Il Blog delle Stelle
Sono i giovani le vere vittime della crisi

Sono i giovani le vere vittime della crisi

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 30

articolo scritto da Vittorio Nuti per Il Sole 24 Ore

Gli italiani popolo di rentier, l'etichetta che si appiccica a chi vive di rendita, e quindi incapace di investire sul futuro, malato di immobilismo sociale che in anni di crisi genera insicurezza. L'immagine della società italiana che emerge dal 50° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese non è lusinghiera, ma conferma l'idea di un disagio crescente acuito da anni di recessione. Come sempre, l'analisi sociologica del Centro Studi Investimenti Sociali è basata su numeri e statistiche. Come quelle che registrano 114 miliardi di euro di liquidità aggiuntiva (più del Pil dell'Ungheria) accantonati dai nostri connazionali dall'inizio della crisi accantonati. Al gruzzolo messo insieme dai rentier corrisponde il passo indietro delle giovani generazioni: rispetto alla media nazionale, redditi più bassi del 15% (e del 26,5% rispetto ai loro coetanei di venticinque anni fa) e ricchezza inferiore del 41 per cento.

Nipoti più poveri dei nonni
Sono dunque i Millenial le vittime inconsapevoli di questi anni, stritolati dalla crisi e dal ridursi delle occasioni per affermarsi, uno stand by in corso da anni che ha congelato aspettative e sogni. Le famiglie dei giovani con meno di 35 anni penalizzate da un reddito medio più basso rispetto alla media della popolazione devono confrontarsi con l'incremento delle entrate degli over 65: + 24,3 per cento. Le cose non cambiano se parliamo di ricchezza complessiva: oggi quella attribuita agli under 35 è inferiore del 4,3% rispetto a quella dei loro coetanei del 1991, mentre per gli italiani nell'insieme il valore attuale è maggiore del 32,3% rispetto ad allora e per gli anziani è maggiore addirittura dell'84,7 per cento. Il divario tra i giovani e il resto degli italiani si è ampliato nel corso del tempo, perché venticinque anni fa i redditi dei giovani erano superiori alla media della popolazione del 5,9% (mentre oggi sono inferiori del 15,1%) e la ricchezza era inferiore alla media solo del 18,5% (mentre oggi lo è del 41,1%).

Rappporto investimenti/Pil tornato ai minimi dal Dopoguerra
Alla precarietà dei giovani - figli e nipoti - fa da contraltare la scarsa propensione al rischio e agli investimenti di chi detiene i cordoni della borsa: nonni e genitori. Secondo il Censis, infatti, quasi il 36% degli italiani tiene regolarmente contante in casa per le emergenze o per sentirsi più sicuro e, se potessero disporre di risorse aggiuntive, il 34,2% dei nostri connazionali le terrebbe in depositi o conti correnti. Questo spiega l’incidenza degli investimenti sul Pil, che in Italia si ferma al 16,6% (dato 2015), ai minimi dal Dopoguerra e lontano dalla media europea (19,5%), da Francia (21,5%), Germania (19,9%), Spagna (19,7%) e Regno Unito (16,9%). Insomma, i solidi ci sono, ma manca la proiezione al futuro : ci si limita a consumare il “gruzzolo”, «con il rischio di svendere pezzo a pezzo l'argenteria di famiglia».

Più occupazione ma i segnali rimangono contraddittori
Lo scenario contraddistinto da un “popolo immobile”, diviso schematicamente tra giovani sempre più poveri e anziani sempre più ricchi, ha visto negli ultimi anni qualche timido segnale di vivacità sul fronte occupazionale, con il recupero di 274mila occupati tra il 2013 e il 2015. Nel primo semestre del 2016 l'andamento dell'occupazione è ancora positivo, con una variazione pari a +1,5% rispetto allo stesso semestre del 2015. Nel periodo gennaio-agosto 2016, inoltre, il contratto a tempo indeterminato è stato utilizzato nel 21,3% dei rapporti di lavoro attivati (nel 2015 la quota era molto più alta: 32,4 per cento). I contratti a termine sono il 63,1% del totale. Segnali contraddittori ma evidenti dei cambiamenti in corso nel mercato del lavoro, dovuti soprattutto alla decontribuzione e al Jobs Act con i contratti a tutele crescenti.

Boom dei voucher e passi indietro per la produttività
Non mancano però i dati che inducono al pessimismo, come la crescita esponenziale dei voucher: 277 milioni di contratti stipulati tra il 2008 e il 2015, e 70 milioni di nuovi voucher emessi nei primi sei mesi del 2016. Una conferma che il mondo produttivo chiede flessibilità e abbattimento dei costi, allargando l'area delle professioni non qualificate e del mercato dei «lavoretti». Quello che contraddistingue i periodi di bassa crescita economica e bassa produttività: dal 2015 i nuovi occupati sono associati a una produzione di ricchezza di soli 9.100 euro pro-capite, e la produttività si è ridotta da 16.949 euro per occupato del I trimestre 2015 ai 16.812 euro del II trimestre 2016). Un dato preoccupante perché incide direttamente sul Prodotto interno lordo: nell'ultimo anno e mezzo, se la produttività fosse rimasta costante, il Pil sarebbe cresciuto complessivamente dell'1,8% e non solo dello 0,9 per cento.

In tre anni triplicate start up innovative
I segnali di speranza, in un quadro sostanzialmente negtativo, arriva dal dato sulle nuove iniziative imprenditoriali, le cosiddette “start up” innovative, triplicate in meno di tre anni. Il rapporto Censis spiega che «le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese» sono passate «dalle 1.486 del 2013 alle 6.323 della fine di settembre 2016». Nel primo semestre del 2015, si legge nel Rapporto, le imprese cessate sono state meno dell'1% del totale. Le grandi città catalizzano il 37% delle startup innovative, quasi il 50% degli incubatori e oltre il 20% dei fablab nazionali. Milano e Roma sono in testa, seguono Torino, Napoli, Bologna e Firenze. Il settore produttivo che caratterizza la maggior parte di queste imprese è la creazione di software, quasi il 20% opera nel manifatturiero. Nei 115 fablab censisti in Italia nel 2016 da Censis e Make in Italy i makers creano i prototipi funzionali necessari per poi giungere a una produzione industriale su grandi numeri. L'attrezzatura imprescindibile e presente nella quasi totalità (il 98,9%) dei fablab è la stampante 3d.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Dic 2016, 11:12 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 30


Tags: censis, crisi, disoccupazione, giovani, governo

Commenti

 

Ciao


quindi ho ricevuto un prestito di 125.000 euro in signor CLAUDET, allora se avete bisogno di prestito, voi potete contattarlo su questo mail:claudejiliet7@gmail.com

BLOGNE JUSTINE , toscana Commentatore certificato 09.12.16 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno potrebbe smentire questa notizia? Grazie

http://www.byoblu.com/post/notiziedalweb/un-golpe-a-5-stelle-lasse-di-maio-monti-commissione-trilaterale

Silvano Coletta 09.12.16 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mr. & Mrs.
In seguito alle difficoltà finanziarie subite da molte persone in tutto il mondo ho deciso insieme ai miei avvocati e il mio avvocato di concedere prestito tra individui e tutti coloro che sono nel bisogno. Così, per le vostre esigenze di prestiti tra persone di far fronte alle difficoltà finanziarie, o per rilanciare le attività o per un progetto, per rompere finalmente la situazione di stallo che causano le banche dal rifiuto dei file di richiesta di credito sono in grado di fare prestiti che vanno da 2.000 € a 5.000 € 000 con un tasso di interesse del 3% per la quantità necessaria e con condizioni di rimborso che rendono la vita più facile. Si tratta di aree in cui possiamo aiutarvi a: * finanziari * Home Loan * Investimento Prestito * Auto Prestito * Consolidamento del debito * Linea di credito * Seconda ipoteca * Acquisizione di credito * Prestito personale si sono bloccati, banca vietata e si non hanno il vantaggio di banche o è meglio avere un progetto e hanno bisogno di un finanziamento, cattivo credito o bisogno di soldi per pagare le bollette, soldi da investire per affari. Quindi, se avete bisogno di prestito non esitate a contattarci. Per ulteriori informazioni si prega di contattarci via mail: developpement.aide@gmail.com

john rude james Commentatore certificato 07.12.16 20:06| 
 |
Rispondi al commento

e' ora che arrivi questo beneamato reddito di cittadinanza, perche' se non c'e' piu' lavoro di qualcosa bisogna pur vivere! ( presupposto di essere onesti senza delinquere!)
a tutti quelli che si chiedono ma io lavoro e guadagno 700 euro al mese e si domandano e allora io sono scemo? si sei scemo se continui a farti sfruttare per quei pochi spiccioli che ti danno i tuoi padroni multimilionari!
cosi' si costringe il datore di lavoro ad alzare le paghe se no bestie da sfruttare non ne trova piu'!
dico a chi lavora, pensate anche solo a nonni e genitori che vivono in miseria per mantenersi nipoti e figli e che purtroppo ad un certo punto della loro vita non si possono neanche godere e raccogliere i frutti che hanno seminato nella loro vita!
BASTA SCHIAVI SUL LAVORO, SI AL REDDITO!

genova genova, genova Commentatore certificato 07.12.16 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno

Se avete bisogno di prestito, potete contattare questa mail per più informazione. Ecco il suo indirizzo elettronico: claudejiliet7@gmail.com

BLOGNE JUSTINE , toscana Commentatore certificato 07.12.16 15:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno per tutta la vostra necessità e di prestito di credito per questi celebra di fine 'anno volete contactr signora MANECCHI che pouras aiutarvi mail: silvia19manecchi75@gmail.com

gionna 06.12.16 03:07| 
 |
Rispondi al commento

Tutti continuano a chiedere soldi per aiutare questo o quello, per risolvere il tal problema o mitigare sofferenze, a nessuno è mai venuto in mente che il problema sia proprio il denaro ? Da strumento di misura per gli scambi di merci lo hanno trasformato in merce !
So che è un ragionamento destinato alle prossime generazioni ma credo si debba iniziare a parlare di come riformare il sistema bancario.
Scusate se scrivo cose un pò onniriche a quest'ora.
Buonanotte a tutti. M5S forever

Tukko67 aka (acronik-nauta) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 06.12.16 00:32| 
 |
Rispondi al commento

una societa', uno Stato che non si occupa dei propri giovani, e' destinato a morire dopo poco tempo....il primo problema che ormai da quasi 40 ani ha questo Paese e' la cattiva amministrazione che ha avuto.....un Paese che non ha mai smesso di indebitarsi....che produce sempre di meno, che svende le sue grandi societa' per farle sopravvivere, un Paese fermo negli investimenti su ricerca e innovazione, che detiene uno dei piu' alti tassi di evasione fiscale nel Mondo.....che non sa' spendere in modo intelligente le proprie risorse.....logico vedere pagare le conseguenze di tutto questo ai nostri giovani...alla futura generazione....salvandone solo quella dei figli di alcuni ceti sociali e poco piu'.....un dramma nel dramma....i nostri padri, non sono stati molto bravi...ed i nostri figli se ne sono accorti presto.......per sovvertire e cambiare questo baratro, c'e' solo un modo...."CAMBIARE".......i nostri giovani possono cambiare le regole del gioco...e' l'unica arma che hanno, possono scegliere di non votare piu' chi ci ha amministrato fino ad oggi.....e provare qualcosa di nuovo.......e solo per questo, a Beppe Grillo andrebbe fatta una statua!

fabio S., roma Commentatore certificato 05.12.16 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Non solo i giovani sono penalizzati nel mondo del lavoro ma anche chi il lavoro non l'ha piu' e i pensionati come me che aspettano la pensione chissa' quando riusciro' a recuperare i miei contributi versati e godermeli visto l'eta'pensionabile trasformata in (ad un passo dalla tomba). L'insoddisfazione del popolo italiano e'arrivata al massimo della sofferenza.

undefined 05.12.16 22:13| 
 |
Rispondi al commento

Buona serata a tutti.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 05.12.16 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Per favore, almeno voi, denunciate quella truffa di progetto che è la Garanzia Giovani. Non sapete quanti ve ne saranno grati! qualche sindacato ne ha parlato, ma la discussione ha mantenuto solo una dimensione locale.

donatella s 05.12.16 21:31| 
 |
Rispondi al commento

PADRI E MADRI SONO I RESPONSABILI E I FIGLI COMPLICI !!!
GIA' SOLO CON 40.000.000 DI AUTOMEZZI ACQUISTATI ALL'ESTERO SI POTEVA AVERE IN TASCA DAI 5 AI 6.000 MILIARDI DI EURO !!!
PARI A 200 ANNI DI FINANZIARIE !!!
QUESTO CON IL SOLO ACQUISTO DI AUTOMEZZI ESTERI .... !!!

Franco Della Rosa 05.12.16 21:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La crisi è figlia anche dell'evasione fiscale per cui di riflesso i giovani ne pagano le conseguenze.
Il caporalato a tutti i livelli e l'introduzione dei vaucer, alimentano il mercato nero del lavoro, rendendo questi poveri ragazzi schiavi di banditi senza limiti. per non parlare poi dei posti di lavoro gentilmente offerti dalla mafia in generale che con l'assenza di un ASSEGNO DI CITTADINANZA non da alternative se non a dedicarsi al crimine. Che squallore, è o' popolo che o vole.

giovanni f. 05.12.16 20:33| 
 |
Rispondi al commento

si va beh , ok ci 'sta tutta l'analisi , non voglio difendere l'indifendibile ,ma cmque e' vero anche il fatto che i nostri ( nonni , padri ) hanno profittato ( inconsapevolmente ) di un clima economico favorevole dato anche dal fatto che si veniva da un periodo figlio del piano marshall.....il barile era pieno.....ma il buco da dove uscivano era ( e lo e' ancora ) piu' grande di quello da dove escono...

emanuele bolognesi 05.12.16 19:19| 
 |
Rispondi al commento

Leggo da un giornale che il Presidente della Repubblica Mattarella,ha dichiarato "l'alta affluenza al voto nel referendum, è la testimonianza di una democrazia solida, di un paese appassionato, capace di partecipazione attiva,...".Infatti la stragrande maggioranza dei votanti sono GIOVANI,OVER 50, PROSSIMI ALLA PENSIONE,...TUTTI DISOCCUPATI !!!!!!!!

valentino g., castelfranco veneto Commentatore certificato 05.12.16 18:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A BEPPE CON SIMPOTIA
lA DEMOCRAZIA HA VINTO
iL POPOLO ITALIANO HA VINTO UNA BATTAGLIA DI AFFERMAZIONE DELLA DEMOCRAZIA

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 05.12.16 16:43| 
 |
Rispondi al commento

SI, MA LA RESPONSABILITA' E' DEI PADRI E DEI FIGLI !!!
CON 40.000.000 DI AUTOMEZZI ACQUISTATI ALL'ESTERO SI POTEVA AVERE IN TASCA DAI 5 AI 6.000 MILIARDI DI EURO !!!
200 ANNI DI FINANZIARIE !!!
SOLO CON L'ACQUISTO DI AUTOMEZZI IN CASA .... !!!

Franco Della Rosa 05.12.16 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Che i giovani siano nella merda lo hanno capito da soli, sulla propria pelle, ben prima del CENSIS. Chi non ha capito o non ha voluto capire e agire di conseguenza è' stato il Governo appena defunto al quale sarebbe spettato l'onore di mettere in campo politiche adeguate per almeno mitigare il fenomeno. Naturale quindi che i giovani siano esasperati è che alla depressione stia seguendo la ribellione.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.12.16 15:47| 
 |
Rispondi al commento

il 40% degli italioti sono moralmente corrotti nell'animo quindi bisogna farcene una ragione che 4 italiani su 6 sono teste di cazzo nate calzate e vestite e che permetterebbero qualsiasi atrocità e ingiustizia per far contenti i loro padroncinini rossi.

fatevene una ragione che è così!


gli italiani allìestero è una cosa diversa perché alcuni hanno votato SI a sfottò cioè gente che ha preso per il culo quegli italioti che non ama e che sono il motivo per il quale se ne sono andati via definitivamente....

gli altri semplicemente non hanno avuto una corretta spiegazione su quello che andavano votando...


una legge elettorale seria dovrebbe obbligare gli italiani all'estero a ricevere un ciclostilato con le ragioni del no e del si scritte in massimo 500 caratteri da ciascuno dei partiti italioti.

io apro la busta ... mi leggo quel che dice salvino ... poi mi leggo cosa dice il malanese.... poi mi dico anche quel che dice il bucaiolo ecc ecc ecc. ogniuno in soli 500 carattere ( per evitare il politichese ) e poi voto .... non che voto avendo letto solo la pubblicità elettorale farlocca e partigiana ( senza offesa per i partigiani ) dell'ebetissimo e della sua ciurmaglia!


vedete quante cose non vanno nella legge elettoale?


il problema è che la legge elettorale deve essere dentro la costituzione e non fuori che ogni nuovo che arriva la vuole campbiare per i suoi sporchi interessi di parte!


la fai bene e la metti dentro con tutto il corollario di regole tipo questa delle 500 righe ciclostilate da consegnare all'elettore residente all'estero almeno 2 settmane prima del voto.


poi io la penso coì ma non conto un casso.


la magistratura va rivista e servono le giurie popolari estratte a sorte tra gente che ha un diploma di laurea (o equipollente) per lo meno quando si tratta di reati che possono cambiare il quadro politico italiano.... cioè andrebbe sostituita l'immunità parlamentare con qualcosa che non sia in mano direttamente ai giudici ma al popolo colto.

brun ecchisse 05.12.16 15:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Penso ai nipoti che non hanno più i nonni o non li hanno mai avuti.
Penso ai giovani con i genitori disoccupati
Penso ai giovani che sanno perfettamente la differenza tra PD e Berlinguer (sono tanti per fortuna)
Penso ai giovani che credono ancora nel merito e non trovano lavoro
Penso ia giovani che contano su una raccomandazione e trovano lavoro


Ditemi subito se il M5S è (diventato) un movimento anti-Europeista. Se è così, mi tolgo subito

Roberto Tosi 05.12.16 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Vi posso assicurare che giù nel meridione stanno entrando in voga anche vittime non più tanto giovani che vanno a fare lavori in nero per poter andare avanti per pagare le tasse!

Claudio D., Brindisi Commentatore certificato 05.12.16 13:53| 
 |
Rispondi al commento

In effetti siamo un popolo di vecchi,rincoglioniti dal TV e quotidiani...ma è voluto!
Chissà perchè!
Comunque il "vecchio" ha un retaggio storico a portata di mano per i giovani,la memoria storica che può servire...perchè non sfruttarla?
Troppo scomodo ai politici attuali,meglio non ricordare.

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.12.16 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S ascolti i molti giornalisti e dirigenti di questo paese che vogliono veramente cambiarlo ....molti di loro possono aiutarci a crescere più velocemente e con competenza

Nunzio Corrado, Fiumicino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 13:23| 
 |
Rispondi al commento

I giovani sarebbero vittime di certi vecchi rincoglioniti che credono che il pd sia il pci di Berlinguer.

giovanni f. 05.12.16 11:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori