Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Il MoVimento 5 Stelle va a vedere le 20 bombe atomiche USA nel sottosuolo italiano #Ghedi

  • 12

New Twitter Gallery


"Una non proliferazione che però prolifera, eccome se prolifera.
L'Italia ha firmato, insieme a tanti altri Paesi, il trattato che la impegna a non ospitare sul proprio territorio alcun tipo di ordigno nucleare: si chiama appunto "Trattato di non proliferazione", però l'impegno sembra valere solo per gli italiani. Sul nostro territorio, infatti, pare che altre potenze straniere possano in tutta libertà disporre bombe atomiche a loro piacimento.

Nella base militare di Ghedi, in provincia di Brescia, ce ne sono ben 20. 20 bombe nucleari americane custodite sotto le case, i campi, le industrie dove gli italiani vivono e lavorano, alla faccia dei trattati.

VIDEO Vendita di armi, un affare di Stato sporco di sangue

Il MoVmento 5 Stelle da tempo ha chiesto di vederci chiaro, anche perché i governi da sempre negano persino l'esistenza di questo segreto di Pulcinella. Lunedì 29 febbraio le Commissioni Difesa ed Esteri del MoVmento 5 Stelle, e i parlamentari bresciani, si presenteranno ai cancelli della base di Ghedi per verificare di persona, e capire una volta per tutte se in Italia ci sono Paesi stranieri che possono "proliferare" a spese della nostra sicurezza."

M5S Camera

25 Feb 2016, 16:53 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 12


Tags: bombe atomiche, bonbe nucleari, Ghedi, m5s, usa

Commenti

 

Che io sappia, le basi americane in Italia sono extraterritoriali, cioè non sono territorio italiano.

Tuttavia, gli USA non possono usarle a loro piacimento senza il permesso delle autorità italiane: lo spazio aereo sovrastante le basi è italiano e quindi teoricamente invalicabile senza consenso.

marina s. 26.02.16 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Ricordo che nel 2007-2008 è stata fatta una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare in merito. Mi pare la campagna era UN FUTURO SENZA ATOMICHE.

SAREBBE DA RISPOLVERARE QUESTA ''OPERA DI DEMOCRAZIA'' RIMASTA NEL DIMENTICATOIO DEL PARLAMENTO.

A che servono le leggi di iniziativa popolare se non vengono messe in atto? Tanto vale toglierle dalla costituzione.

niko d. Commentatore certificato 26.02.16 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Fossero solo quelle di Ghedi, in Italia ci sono sottoterra piu' ordigni nucleari che tartufi, dislocate nelle tante basi americane sul territorio italiano. Servivano a rispondere a un attacco sovietico, dopo che l'URSS avesse attaccato e devastato il nostro Paese, ipotesi chiaramente paranoica, a meno che non dovessero essere usate anche per bombardare i comunisti italiani eventualmente eletti alla guida dell'Italia. Ma ora che la guerra fredda e' finita da circa trentanni, almeno cosi' dicono i governi interessati, non si capisce chi si dovrebbe colpire con quelle bombe. E se si capisce che potrebbero servire ai piani di guerra della NATO, ebbene allora e' proprio il caso che il governo italiano ne chieda la rimozione, se ne ha il coraggio. E con un po' piu' di orgoglio nazionale dovrebbe pretendere lo smantellamento di tutte le basi USA in Italia, simbolo e conseguenza di una guerra perduta settanta anni fa'. Amici e alleati va anche bene, ma sudditi sciocchi proprio no.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.02.16 16:22| 
 |
Rispondi al commento

L'italia è una colonia americana.

gerryl 26.02.16 15:44| 
 |
Rispondi al commento

se al governo abbiamo avuto politici che non sapevano d'essere proprietari di case pagate da altri, possiamo essere una potenza militare nucleare a nostra insaputa.

Clesippo Geganio 26.02.16 15:37| 
 |
Rispondi al commento

"Trattato di non proliferazione" significa che se non hai l'atomica diventi militarmente succube di chi ce l'ha.
È un trattato di m€rd@ scritto su misura da chi aveva migliaia di atomiche per impedire che altri paesi potessero ottenere l'indipendenza.
A me preoccupano le atomiche straniere in Italia perché domani mattina obama potrebbe svegliarsi più terrorista del solito e farle saltare tutte quante...
improbabile? certo, ma non impossibile.
Le atomiche le deve possedere l'Italia non gli usa in Italia:
il trattato va ignorato o rimosso con votazione parlamentare, e non si capisce a cosa serva quando ormai sempre più paesi lo ignorano e si fanno tranquillamente l'atomica.
Se avessimo atomiche nostre non avremmo bisogno di pagare la protezione (o pizzo) agli stati uniti e la nostra politica estera e interna non ne sarebbe sempre vincolata.

Nelle basi Italiane le atomiche non sono attivabili senza codice nemmeno se gestite da personale italiano (rimangono statunitensi o direttamente controllati i manutentori degli ordigni) quindi sono un po' come gli f35 che sono disattivabili col telecomando dai produttori usa.

Secondo voi il fatto che ci lasciamo spiare tutte le telefonate anche di politici dalla cia non è l'ennesima prova che siamo un paese militarmente occupato?
Se fossimo alleati non avremmo militari stranieri qui oppure avremmo pure noi basi militari in usa.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.02.16 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Dopo 70 anni stiamo ancora pagando gli errori macroscopici di tale Benito Mussolini! E pensare che c'è ancora qualcuno che nemmeno tanto di nascosto lo osanna e ne loda l'intelligenza! Robe da matti! Comunque dopo 70 anni di sudditanza verso i liberatori, inizialmente senz'altro dovuta, credo che sia tempo di dare loro il benservito, visto anche che gli americani di oggi non sono certo gli americani di allora (gli italiani non lo so...)

Bruno L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 26.02.16 09:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

secondo me qualcuno lo deve dire a mattarella
che vedrete non sa niente
e a chiunque chiederete
nessuno sa niente
sara un miracolo operato come padre pio
il dono dell ubiquita'

roberto vas 25.02.16 21:16| 
 |
Rispondi al commento

ma se venite intercettati come il banana
e vi sputtanano allegramente dappertutto nel mondo
per far passare il concetto
che siete inaffidabili e allora lo zio sam vi deve aiutare specie con i droni
e la francia vi deve copriere le spalle in Libia

se capitasse a voi cosa fareste?sapete vero che siete al numero uno degli intercettati perché poco idonei agli interessi zio sam

roberto vas 25.02.16 20:43| 
 |
Rispondi al commento

E perche', ad Aviano non ci sono pure testate nucleari ? E in altre basi ? Ci sono piu' di 100 basi USA (ufficiali) in Italia.

Antonio Calabro' 25.02.16 18:55| 
 |
Rispondi al commento

Sono decine di anni che dalla campagna bresciana spuntano strani camini, nessuno sa a cosa servono, si vedono anche passando in A4, molti dicono che siano anche rampe di lancio di missili balistici, potrebbero essere anche prese d'aria per una base sotterranea.
Chissà chi lo sa ?

Ho fatto il servizio militare alla base nei pressi, potevamo stare solo sul perimetro esterno mai ci siamo potuti avvicinare

Enzo Chiesino, Imperia Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 25.02.16 17:55| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o  diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ .
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori