Il Blog delle Stelle
In Italia gli stipendi più bassi dell’Europa occidentale

In Italia gli stipendi più bassi dell’Europa occidentale

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 37

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

di Giuliano Balestreri per Business Insider Italia

Se la ripresa non decolla la colpa è anche degli stipendi che in Italia restano i più bassi dell’Europa occidentale. Peggio fanno solo Spagna e Portogallo che però si possono consolare con un maggior potere d’acquisto. A mettere i numeri nero su bianco è Eurostat, l’istituto di statistica dell’Unione europea, che in un recente report ha fatto il punto sulle retribuzione del Vecchio continente. La paga media oraria in Italia si ferma a 12,5 euro con un potere d’acquisto pari a 12,3 euro: all’interno dell’Unione europea la media si attesa a 13,2 euro l’ora, ma il dato è condizionato dai bassi salari dei Paesi dell’est entrati nella Ue dopo il 2004. Basti pensare, per esempio, che in Bulgaria il salario orario si ferma a 1,7 euro e in Romania arriva a 2 euro: in entrambi i Paesi, però, il potere d’acquisto è più alto.
Insomma l’Italia resta il fanalino di coda del Vecchio continente condannata a guardare da lontana la ricca Germania, i paesi scandinavi e persino la vicina Francia dove gli stipendi medi arrivano a 14,9 euro. E’ quindi solo una magra consolazione il fatto che lungo la Penisola gli stipendi bassi non siano così tanti rispetto alla media. Sempre secondo Eurostat i lavoratori italiani a basso reddito sono “solo” il 9,4%: si tratta dei dipendenti con un salario orario inferiore ai due terzi della paga oraria. La percentuale italiana è la più bassa della zona euro dopo Francia (8,8%), Finlandia (5,3%) e Belgio (3,8%), mentre la media continentale è al 17,2%.
Il semplice dato può anche sembrare positivo lasciando intendere che in Italia non ci siano troppe disuguaglianze sul fronte degli stipendi. Il problema, tuttavia, c’è ed è evidente: la soglia del basso reddito lungo la Penisola è inferiore a tutte le altre economie comparabili: siamo a 8,3 euro all’ora in Italia, 10 euro in Francia, 10,5 euro in Germania, 13,4 in Irlanda, 9,9 nel Regno Unito, 10,7 in Olanda e 17 in Danimarca. Si scende a 6,6 euro in Spagna, poi è bassissima in Bulgaria (1,1) euro, Romania (1,4 euro), Portogallo (3,4), Slovacchia (2,9), Lettonia e Lituania (2,2), ma sono tutti Paesi che vantano un più alto potere d’acquisto.
A livello assoluto, invece, rimangono pronfonde differenze: il 21,1% delle donne è a basso reddito, contro il 13,5% degli uomini. Inoltre, quasi uno su tre (30,1%) degli under-30 rientra nella categoria, mentre tra 30 e 59 anni vi ricadono solo quattordici dipendenti su cento.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

11 Dic 2016, 12:18 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 37


Tags: disuguaglianze, Italia, salario orario, stipendi, stipendi bassi

Commenti

 

offerta di prestito
Sei alla ricerca di finanziamenti, per riprendere le vostre attività, sia per un progetto, o per comprare un appartamento, ma, purtroppo, la banca ti chiede le condizioni in cui si è in grado di riempire. Una donna di caso italiano disponibile a concedere prestiti a chiunque in grado di far fronte ai propri impegni. Egli aiutare ottenere il mio prestito di 45.000 € per la mia attività e mi sento sollevato grazie a questa donna, in caso contrario il tasso di interesse è del 2% annuo. Si prega di contattare lei che hai bisogno di un prestito
E-mail: varonealessandra01@gmail.com
WhatsApp: 0033 644398743

elisa ziani Commentatore certificato 06.03.17 23:23| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno posta elettronica: pretprot20@gmail.com
offro prestiti che vanno dal 2000€ a 1.500.000€ a chiunque può rimborsare con interessi ovunque nel mondo, per un rimborso di 1 a 30 anni. Per ogni persona interessata volete dirmi l'importo di cui avete necessità e quella durata di rimborso. posta elettronica: pretprot20@gmail.com

Bottero 18.01.17 12:02| 
 |
Rispondi al commento

Tuttavia, in questo momento di crisi anche delle imprese, non credo sarebbe il caso di chiedere aumenti per chi il lavoro già ce l'ha. C'è invece un gran numero di lavoratori della P.A. , del settore bancario e assicurativo che percepisce stipendi favolosi. Non sarebbe più opportuno redistribuire il lavoro invece che pagare 2 euro all'ora, senza tutele di alcun genere ad eterni stagisti laureati? Sono convinta che ci sarebbe una notevole ripresa economica se tutti potessero spendere per i beni di consumo senza gravare sulle famiglie o sullo stato, ma condividendo lavoro, ma anche annessi e connessi come feria, 13me e contributi con chi già ce l'ha, iniziando ad attingere dove il brodo è più grasso. Quando una cosa scarseggia, bisogna condividerla a parità di impegno.

adriana pasotti, forlì Commentatore certificato 15.12.16 09:07| 
 |
Rispondi al commento

Io purtroppo fatico a capire cosa c'entri l' Europa in tutto questo. Ho sentito di esperienze di lavoro in Italia. Chi ha lavorato come cameriere in nero a capodanno per 50 mila lire, più mance e forse qualcosa da bere. Chi ha lavorato come operaio in nero per un muratore che dopo due settimane di lavoro gli ha passato 300 mila lire. chi ha lavorato in nero per un mese per un'azienda che fa impalcature che non voleva pagare e solo dopo molte insistenze e la minaccia di far intervenire il sindacato scuciva il milione e nove (e un mese di sgobbate a segliarsi alle 6 e tornare a casa alle 7). Questo avveniva molto prima dell'avvento dell'euro.
Più di recente, call centre che ti assumono senza paga, guadagni solo se ottieni dei contatti. Tutto rigorosamente in nero. Per me non è cambiato nulla. Adesso ti chiedono se non sbaglio di farti una partita IVA così ti prendono per il culo un po' meglio. Cosa c'entra l'Euro in tutto questo? niente. È la mentalità bacata degli italiani, tutto qui

mc 13.12.16 23:11| 
 |
Rispondi al commento

E' tutta questione di come presenti la notizia, con gli stessi dati potresti anche dire che l'Italia e' il Paese piu' ricco del sud Europa, segue la Spagna con di media il 20% in meno dello stipendio italiano e i Portoghesi che di media vivono con il 60% in meno del salario di un Italiano. Altro vanto della Repubblica e' il divario tra ricchi e poveri di cui l'Italia vanta il quarto posto in Europa dopo il Belgio (sede del parlamento Europeo) e i bastioni socialisti di Francia e Finlandia.

Se la metti cosi' in Italia non si sta poi cosi' male.

Daniele 13.12.16 18:37| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti
Vado attraverso questo canale per esprimere la mia gratitudine all'onorevole Anissa KHERALLAH che continua a fare del bene alle persone, per coloro che richiedono il suo aiuto consigli. Che ci ha aiutato dandoci un prestito per finire la nostra casa e aprire un ristorante; Vi assicuro che questa donna ha un cuore buono e ha il timore di Dio. Non guardare lontano, la persona che abbiamo bisogno di aiutare noi e non noi volare ms. Anissa KHERALLAH e il suo indirizzo è: developpement.aide@gmail.com
È inoltre possibile contattare me se volete maggiori informazioni su questo donna riempimento con bontà

sonia adomou Commentatore certificato 13.12.16 18:17| 
 |
Rispondi al commento

Sé l'Europa e l'euro vuol
dire sacrifici sacrifici sacrifici sacrifici
penso sia arrivato il momento di
fermarci e dire BASTA mi ARRENDO
La popolazione è allo stremo.
Mentre noi continuiamo a parlare parlare
Parlare l'ennesimo governo si è formato,
in barba a noi italiani sicuramente
Passeranno un ottimo natale senza farsi
Mancare niente invece noi dobbiamo fare
magie
È il loro momento siamo abituati a queste
Altalene non cambierà niente, e nel frattempo passerà altro tempo e gli italiani
dimenticheranno .
C'è bisogno che il popolo e noi tutti.
Prendiamo le redini del nostro futuro
Basta con la politica spendacciona
lobbista di parte ipocrita personale corrotta
Poltronista affarista avida arida e senza
Futuro per noi e i nostri figli.
POSSIAMO CAMBIARE
Mimmo c. Bari

Mimmo carucci ndefined 12.12.16 21:11| 
 |
Rispondi al commento

In un mio recente viaggio in Lussemburgo ho potuto notare che i prezzi dei carburanti erano di 40 centesimi più bassi dell'Italia, ed gli stipendi medi di €2500 NETTI. Quindi di cosa si vuol parlare?
Qualcuno dice colpa dell'€uro, forse...o forse colpa del cambio scellarato impostoci dalla troika della BCE.
Visto che dall'€uro non ci faranno uscire è chiedere troppo di avere una fiscalità uguale in tutta l'area €uro? E' troppo chiedere di livellare gli stipendi ad una media europea dignitosa? Perchè un operaio metalmeccanico in Germania guadagna €2500, mentre in Italia solo €1200. E per non parlare dei vantaggi fiscali di cui godono i sudditi della sig.ra Merkel, che ha parità di condizioni i nostri sembrano solo un elemosina a cui bisogna dirgli pure grazie.-

pierluigi c., campi bisenzio Commentatore certificato 12.12.16 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

STUPEFATTO ASSAI
Se non saranno fermati, il depauperamento dei salari/potere d’acquisto continuerò a scendere. Del resto le leggi liberticide in tal senso, portate aventi da compagini delle sinistra, fanno capire molto più di quello che traspare. La cosa che mi ha lasciato stupefaqtto riguarda il 40% di coloro che hanno votato SI. Questo dimostra che ancora troppi Italiani, per poter capire la situazione, hanno bisogno di ricevere in faccia ulteriori palate di merda. Peggio, molti Italiani pensano solo alla loro buona situazione momentanea. Purtroppo ancora molti pensano che le situazioni di degrado, emarginazione, disoccupazione, sottooccupazione, sfruttamento, non potranno mai scalfirli. Questo colossale errore di valutazione, presto o tardi, li farà pentire amaramente del loro ottuso egoismo.

Chi rinuncia alla propria libertà (dignità) per il proprio temporaneo benessere è uno sciocco perché perderà l’una e l’altro.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 12.12.16 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno, lo scusate per questo messaggio imprevisto, ma occorre che testimonio: Se ho trovato il sorriso è grazie a questa signora da che ho ricevuto un prestito di 45.000€ per il mio progetto e due dei miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti di questo pianta senza alcuna difficoltà. Li consiglio più voi non fuorviate persone. cinziamilani62@gmail.com
cinziamilani62@gmail.com

paola 12.12.16 17:40| 
 |
Rispondi al commento

gli stipendi degli italiani ma quelli della casta di parassiti non mi pare siano i più bassi.
A quelli degli italiani non frega assolutamente niente, importante è derubarci dei loro lauti stipendi e dei loro rivoltanti privilegi.

tullia colombo 12.12.16 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Xke' !!!!xke' sono vent'anni di politica corrotta .. Mai una politica x il cittadino /a .Escluso M5S. Sia chiaro

Angelo Fornaro 12.12.16 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è causato dal GAP-SALARIALE, si cui parla l'economista RAVI BATRA (http://irprout.it/?p=2450), vale a dire lo scarto tra produttività e salari.
Per Batra questo è causa di disoccupazione, povertà e bolle speculative.
Su questa linea sarebbe necessario ripristinare la SCALA MOBILE.

Tarcisio Bonotto 12.12.16 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Una politica seria sulla scuola per favore che tolga di mezzo bonus e regalie distribuiti agli amici a agli amici degli amici, che ridia dignità al lavoro docente,che tolga di mezzo false novità come l alternanza scuola lavoro per gli studenti, ipocrita e strumentale riforma di uno stato in cui la disoccupazione dei giovani è al 39%, che investa sulla qualità dell istruzione e sugli strumenti di innovazione della didattica delle discipline e riconosca il vero merito, non quello dei lacchè meschini dei dirigenti. Abolizione della 107 dibba per favore!

Roberto Bonanni 12.12.16 07:56| 
 |
Rispondi al commento

sono oltre 20anni che gli stipendi sono fermi. se si ottengono aumenti tra aumenti di irpef regionali, tasse su tutto, sperperi da rimpinguare, i benefici vanno a farsi benedire

fiorenzo zavattaro, gambasca Commentatore certificato 12.12.16 05:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao mondo
Io passo attraverso questo canale per esprimere la mia gratitudine alla signora Anissa Kherallah che continua a fare del bene alla gente, alle persone che chiedono aiuto e consigli. Lei ci ha aiutato dandoci un prestito per completare la nostra casa e aprire un ristorante; vi assicuro che questa donna ha un buon cuore e il timore di Dio. Non andare alla ricerca di distanza, la persona che abbiamo bisogno di aiutarci e non voliamo è la signora Anissa Kherallah e il suo indirizzo è: developpement.aide@gmail.com
Si potrebbe anche contattarmi se volete maggiori informazioni su questa donna piena di bontà

SANDRINE razac Commentatore certificato 11.12.16 23:20| 
 |
Rispondi al commento

Io completerei l'articolo con i dati relativi al Pil Pro Capite

Roberto B., Roma Commentatore certificato 11.12.16 22:38| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo ringraziare MORTADELLA, distruttore dell'I.R.I. poi deputato poi presid. consiglio. Ricordo come si battè per l'introduzione dell'euro. Però, s'è dimenticato, lui ed i suoi soci di equiparare stipendi e pensioni degli italiani alla media europea. I loro stipendi, privilegi, e vitalizi e prebende varie però sono stati aggiornati .Esempio: allora, (nel 2001 un deputato aveva come stipendio circa 12.000.000 al mese ed un dipendente circa 1.500.000 al mese. Quindi dal 2001 per loro, quei mascalzoni, l'equiparazione fu fatta. Cioè. 12 milioni stavano a 12.000 euro, mentre 1.500.000 non STAVANO A 1500,00 euro ma 750,00!! BUFFONE LUI E GLI ALTRI SOSTENITORI DI QUELLA SCIAGURA!! L'EURO E' STATA LA ROVINA!!


Basterebbe agganciare il livello medio degli stipendi (ad es: il 5* livello del CCNL dei metalmeccanici) agli stipendi dei parlamentari. Cioè non può mai inferiore ad una quota. Lo metterei in costituzione!

Carmelo Lo Verso 11.12.16 21:33| 
 |
Rispondi al commento

Sono esclusi gli stipendi della politica , delle dirigenze di municipalizzate fallimentari , la lista è lunga .
Sto guardando Di Ba , bravissimo

Amalia Francesca riso 11.12.16 20:49| 
 |
Rispondi al commento

OLTRE AD ABOLIRE EQUITALIA RIFORNARE L'AGENZIA DELLE ENTRATE

quello che stanno facendo negli ultimi anni e' qualcosa di impressionante!
manda cartelline di poche centinaia di euro per magari una mancanza di 10 euro versati ( gia' qua e' assurdo) e poi vedono chi paga e praticamente abbocca alla loro esca!
una volta pescato il tonno, vedeno se il tonno e' in posseso di casa, terreni o proprieta' e comincia con il mandarti cartelle che ti chiedono soldi perche' dicono sempre che la casa o il terreno etc.etc. che hai acquistato vale di piu' e quindi hai evaso e devi pagare ancora!
questi non fanno neanche perizie dal vivo per rendersi conto se una cosa vale meno o piu'.
lo fanno solo da un ufficio e sono spinti dai dirigenti a constatare sempre che vale di piu'!
poi ti fissano appuntamento e ti spaventano con cifre enormi per poi calarle sperando che cosi' il cittadino la paghi subito per evitare di incorrere in peggio!!!

questa e' un estorsione bella e buona autorizzata a cui bisogna dire basta e ribellarsi.
chiunque ricevesse accertamenti simili lo invito a non pagare e firmare nulla e di rivolgersi alle varie class action che sono nate , a cui non si paga niente!

mettere un tetto anche a questi dirigenti e basta dargli altri premi in piu' per quanti soldi riescono ad estorcere al cittadino !( eh si piu' riscuotono piu' soldi prendono! assurdo)

BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

genova genova, genova Commentatore certificato 11.12.16 19:56| 
 |
Rispondi al commento

Allora semplicemente:
-BASTA TOGLIERE I VOUCHER.
-BASTA TOGLIERE I CONTRATTI DI APPRENDISTATO PER I GIOVANI (400/600 euro al mese).
-BASTA TOGLIERE LA LEGGE FORNERO.
-BASTA TOGLIERE LA LEGGE BIAGI.
Il resto di risolve automaticamente, come è sempre stato in ITALIA.
Se in ITALIA si dovesse fare un referendum abrogativo su questi temi penso che l'esito sarebbe scontato e l'affluenza sarebbe quasi totale.

Guido Pinelli, Canneto Sull'Oglio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 11.12.16 19:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

USCIRE DALL'EURO SUBITO

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 11.12.16 19:15| 
 |
Rispondi al commento

uesta informazione va diffusa al piu' presto, prima della fine del 2016. Prima delle tredicesime. Prima della primavera 2017. I consumi diminuiscono perchè gli STIPENDI sono fermi dal 2009 o 2010. Ma non tutti gli elettori sono economisti. Molti non capiscono i calcoli europei. Nemmeno quelli nazionali. E prima che dai " loculi o sarcofai" resuscitino i politici di 40 anni fa, DOBBIAMO studiare UNA STRATEGIA COMUNICATIVA. Per raggiungere almeno il 35 % di CONSENSI. ( Secondo la mia esperienza professionale e politica ) . grazie BEPPE.

danila querio, Torino Commentatore certificato 11.12.16 18:57| 
 |
Rispondi al commento

USCIRE DALL'EURO. SUBITO!!!

giovanni f. 11.12.16 18:46| 
 |
Rispondi al commento

In compenso quella dei politici è la più alta nella grande maggioranza degli stati del mondo

giuseppe zucca 11.12.16 17:01| 
 |
Rispondi al commento

e' ora che arrivi questo beneamato reddito di cittadinanza, perche' se non c'e' piu' lavoro o le paghe si abbassano costantemente di qualcosa bisogna pur vivere! ( presupposto di essere onesti senza delinquere!)
a tutti quelli che si chiedono ma io lavoro e guadagno 700 euro al mese e si domandano e allora io sono scemo? si sei scemo se continui a farti sfruttare per quei pochi spiccioli che ti danno i tuoi padroni multimilionari!
cosi' si costringe il datore di lavoro ad alzare le paghe se no bestie da sfruttare non ne trova piu'!
dico a chi lavora, pensate anche solo a nonni e genitori che vivono in miseria per mantenersi nipoti e figli e che purtroppo ad un certo punto della loro vita non si possono neanche godere e raccogliere i frutti che hanno seminato nella loro vita!
BASTA SCHIAVI SUL LAVORO, SI AL REDDITO!

genova genova, genova Commentatore certificato 11.12.16 16:42| 
 |
Rispondi al commento

È' sempre un piacere leggere sulle statistiche italiane e internazionali cose che sappiamo gia'. Purtroppo le statistiche non ci danno la soluzione dei problemi e neppure la situazione reale.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 11.12.16 16:13| 
 |
Rispondi al commento

Siamo bravissimi a trovare e denunciare i problemi,
e' con la soluzione degli stessi che non ci siamo.
Cosa fara' il Movimento per alzare gli stipendi ?

Mauri M. Commentatore certificato 11.12.16 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DOV'E' IL SIGNOR PRODI,ESPERTO EMERITO DI ECONOMIA BUCATA PRESSO TUTTE LE UNIVERSITA' ITALIANE?????
SE E' PRESENTE,BATTA UN COLPO,PER FAVORE.....ALTRIMENTI,VADA AFFANCULO!!!!!

ANNA PONISIO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 11.12.16 14:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MA I PARLAMENTARI ITALIANI SONO.....AI PRIMI POSTI !!!

terenzio eleuteri 11.12.16 12:55| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Ovviamente da questa statistica sono esclusi gli stipendi della politica ( nazionale. regionale, provinciale etc) che non hanno eguali all'estero.

francesco 11.12.16 12:35| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori