Partecipa alla scrittura delle leggi del M5S

La notte che saltò fuori la vergogna su Tempa Rossa

  • 20

New Twitter Gallery

totaltempa.jpg

di Stefania Divertito

"Fu una notte strana quella del 17 ottobre 2014.
Era un venerdì 17, e sembrava quasi che ci stessimo preparando per la guerra. Ma forse, in fondo, di guerra si trattava.
Avevamo attrezzato i computer dei deputati del M5S della Commissione Ambiente per un collegamento streaming pirata e i pazzi di Radio Hangout Revolution ci aspettavano pronti a sparare la diretta online.
Io ero sintonizzata e avevo Twitter pronto come un colpo in canna.
C’era la “fiume”, in commissione. Fiume, e notturna. Certe robe accadono sempre di notte nel palazzo. Il presidente Ermete Realacci, piddino e membro onorario di Legambiente, aveva annunciato la tagliola per “non perdere tempo”. Pochi secondi a disposizione per ogni intervento. Bisognava fare in fretta. Non sia mai che qualcosa potesse ostacolare l’approvazione dello Sblocca Italia.
Stiamo parlando di una delle leggi più indigeste per chi ama l’ambiente.
Una specie di ovosodo che ancora oggi a distanza di un anno e mezzo non va né su e né giù.
Una legge mostro che contiene tutto il peggio che si può temere: via libera a inceneritori, a cemento, ad acqua privata, a commissariamenti straordinari, opere inutili e, appunto, trivelle.
All’improvviso, un fuori programma: Realacci rese “ammissibile” un emendamento nuovo di zecca, presentato dal governo e firmato dal sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari. Uno dei tanti, così almeno sembrava.
Ma era venerdì 17, quel decreto era una dichiarazione di guerra, e noi tutti eravamo pronti. Non si poteva far calare l’attenzione nemmeno per 5 minuti.
E infatti fu Mirella Liuzzi, deputata M5S lucana, ad accorgersi della trappola.
Quelle poche righe avrebbero trasformato le infrastrutture energetiche in impianti strategici. Da proteggere con i militari e con il segreto. Senza controlli pubblici, senza monitoraggi.
Tempa Rossa, ci venne subito in mente. Mirella urlò: “È una vergogna”. Scoppiò il putiferio. Realacci fece il pesce in barile. Dovette sospendere la seduta. E chi si palesò in commissione per spingere l’emendamento pro-Guidi? L’allora viceministro allo Sviluppo Economico Claudio De Vincenti. Il potentissimo che oggi siede al posto di Delrio come sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Il vice di Renzi, insomma. Le truppe cammellate piombate di notte in Commissione per avallare l’emendamento che oggi sappiamo era fortemente voluto dal compagno della ministra. Allora non potevamo saperlo, ci scandalizzammo dell’assurdità del testo che avallava un’opera pubblica inutile, dispendiosa e inquinante. Per un’ora De Vincenti parlò con Realacci, spingendo, spiegando, avvalorando tesi per far passare l’emendamento. Fu inutile. Grazie alle proteste e alle argomentazioni del M5S Realacci dovette dichiararlo inammissibile. Al rientro della pausa, ormai in piena notte, il testo fu ritirato. Vittoria a 5 Stelle. Oggi, quella vittoria ha un sapore ancora più dolce".

3 Apr 2016, 12:29 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: boschi, guidi, scandalo, tempa rossa, total

Commenti

 

Ci vorrebbe 'na bella fiaccolata con forconi...

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.04.16 14:33| 
 |
Rispondi al commento

GRANDI! Semplicemente GRANDI! Quando qualcuno (ancora) mi chiede cosa fanno i nostri rappresentanti in parlamento ho sempre dell'ottimo materiale da sottoporgli e questa è un'altra perla!

Pasquale Saccone, Napoli Commentatore certificato 04.04.16 10:19| 
 |
Rispondi al commento

chi....ermete realacci... l'ambientalista? Ma per favore la prossima volta in parlamento mandatelo a fanculo in coro!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 04.04.16 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Brava Stefy, questo è un post da mandare integrale sui libri di storia.

maurizio p. Commentatore certificato 03.04.16 22:40| 
 |
Rispondi al commento

Hasta Siempre Gato.
In memoria di Leandro "Gato" Barbieri mancato ieri.
Purtroppo ricordato soltanto dagli imbecilli dell'informazione come quello che ha fatto la musica per il film "ultimo tango a Parigi" (certo, anche L.V. Beethoven è quello che ha fatto la musica per S.KUBRICK!).
Grande saxofonista ribelle, ricordiamolo come membro della "Liberation Music Orchestra".
Cosi sia.

GIANNI SOLIA, Torino Commentatore certificato 03.04.16 22:17| 
 |
Rispondi al commento

e poi continuano a dire "non fate niente!"

Paolo Hidalgo Commentatore certificato 03.04.16 19:32| 
 |
Rispondi al commento

mi fanno schifo,non gli frega nulla se la gente crepa, l'eni è stato,anche se privata,ma sono da buttare in galera e farli marcire, sono criminali

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.04.16 18:21| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna decostruire, altro che costruire!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.04.16 18:05| 
 |
Rispondi al commento

E' vero lo sblocca Italia e' una accozzaglia di norme che hanno creato piu' danno che risultati economici.

Tuttavia e' un fatto che la legge 42 del 2004 (fatta da Berlusconi , vedi un po' ) e' alla base della non possibilita' di fare delle aziende e delle singole persone sia nel campo dell'edilizia che delle energie alternative .

I comuni usano la delega all'ambiente per fare cassa e in qualche caso "dazione ambientale" .

I TAR ci vanno a nozze con sentenze fuori di "melone" e la gente o fa abusivamente o non fa.

Il combinato disposto fra le leggi in edilizia e le leggi ambientali e' un "monstrum" giuridico che va azzerato e rifatto avendo in mente l'interesse dei cittadini , che non e' un astratto "interesse pubblico" ne' l'interesse di poche lobby.

Se invece dei funzionari dei ministeri, delle regioni e delle provincie fossero chiamate a dare le autorizzazioni dei comitati di casalinghe le cose andrebbero meglio.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 03.04.16 17:53| 
 |
Rispondi al commento

Quando si fa un buon lavoro i risultati si vedono e voi, cari rappresentanti, state facendo un ottimo lavoro. Bravissimi!

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 03.04.16 16:02| 
 |
Rispondi al commento

Altra vicenda che la dice lunga sulla qualità di questi politici, persone di bassa leva.

enrico caserza, sant'olcese (GE) Commentatore certificato 03.04.16 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Bella Storia,
peccato che ce le leggiamo solo noi, il resto del paese non sa neanche cos'è un computer, un blog o un tablet.
Andiamo avanti così a menarcelo sul web e vedrete che non cambierà mai niente.
Cosa costa fare quattro fotocopie e lasciarle in giro nei bar e per le buche delle lettere???
Ormai bisogna rassegnarsi che non cambierà mai niente in questo Paese geriatrico a cielo aperto dove i vecchi compagni di merende giocano sull'ignoranza e sull'età media dei votanti.
Fotocopiate e divulgate grazie!
Non ci vuole niente e forse qualche dubbio lo si mette alla Gente.
Luca

luca Paolino Commentatore certificato 03.04.16 12:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

quando una cosa interessa lavorano anche di notte...pd stakanovista!!!

gigi 03.04.16 12:56| 
 |
Rispondi al commento

ma porca troia!! in che mani siamo!?

Fabrizio De Grandi Commentatore certificato 03.04.16 12:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati da Beppe Grillo e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi. Per poter postare un commento invece, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, savol quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento dei dati è Casaleggio Associati s.r.l. , con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121. I dati acquisiti verranno condivisi con il "Blog delle Stelle" e, dunque, comunicati alla Associazione Rousseau, con sede in Milano, Via G. Morone n. 6 che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l'impiego dei dati stessi nell'ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle; modalità e finalità del trattamento nonchè ambito di diffusione e comunicazione dei dati da parte della Associazione Rousseau sono i medesimi sopra e di seguito descritti.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori