Il Blog delle Stelle
Ilva, la Corte Europa processi pure PD e Forza Italia

Ilva, la Corte Europa processi pure PD e Forza Italia

Author di Luigi Di Maio
  • 6

di Luigi Di Maio

La Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo sta processando l'Italia con l'accusa di non aver protetto la vita e la salute di 182 cittadini di Taranto dagli effetti negativi delle emissioni dell'Ilva.
Forse però la Corte europea non sa che in passato i titolari dell'Ilva di Taranto hanno finanziato la campagna elettorale di Bersani - 98.000 euro nel 2006 e 110.000 euro in 4 anni da Federacciai, associazione di categoria della quale fa ovviamente parte il gruppo Riva - a cui poi chiedevano favori e cortesie, come dimostrato dalle carte acquisite dai magistrati, per intervenire su un parlamentare ambientalista che aveva presentato alcune interrogazioni.
E la Corte europea non sa nemmeno che accadde lo stesso con Berlusconi, a cui dal 2004 al 2006 sono stati generosamente donati 575.000 euro per Forza Italia e nel 2006 altri 50.000 euro versati da Federacciai a Forza Italia di Imperia, feudo di Claudio Scajola. Non è quindi un caso che in questi anni il Governo Letta e il Governo Renzi abbiano emanato numerosi decreti Salva-Ilva e zero decreti a tutela dei cittadini.
Il problema è che, se non sappiamo chi li finanzia, non sapremo mai per quali interessi governano. Ma siccome in questo caso sappiamo chi li ha finanziati e per chi hanno governato, la Corte europea faccia pagare i danni a Pd e Forza Italia, non ai contribuenti italiani.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

18 Mag 2016, 11:09 | Scrivi | Commenti (6) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 6


Tags: berlusconi, bersani, corte europea, ilva, letta, pd, renzi

Commenti

 

L'ilva ha' fatto sicuramente del bene a certe persone visto che quranta anni fa andai ad eseguire un lavoro per una settimana in un viadotto prima del centro citta'e come scesi dal furgone rimasi male una bella giornata sole splendido ma l'aria era strana , poi volevo fare un bagno al mare ma i cartelloni del divieto di balneazone me lo sconsigliavano:ora mi chiedo le autorita'i sanitari,i politici dove stavano ? forse stavano dove erano quelli della terra dei fuochi che quando passavi in autostrada dovevi blindare l'acesso all'aria ed accelerare al massimo e trattenere il respiro,ma poi penso questo paese e' sempre stato sfruttato dopotutto siamo il nordafrica !!!

sergio boscariol 19.05.16 01:14| 
 |
Rispondi al commento

buona sera lettori e'che dire chi permette per dei miseri soldi di far amalare i bambini io credo che non ci sia cattiveria piu'grande,e credo che alla base di tutti i mali ci sia una grande ignoranza,e son convinto che se governassero le persone diversamente abili come le chiamano loro ci sarebbe piu' umanita e onesta',e siamo noi quelli diversamente abili si perche permettiamo di far ammalare e senon moririre i bambini...

roberto fiaschi, tavarnelle val di pesa Commentatore certificato 18.05.16 21:44| 
 |
Rispondi al commento

L'unica per spuntarla sono le armi: contro chi le vende, le produce e le usa per derubare le popolazioni del 3° mondo e schiavizzare quelle del cosiddetto 1°. Usarle una volta soltanto, ma bene. Finchè penserete di poter risolvere le cose con la legalità, saremo punto e daccapo: l'Italia non potrà mai liberarsi dall'Europa/Germania e dai suoi vari Quisling locali usando il voto e la legalità.

Biagio C. Commentatore certificato 18.05.16 20:19| 
 |
Rispondi al commento

Che almeno intervenga la Corte europea per i diritti dell'uomo sulla tragica vicenda dell'ILVA e' certamente positivo. Purtroppo la tragedia della privatizzazione degli impianti di Taranto e' molto piu' grave sul piano della salute umana, dell'ambiente, della produttivita' dell'acciaieria e delle casse dello Stato. E porci rimedio sara' molto piu' difficile quando non impossibile, ammesso che un giorno si trovi la volonta' politica per farlo.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 18.05.16 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Che tristezza,sono amareggiato perché le notizie negative di Taranto confermano i risultati di questi partiti che hanno violentato e stuprato,truffato ,questo paese,il mio augurio che i cittadini di Taranto e di tutta Italia si liberino dalla narcolessia diffusa da un informazione schizzofrenica e schierata.Dare notizie ,dati,cifre,portare la verità,per essere cittadini attivi,dove l'onestà è premiata....

Alessandro Benevelli 18.05.16 13:51| 
 |
Rispondi al commento

una corte del casso superpoliticizzata peggio dei nuovi premi nobel!

indovinate chi ha pagato per metterla in piedi?


quei banchieri che dominano il mondo senza consenso popolare!

superpippa 18.05.16 12:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori