Il Blog delle Stelle
Con Rousseau e il MoVimento 5 Stelle il cittadino entra in Parlamento

Con Rousseau e il MoVimento 5 Stelle il cittadino entra in Parlamento

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 27


di MoVimento 5 Stelle

Quando un’idea si pensava fosse solo un’utopia e invece diventa realtà. E da oggi lo è, da quando Daniele Todisco ha varcato la soglia di Montecitorio portando con sé la sua legge, quella che ha proposto nell'applicazione di Rousseau "Lex iscritti" e che è risultata la seconda più votata dagli iscritti del MoVimento 5 Stelle. La democrazia diretta, in una forma del tutto innovativa e rivoluzionaria, entra nelle istituzioni italiane grazie ai portavoce del M5S. L’avevamo detto e l’abbiamo fatto: questa è una delle ragioni per cui nasce il MoVimento.

VIDEO Daniele Todisco porta in Parlamento la sua proposta di legge

L’attivista è stato accolto dalla capogruppo M5S alla Camera, Laura Castelli, dal responsabile di “Lex Iscritti”, Danilo Toninelli, da Federica Dieni, capogruppo in commissione Affari costituzionali, dove sarà incardinato il provvedimento, e dalla tutor Fabiana Dadone che accompagnerà la legge passo passo fino alla sua discussione in aula.

Già stamane, portavoce e componenti dell’ufficio legislativo del gruppo parlamentare si sono messi a lavoro per far diventare il testo di Daniele un vera e propria proposta di legge con tutti i crismi per essere ammessa e discussa alla Camera dei Deputati. Bisogna verificare la coerenza giuridica con l’ordinamento italiano, serve sapere che tipo di coperture finanziarie servono e in che modo possa essere calendarizzata. Tutti passaggi che il singolo attivista non può fare da solo ma per cui servono i portavoce eletti in Parlamento. Ora loro prenderanno in carico tutto e lo porteranno avanti, come il loro ruolo impone. Oggi, quindi, non è più un giorno qualunque e questo lo ricorderemo. Oggi è il giorno in cui per la prima volta nella storia un cittadino scrive una legge e, grazie ai portavoce del M5S, varca la soglia del Parlamento per proporla alle Camere.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

19 Lug 2016, 15:26 | Scrivi | Commenti (27) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 27


Tags: Daniele Todisco, Danilo Toninelli, donazioni, Lex iscritti, Luigi Di Maio, M5S, MoVimento 5 Stelle, partecipazione, Rousseau, rousseau

Commenti

 

Peccato che a decidere arbitrariamente su quali proposte siano idonee o no sia uno staff anonimo che nessuno ha mai eletto, mentre il form andrebbe semplificato, siamo molto lontani da una reale e trasparente democrazia diretta.

angelo mazzoleni 26.07.16 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Mi emoziona vedere un SOGNO di Gianroberto: un cittadino che promuove una legge!
Peccato sia SBAGLIATISSIMA frutto della non conoscenza.
La realtà dei fatti, quella conosciuta da chi opera in strada per salvare queste donne, portano a soluzioni diverse che hanno già avuto la prova dei risultati. Leggi L’INTERNAZIONALE del 20/3/2015 “Al supermercato del sesso”.
Studi riferiti a Germania, Danimarca e Olanda, che hanno da anni legalizzato la prostituzione, concludono che la la richiesta di prostitute è aumentata, non riduce la criminalità e rende più difficoltosa la punizione dei colpevoli. Il 75-80% delle donne presenti nei bordelli è stata trafficata contro la propria volontà. Nella classifica dei paesi europei coinvolti nella tratta di esseri umani ai primi posti ci sono Germania e Olanda. Si valuta che le prostitute siano almeno 400mila: di cui registrate solo 44 (dato 2012).
In Svezia, Finlandia, Norvegia, Islanda, Irlanda del Nord e Francia vige invece il “modello nordico”, che vede nel cliente un complice della tratta. I numeri attestano che questo è un sistema efficace, che ha esercitato un enorme deterrente sulla tratta ai fini di sfruttamento sessuale.
In Svezia le persone che si prostituiscono è calato del 65%, in Norvegia 60%, esercitando un notevole effetto deterrente sulla tratta e modificando anche l’opinione pubblica in brevissimo tempo: prima era a favore della criminalizzazione del cliente il 30%, oggi il 70%.
In Italia si stima siano tra le 75.000 e 120.000 le vittime della prostituzione. il 37%, è minorenne.
Non sono una fan della pena, vengo da una cultura "radicale". Ma qui si tratta di stare dalla parte dei più DEBOLI. L’assenza di responsabilità dei clienti, è un vuoto legislativo di un paese che si connota con la sua cultura MASCHILISTA. C’è già una proposta che va in quella direzione. Lo so, purtroppo la prima firma on. Bini è del PD a molti può non piacere. Ma come dice di Di Battista, quando viene qualcosa di buono va migliorato e votato.

Valter Toni, Rimini Commentatore certificato 20.07.16 13:00| 
 |
Rispondi al commento

vorrei poter partecipare sono 3 anni ca che desidero avere accesso alle piattaforme del sistema operativo ma non ci riesco perché non ho un telefono per ricevere il codice di attivazione e questo mi rende triste  

Roberto Di Feliceantonio 20.07.16 11:33| 
 |
Rispondi al commento

, ma molte donne fanno le prostitute (non tutte ) perche gli va di farlo ...e non perchè sono obbligate
Ad una intervista ricordo..di una dipendente statale..che per il gusto di andare con gli uomini ne cambiava parecchi alla settimana,..poi gli venne un'idea ..quella di farsi pagare e divenne una prostituta.
I proventi..li aggiungeva allo stipendio statale che già da anni prendeva.
Se lo stato tassasse la prostituzione,...esso stesso diventerebbe il suo primo sfruttatore.
Nella cittadina dove abito nel nord est 50.000 abitanti,...le prostitute esistono...come da tutte le altre parti,...ma non ne vedi una per strada...
tutte ricevono in appartamento,
Il controllo delle forze dell'ordine è determinante.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 20.07.16 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,

sono un simpatizzante del Movimento, ma in questo caso vorrei proporre pubblicamente una critica alla legge proposta dal sig. Todisco.

La legge in questione, che prevede la regolamentazione della prostituzione in Italia, contraddice i principi sanciti dalla costituzione italiana (art.3), quella europea (art.I26), nonchè - più in generale - quelli dell' etica.

Vediamo come.

La Costituzione italiana

L' articolo 3° della Costituzione italiana afferma:

"E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la liberta' e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese".

E' difficile sostenere che la liberalizzazione della prostituzione, che da affare gestito dalla criminalità organizzata diverrebbe affare gestito dallo Stato, si ponga a tutela del pieno sviluppo della persona umana. Nessuno nega i vantaggi economici che proverrebbero da una tale statalizzazione: ma i vantaggi economici, in questo caso, non sembrano accordarsi al rispetto del patto costituzionale, che - almeno in teoria - auspica uno Stato capace di porsi al servizio delle persone in funzione di migliorare la loro vita, e non semplicemente di normalizzare e regolamentare ogni genere di attività al fine di percepire degli utili sotto forma di imposte. Al contrario, se la legge passasse, invece che combatterle, lo Stato si troverebbe a promuoverle ed inquadrarle come attività degne, alla pari di tutte le altre.

La Costituzione Europea.

Nel trattato per la Costituzione europea, si legge all' Articolo II, 63 c:

c) il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro.

Dunque, ogni Legge che inquadri la prostituzione come fatto legale, sarebbe contraria - non solo alla Costituzione italiana - ma anche ai valori europei.

(...)

Giovanni Giuffra Traverso, Genova Commentatore certificato 19.07.16 23:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' solo la mia opinione-

a me questa legge non coinvolge in modo particolare, anzi, pero' sarebbe interessante che le tasse raccolte da chi fa un servizio sociale come le operatrici soggetto di questa nuova legge, le prostitute, possano contribuire a fini sociali per i progetti di EVOLUZIONE SOCIALE: per esempio, ricerca su un progetto ambientale, medico, architettonico,energie rinnovabili, con una borsa di merito per chi come in america inventa a 18 anni un apparecchietto per salvare le persone dalla morte certa da infarto- e che qui non avrebbe mai trovato adesione, supporto e giusta considerazione oltre che apertura.SONO STUFA DI QUESTO PAESE PIENO DI GENTE CON LA TESTA VECCHIA COME IL FORMAGGIO STAGIONATO CON LA MUFFA.

mary dg 19.07.16 21:10| 
 |
Rispondi al commento


Il 18 luglio alla presenza di innumerevoli politici e amministratori è stato presentato il programma (per la verità non nuovo) del recupero e bonifica dell'area industriale dismessa ex Falk: il progetto della Città della Salute! Ancora una volta la macchina dell'informazione ci ha riempito di proclami ,di inverosimili promesse e di futuri più sani in un consenso unanime di ottimistica retorica.
E così vedremo storie già viste di enormi investimenti (solo per cominciare 370 milioni pubblici), enormi sprechi, enormi speculazioni, enormi affari per le mafie trapiantate che come sempre sono le meglio sviluppate .
E così avremo la "Citta della Salute" in un area dove insiste già la presenza di ospedali e cliniche numerose e importanti. Ma non importa,come abbiamo fatto con i tanti mega Centri Commerciali costruiti nelle vicinanze faremo l'Outlet della Salute,750 nuovi posti letto. Nuovi?Non del tutto. Infatti verranno trasferite storiche realtà sanitarie di eccellenza (Istituto Besta,Istituto Tumori) magari da non molto ristrutturate, inserite in una consolidata realtà cittadina periferica. Realtà che con il tessuto urbanistico sono come dire,ricamate ( ma non doveva Renzo Piano rammendare le periferie...)
Non con ulteriori colossali investimenti cementizi miglioreremo la Sanità Pubblica!
Quello che spesso manca è una gestione efficiente delle strutture già esistenti che risponda davvero alla domanda di servizi sanitari.
Abbattiamo le liste di attesa, miglioriamo l'accoglienza con maggiori risorse umane non con più mattoni. Sfruttiamo gli apparati tecnologici dei nostri ospedali a tempo pieno,apriamo al pubblico la fruizione dei servizi ambulatoriali almeno 6 giorni su 7 .
Non c'è bisogno di pericolose e chiuse Cittadelle della Salute ma di un efficiente Servizio Pubblico aperto ai bisogni dei cittadini.

Raffaele Galato 19.07.16 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Andrebbe migliorato il sistema di voto. Non votare le proposte di legge migliori con le preferenze ma dare la possibilità a tutti di esprimersi su ogni proposta dando un giudizio ad esempio di 5 gradi: pienamente condivisibile, condivisibile in parte (in un eventuale commento si indicherebbe ciò che non piace - emendamenti) ... non sono d'accordo su nulla. Così si avrebbe una distribuzione e solo le proposte con una "gobba" sui giudizi positivi passerebbero. Così verrebbero considerati anche argomenti di nicchia e più tecnici oppure proposte di legge simili non si farebbero concorrenza. Inoltre andrebbero fatte votazioni periodiche con schedulazione predefinita sulle proposte di legge ma anche sugli emendamenti. Andrebbe poi predisposto un parametro calcolato dalla distruzione dei giudizi per capire se una proposta o un emendamento è risultato pienamente apprezzato. Questo per fare le cose nel modo più condiviso possibile

undefined 19.07.16 19:10| 
 |
Rispondi al commento

OT

ma guarda te

260.000€ nascosti in un sottotetto di palazzo Chigi

non ci posso credereeeeee

deve essere una bufala chissà

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 19.07.16 18:02| 
 |
Rispondi al commento

piccola precisazione .. nel video si presenta come prima proposta più votata .. mentre è la seconda , dopo quella dell'amico Oreste :)

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 17:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non sarebbe una cattiva idea creare dei gruppi di lavoro tra tutti gli iscritti (ogni gruppo avrà delle competenze specifiche e gli aderenti - volontari - dovranno essere scelti in base alle esperienze maturate nell'attività professionale).
In questa maniera si avrebbe subito una scrematura delle tante proposte trasmesse che, seppur valide, non possono essere tutte valutate ed approfondite nel migliore dei modi.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Come sempre, bravi!

I partiti hanno potuto spolpare l'Italia impedendo ai cittadini di controllarli.
La notizia di oggi è, per loro, una campana a morto.

giorgio peruffo Commentatore certificato 19.07.16 17:15| 
 |
Rispondi al commento

LEGGI PROPOSTE DAI CITTADINI.

Quel famoso iter da seguire per far arrivare una legge in Parlamento, e soprattutto per non farsela "cassare" al volo, è una di quelle cose su cui abbiamo sbattuto il muso dall'inizio di questa legislatura.

Continuo a sostenere la validità dello Studio Legale 5 Stelle.

Un centinaio di "brave persone" con le giuste competenze, e pagati il giusto, che studiano nei meandri di una burocrazia che è la causa principale di ogni sorta di inghippo.

Ho visto abbastanza da vicino il lavoro dei nostri parlamentari, e vi dico una cosa, non possono fare tutto, e quel non possono fare tutto, significa che qualcosa può sfuggire.

Bene il percorso di LEX, ma per nuotare tra gli squali servono attrezzature idonee.

Se vogliamo governare una nazione, dobbiamo saper predisporre tutti gli strumenti necessari, compreso uno Studio Legale all'altezza della situazione.

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

p.s.

Se tutte le proposte e i suggerimenti presenti nel vecchio Portale del M5S non sono andate perdute, troverete lì la mia propsta del Studio Legale 5 Stelle.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.07.16 17:05| 
 |
Rispondi al commento

Voglio vedere se i TG questa sera daranno cenno di questo evento.

No di sicuro,
se fatto sarà riduttivo e spiegato male, non importa noi sappiamo che c'è questa possibilità.

Oramai la strada è tracciata non ci fermeranno più.

W M 5 * * * * *

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Dimostrazione mondiale di come si concretizza il sogno di tutti Noi cittadini in MoVimento ..

.. partecipazione in rete , sui territori ,entrando nelle Istituzioni con Istanze e Proposte , mediante i nostri cittadini PortaVoce

Cari Saluti

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Ve la do io la riforma giusta:
VIA LA FALSA POLITICA E LE LOBBY DAL GOVERNO DELLA NAZIONE, POTERE AI CITTADINI, SOVRANITA' NAZIONALE, POTERE LEGISLATIVO E ESECUTIVO NAZIONALE, SOVRANITA' MONETARIA.. Come ? Semplice:con un RIORDINO NAZIONALE dove chi Amministra deve farlo per il bene dei Cittadini e della Nazione, dove chi Amministra debba pensare ad amministrare secondo le direttive dei Cittadini per risolvere i loro problemi e quelli dell'Italia con il minor costo possibile e la massima resa. ECCO COME:
AMMINISTRAZIONE CENTRALE
( ex parlamento con 945 persone+ altri )
da 3 a 5 referenti di ogni zona ( ex regione) in base agli abitanti.
COORDINATORI DI ZONA
(ex regioni e provincie)
nr da 5 a 10 Coordinatori in base alle Amministrazioni Locali
AMMINISTRAZIONI LOCALI
( ex Comuni)
Il fulcro dell'Amministrazione della Nazione a diretto contatto con i Cittadini, a conoscenza dei problemi e delle necessita' reali degli stessi e del territorio.
Minimo 50.000 abitanti (adeguamento secondo configurazione del territorio in modo da garantire la soluzione ad ogni bisogno dei Cittadini nel minor tempo possibile e nel modo migliore)
1 Presidente ( ex Sindaco)
1 vice Presidente
1 Segretario
1 Direttore Amministrativo
Cittadini Amministratori in base alle reali necessità territoriali.
….......
ELEZIONE DIRETTA INFORMATIZZATA
Via web; presso le Amministrazioni Locali; presso Prefetture e organi di Polizia e nelle ricevitorie autorizzate, a costo zero.

QUESTA E' LA VERA RIFORMA PER CAMBIARE VERAMENTE, tutto il resto serve solo a GARANTIRE IL POTERE ALLA ATTUALE CLASSE POLITICA LONTANA E INDIFFERENTE DAI BISOGNI DI CITTADINI E NAZIONE , LEGATA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE A INTERESSI PERSONALI.

luciano c., bologna Commentatore certificato 19.07.16 16:19| 
 |
Rispondi al commento

orgoglioso del M5S!!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 19.07.16 16:18| 
 |
Rispondi al commento

Non dimentichiamo mai che il cittadino Todisco che oggi e' e trato in Parlamento e' uguale a quei cittadini che vi sono entrati tre anni fa e che oggi si chiamano portavoce. Non devono esservi gerarchie nel Movimento, ne' leaders ( Gianroberto Casaleggio).

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 15:48| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

E' un'utopia che si avvera, sembra incredibile che il Movimento abbia realizzato un sogno.
Sembra un post che arriva da un altro pianeta, dove gli Alieni, molto più evoluti di noi, ci mostrano come si governa in un paese veramente democratico.

Due paesi, due velocità , due modi di intendere la democrazia.

W M 5 * * * * *

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 19.07.16 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S nel dare questa possibilità ai cittadini,...si colloca 1° sul pianeta terra.
Scusate se è poco.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 19.07.16 15:42| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori