Il Blog delle Stelle
Il filo che collega Gelli a Renzi - di Aldo Giannuli

Il filo che collega Gelli a Renzi - di Aldo Giannuli

Author di Aldo Giannuli
Dona
  • 117

di Aldo Giannuli - scopri il suo nuovo libro: Da Gelli a Renzi (passando per Berlusconi).

43 anni fa il maestro venerabile della loggia P2 Licio Gelli ordinò che si scrivesse uno studio di riforma della Costituzione e delle istituzioni. Era lo schema R, che dopo verrà trasformato nel Piano di Rinascita Democratica. Per la verità lo schema R, molto meno conosciuto del piano di Rinascita Democratica, era molto più radicale e più esplicito e presenta singolari analogie con il piano di riforma costituzionale voluto da Renzi. Non sto dicendo che c'è una prosecuzione della P2 di cui Renzi farebbe parte, non è questo, io sto dicendo soltanto una cosa con questo libro: che c'è una cultura politica che ha messo radici in questo Paese, che avuto in Licio Gelli il suo promotore, e che poi ha continuato a farsi strada un po' per volta conquistando anche settori di sinistra fino a imporsi. Prima con la riforma elettorale del 1993 che ha travolto il sistema proporzionale e con esso i partiti organizzati sul territorio, e dopo ha creato man mano nuovi partiti sotto forma di club riuniti intorno a una corte personale, come quella di Arcore o adesso quella del Giglio magico di Renzi.

Per Renzi, come per Gelli, si vota non tanto per eleggere un Parlamento quanto per eleggere il governo, che è quasi un dittatore temporaneo che opera senza limiti. Forse Renzi, che è uomo più di azione che di pensiero, più d'istinto che di studio, non è consapevole di questa somiglianza fra il suo progetto è quello della P2. Restano però le incredibili similitudini e restano soprattutto tre elementi di forte analogia fra quello che è stato la P2 è l'attuale fenomeno del Giglio magico: in primo luogo una cultura politica con molti elementi di contatto; in secondo luogo la comune origine sociale e geografica dei due movimenti che si presentano come fenomeni toscani legati al giro delle piccole banche in conflitto col grande capitale (vorrei ricordare che la banca dell'Etruria nacque su impulso proprio di Licio Gelli nel 1971); e in terzo luogo, un giro di amicizie anche non italiane, fra cui si annoverano molti amici israeliani, la destra repubblicana americana e in particolare Michael Ledeen, personalmente vicino alla P2 e oggi molto amico di uomini della giro stretto renziano.

E sulla base di queste similitudini, io credo che si possa dire che c'è un filo che forse inconsapevolmente porta da Gelli a Renzi passando per Berlusconi. Quello che è comune al progetto di Gelli e al progetto di Renzi è una cultura politica di base che vede come centrale il governo, a scapito del Parlamento e del potere giudiziario. si immagina un governo che sia l'unico elemento decisore, con un Parlamento -e quindi di riflesso con una minoranza una opposizione ridotta ai margini- e con un potere giudiziario sempre più condizionato. Un potere privo di controlli o comunque con controlli assai ridotti, e a loro volta condizionabili.

Si dice che la riforma di Renzi sia una riforma di tipo presidenziale: è vero solo fino a un certo punto. Perché gli Stati Uniti hanno un ordinamento presidenziale che sicuramente privilegia l'esecutivo rispetto al Parlamento, ma che ha molti contrappesi, ha molti meccanismi di limitazione del potere, che invece nella riforma renziana scoloriscono sempre di più. In secondo luogo, vorrei ricordare una cosa: io non credo che questa riforma sia il punto di arrivo, io credo che questa riforma sia semplicemente la premessa per la nuova riforma. L'azzeramento sostanziale del Senato, insieme ad altre norme, rende di fatto molto più facilmente aggirabile l'articolo 138 che è quello sulla revisione costituzionale, e nello stesso tempo serve a riscuotere attraverso il referendum un via libera per un'ulteriore revisione della Costituzione.

Quello che sarà in pericolo, se dovesse vincere il sì, è tutta la prima parte della Costituzione della quale la banca americana JP Morgan ha chiesto esplicitamente il superamento, perché concede troppi diritti e troppe libertà ai governati. Per una volta la propaganda del sì non dice completamente una bugia quando dice "la riforma attendeva da 40 anni”, effettivamente attendeva da 40 anni. Ma chi la attendeva?
Ad attendere quella riforma da 40 anni c'era la P2 e suo piano di rinascita democratica, che risale appunto a 40 anni fa. Non certamente l'opinione pubblica o i lavoratori di questo paese.

votanonstatuto.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

23 Ott 2016, 09:30 | Scrivi | Commenti (117) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 117


Tags: aldo giannuli, berlusconi, gelli, p2, renzi, riforma

Commenti

 

Buongiorno professore,con riferimento al mio commento del 23.10.2016 qui sotto,aggiungo che l'art.138 Costituzione è gerarchicamente in subordine all'art.75 da cui trae evidentemente relazione di dipendenza,penso pertanto che approvare modifiche costituzionali (come quelle del titoloV del 2001) mediante referendum a minoranza (addirittura partecipativa) sia un assurdo giuridico.
Con saluti e cordialità,enzo bargellini da Santarcangelo di Romagna.

enzo bargellini 31.10.16 10:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

su questo sito mia moglie è stata fregare per due prestatore, allora se vi piace se voi farsi della pubblicità, vi consiglio di parlare di signora JOSIANA GOMEZ. È la sola verità prestatrice, poiché ha fanno un prestito di 50.000 euro ha mia moglie.


Il mio anche fa un prestito di 150.000 euro la settimana passare, allora se avete bisogno di prestito, voi potete contattarla su questa mail: gordonpascal04@gmail.com

rolando garcia, molise Commentatore certificato 26.10.16 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

Quindi ho ricevuto un prestito di 90.000 euro ne signora JOSIANA GOMEZ oggi, confermo che è realmente una signora seria ed onesta. Potete dunque contattarla su questa mail per la vostra domanda di prestito: gordonpascal04@gmail.com

julliene guiz, molise Commentatore certificato 26.10.16 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Post, purtroppo il "popolino", tipo le signore che vanno al parrucchiere dove va mia madre che voteranno SI', è stato abbindolato con slogan che parlano di "tagli alla politica".
Si offre su un piatto d'argento una voce di taglio a cui la gente è sensibile e non fa distinzioni. Certo che è l'inizio della fine della Repubblica, così come la conosciamo dal dopoguerra ad oggi, ma alla gente non interessa che il Senato non sia più elettivo. Purtroppo.
Intanto Gelli campa mentre il nostro Dario non c'è più.

Pier 25.10.16 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Più spieghi agli italioti le ragioni del "NO" su basi razionali, più ti scontri contro il muro dell'ottusità e della malafede.
Lo stesso muro che ci ridotti in queste condizioni: nel 2016, invece di rimboccarci le maniche e risolvere i gravissimi problemi dell'Italia, siamo costretti a fare quadrato per difendere la Costituzione uscita dalla Resistenza!! E sappiamo che la schiforma è passata a suon di fiducia e canguri in questa legislatura eletta con il "porcellum", dichierato illeggittimo dalla Corte Costituzionale! Con i media_servi a decantare le gesta dell'ebetino, invece di tuonare (o almeno informare) contro un tale scempio.
Io dico invece : NORIMBERGA!!!

PS.: i Padri Costituenti del 1946 si ispirarono alla Costituzione della Repubblica Romana (Garibaldi, Mazzini ... vi dicono niente questi nomi?), considerata da molti come modello di Costituzione moderna. Chi è di Roma la può trovare scritta integralmente sulla pietra sul Belvedere del Gianicolo (tra il monumento a garibaldi e il Faro)

Carlo S., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 24.10.16 16:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perchè non proponiamo subito una nostra riforma costituzionale alternativa per esempio che costitunalizzi il vincolo di mandato dei parlamentari con i propri elettori e abroghi l'assenza di vincolo di mandato oggi esistente
Paolo Grassi

Paolo Grassi 24.10.16 15:47| 
 |
Rispondi al commento

Verdini in Toscana non ne ha fatta passare una senza la sua benedizione e questo avveniva quando Berlusconi era il suo boss. Verdini è il losco che prepara la vittoria di Ceccuzzi a sindaco di Siena nella primavera del 2011 perché non si scopra prima il saccheggio del MPS. Non solo quindi la Banca dell'Etruria voluta da Gelli ma il Monte controllato sin dai tempi di Piccini primo sponsor del Mussari, a sua volta legato a Raffi e soprattutto a Bisi. Quest'ultimo amico del Rossi erogatore di budget milionari usciti dalle casse del MPS quando era già esausto. Gentaccia come andando avanti la vicenda "pinelliana" di Rossi mostrerà.
Oreste Grani
https://leorugens.wordpress.com/

Oreste Grani 24.10.16 15:38| 
 |
Rispondi al commento

i rothschield dicevano"a noi non interessa chi governa,noi vogliamo il controllo del denaro"con il federel reserve act hanno ottenuto molto,ora sembra che dicano"a noi non interessa chi governa,noi vogliamo il controllo della mentalità"con il divorzio l'aborto i lgtb,l'eutanasia,il sincretismo religioso,realizzeranno la rivoluzione luciferiana,obbiettivo della giudaico massoneria

Paolo Ghiazza 24.10.16 11:45| 
 |
Rispondi al commento

la rivoluzione francese, il risorgimento,la rivoluzione bolscevica il nazismo,ilfascismo,la ue i diritti al divorzio all'aborto ai lgtb all'eutanasia,all'eguaglianza religiosa,è tutto intriso di massoneria con la regia del sinedrio rothschield,per realizzare la rivoluzione luciferiana,fermo restando che siamo tutte creature di un Creatore dovremmo cercare un'evoluzione intellettuale e condividere il dovere di impegnarci e ottenere quello che l'umanita merita,a detto bene ieri il Papa,l'unica alternativa al caos è la difesa dei valori non negoziabili che la Chiesa difende.

Paolo Ghiazza 24.10.16 11:37| 
 |
Rispondi al commento

il filo è sempre il solito MASSONERIA

però ci sono 2 fazioni anche dentro la massoneria e non potrebbe essere altrimenti perché siamo in un mondo DUALE.

è duale l nuova guerra fredda tra russia e stati disuntiti.... fu duale tra guelfi e ghibellini .... è duale pure la dimensione spirituale tra demoni e angeli col padreterno e l'angelo decaduto....

duale significa che ci sono 2 massonerie una che fece l'italia, altrimenti non si spiegherebbe come mai un certo tizio dal nome Garibaldi fu ospitato in america da un certo Meucci non si sa perché ne per come....

è duale il sistema maschile-femmimile

è duale il giorno e la notte

è pericoloso guardare con gli occhi del sole e poi non accorgersi che sistono anche le stelle.... così come è pericoloso guardare con gli occhi della lun e intravvedere un ombra che sembra un ladro e poi ci si accorge di aver sparato alla moglie......


vedere con gli occhi del dualismo non è facile ... io ci provo ma sono spesso buchi nell'acqua.... quando imparerò?

quando sarò un vero mago ( forse mai ) al di sopra della massoneria che non me me può fregar di nulla ne di loro ne del potere che loro gestiscono così malamente da un po'!


a proposito di massoneria... pare che dentro la massoneria ci sia una paramassoneria segreta dentro il segreto.... una cosa sovranazionale ( le massoneria sono locali ) come un cancro che supera le 2 fazioni.....

quella è la massoneria stanica .... quella che usa la mno sinistra (finti buoni) per fare peggio della destra .....

ma la novità che dicono gli spiritelli nella seduta spiritica è che ..... questa volta se ci sarà una 3 guerra mondiale.... andranno a prendere ad 1 ad 1 i capi di questa massoneria e li stermineranno tutti fino alla 7 generazione.... non la faranno liscia come per la 2 guerra mondiale... purtroppo perirà 1 terzo dellla popolazione mondiale.

luna e sole 24.10.16 02:31| 
 |
Rispondi al commento

matteo + matteo = i due coglioni del berlusca
eh eh ...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/06/vera-storia-renzi-berlusconi-zio-in-affari-fininvest/1195695/


Nicola Bovoli, fratello della madre di Matteo, aveva un contratto da 7 miliardi di lire col Biscione: aveva inventato "Quizzy", il telecomando-gioco. Da qui nasce la celebre partecipazione dell'attuale premier alla trasmissione di Mike Bongiorno. La strategia-Carrai e gli altri sponsor e uomini-macchina del leader di Pontassieve nel libro "L'Intoccabile" di Davide Vecchi (Chiarelettere)


L’evento clou è la Leopolda (…). Intanto però i giornali hanno cominciato a occuparsi di Marco Carrai, dei suoi rapporti con Renzi, delle nomine ricevute dal Comune e della sua presenza nelle partecipate e nella fondazione Big bang che finanzia l’attività politica dell’amico Matteo. “Ci fu una persona che voleva mandare soldi da Israele, ma dissi di lasciar stare, chissà poi che cosa saltava fuori”. (…)

Nell’ottobre del 2012 Renzi partecipa a una cena a porte chiuse alla fondazione Metropolitan di Milano per incontrare alcuni uomini d’affari, esponenti dell’alta finanza e imprenditori. Si diffonde la notizia che a organizzarla sia stato Davide Serra. “La cena di Milano l’avevo organizzata io. Davide è un amico, ma sbagliai, perché non pensai che sarebbe stato accostato alla finanza in maniera negativa, come poi è avvenuto”. I fondi all’ascesa renziana arrivano anche in forma diretta da “imprenditori come Guido Ghisolfi del gruppo M&G o Vito Pertosa” spiega Carrai. “Gli si dice: ‘C’è un ragazzo in gamba, va sostenuto, ti va?’. E via. Funziona così. Semplice. Persone fuori dal giro che non vogliono apparire. In Italia c’è tanta bella gente”.

Lenin Nicolaj (che fare), Roma Commentatore certificato 23.10.16 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Da alcune ore non riesco ad immettere un mio commento al post di Aldo Gianulli. Mi arriva la conferma ma non compare il messaggio. Potete verificare l'eventuale motivo? Oreste Grani

Oreste Grani 23.10.16 19:45| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo quasi nessuno ha il coraggio di dire che questa "trufforma costituzionale" è in realtà un nuovo tipo di colpo di Stato: il Colpo di Stato a Rate.
Quando si pensa al colpo di stato si pensa di solito al colpo di stato classico, quello magnificamente descritto da Curzio Malaparte nel suo mitico libro "tecnica del colpo di stato".
Che può essere sintetizzato nel principio: "la mazzata deve essere una e deve essere quella buona", ovvero i carri armati in mezzo alle strade, gli oppositori arrestati, gli uffici pubblici occupati, il coprifuoco e se tutto questo non basta, allora via libera agli "squadroni della morte" ecc. ecc.
Nel moderno colpo di stato a rate invece si riforma legge elettorale e costituzione in modo di garantire al governo un parlamento servile di "nominati", poi si sottoscrivono una serie di trattati internazionali vincolanti (TTIP, CETA, contratti di acquisto di costosi armamenti all'estero ecc., cessioni di sovranità nazionale in cambio di niente, ecc. ecc.)
Se a questo punto il popolo si sveglia dal suo torpore e manda a casa alle successive elezioni la massa di traditori che lo hanno messo di fronte ai fatti compiuti, il successivo governo poco o niente potrà fare per ribaltare la situazione, in quanto le controparti internazionali (politiche od economiche) faranno valere, con le buone o con le cattive, il principio fondamentale del diritto internazionale "PACTA SUNT SERVANDA".
La trappola sta in sintesi nella micidiale combinazione di diritto costituzionale modificato e di diritto internazionale.
Se così non fosse, allora stabiliamo il principio che anche i trattati internazionali debbano essere sottoposti, prima che sia troppo tardi, a Referendum Popolare.
Invece non è un caso che a livello internazionale le pressioni a favore di questa "trufforma" sono fortissime.

Torquato Apreda 23.10.16 19:09| 
 |
Rispondi al commento

ma perche non levate la pubblicita dei truffatori e strozzini dai siti del movimento sono tutte balle quello che scrivono rovinano le persone e tutta gente senza scrupoli non hanno niente a che fare con noi sembra che noi gli facciamo reclam

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 23.10.16 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La storia ci insegna che le dittature non nascono da un giorno all'altro ma attraverso un processo che all'inizio può anche sembrare democratico ma che poi gradualmente si converte in autoritario. È' un po' come la garrota spagnola. Per non andare troppo lontano , pensiamo a Napoleone, a Stalin, a Mussolini, a Hitler.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 23.10.16 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la logica sottesa al ragionamento è parecchio filante. io sono vecchio, ma i giovani dovrebbero essere terrorizzati da simili ragionamenti, difficilmente smentibili. evitiamo che diventino realtà dando loro il massimo della pubblicità.

ROMANO bonazzi 23.10.16 15:50| 
 |
Rispondi al commento


Ciao

Confermo che signora JOSINA GOMEZ è una persona ideale a che si può avere fiducia. Dopo ha numerato prova che riguarda questa signora JOSIANA GOMEZ su questo sito, io lo hanno contattato da 4 giorni passare ed oggi vengo ad avere la conferma di 60.000 euro sul mio conto bancario. Se avete realmente bisogno di prestito, potete contattarla su questa mail: gordonpascal04@gmail.com

garcia rose, toscana Commentatore certificato 23.10.16 15:44| 
 |
Rispondi al commento

http://www.3nz.it/8570/video-moby-smrtphone/?ref=fbpd

mario 23.10.16 15:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PD & PDue che sciagure sono per il ns Paese, quanto hanno in odio entrambi il popolo e la costituzione così come è.
Attenzione che questi due non barino al Referendum sui voti all'estero come accaduto in Austria e come probabile fra poco faranno in USA. Nonostante gestiscano la quasi totalità dei media in primis tutta la RAI e Canale 5 , i numeri non li hanno ancora per vincere, e truffare ed ingannare i cittadini oramai è normale prassi per loro. Controllo ferreo sui voti all'estero ragazzi dell'M5S ed anche nei seggi alle schede NO annullate.

Fasog Gi 23.10.16 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Mi dispiace tanto!
Il NO lascia la situazione che è .....e sappiamo che non funziona!
Il Si significa piu snello, meno burocrazia....e è simile al sistema tedesco - solamente per l`argomenti di alcuni, che perdiamo la democrazia!

Capisco Beppe per fare opposizione, ma si deve fare passi avanti.... e questo é uno nella direzione giusta!

Se abbiamo leader ....sono sicuro, che ognuno ha il diritto di sbagliare anche Raggi sbaglia, ma impara e si diventa piu professionale..mantenendo la linea e la etica!
Lasciate il SI per il buono del paese e fai opporunità dove non si daneggia al Italia e agli italiani.
( con simpatia per innovazione, critica e per Italia)
Joerg Kowollik


era già stato detto tutto

https://www.youtube.com/watch?v=JGcbKCcVES8

claudio g. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 23.10.16 14:38| 
 |
Rispondi al commento

mia idea su voto referendario.
Un 20 % di coloro che voteranno si lo faranno per interesse personale e/di partito etc.
Il restante 80% di chi voterà si lo farà solo perchè, essendo DISINFORMATO ed ignorante (perchè appunto non informato) in merito, si sarà lasciato condizionare dai mezzi di disinformazione di massa.

mario 23.10.16 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Ieri sera a cena, con amici, argomentando, ho ribattuto punto per punto, a molte argomentazioni che un'amico commensale adduceva per il voto del si.
Alla fine ha ammesso che molte cose non le sapeva, ed ora, è molto dubbioso sul voto.
E' l'esempio lampante, che tutti dobbiamo essere un minimo preparati nelle discussioni, anche perchè ho notato che quelli a favore del si, che non siano politici, sono completamente disinformati.
Diamoci tutti da fare, e non ci saranno TV che tengano, per far capire la verità.

adriano 23.10.16 14:14| 
 |
Rispondi al commento

.... spero solo che i miei commenti arrivino al blog di Grillo. Non vorrei che arrivassero altrove... o che qualcuno intercettasse le nostre email inviate al blog. Volevo anche segnalare che molti twitter ed email del M5S ai cittadini vengono gestite dai gestori di posta elettronica come spam. !!!

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.16 14:07| 
 |
Rispondi al commento

Paola fissava a bocca aperta il volto mesto di suo padre . - Come licenziato , proprio te che eri il tecnico migliore , che dovevi essere promosso a capo del tuo reparto ? - Sergio , a testa bassa , era sul punto di piangere , sapeva che la sua adorata bambina non avrebbe potuto sposarsi più , il mutuo su cui contava per permettere ai due promessi sposi di aprire il negozio di gadget e affittare un piccolo appartamento , non l'avrebbe potuto mai avere . Paola , piangendo , si toccò la pancia dove da tre mesi viveva il suo bambino - E ora ? Dovettero annullare le nozze e Paola abortì .

vincenzodigiorgio 23.10.16 13:52| 
 |
Rispondi al commento

che strano, di solito i vari TG raccontano quello che c'è scritto su questo blog, ma questa non l'hanno detta

mic. 23.10.16 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina grande discussione con i PIdioti:
"la riforma è ottima anche se si poteva fare di più"..."il Senato è stato abolito"... "si è fatto un risparmio"...immaginate come ho reagito!
Giannuli non c'è nulla da fare ...per loro sei troppo avanti!
Pensi che la base capisca queste cose?
Sono arrivati al punto,di nuovo,a dire che se facevamo l'alleanza con Bersani le cose andavano meglio!
NMoooo...proprio non c'è nulla da fare ai voglia di argomentare...non ci arrivano!
Ho accennato alla dittatura,la risposta ,ma cosa vai a vedere...esagerato....vedremo...ecc.ecc.!
Ecco vedremo in futuro un popolo nell'impossibilità di cambiare qualcosa!
Povera italia a chi siamo in mano!
Come vorrei che il bischero facesse un (o) tanto agli italiani!
Ma il primo che si lamenterà lo prenderò a calci nel culo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 23.10.16 13:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo pseudo capo del nostro esecutivo dovrebbe essere fermamente contrario alle guerre e prendere una netta posizione in tal senso ! Invece di stare a cambiare la costituzione dica a chiunque che l'Italia ripudia la guerra sempre e comunque , lo dica sopratutto al premio Nobel per la pace con cui scambia baci e abbracci !

vincenzodigiorgio 23.10.16 13:31| 
 |
Rispondi al commento

ma che aspettiamo a cacciarli con le cattive.sono rimasti 4 gatti e continuano a massacrarci.NON LI VUOLE PIU NESSUNO.DOBBIAMO SOLO ORGANIZZARCI ED EVITARE CHE SCAPPINO


Dov'è il renzi che andava in bicicletta ? L'uomo che affermava che la sua scorta era la gente ora si muove di rado , sopratutto di notte , con le numerose guardie del corpo allarmate e guatanti tutt'attorno con fare preoccupato . Cosa è cambiato da tre anni fa ? Sono passati tre anni di governo renzi ! Quest'uomo non può cambiare la costituzione !

vincenzodigiorgio 23.10.16 13:19| 
 |
Rispondi al commento

La Toscana ha "partorto" proprio della bella gente: da Gelli a Renzie e la fam. boscaiola con tutto il contorno che c'è. Abbiamo avuto anche Gronchi e Ciampi, due toscani che sono diventati presidenti della repubblica. Fanfani, quello delle case popolari e la Bindi, più bella che intelligente come disse qualcuno...

E vogliamo dimenticare robertino-pinocchio che, con la scusa di fare l'attore-comico, non solo ha messo su una holding insieme alla consorte, ma non perde occasione per fare il servo del potere.

La Toscana ha dato i natali anche al Pacciani, il c.d. mostro di Firenze che, con i compagni di merende, pare, abbia lasciato scie di sangue. Dietro a questi delitti, sempre pare, ci sia l'ombra della massoneria. Chissà.

Non se ne esce, girati dove vuoi, gli agguati dei poteri forti sono sempre lì a segnare il destino della gente.

E come disse Gino Bartali, detto ginettaccio, altro fiorentino doc, ma lui davvero persona perbene: "in Italia gliè tutto sbagliato, gliè tutto da rifare".

E lo disse, a ragione, in tempi non sospetti...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 23.10.16 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le nostre proteste sono come le onde del mare , lambiscono i duri scogli senza risultati visibili . Ci vorrà tanto tempo , millenni , milioni di anni per vedere qualche effetto della nostra azione . Intanto gli enormi scogli , scoglioni immensi , se la ridono !

vincenzodigiorgio 23.10.16 13:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sara' magari necessario per essere presentabili e politicamente corretti...
Ma il tono e la prudenza nel non calcare la mano del professore mi sanno un po' da democristiano.
Sicuro non sia meglio sparare a alzo zero?
Auguri...


In effetti un filo logico sembra esserci , casualmente si intende , ma più che un filo sembra una corda .

vincenzodigiorgio 23.10.16 12:30| 
 |
Rispondi al commento

Licio Gelli e Flavio Carboni i due massoni che hanno agganci e amicizie dappertutto nei poteri forti.

Via questa gente dalla politica! No ai poteri forti condizionati dalla massoneria.

manuela 23.10.16 12:27| 
 |
Rispondi al commento

E' dura l'attesa per il referendum.
Soprattutto alla luce del fatto che la vittoria o meno del NO è appesa, non a persone dall'intelletto limpido, ma a cittadini che voteranno No oppure SI (GUAI A CHI VOTA STO CA""O DE SI!!!) per l'ultima persona che li ha consigliati ... Insomma un referendum che sarà deciso da degli imbe(ci)lli con la patente ... patente rilasciata dal partito della P2 (tutti i partiti meno il Movimento 5 Stelle) ...
E' dura l'attesa per il referendum.

Buona domenica a tutti, nessuno escluso ... ^_^

arF loF 23.10.16 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Bellissimo ed esauriente commento, professore! Possibile che gli italiani ci caschino? Spero di no. anche se non molti leggeranno questo esauriente e chiaro commento! Magari passate parola e tutti quelli che conoscete ! VOTIAMO NO !

silvana rocca, genova Commentatore certificato 23.10.16 12:09| 
 |
Rispondi al commento

https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fgianluca.montagna%2Fposts%2F10209525223158881&width=500&__mref=message_bubble

GIANLUCA MONTAGNA 23.10.16 11:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Avete mai letto l'elenco degli appartenenti alla loggia P2?
Andatevelo a leggere, è molto istuitivo.

AntòAvenza 23.10.16 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In quel programma R è già previsto il trasferimento della capitale, da Roma (RM) a Siena (SI), e la soppressione di Novara (NO)

possinocecamme 23.10.16 11:36| 
 |
Rispondi al commento

C'è però una differenza fondamentale, quello era un piano segreto, questo è un piano sfrontatamente alla luce del sole, e che schiaffeggia e insulta senza ritegno le istituzioni democratiche.

paolo montiverdi, milano Commentatore certificato 23.10.16 11:28| 
 |
Rispondi al commento

A onestina...

onestina:"Non sono certo io a decidere, né i tempi né altro".

Io... Ecco: la tua mente si proprio messa nei panni di chi non decide nulla!

Ciao.


Massoneria .....mi viene in mente Sindona , le banche etc etc . Parte di una storia italiana che attiene al POTERE .
Io dico no al referendum , poi si discute


MASADA n° 1798 20-10-2017 BARAK E BURATTINI
Blog di Viviana Vivarelli
(Le immagini sono tratte da facebook)
.
La tentazione autoritaria - Viaggio di Renzi da Obama – Perché questo viaggio ha rafforzato il mio NO (Farinella) - Maggioranze molto risicate. Renzi ha l’11,4% di consenso nel Paese – La ripresa inesistente: disoccupazione all'11,5% e i giovani disoccupati al 39,8%- Il ridicolo risparmio del Senato – La truffa con la Morgan Stanley per entrare nell’euro – Sindaci incomprensibili: Chiamparino e Merola – Le profezie di Fassino - Le regole tanto per fare del Pd – 300.000 euro le spese della Boschi per la sua campagna all’estero per il SI’ – I 5 stelle presentano un ddl per ridurre a 5.000 euro lo stipendio di un parlamentare, ora si va dai 19.873 euro dei deputati ai 20.855 dei senatori - La Costituzione renziana è il punto di arrivo di un processo di restaurazione di cricche nemiche della democrazia- Violenza sulle donne – The young Pope -

La tentazione autoritaria sta avanzando da alcuni anni. Comincia con la separazione tra "tecnici" e "politici" nei Comuni, con le delibere di giunta che passano in Consiglio solo su richiesta. Poi vengono varie leggi maggioritarie, un pezzetto alla volta, in nome della "governabilità", quasi che l'Italia non sia stata governata negli anni precedenti. Si cambia il sistema elettorale così da eliminare le preferenze con un premio di maggioranza palesemente incostituzionale che non esiste in nessuna parte del mondo. Poi si aboliscono non le Province, ma il diritto elettorale relativo ...
...
Per leggere tutto clicca il mio nome
o vai a masadaweb.org
o https://masadaweb.org/2016/10/23/masada-n-1798-20-10-2017-barak-e-burattini/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 23.10.16 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Profondo pensiero bifronte:

« Ogni paziente continua ad essere accompagnato dai parenti e dai figli e spesso anche dalle anatre. »
(Giorgio Torelli)


Sono dell'avviso anch'io che se passa il sì, questo è solo l'inizio.
Considerate che le regole contenute nella costituzione sono alla base di tutte le leggi ordinarie ecc. Quindi cambiare oltre cinquanta articoli comporterà senz'altro rivedere tutte le leggi che sono ad esse collegate.
Questa cosa la dicono in pochi.

Rosa 23.10.16 11:05| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno blog e qui caffè a 5 stelle!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 23.10.16 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Qualsiasi riformista vorrebbe un governo che decida in un giorno quello che si decide normalmente in una settimana o in un mese. Anche io. Solo che una riforma in questa direzione restringe necessariamente il potere di discussione parlamentare, banalizza il ruolo della minoranza ed è l’anticamera della dittatura. Se gli italiani pensano di provare…

Franco Mas 23.10.16 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Molto probabilmente questo è un attentato di stato.
E' sempre più evidente che quest'uomo ci sta portanto a un sistema dittatoriale.
Fate caso per esempio all'abolizione di Equitalia.
Ora propone un super manager accentrando tutto il controllo a Roma.
Questo mi fa venire in mente la struttura della pubblica amministrazione austriaca (quando ci occupava), dove regnava l'immensa burocrazia.
Non si snelliscono le procedure accentrando a livello nazionale la loro gestione.

Rosa 23.10.16 10:57| 
 |
Rispondi al commento

“..ha creato man mano nuovi partiti sotto forma di club riuniti intorno a una corte personale ..”
Affinché il M5S leaderless-unovaleuno, sia un MoVimento di cittadini punto e basta, propongo:

1) Rousseau e il Forum vengono gestiti, in modo trasparente, da un gruppo di 10 associati, 5 tecnici e 5 amministrativi, eletti annualmente dagli iscritti.
I 5 gestori tecnici devono offrire riscontrabili garanzie affinché ogni iscritto possa proporre, discutere e votare contando né più né meno di uno.
I 5 amministrativi devono informare gli iscritti sulle proposte in discussione sul Forum e, se approvate, informarli su quale giorno dei successivi 15, verranno votate su Rousseau. Devono inoltre pubblicare mensilmente sulla Piattaforma il numero degli iscritti ed entrate e uscite del M5S, presentando poi il Bilancio annuale come da vigente normativa sulla Trasparenza.

2) Il Forum viene suddiviso in otto aree tematiche
ambiente e territorio
salute e lavoro
cultura e turismo
economia e finanze
giustizia
infrastrutture e trasporti
questioni interne al M5S
questioni nazionali e internazionali
- Ogni 15 giorni l’iscritto può fare una sua proposta nella relativa sezione del Forum.
- La proposta resta in discussione per 15gg, passa alla votazione su Rousseau se approvata da almeno il 10% degli iscritti.
- Le proposte approvate su Rousseau da almeno il 30% degli iscritti, costituiscono la “Voce” ufficiale del M5S che indirizza i PortaVoce.
- Nel quinto mese antecedente le elezioni, gli iscritti discutono sul Forum i punti per il Programma elettorale.
- I 10 punti più votati nel mese successivo su Rousseau, costituiranno il Programma.
- Nel terzo mese antecedente le elezioni gli iscritti discutono sul Forum le candidature e nel secondo mese le votano su Rousseau.
- Sospensioni o espulsioni, discusse sul Forum nel rispetto dei principi della contestazione degli addebiti e del contraddittorio, passano alla votazione su Rousseau se nei 15gg sono approvate da almeno il 20% degli iscritti.

Onestina Trasparenti Commentatore certificato 23.10.16 10:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3 di 3) Introduzione:
La Grande Promessa, il suo fallimento
e nuove alternative

La fine di un'Illusione

La soddisfazione illimitata di tutti i desideri non comporta il vivere bene, né è la strada per raggiungere la felicità o anche soltanto il massimo dì piacere.

Il sogno di essere padroni assoluti delle nostre esistenze ha avuto fine quando abbiamo cominciato ad aprire gli occhi e a renderci conto che siamo tutti divenuti ingranaggi della macchina burocratica, e che i nostri pensieri, i nostri sentimenti e i nostri gusti sono manipolati dai governi, dall'industria e dai mezzi di comunicazione di massa controllati dagli uni e dall'altra.
Il progresso economico è rimasto limitato ai paesi ricchi, e lo iato tra nazioni ricche e nazioni povere si è più che mai ampliato.
Lo stesso progresso tecnico ha avuto come conseguenza il manifestarsi di pericoli ecologici e di rischi di conflitti nucleari, e sia gli uni che gli altri, agendo isolatamente o insieme, possono metter fine all'intera civiltà e fors’anche alla vita tutta quanta.

Quando, nel 1952, si recò a Oslo a ricevere il Premio Nobel per la pace, Albert Schweitzer esortò il mondo a « osare di guardare in faccia la realtà... L'uomo è divenuto un superuomo... Ma il superuomo col suo sovrumano potere non è pervenuto al livello di una sovrumana razionalità. Più il suo potere cresce, e più egli diventa anzi un pover'uomo... Le nostre coscienze non possono non essere scosse dalla costatazione che, più cresciamo e diventiamo superuomini, e più siamo disumani».

da "Avere O Essere" - Erich Fromm.


2 di 3) Introduzione:
La Grande Promessa, il suo fallimento
e nuove alternative

La fine di un'Illusione

Gli uomini e, sempre più spesso, anche le donne, hanno avvertito una nuova sensazione di libertà; sono diventati padroni delle proprie esistenze: le catene feudali sono state
spezzate, l'individuo si è trovato a poter fare ciò che voleva, affrancato da ogni pastoia. O, per lo meno, era quello che la gente credeva; e benché questa situazione fosse propria soltanto delle classi superiore e media, il loro esempio induceva altri a supporre che, alla fine, la nuova libertà sarebbe stata estesa a tutti i membri della società, a patto che l'industrializzazione continuasse con lo stesso ritmo. Ben presto, il socialismo e il comunismo hanno cessato di essere movimenti che si prefiggevano lo scopo di costruire una nuova società e un nuovo uomo, per far proprio l'ideale di una vita borghese per tutti, indicando nel borghese universalizzato gli uomini e le donne del futuro. Il raggiungimento del benessere e delle comodità per tutti avrebbe avuto come risultato, così si credeva, la felicità senza restrizioni per tutti. La trinità costituita da produzione illimitata, assoluta libertà e felicità senza restrizioni, venne cosi a costituire il nucleo di una nuova religione, quella del Progresso: una nuova Città Terrena del Progresso si sarebbe sostituita alla Città di Dio. Non può sorprendere che questa nuova religione abbia insuffiato di tanta energia, vitalità e speranza i suoi fedeli.
L'imponenza della Grande Promessa, le stupende realizzazioni materiali e intellettuali dell'era industriale, devono essere tenute ben- presenti se si vuole capire l'entità del trauma che oggi è prodotto dalla costatazione del suo fallimento. È infatti innegabile che l'era industriale non sia riuscita a esaudire la Grande Promessa, e un numero sempre crescente di persone stanno oggi assumendo coscienza di quanto segue >


1 di 3) Introduzione:
La Grande Promessa, il suo fallimento
e nuove alternative

La fine di un'Illusione

La Grande Promessa di Progresso Illimitato - vale a dire la promessa del dominio sulla natura, di abbondanza materiale, della massima felicità per il massimo numero di persone e di illimitata libertà personale - ha sorretto le speranze e la fede delle generazioni che si sono succedute a partire dall'inizio dell'era industriale. Indubbiamente, la nostra civiltà ha avuto esordio quando la specie umana ha cominciato a esercitare attivamente il controllo sulla natura; ma tale controllo è rimasto limitato fino all'avvento definitivo dell'era industriale stessa. Grazie al progresso industriale, cioè al processo che ha portato alla sostituzione dell'energia animale e umana con l'energia dapprima meccanica e quindi nucleare e alla sostituzione della mente umana con il calcolatore elettronico, abbiamo potuto credere di essere sulla strada che porta a una produzione illimitata e quindi a illimitati consumi; che la tecnica ci avesse reso onnipotenti e la scienza onniscienti; che fossimo insomma sul punto di diventare dei superuomini capaci di creare un mondo « secondo », servendoci del mondo naturale soltanto come di una serie di elementi costruttivi per edificarne uno nuovo (segue) >


Non so se funziona

Aldo Lanzetta (pasena), Sarno Commentatore certificato 23.10.16 10:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gesù era fidanzato la potete vedere seduta alla sua destra nell'ultima cena
se guarderete attentamente scoprirete che non era l'unica donna presente.

ultima rivelazione 23.10.16 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Privare via via il popolo della sua sovranità aggredendo od aggirando l'applicazione di diritti conquistati, ed il tutto sostenuto da una instancabile propaganda mass-mediatica, sembra sia da una trentina d'anni il "leitmotiv" della politica nostrana; a tutto questo, non è certamente estraneo "l'amico americano", il principale interessato, almeno all'inizio della storia, ad abbattere la forte partecipazione popolare alla vita politica del Paese per ricondurlo sotto il governo d'una "elìte" di bassissimo profilo politico, ma ubbidiente e pronta a piegarsi ad ogni volere ed interesse sovranazionale; il piazzista di Arcore ed il pentolaro di Rignano, hanno certo ben a che fare col materassaio di Pistoia: sono la stessa identica espressione di un progetto teso a strappare il Paese ai propri cittadini...('tacci loro...)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.16 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Senza scomodare precedenti
Si vita NO
Perché la nuova costituzione e
Illeggibile
Inattuabile
Incomprensibile
NO
Ma ricordarsi che il referendum è specifico di nuova costituzione !

Alberto Coppola 23.10.16 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Ajòòòòò...

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.16 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno professore,personalmente ritengo che statuti codici e regolamenti,Costituzione per prima,possano essere migliorati solo semplificandoli,similmente a ciò che accade ai problemi scientifici complessi,trovo poi molto contraddittorio il fatto che per avallare "ritocchi Costituzionali" sia richiesta una maggioranza parlamentare molto ampia che,se non raggiunta,possa essere poi superata da una minoranza referendaria.
Con saluti e cordialità da Santarcangelo di Romagna.

enzo bargellini 23.10.16 09:49| 
 |
Rispondi al commento

Giannulli,pensa,tra l'artro,che a Tera è piatta...

Buongiorno!!

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 23.10.16 09:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori