Il Blog delle Stelle
Una tragedia infinita

Una tragedia infinita

Author di MoVimento 5 Stelle Senato
  • 3

Il rapporto Istat 2016 non lascia spazio a dubbi: l'Italia si sta assestando a livelli tragici, che ricordano l'esito di una guerra. Non si tratta, ad oggi, di una guerra in senso stretto, ma di una spoliazione economica delle ricchezze e del benessere degli italiani. Vediamo nel dettaglio qualche fotografia del nostro presente:

OCCUPAZIONE: l'Istat certifica il sostanziale fallimento del Jobs Act. Se il tasso di disoccupazione ufficiale è sceso di poco dal record storico del 13% e oggi si attesta ancora all'11,9%, il tasso di mancata partecipazione (che comprende anche coloro che possono lavorare ma non cercano più occupazione) si attesta al 22,5%. È questo il numero (spaventoso) da tenere come riferimento. L'Istat ci dice anche che a tre anni dalla laurea, solo il 53,2% dei giovani trova un lavoro adeguato agli studi, mentre quasi la metà ha di fatto gettato al vento 5 o più anni di tasse universitarie, spesso pagate con il sangue delle famiglie.

REDDITI DELLE FAMIGLIE: a questo proposito il dato principale riguarda la percentuale di famiglie senza reddito: sono passate dal 10% del 2010 al 14,2% del 2015, mentre al Sud sono addirittura il 24,5% (1 su 4). Una piaga che spesso trova sfogo solo nel lavoro nero (con corrispondente evasione) e nella criminalità. Ipocriti quei politici di Governo e di maggioranza che si lamentano degli evasori e della mafia, salvo poi condannare l'Italia al sottosviluppo.

POVERTÀ: a interessare, oltre all'altissimo numero di poveri (sotto i 780 euro di reddito) è l'indicatore di grave deprivazione materiale. Anche in questo caso numeri sconvolgenti, dato che in queste condizioni si trova l'11,5% della popolazione, in aumento sul biennio 2013-2014. Nel Mezzogiorno la quota è tripla rispetto al resto d'Italia, a conferma che la questione meridionale sta riesplodendo in tutta la sua forza e il Governo, a parte gli annunci, sta a guardare.

PROTEZIONE SOCIALE: la spesa è in aumento, dato che la popolazione invecchia e la lunga crisi produce disoccupati e sussidi statali, ma sale meno che negli anni passati. Le forbici dell'austerità vanno a tagliare anche l'ultima frontiera prima della povertà. E intanto l'età pensionabile aumenta, in media, dai 62,8 ai 63,5 anni (pensioni di vecchiaia), e aumentano anche gli anni di contributi necessari al pensionamento. Un disastro targato Fornero e confermato dai Governi seguenti, compreso l'attuale. È evidente che in questa situazione i giovani faticano ancor più a trovar lavoro. La natalità diminuisce di conseguenza, anche perché dopo il Jobs Act il lavoro è ancora più precario e progettare il futuro è diventato impossibile. Ipocriti, di nuovo, i politici di Governo e maggioranza che lamentano la bassa natalità e propongono di estendere il bonus bebè. Da una parte massacrano le nuove generazioni, dall'altra le regalano le briciole. Naturale, da questo punto di vista, che il Governo sia favorevole ad un'immigrazione senza controllo. Servono nuove leve, giovani e disposte a paghe più basse. Sul conflitto generazionale tra italiani si innesta così anche quello tra italiani e stranieri, che tanto fa comodo a chi ci sgoverna.

I numeri della tragedia italiana non finiscono qui, ma tanto basta per condannare la politica economica di un Governo che predica rivoluzioni inesistenti mentre ci trascina nel baratro.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

30 Mag 2016, 12:08 | Scrivi | Commenti (3) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 3


Tags: istat, occupazione, protezione, redditi

Commenti

 

Si sara' pure unificata l'Italia, per cisi' dire, ma ancora oggi rimangono due Italie, quella di chi ha spesso anche troppo e quella di chi non ha. Succede nelle societa', negli Stati e nei Continenti. E' una costante della dottrina capitalistica, perche' ci siano i ricchi e' necessario un esercito di poveri da sfruttare. E se non bastano quelli autoctoni allora si importano dall'estero; prima eravamo costretti ad andarli a prendere con la forza e trasportarli con le navi negriere, oggi cortesemente vengono da soli su qualsiasi cosa che galleggi almeno per un po'. E' un bel risparmio e siccome i piu' deboli finiscono in fondo al mare, ci risparmiano pure la selezione. La pieta' e' morta, diceva qualcuno, e oggi anche l'umanita' non sta tanto bene. Forse siamo gia' pronti a fonderci con i computer per creare l'uomo nuovo, un uomo robot.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 30.05.16 16:15| 
 |
Rispondi al commento

Esistono già i lavoratori che si prestano a paghe da fame, e sono i giovani ITALIANI. Non c'è la necessità di nuove leve. Qui in sicilia la gente va a lavorare per 10 ore al giorno per 15 euro.

Giuseppe Ferrara 30.05.16 13:06| 
 |
Rispondi al commento

è l'elenco di un bollettino di guerra..e siamo solo agli inizi

meccojoni 30.05.16 12:21| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori