Il Blog delle Stelle
I giornali mentono, la verità sta nel web

I giornali mentono, la verità sta nel web

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

da dimajoinpeggio

Non è una novità che l’editoria mondiale sia ormai uno scenario di macerie. Negli ultimi due anni e mezzo il WSJ ha perso 400 mila copie, il NYT 200 mila, il Washington Post, il Chicago Tribune, il Tampa Bay Times e il Los Angeles Times 100 mila. Usa Today vende 300 mila copie (era quasi a un milione e mezzo). Purtroppo tutti quelli che non comprano più il giornale non hanno attivato un abbonamento on line. Hanno smesso di leggere e basta. Magari si collegano con il loro telefonino un paio di volte al giorno con un sito d’informazione, “vedono” i titoli principali, un video divertente e, se riescono, un tg in tv quando arrivano a casa.

Dunque i giornali sono destinati a estinguersi? Forse no. Diventeranno sempre più piccoli: poche copie e pochi giornalisti. Ma in questa crisi ci sono grandi responsabilità anche nei giornali italiani. Quasi tutti sono faziosi. Sono lontani dalle persone e, inevitabilmente, non contano niente. Il sindaco di Roma Virginia Raggi ha avuto (e ha ancora) quasi tutti i quotidiani contro a prescindere (ciò non toglie, ovviamente, che alcune critiche e alcune accuse siano invece fondate). Sbaglia nomine, litiga con il M5S, fa pasticci, non risolve i problemi? Giù critiche (giustamente). Risolve l’annoso problema del salario accessorio? Risparmia 4 milioni di consulenze esterne? Taglia carta di credito e auto blu? Al massimo ottiene trafiletti, notiziole rigirate ad arte per avanzare presunti problemi.

E mentre i giornali si scagliano contro Grillo e company, il MoVimento 5 Stelle cresce nei consensi. Qualcuno dovrebbe chiedersi perché. Succede anche se allarghiamo il campo. Donald Trump ha vinto le elezioni americane avendo contro quasi tutti i giornaloni, corazzate come New York Times, Wall Street Journal, Washington Post. L’aveva già fatto George W. Bush quando conquistò il secondo mandato. Una volta si diceva che i partiti erano falliti e che dunque, inevitabilmente, per tenersi i lettori i giornali dovevano diventare partiti. Ora sarebbe il caso che tornassero a fare i giornali.

TUTTE LE TAPPE DEL TRENO TOUR #IODICONO

OGGI

PUGLIA

17:00

FOGGIA
Piazza Cesare Battisti

20:30

BARI
Area Pedonale Via Argiro - Abate Gimma

18/11/2016

PUGLIA

17:00

BRINDISI

20:00

TARANTO
Piazza della Vittoria

19/11/2016

CALABRIA

11:00

CROTONE
P.za Pitagora

16:00

LAMEZIA
Corso Giovanni Nicotera

20:00

REGGIO CALABRIA
P.za Camagna

20/11/2016

SICILIA

11:00

MESSINA

19:00

CALTANISSETTA
P.za Garibaldi

21/11/2016

BASILICATA

11:00

POTENZA

CAMPANIA

19:00

NAPOLI

22/11/2016

CAMPANIA

11:00

AVELLINO

MOLISE

19:30

CAMPOBASSO

23/11/2016

CAMPANIA

17:00

CASERTA

LAZIO

20:30

FROSINONE

24/11/2016

SARDEGNA

11:30

SASSARI

17:30

CAGLIARI

25/11/2016

ABRUZZO

18:00

L'AQUILA
Viale delle Medaglie D'Oro
Parco del Castello

26/11/2016

UMBRIA

11:00

TERNI
P.za Solferino

LAZIO

18:00

ROMA

27/11/2016

UMBRIA

10:30

ORVIETO
P.za della Repubblica

TOSCANA

17:00

AREZZO
P.za San Francesco

20:00

FIRENZE

29/11/2016

TOSCANA

17:00

LIVORNO
P.za XX Settembre

LIGURIA

20:00

LA SPEZIA

30/11/2016

EMILIA ROMAGNA

17:00

REGGIO EMILIA
P.za Martiri 7 Luglio

20:00

PIACENZA

1/12/2016

PIEMONTE

17:00

ALESSANDRIA

LIGURIA

20:00

GENOVA

2/12/2016

LIGURIA

11:00

SAVONA

PIEMONTE

17:00

TORINO

SCOPRI IL SITO IODICONO.IT



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

17 Nov 2016, 14:48 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: editoria, giornali, giornalisti, la stampa, web

Commenti

 

La pagina delle onoranze funebri del giornale locale sara la sola a sopravvivere .
Unitamente all oroscopo della gazzetta dello sport .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 20.11.16 08:28| 
 |
Rispondi al commento

VERGOGNOSAMENTE FALSI I GIORNALI ITALIANI. GRAZIE GRILLO

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 18.11.16 15:05| 
 |
Rispondi al commento

TREMENDI I GIORNALI INAFFIDABILI E DI PARTE DEI CORROTTI LA VERITÀ' DELLA REALTÀ NON SANNO CHE COS'È. NON SPRECATE I VOSTRI SOLDI E SE POTETE SPEGNETE LA TELEVISIONE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 18.11.16 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Chi semina vento raccoglie tempesta. Molti si sono trasformati in Giormali , al servizio del male, dichiaratamente o sibillinamente antipopolo, altri addirittura in Gioranali , fastidiose emorroidi della onesta informazione. Per non parlare dei soliti noti giornalisti, che frequentano anche la TV, bisognosi oramai di botox alle labbra ed alla lingua, a forza di fare servizietti al potente di turno. Ma i tempi cambiano, sono molti di più coloro che capiscono cosa succede, che quelli lobotomizzati dalla cattiva informazione, sta arrivando il tempo della raccolta di ciò che hanno seminato.

Fasog Gi 18.11.16 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Non si aggiorna la mediazione , si aggiorna il web .Forza che ci siamo

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 18.11.16 09:41| 
 |
Rispondi al commento

THE POLITICAL BUSINESS....Ogni minuto 24 persone sono costrette a fuggire dalle loro case. Ogni giorno 34 mila persone hanno abbandonato per le bombe, violenza e morte: 35 conflitti, 17 situazioni di crisi nel mondo. Così sono stati 65,3 milioni i migranti forzati sulla terra, di cui 21,3 milioni di rifugiati, 40,8 milioni di sfollati interni e 3,2 milioni di richiedenti asilo.
In Turchia record di rifugiati 2,5 milioni, Siria è il primo paese di origine di chi scappa: 4,9 milioni di rifugiati.In Europa, nel 2015, sono state presentate 1.393.350 domande di protezione, 36% in Germania, 74,8% Ungheria, Svezia, Austria e Italia con 159.432 persone accolte in diverse strutture di accoglienza (CARA, CDA, CPSA, CAS, SPRAR).
Il sistema d'immigrazione non può più reggersi sulla solidarietà e accoglienza diffusa e disorganizzata.Dal 2011/2016 il governo cieca 12 miliardi.
Soluzione c'è, ma è va bene così per POLITICAL BUSINESS...
https://www.meetup.com/it-IT/Meetup-Controllo-dellimmigrazione-Terni/events/234544494/

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 18.11.16 09:24| 
 |
Rispondi al commento

ci sono giornalisti onesti e disonesti leggiamo e poi tiriamo le somme

Antonio Munforte 18.11.16 07:50| 
 |
Rispondi al commento

io non riesco mai a commentare non ostante sia certificato la macchina mi rimanda ella posta in arrivo clicco il link e mi ritrovo Disqus tra le palle che non mi fa capire un cazzo, SCUSATE ma non potete essere più semplici e PIU' ITALIANI ??????

lauro berchicci 18.11.16 00:42| 
 |
Rispondi al commento

Non esageriamo. Nel web c’è anche la verità se la si sa cercare. Nella stampa e nei media in genere, la verità è andata via via scomparendo. Quindi i cittadini, che sono meno stupidi di quanto “l’intellighenzia” immagini, traggono le loro conclusioni. Inoltre che si debba pagare per avere in cambio una montagna di sciocchezze, balle o notizie manipolate mi sembra eccessivo anche per i cittadini più sprovveduti. Meglio un buon caffè.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 18.11.16 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
Ci sono riusciti a infognare il servizio di informazione, un lavoro storico, democratico e civile. Oggi non lo è più le testate per essere foraggiate si sono vendute alla politica, ovviamente con il SI degli addetti ai lavori,(giornalisti), era un lavoro di elite oggi non lo è più grazie al denaro e ovviamente comanda chi paga...
Addio all'informazione.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 17.11.16 22:01| 
 |
Rispondi al commento

La carta igenica e' imbattibile, e costa meno.
Io non leggo nemmeno al bar che il giornale è' gratis.

Roberto C., Parma Commentatore certificato 17.11.16 21:30| 
 |
Rispondi al commento

una volta i giornali erano graditi anche a chi era analfabeta, e ci siamo capiti, oggi neanche loro hanno modo di prenderli in considerazione.
Meglio il vecchio topolino!!!!!

angelo pignataro 17.11.16 20:24| 
 |
Rispondi al commento

LA GIORNALISTA DELL'ANNO.
La peggior giornalista dell'anno è la Sig.ra Manuela Perrone, articolista del Sole 24 Ore che quasi giornalmente, da quando si è insediato a Roma il Movimento 5 Stelle con la Giunta della ns. Raggi, critica in modo scorretto e non professionale.
Oggi a pag. 14, ha pubblicato due servizi:
Nel primo esprime critiche allo schema di bilancio del Campidoglio.
Mentre nei giorni scorsi criticava affermando scorrettamente la sospensione dei lavori alle Metro C, oggi testualmente afferma "Il grosso dei 481 Milioni di investimenti sarà DIVORATO dai lavori per la linea C della metropolitana che assorbirà quasi 290 milioni".
E a seguire critiche per ogni voce programmata.
Per questo la nomino la peggior giornalista dell'anno.
Il secondo articolo riguarda la solita questione dei rifiuti con frecciate all'assessore: ma qui non sto nemmeno a commentare.
G.Mazz.

G.Mazz. 17.11.16 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono 5 anni che non compro un giornale all'edicola, i motivi:

1) Giornali faziosi che raccontano notizie a proprio piacere.

2) Disinteresse per la politica che fino adesso ci ha governati, governi non eletti dal popolo.

3) Giornalisti che si schierano e cercano di influenzare il parere di chi legge.

4) 2 euro al giorno è diventata una spesa superflua e con internet è tutto più facile informarsi.

Giampaolo M5S, Italia Commentatore certificato 17.11.16 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Quando la stampa non è' obiettiva diventa propaganda e di questa i cittadini italiani ne hanno le tasche piene. Sono maturati a spese loro tante sono le volte in cui sono stati presi in giro. Speriamo che questa del 4 dicembre sia l'ultima volta . Pare che dopo una grande sbronza si possa diventare astemi, cosi' dopo una overdose di sciocchezze si può diventare saggi.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 17.11.16 16:07| 
 |
Rispondi al commento

La stampa italiota può al massimo fare la cronaca del 'Grande Fratello'.

giovanni f. 17.11.16 15:41| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori