Il Blog delle Stelle
Renzie usa la Sanità come bancomat

Renzie usa la Sanità come bancomat

Author di MoVimento 5 Stelle Senato
Dona
  • 20

di MoVimento 5 Stelle Senato

Un miliardo e mezzo di nuovi tagli alla Sanità: uno scherzo? Niente affatto, perché questa potrebbe essere la 'sorpresina' che il governo ha in serbo per gli italiani, da inserire dentro la prossima manovra finanziaria. La notizia è apparsa stamattina sulla stampa e il Presidente del Consiglio si è precipitato a smentirla, ma dopo le tante balle raccontate, le sue rassicurazioni non sono più credibili: di Matteo Renzi non ci fidiamo.

La stampa parla di un braccio di ferro in corso all'interno dell'esecutivo, di tagli da 1,5 miliardi di euro più 1 miliardo che dovrebbe venire dall'intervento sulle spese delle Regioni che sappiamo bene dov'è che solitamente vanno a tagliare. Il premier ha negato, consapevole che una notizia del genere, proprio mentre sta per partire la campagna referendaria sulla riforma costituzionale, potrebbe avere effetti devastanti, ma il sospetto è che questo sia solo l'antipasto del solito balletto fatto di dichiarazioni, passi in avanti, indietro e di lato che finisce sempre con il tradursi in vergognosi tagli alla sanità.

Finora questo governo per far quadrare i conti dello Stato ha usato la Sanità come bancomat invece che combattere l'evasione, tagliare le pensioni d'oro ed eliminare gli sprechi della Pubblica amministrazione e della politica.

Tra il 2015 e il 2016 il presidente del Consiglio e il suo ministro Beatrice Lorenzin hanno tagliato al comparto 4,3 miliardi di euro, oggi oltre 200 visite specialistiche - fino a ieri garantite dal sistema sanitario - sono a pagamento; la spesa farmaceutica continua a crescere senza che il governo intervenga per frenarla e porre un limiti ai già cospicui guadagni delle aziende farmaceutiche; e non c'è traccia dei 7 miliardi di risparmi derivanti dalla digitalizzazione in sanità promessi dal ministro della Salute.

Gli italiani, intanto, rinunciano a curarsi: 11 milioni di persone solo lo scorso anno. Se quando entreremo nella sessione di bilancio, tra meno di un mese, dovessimo trovare tracce dei tagli alla sanità di cui parlano oggi i giornali, faremo di tutto per impedire l'ennesimo scempio sulla salute degli italiani.

banneri5s2016.jpg

suiinsta.jpg

16 Set 2016, 12:28 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: bancomat, governo, renzi, sanità, tagli alla sanità

Commenti

 

In puglia stanno decimando gli ospedali pubblici,negli ospedali di capoluogo e qualche comune che mantengono l'autonomia si crea caos e di conseguenza viene a mancare assistenza e tutela per la salute di noi cittadini,stiamo andando sempre piu' in fondo a un mare di merda.
Aumentano le cliniche private (convenzionate)o quelle che ci sono nessuno le tocca facendole continuare a prelevare mole di denaro che dovrebbe andare agli enti ospedalieri locali pubblici.
nel mio comune siamo per esempio piu' di 40000 persone e avevamo un ospedale da circa 50 anni che tutelava la nostra salute,la salute,e faceva da supporto forte a tutta la provincia tarantina,sia con ricoveri che con prestazioni varie.Non hanno mai pensato a migliorare i deficit di reparto a rinnovare la struttura con nuove strumentazioni ecc....si perche' secondo me il pubblico essendo nostro(della collettivita'),va migliorato e non chiuso agevolando i privati!
E' davvero l'ennesimo paradosso di questo paese mal gestito,paghiamo tasse su tasse per poi vederci chiudere anche i nostri ospedali pubblici,che fine stiamo facendo....speriamo che le cose si aggiustino.

Maurizio Galeone, Grottaglie(ta) Commentatore certificato 20.09.16 07:21| 
 |
Rispondi al commento

E' vent'anni che sento che ci sono 11 milioni di persone che non si possono più curare. Che facciamo? Vogliamo fare qualcosa o dobbiamo, ancora per altri 150 anni,sentire che ci saranno 11 milioni di persone che non si possono curare. Ma come lo contrastate questo potere solo a colpi di blog?

roberto p. Commentatore certificato 19.09.16 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

Io ho trovato soddisfazione con CRÉDIT MUTUEL, grazie a questa banca della Francia ho ricevuto un prestito di 300.000 euro.


Questa banca aiuta molta persona in questo mondo, allora presi più non di avvicinarseli di occorro prestatore tra privato.


Non dirò molto, potete contattarli su questa mail per avere più informazione:
creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

MARTA durcie, roma Commentatore certificato 18.09.16 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Ma perché pensate che gli Agnelli_Elknan si siano presi quella mega assicurazione americana ? Il loro dipendente-valletto si dà da fare per indebitare all'inverosimile il paese ed a radere al suolo il welfare, così da costringere tutti all'assicurazione privata se vuoi curarti .... e poi toccherà all'acqua da privatizzare probabilmente. I neocon illuminati spenti si sono scelti bene l'uomo che se ne intende di fallimenti , tradizione di famiglia, chi meglio di lui per fare fallire l'Italia intera ? Basta leggere i risultati giornalieri del suo governo, e state sicuri che gli zero virgola che ci propinano sono dati gonfiati rispetto alla realtà.


Credetemi io quando sento in televisione parlare faccio muta la televisione più di una volta mi sono domandato >

Giulio polli 16.09.16 19:41| 
 |
Rispondi al commento

L'errore e' diminuire le prestazioni invece di far calare gli stipendi.
Mi spiego.
Dati presi qui:
http://www.eticapa.it/eticapa/il-personale-del-sistema-sanitario-in-italia/
Numero dipendenti del comparto sanitario in italia: 885031
Di cui medici: 243000
Di cui infermieri: 273000
Da qui il costo dipendenti del comparto:
Da qui il costo euro : 39.486.827.174
Ed il costo da qui:
http://www.eticapa.it/eticapa/numero-dipendenti-e-costo-del-lavoro-pubblico-conto-annuale-rgs-2013/
Pertanto
costo medio dipendente: 44616

Tenendo conto che molti dei 243000 medici sono part time il vero problema e' che gli stipendi di tutti i lavoratori privati sono stati compressi a seguito della crisi generata dall'euro , quelli dei dipendenti pubblici no .

Ma sono le tasse che pagano i dipendenti privati che pagano gli stipendi dei dipendenti pubblici .

Inoltre si noti il rapporto circa 40/50 fra medici e infermieri e tutti gli altri .
Significa che per ogni uno che cura vi e' (quasi) uno che gira le carte.

Nel mondo dell'informatica e della rete e' un rapporto inaccettabile.

Cosi' come e' inaccettabile che i dipendenti pubblici siano privilegiati in quanto protetti dalla compressione salariale dovuta all'euro.

Quelli che devono muovere il culo , se vogliono fare gli interessi di chi li ha votati , sono i rappresentanti regionali con un piano di riduzione degli stipendi dei dipendenti della sanita' e del loro numero , ripristinando i servizi soppressi in favore dei cittadini.

E questo per EQUITA' verso coloro che non sono dipendenti del pubblico impiego.

Se a quelche dipendente pubblico questa storia non piace provi a cercarsi un impiego nel settore privato e veda che stipendi gli vengono offerti a parita' di funzione.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 16.09.16 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le cure per il cancro al seno hanno minato le mie ossa. Ora curiamo le ossa, ma la MOC, con esenzione 048 (malattie cronicizzate da cancro +o-) mi costerà 104,00 €. Complimenti al nostro governo.

Susanna Marchioro 16.09.16 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Saltando di palo in frasca, spero che Beppe chiuda la bocca alla Lombardi che fa solo danni al Movimento, e cacci una volta per tutte Pizzarotti (altro chiacchierone dannoso).

albino c., GIARDINI NAXOS Commentatore certificato 16.09.16 15:28| 
 |
Rispondi al commento

I miliardi per i migranti - 3.92 MLD di euro SOLO PER QUEST'ANNO nelle stime del FMI - si trovano, quelli per gli italiani malati NON CI SONO.
Però per quanto siate in continuazione intervistati dai giornalisti, ospiti dei talk show, ben radicati in Parlamento, e last but not least padroni di esercitare diffusione mediatica in questo blog, VI GUARDATE BENE DALLO SBATTERE IN FACCIA AI POLITICI AL POTERE E SOPRATTUTTO AI CITTADINI ITALIANI QUESTA REALTA'.
Dovreste farlo QUOTIDIANAMENTE.
Perché questi sono SEMPLICI E NUDI FATTI. Sono la VERITA'.
Ne avete forse PAURA ?
Non potete essere sibillini e pusillanimi di fronte a questo problema, vi dovete rimboccare le maniche e CI DOVETE METTERE LA FACCIA.
Quando andiamo alle urne VOGLIAMO SAPERE cosa hanno intenzione di fare i nostri rappresentanti.
Mica, come in questo caso, NASCONDERE LA TESTA SOTTO LA SABBIA ?

franco_r 16.09.16 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di questo passo la sanità italiana si allineerà a quella della Grecia. Certo che da qualche parte dovrà trovarli i "denari" il Bomba per pagarsi i vizi congeniti: bonus, patti con le regioni, regalie agli industriali, gelati e via dicendo. Volete che li prenda ai ricchi o agli evasori fiscali? Manco per sogno, i soldi si sottraggono sempre ai ceti più' deboli siano essi i malati, i pensionati, gli intellettuali della scuola, della università, della ricerca. È il colmo dell'ironia e' che dice di stare riducendo le tasse. Che tipo scherzoso e' il nostro Presidente del Consiglio! Peccato che non faccia ridere i cittadini italiani.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 16.09.16 15:14| 
 |
Rispondi al commento

invece di scrivere:faremo di tutto per impedire l'ennesimo scempio sulla salute degli italiani. DITECI cosa farete ,ma sopratutto diteci cosa POSSIAMO FARE NOI per difenderci da questi sopprusi

Giovanni Rigatelli 16.09.16 14:17| 
 |
Rispondi al commento

Usciamo dall'EU e ci salviamo questa è la cura

walter tiani, napoli Commentatore certificato 16.09.16 14:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori