Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

Non ci sono i soldi neppure per l'affitto #RedditoDiCittadinanza subito!

  • 11

New Twitter Gallery

affittononpagato.jpg

Gli italiani non riescono a pagare non solo le bollette, ma neppure l'affitto della casa in cui vivono che porta alle richieste di sfratto. Il Reddito di Cittadinanza può aiutare queste persone: deve diventare legge il prima possibile. Il governo del Bomba invece prepara provvedimenti per intaccare le pensioni di reversibilità e per espropriare la casa a chi salta qualche rata del mutuo. E' il governo delle banche, non dei cittadini.

"Non pagare l'affitto resta una cattiva abitudine per tanti. La ripresa, ancora timida, non incide su quello che ormai sembra un trend consolidato: un proprietario di casa su due (il 48%) denuncia mensilità non pagate; al Sud, il dato è anche peggiore, con punte vicine al 55% a Napoli, Bari e Palermo. E anche per le rate di condominio, la morosità resta alta. Nelle grandi città i condomini in ritardo nei pagamenti sono uno su tre (27%). E' quanto emerge da un'indagine dell'Adnkronos, con il contributo delle associazioni territoriali che rappresentano gli inquilini e i proprietari. Salvo pochi scostamenti, i dati sono in linea con la stessa rilevazione effettuata a ottobre 2015 e ottobre 2014.

VIDEO La battaglia del M5S per proteggere il diritto alla casa

Sia per gli affitti che per le rate del condominio, la distribuzione dei dati a livello territoriale evidenzia zone di maggiore criticità. A Roma la quota di affittuari morosi scende al 38%, mentre il Nord si conferma più rispettoso delle scadenze, con Milano intorno al 25%.

In media, circa il 20% del totale degli affitti registrati arriva a una situazione di insolvenza che giustificherebbe la richiesta di sfratto. Una soluzione che viene però rimandata il più possibile, per scarsa fiducia nella giustizia e con la prospettiva di ottenere una transazione che salvi almeno parte dell'affitto pattuito, con una rinegoziazione. Si arriva alla richiesta di sfratto nel 15% dei casi.

Anche per le rate di condominio, c'è una sostanziale disomogeneità sul territorio. A Roma, un proprietario di appartamento su cinque (19%) non ha pagato almeno una rata, con una media di cinque mesi di ritardo accumulato e un debito medio di circa 500 euro l'anno. Indicativo il caso di Bolzano, città con una qualità della vita più alta: anche in questo caso la morosità resta intorno al 20%. A Milano pagano in ritardo il 14% dei condomini, ma con ammanchi più alti, che variano tra i 2500 e i 3500 euro. A Torino, il tasso di morosità è al 30%. Ma il record negativo spetta ancora al Sud, a Napoli il 37% dei proprietari di casa è in debito con il proprio condominio." Adnkronos

14 Mar 2016, 11:19 | Scrivi | Commenti (11) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 11


Tags: affitto, m5s, mutuo, pensioni di reversibilità, reddito di cittadinanza

Commenti

 

Non capisco perche'se ci sono i soldi per salvare i banchieri e banche,per finanziare l'europa , per foraggiare gli amici degli amici,NON ci siano per il REDD.DI CIT. ? Come la penso? Casa per tutti,lavoro,e red. di citt.E loro cosa fanno? Abbattimento della sanità,abbattimento dello stato sociale,abbattimento dell'articolo 18,in piu'sono diventati dei camerieri di bruxell,servi delle banche,riducendoci quasi come la grecia.FUORI SUBITO DALL'EURO,IL GLOBAL-LIBERISMO ECONOMICO DELLE LORO BANCHE E' DA CONSIDERARE CRIMINALE,COME UN'ATTENTATO AL POPOLO SOVRANO.Non votiamoli piu'e'l'ultima e sola cosa che ci rimane finche'possiamo.

ANTONIO 52 19.03.16 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Nel 38% di morosi a Roma e compreso anche il PD con gli affitti che non ha versato al comune?

enrico caserza, sant'olcese (GE) Commentatore certificato 15.03.16 22:48| 
 |
Rispondi al commento

basta che i soldi per gli F35 e per salvare le banche siano sempre!

antonio merlo 15.03.16 09:29| 
 |
Rispondi al commento

Per cercare lavoro bisogna avere i soldi in Tasca,
bisogna pagare il treno, una notte in pensione se il colloquio e fuori regione, pagare la benzina, i mezzi pubblici,una pizza.
poi se uno trova lavoro ti pagano dopo un mese nel frattempo cosa mangi l'erba?
per affittarti una casa dove trovi lavoro serve una cauzione di 3 mensilità dove li prendi i soldi per le spese iniziali. ma senza soldi non puoi neanche affrontare i colloqui. Non basta dire "bisogna creare lavoro" come fà il governo da 2 anni a questa parte

Andrea Rossi 14.03.16 22:35| 
 |
Rispondi al commento

perchè questi maledetti partiti ci devono negare ciò che il Governo di qualsiasi Stato in Europa prevede per i cittadini?
io ce l'ho con quelle teste di cazzo che si astengono dal voto, ancora più di quelle altre che votano i partiti.
vi volete svegliare maledette teste di cazzo!

mic. 14.03.16 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Sono 3 volte che scrivo e una mano invisibile cancella tutto facendomi uscire...stavolta ho fregato la "mano invisibile" con il copia/incolla...

Daniele T., Grugliasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.03.16 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Ieri alle Iene ho visto un servizio sull'esproprio di una casa eseguito dalla banca, la vittima era una pensionata di 86 anni che aveva comunque pagato tutte le rate del mutuo, ma aveva subito la TRUFFA dal consorzio che gliel'aveva venduta... Le avevano fatto firmare per la garanzia al consorzio stesso che era alla fine fallito, il m... del consorzio non voleva manco farsi riprendere...

Daniele T., Grugliasco Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 14.03.16 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Parliamoci chiaramente:
la metà delle volte l'inquilino non paga o smette di pagare perché tanto sa benissimo che può non pagare e che anche se denunciato non pagherà proprio nulla.
Le morosità incolpevoli (in cui realmente il problema è dovuto a fattori esterni come un licenziamento) a esperienza personale devo dire che sono pochissime:
perché pagare se puoi farne a meno?
In particolare gli stranieri o comunque chi non ha alcun tipo di immobile o futura eredità su cui rivalersi può tranquillamente sostare in una casa un paio d'anni prima che si inizi a parlare di sfratto esecutivo (e nulla vieta di fare esattamente la stessa cosa nell'immobile successivo).
Dare un reddito di cittadinanza non significa che tali soldi verranno usati per pagare l'affitto o i debiti arretrati almeno nei casi di morosità colpevole.

Diventa quindi essenziale discriminare fra chi non vuol pagare e chi non può pagare creando due diversi percorsi giudiziari (la pippa di presentarsi più volte in tribunale per dire "si si pagherò" e intanto passano mesi andrebbe limitata parecchio).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.03.16 14:59| 
 |
Rispondi al commento

che la sotuazione e' disastrosa lo sanno e lo vedono tutti
basta guardare le centinaia di negozi sfitti ed abbandonati a Bologna a causa di costi di locazione folli ,da paranoici-
Misteriosamente i locali piu' commerciali invece li affittano tutti in prevalenza cinesi, spesso li acquistano ,in particolare bar in contanti a cifre astronomiche
Alcune strade di Bologna stanno subendo un depauperamento irrecuperabile

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 14.03.16 14:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quella che vediamo più che una timida ripresa è una sfacciata fandonia

A L., roma Commentatore certificato 14.03.16 12:24| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori