizi dei padri padroni Casaleggio & G.?

A me no.

Qui la Press release http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-16-168_en.htm
sottolineo in particolare il punto 15.

qui la presentazione http://tinyurl.com/h4ceuzm

qui la norma aggiornata http://tinyurl.com/h7fbneu

qui gli allegati tecnici http://tinyurl.com/h762b73


Sono oltre 400 pagine, non facilissime.

Nel merito: i limiti di NOx sono cambiati perché è cambiato il metodo di misura.

Non più sui rulli a bassa velocità, ma in condizioni effettive di impiego.

Nella sostanza c'è un DIMEZZAMENTO dei limiti !!!

gigieffe 14.02.16 15:20| 
 |
Rispondi al commento

L'efficienza e la competitività dell'industria tedesca è una balla colossale, senza la complicità ambientale e normativa della commissione europea e il finanziamento criminale effettuato usando il differenziale dei tassi con il resto dell'UE, per non parlare del dumping sociale interno dovuto ai minijobs il sistema industriale tedesco farebbe la fine della Deutsche Bank imbottita di derivati.
Personalmente posso ricordare il caso della criminale commessa fatta nella seconda metà degli anni novanta da Telecom Italia, peraltro società quotata in borsa, alla Siemens del demenziale cordless urbano DECT, un sistema di telefonia urbano basato sulla frequenza 1800 Mhz che, basato sul cordless della telefonia fissa, poteva funzionare anche nelle aree urbane a patto che si andasse a piedi.
Già se si usava la macchina non funzionava.
Bisogna ricordare che nel frattempo era esploso il radiomobile digitale DCS a 1800 Mhz e già era in cantiere l'UMTS, quindi l'allora Ulivo fece spendere a Telecom migliaia di miliardi di lire per una tecnologia già superata che infatti portò a fondo la divisione tlc di Siemens, poi passata per due soldi a Nokia.
Io non vorrei passare per un nostalgico, il fatto è che pure adesso girando per le strade di periferia almeno di Roma capita di vedere appese ai muri o ad ingombranti paline le antenne del suddetto DECT, mai rimosse da una Telecom che spese quei soldi per questa germanica fregatura invece di investirli nella fibra ottica.
E che oggi le aree urbane siano ancora deturpate per colpa dei tedeschi mentre noi italiani crepiamo di fame per colpa di quell'immondo troione della Merkel mi fa incazzare come un picchio.
Spero che gli fallisca il sistema bancario, a Culona la Racchia.

mario genovesi 11.02.16 11:49| 
 |
Rispondi al commento

La colpa principale è di quella enorme prostitua della Merkel prostituita agli interessi della decxlinante industria automobilistica tedesca, parafrasando un bellissimo film proprio tedesco degli anni ottanta, La Storia Infinita, il Nulla che divora il mondo.
E sempre parafrasando il titolo del film si può definire la Merkel La Troia Infinita.

mario genovesi 08.02.16 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Un ambientalista che ha votato PS sarà contento di sapere che il governo sussidia i combustibili fossili e ha cancellato 60000 posti di lavoro nelle rinnovabili.
L'antenati loro.

mario genovesi 08.02.16 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Secondo il mio modesto parere il problema non è solo il coefficiente moltiplicativo adottato.
Se un auto con limite pari a quello previsto dalle norme rimane in moto per il triplo di una che ha un limite di emissione 2 volte le norma, inquina di più la prima, quindi secondo me il problema principale, soprattutto nelle città non è solo il quantitativo di inquinanti emesso dalle auto, anche se importante, ma anche quante auto ci sono, come sono realizzate le infrastrutture, quanto sono disciplinati i guidatori. Soprattutto l’ultimo punto, basta non rallentare per guardare le vetrine e non si crea tanto traffico (attraversare la strada sulle strisce pedonali per i pedoni, ecc.). Ma naturalmente aiuterebbe anche un trasporto pubblico efficiente, così come in molte altre nazioni europee, se hai un mezzo pubblico che ogni 10 minuti passa, puntuale, il cui costo del biglietto è inferiore a quanto si spende con l’auto, allora non c’è la necessità di utilizzare l’auto.
Quindi siamo noi i primi a dover risolvere il problema, non dobbiamo aspettare qualcuno che ci imponga qualcosa, perchè prendercela con le istituzioni quando a nessuno frega niente dell'inquinamento, alcuni per fare 100 metri ed andare a prendere i figli a scuola prendono l'auto, poi ci lamentiamo del traffico e dell'inquinamento, lamentiamoci della mancanza di cultura.

Giovanni schiavone 05.02.16 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Nox derivano dall azoto dell aria che non partecipa alla combustione , si eliminano totalmente immettendo solo ossigeno nella combustione .
Esistono tecnologie di separazione per poterlo fare .

Bruciando metano con ossigeno il prodotto e :
ch4+ o2 = h2o + co2
Ovviamente se ci mettiamo assieme azoto anche qui escono nox .

Una autovettura puo essere elettrica , un camion no , le potenze necessarie non sono disponibili ed i pesi difficili da gestire .

Ho visto da vicino la costruzione di un porter per rifiuti ibrido , ha 3 ore di autonomia quando va bene .

Le norme europee favoriscono ww , non possiamo tenerci le vecchie norme e non far entrare le auto tedesche ?

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 05.02.16 09:17| 
 |
Rispondi al commento

Quanta brutta gente!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 04.02.16 17:26| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra che il compito degli eletti del M5S in EU sia quello di utilizzare tali questioni per dimostrare ogni assurdità e ragione dell'esistenza della C.E. non di battersi per far funzionare una cosa che chi l'ha istituita vuole che non funzioni. No EURO, ricordatevelo, NO EURO e NO NATO.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.02.16 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma porca maiala, dove c.... vivono, su un altro pianeta ....
Sono deficienti o a loro l' inquinamento fa bene!?!?
O forse vogliono vendere anche loro l'aria del Canada in bottiglia !?!?!? come stanno facendo ora in Cina.
ma va f++&&%%%%*** st' imbecilli.

gabriele f., fabbrico Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.02.16 13:54| 
 |
Rispondi al commento

NOMI E COGNOMI ..... SEMPRE
aiutano a comprendere chi è chi
smentendo false dichiarazioni

ECCO IL VERO POPULISMO
chiacchiere a favor di popolo e voti a favor di lobby
Spesso nei talk le dichiarazioni ambientaliste si sprecano per bocca dei rappresentanti di tutti gli shieramenti politici, poi quando vai al dunque, il servilismo verso chi mantiene in vita le loro poltrone prevale sempre.

LA COERENZA DEI 5 STELLE FOREVER
NOMI E COGNOMI ..... SEMPRE

Lunga vita

Danyda bologna Commentatore certificato 04.02.16 13:46| 
 |
Rispondi al commento

La VW da sola vale politicamente più di tutti i popoli europei messi insieme ma non per ricatto quanto probabilmente per scambio di favori.

Bello vedere la lista dei colpevoli, fra cui Salvini che di solito è assenteista in Europa ma quando si tratta di fregare i suoi elettori dimostra di esserci senza se e senza ma.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.02.16 13:27| 
 |
Rispondi al commento

http://www.unita.tv/focus/bruxelles-oltre-i-limiti-piu-smog-per-tutti/.... per favore smentite in modo inequivocabile... grazie

Carlo Pezzali 04.02.16 12:48| 
 |
Rispondi al commento

....In verità ,
siccome non ho la possibilità economica ( i soldi )
per comprarmi la macchina nuova Euro6 ,Euro7,Euro8,
Euro9 , Euro10,... a me : me ne può fregar de meno!!! ,
anzi per me va bene così : 168 mg./Km sono più che sufficienti .


Lino Viotti Commentatore certificato 04.02.16 12:42| 
 |
Rispondi al commento


Ciao
Leggi la mia testimonianza che anche si potrebbe aiutare anche

Prestito Testimonianza

Sono la signore Carina Baur io sono alla ricerca di prestito di
denaro da molti mesi. Ma fortunatamente ho visto prove fatte da molte
persone sul sig. Pierluigi, così la ho contattata per ottenere il mio
prestito dell'importo di 70.000€ per regolare i miei debiti e
realizzare il mio progetto. C è con il signore. Pierluigi che la vita,
il mio sorrida nuovamente è signore de cuore semplice e molto
comprensivo. Ecco sono posta elettronica. pvisentin906@gmail.com

Carina Baur Commentatore certificato 04.02.16 12:32| 
 |
Rispondi al commento

Troppo chiasso per nulla.
Non inquinare. Facile.
Torniamo all'età della pietra do ve l'unico inquinante era il fuoco.
Chi ha mal di testa e prende la cibalgina, chi usa il web, chi usa l'auto elettrica inquina.
Farmaci, web, batterie vanno avanti solo se si brucia petroli e gas.
Inquinare di meno.
Quanto di meno?
20%? 30%
Qualsiasi cosa dannosa si diminuisca del 30% resta dannosa.
Metà emissioni delle auto? Quanto influisce l'inquinamento auto sul totale? 5%? No lo so.
Navi, aerei, treni, tir, industrie, caldaie ecc. ecc. e nazioni che se ne fregano di tutto.
Lasciate questi argomenti agli ambientalisti che non servono a nulla - gli ambientalisti - e occupatevi del perché un barbiere della Camera può guadagnare 130.000 euro/anno, lordi ben s'intende ....Una volta messe a posto queste follie (decine e decine di congreghe succhiasoldi) si può pensare al resto.

Santo Cielo, inferno Commentatore certificato 04.02.16 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Eppure mi sembrava che la schiavitù in Europa fosse stata abolita da centinaia di anni, ma forse mi sbaglio! Questi europarlamentari sono i degni rappresentanti dei servi della gleba, asserviti a questa o quella lobby, "schiavi vincolati alla terra e alla volontà di un padrone, che vivono in uno stato di pesante soggezione" come recita la Treccani; calza a pennello questa definizione per queste sciagure di europolitici che ci ritroviamo apparentemente a rappresentarci e che invece di fare il bene comune, di promuovere l'uguaglianza, la legalità e la tutela dei popoli pensano solamente ad arricchire le proprie tasche e le tasche dei loro amici di merende. Mi auguro di tutto cuore che ci sia, prima o poi, un momento in cui si possa in libertà e coscienza cambiare questa schifezza che ci mal governa, per regalare a noi e ai nostri figli la speranza di un futuro migliore. Nel frattempo plaudo all'UK che uscirà dall'UE! Dovremmo, almeno in questo, prendere il buon esempio ed andarcene pure noi dalla UE e sbattendo pure la porta! Intanto speriamo nel M5S!

Silvia Bellucci 04.02.16 12:21| 
 |
Rispondi al commento

La quota di Atrazina nell'aria, doveva essere 0,1 mg.
Il ministro Donat Cattin, purificò l'aria. E' bastato spostare una virgola, dallo 0,1 a 1 mg, e l'aria è purificata.
E che ci vuole!

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 04.02.16 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo è l'esempio di come viene utilizzato l'organismo europeo; unico punto dove agire per imporre qualcosa a tutte le nazioni che aderiscono. In alternativa avrebbero dovuto far votare il provvedimento in tutti i singoli stati; pensati alla fatica, ai costi ed al tempo, così invece ci si concentra su poche persone ed il gioco è fatto. Tra l'altro osservo come in Italia non si siano mossi un granché i ministeri e gli enti preposti a seguito della scoperta della non corrispondenza ai parametri di inquinamento previsti di alcuni motori tedeschi. Da ultimo, per sottolineare il nostro peso in campo internazionale, ho notato che la casa tedesca ha offerto immediatamente ai possessori di auto risultate non in regola un voucher da 1.000 dollari negli USA ed in Canada, e da noi ?? solo striminzite informazioni. Un grazie al nostro governo

Carlo D'Ottone, Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.02.16 12:18| 
 |
Rispondi al commento

#AHOOO, MA QUANDO SI ABBANDONA L'EURO E SI ESCE DA QUESTA UE?

proposta di ashtag permanente (sinchè non si esce)

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.02.16 11:33| 
 |
Rispondi al commento

LE EMISSIONI SONO UNA TRUFFA
già oggi, le emissioni sono al triplo di quanto richiesto.
le auto moderne, per la maggior parte, con motori potenti, non possono mantenere i limiti imposti, per le emissioni, a meno di togliere le potenze ai motori.
Difatti, potenza ed emissioni, non vanno a braccetto da sempre, i motori, più di così non possono fare, altrimenti l'alternativa è un motore da 60 cv.
Non sono compatibili prestazioni, consumi ridotti e basse emissioni.
Tutto quello fatto nello sviluppo è stato fatto e un motore a combustione interna, vecchio di oltre 100 anni, non è in grado di fare.
Quello che in realtà si può fare è incentivare le auto elettriche, attraverso investimenti, che in Italia sono ancora un sogno (vedi Tesla che non investe in infrastrutture),al contrario del resto dell'europa, che ha investito e sta investendo, milioni di euro in infrastrutture e colonne di ricarica veloci, per le vetture elettriche.
Questo anno, la maggior parte delle case automobilistiche, metterà in vendita i propri modelli di vetture elettriche, ibride, o plug-in.
La golf è dal 2003 che ha tenuto nascosto la vettura elettrica, aspettando lo scandalo (preparato) per entrare nel mercato al momento giusto ed avere accesso ad un maggiore spinta nelle vendite.
Oggi l'Europa si può percorre completamente da Stato a Stato, con una vettura elettrica, senza problemi di "rifornimento" elettrico.
L'Inghilterra ha sostituito le proprie auto di rappresentanza, con le vetture della Tesla.
In Germania i punti di ricarica veloce sono centinaia.
In Italia le colonnine di ricarica, sono inutilizzate e si contano sulle dita di una mano.
Altro elemento da tenere in considerazione, sono i condomini, con riscaldamento centralizzato, che inquinano, come 10.000 vetture tutte insieme.
Cominciamo a trovare alternative a questi condomini terrificanti e obsoleti (alcuni funzionano ancora a gasolio) e rivediamo il modo di progettare e riqualificare, palazzi e città, oltre che a sostituire il parco auto

Giampaolo R., Bologna Commentatore certificato 04.02.16 11:11| 
 |
Rispondi al commento

ot

""“Ci sono forze nell’economia globale di oggi che cospirano per tenere bassa l’inflazione”. E’ l’allarme lanciato dal presidente della Bce, Mario Draghi, che in una conferenza alla Bundesbank ha spiegato come “queste forze”, in particolare il calo del petrolio,”potrebbero far si che l’inflazione ritorni più lentamente verso il nostro obiettivo. Ma non vi è alcuna ragione per cui esse dovrebbero portare ad una inflazione più bassa in modo permanente”. In ogni caso la Bce “non si arrenderà”. Intanto la Commissione rivede al ribasso da 1,5 a 1,4% la crescita del Pil italiano e corregge al rialzo il deficit da 2,3% al 2,5% del Pil. Una differenza da oltre 3 miliardi""


!Intanto la Commissione rivede al ribasso da 1,5 a 1,4% la crescita del Pil italiano e corregge al rialzo il deficit da 2,3% al 2,5% del Pil. Una differenza da oltre 3 miliardi""!

tutto questo grazie alle famigerate riforme del governo tosco
:)

pabblo 04.02.16 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Il finanziamento pubblico dei partiti non c'è più.
I partiti sono finanziati dalle lobbys, anzi, le lobbys candidano i loro uomini.
E DI CHI VOLTE CHE LI FACCIANO GLI INTERESSI, DEI CITTADINI?
Illusi.
Il finanziamento dei partiti deve essere SOLO ED ESCLUSIVAMENTE pubblico, destinando una quota della Dichiarazione dei Redditi (2 per mille?), Rendicontato on line ORA per ORA.

Antonio- D., Carrara Commentatore certificato 04.02.16 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Troppi post catastrofici, anche se realistici.
Proporrei di urlare di meno e di parlare (scrivere) di più con toni suadenti e soprattutto di problemi che tutti possano capire a fondo..
Ma se chi di dovere reputa che vada bene così, allora aventi.
NON VOTATE LA CIRINNA'.

Santo Cielo, inferno Commentatore certificato 04.02.16 11:04| 
 |
Rispondi al commento

ci stanno massacrando con inquinamenti,di ogni genere,e tutti d'accordo con i vari governi che approvano leggi ,contro alla salute del cittadino.

pierino manfredini 04.02.16 11:00| 
 |
Rispondi al commento

AHOOO, MA QUANTO SI ABBANDONA L'EURO E SI ESCE DA QUESTA UE?

Zampano . Commentatore certificato 04.02.16 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'e' un tempo per ogni cosa. Ancora una volta dimostrate di non capire molto di economia ed andamenti economici. Di non avere una visione organica del BENE DEI CITTADINI. Nella situazione attuale, con una disoccupazione altissima e con la Fiat che ha da poco portato la sua residenza all'estero, e che ci ha lasciato in compenso, decine di migliaia di suoi cassintegrati che devono essere pagati DALLA POVERA GENTE, non vale proprio la pena di scontrarsi con i produttori di autoveicoli, da fargli ancora piu' avvertire come l'Italia sia una terra difficile. Bisogna battersi per diminuire i parassitismi delle Caste italiane, che sono tantissimi ed insostenibili, e poi diminuire le tasse. E solo cosi', meno tartassati, i produttori di autoveicoli potranno spendere di piu' per migliorare i loro inquinamenti e magari, meno INFASTIDITI, da pseudoverdi e pseudosindacalisti e pseudogiudici, potranno forse decidere di ritornare in italietta

tomi sonvene Commentatore certificato 04.02.16 10:57| 
 |
Rispondi al commento

@ (A) o chi per lui.

Rispondo al tuo commento delle ore 00.00 nel post precedente.
Il Blog langue, sì langue, anzi boccheggia. Da Rodotà a Cirinnà è passata tanta acqua sotto i ponti. Commentatori arguti e intelligenti non si fanno più vedere, magari leggono, s'infilano le mani tra i capelli ma non scrivono, non entrano in discussione. Si sentono traditi e spiazzati!
Ti sei chiesto perchè? Perchè ai tempi di Rodotà c'era un gruppo vasto di gente che la pensava allo stesso modo, guidata da un leader carismatico che proponeva e convogliava le nostre proposte in progetti comuni.
Perchè giorno dopo giorno questi commentatori hanno compreso di essere manipolati e che tanta gente considerata sveglia con il tempo si è lasciata manipolare, come te e quei pochi che rimangono.
E' capitato, per esempio, che si dovesse votare qualcosa: si o no. A leggere, la maggiorparte dei commenti dicevano NO e invece, magicamente, i risultati davano una vittoria spiazzante dei SI. Ma l'assurdo era che coloro che avevano commentato NO ritornavano per ritrattare "avrei preferito il no, ma mi sta bene anche il sì, vai M5S avanti così!" senza porsi domande, accettando tutto, uniformandosi per non essere esclusi dal gruppo, per paura di essere "bannati".
Inoltre, oggi il leader si dilegua e consegna il testimone a pochi organizzatori, bypassando la base e le sue idee; organizzatori che sempre più spesso appoggiano le leggi piddine, volute dall'europa. E ancora i commentatori rimasti accettano tutto quanto, per non tradire la memoria del leader. Era questa la rivoluzione?
Sai (A), chi continua a ragionare ne ha le palle piene e si dilegua, ritorna nell'eremo, si autobanna. I migliori sono sempre quelli che se ne vanno, non quelli che restano, purtroppo.

Alle 8.00 Beppe A. ha postato un articolo MOLTO interessante, che fa riflettere. Anche tu dovresti farlo, soprattutto tu e chi come te non vuole lasciarsi manipolare.
Ciao

Avanti con i click e i vaffa. E' un onore

Troll Felice 04.02.16 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa, dove ci troviamo, e rendetevene realmente conto NON è Europa, è una organizzazione servita solo ad incularci rutti senza problemi. Poi c'è un'altra storia che vi ho raccontato ancora; ho mia figlia che sta terminando gli studi di ricerca e sta conducendo delle lezioni a 3 classi universitarie alla King College di Londra , e sapete cosa vale questo suo titolo di studio studio qui in ITALIA per colpa della burocrazia e degli interessi di qualcuno qui in Italia ? NULLA !!! dico NULLA!!! Nonostante conosca perfettamente l'inglese ed è sempre uscita a pieni voti qui in italia trova solo lavori di supplenza a delle scuole medie o scuole medie superiori.....L'ITALIA è un paese CHE FA letteralmente SCHIFO!!!!

giovannip 04.02.16 10:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..e pensare che chi comanda veramente in europa (e italia) vede forze oscure demoniache tramare e cospirare contro l'inflazione (mazza che roba forte che gira)

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.02.16 10:44| 
 |
Rispondi al commento

state perdendo tempo con le battaglie sbagliate,
è meglio questa :

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamentoeuropeo/2016/02/mario-draghi-a-stras.html

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 04.02.16 10:34| 
 |
Rispondi al commento

l'europa è defunta

pabblo 04.02.16 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori