Il Blog delle Stelle
Matera, subito un treno per la Capitale europea della Cultura!

Matera, subito un treno per la Capitale europea della Cultura!

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 8

di M5S Camera

La capitale europea della Cultura del 2019 non può più permettersi di non avere un collegamento con le Ferrovie dello Stato. Ecco perché abbiamo presentato in Commissione Trasporti una risoluzione a prima firma della parlamentare lucana Mirella Liuzzi per impegnare il Governo a completare l'incompiuta Matera-Ferrandina e a realizzare un collegamento ferroviario con la Puglia.

Al netto dei proclami mediatici di questi giorni che possono illudere i cittadini, l'unico atto che può realmente impegnare questo Esecutivo a portare le FS a Matera è quello presentato dal M5S affinché il Governo apra un dialogo formale e pubblico per spiegare cosa ha intenzione di fare per le ferrovie in Basilicata e delineare un progetto da discutere in Parlamento.

Ecco le difficoltà sul completamento della Ferrandina-Matera: nell'aggiornamento di contratto di programma RFI 2012-2016, il costo per il completamento dell'opera è aumentato di 100 milioni di euro. Infatti rispetto a quello iniziale si è passati da un fabbisogno di 165 a 265 milioni di euro, a fronte dei 45 già stanziati. L'incremento del costo, così come ci è stato spiegato da RFI, è determinato dalla necessità di aggiornare il vecchio progetto a nuove normative, adeguando la sicurezza della galleria di Miglionico (180 milioni), l'elettrificazione della linea (10 milioni) e la realizzazione della bretella di collegamento con Ferrandina, direzione Potenza, al fine di rendere l'infrastruttura funzionale anche per collegamenti diretti Matera-Potenza-Battipaglia-Salerno (30 milioni).

Fondamentale inoltre proseguire il collegamento con la Puglia. In questo modo: tra le ipotesi di soluzione, quella già proposta nel 2005, dall'allora Presidente di Confcommercio della città di Gravina, che contemplava la prosecuzione di 22 km della linea ferroviaria da Matera-La Martella a Gravina (BA), per consentire, attraverso la linea delle Ferrovie dello Stato, un collegamento tra la Città dei Sassi e i comuni posti a nord del territorio. Un'ulteriore soluzione, che non esclude la precedente, prevede la costruzione di un collegamento ferroviario tra Matera e Gioia del Colle che, con il completamento della Ferrandina-Matera, consentirebbe la realizzazione di una direttrice Salerno-Potenza-Ferrandina-Matera-Gioia del Colle-Bari. Una tesi sostenuta sia dall'Istituto nazionale di Urbanistica che dal Sindacato USB Basilicata.

Vengono spesi milioni di euro per opere inutili, adesso è il momento di dare priorità al gap ferroviario in Basilicata. Abbiamo un Presidente del Consiglio che commisera lo stato in cui versano le nostre ferrovie e un Presidente di Regione che non vuole terminare la Ferrandina-Matera sulla quale sono già stati spesi centinaia di milioni di euro. Il Governo accolga la risoluzione del M5S e ne applichi le indicazioni concrete.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

25 Giu 2016, 11:52 | Scrivi | Commenti (8) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 8


Tags: M5S, Matera, trasporti matera, treno matera

Commenti

 

Buon pomeriggio Mirella e tutti.
È possibile una miglior strategia di sistema per spendere meglio i soldi stanziati e creare, nell'etica e nell'onestà, autosostenute e autoprotette, opportunità di lavoro per i giovani laureati, disoccupati o sottoccupati di tutta la koinè.
Perché non parlarne?
Grazie.
Gianfilippo

Gianfilippo ., ARESE Commentatore certificato 30.06.16 15:06| 
 |
Rispondi al commento

Ma prima di fare mille polemiche, qualcuno per caso sa che è attivo il servizio freccia link, un autobus che in poco più di mezz'ora da Bari ti porta a Matera? Perché spendere un sacco di soldi in infrastrutture costose che non servono a niente? La Basilicata è una piccola regione che non ha una grande utenza per treni o addirittura per aerei.. Bisogna semplicemente continuare nel potenziare e rendere velocemente accessibili gli scali per Salerno e Bari.. Scusate ma insistere sul treno a Matera è solo fare propaganda come fa la peggiore politica

Giovanni musacchio 29.06.16 15:25| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna pur cominciare a dare dignità a questo territorio e recuperare l'abbandono infrastrutturale, lasciato per troppi lustri abbandonato a se stesso. Le Ferrovie dello Stato presentino un progetto valido, ma non solo sulla carta, lo realizzino non solo per Matera ma per l'intera Regione Basilicata !! Polemizzare non serve a nulla, ci vogliono fatti, il M5S li fa e lo stesso ci aspettiamo da chi ha responsabilità strategiche, per il bene di tutti i cittadini. Non esistono cittadini di serie A o di serie B, non completare la linea ferroviaria che porta a Matera proprio per il 2019 sarà l'aver mancato ad un importante appuntamento non solo con la storia ma con la coscienza di chi ha in mano il potere di far crescere il paese e non lo fa !!

Enrico Langone 27.06.16 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Per motivi professionali (diciamo così) mi sono recato, alcuni anni addietro, in Lucania quando ancora Matera non era stata scelta come Capitale europea della Cultura e, soprattutto, quando le donne e gli uomini del M5S non erano “in vista” del poter assumere il ruolo di Governo centrale che ormai gli compete per volontà popolare certa e per prova di lealtà al Paese e per la nostra gente che ogni giorno di più si possono verificare.
Chi non vuole vedere questa realtà o è in malafede o è un vero incapace di intendere e di volere. Ebbene, in quella occasione, in un documento lasciato a personaggi pubblici, già sostenevo la centralità della cultura come strategia per quelle terre e ponevo il problema della Ferrovia Matera-Ferrandina senza la quale tutto sarebbe stato più difficile (e male investito compresi i fondi per la Capitale della Cultura) di quanto comunque si presentava.
In quelle ore andai anche a trovare un vero uomo di cultura che quella terra ha espresso e di cui vanto amicizia. Mi riferisco ad Ulderico Pesce, straordinario calcatore di palcoscenici e utilizzatore della cultura come elemento strategico di difesa della Verità e degli interessi della nostra gente del Sud. Consegnai anche a lui copia di quelle riflessioni e ricordo di aver parlato della giovane neo eletta al Parlamento nazionale Mirella Liuzzi. Convenimmo che la speranza per il Paese passava anche per la crescita del M5S. Convenimmo che pur con i loro limiti da esordienti erano certamente capaci di arginare il malaffare, la speculazione e i poteri forti che in quella terra ruotano spesso intorno alla massoneria più retriva. Feci in modo che quel documento di riflessione sulla cultura come elemento strategico lo ricevesse anche personalmente Beppe Grillo che era, in quelle giornate, in visita a Matera. Non sono interessato ad altro mentre scrivo queste cose se non ad onorare i miei ricordi che, a 70 anni, contano come poche altre cose.
Ferrovia e cultura quindi. Oggi è possibile. ORESTE GRANI

Oreste Grani 26.06.16 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Dove c'è da strafogarsi di denaro pubblico ci sono sempre dei problemi di completamento delle opere. Bravi i mangiapane a tradimento.

Mancu li cani 25.06.16 21:23| 
 |
Rispondi al commento

Ridicolo parlare di tratta Potenza-Battipaglia-Salerno quando oramaiil trasporto è esclusivamente regionale e non ci sono più collegamenti interregionali se non sporadicamente. E' una bufala che serve solo per reperire finanziamenti infrastrutturali e non per offrire reali servizi ai cittadini

Giuseppe Nobile, Battipaglia Commentatore certificato 25.06.16 16:46| 
 |
Rispondi al commento

Probabilmennte Governo e Regione non vogliono turbare l'ambiente bucolico e paleolitico di Potenza con un orribile congegno della tecnologia "moderna" come la ferrovia e ritengono che da quelle parti sia meglio circolare a dirso di mulo. E poi siamo proprio sicuri che la Basilicata si trovi in Italia? E non solo, avete mai viaggato sul tratto Bari-Lecce delle ferrovie dello Stato?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 25.06.16 15:31| 
 |
Rispondi al commento

La cultura patrimoniale e storica i politici italiani non c'è l'hanno,anzi hanno la cultura delle mazzette e di questa cultura ce n'è in abbondanza!

claudiog 25.06.16 14:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori