Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

IREN asseta le famiglie di Reggio Emilia

  • 12

New Twitter Gallery

bambinosete.jpg

"A Reggio Emilia per 17.000 mila euro di bollette non pagate si raziona l'acqua a coloro che sono finiti in una situazione di morosità per colpe altrui o per difficoltà proprie: famiglie con bambini sono state lasciate senz'acqua.
IREN, che non ha ancora capito se vuole essere pubblica o privata, si dimostra forte con i deboli ma non pare avere altrettanta autonomia quando ha a che fare con i (soci) potenti. Il Comune si è dissociato per voce del Vicesindaco, ma non risulta che si sia altrettanto dissociato dai prestiti che IREN Spa creatura di Fassino e Delrio, continua a fare al Comune di Torino.
IREN, che per la misera cifra di 17.000 euro non si vergogna ad assetare le persone (solo ieri sono state riallacciate le utenze) non ha alcun problema quando deve foraggiare il Comune di Torino a guida Pd, comune sostenuto ripetutamente dai debiti che l'azienda a controllo pubblico fa per finanziare l'amico Fassino, socio di IREN Spa. E in questo caso non parliamo di 17.000 mila euro, ma parliamo di cifre che da relazione di bilancio sfiorano i 200 milioni di euro.

VIDEO Acqua pubblica: il M5S lancia l’allarme

IREN racchiude in sé il peggio dell'azienda privata e tutte le contraddizioni del pubblico. Un monopolio pubblico tutto sulle tasche dei cittadini, che devono anche farsi carico dei dividendi da pagare agli azionisti.
Proprio l'altra sera, nella Commissione del Comune di Reggio sulla definizione delle tariffe del servizio idrico, il direttore di Atersir ci ha spiegato che una quota di crediti inesigibili finisce nelle bollette di tutti. Questo non significa che tutti gli utenti si fanno carico di parte delle morosità?
Quindi come mai si tagliano le utenze? I soldi che mancano a Iren non dovremmo averli già pagati tutti noi in bolletta?" Alessandra Guatteri, comsigliere comunale M5S Reggio Emilia

13 Mar 2016, 12:40 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 12


Tags: Alessandra Guatteri, Iren, M5S, Reggio Emilia

Commenti

 

ECCOVI LA RISPOSTA: http://gazzettadireggio.gelocal.it/reggio/cronaca/2016/03/16/news/aemilia-delrio-e-la-de-miro-fra-i-testimoni-1.13136810

GIANCARLO O., SALSOMAGGIORE TERME (PR) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.03.16 20:57| 
 |
Rispondi al commento

IL PD COME RE MIDA AL CONTRARIO, TUTTO CIO' CHE TOCCA DIVENTA....

SCUOLA DI POLITICA DEL PD, "Basterebbe fare la legge due legislature e a casa, indennità ridotte del 50% e alla scuola non s'iscrive più nessuno.
Pensa te che insegnano anche Orfini e Giachetti.
Giachetti può parlare di lavoro, dato che lui non ha fatto un giorno di lavoro che non fosse quello del partito, e Orfini? ne vogliamo parlare...?

Robespierre 14.03.16 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Un amico a Chiusi (Toscana) paga l'acqua che consuma ad una ditta francese, Indosuez o miglior nome.
Una amica a Verbania paga gas e elettricità a una ditta tedesca, E.On.
Da svizzeri e francesi ma non solo compriamo elettricità...
II colleghi vengono da Busto Arsizio con trenini delle ferrovie svizzere, sono più puntuali.
La Edison è stata acquistata dai francesi perché gli italiani sono troppo infingardi.
Acque con pesce pregiato sono state scambiate dal ns. governo con acque francesi più povere.
La Fiat ha fatto lentamente il trapasso a un gruppetto che non sono cattolici, né buddisti.
Giornali come Repubblica e Stampa vanno dove dice il cuore, che non è cattolico né buddista, e il corriere della sera.
Poi archiviamo il tutto e di più, annuendo, il nostro capitalismo pezzente dicendo che, alla fine, anche noi abbiamo delle grandi bellezze'.
E' una prassi abbastanza invalsa di vendere pezzi d'Italia per pagare i debiti (vedi la Corsica), ne abbiamo tanti, troppi, e si continua a imparare di enormi truffe tollerate per anni o decenni ovunque nell'amministrazione pubblica. Certo che molto di più dei duemila miliardi di euro del nostro debito pubblico sono riconducibili alla classe politica che ha cinicamente sottratto soldi sia da tutti i ministeri che dagli assessori, fino al vigile urbano, non per mancanza di controlli ma per connivenze. Si è fatto e ancora si fa il vero motivo dello stare al mondo accumulare denaro prima di tutto. Il vitello d'oro come ragione della propria esistenza, quando doveva essere solo un mezzo di sopravvivenza al meglio delle proprie capacità naturali. Un governo fatto da gente che ha dedicato gran parte della vita al materialismo
non può certo pretendere di avere ideali o valori da sbandierare. Avrà invece tutte le meschinerie che si stanno vedendo in tutti i partiti senxa un'ombra di idealità e di poca intelligenza.
Distinti saluti
Franco/Milano+

francesco Di matteo, Milano Commentatore certificato 14.03.16 10:10| 
 |
Rispondi al commento

L'acqua è un bene che, come l'aria, deve essere gratuito per tutti. Per consumi industriali invece deve essere fatta pagare ad un giusto prezzo. Ci faranno pagare anche l'aria???????? WM5*****

carlo.a 14.03.16 07:37| 
 |
Rispondi al commento

Iren e' il Pd, una finanziaria a mezzo fra il comune di Genova è quello di Torino, che controlla il 35 per cento del capitale di Iren, poi c'è' il comune di Reggio Emilia e gli altri comuni della pianura padana, di cui il solo a 5 stelle è' Parma... Iren è il Pd

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato 13.03.16 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Non occorrono commenti.Bisogna organizzarsi con bastoni nodosi ed andare a caccia di questi criminali per massacrarli senza alcuna pietà.Se parliamo,la situazione andrà sempre a peggiorare.Siamo obbligati a comportarci così nell'interesse e per la sopravvivenza dei nostri figli e nipoti.

rocco 13.03.16 21:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Abito a Nord di Torino, dove ci sono le dighe per produrre energia, erano un sostentamento per parte della popolazione di montagna, come posti di lavoro, finchè è stata AEM. Era una società in super attivo, come l'azienda elettrica di ReggioEmilia. Con il gioco delle scatole cinesi sono passate IREN, con un passivo non indifferente, con dentro inceneritori, acque ecc.
RISULTATO: i lavoratori che vanno in pensione non vengono rimpiazzati, e i servizi, addirittura alle dighe, esternalizzati a cooperative che erano completamente a digiuno di lavori del genere. Per la nostra sicurezza, nesuno vi darà risposte.
Tutto questo con il patrocino del grande partito di centro sinistra, con i vari Chiamparino e Fassino promotori.
AMEN, colpevoli quelli che ancora votano 'sti grandi economisti con i soldi degli altri.

adriano 13.03.16 19:49| 
 |
Rispondi al commento


sono qui a richiedervi un finanziamento di euro 5000 per affrontare una mia situazione economica precaria.Devo anche avviare una mia ditta individuale e mi trovo veramente in seria difficoltà.Confido in un vostro aiuto e nell'occasione vi porgo cordiali saluti.Vita Gianfranco 340/9231130

louisa 13.03.16 16:47| 
 |
Rispondi al commento

no ..bisogna pagare 2 volte per mantenere i parassiti...quando saranno senza mutande ..forse..forse qualcuno aprira gli occhi

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.03.16 16:29| 
 |
Rispondi al commento

Ma del siluramento dell'avvocato Antonio Fiumefreddo di Riscossione Sicilia, ne vogliamo parlare o no!

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.03.16 14:17| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cooky Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori