Il Blog delle Stelle
Il fuoriclasse del debito pubblico

Il fuoriclasse del debito pubblico

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 15



di Elio Lannutti (Presidente Adusbef)

Secondo i dati Bankitalia, a marzo 2016, dopo 25 mesi del governo Renzi insediato nel febbraio 2014, si registra una nuova impennata del debito pubblico, aumentato di 14,0 miliardi di euro rispetto a febbraio, arrivato a 2.228,7 mld, polverizzando così il precedente record di 2.219 miliardi di euro del maggio 2015.

Il debito che doveva diminuire, è così salito con Renzi-Padoan al ritmo di 4,86 miliardi di euro al mese, un aumento pro-capite (per ognuno dei 60 milioni di abitanti) di 2.025 euro di tassa occulta che graverà all’infinito sui giovani, ed un gravame di 37.145 euro per ognuno dei residenti, 93.000 euro a famiglia. Eppure sia il premier Renzi, che il ministro dell’Economia Padoan, dalla data del loro insediamento avevano promesso di ridurre il debito, ed anche 1 mese fa, in occasione della presentazione del Def: “Nel 2018 questo incubo di questa montagna di debito che può attivare terribili regole di taglio della ghigliottina andrà finalmente via e credo che per la prospettiva dell’Italia questo sarà un risultato importante”, aveva detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a margine del Documento di economia e finanza. L’”incubo” a cui fa riferimento Padoan è la zavorra del debito pubblico, che nell’estate 2014 ha toccato il massimo storico in termini assoluti (2.167,7 miliardi di euro) e quest’anno si attesterà al 132,5% del Pil. Ma dal prossimo inizierà a scendere: “Nel 2016 al 130,9% e poi al 123,4 nel 2018″. Per quanto riguarda l’indebitamento, “nel 2015 è previsto al 2,6, nel 2016 all’1,8%, nel 2017 all0 0,8%”, fino a ridursi a zero nel 2018. “Quindi nel 2018 rispetteremo la regola del debito (cioè l’azzeramento del rapporto deficit/Pil nominale previsto dal Fiscal compact, ndr)“, aveva promesso Padoan.

Purtroppo il debito pubblico, per politiche economiche e monetarie sbagliate improntate alla recessione ed all’austerità, è cresciuto nei 25 mesi del governo Renzi, di 121,543 miliardi di euro, il che equivale a quasi 5 miliardi di euro al mese, circa 160 milioni di euro al giorno, 6,6 milioni all’ora, 110mila euro al minuto, 1.833 euro ogni secondo.

Nonostante le promesse da marinaio il debito non potrà diminuire neppure nel 2016, a meno che il Governo non riprenda la propria sovranità monetaria, nazionalizzando Bankitalia (come in tutti i paesi europei e del mondo con le banche centrali pubbliche) incassando 380 milioni di euro di cedole che la Banca d’Italia versa ogni anno alle banche private ed altri azionisti, ed alienando le quote di oro e riserve, pari a 100 miliardi di euro, da tempo proposto da Adusbef e Federconsumatori, che non è di proprietà di cleptocrati ed oligarchi, ma del popolo italiano.

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

16 Mag 2016, 10:43 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 15


Tags: debito pubblico, lannutti

Commenti

 

Scusate, avrò un deficit cognitivo, ma non capisco il perché, nonostante un debito pubblico che cresce al ritmo di 1.833 euro al secondo, in Italia, i trattamenti economici quali stipendi - indennità - benefit - vitalizi e quant'altro - percepiti da super burocrati, magistrati, parlamentari, sindacalisti, siano fra i più alti al mondo.
C'è qualcosa che non quadra.
Oppure, sempre per la legge del mondo alla rovescia, sono direttamente proporzionali all'aumento del debito pubblico?

Pietro Rotai 16.05.16 19:49| 
 |
Rispondi al commento

Sono ormai tre anni che il Bomba prende per il culo l'Europa sulla riduzione del debito e non pare proprio che abbia voglia di cambiare musica. Anzi bel governo si fanno salti di gioia quando riusciamo a strappare qualche decimale di 'flessibilita'" cioe' l'autorizzazione a indebitarsi ancora di piu'. Ma siccome l'obiettivo primario del governo e' quello di mantenersi in sella e possibilmente di farsi confermare per un nuovo mandato, allora chi se ne frega del debito pubblico, avanti con i bonus per tutti dai neonati ai pensionati, dalla culla alla tomba. Siccome prima o poi dovremo "rimettere" i nostri debiti, non a Dio ma a qualche banca americana, mi sembra una buona idea quella di utilizzare le riserve auree e in valuta estera, a meno che non vengano impiegate in bonus.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 16.05.16 17:10| 
 |
Rispondi al commento

La gravita' di questo altissimo debito, e' la sua qualita':
Si tratta di un debito non contratto e continuamente aumentante per investimenti produttivi: Infrastrutture, servizi, miglioramenti...si tratta di un debito pubblico ESTREMAMENTE PARASSITARIO. Contratto per elargire stipendi sempre piu' ricchi ad un numero sempre crescente di parassiti. E questo continua a protrarsi senza soluzione di continuita' Ed una eventuale sovranita' monetaria, sarebbe la FOLLIA in questa Europa attuale, e ci riempirebbe di ulteriori burocrazie, e ci farebbe perdere innumerevoli relazioni commerciali. Ma, sarebbe ulteriormente catastrofica nelle mani di governanti come quelli storici ed attuali. Verrebbe usata per continuare in situazioni parassitarie. Si continuerebbero ad aumentare le opere inutili, sprechi e sperperi, portaerei e missioni, assunzioni clientelari di parassiti con diritti di non lavorare e nemmeno presentarsi...sempre a scrivere le stesse cose e questo M5S sempre a riscrivere gli stessi parassitismi.
In ogni caso volevo precisare che io non seguo il blog. Io FACCIO PROPOSTE LEGISLATIVE, sempre nella speranza che questo M5S intenda aprirsi ad operativita' veramente improntate alla ricerca del BENE dei cittadini e non ad alimentare fantasie di precari e disoccupati all'arrembaggio per un posto di stipendio estremamente SCORRETTO ed INSOSTENIBILE

tomi sonvene Commentatore certificato 16.05.16 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cifra nominale del debito in sè non è rilevante, perché è normale che in un paese che diventa più ricco cresca anche il debito pubblico. Esattamente una persona che guadagna molto ha più debito generalmente più alto di uno che invece è povero.

Quello a cui bisogna stare attenti è il rapporto debito/PIL. Però anche in questo caso è necessario comprendere le ragioni per cui esso cresce. A partire dal 1981 fu l'aumento degli interessi a provocarne l'esplosione. Ed esso fu causato dal cosiddetto divorzio tra Ministero e Banca d'Italia. Dal 1995, fino a prima della crisi del 2008 il rapporto debito/PIL è sempre diminuito ed ha ripreso a crescere a causa della recessione.

Concordo sul fatto che, per diminuirlo, occorra recuperare la sovranità monetaria e ritornare ad una banca centrale dipendente dal governo nazionale.

Per chi ne volesse sapere di più sul perché il debito italiano è così alto:

http://lumiebarlumi.blogspot.it/2014/08/perche-il-debito-pubblico-italiano-e.html

Buon pomeriggio a tutti.

Luca 16.05.16 14:23| 
 |
Rispondi al commento

La disinformazione economica di chi segue il blog e' allucinante. Per questo e' colpevole comunque.

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.05.16 13:57| 
 |
Rispondi al commento

non mi pare che la maggioranza degli italiani è preoccupata !

paolo b., ancona Commentatore certificato 16.05.16 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Stupidaggini. Il debito non si risana con ridicolezze straordinarie ed irripetibili. Si risana con cambiamenti STRUTTURALI. Si risana il debito e si da' una correzione positiva all'economia, diminuendo i parassitismi dei parassiti e diminuendo le tassazioni sui produttivi e sui cittadini in genere. Il parassitismo e' che tu paghi 1000 dipendenti di un ospedale, quando ne basterebbero 800, e strapaghi ogni fornitura ed ogni consumo e...il medico arriva "dopo". l'infermiere e' uscito, quello che ti serviva non lo trovi, il computer non funziona, un macchinario ha un piccolo problema da...mesi ed e' inutilizzabile...e pero' TU, cittadino, strapaghi tutto lo stesso. Il parassitismo e’ che tu strapaghi pensioni d’oro a persone che hanno passato tutta la vita a dirti cosa devi fare SENZA avere MAI un concetto di niente, un minimo progetto, una minima idea di come fare qualcosa di buono. Vite trascorse esclusivamente a fare I propri interessi. L'evasione produttiva negli apparati pubblici, votoscambista, clientelare e APROGETTUALE, ha creato generazioni di IMPRODUTTIVI, arretrati disinteressati, irresponsabili "cittadini". Oltretutto ha dato ampi spazi alle varie criminalita'. E generazioni senza PREPARAZIONE ne' culturale ne' mentale per affrontare le economie maggiormente competitive. Se a questa italia togliessimo Lombardia e Nordest...sarebbe MOOOLTO peggio della Grecia, e...tutti a lavorare in fabbriche divenute cinesi ed a condizioni MOOOLTO peggio di quelle citate americane. E...cosi' sara' dopo la prossima disintegrazione europea e degli ex stati membri. Ognuno a stampare la propria ridicola moneta ed a cercare di intrecciare relazioni transnazionali. Ognuno ad incensare le proprie caste per elemosinare posti di stipendio parassitario, finche’ sara’ possibile. MA, non lo sara’ presto PIU’. Frontiere e dazi, limitazioni di tutti i tipi. Ma le colpe non sono nostre che ci riempiamo la bocca con queste fesserie. Le colpe sono della Germania...CHE CI SOPPORTA.

tomi sonvene Commentatore certificato 16.05.16 13:23| 
 |
Rispondi al commento

cosa c'entra l'auropa??? in italia i soldi ci sono solo che vengono buttati nel cesso... eliminate sprechi e privilegi poi vediamo se l'euro è il colpevole...

maxeem 16.05.16 12:22| 
 |
Rispondi al commento

"Commissione, BCE e FMI, di comune accordo, decidono di far passare questo sconvolgimento, questo terremoto (la crisi del 2007), come frutto della colpa dei PIIGS, e dell'Italia in particolare, inventando la storia del Debito Pubblico; ossia che è il Debito Pubblico strutturalmente altissimo dell'Italia a causare l'instabilità; seguono l'infedeltà greca, le politiche sociali spagnole, portoghesi e irlandesi. Irlanda, Spagna, Portogallo e Grecia si piegano e iniziano il massacro sociale. L'Italia fa maggiore resistenza."

Una sintesi oggettiva di quanto accaduto in UE negli ultimi 9 anni: vincitori, vinti e prospettive per il futuro. Un cittadino informato che ha ricostruito le trame della più grande truffa dei tempi moderni

https://www.facebook.com/marco.zanni.545/posts/1369287013087590

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 16.05.16 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Puo' capitare solo in Italia: Blue Panorama in concordato da due anni e gestita comunque da colui che ha creato un buco da 120 milioni in accordo con il MISE e' stata ceduta ad una compagine in cui il socio ombra e' lo stesso che l'ha portata al fallimento.E' uno scandalo che andrebbe fermato !!!!

marco zinelli 16.05.16 11:38| 
 |
Rispondi al commento

finchè resterà questo Governo siamo condannati alla disperazione.
Dobbiamo andare ad Elezioni Nazionali SUBITO !!!

Monica C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.05.16 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Leggere certe notizie fa sempre male al cuore e alla tasca. Grazie comunque dottor Lannutti per le informazioni imparziali che ci consentite di apprendere. Speriamo che sempre più italioti si convincano che l'unica strada per uscire dal tunnel è quella di votare i magnifici ragazzi del M5S.
P.S. Lasciate perdere Pizzarotti che quello si è già sporcato le mani per governare.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 16.05.16 11:06| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori