Il Blog delle Stelle
Lo Stato non paga i debiti, e un'impresa su 5 fallisce

Lo Stato non paga i debiti, e un'impresa su 5 fallisce

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 15

di Francesco Specchia*

Ogni promessa è debito (pubblico). Il sospetto è che il santuario del Monte Senario, il lavacro penitenziale a cui Bruno Vespa - nel lontano 19 marzo 2014 - spinse un Matteo Renzi in vena di promesse, tra un po' comincerà ad affollarsi. Solita storia, ma con un' altra drammaturgia.

«Se non abbiamo sbloccato tutti i debiti
della pubblica amministrazione per il 21 settembre, vado a piedi in pellegrinaggio da Firenze a Monte Senario», promise il premier quando i debiti dello Stato in capo alle imprese italiane erano 60 miliardi di euro. Questi debiti sarebbero spariti in pochi mesi, e l' Italia avrebbe finalmente pagato «a 40 giorni, come in Francia e Germania», invece che 120 (quando pagava).

Bene. Ora, da un report del Centro Studi Confimprenditor
i, quasi una piccola-media impresa su cinque (18,87%) vanta crediti ancora con la Pubblica Amministrazione. Mancano all' appello ancora 18 miliardi di euro «per liquidare interamente la somma che l' apparato pubblico deve alle imprese private». Non solo. Quasi un quinto dei fallimenti delle imprese italiane deriva dai debiti non pagati dallo Stato italiano. A ciò si somma lo stato di poderosa inefficienza della giustizia italiana che continua a pesare fortemente sul numero dei fallimenti.

Quindi, una su cinque tra le imprese creditrici dello Stato - poco meno di tremila - fallisce proprio perché è finita nella palude stigia dei crediti non riscossi, appunto, dall' Idra mitologica della P.A. E, naturalmente, pure i tempi di pagamento slittano tra i 120 e i 90 giorni: un ritardo medio di 37,5 giorni contro i 27 della media europea. E dire che ce lo chiedeva l' Europa, di non avere il braccino corto. I suddetti dati di Confimprenditori sono pressoché sconosciuti ai più, o, nel migliore dei casi, ignorati. Sia perché per controllare l' andazzo degli interessi e le vie imperscutabili del denaro pubblico occorrono dei modelli econometrici costosetti.

Sia perché gli stessi dati del ministero dell' Economia sono cristallizzati all' 11 agosto del 2015 e non sono più stati aggiornati. Guarda caso. Secondo le vecchie stime, dei circa 60 miliardi di debiti risulterebbero essere stati stanziati circa 56,3 miliardi, erogati agli enti debitori 44 e pagati circa 38,6.

Ne mancano all' appello un terzo.
Non si capisce dove siano finiti. Fino all' 11 agosto 2015, lo Stato aveva pagato 5,7 dei 7 miliardi che aveva di debito. Le Regioni ne hanno pagati 23 su 33. Gli altri enti locali 9 su 16. Il che significa che gli enti - soprattutto Regioni - non hanno utilizzato i soldi messi a disposizione per pagare i creditori, ma per fare nuove spese o coprire il pregresso disavanzo di amministrazione. La qual cosa, in un periodo di spending feroce, è quantomeno inelegante.

Sempre secondo Confimprenditori che ha rielaborato i numeri Ocse, rispetto a sei anni fa, poi, i fallimenti in Italia sono cresciuti del 55,42%, passando dai 9.384 del 2009 ai 14.585 del 2015. «Il costante aumento del numero di aziende italiane fallite non ha eguali se confrontato con gli altri Paesi monitorati», si legge. Solo la Francia è come noi, Spagna, Germania e Olanda, per dire vedono calare i fallimenti dal 4% al 30%. E noi qui, a parlare di Italicum e Senati dimezzati...

*per "Libero Quotidiano"


votanonstatuto.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

12 Ott 2016, 15:21 | Scrivi | Commenti (15) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 15


Tags: bugiardo, debiti, imprese, promesse, renzi, stato

Commenti

 

Come fa lo Stato a criminalizzare gli evasori se il primo a dare il cattivo esempio (non pagando le ditte fornitrici) è proprio Lui?
Maurexit

Maurizio B., Roma Commentatore certificato 14.10.16 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Quando uno Stato rinuncia ad essere il primo imprenditore del proprio paese, delegando a dei parassiti privati l'emissione monetaria, firma la condanna del sistema economico nazionale. In tal modo diventa traditore dei cittadini e si rende schiavo del potere finanziario che impone le politiche atte ad arricchire dei criminali globalisti transnazionali ed impoverire i padri di famiglia. Lo stato sociale e la democrazia vengono seppelliti. VERGOGNA !

roberto p., GENOVA Commentatore certificato 13.10.16 20:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

NON SI SENTE ALTRO FALLIMENTI E LICENSIAMENTI

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 13.10.16 17:54| 
 |
Rispondi al commento

per gli italiani giovani non ce futuro bisogna liberarsi da questi cialtroni al referendum bisogna votare NO E ALLE PROSSIME ELEZIONI DARGLI IL COLPO DI GRAZIA

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 13.10.16 17:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

QUESTI due sono due gangester non pagano nessuno solo gli amici degli amici il bomba quando era sindaco ha fatto un buco di 45 MILIONI al comune di firenze persone false ed ippocrati che fanno il loro tornaconto la colpa e del popolo
che quando va a votare non ragiona questi due personaggi se restano ancora fanno affondare l italia

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 13.10.16 17:01| 
 |
Rispondi al commento

Non riportate per favore le parole di Renzi, in merito a qualsiasi cosa.

E' davvero superfluo ricordare che non fa quello che dice e (prova) a fare quello che non dice.

Dico "prova" perchè adesso non può farla più franca visto che il M5S lo scopre...

Massimiliano Princigalli, Roma Commentatore certificato 13.10.16 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
Vanno su una coscienza che non esiste, quella Statale.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 13.10.16 09:15| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di spesa pubblica perché non applichiamo a tutti i Pensionati lo stesso trattamento dei Vitalizziati.
NON TOGLIERE A CHI HA, MA DARE A CHI NON HA
Formula di matematica sociale:
R al CL = G + R al 100%
Applicando questa formula si risolverebbero i problemi di circa 4500 Pensionati e chi la proporrà raccoglierà il consenso di 10.000.000 voti e quindi vincita delle elezioni al 1° turno.
Se qualcuno vorrà enunciarla in chiaro mi scriva e ne discuteremo.
Cordiali saluti Giacomo g.zelari@virgilio.it

Giacomo Zelari, roma Commentatore certificato 13.10.16 06:03| 
 |
Rispondi al commento

certa gente andrebbe ammazzata da piccola

gente che fa tanti danni quanto ha potere

se avesse il potere di stalin o di hitler farebbe peggio di entrambi!


fortuna che ne ha molto meno!

certagente 12.10.16 20:25| 
 |
Rispondi al commento

cerchi la verità? la trovi in edicola costa 1 euro,del buon Belpietro.

Paolo Ghiazza 12.10.16 16:20| 
 |
Rispondi al commento

IL PENTOLAIO ALL'ANGOLO.

Padoan, il guardiano imposto da Napolitano dopo la cacciata da Palazzo Chigi non avrà problemi di riposizionamento, "DO YOUR REMEMBER Mr.BARROSO?".
Ma il venditore di pentole cosa farà? Andrà alle Cayman a raggiungere il suo amico Davide Serra?

Elia Porto 12.10.16 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Altro che al santuario di Monte Senario, in ben altro posto dovrebbe essere mandato il Bomba. Sono tante le menzogne che rischiamo di non indignarci più. Che volete farci LUI è' fatto così, prendere o lasciare. Noi lasciamo e votiamo NO.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.10.16 15:56| 
 |
Rispondi al commento

risultato della seduta spitica di ieri sera

lo spiritello era ( forse ... così ha detto ) Charles King che vuole mettere a conoscenza del popolo la lobby massonica del CUMADIN.


Per quanto he ho capito questo cumadin è una sorta di idraulico liquido per il sistema cardiovascolare che permetterebbe alle persone che hanno le vene intasate di fare una vita migliore.

però come l'idraulico liuguido, se si esagera, invece di pulire le tubature ... le buca!


pare che entro 20 anni dall'assunzione costante arrivino dei grossi problemi....


così, facendo un calcolo abbondante della vita media a 90 anni... non bisognerebbe prnderlo prima dei 70 anni.


il problema è che molte delle patologie ( non sono um medico lo dice lo spiritello quindi prendetelo come uno spunto di riflessione ) è molto meglio la vitamina C che ora la fanno in cina e costa mendo di 10 dollari al kg alla produzione.


ma c'è una lobby che ha deciso di lucrare sul cumadin e allora in certe regioni lo danno indistintamente a tutti i vecchi ... e vorrebberlo darlo pure agli anziani.

fosse per loro lo darebbero anche ai neonati... sono soldi in più.... tanto pagano i sistemi sanitari nazionali.....


il tutto intortato con una sorta di propganda del tipo " ma la citamina c non è una medicina quindi non fa nulla mentre il cumadin lo passa la muta e allora funziona!... così la pensano i vecchietti che si sono bevuti la storiella...

Ecco Io vi passo il risultato della setuta .... le valutazioni le lascio a voi che non sono un medico!

spiritelli furbelli 12.10.16 15:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori