Il Blog delle Stelle
Vicini al popolo greco

Vicini al popolo greco

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 42

business carrier articles new carrier business opportunities finance carrier deposit money carrier making art loan carrier deposits make carrier your home good income carrier outcome issue medicine carrier drugs market carrier money trends self carrier roof repairing market carrier online secure carrier skin tools wedding carrier jewellery newspaper carrier for magazine geo carrier places business carrier design Car carrier and Jips production carrier business ladies carrier cosmetics sector sport carrier and fat burn vat carrier insurance price fitness carrier program furniture carrier at home which carrier insurance firms new carrier devoloping technology healthy carrier nutrition dress carrier up company carrier income insurance carrier and life dream carrier home create carrier new business individual carrier loan form cooking carrier ingredients which carrier firms is good choosing carrier most efficient business comment carrier on goods technology carrier business secret carrier of business company carrier redirects credits carrier in business guide carrier for business cheap carrier insurance tips selling carrier abroad protein carrier diets improve carrier your home security carrier importance

di Laura Agea, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa

Siamo vicini al popolo greco. È vergognosa la decisione dell'Eurogruppo di sospendere gli aiuti alla Grecia in risposta all'introduzione di una tredicesima alle pensioni sotto gli 850 euro. Tutti devono sapere da chi arriva questa nuova scudisciata al popolo greco che da anni sopporta grandissimi sacrifici. I due registi di questa operazione sono il socialista Jeroen Dijsselbloem, presidente dell'Eurogruppo, e il Ministro delle Finanze tedesco il popolare Wolfgang Schaeuble, lo stesso che auspicava la vittoria del SI al referendum costituzionale in Italia. PPE e S&D governano in tandem tutte le Istituzioni europee. Sono loro i responsabili di queste politiche sbagliate che si accaniscono sui cittadini senza portare a casa nessun risultato.

Il 5 dicembre, in occasione della riunione dell'Eurogruppo a Bruxelles, il Ministro delle Finanze francese annunciava con fiducia e determinazione che il governo greco aveva fatto grandi passi per implementare le riforme chieste dalla Troika. Senz'altro l'accordo era alle porte, e sarebbe stato chiuso prima di Natale. Era tempo, diceva il Ministro, di ricompensare gli sforzi della Grecia con un abbassamento del debito, perché: la Grecia ha mantenuto la parola. E' ora che l'Europa mantenga la sua.

Queste, Signor Commissario, sono state anche le Sue parole in occasione di quella riunione. Incitava Lei stesso i creditori della Grecia a prendere in considerazione l'impegno mostrato dal governo greco. Ma ecco che, ancora una volta, ci ha pensato il governo tedesco a chiudere subito il rubinetto, per impedire alla Grecia di ricevere quel poco respiro che l'Europa era disposta ad offrire.

La Germania, la stessa che da anni viola le regole sul surplus. La stessa che danneggia tutta l'area euro non investendo quanto invece dovrebbe. Per il Ministro tedesco Schäuble, niente è mai abbastanza. La Grecia non ha fatto abbastanza: "ci vuole più austerità, bisogna implementare nuove riforme strutturali". Da che pulpito! Il Ministro tedesco dovrebbe spiegarci quali sono le "riforme strutturali" messe in campo dalla Germania per evitare un nuovo dieselgate o per aumentare i salari dei minijob!

Vi chiedo, cari colleghi, di interrogarvi con sincerità sulle ragioni di tanta rigidità. Diventa sempre più difficile allontanare il pensiero che l'inflessibile rigidità del Ministro Schäuble e del suo governo nasconda ben altre intenzioni, che nulla hanno a che fare il reale stato di attuazione delle riforme implementate in Grecia: piuttosto, non saranno forse le elezioni in Germania previste per il prossimo anno a rendere il Ministro Schäuble così rigido e inflessibile? Una campagna elettorale vissuta sulla fame di quei genitori che non riescono più a nutrire i loro figli, sulla pelle di quelle madri che si danno alla prostituzione per riuscire a comprare almeno la colazione per i loro bambini. La prostituzione è aumentata del 150%, i casi di HiV del 200%.

Questa, caro Ministro Schäuble, è solo una delle agghiaccianti conseguenze della squallida dimostrazione di forza che Lei sta cercando di vendere ai Suoi elettori. Gli elettori che non vengono ascoltati, ma solo suggestionati. Gli elettori che non sono stati ascoltati in Grecia con il referendum voluto da Alexīs Tsipras. Gli elettori che non vengono ascoltati in Italia, che hanno detto NO alla riforma della Costituzione, NO a Renzi e al governo delle banche, ma si ritrovano, dopo pochi giorni, un premier telecomandato da Renzi stesso.

Che dire poi dell'altrettanto squallido teatro dello "scarica-barile" a cui i cittadini greci, l'Europa, e il Mondo intero stanno assistendo dopo che l'Eurogruppo ha fallito nel suo intento di abbassare il debito? Questo, cari colleghi, è infatti quello che stiamo osservando: uno "scarica-barile" in cui persino gli Artefici dell'austerità vogliono ora negare la propria Responsabilità, dipingendosi come vittime di accuse infondate, e aggiungendo così ulteriori insulti alle uniche vere vittime di questo teatro: i cittadini greci. Su un fronte, il Fondo Monetario Internazionale, e sull'altro fronte il Meccanismo Europeo di Stabilità: coinvolti in un grottesco scambio di accuse in cui il FMI si affretta a dipingersi come difensore del popolo greco, "avvertendo" che quella soglia del 3,5% per il surplus dopo il 2018 richiederà nuove misure di austerità, dannose per la ripresa economica.

Colleghi, rendiamoci conto che persino il FMI si vergogna dell'Austerità che sta schiacciando la Grecia! E se ne vergognano persino le istituzioni europee, che si affrettano subito a denunciare il FMI, per potersi liberare a loro volta dell'infausta "macchia dell'aguzzino" che è ormai divenuta ingombrante per tutti.

Per tutti, tranne che per il Ministro Schauble e per il governo tedesco, che sembrano quasi vantarsi della propria spietatezza. Colleghi, mentre il FMI gioca a palla con il Meccanismo Europeo di Stabilità per determinare "chi è il Cattivo", nel frattempo nessun accordo è stato trovato dai Ministri dell'Eurozona, mentre il governo greco valuta nuove riforme del lavoro che toglieranno qualsiasi protezione ai dipendenti del settore privato, e lasceranno per strada chi non riesce a pagare la casa.

E come se non bastasse, ad Atene si è approvato da poco il budget per il 2017, che include tagli per un miliardo di euro e prevede nuove tasse per il valore di un altro miliardo: tasse sulle cose più quotidiane, dalle chiamate telefoniche al consumo di tabacco e bevande alcoliche. Colleghi, questa Unione è costituita da 28 Stati Membri, che sono ora chiamati a scegliere. Vi invito a scegliere le parole citate più sopra: "La Grecia ha mantenuto la parola. E' ora che l'Europa mantenga la sua.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

17 Dic 2016, 11:20 | Scrivi | Commenti (42) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 42


Tags: europa, grecia, Laura Agea, M5S Europa, troika

Commenti

 

Bene. Ottimo.

Cesare R., Pomezia Commentatore certificato 19.12.16 14:02| 
 |
Rispondi al commento

bisogna agire riempendo i parlamento europeo con chi vuole l'europa diversa

roberto diroma 19.12.16 09:50| 
 |
Rispondi al commento

I tedeschi vanno in pensione a 70 anni e i greci e gli italiani a 50. Fanno lavori piu' qualificati e sono piu' istruiti di noi e dei greci. In Germania nessuno tocca un euro, non possono continuare a mantenere chi ha sperperare per anni

Federico Bartoli 19.12.16 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Questa è la considerazione che i vertici dell'Europa(Germania e co.)hanno dei popoli,specialmente di quelli del sud,ci hanno contrabbandato l'idea che sarebbe stata un'istituzione in favore dei popoli,nel nome della solidarietà economica,culturale ecc,invece hanno gettato la maschera,è solo un sistema,dove alcuni stati,dominano e schiacciano altri,usando la leva economica.

MaurizioFerrara 18.12.16 19:57| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo la Grecia ha avuto, dopo il referendum, la grande occasione d'uscire dall'euro ma non l'ha sfruttata. Dopo due anni sarebbe stata molto meglio ed economicamente più forte.Forse all'inizio sarebbe stato difficile e con molte sofferenze ma l'uscita dalla moneta unica, oggi, li avrebbe rianimati.In fin dei conti quali vantaggi ha avuto la Grecia a restare nella zona euro? Fame, povertà,miseria e disperazione sono la risposta.Per quel che riguarda il neonazista con carrozzella non ho altri aggettivi per definirlo.

massimo.s. 18.12.16 18:20| 
 |
Rispondi al commento

Di fronte a questo stillicidio, non ci sono parole. Bisogna invocare di uscire, non solo dall'euro ma dalla ghigliottina che questi invalidi mentali vogliono obbligarci a sopportare.Pensiamo se una tragicità del genere dovesse toccare a noi,anche voi come movimento sareste responsabili per non aver agito e buttate le reti del salvataggio.Tutto per aver proposto la tredicesima al di sotto della mensilità di fame. Questi usurai vanno abbattuti con qualsiasi mezzi, quel paralitico bisogna portarlo al mare, e lasciare sul pendìo la sua carrozzella.Grazie

Pio Bovio, Milano Commentatore certificato 18.12.16 11:04| 
 |
Rispondi al commento

Pochi italiani sanno come funzionano le decisioni a livello europeo quando fuoriescono dal processo democratico europeo (trilogo). Attraverso ECOFIN e i capi di stato (sovente nominati ma non eletti nei divers Stati Membri) la cui agenda e le decisioni decisioni basate sul consenso e non su "votazioni" e sono tenute praticamente segrete. Tra tutti la questione dei migranti ed ancor di più quelle strettamente economiche come nel caso della Gracia..Grazie On Agea per le informazion che dimostrano quanto i governi che si sono succeduti in Italia non abbiano alcun peso sull'asse di forza tedesco.. aver inviato per anni e continuare ad inviare gente inetta e "raccomadata" sui diversi tavoli di contrattazione e rappresentanti ad esempio i diversi Ministrei italiani è alla base delle debolezze attuali dell'Italia. Report ne ha parlato parecchio ma chissà perchè resta una trasmissine isolata.. Voi dei 5Stelle non siete manovrabili.. fate paura e basta perchè costituite l'imponderabile ... ANDATE AVANTI

maya arai 18.12.16 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Schiavitù dei nostri tempi;

Debito pubblico della Grecia in percentuale del PIL 175,1% del PIL (Italia 132,6 e Germania 78,4) dati 2013.

I soldi prestati alla Grecia dalle banche straniere soprattutto la Germania con interessi altissimi circa 15% per il fatto che il paese a rischio.

maggio 2010 i paesi dell'Eurozona e il Fondo Monetario Internazionale hanno approvato un prestito di salvataggio per la Grecia da 110 miliardi di euro, ottobre 2011 altri 130 miliardi, in cambio duro pacchetto di austerità.

Ma la verità che i greci non hanno visto i benefici di questi prestiti perché sono finiti nelle banche della Germania ad altri creditori.

I greci hanno subito una grande ristrettezza economica, il paese passa una situazione drammatica, devono lavorare solo per pagare altissimo interesse, non usciranno mai dalla schiavitù dei nostri tempi.

https://www.facebook.com/shahab.shirakbari.5

https://www.meetup.com/it-IT/Meetup-Controllo-dellimmigrazione-Terni/events/234544494/

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 18.12.16 07:41| 
 |
Rispondi al commento

Uno stralcio della lunga lettera scritta da Gandhi ed indirizzata al viceré inglese Lord Irwin alla vigilia della marcia del sale.......
Le iniquità sono tenute in vita per mantenere una amministrazione straniera che, come è facilmente dimostrabile, è la più costosa del mondo.
Consideri il suo stipendio. E’ di oltre 21000 rupie ( 7000 dollari ) al mese, oltre ad altre aggiunte indirette e supplementari. Ciò significa che lei guadagna oltre 700 rupie al giorno, contro la media del reddito indiano che è di meno di 2 annas ( 4 cent ) al giorno.
Lei quindi ha un introito di oltre 5000 volte superiore al reddito medio indiano…
La prego in ginocchio di meditare su questo fatto. Sono dovuto ricorrere ad un caso personale per mettere in luce una dolorosa verità. Ho troppa stima di lei come uomo per voler urtare i suoi sentimenti … Ma un sistema che crea situazioni di questo genere merita di essere fatto sommariamente a pezzi … Solo una organizzata non violenza può frenare la violenza organizzata del governo britannico.
Se il popolo indiano si unisce a me, come immagino farà, le violenze che subirà, a meno che l’Inghilterra non torni presto sui suoi passi, saranno abbastanza per sciogliere i cuori più impietriti.

Piercarlo Piredda 18.12.16 06:33| 
 |
Rispondi al commento

Civiltà millenarie annientate in pochi anni.

nobileviaggiatore 18.12.16 02:57| 
 |
Rispondi al commento

IL POPOLO GRECO ANDREBBE AIUTATO A PRESCINDERE.
AIUTERESTE VOI LA VOSTRA MAESTRA O IL VOSTRO PROFESSORE O IL VOSTRO DOCENTE UNIVERSITARIO CHE DOPO ANNI DI INSEGNAMENTO SI DOVESSERO TROVARE IN DIFFICOLTA' ECONOMICHE (PER COLPE NON LORO) ?
EBBENE LA GRECIA E' STATA LA CULLA DELLA CIVILTA' CI HA TRASMESSO LA CULTURA, IL SAPERE, LA FILOSOFIA TUTTO IL GERME DELLA VITA SOCIALE.
QUINDI SMETTIAMOLA DI VESSARLI E AIUTIAMOLI A USCIRE DALLA CRISI SENZA SANZIONI E SENZA TROICA. GIACOMO ZELARI

Giacomo Zelari, roma Commentatore certificato 17.12.16 23:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi vive sperando , muore (sapete come).
Reddito di cittadinanza ai meritevoli rivoluzionari d'Italia, per tornare alla agricoltura ci vanno fondi. E buona domenica a tutti.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 17.12.16 23:04| 
 |
Rispondi al commento

basta con i greci sono delle teste di cazzo e meritano il casino nel quale si sono messi punto e basta.


finitela di riproporre la solita solfa da 2012 e forse prima.


meglio non imitarli che alrimenti finiremo come loro e come finirà la romania alle lunghe.

quello che non è 17.12.16 22:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cosa cerca questo subumano

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 17.12.16 22:25| 
 |
Rispondi al commento

Avete informato i greci che esiste un nuovo movimento?
MOVIMENTO 5 STELLE!

giovanni f. 17.12.16 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Ma la tanto valorosa LISTA TSIPRAS Itailàana, cosa fa?
Forse servì a sviare i voti dal M5S all'epoca, eh? Lista zioprax supposte, che fai, taci?

giovanni f. 17.12.16 21:39| 
 |
Rispondi al commento

In Italia abbiamo pensionati (tanti) che percepiscono a mala pena 500 Euro al mese e c'è ancora chi dice che siamo uno dei Paesi più progrediti al mondo (l'ho letto da qualche parte). Alla faccia del c....!

Franco Mas 17.12.16 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Ma in Grecia non ci fu il famoso REFERENDUM?

giovanni f. 17.12.16 17:49| 
 |
Rispondi al commento

Solidarietà alla Grecia?
Perché?
La Grecia è fallita da tempo,non produce quasi nulla Non ha industrie ha meno reddito pro capite della Sicilia ma gode di un sistema sociale

(sostenuto da continuo indebitamento)

che è più alto dell'Italia (che è 50 volte più produttiva) e adesso lo vuole aumentare per questioni elettorali? con quali soldi?

Prima voleva uscire dall'Euro,dopo quando hanno toccato cosa voleva dire...neanche a parlarne.
L'Europa, la cattiva Germania(ma anche L'Italia) non vogliono più contribuire.

Mauro Magni 17.12.16 17:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si,questa presa di posizione della sinistra europea è inqualificabile, però quello che più mi indigna è che i mass media italiani abbiano dato la notizia in modo frettoloso,e in nessun talk show se ne sia parlato. Tutti socialisti?

antonio 17.12.16 17:16| 
 |
Rispondi al commento

Quale Europa? L'Europa di chi? Di sicuro non è l'Europa dei cittadini eyropei, di sicuro non è l'Europa di chi lavora. Mi chiedo dopo la Grecia tocca a noi?

Anna Cimmino, San Giorgio di Piano Commentatore certificato 17.12.16 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mai titolo di post fu più azzeccato: ai Greci e a la Grecia, stamo davero vicinissimi, 'azz......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 17.12.16 16:09| 
 |
Rispondi al commento

Sovranità monetaria e banca centrale di proprietà dello Stato.

Stefano U., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 17.12.16 16:06| 
 |
Rispondi al commento

In Schaeuble alberga lo spirito di Adolf Hitler.

Paolo r., Padova Commentatore certificato 17.12.16 15:50| 
 |
Rispondi al commento

Siamo vicini al popolo greco? Si a parole, ma l'Italia, il nostro "nuovo" governo ha fatto o detto qualcosa in favore del popolo greco nelle varie riunioni europee? O ha pensato solo ai cavoli suoi come gia' faceva il governo precedente? È' chiaro che la Germania può' dettare la sua legge essendo il più' ricco e il più' stabile dei governi europei. Con i guai della Francia e dell'Italia non è' rimasto più' nessuno a contrastarla o almeno a mitigarne le politiche ultra liberiste .

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 17.12.16 15:07| 
 |
Rispondi al commento

il reddito è relativo
va calcolato in base al costo della vita

con 850 euro al mese a Roma o Atene si è poveri

in provincia può essere un reddito dignitoso

attenti a non generalizzare

anche il welfare si traduce in pressione fiscale sui cittadini attivi
e può far fallire un paese almeno quanto gli sprechi e la corruzione

my 2 cent

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 17.12.16 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Desidero segnalare che nell'Unione Europea ci sono almeno 10 Stati i cui cittadini hanno un reddito medio inferiore a quello dei greci. Dunque, si può facilmente intuire, che questi Stati non siano troppo felici di continuare a prestare soldi a chi sta meglio di loro, e dal loro punto di vista, la concessione della tredicesima ai greci, mentre estoni lettoni lituani slovacchi bulgari muoiono di fame, può non essere tanto piacevole.

Pietro Trinchini 17.12.16 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe sono un simpatizzante/elettore del movimento.
Sul caso Roma,data l'importanza vitale per il movimento,per uscire da questo imbuto mediatico che rischia di demolire il lavoro di questi anni propongo:

BEPPE GRILLO VICESINDACO CON DELEGA ALLA LEGALITÀ' E TRASPARENZA.

sarebbe un segnale chiaro e forte.

Un abbraccio

Enzo Donnici 17.12.16 13:10| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno
Vedere, leggere queste notizie dalla sorella Grecia non è altro che uno specchio magico che ci fa vedere il nostro futuro prossimo se restiamo ancora in EUROPA, stiamo marcando gli stessi passi della Grecia, cambia il tempo, loro sono circa un anno avanti a noi, questo significa che noi non abbiamo più tempo per cambiare rotta. Popolo finchè non voteremo la gente giusta non avremo speranza.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 17.12.16 12:57| 
 |
Rispondi al commento

Tzipras nel 2015, tradendo il referendum in cui il popolo greco aveva detto no alla Troika e implicitamete no all'euro, ha accettato di beccarsi i miliardi della Troika (anche soldi dei contribuenti italiani) in cambio della continuazione delle politiche di rigore imposto dall'UE.
Tutta la solidarietà al popolo greco vittima del solito politico imbroglione il quale tuttavia non puo' pretendere che il suo paese sia mantenuto a vita, poiché è ovvio che le tredicesime dei greci non le possono pagare i pensionati italiani, e se Tzipras insiste nel difendere il progetto eurista il risultato è che i greci continueranno a non avere tredicesime! Le Grecia come l'Italia devono ritrovare la propria sovranità monetaria, e l'Italia ha una ragione in più per andarsene , in quanto noi oltre ad essere un paese ridotto al collasso economico a causa dell'euro, siamo anche un paese contriubutore dell'UE e di tutti i piano salva stati che abbiamo finanziato negli ultimi anni! Insomma siamo dei "pig", dei maili come i greci ma in compenso, contrariamente ai greci e agli altri, i soldi li diamo invece di prenderli! Cioè paghiamo per finanziare la distruzione della nostra economia a beneficio della Germania!! Una situazione assurda.

diego r., Roma Commentatore certificato 17.12.16 12:54| 
 |
Rispondi al commento

La GRECIA, ha bisogno, più che del rispetto, di solidarietà e della reazione deegli altri paesi Europei a qyuesti intollerabili soprusi. La Grecia, se pur con tutti i suoi difetti politico strutturali, è stata spolpata. Cosa che stanno provando a fare, con la complicità attiva di buona parte della nostra classe politica, anche con l'Italia. Soltanto che per l'Italia, le cose saranno più lunghe e complesse, date le dimensione e la sua ricchezza complessiva, ma l'obiettivo non cambia: SPOLPARE UNA NAZIONE PER VOLTA, STEP BY STEP: Non sono accettabili le regole di questa Europa delle banche e delle lobby vampiresche. Questa Europa, ormai è chiaro a tutti, non e dei popoli. Se non si è capaci di fare un Europa, nel vero senso della parola, meglio che ogni paese vada per la sua strada. Sarà molto difficile andare peggio di come stiamo andando.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 17.12.16 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Schäuble e la Merkel rimarranno fermi nei loro propositi come hanno sempre fatto i tedeschi.
Fino alla disfatta totale.

giorgio peruffo Commentatore certificato 17.12.16 12:52| 
 |
Rispondi al commento

I fatti di Roma sono gravissimi.
Gli eventi dimostrano lasciano purtroppo poche alternative di interpretazione alla gestione di Virgina Raggi: nel peggiore dei casi l’ipotesi è di corruzione morale, nell’ipotesi intermediaria di mancanza di intelligenza e nella più favorevole di assoluta incompetenza nel far fronte al proprio incarico.
In tutti i casi siamo in antitesi con le esigenze di onestà, intelligenza e competenza indispensabili a sostenere il progetto M5S.
Mi sembra che ci siano poche opzioni: se Virginia Raggi resta il M5S compromette il proprio futuro. Le dimissioni immediate della Raggi sono un’atto dovuto per nutrire la speranza di un mondo migliore.
E l’occasione per imparare e evitare il ripetersi di errori madornali.
Virginia fatti da parte se vorrai mantenere la stima e il rispetto.

Sergio B., Verona Commentatore certificato 17.12.16 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Complimenti alla rappresentante del MS5. Si vergogni il parlamentare tedesco che è il primo che sa di non fare i suoi di compiti a casa, e chieda scusa ai greci ai cittadini europei che lo pagano, perché approvando la disugualianza tra i paesi membri, non fa per nulla bene il suo lavoro. E se non conosce le normative base dello stare insieme in Europa, usi il buonsenso oppure se le vada a studiare. Non ho parole.....

Enrico Duri' 17.12.16 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Basta!
Questa Unione Europea è indifendibile.
Ci siete o ci fate?

Escono dalla dirigenza di Goldman Sachs o JP Morgan e si piazzano alla BCE o nella commissione europea, quando poi scade il loro mandato tornano nelle banche finanziarie e speculative che sono ALL'ORIGINE di questa crisi economica (voluta) senza fine.
Quali altre prove vi servono per dire che questa UE è solo una truffa legalizzata di proporzioni cosmiche che sta VOLUTAMENTE impoverendo le popolazioni europee?
Più siamo poveri e lavorativamente sotto ricatto, più ci possono comandare e azzittire con facilità.

Vogliamo parlare del MES che ci "presta" i NOSTRI soldi e li rivuole indietro capitale più interessi??? USURAI LEGALIZZATI.
Matrix in confronto è una favoletta per bambini.
E che c***o!

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 17.12.16 11:31| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori