Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Via il bail in prima che sia troppo tardi

  • 10

New Twitter Gallery

viabailin.jpg

"Il salva-banche, che ha gettato nella disperazione tanti risparmiatori mettendo a nudo i meccanismi truffaldini nella gestione delle banche, è solo l'antipasto di quello che potrebbe succedere adesso che siamo entrati in regime di bail-in. Il bail-in è quel diabolico meccanismo per cui una banca in crisi può far ricorso, per salvarsi, ai soldi investiti da azionisti, obbligazionisti e persino ai depositi dei conti correnti.

VIDEO Ecco cosa succede ai risparmi con il bail in

I cittadini sono nel panico, hanno capito l'imbroglio. I mercati pure. Ed è normale, se si guarda ai comportamenti e ai conflitti di interessi di molti dei manager bancari, e al silenzio connivente di Consob e Bankitalia. La condizione di banche come Pop Vicenza o Veneto Banca è da far tremare i polsi, mentre anche Mps cerca ancora un partner robusto per salvarsi. Chi sarà il prossimo a cadere?
Tutta la politica insipiente e succube delle tecnocrazie europee ha dato il via libera a cuor leggero al bail-in, senza neppure presagire il disastro annunciato.

Solo il M5S si è opposto in ogni sede.
Per noi il bail-in è incostituzionale perché attacca la tutela del risparmio. La nostra è una visione differente: vogliamo che chi vigila non abbia conflitti di interessi e puntiamo a un sistema bancario che torni a fare il mestiere per cui era nato, supportare i cittadini e le imprese.

Separiamo gli istituti speculativi da quelli che aiutano il Paese. In questo modo i cittadini che mettono i soldi in banca potranno tornare a dormire tranquilli. E restituiamo alla Banca d'Italia il prestigio di arbitro e regolatore che ha smarrito, riportandola in capo allo Stato e togliendo di mezzo gli azionisti privati che finiscono per controllare il loro controllore.

Nel frattempo questa settimana alla Camera si discute anche una mozione M5S che rinvia l'entrata in vigore del bail-in al 2018. Il governo avrà capito, dopo l'altalena delle ultime settimane, che bisogna correre ai ripari il prima possibile? Ce lo auguriamo." M5S Camera

16 Feb 2016, 11:19 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 10


Tags: bail in, m5s, rinvio bail in

Commenti

 

avete sentito M.Monti ex premier cosa ha detto alla Gruber sul Bail In? alla domanda della gruber-alles PD... perchè all'estero esiste e funziona e da noi no, non è accettato?

risposta di M. sMonti e svendi l'Italia:
Perchè noi italiani abbiamo un pessimo rapporto con i soldi!

Tacci sua e della bocconi... ma siamo il popolo che sa risparmiare denaro come nessun altro al mondo... saranno i politici e quelli come lui che hanno un pessimo rapporto con il denaro da avidi e feticisti.

State a vedè che le banche sò fallite perchè gli italiani depositavano troppi soldi!!!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 16.02.16 19:22| 
 |
Rispondi al commento

i risparmi non vanno lasciati in banca se vogliamo possiamo cambiare il sistema togliendo ad esso il nostro denaro

chiari a. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.02.16 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Parliamoci chiaro, il bail-in serve a provocare la naturale corsa agli sportelli prima che le banche crollino del tutto.

Una soluzione al problema sarebbe convertire la liquidità in titoli di stato e utilizzarli come pagamenti (in finanza lo fanno da sempre) poiché tali titoli hanno garanzia statale mentre i conti correnti non hanno più alcuna garanzia (anzi coi tempi che corrono hanno garanzia di sparire).
Bisognerebbe quindi fare una legge che renda i titoli di stato come dire "a corso legale" cioè chi vende qualcosa è obbligato ad accettarli come pagamento.
Ovviamente se i titoli di stato sostituiscono parte dei conti correnti allora le banche falliranno ancora prima, comunque si tratta solo di una questione di tempo.....
speriamo che lo stato non trasformi i debiti privati (banche) in debiti pubblici (dopo aver spazzolato i conti) ma ormai la strada mi pare sia quella.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.02.16 14:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto ormai è compiuto (e già da tanto tempo) ...la perdita della sovranità, la nostra!

Franco P., bergamo Commentatore certificato 16.02.16 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Parliamo con le banche, vediamo quali sono disposte ad accogliere il suggerimento e distinguersi dalle banche d'affari. Le banche che si qualificheranno come banche di risparmio e sostegno alle imprese avranno certamente dei vantaggi, vediamo dove i risparmiatori preferiranno portare i propri risparmi.

girolamo tamburello 16.02.16 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri il Governatore della Banca Centrale Europea Draghi ha detto 2 cose: una esplicita è che le banche italiane non hanno bisogno di ulteriori ricapitalizzazioni, l’altra (implicita) è che si sta pensando di allargare il Q.E. ai corporate bonds bancari. Una decisione che, se verrà presa a Marzo, creerà nuova liquidità sui mercati. L’intento è quello di favorire la trasmissione della politica monetaria attraverso le banche e ridare fiato ai prestiti a famiglie e soprattutto imprese. Gli utili di questi bond bancari andrebbero alla BCE, ma andrebbero ad appesantire il bilancio della banca centrale. Il tutto poi dovrebbe essere fatto in un’ottica di bilanciamento degli acquisti tra i vari Paesi della zona euro.www.finanza-facile.it

pasquale c., rho Commentatore certificato 16.02.16 11:38| 
 |
Rispondi al commento

anziana va ad informarsi in banca sul "bail in"

cosa è questo "bail in"

impiegato - se la banca va in difficoltà sono chiamati a contribuire i risparmiatori

oh belin ma questo è un furto

impiegato - signora guardi che qua non siamo ladri

ladri no, siete rapinatori a mano armata

impiegato - ma dov'è l'arma

l'arma è la legge che vi consente questo

saluti ai monelli del blog

old dog 16.02.16 11:37| 
 |
Rispondi al commento

mi ha colpito la domanda

"chi sarà il prossimo a cadere?"

io penso che sarà l'Italia e non una banca

saluti ai monelli del blog

old dog 16.02.16 11:26| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori