Il Blog delle Stelle
Le bollette elettriche più care d'Europa

Le bollette elettriche più care d'Europa

Author di MoVimento 5 Stelle Europa
  • 31



di MoVimento 5 Stelle Europa

Il Governo italiano è l'unico in tutta l'Unione Europea capace di assecondare ogni capriccio del Consiglio e contemporaneamente essere al centro dell'azione sanzionatoria dell'esecutivo europeo. Un dato di fatto che si spiega solo con un comportamento (dentro i confini) sempre più arrogante, in costante tutela delle lobby e mai dei cittadini. L'ultima pazzia da questo punto di vista è la riforma delle tariffe di rete elettrica, che farà soffrire le famiglie a più basso reddito implementando un meccanismo folle: pagherà di più chi consumerà di meno. Contravvenendo a ogni principio dettato dal buon senso e dalle indicazioni europee per combattere i cambiamenti climatici. Peccato che, adesso, la Commissione europea si sia accorta che c'è qualcosa che non torna. Rimane tuttavia da chiarire da che parte sta il commissario per l'energia Miguel Arias Cañete: da un lato risponde positivamente alla denuncia del M5S sulle violazioni del Governo italiano, dall'altro le ultime indiscrezioni sul TTIP sembrano rottamare la normativa europea in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili.

Nella lettera del dicembre scorso - inviata dai portavoce del Movimento 5 Stelle di Europa e Senato Dario Tamburrano, David Borrelli, Gianni Girotto e Gianluca Castaldi - è stato fatto presente al commissario Cañete che la nuova architettura della bolletta italiana é in rotta di collisione con le direttive di cui sopra. È stato inoltre segnalato il divieto a costruire SDC (Sistemi di Distribuzione Chiusi) negli edifici non residenziali. I SDC sono indispensabili quando più utenti (ad esempio, i negozi di un centro commerciale) vogliono utilizzare l'energia rinnovabile prodotta da un unico impianto, come i pannelli solari situati sul tetto, e una direttiva UE chiede espressamente che nei nuovi edifici venga utilizzata energia rinnovabile prodotta sul posto.

Cañete si esprime con parole che non lasciano dubbi: l'UE indagherà sulla questione dei SDC. In aggiunta, le tariffe elettriche basate sulla capacità di prelevare energia elettrica dalla rete (e non sull'energia effettivamente prelevata) non sono in contrasto con le direttive su rinnovabili ed efficienza energetica nella misura in cui esse non ostacolano le rinnovabili e l'efficienza energetica complessiva. In Italia - aggiungiamo noi - questi ostacoli esistono e la situazione é ulteriormente peggiorata con il Milleproroghe diventato legge a febbraio.

Intanto, però, dal primo gennaio 2016 l'Italia ha cominciato ad eliminare dalla bolletta elettrica la progressività, cioè il principio in base al quale chi consuma più energia, la paga proporzionalmente più cara. Ora la quasi totalità degli oneri relativi al funzionamento della rete elettrica non é più proporzionale alla quantità di energia consumata ma é spostata nella quota fissa che, insieme alle tasse, costituisce circa la metà della bolletta. L'eliminazione della progressività dovrebbe proseguire fino al dicembre 2017, ma già fa sentire i suoi effetti sotto forma di rincari che continuano a colpire soprattutto chi consuma poca elettricità o consuma elettricità autoprodotta da fonti rinnovabili. Parallelamente vengono stabilizzati i guadagni delle grandi società che producono e distribuiscono energia.

Il Movimento 5 Stelle sta lottando per far riconoscere all'Unione Europea i diritti dei prosumer, ovvero dei produttori e consumatori di energia. Una battaglia che porrà fine a queste "interpretazioni" della normativa e che chiarirà una volta per tutte chi è dalla parte del futuro e che, invece, continua a fare favori all'immensa lobby del fossile.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

17 Lug 2016, 10:00 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 31


Tags: bollette, enel, energia elettrica, governo

Commenti

 

io sono pronto a spendere anche di più per la bolletta, a patto che la corrente la si dia ai manager, ai politici e a tutti coloro che ci mangiano sopra. Ci vorrebbe una bella sedia elettrica...

Zampano . Commentatore certificato 21.07.16 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Non solo le bollete luce più care, ma anche il digitale terrestre PIU' SCALCINATO d'Europa! Per vedere una trasmissione si deve fare lo zapping e sperare che al ritorno ilc anale si sia aggiustato! 5 minuti in chiaro e 20 pixelati! E' uno schifo! E pretendono pure il canone!
LADRI!

Biagio C. Commentatore certificato 20.07.16 14:26| 
 |
Rispondi al commento

E' evidente che la riforma governativa delle tariffe elettriche mira a ridurre la spesa per le imprese grandi consumatrici di energia elettrica, abbassandone il costo. A pagare di piu' saranno invece i semplici cittadini, ma questa non e' una novita' per la linea del governo in carica.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 18.07.16 10:25| 
 |
Rispondi al commento

Le nostre bollette sono le più care d'Europa esattamente come lo sono i nostri Parlamentari. Infami bastardi da galera! Al più presto!

rino lagomarino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.07.16 01:58| 
 |
Rispondi al commento

Le nostre bollette sono le più care d'Europa esattamente come i più cari d'Europa sono i nostri parlamentari! Fonte: inchiesta di euronews e Chris Harris del 2016. http://it.euronews.com/2016/04/12/i-parlamentari-italiani-restano-i-piu-pagati-d-europa/

rinaldo lagomarsino 18.07.16 01:51| 
 |
Rispondi al commento

PER TUTTA RISPOSTA:
al referendum di Ottobre: non solo la sentiranno la scossa, ma saranno fulminati dall'alta tensione delle loro Bollette Elettriche!
e poi:
Via libera al politometro.

Movimento 5 Stelle sempre più forte!

Luigi ., Avezzano Commentatore certificato 17.07.16 22:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IPOTRANTE:
Non dimenticare il Kaput con il NO al referendum di Ottobre.

Luigi ., Avezzano Commentatore certificato 17.07.16 21:56| 
 |
Rispondi al commento

L'unica soluzione per porre fine a questo e a tutti i furti che continuamente noi cittadini subiamo è quella di mandarli a casa...allora si che sarà domenica...non dimentichiamolo...cominciando dal prossimo referendum...forza ce la possiamo fare...facciamogli veder le stelle

Maurizio Celani 17.07.16 21:17| 
 |
Rispondi al commento

Tutta colpa del Bomba Ren. detto l'Ebete fiorentino ma anche il pivello di Firenze.

Mirko 17.07.16 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Il settore dell'energia è stato liberalizzato ben 9 anni orsono con la promessa che gli importi in bolletta sarebbero nettamente diminuiti.
Ad oggi l'importo della mia bolletta della luce è raddoppiato mentre quelli di gas e acqua sono addirittura triplicati.
Ma si può fare più schifo di così ?

Paolo Roberto Dagnino, Genova Commentatore certificato 17.07.16 20:26| 
 |
Rispondi al commento

A Cagliari, dove vivo, non esiste il metano...abbiamo le bollette elettriche più care d'Italia! Siamo in due e paghiamo 300 euro, ora arriverà anche più cara perché ci sarà il canone tv.

Cecilia ., Cagliari Commentatore certificato 17.07.16 20:04| 
 |
Rispondi al commento

l'italia ha sempre avuto in tutti i settori i listini più alti d'europa , le cause principali sono due , la partitocrazia e la sua dilagante corruzione in tutti i settori dello sviluppo economico e il vaticano .

Fabio Bagnoli 17.07.16 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Continuate ha informare e combattere questa iniquità da parte del burattino delle lobbi

Eugenio Della Nina 17.07.16 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono fatta l'idea, correggetemi se sbaglio, che in tutto ci siano semplicemente gli interessi dei politici di lungo corso, delle loro family, dei loro parenti ed amici ecc.ecc. Dalle soc.autostrade, alle banke, alle municipalizzate alle coop.29 giugno e simili, ecc.ecc. Anche se non ci fossero inchieste in corso il passato il presente e anche il futuro prossimo della nostra nazione è in mano a codesti individui e non si può che pensar male, sempre, come diceva chi ne sapeva più del diavolo:un certo andreotti.

lalla b., venezia Commentatore certificato 17.07.16 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Se molti facessero come me, che ho un impianto fotovoltaico, l'Enel si vedrebbe costretta a rivedere i prezzi o a chiudere !!!

Marco Mancioli, Dakar Commentatore certificato 17.07.16 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Si aggiunga che dal prossimo anno sparirà il servizio di maggior tutela!! Grazie governo..

Marco ., Abano Terme (PD) Commentatore certificato 17.07.16 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Il Garante per l'energia in Italia non esiste?

Cos'è questa? http://www.autorita.energia.it/it/index.htm

Mirko 17.07.16 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Nella provincia di Salerno, abbiamo vento ed acqua a darci energia, però paghiamo con il prezzo del petrolio le bollette.

Ciro Cuciniello, Salerno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 17.07.16 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Questo si aggiunge alla vergogna del canone RAI in bolletta

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 17.07.16 11:37| 
 |
Rispondi al commento

E venendo al tema forte del post, io vorrei conoscere nome e cognome di coloro che hanno concepito questo meccanismo demenziale che punisce i consumatori più virtuos, e nome e cognome di coloro che lo hanno trasformato in norma. Vorrei vedere le facce di questi signori pubblicate sul post, accanto agli importi dei lauti stipendi erogati dalla collettività. Non è becero populismo o sete di sangue, è semplice desiderio di conoscere.

Steve 17.07.16 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il problema è anche quello di ridare competitività a produttori virtuosi da fonti rinnovabili e far chiudere bottega agli inquinatori seriali, che sopravvivono solo in virtù dei contributi estorti ai consumatori con i meccanismi che ben conosciamo. Farà bene all'ambiente, alle nostre tasche, e anche al mercato.

Steve 17.07.16 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Produrre col sole con accumulo ha oggi lo stesso costo che ( nel residenziale) si ha con Enel (o altri) , senza incentivo , per consumi normali .

Se lo facessero tutti molti produttori fallirebbero , facendo aumentare gli NPL delle banche la dove il finanziamento sia ancora in corso ( di solito 30 anni ) .

Bisogna scegliere: o botte piena o moglie ubriaca .

Il fatto che i proprietari delle centrali a carbone ci siano antipatici non sposta la dimensione del problema .

Il vero nemico e' il CEI che modifica ogni momento le norme per rendere impossibile e non conveniente il sistema off grid residenziale ( es.: la 021 da applicarsi al distacco volontario )

Spiego: se io tiro giu il contatore il primo di marzo e lo tiro su il primo di novembre , a mano perche vado via di casa , posso farlo . Se lo fa un mio meccanismo che mi toglie dalla rete per lo stesso periodo in quanto mi basta il solo e' proibito , salvo burocrazia pazzesca e nuove imposte .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 17.07.16 11:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spero che nel giro di poco tempo saranno disponibili sistemi di accumulo efficienti ed economici che abbinati all'impianto fotovoltaico mi consentano la totale indipendenza energetica. Quando stacchero' la spina dalla rete di questi ladroni, quando con le mie bollette non contribuiro' più ad alimentare i parassiti del fossile la cui sopravvivenza è garantita solo dalle leggi che politicanti compiacenti hanno fatto su loro misura, allora, e solo allora, mi riterro' soddisfatto.

Steve 17.07.16 11:03| 
 |
Rispondi al commento

Come mai l'Autorità per l'energia elttrica e il gas cioè il Garante in Italia è anche quello sempre a nomina politica??????
Non è un controsenso? Ma l'Autorià è garante del governo o del cittadino? Se è di nomina politica per me è garante sempre e solo del governo.

Mirko 17.07.16 10:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma il Garante dov'è???

Mirko 17.07.16 10:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

***** SVEGLIA! *****

Magari se iniziassimo a produrla,
anziché comprarla da quelli che non rifiutano il nucleare,

sarebbe piu' conveniente :)

pz 17.07.16 10:07| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori