Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La fregatura dell'#anatocismo imposta dal governo

  • 5

New Twitter Gallery

anatocismo_renzi.jpg

di M5S Parlamento

C’è sempre qualche potere forte che tiene la manina del Bomba e dei suoi quando questi redigono le leggi. Nel caso dell’anatocismo (in un prestito, gli interessi capitalizzati che generano altri interessi da pagare), le banche dettano, la maggioranza scrive. E poi, truffaldinamente, i partiti spacciano certi provvedimenti per una vittoria dei consumatori. La chiamano norma Boccadutri, ma sarebbe da definire "Bancadutri".

VIDEO Il M5S insieme ai truffati del Salva Banche

La cosa grave è che il governo con la sua maggioranza sdogana per legge quell’anatocismo che i clienti degli istituti hanno sempre continuato a subire e che solo la legge di Stabilità di fine 2013 aveva provato, senza successo, ad abolire. La verità è che la fregatura rimane, perché rimane la capitalizzazione degli interessi, pur annuale, nel momento in cui vengono addebitati su conto corrente dell’utente che non si trova in grado di saldarli subito. Per gli incapienti è un colpo gravissimo. Il M5S è stato l’unico in Parlamento a intuire la trappola e l’unico a non votare a favore.

31 Mar 2016, 09:05 | Scrivi | Commenti (5) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 5


Tags: anatocismo, banche, Boccadutri, M5S, Pd, usura, usura bancaria

Commenti

 

Come sempre il M5S è l'unica forza politica a non fare schifo, a non far cassa, a rifiutare inciucio... Lascia fare al bomba & soci così ti troverai in mutande senza capire com'è successo. Vota PD una sicurezza...d

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 02.04.16 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Mi telefona il direttore della filiale della banca popolare di vicenza dove ho il conto corrente.
Buon giorno Antonio, sono preoccupato ,ho dato una occhiata al conto e vedo che siamo in rosso.
ANCHE VOI !!!!!

Antonio Bellisai 31.03.16 23:06| 
 |
Rispondi al commento

BASTARDI BANCHIERI e il governo che le sostiene...anzi si fò scrivere le leggi dai padri dei ministri! Una bella scoppola per i risparmiatori e cittadini, che sono sempre lì a subire senza ribellarsi mai veramente! MOBILITAZIONE (di tutte le categorie), indipendentemente dal problema specifico, NO EH?
Sarebbero almeno 3 milioni davanti a palazzo chigi e dintorni (dai fregati bancari, allevatori,metalmeccanici, piccoli industriali, negozianti, impiegati, insegnanti, esodati,disoccupati e chi più ne ha più ne metta!) SOLO COSI' IL GOVERNO VA' A CASA ! UNA RACCOLTA A ROMA PER TUTTI! ECCO UNA BELLA INIZIATIVA dei sindacati di categoria e dei partiti-movimenti che condividono !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 31.03.16 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo si continua a citare come "banche" quello che dovrebbe scriversi "banchieri".
Perche', il grossissimo problema di TUTTE queste ruberie di TUTTI questi istituti di servizi, banche, assicurazioni, telefonie, energie, trasporti nazionali, che, per quanto spa, operano in regimi di cartello e praticamente MAI in reale concorrenza, ne' come prodotti, ne' come costi, il VERO problema e' che questi altissimi ed ingiustificati COSTI, servono ESCLUSIVAMENTE, a beneficiare i vari VERTICI degli Istituti ed i loro consulenti amici e parenti. MAI a produrre innovazioni o miglioramenti per i clienti/utenti. Solo, come sempre in italia, ad arricchire castisti, TUTTI sempre per il loro bene e mai per il bene dei cittadini. E tutti sempre stratutelati, incontrollati, invalutati, impuniti.
Bisogna assolutamente rendersi conto che TUTTE queste imprese di servizi primari, come TUTTE le attivita' relazionate allo Stato, DEVONO, avere il massimale di remunerazione di MAX 10 volte lo stipendio minimo.
Solo questo potra' portare ad un rapporto piu' corretto tra dirigenti e cittadini, tra arricchimenti rubati e miserie diffuse.
Inoltre, chi intende operare nello Stato deve farlo per lavorare per il bene dei cittadini ed alla ricerca di una CORRETTA remunerazione, NON per potere impunemente spadroneggiare per arricchirsi indisturbatamente o incensarsi di potere.
Altre imprese, non devono essere soggette a queste limitazioni, perche' e' assolutamente corretto e produttivo che la meritocrazia, l'innovazione, gli apprezzamenti dei mercati siano premiati anche con altissime remunerazioni dei vertici. Chi inventa brevetti, o prodotti o servizi innovativi e soggetti ai gradimenti dei cittadini deve avere i piu' ampi spazi di manovra e poter ricevere i benefici delle proprie produttivita', pagati volontariamente dai cittadini. Chi gestisce potere DEVE invece, farlo nell'interesse dei cittadini ed a CORRETTI costi.

tomi sonvene Commentatore certificato 31.03.16 10:42| 
 |
Rispondi al commento

La Banca

è quell'ente che quando tu finisci di pagare il finanziamento che ti ha concesso e gli hai restituito quasi il doppio del capitale con la faccia bonaria dell'impiegato ti dice

"xò l'abbiamo aiutata"

quando dopo aver finito di pagare il mutuo sulla prima ed unica casa mi son sentito dire questa frase ho risposto all'impiegato

veramente vi ho aiutato io pagando il 14% di interessi

l'impiegato si è ammutolito

Forse pensava che scherzavo

La Banca ....

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

saluti ai monelli del blog "

old dog 31.03.16 10:03| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori