Il Blog delle Stelle
Il reddito di cittadinanza non può più aspettare

Il reddito di cittadinanza non può più aspettare

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 26

di MoVimento 5 Stelle

I dati ISTAT pubblicati sulla povertà, confermano che l'Italia non può più aspettare i comodi del governo per introdurre una misura di sostegno al reddito per le famiglie che vivono sotto la soglia di povertà, come il reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle.

Le famiglie che vivono sotto la soglia di povertà assoluta (il 7,6%) e relativa (il 10,4%) sono ancora troppe ed a soffrirne di più, secondo il rapporto, sono le famiglie composte da 4 componenti che sono passate dal 6,7% nel 2014 al 9,5% nel 2015, per quanto riguarda la povertà assoluta, e dal 14,9% del 2014 al 16,6% del 2015 per la povertà relativa. Crescita, che come non potrebbe essere altrimenti, deve essere necessariamente imputata all'inerzia e alla irresponsabilità di questo governo, che negli ultimi anni non ha fatto altro che ignorare il problema della povertà, mettendo in atto, tra l'altro, una vergognosa campagna di disinformazione sul reddito di cittadinanza, ovvero, sull'unica misura capace di risolverlo.

La povertà cresce anche tra le famiglie con persona di riferimento occupata, in particolare se operaio (dal 9,7 al 11,7% in relazione alla povertà assoluta) e dal 14,9% del 2014 al 16,6% del 2015 in relazione alla povertà relativa. Dati, quest'ultimi, piuttosto allarmanti che dimostrano come attualmente nemmeno le famiglie di lavoratori siano al riparo dal rischio di povertà. Questo anche per colpa del Jobs Act, che riducendo diritti e facilitando il licenziamento, ha reso il lavoratore più ricattabile anche da un punto di vista salariale. La nuova schiavitù del secolo.

E' dunque chiaro a tutti che a dettare l'agenda politica del governo è il Movimento 5 stelle. Un governo che prima cerca di copiarci con l'abolizione di Equitalia e che ora vorrebbe far finta di voler contrastare la povertà che colpisce il nostro Paese. Se l'esecutivo vuole davvero aiutare le famiglie in difficoltà, allora, venga in Senato per discutere apertamente e responsabilmente sull'unica misura capace di risolvere il problema, ovvero, il reddito di cittadinanza presentato dal Movimento 5 stelle

banneri5s2016.jpg

15 Lug 2016, 09:56 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 26


Tags: istat, italia, poveri, povertà, reddito di cittadinanza

Commenti

 

saremmo anche un po' in ritardo. hanno aspettato di impoverirci ed ora vogliono correre ai ripari. se avessero ascoltato subito le proposte dei cinque stelle, staremmo tutti meglio e gli ottanta euro sarebbero andati nelle tasche dei piu' bisognosi e non in quelle di chi ha gia' un reddito. e tutto per prendere voti. ora vogliono copiare malamente i cinque stelle e cosi' creeranno ancora una volta un danno che pagheremo con l'aumento ulteriore dei poveri. le misure che adoperano non servono ad un bel nulla fatte cosi'. ma fallo capire a gente ignorante che pensa solo al potere ed ai fatti propri. gli incapaci dovrebbero solo andare a casa oppure essere cacciati. ma il popolo sembra non sia interessato a meno che non tocchi proprio a lui ed alla fine si rassegna.
hanno fatto chiudere i piccoli negozi e le piccole medie imprese uccidendo cosi' la gallina che faceva le uova ed ora non sanno piu' come fare a racimolare soldi.
ci hanno reso piu' poveri in modo da sfruttarci ancora di piu'. so di gente che prende tre euro tramite cooperative che gia' ti sfruttano di loro. se poi c'e' il beneplacito del governo, siamo proprio a posto.

ringrazio ogni giorni che ci siano i cinque stelle che pero' trovano sempre tutto in macerie e nessuno di chi e' arrivato prima ed ha creato questo disastro paga, anzi, sta li' e ci succhi il sangue.

rosanna scarpa 16.07.16 14:13| 
 |
Rispondi al commento

Salve sono un vostro convinto e mai perplesso sostenitore; non ho un grande commento da fare ma voglio solo farvi sapere che come me altri milioni di Italiani attendono impazienti la vostra totale presa di posizione al governo.

MASSIMO CONTRAFATTO 16.07.16 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Salve, non ho letto il disegno di legge (appena possibile lo farò) ma vorrei porvi un quesito diretto ed immediato: una persona di 51 anni che ha perso il lavoro nel 2012 e vive con la madre (vedova) con una pensione di 800 euro al mese ha diritto al reddito di cittadinanza? o deve continuare a stare fuori dal mondo? perchè è così che si vive senza reddito e prospettive di un futuro ...

MARIA LUISA PELLEGRINO 16.07.16 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto il disegno di legge sul reddito di cittadinanza del movimento (non sono grillino e me ne scuso).
A me non convincono solo due cosette e prego che qualcuno mi spieghi...

1>Nei requisiti non si fa riferimento al patrimonio personale o familiare, quindi anche un benestante non lavoratore potrebbe accedere a questo sostegno?


2>Il percettore dovrebbe navigare su un portale specifico per dimostrare che cerca attivamente lavoro anche tramite il web.
(cos'è uno scherzo?)

Sicuramente non so leggere ed avro' capito male...ditemi che non è cosi' :)


Solo questi due punti :) per il resto complimenti per il coraggio e l'idea.

roberto veltri 15.07.16 22:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Agli schiavisti mafiosi del nostro bel paese non piace il reddito di cittadinanza ,a loro piace solo il lavoro a 30 euro dei clandestini che stanno sostituendo gli italiani!grazie globalizzazione...

Claudiog 15.07.16 21:04| 
 |
Rispondi al commento

On Topic
Reddito di cittadinanza si , ma non con la legge attualmente depositata dal M5S: il reddito e' reddito e non ISEE, l'agenzia delle entrate ha il completo controllo (se vuole) di tutti i conti correnti di cittadini italiani. Le proprieta' immobiliari stanno nei pubblici registri.
Meta' della legge e' propedeutica per incentivare lavoro di CAF e similari .
Basta un F24 e l'introduzione di un rigo nell'unico per avere il reddito di cittadinanza .
A questo ,dopo, nei casi previsti , si possono legare prestazioni sociali.

OFF TOPIC
@Ernesto ed altri.
Sbagliate , come sbaglia Manlio che vuole colloquiare con Hamas .
Fintantoche' i musulmani moderati usarenno due pesi e due misure per condannare gli attentati a parigi e non condannare quelli commessi da Hamas contro cittadini israeliani non vi puo' essere dialogo.
Dai tempi di Arafat gli ex cittadini egiziani insistenti su territori perduti a seguito di evento bellico (anche in libere elezioni) hanno confermato la scelta di non riconoscere la sicurezza dello stato di Israele prevista dalla stessa risoluzione dell'Onu, per ricordare:
https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_dei_sei_giorni

A mio avviso quei nostri rappresentanti sono passati troppo precocemente dai banchi di scuola ai banchi del parlamento.

E come tutti i giovani hanno la fermezza delle idee altrui.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 15.07.16 19:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Forse qualcuno può spiegarmi un dubbio. Supponiamo che il reddito di cittadinanza del M5S venga applicato a livello nazionale, siamo sicuri che poi si riesca a trovare lavoro a tutte le persone coinvolte?
Oserei dire che siccome questo governo NON sta facendo niente per incentivare il lavoro, sarà piuttosto dura applicare le regole del reddito per le quali si debba accettare almeno un lavoro su 3 proposti.
Secondo me riforma del lavoro e reddito di cittadinanza dovrebbero andare di pari passo.

Alberto Fagioli 15.07.16 19:30| 
 |
Rispondi al commento

Sono daccordo con te su tutto cio che hai scritto ma c'e' anche una altra fascia sociale che è stata messa in cassa integrazione per 800 euro al mese che sta in ogni caso soffrendo questa situazione che cosa pensi si possa fare?
Cosa pensi si possa fare con i tempi burocratici dell'INPS
Grazie

Giuseppe Di Pinto 15.07.16 18:05| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
L'ho sempre visto come una buona idea fino dalla prima volta che se ne è parlato, l'idea è valida, in quanto è garantito che subito messa in circolo nel commercio a partire dalle prime necessità. La gente è al limite e la dignità morde, lasciare gli indigenti al loro destino non è una scelta sensata mentre il reddito di cittadinanza non solo assolve la mancanza ma coinvolge e inorgoglisce chi ne usufruisce in quanto avrà un lavoro su cui contare.
ATTENZIONE per capire il senso dell'iniziativa bisogna essere con la mente verso il futuro e onesti di fondo, è questo secondo me il motivo per cui i politici sono restii, questi ragionano sempre con secondi fini. FORZA RAGAZZI è MODERNITA' civica.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 15.07.16 16:53| 
 |
Rispondi al commento

La poverta' e' in aumento in Italia, lo certifica l'ISTAT, ed il governo cincischia intorno a una leggina parziale e non risolutiva che forse arrivera' in porto a ridosso di qualche scadenza elettorale. Giocare sulla pelle di chi ha bisogno oltre che immorale e' anche pericoloso. Non riusciamo a guidare qualche migliaia di "poveri" sotto palazzo Chigi per ricordarlo a chi abusivamente e provvisoriamente ne occupa indegnamente le stanze?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.16 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza non può più aspettare...siamo andati oltre il limite massimo di sopportazione e di decenza per molti,i politici continuano ad abbuffarsi e a ricattare quest'ultimi col voto, per il resto oltre i 5stelle chi ne parla???

GENIO 15.07.16 16:16| 
 |
Rispondi al commento

strage nizza... i pennivendoli di regime che subito si affrettano a dire che il primo schiacciato dal camion era un mussulmano.... seconda stranezza è la strana somiglianza tra i ripresi dalle tv a nizza e quelli a parigi .... sembra che si tratti degli stessi italiani che erano li per caso in entrambi i posti?... possibile o solo somiglianza?

uno che ragiona col suo 15.07.16 14:15| 
 |
Rispondi al commento

O.T. (mia opinione personale):

invece di fermare per sempre l'ingerenza naziskiavista, politica, militare e commerciale in giro per il mondo i vostri (non i miei) governi adotteranno la "bella" pensata di limitare la libertà individuale dei cittadini (italiani inclusi!), buttare valanghe di risorse dalla finestra investendo in improbabili stupide misure di antiterrorismo quando si sa benissimo che il terrorismo può colpire sempre e dovunque.
Per non parlare, poi, di trascinare l'Italia in una possibile sanguinosa guerra con la scusa di unirci una volta di più all'ignobile strategia di mantenimento di basi occidentali in territori che non hanno niente a che fare con cultura, civiltà, educazione religiosa di quelle zone per la maggior parte sfruttate da secoli in assoluta povertà.

Giusto disinnescare gli attentati ma verranno realmente disinnescati solo ritirando le colossali invasioni dell'imperialismo cosidetto "occidentale" attive su tutto il pianeta.

Mi pare che il Movimento Cinque Stelle stia facendo qualcosa per capire i meccanismi che lo coinvolgono e cito la visita in Israele del gruppo accompagnato da Luigi Di Maio... ma indovinate cos'è capitato:
gli è stato proibito di visitare la striscia di Gaza; un ennesimo segnale contro chi cerca di capire la situazione mediorientale.

Saludos.


Cari amici, il trucchetto è sempre lo stesso e si traduce in questo modo:
1) Quando si sente odore di elezioni il partito di governo farà delle leggi che saranno viste dall'opinione pubblica come un risultato positivo e che se non sono state fatte prima era colpa dell'opposizione (tutto per raccattare voti)
2) Quando si sente odore di elezioni il partito di governo farà concorsi nello Stato dicendo che "dopo lunghe trattative con le opposizioni siamo riusciti a pensare ai giovani e dare a loro la possibilità di un lavoro" (tutto per raccattare voti)
3) Quando si sente odore di elezioni (in questo caso spero che non succeda), capita qualcosa di brutto che convinca l'opinione pubblica che "in questo momento non è il caso di andare alle elezioni" (tutto per gestirsi le future elezioni a loro piacimento)
La storia, e l'esperienza, insegnano.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.16 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Il fatto spesso che, invece di portare il reddito di cittadinanza in parlamento per la sua discussione e approvazione, tentino di inventarsi qualcosa che non gli assomiglia neanche lontanamente ma dia loro la possibilità di riscattarsi agli occhi degli italiani, fa comprendere come di quest'ultimi al PD freghi zero e continuino ancora ad agire per il solo bene del partito e dell'ormai immenso "carrozzone" di "magna magna" che gli ruota attorno!

Luca P. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.16 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Governo Italiano irresponsabile e "scollato" dai problemi della Gente!

Se non guardi agli ultimi come puoi pretendere di Governare una Nazione?...
DEVONO ANDARE TUTTI A CASA!!!
Cordialmente.
☆ ☆ ★ ☆ ☆

Domenico Cacciato, Canicattì Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 15.07.16 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Governo alla frutta , elezioni subito o finiamo in rivoluzione....

Stefano Bevere 15.07.16 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Quando si copia, il risultato è raffazzonato.
Il reddito di inclusione non è nient'altro che l'ennesima prova di voler rincorrere il Movimento.
Siccome (per loro) sarebbe uno smacco dar ragione al Movimento (promulgando la legge sul reddito di cittadinanza), trovano tutti espedienti per far vedere che "loro" hanno a cuore la sorte dei cittadini.
Ormai gli Italiani onesti e seri hanno capito e non sono più degli sprovveduti: gli unici che danno ancora retta a questi avvoltoi sono quelli che sperano di saziarsi con qualche briciola caduta dalla loro opulenta tavola imbandita.
E' giusto, per noi, perseguire il nostro programma; ma il Nostro obiettivo devono essere le elezioni il prima possibile.
Come si è potuto vedere in questi ultimi giorni, i "perdenti poltrona" si stanno cambiando il fazzoletto attorno al collo per fare in modo di mettere in difficoltà il Movimento nel caso di elezioni; ed a questo punto, spetta a noi organizzarci in anticipo per non farci trovare impreparati.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.16 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Continuano a fare trasmissioni televisive, dove si parla di politica e problemi sociali, invitando raramente il Movimento 5 Stelle.
Questo è successo anche ieri sera su LA7, dove si parlava appunto di povertà e del provvedimento appena votato in parlamento.
Tutto quanto senza osservare la parcondicio, senza che Agicom si faccia mai sentire.
Che ne facciamo di un organo, compreso il suo presidente, che non vigila? Lo paghiamo a non fare nulla?
Spero che Roberto Fico, possa di nuovo richiamarlo all'ordine dei suoi doveri.

Rosa 15.07.16 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ot

raggi e dintorni...cerchioni... pedali

""Marcello Minenna assessore a Roma: interpellanza dei deputati del Pd sul doppio incarico"


"""In primo luogo - affermano i deputati Pd - perché due incarichi così impegnativi verrebbero svolti in contemporanea e, necessariamente, a tempo parziale, quando roma ha invece bisogno di un assessore che si occupi a tempo pieno di questioni decisive come il bilancio e la riorganizzazione delle partecipate. Per quanto riguarda la Consob, poi, l'ufficio analisi quantitative svolte una funzione di rilievo nell'ambito dei compiti che la legge affida alla commissione e non può essere coordinato da un dirigente che svolga la sua attività in modo residuale rispetto ad altri compitì".""

insomma i deputati piddì applicano il famoso "due pesi e due misure",se passa il si al referendum costituzionale i nuovi senatori possono tranquillamente svolgere due importanti impegni in contemporanea.... :)


http://www.huffingtonpost.it/2016/07/13/marcello-minenna-doppio-incarico_n_10968162.html?utm_hp_ref=italy

pabblo 15.07.16 10:20| 
 |
Rispondi al commento

sono daccordo.

caro pdc hai rotto le balutis . punto!

pabblo 15.07.16 10:19| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori