Il Blog delle Stelle
Putin va alla guerra dello smartphone (contro Obama)

Putin va alla guerra dello smartphone (contro Obama)

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 14




di Marcello Foa

La società russa Open Mobile Platform sta sviluppando un sistema operativo alternativo ad Android e iOS, che al momento sono installati nel 90% degli smartphone della popolazione russa.
In questo modo Putin intende rompere il duopolio di Google e Apple e proteggere le informazioni sui propri cittadini.

La mossa del governo russo arriva a tre anni dalle rivelazioni di Edward Snowden sulla sorveglianza di massa esercitata dalla NSA (National Security Agency). L’agenzia americana, secondo quanto rivelato dal whistleblower, è in grado di intercettare il traffico internet e telefonico in ogni parte del globo.

E Putin per boicottarla sta agendo in due modi.

Prima di tutto attraverso nuove regole sulla raccolta e la conservazione dei dati. Da settembre 2016 entrerà in vigore in Russia una legge che obbliga le aziende a usare solo server situati nel territorio russo. Così facendo potrà trattenere le informazioni private della popolazione in territorio russo.

Secondo, lanciando un sistema operativo proprietario per competere con i giganti USA. Se l’iniziativa avrà successo, Washington avrà maggiori difficoltà a spiare i telefoni dei cittadini russi.

Putin adotta misure per agevolare la sua nazione in termini di sicurezza. Mentre in Europa, Svizzera inclusa, e naturalmente anche in Italia stanno tutti tranquilli: ci si preoccupa dei selfie, ma non della privacy dei vostri smartphone. Tutto è intercettato e archiviato dai servizi americani e da quelli britannici. Ma, naturalmente, va bene così.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

19 Mag 2016, 12:26 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 14


Tags: apple, google, iphone, obama, putin

Commenti

 

provo a parlare il meno possibile da tecnico.

non c'è limite alla sicurezza di un sistema a parte la potenza di calcolo e l'utilizzo di banda.


in poche parole

A se vuoi criptare devi usare potenza di calcolo proporzionale alla sicurezza che si traduce in apparati più costosi. piu potenti e che consumano più energia e scaricano prima le batterie.

B se vuoi criptare ti serve più memoria perché ogni volta che rendi indecifrabile un file lo devi ingrandire perciò il file diventa molto più grande e occorre HD e memoria più voluminosa.

C se vuoi criptare ti serve più banda di connessione perciò una connessione per esempio audio come quella telefonica che passa tranquillamente in 64kbit/sec potrebbe diventare anche 10 volte piu grande per esempio 640kbit/sec per diventare molto sicura.


non c'è limite alla criptatura ... basta perdere prestazioni... chiaramente ci sono metodi più efficienti di altri ma la sostanza è che più vuoi rendere una comunicazione sicura e più la devi appesantire!

multimedialidiota 21.05.16 23:54| 
 |
Rispondi al commento

prova

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 21.05.16 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Penso che sia un pretesto poiché è un mercato in crescita e molto appetibile. Bisogna ricordare che ultimamente c'è in atto una guerra proprio sulla privacy da parte delle aziende produttrici di software, saremo anche tutti spiati ma a meno che le ultime vicende (vedi decrittazione iPhone tra Apple e governi usa) non siamo il solito teatro della commedia,la segretezza delle nostre comunicazioni appartiene alle aziende e loro lottano perché questo sia un valore aggiunto. Il tema scottante ed attualmente irrisolto è la pubblica sicurezza. Da noi le nostre conversazioni sono di proprita dei privati in Russia è lo stato che vuole tenere sotto controllo i cittadini semmai quello che potrebbe interessare i russi e fare un arma di controspionaggio che viaggi su smartphone e tablet.

roberto angeloni, tagliacozzo Commentatore certificato 20.05.16 11:23| 
 |
Rispondi al commento

dovete sapere che isis dento la libia è voluto perché putin in siria lo ha quasi debellato del tutto e allora, i veri finanziatori di ISIS hanno ben pensatao di salvare isis facendolo rifugiae dentro la libia.

Se fosse putin li bombarderei anche in libia e vaffanculo a obama!

cognome e nome 19.05.16 22:30| 
 |
Rispondi al commento

Diciamo pure che Putin lo fa perché vuole essere lui a spiare i russi......


Putin e' a capo di uno Stato sovrano, che puo' puacere o meno. Noi europei no! Avendo perduto di brutto la seconda guerra mondiale siamo ancora sottoposti alla protezione degli Stati Uniti e dei loro complici britannici (il gatto e la volpe). Cosa volete che importi se ci intercettano o no, tanto con gli amici (?) non si hanno segreti anzi si condividono, anche i piu' intimi. Ne riparliamo dopo la terza guerra mondiale come dice Papa Francesco che sul futuro del mondo ha informazioni di prima mano.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.05.16 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Ci sarà un motivo sei al qaeda manda uno a cavallo 300 km in pieno deserto per scambiarsi messaggi

Luca S., Vado Ligure Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.05.16 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Non abbiamo le tecnologie...
E per finire, i PC , i server quantistici http://www.lescienze.it/archivio/articoli/2016/05/02/news/decrittare_con_i_quanti-3070736/ [fra pochi anni ] avranno una potenza di calcolo inimmaginabile, in modo che le attuali sistemi di sicurezza sarà come che un uomo di Neanderthal sfidi in informatica Linus Torvalds https://it.wikipedia.org/wiki/Linus_Torvalds
il tipo che ha fatto Linux..
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.05.16 14:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E secondo il pollo che ha fatto l'articolo l'Italia dovrebbe fornirsi di un suo software..
Magari statale...
Che quando iscrivo mio figlio alle superiori in via telematica [ obbligatorio da quest'anno ] mi sono chiesto chi era il genio che aveva fatto il tutto, ci ho impiegato 15 giorni...
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.05.16 13:49| 
 |
Rispondi al commento

non sono esperto di software, ma Android è basato sul kernel Linux, che non è un software proprietario ( vedi Windows oppure Mac OS ).
iOS [il sistema operativo sviluppato da Apple per iPhone, iPod touch e iPad ] è gestito da una ditta che fa software/PC/comunicazione da anni e ha un fatturato di 182,79 miliardi $[1] (2014) .
Il PIL (nominale) della Russia è 2 029  miliardi di $ (2014).

Ovvero la APPLE è 1/10 della Russia, in termini economici. Senza contare che la Russia è in passivo...

Il software di Putin ovviamente sarà obsoleto lo stesso giorni dopo che l'hanno fatto, [e Putin non è un campione di democrazia], e naturalmente gli Hacker si divertiranno un mondo ad entrare in questo nuovo
sistema operativo, se c'è una convenienza.
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 19.05.16 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le telefonate sono tutte spiabili e intercettabili a prescindere dal dispositivo/sistema operativo (i dati transitano non criptati nella rete del gestore);
lo stesso per telefonate Skype visto che è ufficialmente decifrabile (teoricamente solo da autorizzati ma si sa come va a finire).

Riguardo ai sistemi operativi l'unico modo per crearne uno in tempi umani è modificare una distribuzione linux attivandone livelli di sicurezza attualmente non usati (selinux apparmor).
Android per quanto sia un sistema operativo semplice (direi per bambini) offre già un minimo livello di sicurezza ed essendo a codice aperto chiunque, Russia inclusa, può renderlo più sicuro.

Io aspetterei a giudicare il nuovo sistema operativo solo dopo averlo visto ma faccio notare che i sistemi proprietari (non open source) sono proprio quelli con livelli di sicurezza VOLUTAMENTE più bassi quindi se quello russo sarà un sistema proprietario aspettiamoci lo stesso trattamento dell'altro famoso os proprietario di Bill Gates.....

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.05.16 13:37| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori