Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il 10% degli italiani non ha soldi per curarsi

  • 17

New Twitter Gallery

nosoldisanita.jpg

I tagli alla sanità del governo uccidono.

"L'Italia è sempre più divisa nell'accesso alle cure e quasi un cittadino su 10 rinuncia a curarsi per motivi economici, legati al costo dei ticket, e per le lunghe liste di attesa. La denuncia arriva dal Rapporto 2015 dell'Osservatorio civico sul federalismo in sanità, curato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato. Un cittadino su 4, fra gli oltre 26mila che si sono rivolti al Tribunale nel 2015, lamenta difficoltà di accesso alle prestazioni sanitarie per liste di attesa (oltre il 58%) e per ticket (31%). In particolare sono i residenti in Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Sicilia e Veneto a lamentarsi di attendere troppo per visite ed esami.

Al Sud si riscontra la maggior quota di rinunce (11,2%); al Centro è il 7,4% dei residenti a non curarsi ed al Nord il 4,1%. L'attesa poi non è uguale per tutti: per una visita ortopedica i tempi minimi si registrano al Nord (un mese), quelli massimi al Centro (2 mesi), e per una visita cardiologica con ECG si va dal minimo di 42,8 giorni nel Nord-Ovest al massimo di 88 al Centro.

VIDEO Tagli alla sanità: ecco quali prestazioni dovremo pagare

Ed ancora: per l'ecografia completa all'addome si attende da un minimo di 57 giorni nel Nord Est ad un massimo di 115 giorni al Centro; per la riabilitazione motoria si va dai quasi 13 giorni del Nord Est ai quasi 69 giorni del Sud. In generale, su un campione di 16 prestazioni sanitarie, i tempi minimi di attesa si registrano tutti al Nord, mentre i tempi massimi, in 12 casi su 16, sono segnalati al Centro.

Nel Sud, ed in particolare in Puglia e Campania, i cittadini ricorrono più di frequente agli specialisti privati per aggirare il problema dei tempi troppo lunghi nel pubblico. Anche sui ticket si registrano notevoli difformità regionali: sulle stesse 16 prestazioni i ticket più bassi nel pubblico si registrano prevalentemente nel Nord Est, quelli più elevati nel Sud. Critica l'istantanea scattata dal Rapporto Tdm sull'accesso a cure e prestazioni di vario genere, ma anche sulla prevenzione che ''si fa a macchia di leopardo, con un Sud che arranca e regioni come Lazio e Veneto che fanno passi indietro rispetto al passato''.

Altrettanto diversificato di regione in regione è anche l'accesso ai farmaci innovativi, soprattutto per i tumori e l'epatite C. E nelle Regioni in cui il cittadino sborsa di più, per effetto dell'aumento della spesa privata per le prestazioni e della tassazione, i livelli essenziali sono meno garantiti che altrove.

''E' ora di passare dai piani di rientro dal debito ai piani di rientro nei Livelli Essenziali di Assistenza, cruciali - afferma Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tdm di Cittadinanzattiva - per la salute dei cittadini e la riduzione delle diseguaglianze. Per andare dietro alla sola tenuta dei conti, oggi alcune regioni in piano di rientro hanno un'offerta dei servizi persino al di sotto degli standard fissati al livello nazionale, ma con livelli di Irpef altissimi e ingiustificabili dai servizi resi''. " Ansa

24 Feb 2016, 10:43 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: cittadini, cittadini malati, cure, poveri, sanita

Commenti

 

"Il 10% degli italiani non ha soldi" neanche per il resto.

Però 35 miliardi annui per l'europa (20 al fondo e 15 di contributi, con un ritorno medio di 9) ci sono... quindi 26 miliardi netti diviso 24 milioni di lavoratori significa circa 1000 euro a testa che ogni anno i fortunati che non sono ancora disoccupati versano indirettamente al dio Europa senza che l'italia ne tragga nulla in cambio.

Il 50% degli italiani è europeista e ha i soldi da pompare all'europa e con gioia è disposto a morire per Maastricht, la salute la diamo volentieri ai tedeski.
Con una popolazione di polli simile è un miracolo che esista denaro in Italia e che non siamo ancora falliti del tutto.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 25.02.16 14:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Evidenziamo tutte le cause che hanno provocato questa situazione da terzo mondo. Interessenze dirette con percentuali e busterellone. Mancanza prezzi standard sui medicinali e altro. Ladrocinii cospicui: ogni tanto ne spunta qualcuno. Nuovo sistema di costruzione ospedali con finanziamento parziale delle imprese costruttrici ?!?! Ma la Legge che fa' : contiamo su di Lei e speriamo.

luigi berardi 25.02.16 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Posso aggiungere che nemmeno i malati oncologici, trovano oramai spazio nelle liste di appuntamento, chiuse da mesi.

Ho il presentimento che dobbiamo ribellarci, anche in maniera meno ortodossa, così come in maniera anti-democratica si muovono i personaggi dei partiti tradizionali.

Basta parole di ottimismo sfrenato, hastag "della volta buona" ed amenità del genere.

Ribelliamoci, sul serio.

O non ci lasceranno un paese dove vivere.

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 25.02.16 10:26| 
 |
Rispondi al commento

una volta quando ero giovane si sarebbero fatti scioperi a non finire, con gli scioperi sono stati fatti cadere dei governi, oggi lo prendiamo in culo e lo scriviamo sul blog......boh... ma cosa è successo ?? WM5*****

carlo.a 25.02.16 00:07| 
 |
Rispondi al commento

chi è causa del suo mal pianga se stesso!

idioti che vogliono capi idioti 24.02.16 22:23| 
 |
Rispondi al commento

io non mi stancherò di gridare la vincita del m5s ai consigli comunali del 2016.Ve lo dico col cuore,in quanto sono semplici cittadini che vogliono il bene del paese.Gli altri sono ipocriti,menzogneri e mangiapane a tradimento perchè vivono sulle spalle dei cittadini.Noi del m5s siamo l'opposto ci togliamo il pane dalla bocca per distribuirlo ai cittadini in difficoltà.Lo facciamo per etica e non per elemosina.Credetemi il m5s dà fiducia e distribuisce amore;per davvero vuole cambiare indirizzo e solo se gli diamo la fiducia alle elezioni comunali del 2016 potremo far capire alla nazione quanto saremo onesti e andiamo verso la libertà tanto agognata e purtroppo semprepiù vilipesa dai partiti.ciao e votate m5s e non ve ne pentirete,finiranno gli ologrammi e subentreranno cittadini che sanno di politica eguale al m5s.

franco dimasi, anzio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.02.16 21:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cercasi B.R....toc toc ...c è nessuno?

Stefano Buratti (bubupatti), Ravenna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 24.02.16 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Cominciano a girare le tariffe dei medici che dall'ospedale ti portano in strutture private.
Ospedali che invitano i pazienti per andare altrove visto i templi biblici. Sei un pidocchioso ,muori. Hai soldi ,ti salvo. Ma tra le due vie esiste una terza : ti opero anche se non ne hai bisogno ma prima molli i soldi.

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.02.16 18:22| 
 |
Rispondi al commento

alza alza la percentuale è maggiore del 10%!!!!

fabrizio g. 24.02.16 17:18| 
 |
Rispondi al commento

E I POLITICI HANNO STIPENDI PRIVILEGI, PENSIONI ECC ECC

STATO LADRO

#M 5 S, Italia Commentatore certificato 24.02.16 16:05| 
 |
Rispondi al commento

TICKET SANITARIO a Bologna Emilia Romagna
serie di esami del sangue per accertamenti infettivologici ........EURO 239.05
Credo che la stima del 10% sia di lunga al ribasso ..... A 239.05 euro per accertamento, sono in pochi che possono permettersi di curarsi ........ Oggi il TICKET.... non può più essere definito un CONTRIBUTO....... Oggi il TICKET è una nuova TASSA, che spinge verso la totale privatizzazione del servizio sanitario nazionale ..... Il tutto con la complicità del GOVERNO PD ...... Il presidente di regione ER Bonaccini ha dichiarato l'azzeramernto delle liste di attesa ..... BALLE..... se vuoi fare una visita oculistica presso uno dei due maggiori ospedali del territorio bolognese....... aspetti fino al 2017 ...... BASTA BALLE .....IL PD NEGA LA SANITA' PUBBLICA

http://danydabologna.blogspot.it/2016/02/privatizzazione-sanita-pubblica-ticket.html

Danyda bologna Commentatore certificato 24.02.16 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Guarda cittadinanzaattiva che la sanita' in italia costa variamente TANTISSIMO. Ma, e qui hai ragione, non per la qualita' dei servizi, ma per i costi di TUTTE le forniture e del personale. Dai primari che non si vedono mai agli assenteismi, alle ruberie, alle organizzate lunghe attese per convogliare i pazienti alle cliniche private...Il problema non sono i costi. Il problema sono le OPERATIVITA' CONTRO i cittadini scientificamente elaborate

tomi sonvene Commentatore certificato 24.02.16 14:38| 
 |
Rispondi al commento

sta arivando il momento di armarsi tanto o morire di cancro terapia del dolore o pallottola meglio pallottola

maurizio b., roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.02.16 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Tutto vero, ma c'e' di peggio:
-io , in Veneto , ho tikets che rasentano l'assurdo e certe prestazioni conviene pagarle direttamente in quanto costano meno che farle con il SSN.
(es.: analisi sangue ed urine , quasi tutti)

Questa anomalia si trasforma in minori introiti per il SSN.
Sono le formule del DRG basate su tecnologie arretrate a portare a queste assurdita'.

Inoltre il livello degli stipendi dei dipendi pubblici non si e' ridotto (ma solo fermato) dal 2008 in poi, creando disparita' di tenore di vita fra vicini e necessita' di ridurre al minimo il personale medico ed infermieristico, mentre il personale amministrativo aumenta.

Al Daily-Care della asl20 di Verona vi sono 3 persone durante tutto il giorno per eseguire una procedura (un timbro sulla ricetta ) che e' perfettamente inutile nel 97% dei casi in quanto la ricetta e' dotata di barcode, l'utente di tessera sanitaria con chip e la prestazione di barcode .

Una cassa automatica tipo quelle del supermercato con 1 sola persona per i casi eccettivi e saremmo a posto .

Il direttore generale ha le caratteristiche professionali e le capacita' per entrare in tali aspetti ma non lo fa.

La sovrastruttura amministrativa si mangia una buona fetta di stipendi che potrebbero essere risparmiati e ritornati agli utenti sotto forma di servizi.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 24.02.16 13:40| 
 |
Rispondi al commento

è terribile.ed è terribile notare quanto egoismo ed indifferenza ancora vi sia in questo Paese.indifferenza che si rispecchia nel voto politico!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 24.02.16 12:41| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cooky Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori