Il Blog delle Stelle
Bombe italiane sullo Yemen. E la Pinotti che fa?

Bombe italiane sullo Yemen. E la Pinotti che fa?

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 18

di Commissione Difesa M5S Camera

Una MK82 è una bomba. Quando sull'involucro si legge "inert" significa che è "inerte", vale a dire che non esplode. Dunque l'involucro resta intatto e rivela chiaramente codici e numeri che, in questo caso, parlano italiano.

In una MK82 ritrovata in Yemen, l'identificativo "Ncage Code" (Nato, Commercial And Government Entity ) ci dice tre cose:

-chi ha prodotto l'involucro dell'ordigno: la IMZ spa di Vicenza;
-che la bomba è passata per la Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici, quindi per il nostro ministero della Difesa;
-che poi il ministero della Difesa italiano deve averla inviata a una terza società, con base in Germania, la Rwm, che a sua volta avrebbe come ultimo passaggio venduto l'ordino all'Arabia Saudita.

In sostanza, questa bomba prima di essere sganciata da Riad sullo Yemen (seppure come involucro vuoto) era del nostro ministero della Difesa. Se la notizia fosse confermata sarebbe gravissimo, perché evidenzierebbe una chiara violazione da parte del governo della legge 185 del 1990, che vieta la vendita di armi a Paesi in guerra.

Su questo il ministro Pinotti deve dare immediate risposte!

1. Com'è infatti possibile che bombe con codice del nostro ministero della Difesa-Direzione generale degli armamenti siano finite sulla testa della popolazione yemenita?
2. E perché il ministero dell Difesa italiano ha ceduto l'ordigno a una società tedesca, che ora tra l'altro ha aperto una filiale anche a Brescia...?
3. Lo ha fatto forse per aggirare il divieto della legge 185 del 1990?

La Pinotti non creda di poter fare l'indiano anche in questa circostanza. Non può e non poteva non sapere.

Ci spieghi inoltre perché, nella sua recente visita in Arabia Saudita, ha pensato di farsi accompagnare dal segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli armamenti Carlo Magrassi, cosa del tutto inusuale e che fa pensare a nuove commesse di armi italiane ad un paese in guerra.

Negli ultimi anni l'export di armi da guerra italiane è triplicato, con un giro d'affari passato dai 2,9 miliardi di euro del 2014 agli 8,2 miliardi nel 2015. In particolare a giovarne è stata propria l'Arabia Saudita, accusata - tra le altre cose - di finanziare indirettamente organizzazioni terroristiche. Il valore dell'export di armi 'made in Italy' verso Riad autorizzato nel 2015 è salito a 257 milioni dai 163 milioni del 2014.

votanonstatuto.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

12 Ott 2016, 15:29 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 18


Tags: arabia saudita, bombe, pinotti, yemen

Commenti

 

premesso che in generale sono contrario al commercio delle armi, nel caso specifico non mi sembra ci sia stata vendita "diretta" delle armi all'Arabia Saudita, che le ha acquisite tramite una ditta tedesca! Quando si parla di "triangolazione" mi sembra si faccia direttamente tra il l'azienda produttrice e un paese terzo compiacente e non è questo il caso. Bisognerebbe domandarsi invece perchè il nostro Ministero della Difesa si è "sbarazzato" delle bombe cedendole ad una ditta tedesca. Sono state rivendute perché scadute obsolete un surplus o cos'altro?

ferdinando santoro 16.10.16 00:19| 
 |
Rispondi al commento

Non è per essere cinici ma se l'Arabia ha bisogno di bombe credo che abbia solo l'imbarazzo della scelta, se anche l'Italia non le vendesse pensate che rinuncerebbe ? Poi uno è libero di pensare che intanto lui ha la coscienza pulita peccato che poi non è lui a perdere il posto di lavoro, mi sembra troppo facile, facciamo che sia libero di pensarla come vuole ma che ne paghi anche le conseguenze e non siano altri a rimetterci o no ?

carlo santorsola 14.10.16 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Con le bombe la pace non si costruisce....purtroppo c'è sempre di mezzo qualcuno che vuole lucrare con le armi, come è sempre stato. Anche se se ne parla in questi giorni pare che si continui a fare orecchio da mercante.

VERA G., ROMA Commentatore certificato 13.10.16 17:10| 
 |
Rispondi al commento

Il valore dell'export di armi 'made in Italy' verso Riad autorizzato nel 2015 è salito a 257 milioni dai 163 milioni del 2014.E' chiaro perché non si può nominare l'Arabia Saudita che è direttamente coinvolta sia nella guerra in Yemen (in direttamente con Iran) in una guerra silenziosa che non interessa a nessuno, che nella organizzazione e finanziamento dell'ISIS in Iraq e Siria è tutto qui; questione di denaro e petrolio.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 13.10.16 11:50| 
 |
Rispondi al commento

_________

Anche Obama fornisce bombe al Sud Arabia per bombardare le scuole in Yemen.


The US is promoting war crimes in Yemen
the state department spokesman refused to say whether the US would stop supplying the Saudis with the weapons they are using
https://www.theguardian.com/commentisfree/2016/aug/18/us-promoting-war-crimes-yemen-saudi-bombing-obama


“Atrocious attack”: U.S.-backed Saudi coalition bombs 4th MSF hospital in Yemen, killing 11 people
http://www.salon.com/2016/08/15/atrocious-attack-u-s-backed-saudi-coalition-bombs-4th-msf-hospital-in-yemen/

Ban Ki-moon, the United Nations secretary general, condemned the attack in a statement, emphasizing that antagonists in the Yemen conflict had damaged or destroyed more than 70 health facilities since the hostilities began 17 months ago.
http://www.nytimes.com/2016/08/16/world/middleeast/yemen-doctors-without-borders-hospital-bombing.html?_r=0

Yemen: US Bombs Used in Deadliest Market Strike
Saudi Arabia-led coalition airstrikes using United States-supplied bombs killed at least 97 civilians, including 25 children, in northwestern Yemen on March 15, 2016, Human Rights Watch said today.
Human Rights Watch interviewed 23 witnesses to the airstrikes, as well as medical workers at two area hospitals that received the wounded.
https://www.hrw.org/news/2016/04/07/yemen-us-bombs-used-deadliest-market-strike

John Buatti 13.10.16 02:42| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo.

Nicola Catenacci (akirapunk), Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 13.10.16 00:10| 
 |
Rispondi al commento

ripeto, non he importante chi vota , he importante chi conta i voti, meditate gente, meditate,

roberto davoli 12.10.16 20:06| 
 |
Rispondi al commento

Bombe italiane sullo Yemen:

SIA CHIARO CHE è tutta colpa dei disperati clandestini in ytaglya che non pagano il biglietto del bus.


I cattocollaborazionisti?
Huahuahuahaaa!!!
Non muoveranno un dito,al solito,anche loro sono inutili fantocci

rosario 12.10.16 16:42| 
 |
Rispondi al commento

Queste Cose le sappiamo, le dicono anche in parlamento e su alcune radio ma noi siamo maestri del dire pessimi nel fare.
Oggi la Pinotti ha parlato proprio di questo nel parlatoio italiano . Poi probabilmente partecipa alla marcia per la Pace

Amalia Francesca riso 12.10.16 16:34| 
 |
Rispondi al commento

RVM ha una fabbrica in Sardegna e più precisamente a Domusnovas un paese del povero Sulcis.

La RVM ha comprato una fabbrica di esplosivi per cava e l'ha trasformata in una moderna fabbrica di ordigni ad altissima tecnologia. I lavoratori sono frustrati perché assistono a continue manifestazioni dei pacifisti che ricordano loro che stanno producendo ordigni per sterminare i bambini dello YEMEN. I lavoratori sono provati in quanto pur capendo quello che producono sanno di non aver altra alternativa di lavoro. Quindi molto ben pagati e ridotti al silenzio, ingoiano il rospo e vanno avanti. Quello che accade a Domusnovas fa il paio con ciò che accade all'ILVA di Taranto con la differenza che all'ILVA si baratta il lavoro con la salute, a Domusnovas si baratta il lavoro con la salute "MENTALE". Ci sono casi di depressione per le madri che hanno figli e che lavorano alla RVM.

Elia Porto 12.10.16 16:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma non si può controllare a chi vende l'IMZ di Vicenza?
Questa roba non è commerciabile su mercati qualsiasi, quindi chi sono i suoli clienti?
E poi chiamate la Pinotti a spiegare, non potrà andargli sempre bene a questa.

Rosa 12.10.16 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Che fa la Pinotti? Solo il suo lavoro cioè' autorizza la vendita di armi a chiunque le voglia comprare e se ne va in giro per il mondo per concludere affari in materia di armamenti. Se l'Arabia Saudita compra armi dagli USA perché' non dovrebbe comprarle da noi. Si fotta pure la normativa italiana e internazionale, la guerra è' guerra e, come diceva Alberto Sordi: finché c'è guerra c'è speranza. Ma quella di Sordi era una amara parodia della guerra, quella della Pinotti invece è' guerra vera con tanti morti e tante distruzioni. Papa Francesco che si impiccia di tutto, oltre alla solita preghiera per le vittime, non potrebbe almeno scomunicare la Pinotti è il suo Capo?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.10.16 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
E' una vergogna, gli intrighi superano ogni immaginazione, il Popolo è indignato solamente per le botte ricevute, queste cose non le sa e noi, mi dispiace dirlo non ci stiamo adoperando alla divulgazione se non con il Blog. Queste informazioni devono arrivare a chiunque ha occhi per vedere e leggere e orecchie per sentire, cioè a tutti. E come se non con la TV?, unica riconosciuta in assoluto fino ai novantenni. Uno spazio settimanale o più non per dibattere ma per divulgare NOTIZIE di fatti avvenuti e VELATI dalla cortina politica. Per queste notizie RAI e MEDIASET chiedono il permesso per parlarne...

sebastiano b., catania Commentatore certificato 12.10.16 16:04| 
 |
Rispondi al commento

https://youtu.be/QNAPeEDujwE in inglese
la pinocchi lavora per chi mantiene un'alleanza con chi accusa la Russia di crimini di guerra e intanto incasina il mondo servendosi di agenzie di pubbliche relazioni come la smascherata hill e knowltonhttps
://syrianfreepress.files.wordpress.com/2016/10/usa-presidents-warmongers.jpghttps
://syrianfreepress.files.wordpress.com/2016/10/obama-blame-putin-529.jpg

Paolo Ghiazza 12.10.16 16:01| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori