Il Blog delle Stelle
Fassino e Chiamparino: chi paga per i vostri debiti? #NonPagoPerIlPd

Fassino e Chiamparino: chi paga per i vostri debiti? #NonPagoPerIlPd

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

Il debito di quasi 180 milioni di euro del Comune di Torino nei confronti di Iren Spa, debito frutto delle scellerate politiche della coppia Chiamparino e Fassino, è all’esame della Consob.
Lo denuncia la rivista di finanza etica "Valori.it".
Il MoVimento 5 Stelle presenterà subito una interrogazione parlamentare ai ministri competenti del Governo. Chiediamo di conoscere quali sono i rilievi che Consob ha mosso ad Iren.
Emergerebbe che Iren oltre ad essere un'azienda sempre più lontana dal territorio e dai bisogni dei cittadini utenti, lo è anche per i piccoli risparmiatori. Tutto questo si è generato per tenere in piedi il potere di chi vuole speculare con servizi di pubblica utilità.
I piccoli azionisti Iren hanno avanzato una serie di domande molto puntuali che potrebbero mettere in imbarazzo soprattutto il Presidente del collegio sindacale Paolo Peveraro, l’ex assessore Comunale e Regionale del Pd, indicato da Fassino per la guida di Iren.
Nel mirino dei piccoli azionisti è soprattutto il rapporto tra Iren ed il suo azionista Comune di Torino.
L’analisi delle relazioni di bilancio del gruppo Iren evidenzia un indebitamento complessivo del Comune di Torino non soltanto eccessivamente elevato, ma perdurante nel tempo e recentemente rialimentato dall’acquisizione del 50% di AMIAT spa. Tutte scelte delle giunte Pd che il M5S ha sempre denunciato.
I piccoli azionisti ritengono che tale posizione debitoria, che sarebbe pari a circa 180 milioni di euro non possa essere ricondotta nell’ambito di un ordinario rapporto tra debitore e creditore.
Secondo quanto scrive Valori.it, “la Consob ha rivolto una serie di domande molto puntuali alle quali Iren risulta aver risposto pochi giorni fa”. Non si sa ancora se IREN abbia fornito risposte convincenti.
Sia il Governo ma anche la stessa Iren devono fare chiarezza e trasparenza totale.
In caso di vittoria del MoVimento 5 Stelle a Torino non vorremmo ritrovarci a gestire i disastri causati da Chiamparino e Fassino, con centinaia di milioni di euro di debiti, con Iren che "magicamente" dopo essere stata per anni il bancomat del Comune a guida Pd, andrà subito all’incasso della Giunta a 5 Stelle. I debiti li paghino i politici del Pd che li hanno generati non i cittadini. Chiamparino e Fassino: siete avvisati.

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg



9 Mag 2016, 13:50 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: Chiamparino, debito, energia, Fassino, IREN, M5S

Commenti

 

Riguardo al referendum qualcuno dovrebbe specificare nei media che se vince il SI allora saranno imballate le 4 letture per le riforme costituzionali dei trattati europei per cui non potremo scardinare e modificare i trattati europei a vantaggio dell'italia riqueilibrandoli un po' rispetto agli interessi tedeschi ed europei.
Posto che dobbiamo tornare ad un atteggiamento di mantenimento dell'italia in europa (la maggioranza del paese va in questa direzione) ma se il giorno dopo le elezioni si controlla camera e governo incardinati però a quello che prescrivono commissione europea e BCE allora quel governo non cambia nulla: fa amministrazione ma non governo.
Dovremmo invece specificare che noi dobbiamo modificare con attenzione e gradualità i trattati europei (i panzer dei macrosistemi fanno paura alla classe media) e per questo bisogna impedire questa porcata di riforme con un bel SI. O niente senato o senato eletto con rappresentanza del paese uguale a quella della camera (governo stabile).

Efstathios Varvarigos Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.05.16 12:55| 
 |
Rispondi al commento

Riguardo al caso Nogarin qualcuno non potrebbe chiarire in televisione meglio?
Nogarin per risolvere il caso aammps creato dal PD con 40 milioni di debito e clientele buttate là dentro AVEVA DUE STRADE: caricare il debito sulle tasse dei cittadini o portare i libri in tribunale e cercare di salvare i posti di lavoro. Ha scelto di non caricare sulle tasse della gente i 40 milioni di debiti lasciati dal pd.
VA SPECIFICATO che in italia il pd ha fatto una serie di leggi per le quali un sindaco regolarmente eletto deve caricare il debito e le clientele sulle tasse dei cittadini: se sceglie la via di non caricare di tasse gli italiani come vuole il pd, ci sono leggi pd che obbligano il giudice a chiamare in giudizio l'amministratore come ha fatto nogarin posto che se passa il concordato questa bolla mediatica passa.
Se questo sarà il motivo di un prosieguo di indagine su nogarin dobbiamo rifiutare le sue dimissioni e dichiarare che ci rifiutiamo di dover scegliere la strada pd di caricare il debito dei disastri che fanno nelle municipalizzate a carico delle tasse del cittadino.

Efstathios Varvarigos Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 11.05.16 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi risulta,non so se è vero,che Fassino abbia disconosciuto i debiti con l'Iren e si sia appoggiato ad altra società fornitrice dell'acqua,lasciando i debiti alla IREN insooluti.
E' vero?

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 10.05.16 08:50| 
 |
Rispondi al commento

Indagare a più non posso, cosa ne verrà fuori, visto l'andamento dei colleghi del partito, speriamo di no,come si dice il lupo perde il pelo e non il vizio.

Roberto A. Commentatore certificato 09.05.16 20:47| 
 |
Rispondi al commento

Appena saremo al Governo di questo paese, fra due anni saremo il Governo del Paese, dovremo emanare una legge che preveda il risarcimento dei debiti generati da chi ha governato quelle comunità, direttamente ai cittadini o ai dipendenti se trattasi di amministrazioni dello Stato.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 09.05.16 19:18| 
 |
Rispondi al commento

E' ormai sempre più palese un fatto importantissimo: coloro che attualmente governano dal più piccolo comune alla nazione intera, legati alla partitocrazia, stanno facendo di tutto per affossare e lasciare un baratro insanabile nelle realtà da loro governate e gestite... Questi signori non hanno pietà per i poveri cittadini, non hanno scrupoli, non hanno Etica, non hanno Amore per ciò che stanno governando.
Perché? Sanno che per intanto hanno i giorni contati, perciò "si stanno portando avanti col lavoro" raggranellando più che possono, sistemando i loro loschi affari in qualche modo, e soprattutto facendo in modo che chi arriverà dopo di loro (e presumono fortemente che possa essere il M5S)si trovi davanti una realtà (comunale, provinciale, regionale e/o statale) quasi impossibile da ritirare su.
Quello che succede in piccolo a Livorno rappresenta quello che il M5S si ritroverà davanti all'indomani di una vittoria elettorale Nazionale: il caos più totale, un vero disastro economico-finanziario-sociale.
E sapete a chi andrà la colpa di quella situazione? Non a questi freddi calcolatori che l'hanno progettata anni fa ed eseguita negli anni con un'indicibile scelleratezza (l'attuale partitocrazia del PD, PDL & Co.), bensì al M5S (Livorno docet!).
Italiani di buona volontà aprite gli occhi; almeno voi abbiate un pizzico di Amore per la vostra comunità, per la vostra Nazione: non votate più per questa gentaglia senza scrupoli, non consentitegli più di calpestare in questa maniera barbara la nostra povera Italia.

Martina T., Castellaneta Commentatore certificato 09.05.16 19:09| 
 |
Rispondi al commento

Oh be! Si fa come s'é fatto a Livorno. Libri in Tribunale e poi si vede come andrà a finire.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 09.05.16 19:09| 
 |
Rispondi al commento

PD: i soldi dei cittadini sono "cosa loro".
A questi, la mafia ci fa un baffo.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 09.05.16 17:31| 
 |
Rispondi al commento

E' una ormai tradizionale scorrettezza che le giunte uscenti lascino una montagna di debiti a quelle entranti. E' uno sporco trucco per paralizzare le nuove giunte o costringerle a politiche impopolari. L'interesse pubblico e il bene dei cittadini sono diventati concetti estranei alla politica dei partiti. E purtroppo gli organismi di controllo e di sanzionamento non controllano e non sanzionano un bel niente oppure lo fanno a babbo morto.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 09.05.16 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi, troppo silenzio sul blog per l'argomento Livorno.
Anzichè stare zitti in attesa dei magistrati, bisogna mettere qui, sul blog, davanti a tutti, le delibere, motivare le scelte, descrivere la situazione disastrosa di Livorno prima di Nogarin, far capire a tutti che governare dopo il PD è un bagno di sangue per persone coraggiose ma giuste.
Insomma, massima trasparenza e massimo supporto al Sindaco, ma non solo con parole, ma anche numeri.
Non facciamo come il PD che fa censurare alla RAI le notizie scomode e sceglie il silenzio.
La condotta di Nogarin è stata eticamente irreprensibile e quindi sbattiamolo in faccia a tutti!!!
Grazie

Raffaele Casetti 09.05.16 16:48| 
 |
Rispondi al commento

sarebbe ora che ciascuno prendesse le proprie responsabilita' e rispondesse di quello che fa, dal re all'ultimo sguattero. una volta dicevano chi rompe paga e i cocci sono suoi. che ciascuno risponda e paghi per le scelte e gli atti fatti.
la cosa piu' ingiusta e' arrivare e dover pagare per chi e' arrivato prima ed ha sperperato i soldi di tutti. vogliamo il redditometro, o solo noi dobbiamo rispondere di tutto? troppo comodo!

rosanna scarpa 09.05.16 16:21| 
 |
Rispondi al commento

questi signori sono il fiore all'occhiello del PD perché sono i migliori amministratori dell'indebitamento.
I torinesi ringraziano continuando a votarli ..... bravi, siete proprio bravi.

Carlo M. Commentatore certificato 09.05.16 15:30| 
 |
Rispondi al commento

E' mai possibile che questi delinquenti patentati,dove amministrano, lasciano nella maggior parte delle amministrazioni, ammanchi colossali, tipo, giornale l'unità.E' mai possibile che chi deve vigilare non si accorga mai di niente e non paghi mai questa connivenza? E'mai possibile che salvo alcune "mosche bianche"in GALERA non ci vada mai nessuno di questi SUPER DELINQUENTI? E' mai possibile, che stò giovanni legnini diventi "loquace" solo quando si tocca il culo a qualcuno di loro,e quel'altro col cognome fanfani,da ex dc poi ulivo adesso (ti pareva) pd si scandalizzi quando si arresta un loro sindaco ,preso in FLAGRANTE!!!E' mai possibile che questi soggetti facciano parte del CSM e non si facciano dimettere? perché rappresentano solo, un'appendice "governativa" del pd nella magistratura.

Canzio R. Commentatore certificato 09.05.16 15:22| 
 |
Rispondi al commento

Molto BENE. Dovunque si arrivera' ad amministrare, IMMEDIATAMENTE portare a conoscenza della Magistratura ogni situazione complicata o peggio fallimentare evitando qualsiasi operativita' INCRIMINABILE. Bisogna essere preparati. Quasi DOVUNQUE sara' come a Livorno o a Quarto. E opportuno anche fin d'ora prendere consulenze operative da parte di commercialisti/avvocati/magistrati competenti. Ogni operativita' M5S dovra' essere improntata a denunciare alla magistratura ed all'OPINIONE PUBBLICA lo sfacelo che hanno operato i politici storici. Solo privilegi, nepotismi, clientelismi e TASSE e DEBITI PUBBLICI. Servizi da terzo mondo ed infrastrutture da quarto.

tomi sonvene Commentatore certificato 09.05.16 14:58| 
 |
Rispondi al commento

No. Secondo me li devono pagare quelli che li hanno votati.

giorgio peruffo Commentatore certificato 09.05.16 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori