Il Blog delle Stelle
Il 91% dei cittadini dice no all'invasione cinese

Il 91% dei cittadini dice no all'invasione cinese

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 26

di David Borrelli

In Europa, così come in Italia, le leggi e le decisioni devono essere prese dai cittadini. Loro devono dettare l'agenda ai politici e non il contrario. Siamo testardi. E lotteremo per affermare la democrazia diretta fino a quando non sarà così. Ecco perché abbiamo organizzato una contro-consultazione pubblica sulla concessione dello status di economia di mercato alla Cina. Non possono decidere gli eurocrati nel segreto delle loro stanze e calare dall'alto la decisione già presa ai cittadini. E' finita l'epoca in cui si urlava la rabbia dopo l'approvazione di una pessima proposta. Il Movimento 5 Stelle è nato per intervenire prima: restituire la parola ai cittadini, ascoltarli e decidere nel loro interesse.

La contro-consultazione sulla concessione del Mes alla Cina è stata aperta dal 15 marzo al 15 maggio. Sono arrivate 6.092 risposte provenienti da 19 Stati membri. E' stato il primo caso compiuto di democrazia diretta lanciata dai membri del Parlamento europeo. Sono stati coinvolti tutti gli stakeholders interessati: oltre ai cittadini, hanno risposto anche i sindacati, le ONG, le associazioni imprenditoriali e quelle studentesche, le università, i politici nazionali e i giornalisti. I risultati non lasciano dubbi. Il 91,13% di tutte le risposte arrivate è contrario alla concessione dello status di economia di mercato alla Cina. In particolare, spicca il 97,47% dei no espressi dai rappresentati del mondo delle imprese.

FOTO. I risultati della contro-consultazione del M5S Europa non lasciano dubbi. #NoMesCina

Porteremo questi dati alla Commissione europea che entro luglio dovrà fare una proposta agli Stati membri. Faremo valere la voce di cittadini e imprese a Bruxelles perché il tempo dei trucchi e delle decisioni calate dall'alto è finito. La consultazione della Commissione è stata un imbroglio: potevano partecipare tutti (persino i cinesi!) non era multilingue, non c'era la domanda fondamentale (volete voi che alla Cina venga riconosciuto lo status di economia di mercato?).

Nel disinteresse generale della politica di palazzo distante dai territori, solo il Movimento 5 Stelle ha sollevato questo problema politico ed economico. Abbiamo combattuto a viso aperto la battaglia del #NoMesCina per difendere l'eccellenza del Made in Italy nel mondo. Siamo stati al fianco di imprenditori e lavoratori quando lo scorso 15 febbraio erano scesi in piazza a Bruxelles, siamo stati i promotori di un gruppo di interesse che ha coinvolto ben 69 parlamentari europei, abbiamo organizzato questa contro-consultazione pubblica i cui risultati sono oggi sotto gli occhi di tutti.
Dire no al Mes alla Cina significa dire sì al futuro dell'impresa italiana. Ecco perché continueremo a girare l'Italia nel #NoMesCina tour, la nostra campagna informativa sui rischi di questa concessione. Il voto del Parlamento europeo in cui si dice che la Cina non è una economia di mercato è un primo importante passo. La battaglia vera però deve ancora essere vinta".

VIDEO. David Borrelli spiega le prossime mosse del Movimento 5 Stelle alla luce dei risultati della contro-consultazione pubblica.

NO MES ALLA CINE, SCARICA I RISULTATI



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Mag 2016, 11:26 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 26


Tags: Cina, David Borrelli, mes, mes cina

Commenti

 

Sono sempre stata di idee NOGLOBALIZZAZIONE, ma vedo poche azioni forti da parte dei rappresentanti del Movimento. Perché ad es. non si parte dai comuni a 5 Stelle a sensibilizzare maggiormente la cittadinanza e promuovere iniziative che rafforzino la richiesta di uscita dalla UE? Abbiamo questa opportunità e vorrei vedere se le parole di propaganda corrispondono ai fatti.

Alessia Nicolini, Agordo Commentatore certificato 30.05.16 16:38| 
 |
Rispondi al commento

dai commenti pare che ci sia grande ignoranza su cosa significhi dare lo status di "economia di mercato" ad uno stato e quali possano essere le conseguenze.
Propongo una specie di glossario sempre prontoe facilmente consultabile affinchè i commentatori sappiano di cosa si parla altrimenti la democrazia diretta rischia di diventare cretineria diretta.

Giuseppina G. Commentatore certificato 27.05.16 16:20| 
 |
Rispondi al commento

C'è una gran confucione, in fondo si discute del paese più popoloso della terra e quindi potenzialmente del più grande "mercato" ... restarne fuori, a mio parere, no! Vanno analizzate le "situazioni" e migliorate le "precauzioni"; andrebbe verificato ad esempio in che modo gli italiani vengono trattati lì da loro (pare non sia tanto male) e di conseguenza evitare discriminazioni "preconcette".
La Cina pare sia il paese con maggiore crescita economica e quindi anche la loro cultura è in forte espansione ... si potrebbe promuovere l'apertura di librerie a Pechino Canton Shangai ma pure Hong Kong (ormai "cinesizzata")! Solo libri gialli però ...

eugenio rega 27.05.16 06:51| 
 |
Rispondi al commento

il problema è questo un ominco si compra un Voyo V3 e ha un computer completo per 200&...Renzye cosa offre in cambio?

olivetti?

cosa vuol dire ciò? 27.05.16 04:28| 
 |
Rispondi al commento

infatti si è visto come uno vale uno ma solo a parole e non nei fatti.

uno vale quanto? 27.05.16 04:25| 
 |
Rispondi al commento

La Cina e l'india hanno un surprlus di produzione di acciaio. Si stanno comprando stabilimenti siderurgici in tutta Europa, ILVA in Italia. Secondo voi per farne cosa? E i prossimi licenziamenti di chi saranno a carico, della Cina o dell'Italia? Amo i Francesi che hanno inventato la ghigliottina, ma adesso amo anche gli Austriaci che hanno fanculato i vecchi partiti.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.05.16 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Arrivano a migliaia ogni giorno sono già diversi milioni e votano tutti per il pd che li coccola;se si proiettano le tendenze a 15 anni e non si ferma l'invasione l'Italia diventerà un paese a MAGGIORANZA CINESE.E pensare chi nostri padri sono morti a milioni per difendere il suolo della Patria!

alberto cremona 26.05.16 18:29| 
 |
Rispondi al commento

NO al mes e NO al ttip

politicanti europei VERGOGNATEVI,
vendereste anche vostra MADRE per quattro soldi

piero l., tortona Commentatore certificato 26.05.16 17:44| 
 |
Rispondi al commento

Il 91% dice no?! E ha perfettamente ragione!!!

Però non è da ieri, e neppure ieri l'altro. E' un quarto di secolo che si è provato a dire qualcosa, ma qualcuno ha sempre tacciato del "razzista" chiunque avesse osato accennare una minima contrarietà.

Un po' come succede per i clandestini.

Gian A Commentatore certificato 26.05.16 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
L'attacco commerciale non è iniziato ieri, se ne incomincia a parlare quando la ferita è in cancrena? Oggi i cinesini sono arrivati al secondo stadio dell'invasione, almeno dalle mie parti. I primi che sono arrivati, quelli che gestivano il negozietto nel quartiere pronti a vendere di tutto, non ci sono più, sono stati cannibalizzati dai grossisti cinesi che hanno saggiato il terreno commerciale dandogli merce ai gestori anzi detti. Ora sono nati dei veri e propri centri commerciali con decine di migliaia di articoli e decine di settori diversi, realtà organizzate in spazi di migliaia di mq. in ubicazioni di tutto rispetto che l'inprenditoria Italiana non può più permettersi.
Reagire politicamente non è mai troppo tardi ma i danni subiti era meglio non averli mai avuti...

sebastiano b., catania Commentatore certificato 26.05.16 15:54| 
 |
Rispondi al commento

come come? dopo tanti anni di danni cina in italia ci si sveglia adesso, o tutto questo improvviso anticina e' pilotato dall'altra parte dell'atlantico per la guerra economico valutaria in atto contro l'eurasia, andiamo a vedere chi spinge da dietro le quinte questo apparentemente giusto "risveglio"

stefano quarin 26.05.16 15:06| 
 |
Rispondi al commento

basta.......eurocrati bastardi!

angelo devol 26.05.16 15:00| 
 |
Rispondi al commento

STOP ALLA PACCOTTIGLIA CE N'É GIA' TROPPA ANCHE DI PRODUZIONE LOCALE AD INGROSSARE LE DISCARICHE URBANE !!!

FRANCO DELLA ROSA 26.05.16 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Questa commissione non ci rappresenta più
Ogni proposta per cambiare il sistema deve passare attraverso referendum con la adesione dei 500 milioni di cittadini

Rosa Anna 26.05.16 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Quando dico che è giunto il tempo che ogni proposta per cambiare il sistema deve passare attraverso referendum
e che questa commissione europea non ci rappresenta

Rosa Anna 26.05.16 14:02| 
 |
Rispondi al commento

.....DOVETE,SE SI ANDRA' AL GOVERNO,RILASCIARE LICENZE SOLO A CHI DA' LAVORO ANCHE AD ITALIANI,ORA SIA I CINESI SIA GLI ALTRI PORTANO NELLE LORO ATTIVITA' SOLO ALTRI LORO PAESANI,COSI' I NOSTRI RAGAZZI SEMPRE PIU' DISOCCUPATI,METTETE RIMEDIO A QUESTA VERGOGNA,PRIMA L'ITALIANI E POI LORO.

aldo finocchioli 26.05.16 13:27| 
 |
Rispondi al commento

Non riconoscere lo status di economia di mercato serve solo ad imporre dazi arbitrari ma in base agli accordi già stipulati tali dazi devono finire alla fine di quest'anno e in caso contrario la Cina potrebbe pure uscire dall'organizzazione mondiale commercio e soprattutto cancellare tutta la burocrazia inutile che i trattati le avevano imposto e aumentare competitività.
Faccio cortesemente notare per l'ennesima volta che il nostro problema economico non sono i dazi troppo bassi con la Cina ma quelli con la Germania:
urlare al lupo contro la Cina quando a fregarci è la globalizzazione europea e fra poco euroamericana non ha senso.

Noi abbiamo la colpa di aver regalato il nostro diritto di proteggere il mercato interno a enti sovranazionali grandi amici delle multinazionali, finché non affronteremo questo problema ci sarà sempre una Cina Germania Usa pronta a fregarci in un modo o nell'altro.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 26.05.16 13:25| 
 |
Rispondi al commento

...e 'invasione di negri analfabeti da mantenere tutta la vita?E gli zingari?

alberto cremona 26.05.16 13:23| 
 |
Rispondi al commento

i cinesi ci salveranno come hanno fatto con l'argentina dalle porcherie d'elleuropolitica!!!

sergio 26.05.16 12:40| 
 |
Rispondi al commento

#NoMesCina. Faccio eccezione solo per la cucina cinese. Non sara' proprio salutare come la dieta mediterranea ma e' comunque molto meglio di MacDonald.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 26.05.16 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La questione e', caro David, che, se continua cosi', con questi PARASSITISMI e con queste continue chiusure e delocalizzazioni, tra non molto, i tuoi figli, O troveranno un qualche posto di stipendio parassitario in qualche Ente del niente, dello staterello, oppure, potranno continuare ad emigrare, O, lavorare per imprese CINESI, le uniche in grado di sopravvivere alle tassazioni italiette. Il problema, non sono i cinesi, I problema sono i PARASSITI ITALIANI che con i loro insostenibili costi ed improduttivita', costringono i produttivi a continue chiusure ed emigrazioni...Ma, continuiamo cosi' a raccontarci come non riusciamo a capire bene le cose...

tomi sonvene Commentatore certificato 26.05.16 11:41| 
 |
Rispondi al commento

bisognerebbe proporre anche un referendum contro il ttip.

Daniele C., Ascoli Piceno Commentatore certificato 26.05.16 11:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per gly ytagly any sarà dura attraversare le Alpi con barconi di fortuna..




Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori