Il Blog delle Stelle
Riforma Bankitalia? La facciamo assieme, grazie a Rousseau

Riforma Bankitalia? La facciamo assieme, grazie a Rousseau

Author di MoVimento 5 Stelle
  • 23

di Alessio Villarosa

Ciao a tutti, sono Alessio Villarosa, il primo firmatario della proposta di legge di nazionalizzazione di Banca d'Italia, che ha finito il suo percorso sul nostro portale Lex. E questi sono i vostri commenti, che ho appena finito di leggere, sono 428 commenti e questo video serve più che altro per ringraziarvi perché grazie ai vostri commenti siamo riusciti a capire che probabilmente alcune migliorie a questa legge possono essere aggiunte. Ma non solo: non l'abbiamo fatto con esperti del settore, ma l'abbiamo fatto con cittadini iscritti al nostro portale che si sono rivelati a volte più in gamba di molti esperti. Cosa possiamo dire, abbiamo un sacco di indicazioni. Da indicazioni di principio, come ad esempio quella di Nino Borzì, che ci chiede di introdurre delle norme di principio all'interno della proposta di legge. Ad esempio ribadire che Banca d'Italia è di proprietà del popolo italiano e ne esercita le funzioni tramite la delega del Ministero del tesoro.

Oppure abbiamo alcune norme da valutare, valuteremo ad esempio quella di Modesto Volpe che mi dice di rivisitare l'abolizione dei privilegi che vengono dati ai familiari dei dipendenti di Banca d' Italia. Oppure abbiamo alcune proposte un po' particolari, queste le dobbiamo valutare bene, ma che hanno una loro base. Ad esempio, c'è chi come Alberto Costantini mi chiede di evitare che il governatore della Banca d?Italia, a fine mandato, possa finire a lavorare presso le stesse banche verso le quali ha amministrato. E' vero che abbiamo messo un limite di 6 anni, ma potrebbe comunque essere eliminato dando la possibilità al governatore di diventare senatore a vita, visto che viene votato come il Presidente della Repubblica. E' un po' particolare, la valuteremo, valuteremo tutte le vostre proposte fattibili. Oppure c'è chi mi dice, come Giovanni Barosio, di far sì che la Commissione di Vigilanza appena istituita con questa proposta di legge abbia la possibilità di revocare il mandato del governatore, nel caso in cui sia sottoposto ad indagine per reati finanziari.

Ci sono anche molte proposte che esulano dalla proposta di legge in sé: vorrei ricordare a tutti quelli che mi chiedono la sovranità monetaria, che è un nostro interesse, l'interesse del M5S, ma la sovranità monetaria viene dopo, questo è un prerequisito, anche per arrivare ad una futura sovranità monetaria che però deve essere discussa in Europa. Quindi è la nostra linea, non vi preoccupate, però non è questa la proposta nella quale dobbiamo parlare di sovranità monetaria. E in più l'ultima cosa, avete chiesto di utilizzare dei termini più chiari e semplici nella scrittura delle leggi, è quello che diciamo sempre noi, che dice Beppe sul palco da dieci anni, basta con queste leggi che richiamano articoli e altro, siamo d'accordo ma dobbiamo prima cambiare le regole della Camera sul drafting normativo, ovvero sulla scrittura delle leggi.

Ad oggi non è possibile scrivere le leggi in maniera differente come abbiamo fatto noi quindi una volta andati al governo non vi preoccupate, cercheremo di migliorare anche questo. Ripeto il ringraziamento nei vostri confronti, mi raccomando seguiteci su Rousseau perché non sono solo queste le risposte che vi darò, risponderò ad ogni vostro commento anche il più assurdo, ad ogni vostro commento con integrazioni scientifiche di quello che dico. Cercherò di organizzare un appuntamento su Facebook e su vari social network per poter rispondere ad ulteriori domande vostre, e sono contentissimo che più dell'80% è favorevole a questa proposta di legge. Sono contentissimo che sia questo il metodo democratico per scrivere le proposte di legge perché questo mi dà ancora più forza per portare avanti non le mie idee ma le nostre idee. Seguiteci!

banneri5s2016.jpg

suiinsta.jpg

13 Set 2016, 15:12 | Scrivi | Commenti (23) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 23


Tags: bankitalia, leggi, lex, villarosa

Commenti

 

Grazie per questo feedback. è estremamente importante sapere che la lettura dei suggerimenti non avviene in maniera saltuaria e casuale.
Buon lavoro

max p., verona Commentatore certificato 16.09.16 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Questa iniziativa è molto interessante. Vorrei aggiungere solo qualche riflessione.
La banca d'Italia ad oggi svolge un ruolo di controllo delle banche inappropriato.
Controlla se le banche danno soldi alle imprese e ai cittadini a rischio, limitando il credito.
La funzione principale deve essere invece quella di controllare che non rubino soldi, cioè non applichino tassi di interesse assurdi, e quindi dovrebbe tutelare i cittadini.
In realtà fa il contrario di quello che dovrebbe fare. Dovrebbe invece garantire quelli più bisognosi e non penalizzarli. Abolizione immediata e senza condizioni della centrale rischi.
Istituzione di una centrale rischi per le banche e non il contrario.
Abbassamento immediato degli altissimi tassi massimi applucabili dalle banche e stretto controllo su di esso.
Avanti ragazzi , la strada è quella giusta.

Luigi Cicioni 15.09.16 07:03| 
 |
Rispondi al commento

Il governatore senatore a vita? Ma non si sosteneva da parte del M5s di limitare la durata di deputati e senatori a due legislature ? Io sostengo che bisognerebbe eliminare le nomine a vita e la facoltà del presidente della repubblica di esercitare questo potere e che in parlamento siedano esclusivamente gli eletti dagli italiani.

Beppe C. Commentatore certificato 14.09.16 11:23| 
 |
Rispondi al commento

Dal messaggio precedente si evince che mi piace la storia,

Roby G., Cagliari Commentatore certificato 14.09.16 09:50| 
 |
Rispondi al commento

Quello che tutti gli Italiani dovrebbero conoscer e non solo i fatti d'armi e sommovimenti sociali che ha vissuto la nostra nazione dall'unità ad oggi.Dovrebbero indagare e capire la storia economica finanziaria che è stata causa a monte di ogni azione dei nostri governi e non soffermarsi sol su eventi bellici o sociali della
nostra storia.da sei anni mi appassiona la storia
( turbato e scosso ) della storia finanziaria ed economica Italiana dall'unità ad oggi.Considero tale storia la genesi di tutte le nostre vicissitudine nel bene e nel male (purtroppo frequenti) della nostra storia. Un Italiano

Roby G., Cagliari Commentatore certificato 14.09.16 09:47| 
 |
Rispondi al commento


Prova di prestiti tra privati


sono signora Stéphanie che è alla ricerca di prestito da oltre 3 mesi. Ma un giorno sono fortunatamente caduto su un uomo cristiano semplice ed onesto che lo ha aiutato assegnandomi un prestito di 65.000€ ad una percentuale del 3% che ho ricevuto il prestito sul mio conto il sabato passato senza protocollo
Allora se avete bisogno di un prestito necessità di credito personale per realizzare i vostri progetti o rimborsare i vostri debiti e le vostre banche rifiutano di concedervi un prestito, non esitate a contattarlo. Per favore parlate ad essa e stringete soddisfa, ma attenzione a voi che non rimborsa i prestiti.

Ecco il suo indirizzo e-mail: iserphilippe4@gmail.com

stephanie Antonia 14.09.16 01:01| 
 |
Rispondi al commento

.......limite di 6 anni, ma potrebbe comunque essere eliminato dando la possibilità al governatore di diventare senatore a vita....Ancora con queste proposte a dir poco oscene. I parlamentari devono ricevere la legittimità dagli elettori e non essere nominati. Si tratta di un'anomalia tutta italiana. Se proprio li si vuole nominare, che lo siano senza emolumenti e senza diritto di voto. Se poi penso a certi personaggi (Andreotti, Napolitano, Colombo, Monti, Ciampi ecc.) mi viene il voltastomaco.

Icaro44 13.09.16 23:27| 
 |
Rispondi al commento

Io metterei le mani avanti nell'immediato. Mi spiego. Sarebbe auspicabile che venisse messo nero su bianco che le riserve auree siano sottratte dalla custodia del soggetto privato bankitalia spa (siamo il 4° paese in termini di possesso di tonnellate d'oro).

Non sarebbe sbagliato neanche mettere su qualche navicella a vapore il 30% delle riserve custodite in USA (corrono voci da decenni che fort knox sia come il cervello di Vincenzo De Luca : VUOTO!!!).

In merito all'eterno dilemma EURO/SI EURO/NO non servono referendum o colpi di testa : il trattato CE di riferimento prevede una deroga (permanente nel caso di Regno Unito e Danimarca) all'utilizzo "esclusivo" dell'euro sui territori nazionali.

L'Italia non ha mai soddisfatto i criteri di convergenza basilari per l'uso esclusivo dell'euro in quanto non è garantita la solidità delle finanze pubbliche.

Basta quindi applicare il regolamento.

Il problema è che la deriva massonica che sta pilotando la politica italiana dal dopoguerra in poi vuole la la creazione degli Stati Uniti d'Europa e nessun governo legato a JPMorgan, Goldman Sachs, Trilateral Commission, Gruppo Aspen e Bilderberg farà un passo verso l'EXIT.

Antonio . Commentatore certificato 13.09.16 23:18| 
 |
Rispondi al commento

SERVE UN REFERENDUM PER USCIRE DALL'EURO PRIMA POSSIBILE RIPRENDIAMOCI LE CHIAVI DI CASA. LA CASA CIOÈ'(L'ITALIA ) LA TROVEREMO VUOTA MA CON IL NOSTRO LAVORO POSSIAMO FARCELA E' RIAVREMO IL NOSTRO BENESSERE E I NOSTRI DIRITTI

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 13.09.16 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Un (oscuro) alto funzionario al ministero del tesoro dello stato italiano nel 1981 si oppose strenuamente alla separazione della banca d'Italia dallo stesso ministero del tesoro e per questo fu costretto ad abbandonare il suo ruolo prestigioso. Sapete chi era quell'oscuro funzionario? E' quello stesso prof. Nino Galloni di cui è stato fatto il suo nome su diversi quotidiani nazionali come possibile assessore al bilancio al comune di Roma.Se fosse vero, cosa aspetta la Raggi a convocarlo?

ettore affatati 13.09.16 18:11| 
 |
Rispondi al commento

@Max e altri.
Proseguendo su argomento "il fine giustifica i mezzi?" , quanto meno per noi ora ?

Notare il punto interrogativo.

Data la mia eta' sono pieno di dubbi (miei) e cattivi pensieri (miei) ma e' meglio che essere giovani ed avere la totale certezza delle idee altrui .

E se fosse cosi':
-il Bomba vuole vincere il referendum ma perdere le elezioni
-chi vince le elezioni o si becca la troika (alla Tsipras) o esce dall'euro , in entrambi i casi dura 1 o 2 anni e poi viene buttato nel cesso
-Il Bomba ha aumentato il debito pubblico con un gioco d'azzardo (se vinceva era il salvatore dell'Itlalia).
-Se perde il referendum se ne va sul serio ed allora arriva la troika per forza in quanto con l'attuale normativa costituzionale per uscire dall'euro non vi sono tempi tecnici.
-In questo caso il M5S sara' additato responsabile dell'avvento della Troika.

Io penso cosi' perche' se fossi lui farei esattamente cosi'.

Pertanto l'interesse del M5S sarebbe:
-votare SI (ora) per avere la costituzione e la legge elettorale favorevoli
-perdere le elezioni del 2018
-Salvare la patria nel 2020 cacciando la Troika e rimanere al governo ben governando per almeno 30 anni.

Non perdete tempo ad insultarmi ne a illustrarmi la moralita' ed il senso della coerenza ma illustratemi perche' il mio "mal pensiero" sia sbagliato ai fini di governare il paese.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 13.09.16 18:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sembra proprio una proposta seria e molto importante. Mi auguro che si riesca farla passare anche per far finire gli enormi ed assurdi privilegi, a cominciare dagli stipendi incredibili ai benefit di ogni tipo, a favore di questa vera e propria casta.

albino c., GIARDINI NAXOS Commentatore certificato 13.09.16 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Sono entrato su rousseau ma non ho capito come/dove cercare la proposta per leggerla.

In generale:
-non si puo' cercare per proponente
-non si puo' cercare con testo libero
Se cerco nella Lex Iscritti vedo solo una mia (respinta giustamente perche' incompleta in quanto non si capisce come procedere).

Il software e' mal scritto , l'assenza (voluta?) di metodi di ricerca non e' scusabile .

In termini generali concordo con la proposta , ma mi piacerebbe leggerla .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 13.09.16 17:43| 
 |
Rispondi al commento

il calo dei prezzi e di liquidità circolante che conseguirebbe al nostro esercizio di virtù favorirebbe in primis chi ha accumulato risparmio, che vedrà sempre più aumentare il suo potere d'acquisto, e lo aiutiamo a comprarsi tutto il patrimonio pubblico e privato. (Forse proprio per questo piacciono all'alta finanza i virtuosi comuni a 5 stelle, riflettiamoci...). Oppure eroicamente ci mettiamo contro alle norme di austerity, al patto di stabilità, alle direttive di riorganizzazione (dismissione) delle partecipate e difendiamo alla Corte dei Conti la giustizia contro la legge. Ma il consenso di pancia di tanti disinformati (grazie anche ad una stampa cialtrona) si frantumerebbe di fronte al titolo "avviso di garanzia", è prova ad andare a spiegare la differenza...

Quindi. Quindi è ora di fare un altro salto di qualità. Smettiamo di candidarci nei Comuni. Scriviamo i nostri programmi per le amministrative e spieghiamo perché sono irrealizzabili. E concentriamo tutte le nostre energie sulle politiche e sulle europee, per riprendere sovranità, togliere il pareggio di bilancio, nazionalizzare le banche, dare un reddito di cittadinanza per riattivare la domanda interna, spostare la tassazione dall'economia reale a quella finanziaria, cambiare le nostre fonti energetiche, fare una buona legge anticorruzione.

Dopo potremo amministrare i Comuni come si deve. E presentare programmi finalmente realizzabili. Altrimenti mentiamo agli elettori senza nemmeno rendercene conto. Daniela Kitta Marenco

Daniela Marenco 13.09.16 17:29| 
 |
Rispondi al commento

L'esperienza fatta nei Comuni dove siamo stati incaricati di amministrare, compresa Roma, dovrebbe essere oggetto di una profonda riflessione e fornirci elementi per affrontare al meglio il futuro per il bene non del Movimento 5 Stelle ma di questo paese. Il m5s è nato "elettoralmente", in esito ad un profondo ragionamento e ad una discussione sofferta da parte dei fondatori e iscritti al blog, per amministrare SOLO i comuni. La scelta di presentarsi alle politiche e alle europee è stata frutto di un ulteriore passaggio dettato proprio dalla circostanza che il contesto era cambiato. Non siamo mai andati alla ricerca del voto o del consenso, bensì abbiamo preso le decisioni per coltivare l'unica possibilità di cambiamento radicale non violenta e per trasmettere un nuovo modello culturale (e di conseguenza economico). È nel DNA del m5s, dovremmo sempre ricordarlo a coloro che barattano un consenso cosciente e duraturo con un consenso elettorale di pancia e un fugace momento di gloria.

I tempi sono cambiati, e tanto, in quest'ultimo decennio. I comuni stanno diventando esattori di tasse e tariffe inique, sulle quali non hanno pressoché voce in capitolo (decisi altrove presupposti impositivi, base imponibile, esenzioni), svenditori di patrimonio pubblico e privatizzatori forzati, redistributori al contrario costretti a togliere risorse al territorio per darle alle banche in interessi passivi e perdite su derivati. Vogliamo davvero conquistare i comuni per mettere la nostra faccia, quella dei nostri sindaci, sull'esecuzione capitale del bene pubblico, ed esserne complici? Magari per eliminare qualche spreco, spendere meno per gli stessi servizi (con grande dannosa virtù) e poter resistere per qualche anno ancora a restituire un debito generato da una frode? Chi capisce un pochino di macroeconomia può capirmi se dico, oltre che il debito è una frode, anche che se il pubblico spende meno oggi crea recessione e che il calo dei prezzi e di liquidità circolante che [segue]

Daniela Marenco 13.09.16 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo! Letteralmente adoro questo aspetto del nostro MoVimento. Semplicemente godo ogni volta che sento parlare di democrazia diretta, che viene utilizzato o sviluppato... E bella legge :D

Nicola Catenacci (akirapunk), Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 13.09.16 17:12| 
 |
Rispondi al commento

come mai 428 commenti stampati su carta? non hai il PC dove leggerli?

ivano antonello 13.09.16 16:52| 
 |
Rispondi al commento

Non si capisce ome accedere a Rousseau. Sono iscritto ma non posso né votare né accedere a Rousseau. Boh!!

Luigi Laezza 13.09.16 16:05| 
 |
Rispondi al commento

si va bene allarghiamo la democrazia, ma in questi frangenti non ha effetti, siamo governati da organizzazioni eversive, da anni abbiamo premier imposti da altri, l'ultimo eletto con una legge incostituzionale, che ha deciso insieme ad un plurindagato dalla magistratura di stravolgere 50 articoli della Costituzione, diversi governi hanno ceduto sovranità nazionale quindi popolare senza passare per le votazioni referendarie come sancito dalla Carta Costituzionale, alcuni referendum abrogativi (acqua, finanz. partiti ecc...) disattesi dai governi di csx e cdx, questa legislatura è composta da gruppi misti formati da 250 deputati usciti da tutti gli schieramenti politici regolarmente eletti.
Questa non è democrazia non è un Paese civile è un associazione a delinquere di stampo partitocratico.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 13.09.16 15:52| 
 |
Rispondi al commento

AMPLIATE QUANTO PIU' L'INFORMAZIONE !!!
SOLO CON L'INFORMAZIONE SI ACQUISTANO CONSENSI !!!
SOLO CON IL CONSENSO SI RIDUCONO I TEMPI DEL CAMBIAMENTO !!!
AUGURI, IL FUTURO E' VOSTRO, DEI PIU' GIOVANI !!!

Franco Della Rosa 13.09.16 15:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori