Il Blog delle Stelle
Volkswagen patteggia con gli Usa: 14, 7 miliardi. E all'Europa?

Volkswagen patteggia con gli Usa: 14, 7 miliardi. E all'Europa?

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 20

di Eleonora Evi, Movimento 5 Stelle Europa

Arriva il maxi-patteggiamento Volkswagen da 14,7 miliardi con la giustizia americana. La notizia, più che la cifra spaventosa che il costruttore tedesco dovrà sborsare, è quanto piuttosto è riuscito a risparmiare dal mastodontico conflitto d'interesse europeo e dall'incapacità dell'Europa di sanzionarlo adeguatamente. In USA le vetture finite nell'occhio del ciclone sono circa 500mila, in Europa si parla invece di circa 30 milioni solo per gli Euro5 (sessanta volte tanto). Facendo un rapito calcolo sul numero effettivo di auto vendute e rapportandolo con i soldi che la casa di Wolfsburg verserà ai cittadini americani, possiamo affermare che a quelli europei spetterebbe un risarcimento di oltre 850 miliardi.

Ma se negli USA lo scandalo dieselgate ha visto una certa solerzia e prontezza di azione da parte delle autorità competenti - in particolare per quanto riguarda le misure di compensazione per i consumatori -, in Italia ed in Europa, dove non vi è solo la questione "risarcitoria" sul tavolo ma ben più gravi problemi di salute pubblica e inquinamento ambientale, tutto resta fermo. Come detto, sono i numeri a dover fare riflettere: in USA le auto diesel in circolazione sono solamente l'1% dell'intera flotta, mentre in Europa circa il 60%. Le conseguenze si registrano soprattutto sull'impatto delle emissioni NOx e quindi sulla salute delle persone.

La commissione d'inchiesta EMIS sulla vicenda dieselgate è arrivata a metà del suo mandato, mettendo in luce molti aspetti preoccupanti dell'intera vicenda in salsa europea: dai pesanti e considerevoli conflitti d'interesse tra costruttori di auto e le autorità di omologazione e controllo, fino all'assurda normativa europea in vigore, che ha dato ampio spazio d'interpretazione ai costruttori di auto nel rispettare i limiti non per strada, ma solo in laboratorio, per mezzo di test completamente inadeguati. Con l'aggravante che tutti sapevano del problema, ma nessuno ha agito per porvi rimedio.

Quanto dobbiamo ancora aspettare perché in Europa non solo VW, ma anche le altre case costruttrici che producono auto (che inquinano fino a 20 volte i limiti consentiti) siano punite seriamente? E quanto dovremo aspettare per avere delle auto davvero pulite in circolazione che non mettano a rischio la nostra salute?

Video archivio, febbraio 2016. La lobby dell'auto travolge il Parlamento europeo:



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

27 Ott 2016, 11:03 | Scrivi | Commenti (20) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 20


Tags: europa, inquinamento, scandalo, usa, Volkswagen

Commenti

 

Buongiorno

Chiamo CLAUDE JOLIET, abbiamo una struttura di finanziamento che finanziamento il progetto di qualsiasi genere. Non facciamo prestiti, finanziamo coloro che hanno un progetto che non hanno abbastanza mezzi per lo sviluppo di loro progetto.

Allora per che avete bisogno e finanziamento, contattarli su questa mail: sociedadgeneraldelbanco@gmail.com

banderas daniel, toscana Commentatore certificato 31.10.16 09:52| 
 |
Rispondi al commento




Buongiorno

Ho trovato il sorriso è grazie a questa signora JOSIANA GOMEZ, è grazie ad essa che ho ricevuto un prestito di 200.000€ nel mio conto il giovedì a 16:30 min e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questa signora senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro o per iniziare le vostre attività. Pubblico questo messaggio perché questa signora il mio fatto del bene con questo prestito. È tramite un amico che ho incontrato questa signora onesta e generosa che mi ha permesso di ottenere questo prestito. Allora vi consiglio di contattarla e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete, che quello sia in Italia o in Spagna, la Francia anche. Ecco il suo indirizzo elettronico: gordonpascal04@gmail.com

dufar rosine, molise Commentatore certificato 29.10.16 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Signor Durant,
Le chiedo perché pubblicizza individui che prestano soldi a tutti !
Spero anche in una risposta dal movimento ovvero avete verificato la serietà di questi messaggi ? Sono legali o no?
Il 4 dicembre votono a tutela del futuro del nostro Paese.

Amalia Francesca riso 28.10.16 18:03| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione DIESEL FUORILEGGE!!!

Eddy B. Commentatore certificato 28.10.16 13:09| 
 |
Rispondi al commento

Anni ha dietro, quando le UE dettata legge sulle cosiddette euro 4/5 con una data fatidica ,anche sul euro 6 la signora Merkel dette va leggi ha suo interesse. Nel senso che dovevano dare molto più tempo nel riprogettare motori efficienti con con meno inquinanti. Già era noto che qualche casa tedesca quarta caso ,era molto indietro sullo sviluppo dei motori parsimoniosi sull'emissioni. Eh già, dice casco rossi. Cara Angela Merkel la sai lunga tu....

Angelo Fornaro 27.10.16 22:59| 
 |
Rispondi al commento

Esistono i marchi italiani, ma non esiste più una casa automobilistica italiana. Un altro aiuto alla famiglia Agnelli e a Marchionne che dopo aver succhiato il sangue ai governi italiani si sono trasferiti in Olanda.


Euro2, Euro3, Euro4, Euro5, Euro6, ... ma a nessuno era parso strano l'avanzare di chiacchiere? come era possibile che l'industria automobilistica riuscisse ad abbattere l'inquinamento, in così poco tempo ed a costi quasi irrilevanti?
Era chiaro; la normativa fu commissionata dall'industria automobilistica, fu mera chiacchiera, era solo concorrenza sleale secondo la globalizzazione dei mercati o protezionismo secondo gli Stati nazionali sempre più evanescenti.
Hanno gettato l'amo per prendere il mercato del terzo mondo e ... si, ci hanno presi per i fondelli.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 27.10.16 19:39| 
 |
Rispondi al commento

Comprano in Italia auto estere per il fatto che quelle italiane son fatte con le ciabatte, e la gente si è stufata di acquistare problemi.

marco marconcini 27.10.16 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Dio Cane!!!! Sempre per il culo!! Ora basta con questa Germania di merda!!!

Roberto Bucci 27.10.16 15:55| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' ANCHE ALL'EURAPA ???
CI PENSANO GLI ITALIANO CHE GIA' SOSTENGONO L'ECONOMIA TEDESCA !!!
CON 40.000.000 DI AUTOMEZZI COMPRATI ALL'ESTERO PER LA MODICA CIFRA DI 5-6.000 MILIARDI DI EURO, 200 ANNI DI FINANZIARIE, 2.000.000 DI POSTI DI LAVORO PERSI, CHE BISOGNO C'E' DI RECUPERARE QUALCOSA !!!
L'ITALIETTA E' RICCA !!!
DI FESSI !!!

Franco Della Rosa 27.10.16 15:48| 
 |
Rispondi al commento

La WV patteggia e paga maxi multe perché può farlo avendo una fiorente industria automobilistica. La nostra industria automobilistica, che era colma di marchi prestigiosi, di auto da sogno, all’avanguardia tecnologica che fine a fatto? Perché? La Fiat ha fatto per decine d’anni debiti pubblici e profitti privati, con la complicità dei sindacati e dell’intera classe politica. Poi, nel momento in cui il paese aveva più bisogno della Fiat , si è levata a gambe levate. Alla Fiat, nel 1969, è stata, praticamente, regalata la LANCIA; da li l’inizio della fine di questo splendido marchio. Nel 1986 Romano Brodi (IRI), vende, o avrebbe dovuto vendere, L’alfa Romeo alla Fiat. Non si sa ancora se la Fiat abbia versato le modeste cifre richieste dall’IRI (lo stato Italiano). Comunque, anche l’Alfa Romeo , ambita dalla Ford, che almeno l’avrebbe pagata, ha iniziato la sua inarrestabile discesa. La Lamborghini è passata a W.V. come la Ducati la Ferrari sta iniziando il suo declino. La nostra industria motociclistica è praticamente sparita. Sarà davvero improbabile che un’azienda italiana possa pagare delle mute, per il semplice fatto che non ci sono più aziende italiane. Abbiamo buttato nel cesso, capacità, creatività, ingegnosità, manualità e tradizione. I nostri erano considerati i migliori meccanici del mondo ora però potremmo vantarci di avere i disoccupati più qualificati del mondo. Tedeschi, Francesi, Giapponesi, Koreani, Indiani, hanno e continuano a sviluppare una fiorente, inquinante e non, industria automobilistica. Noi, per nostra fortuna, abbiamo sempre avuto una classe politica inquinata, nelle migliore ipostesi, inquinata nel cervello, nelle capacità, nel vero senso dello stato. Per questo non paghiamo, ne pagheremo, maxi multe a nessune (abbiamo già dato) Che fortuna!!!!
Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 27.10.16 15:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma Volkswagen non è' tedesca? E allora? Chi è' che vuole mettersi (sul serio) contro la Germania? Certo non il governo italiano. Oltretutto, diceva qualcuno, chi è' senza peccato scagli la prima pietra e di case automobilistiche operanti in Europa non credo che ce ne sia una senza peccato. Temo che dovremo continuare a respirare a pieni polmoni gli scarichi inquinanti della miriade di veicoli a motore che circolano sulle nostre strade e, purtroppo, nelle nostra città'.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.10.16 15:25| 
 |
Rispondi al commento

O.T.:

___▁▂▃▄▅▆▇█▓▒░GRAZIE GIORGIA!░▒▓█▇▆▅▄▃▂▁___

https://www.youtube.com/watch?v=IN2go_58ljw


L'argomento è molto delicato e coinvolge molti aspetti. Sicuramente le case automobilistiche, le case petrolifere e tutto quello che c'è dietro al mondo dell'auto quindi vi sono interessi economici non indifferenti compreso il costo della salute pubblica per le persone che si ammalano dall'inquinamento soggetti anziani ma anche bambini. Dalla mia personale sperienza lavorativa, posso dire che gli sforzi per inquinare di meno e rimanere nei parametri stabiliti dai trattati Europei non sono indifferenti. Ogni giorno percorro svariati chilometri in tutte le condizioni con veicoli Eurosei e veicoli commerciali che adottano ADB per i motori diesel. Ho anche collaudato veicoli commerciali con alimentazione a metano. Sicuramente il futuro sarà meno veicoli inquinanti e meno consumo di carburante mantenendo comunque delle prestazioni pari a quelle attuali. Una sfida impegnativa anche perchè il tempo stringe per una soluzione definitiva e fattibile per avere un mondo migliore.

Renzo Grillo 27.10.16 13:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.:

il 4 dicembre si avvicina a grandi passi ed Anissa KHERALLAH sta impestando il Blok come un verme solitario.


Buongiorno sig./Sig.ra
È con un riconoscimento profondo che tengo a voi
portare qui la mia prova, voi che siete alla ricerca
di prestito di denaro, non so come voi fare parte di
essendo la mia gioia poiché io anche alla ricerca di prestito, sono
caduto su signora Anissa KHERALLAH donna d'affari. Mi ha assegnato
un prestito di 8.000€ con un tasso di 3% e ne ho parlato a
molti colleghi che hanno anche ricevuto prestiti a
questa signora senza avere preoccupazioni. Particolarmente a me,
ho ricevuto la mia domanda di credito per bonifico bancario in una
durata di 72 ora senza protocollo e sono completamente
soddisfatto. La ragione che la spinge a pubblicare quest'avviso
è che questa donna continua sempre a fare
meraviglie ad gente che è realmente nella necessità.
Allora ho deciso di annunciare quest'opportunità a voi
chi non avete il favore delle banche o che avevano avuto a
fare a prestatori disonesti che non fanno che approfittare di
la personalità di altra; avete un progetto o un bisogno
da finanziamento, potete scrivergli e lui spiegare
la vostra situazione; vi aiuterà se è convinta di
la vostra onestà. Ecco la sua posta elettronica: developpement.aide@gmail.com

durant . Commentatore certificato 27.10.16 12:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori