Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

L' Istat conferma: il Jobs Act è solo un bluff

  • 10

New Twitter Gallery

jobac.jpg

"I dati pubblicati dall'ISTAT avallano la tesi del M5S sugli sgravi contributivi del Jobs Act. Da mesi denunciamo che il lieve incremento sull'occupazione è un effetto che deriva solo ed esclusivamente dall'attrazione per gli imprenditori degli sgravi contributivi che sono stati previsti per le assunzioni a tempo indeterminato e che ora, essendo stati dimezzati, hanno di fatto annullato i pochi effetti del Jobs Act.

I dati pubblicati oggi sull'aumento della disoccupazione unitamente a quelli pubblicati sempre dall'ISTAT sul numero di assunzioni a tutele crescenti, certificano il totale fallimento della riforma del lavoro di questo governo. Una riforma che doveva servire a creare 1 milione di posti di lavoro, ma che in realtà è servita solo a sperperare 12 miliardi di euro.

Sta di fatto che oggi dopo la riforma ci ritroviamo con un aumento del tasso di disoccupazione che è all'11,7%, ovvero, con 7.000 disoccupati in più, con 97.000 occupati in meno nonché con 58 mila persone in più che senza alcuna speranza hanno deciso di non cercare più nemmeno un lavoro.

Questa è l'ennesima prova del fatto che siamo davanti ad un governo incapace che non è in grado di guidare minimamente il nostro Paese. Un governo che non ha come priorità creare nuovi posti di lavoro, ma che è troppo impegnato a favorire le banche, a difendere gli interessi delle lobby ed a favorire i compagni dei ministri".
MoVimento 5 Stelle Senato

2 Apr 2016, 10:22 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 10


Tags: disoccupazione, istat, jobs act, lavoro

Commenti

 

Ho un suggerimento per risolvere il problema delle case sfitte. Si sa che molti proprietari preferiscono non affittare perché non ci si può sbarazzare dell’ inquilino prima della scadenza del contratto. Ma se fosse soppresso per legge il diritto al reintegro in caso di sfratto illegittimo, il proprietario potrebbe inventarsi che il conduttore non paga e dargli lo sfratto per morosità. Anche se l’inquilino esibisse le ricevute e vincesse la causa, il padrone di casa soccombente, con il contratto di locazione “ a tutele crescenti”, potrebbe comunque riprendersi l’appartamento restituendo qualche mensilità del canone, magari per riaffittarlo a chi gli offre una pigione più alta. Non solo, l’inquilino, sapendo che dovrebbe andarsene anche con una sentenza che gli desse ragione, la causa non la farebbe nemmeno preferendo lasciare la casa senza tante storie, accontentandosi della restituzione di qualche canone, che il proprietario gli verserebbe volentieri pur di toglierselo subito di torno. Sarebbe un cambiamento eccezionale perchè incrementerebbe in misura esponenziale il mercato delle locazioni. Ho anche un nome accattivante e molto originale per questa epocalissima riforma : “House act”. Non è un’ idea geniale, da premio Nobel per l’economia? Come ? Non si può buttare fuori di casa un inquilino che ha vinto la causa perché ha dimostrato che il proprietario ha barato dichiarando il falso? non è costituzionale? Niente paura! La corte costituzionale una pezza che legittimi l’”House act” la trova! Nell’interesse nazionale, naturalmente.

Nicola Brescia 17.01.17 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Jobs act è un bonus elargito per gli imprenditori ma anche una truffa mediatica per gli elettori.

Licia Padova, Padova Commentatore certificato 02.12.16 18:49| 
 |
Rispondi al commento

Jobs Act? Una gran delusione: 53 anni, assunto prima con contratto a termine trasformato in indeterminato. Finito il progetto l'azienda mi ha detto che devo licenziarmi altrimenti per loro potrebbero esserci dei problemi. Ah, però! Così non avrò nemmeno la NASPI e faccio pure la figura dello scansafatiche! Come molti italiani ho contribuito a far crescere un Paese che non riconosco più.

Maurizio Lamon 04.04.16 14:00| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe Grillo o grillo Beppe come ti pare. E da molto che non mando commenti su questo blog. Sono un po' deluso la verità. Tutto quello che si fa in Italia, con i governi che si alternano tutti con gli stessi scopi: prima proteggersi il loro e poi pensare al paese. Non funziona.Il debito continua a salire,i disoccupati pure, i ragazzi che scappano ogni anno di più, aumentano a josa i malati, e aumentano i suicidi. Purtroppo aumentano anche i conti in banca dei politici, sindacalisti ed ex sindacalisti e tutte le caste. Abbiamo visto in Francia cosa combinano x non far passare una legge sul lavoro come la nostra, e cosa fecero pochi mesi fa x protestare contro un'altra: bloccarono tutto il paese con i trattori. In francia danno il sostengono le famiglie in difficoltà, c'è meno disoccupazione di noi, hanno un debito pubblico molto più basso del nostro. In Italia che facciamo x avere gli stessi diritti? Il SINDACATO: da cagare completamente. I PARTITI ALL'OPPOSIZIONE: uno peggio dell'altro, uguale a quelli del governo; . Son nati i 5 stelle x necessità. x il REDDITO DI CITTADINANZA. MA QUESTO SPLENDIDO MOVIMENTO invece di incominciare subito con il REDDITO di CITTADINANZA,CAVALLO DI BATTAGLIA della loro politica vincente.> lo tiene nella NAFTALINA, e fa tante altre belle cose che servono a poco. In Italia l'unico rimedio x la ripresa, è dare il reddito di cittadinanza e aumentare i consumi interni, dimezzare la delinquenza spicciola; invece assistiamo ancora a tasse e aumento del debito, alla ruberia politica che non smette, e alla delinquenza di città che aumenta x pura necessità dei cittadini nulla tenente. In Francia che è il DOPPIO del territorio italiano e HA PIU' ABITANTI ha meno poliziotti. Ed ha anche meno guardie del corpo e meno auto blu. Chi deve mandare a casa questo governo??? 5 stelle siete molto bravi e generosi; ma…con amore e con democrazia p.p

vito volpicella 04.04.16 07:28| 
 |
Rispondi al commento

Il post fotografa la realta .
Ma il lavoro , o meglio il reddito , non si inventa per legge ma comprendendo le ragioni per cui non c'e e contrastandole .

Tutti i governi hanno cercato di aumentare il pil attraverso politiche combinate basate sulla spesa pubblica .

Non hanno funzionato ed hanno solo aumentato il debito pubblico

Se la propensione al consumo diviene negativa per "psicologia di poverta" il moltiplicatore diviene negativo o nullo .

Ecco perche' spendendo 1 miliardo di investimento pubblico mi trovo 2 miliardi di debito al posto dei +5 a cui mi porterebbe una calcolazione keynesiana classica ( di sinistra ) .

Che fare ?

Prima di tutto fare il contrario di cio che si sta facendo perche non funziona capendo perche non funziona .

E questo mi pare non lo dice nessuno .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 03.04.16 08:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma possibile che si debba aspettare che il paese affondi definitivamente prima di cacciare, dar fuoco, eliminare questo idiota di burattino bimbomimchia e tutta la sua incostituzionale coorte circense, acrobati del furto e del malaffare che agevolano potere solo a meschini psicopatici amanti solo del proprio possesso e senza un minimo senso civico e sociale. Ma da quale merda ci stiamo lasciando governare. Ma, italiani, cosa aspettate ad aprire gli occhi e magari a far funzionare un pò il cervello.

mic fan 03.04.16 00:49| 
 |
Rispondi al commento

Intanto in francia i lavoratori hanno bloccato il paese per fermare la loi travail (l'equivalente del jobs act). E non hanno il m5s

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 02.04.16 18:42| 
 |
Rispondi al commento

Possiamo tranquillamente affermare che il jobs act e' un bonus dato agli imprenditori e una truffa mediatica per i cittadini elettori.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 02.04.16 16:21| 
 |
Rispondi al commento

ma ci voleva l'istat per provare il fallimento di una legge idiota atta solo per far risparmiare gli imprenditori e addossare MLD di euro di buco nelle casse dello stato ai cittadini contribuenti?

Un branco di idioti allo sbaraglio le false opposizioni e un masnada di corsari al governo di questa Italia dilaniata nel profondo delle anime.

Ma se la domanda è inferiore all'offerta, quindi se i consumi diminuiscono le produzione dei beni materiali diminuisce e con essa i posti di lavoro! In questa recessione non assume nessuno!!!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 02.04.16 11:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori