Il Blog delle Stelle
Scuole senza presidi

Scuole senza presidi

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 10

di Silvia Chimienti

In molti istituti scolastici italiani, senza dirigenti scolastici, gli Uffici Scolastici Regionali nominano un "reggente" che deve far capo a più scuole. In alcuni casi fino a 18 plessi scolastici situati in comuni differenti. Quest’anno le scuole senza un preside sono circa 1.500, questo perché ogni anno il Miur e il Mef bloccano i concorsi per dirigente scolastico. Fino ad ieri moltissime scuole fino non conoscevano il nome del loro preside e, in alcuni casi, sono state "recuperate" persone che avevano perso l’ultimo concorso.
In un momento in cui per i Dirigenti Scolastici aumentano responsabilità, ritmi e carichi di lavoro, in conseguenza delle troppe reggenze su tutto il territorio nazionale, il Governo testimonia la scarsa attenzione verso la categoria ritardando ulteriormente la pubblicazione del bando di concorso, prevista per fine dicembre 2014. Abbiamo chiesto al Miur, mediante un’interrogazione parlamentare a mia prima firma, che venga studiato il reale fabbisogno di dirigenti scolastici su tutto il territorio nazionale e, che venga pubblicato immediatamente il tanto atteso bando di concorso. Qui potete leggere la mia interrogazione e la risposta del Governo.

banneri5s2016.jpg

suiinsta.jpg

7 Set 2016, 10:38 | Scrivi | Commenti (10) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 10


Tags: M5S, presidi, scuola, Silvia Chimienti

Commenti

 

ITALIA: SCUOLE SENZA SCUOLE.

giovanni f. Commentatore certificato 11.09.16 10:45| 
 |
Rispondi al commento

.... siamo una famiglia di cinque persone tutte votanti il Movimento...legate a vario titolo alla riforma delle "cattiva scuola" legge 107, abbiamo notato un ingiustificato e contraddittorio ammorbidimento delle posizioni del Movimento verso questa iniqua e barbarica legge che ha cancellato i sacrosanti e costituzionali diritti di ottimi se non eccellenti docenti condannandoli al nulla.
Ricordo che in più e più occasioni elettorali e o propagandistiche avete accolto sul palco i testimonianti precari storici e non ....ora pare che addirittura abbiate appoggiato e o sposato la logica di un concorso attuato senza dare minimamente risposte ai precari Tfa, pas ecc....dobbiamo continuare a credere in Voi ?

Diego Pasolini 08.09.16 23:41| 
 |
Rispondi al commento

il movimento deve fare quadrato e in atto un attacco della politica corrotta e non solo sara dura molto dura quindi bisogna rimboccarsi le maniche forza e coraggio 5 stelle forever

rancof loconte, riccione rn Commentatore certificato 08.09.16 09:20| 
 |
Rispondi al commento

Con la 107, i presidi, nuovi, quelli da poco creati quali dirigenti, paiono fatti con lo stampino: alcuni ambiziosi, molti despoti rarissimi con intenti pedagogici. L elezione del preside tra i lavoratori , credo possa essere la soluzione migliore....

Marco manetti 08.09.16 02:17| 
 |
Rispondi al commento

Lo sfascio della scuola in Italia è iniziato con la scomparsa della meritocrazia intorno ai primi anni 70. Molti dei futuri dirigenti italiani, prima col 30 politico e poi con la tessera dei pidioti, hanno usurpato la cattedra a coloro che la dovevano avere per merito. Che amarezza!

adriano rossi 07.09.16 16:59| 
 |
Rispondi al commento

Funziona bene la 'buona scuola ". Presidi che mancano, insegnanti in rivolta, solita abbondanza di supplenti, edifici scolastici insicuri e a volte pericolanti. Chissà com'è la cattiva scuola.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.09.16 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Si sbaglia a parlare ancora di preside in quanto la figura di coordinatore della didattica è stata sostitiita dal Dirigente, cui con la 107 sono stati assegnati poteri quasi assoluti dentro la scuola. L'articolo conferma che la scuola italiana si regge grazie ai docenti che la fanno vivere e funzionare anche senza i dirigenti.Se avessero creato la figura del preside eletto dai docenti anche questo problema non sarebbe esistito.

Giampiero nurra 07.09.16 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Forse il numero attualr di presidi e' quello giusto.
Oltretutto i concorsi per presidi sono stati pasticciati con un numero esorbitante di presidi in alcune regioni che poi sono stati paracadutati ovunque rafforzando l'idea che le scuole funzionano allo stesso modo. Cosa puo fare un preside che resta un anno ?
L'istituto di mio figlio credo ne abbia cambiato tre o quattro e per fortuna un paio o erano ex-insegnanti della stessa scuola o conoscevano la realta' scolastica. E' andata bene.

Giuseppe Riccardi 07.09.16 14:51| 
 |
Rispondi al commento

Poco male continuiamo così e avremo anche un'Italia senza movimento 5 stelle

Rodolfo L., Santo Stefano di Magra Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 07.09.16 13:37| 
 |
Rispondi al commento

Senza presidi, senza un numero adeguato di insegnati, senza materiale scolastico, senza edifici a norma ecc ecc, la scuola in Italia e' fallita e i nostri figli ne subiscono le conseguenze, grazie politici..

#M 5 S, Italia Commentatore certificato 07.09.16 11:20| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori