Il Blog delle Stelle
La libertà della Rete sopra ogni cosa

La libertà della Rete sopra ogni cosa

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 113

Quanto successo al blogger Claudio Messora è gravissimo. Siamo dalla parte dell'informazione libera in Rete. Diffondete il suo appello.

di Claudio Messora

È inutile prendersi in giro. Il mondo sta cambiando. Dal basso. Dopo il referendum sulla Brexit, il Referendum Costituzionale in Italia e, ciliegina sulla torta, l'elezione di Donald Trump in america, la battaglia politica - che se fosse una partita di calcio potremmo chiamare: "Cittadini - Resto del Mondo" -, ha prodotto dei vincitori e dei vinti. Solo che i vinti non ci stanno. Per queste persone la democrazia è buona solo quando appartiene a loro. Se vincono gli altri allora "c'è un problema". Dopo il successo di Obama nel 2009, la rete veniva salutata come uno strumento di libertà democratiche. Dopo la vittoria di Trump, la rete è stata demonizzata come il luogo delle bufale, le cosiddette "fake news", come se i ballisti si trovassero solo sul web e non fossero un fenomeno trasversale che riguarda tutti, dai grandi media mainstream alle istituzioni, fino a qualunque gruppo di amici. La realtà è che hanno realizzato che se i cittadini, informandosi liberamente in rete, hanno cambiato le sorti di quella che è la più grande democrazia del mondo, i nostri professionisti europei della politica sono finiti. Presto avremo le elezioni in Germania e in Francia (per non parlare delle possibili elezioni in Italia). Basta che oltralpe vinca la Le Pen, o che salti la Merkel a Berlino, e dalla sera alla mattina ci sveglieremo in un mondo diverso, così come è successo a più di 300 milioni di cittadini nordamericani.

Per impedirlo, Hillary Clinton ha aperto le danze, lanciando la crociata della Santa Inquisizione contro la libertà della rete. E il 23 novembre 2016, il Parlamento Europeo ha votato la Risoluzione "Comunicazione strategica dell'Unione europea per contrastare la propaganda contro di essa a opera di terzi", con il voto contrario di M5S Europa, in cui si parla esplicitamente della possibilità di limitare il pluralismo dei media. Facebook ha annunciato che avrebbe creato una task force in ogni paese, per contrassegnare i post che a loro insindacabile giudizio sono da annoverarsi tra le "fake news" e toglierli, nei fatti, dagli schermi degli utenti (e poi accusano chi provocatoriamente parla di Tribunale del Popolo: almeno quello, il "Tribunale", sarebbe del popolo), iniziando guarda caso proprio dalla Germania e affidando tale attività a un'organizzazione che tra i suoi finanziatori conta l'immancabile George Soros. Google ha quindi annunciato di avere cambiato le regole per il suo servizio "Adsense" (la pubblicazione di banner pubblicitari sui siti web, che seppure spesso modesta ha rappresentato una delle poche fonti di finanziamento dei blog di informazione libera), al fine di disattivare la monetizzazione dei siti web che "ingannano i loro lettori fingendosi testate giornalistiche". La presidente della Camera Laura Boldrini (che dovrebbe essere un organo terzo rispetto al campo di pertinenza della politica, il quale agisce attraverso il dibattito parlamentare e parla attraverso le leggi) ha infine chiesto ai social network di farsi carico di intervenire per "smascherare le fake news". Nessuno aveva il benché minimo dubbio che tutto questo polverone incomprensibile (abbiamo già la polizia postale e la magistratura per perseguire i reati: basta dare i soldi a loro, senza bisogno di istituzionalizzare sedicenti "debunker") avrebbe finito per tagliare le gambe a chi produce informazione libera e indipendente, cioè disallineata e non controllabile attraverso l'erogazione di fondi, l'attribuzione di incarichi o le lusinghe delle poltrone televisive.

Tre giorni fa Scott Spencer, dirigente Google che si occupa proprio della piattaforma Adsense, ha annunciato di avere già rivisto oltre 550 siti web e di avere preso provvedimenti contro 340 di loro, colpevoli di "dare una falsa rappresentazione di se stessi e di ingannare i propri lettori fingendosi testate giornalistiche". Riuscite a capire cosa significa? È la morte della rete per come Gianroberto Casaleggio ce l'aveva fatta amare: il terreno della libertà, dello scambio, dell'approfondimento, della consapevolezza che passa attraverso la condivisione informata e il dibattito pubblico, dove la credibilità e l'autorevolezza sono la sola forma di fiducia che i lettori pretendono da un blogger, opposta alle falsità e alle menzogne che ogni giorno, da testate giornalistiche o televisioni che si fingono imparziali, ingannano - loro sì - un pubblico enorme, mascherando o manipolando la verità.

Ieri, dopo essere tornato da Roma per dibattere insieme a centinaia di giornalisti (ironia della sorte) proprio di "fake news", trovo una email di Google che mi informa di avere disattivato la monetizzazione del mio blog decennale (i banner pubblicitari), con la motivazione che inganno i miei lettori fingendomi una testata giornalistica (una "news organization"). In fondo all'email una scritta raggelante: "Nessun ricorso: questa decisione è da considerarsi irrevocabile". Il link di esempio fornito mostra un mio post dove, in uno spezzone video, un parlamentare della Repubblica discute in aula (durante un intervento "pubblico", pagato con soldi "pubblici", quindi la questione non ha a che fare con nessun copyright) della possibilità di fare un referendum sull'euro. Ho usato un titolo forte? Ho usato un testo di commento che incita all'odio? Niente di tutto questo: ho scritto poche righe, sobrie, talmente sobrie che al confronto il loden di Monti pare un giubbotto da metallaro.

Questo provvedimento, che mina seriamente la capacità di produrre informazione libera fuori dal tempio del giornalismo "autorizzato" aggredendone il modello di sostentamento economico, mostra quali siano gli obiettivi reali della campagna scatenata contro le fake-news: spegnere qualunque voce indipendente che possa restituire al termine "democrazia" un significato autenticamente spendibile, nel tentativo disperato di invertire il corso della storia e mantenere saldamente il controllo nelle mani di chi, politicamente, ha una fottuta paura di perderlo.

Questa è la linea del Piave dell'informazione libera: va tenuta ad ogni costo. Google deve rispondere. Non bisogna arretrare di un centimentro. In gioco non c'è la mia modesta persona (come avrebbe detto Biagi), ma la rete come l'abbiamo conosciuta e amata e che, se lasciamo passare cose come queste, da oggi potrebbe diventare un cimelio da museo.

Ringrazio Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle che dimostrano, nonostante alcune differenze di idee, di avere a cuore la libertà della rete sopra ogni cosa. Devo confessare che è in momenti come questo che Gianroberto mi manca di più, così come credo che manchi ancora adesso a tutti quelli che lo hanno conosciuto. Sono sicuro che mi avrebbe chiamato e, con quella granitica, incrollabile certezza capace come sempre di fugare ogni dubbio, mi avrebbe detto: "Non preoccuparti: hanno già perso. La rete non si ferma: non la ferma più nessuno, neanche loro".



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

29 Gen 2017, 10:53 | Scrivi | Commenti (113) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 113


Tags: Adsense, Beppe Grillo, byoblu, Claudio Messora, fake news, Gianroberto Casaleggio, Google, informazione, MoVimento 5 Stelle, Rete

Commenti

 

https://youtu.be/f9nLXlrkbe0

davide m., adrano Commentatore certificato 05.02.17 17:56| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

Dal prestito di due anni, il Credit Mutuel Bank sta facendo la cosa giusta nel nostro paese l'Italia. Questa banca sta facendo tutti i nostri cittadini che hanno bisogno di prestito di prestito. Così ho preso a condividere questo messaggio, questa azione da parte della banca non è riconosciuto il nostro stato. Così se avete veramente bisogno di un prestito, vi chiedo di contatto con loro su questa mail perché stanno già facendo prestiti anche ha molte persone e me.

Ecco l'e-mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

romaine pinna, roma Commentatore certificato 31.01.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Se la rete, intesa come portante fisico, il doppino telefonico o la fibra, sono nelle mani di capitalisti del sabato sera ( Colaninno e il Tronchetti), o in mani estere come Telefonica prima, e Vivendi ora, come puo' essere la rete, intesa come le informazioni che viaggiano, essere libera? E il futuro? sembra che Tim ( e quindi oltre il 90% della rete fisica e apparati trasmissivi) sia nel mirino di Orange ( francese statale); come puo' uno stato sovrano come l' italia accettare che la rete, dove passano tutte le informazioni nazionali, compresi dati forze dell' ordine, militari, comunicazioni sensibili o strategiche, possa essere di fatto sotto il controllo di uno stato straniero?

roberto salinas 31.01.17 15:42| 
 |
Rispondi al commento

Concordo in tutto salvo i toni trionfalistici sul significato di taluni eventi internazionali e sulla paura fottuta di alcuni ambienti.
Da una parte Trump rappresenta una discontinuità ma ha luci e ombre (fatte per esempio di opportunismo: vedasi verso l'Arabia Saudita). Dall'altra i Grandi Manovratori hanno molte frecce al loro arco e sono ben altro che in rotta. Al massimo sono un po' infastiditi.
Dobbiamo renderci conto che i meccanismi concepiti alla fine del Settecento per limitare l'Assolutismo (vedasi la tripartizione dei poteri) sono stati in buona parte "normalizzati" facendo sì che, pur restando in piedi sul piano formale, non rappresentino un vero ostacolo a chi detiene davvero il potere. Chi detiene davvero il potere ha solo bisogno di tempo e poi si attrezza per superare ogni ostacolo con un aggiramento. Bisogna che le classi subalterne imparino a far lo stesso e a rinnovare periodicamente i contrappesi a quel potere cercando di restare sempre avanti rispetto alle azioni dei potenti portate avanti per riguadagnare terreno nei loro privilegi. Ci vuole anche una dose di relativa furbizia nel non far capire certe strategie, così come ha fatto l'establishment negli ultimi decenni che ha eroso certe libertà non dicendo che voleva erodere libertà ma giustificando alcuni valori che metteva in giro come neutre ricette di miglioramento generale.

Cesare R., Pomezia Commentatore certificato 31.01.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È importantissima l'informazione libera,anche se penso che molte cose rimangono ancora nascoste e chi sa,non può parlare o viene taciuto... Però alcune notizie false in rete ci sono,ma generalmente è facile capire che sono"notizie"false....E comunque abbastanza una piccola ricerca per sapere se una notizia è vera o no.

colombo cristina 30.01.17 22:51| 
 |
Rispondi al commento

circa 15 minuti fa ho letto questo post. circa 5 minuti fa sono passato da Google a DuckDuckGo

Gino Sighicelli, Pontremoli Commentatore certificato 30.01.17 20:09| 
 |
Rispondi al commento

La libertà della Rete sopra ogni cosa, NO.
Credo che accettare pubblicità ingannevoli o truffaldine significhi minare alle basi la libertà della rete.
Non tutti gli utenti hanno gli anticorpi per riconoscere le varie truffe, soprattutto se la pubblicità è presso siti di Blogger seguiti e stimati.
Vogliamo l'onestà e poi in nome della libertà tolleriamo la pubblicità delle bufale?

Pier 30.01.17 18:46| 
 |
Rispondi al commento

http://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.it/
a me hanno rifiutato la pubblicità già due anni fa

anna q., pianborno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 30.01.17 17:19| 
 |
Rispondi al commento

bella roba proprio lui che fa le pulci al M5S amplificando ogni minimo errore?
Proprio lui chiede libertà d'espressione e poi NON PUBBLICA sul suo blog Byoblu i miei commenti?
Bella coerenza!!!

Clesippo Geganio 30.01.17 13:25| 
 |
Rispondi al commento

Si chiama Sesto Potere.
La libertà della rete non esiste, è una trappola.
Fornite sempre dati fasulli, fino a quando vi sarà possibile farlo.

Hal 9000 Commentatore certificato 30.01.17 13:07| 
 |
Rispondi al commento

UN COMMENTO SUL VIDEO, MA I SOSTENITORI DEI GRILLINI SONO COSI' IMBECILLI DA NON CONOSCERE LA COSTITUZIONE ITALIANA??? ALL'ARTICOLO 75 : non e' ammesso il referendum per leggi tributarie di bilancio di amnistia e di indulto, oltre a RATIFICARE TRATTATI INTERNAZIONALI ( l'euro e la ue sono trattati internazionali)

CARLO CARLO BONANNI 30.01.17 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Spiacente per chi si era illuso ma l’informazione veramente libera, già ampiamente compromessa nei media tradizionali, sarà una chimera anche sul web. Il motivo è ovvio, attraverso i mezzi di comunicazione si lanciano messaggi destinati ad un ampio numero di fruitori e questo interessa moltissimo a chi gestisce un potere, di qualsiasi potere si tratti, economico o politico, pubblico o privato. Con i soldi si compra tutto, si comprano anche i media e chi è sotto contratto dirà quello che desidera il padrone. Gli unici strunz siamo noi del blog che continuiamo a dire quello che ci pare in piena libertà (anche in polemica col post che ci viene presentato), fino a quando non chiuderanno pure questo “sfogatoio”. Però stiano attenti, lo sfogo potrebbe cambiare direzione…

Franco Mas 30.01.17 10:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Riuscite a capire cosa significa? È la morte della rete per come Gianroberto Casaleggio ce l'aveva fatta amare: il terreno della libertà, dello scambio, dell'approfondimento, della consapevolezza che passa attraverso la condivisione informata e il dibattito pubblico, dove la credibilità e l'autorevolezza sono la sola forma di fiducia che i lettori pretendono da un blogger, opposta alle falsità e alle menzogne che ogni giorno, da testate giornalistiche o televisioni che si fingono imparziali, ingannano - loro sì - un pubblico enorme, mascherando o manipolando la verità"

Condivido al 100%, però questo blog deve smettere di cacciare chiunque abbia punti di vista differenti, altrimenti non pubblichi post di questo tipo.

Roby Gill Commentatore certificato 30.01.17 09:56| 
 |
Rispondi al commento

PUNTI CRITICI DEL M5S.
Uno vale uno: gli eletti del M5S se lo ricordano? C’è il rischio che il M5S diventi la brutta, o la bella (fa lo stesso) copia del PD.

Giuseppe C. Budetta 30.01.17 09:11| 
 |
Rispondi al commento

La soluzione è semplice:
1. Usate https://duckduckgo.com/ come motore di ricerca al posto di google.
2. Non usate le google news (e qui si accettano suggerimenti su cosa leggere).

Luca P. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 30.01.17 08:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La cosa era già stata preannunciata. Vi ricordate le affermazioni di agcom, di Mattarella (discorso di fine anno) ecc.? Non è una scelta solo del governo italiano ma arriva da fuori, e ora si inizia a vedere l'applicazione.
Non si deve far sapere tutto.
Questo lo vediamo anche nelle tv.
Per esempio ieri pomeriggio Giletti, nella sua trasmissione, ha ciurlato per ore sui disagi di Riopiano. Era presente Esposito, ma nessuna menzione sulle riforme di del Rio, che ha disorganizzato le province e Madia, che ha soppresso la forestale. Se le strade fossero state pulite, tutte quelle persone non sarebbero morte sotto la valanga.

Rosa 30.01.17 08:29| 
 |
Rispondi al commento

Un ringraziamento a Claudio Messora per la sua puntuale e dettagliata denuncia ,riportata per informare mediante il suo stimato lavoro .
Penso che per rispondere a questi tentativi di intimidazione , come il blocco delle funzioni alle quali tutti gli utenti di internet devono poter accedere liberamente , sarebbe opportuno rispondere con un'azione legale collettiva .
Iniziativa che coinvolgerebbe in maniera concreta e diretta il cittadino utente ,un' iniziativa legale per rispondere a questi colossi multi miliardari .
Il risarcimento , una volta riconosciuto e quantificato , si potrebbe destinare ad un fondo per la banda larga e il libero accesso ad Internet .


antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 30.01.17 06:09| 
 |
Rispondi al commento

IL GIORNALISMO E' UNA MISSIONE, MA CI SONO POCHI MISSIONARI...

Non è un semplice mestiere non un modo di guadagnarsi da vivere, ma qualcosa di più, che ha una grande dignità e una grande bellezza, perché è consacrato alla ricerca della verità.

Il suo valore morale, avvertibile nel modo di raccontare, nel presentare i fatti. Certo la scuola, anche una scuola ad hoc, aiuta, ma nessuna scuola potrà mai insegnarti la missione, non darà quella cosa in più di cui si ha bisogno, la vocazione.

Oggi con la diffusione della rete e le notizie vere e false, che ruolo può avere un giornalista, un youtuber, blogher...sentono la missione o "audience" o "Mi piace" o "la vendita" ?!?! ...

Comunque rimangono sempre 2 categorie; giornalisti alla ricerca della verità rischiando anche con la vita, credono alla penna che hanno in mano.
Invece i "giornalisti d'ufficio" sono mercenari con la penna in mano, pronti per servire...

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 30.01.17 05:43| 
 |
Rispondi al commento

Anch'io, nel mio piccolo, sono una vittima di questa caccia alle streghe.

La libertà fa una paura matta a questi signori.

Del resto, la rete non è né buona né cattiva: è "soltanto" un'opportunità.

Ma permette una cosa che non era mai stata possibile prima: che i cittadini possano dire il loro punto di vista e non più soltanto subire il pensiero dell'establishment.

Giornali e TV impongono le loro direttive. Parlano e non ascoltano. Si viaggia a senso unico. Con la rete, tutto cambia.

Certo, la strada è ancora è ancora lunga, perché i network sono in mano al potere. Ma la falla è stata prodotta e il loro Titanic è destinato ad affondare.

Vive la liberté!

GIAN PAOLO 30.01.17 01:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sono tutt'altro che esperto del WEB

BLOCCO CON ADBLOCK LE PUBBLICITA' DI GOOGLE SUI SITI CHE VISITO lasciando come eccezioni (autorizzando la pubblicità) SOLO PER QUEI SITI CHE INTENDO SUPPORTARE (lì la disattivazione/codice verde di adblock avviene automaticamente).
Ad esempio non ho impostato il blocco della pubblicità su questo blog e sui siti che supportano il Movimento.

E FANCULIZZO quei pochi siti che per effettuare l'accesso mi chiedono di disattivare l'adblock di default


Sono disponibili diversi ad blocker, ossia dei software che schermano dalle pubblicità degli inserzionisti.

Qualcuno più esperto potrebbe farci sapere il suo parere, intanto, a mio avviso, se adottassimo tutti dei sistemi simili potremmo scegliere noi chi finanziare indirettamente, non GOOGLE e Co.

Google & Co. con le loro discriminazioni andassero a prenderlo in der c..o

Ognuno di noi deve pretendere di essere l'unico indiscusso titolare del proprio maggior patrimonio: il proprio tempo !

giovanni d., avellino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 30.01.17 01:01| 
 |
Rispondi al commento

come già detto la figura del giornalista è finita.

non ci sono mai stati tanti giornalisti nella storia di quanti ce ne sono ora proprio nel momento che non servono più.

mestiere finito al pari del ciabattino o dell'orologiaio.


possono servire pochissimi ma in generale non servono più e non sono più utili.

eppure si ostinano a sfornarne a migliaia....


ora c'è il BLOGGER che non ha bisogno di un ordine e non ha bisogno di un padrone da leccargli il culo....


ha ragione Trump i giornalisti sono roba vecchia e disutile.

disutili e costosi 29.01.17 23:36| 
 |
Rispondi al commento

questi sono idioti ora se la prendono pure con questi poveri lupi.

prima hanno fatto una legge che se adotti un lupo neonato e te lo tieni come un cane di casa ( si può è molto meno pericoloso di altre razze di cani che vendiamo in giro nei supermercati o nelle piazze senza museruola) se te lo tieni in casa ti viene sequestrato e vieni trattato comu un criminale comune.

poi decidono di abbatterli

questi sono proprio idioti perciò non dobbiamo aspetterci nulla di buono da questi esseri immondi che non ha votato nessuno.


sarebbe molto semplice .... basta dare i lupi a delle associazioni o ai privati che dimostrano una stabilità mentale... e i lupi possono essere salvati e allevati al posto di cani domestici.

non dico cavolate ... basta andare sul tubo e sivedono persone in canada e altre zone che hanno lupi veri che non fanno male a nessuno mentre si vedono delle mostruosissime bestie modificate geneticamente che sbranano i passanti negli usa e getta.

a me se mi affidassero un lupetto di 50/60 giorni lo terrei senza problemi.... piu grandi invece serve gente molto esperta.

sono pazzi 29.01.17 23:31| 
 |
Rispondi al commento

Credo che per quanto comodi e avanzati, strumenti come Google o Facebook o chi per loro, finiranno sempre di più per essere l'anello debole, del nostro vivevere la rete. Credo che dovremmo trovare il modo di riappropriarci della democrazia della rete, dovremmo fargli capire che sono solo strumenti, magari incredibilmente avanzati e pieni di potenzialità, ma non sono nulla senza gli utenti. Credo che dovremmo studiare delle proteste, come uno sciopero di un giorno da google e da facebook per cominciare. Credo che come consumatori queste aziende debbano rispondere ai propri utenti e non ai vaneggiamenti di qualche politico. Parafrasando Thomas Jefferson Non sono gli utenti a dover avere paura di Google o Facebook, ma Google e Facebook devono avere paura dei propri utenti... perchè senza utenti smetterebbero di esistere in un attimo.

Ivan Solinas, Scandicci Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.01.17 23:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma che c'è da commentare? A livello planetario vogliono intercettare tutti, ma non vogliono i commenti. Non è un caso che 1984 di Orwell sia il libro più venduto negli Stati Uniti su Amazon.

paola d., roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 22:56| 
 |
Rispondi al commento

E'pura dittatura ! ormai sono stati sputtanati e continuano ad esserlo la paura fa novanta sanno che x il c....non possono piu' prenderci e' troppo evidente non ci stanno piu' nelle scarpe;noi onesti cittadini siamo schifati di vederli in tv con quel sorriso falso ipocrita e racconta balle. A tutto gas 5stelle restiamo uniti x avere il nostro futuro migliore.

rosaria marsano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 29.01.17 22:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chiuderanno allora anche l'edizione in linea de La Repubblica?

Luca G. Commentatore certificato 29.01.17 22:04| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

LE FOLLIE DI DONALD
Mica scemo, con tutto questo caos s'è "inventaro" un ottimo deterrente per chi vuole tentare la sorte nel sogno americano.
Caccio via pure chi c'ha i requisiti, figurati gli altri!
Buona notte.
Nando da Roma.
p.s.
La rete, la rete.
Come la sora Camilla, tutti la nominano, nessuno se la piglia.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.01.17 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace per l'attentato alla libertà del blog di Messora, anche se non ne condividevo certo il 100 per cento ma a maggior ragione ha la nostra piena solidarietà e la deve avere da noi 5 stelle.

Ma attenzione: Vi ricordate i primitivi giornali, come erano liberi e contro il sistema una volta? Le prime radio private come erano libere e schiette contro il potere corrotto? Le "rivoluzioni" come erano schiette?

Poi cos'è successo? La loro libertà, vera forza del loro successo, è stata comprata...sono state occupate sistematicamente dal sistema.

Sono solidale con Messora anche perché potrebbe essere solo il primo martire della libertà del web. Stanno facendo per ora solo delle piccole prove tecniche di censura

5 Stelle al governo, subito, o sarà troppo tardi.

massimo m., Roma Commentatore certificato 29.01.17 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Il rischio peggiore che si corre a fare informazione libera è quello di essere definiti “complottisti”, un termine che ha origine nel 1964 quando vennero definite “teorie del complotto” le obiezioni di chi non accettava le conclusioni della commissione Warren sull’assassinio di KFK. Da allora sempre più spesso si è sviluppata la tendenza a chiudere ogni dubbio sullo svolgimento di importanti fatti di politica e cronaca neutralizzando le obiezioni come “complottismo”.
mio auguro che l'informazione come quella libera come dei blogger si sappia difendere da questo vile attacco . non mollare claudio


Condivido le tue considerazioni, pur non essendo un esperto di sistemi. La domanda che mi pongo fin da ragazzino è: chi sono? Che convenienza hanno. Lo stato delle cose e l’andazzo degli annunci sul controllo del web, mi preoccupano seriamente.
Basta verificare le provenienze, le proprietà, e da dove sono arrivati i sostegni economici, in fase di start up. dei grandi social, motori di ricerca e delle messaggistiche "gratuite", per dedurre che, coloro che hanno, a “cuore”, il controllo dell'informazione, queste cose le ha capite prima di tutti, ed ha cominciato ad attrezzarsi per tempo. Non se e chi servano, ne in quale misura saranno disposti a farlo, ma lo faranno e come. Addomesticare, censurare, cancella re,alla comando quanto non potrà e potrebbe essere gradito , sarà il loro business del futuro. La cosa drammatica è che GOOGLE detiene in Europa il monopolio assoluto con oltre il 92%, e poco meno in America. Le uniche eccezione a questo strapotere son: Cina, Russai e Giappone. Quelle che più mi spaventa è la non esistenza, almeno credo, un motore di ricerca europeo. Quello che non capisco è il perche, come in tutti glia altri settori, Google non sia soggetto alle regole antitrust. Comunque sarebbe il caso, non so come, ne ho idea di quanto possa costare, di attivare un motore di ricerca assolutamente indipendente. Poi magari dovrà vedersela con le reti ma intanto andrebbe fatto.
Ciao
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 29.01.17 20:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

sarebbe utile conoscere quali strategie adottare per mostrare loro che non gli conviene. Io non sono pratico, ma c'è sempre un qualcosa che può fargli perdere quattrini e quello è il punto da trovare e diffondere.

SERGIO CRESPI 29.01.17 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Ho tolto ora google!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 29.01.17 19:01| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

La nostra libertà Sara sempre piu limitata poiché face book e solidale con il potere costituito (bilderberg). Magari potremo traslocare in un altro ambiente che rispetta la libertà di tutti... possibile che esista solo facebook?

raffaello raffaelli, arezzo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 17:56| 
 |
Rispondi al commento

spero proprio che non vincano loro. da parte mia non e' mai stato cosi' bello informarsi sia sulle tv che sui giornali che sulla rete. finalmente uno riesce a conoscer tante verita' e tante bugie ed avere liberta' di scelta e soprattutto dire la sua.
grazie a grillo ed al movimento. non facciamoci togliere quel filo di voce che ancora ci rimane.

rosanna scarpa 29.01.17 17:50| 
 |
Rispondi al commento

La rete non la ferma più' nessuno, ha ragione Gianroberto, perché' non si può' fermare il futuro è nemmeno tornare indietro.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 29.01.17 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Stiamo parlando di 100 euro mensili (era necessario un post? sul serio? miliardi di euro fottuti in europa e noi parliamo dei 100 euri?).

A me risulta che su byoblu oggi la pubblicità ci sia quindi suppongo che il problema sia rientrato (o il mio computer è magico).

Chi per mestiere vende spazio pubblicitario NON ha alcun diritto di vittimismo se il cliente sceglie di non comprare, dovrebbe al massimo cercare di contattare gentilmente il cliente per avere ulteriori spiegazioni o cercare un compromesso amichevole senza forzature:
google non ha alcun obbligo legale di sostenere pagine web se ritiene per un motivo anche personale o discutibile non remunerative o non in linea con la propria immagine.
Non esiste solo google per fare pubblicità e soprattutto sarebbe carino rispettare di più il cliente che paga anche quando rifiuta i tuoi servizi.

Quando io non compro non ho alcuna voglia di sentirmi INSULTATO dal venditore, tale atteggiamento fa passare dalla parte del torto anche chi ha pienamente ragione.

Adsense banna ogni giorno centinaia di siti web (molti dei quali porno) quindi con tali numeri errori capitano spesso e da moooolti anni (non c'è bisogno di tirare in ballo la candidata presidenziale americana che il sito byoblu non l'ha mai letto).

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 16:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta diffondere una facile ma immediata ricetta: BOICOTTARE TUTTE le aziende che mostrano SERVILISMO verso il REGIME
Ovvero i nemici del popolo, i tuoi nemici.
cambia motore di ricerca, non cliccare piu il banner, non comprare i prodotti che loro pubblicizzano, publicizza questa tua iniziativa, falla divenire virale. Oppure fai quello che fai sempre, il libero schiavo.

Daniela C. Commentatore certificato 29.01.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Aveva ragione Casaleggio, eccome! Caro Claudio, apprezzo tantissimo le tue analisi e la tua visione, ma chi te lo fa fare di metterti con Google e di dipendere della loro (o di qualsiasi) pubblicità? Google ha qualche obbligo verso di qualcuno, tranne i loro azionisti? No.

Pensaci bene, fino all'americanizzazione consecutiva al secondo dopoguerra, per migliaia di anni gli opponenti ai regimi vigenti si sono dovuti arrangiare con i mezzi propri, o con quelli di chi gli dava un aiuto. E ce ne sono ancora di quelli, in tanti per la rete, basta pensare alla Information Clearing House, tanto per fare un esempio. Allora, se vuoi spargere la parola e dirci che hanno incarcerato l'oca dalle uova d'oro e che la stanno per ammazzare, bene, benissimo; ma piagnucolare perché Mamma Google non non ti da più la paghetta, scusa, ma è al di sotto della tua dignità.

Personalmente, in tutt'una vita ho tenuto a distanza tutto quel che odora di pubblicità. Nella fattispecie, uso Google il minimo possibile, di solito quando DuckDuckGo e Reverso non mi danno i risultati che sto cercando. I miei sistemi informatici, li ho impostati in modo che la mia cosiddetta privacy rimanga protetta al massimo: VPN, estensioni di browser, firewall, niente Facebook, ecc. ecc. E credo che sia questo il futuro della libertà in rete, non le lamentele perché un bel giorno l'ente di beneficenza si rifiuta di fornirci assistenza.

P.S. Ma quando uno si protegge come ho appena accennato, tantissimi sono i siti malfunzionanti! L'esempio più ovvio che mi viene in mente è il nostro beppegrillo.it, che con le chiamate a 150 server esterni, buona parte di loro dedicati alla pubblicità, mi risulta mezzo funzionale nonostante innumerevoli tentativi per "liberarlo" cambiando le impostazioni. Un vero peccato, dato che questo è il sito che uso per informarmi sulle vicende italiane, invece di televisione e giornali.

Robert J. Commentatore certificato 29.01.17 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Ma chi decide cos'è vero o falso? Chi verifica le fonti? Siamo entrati nell'era della propaganda di regime? Qua si deve difendere il diritto di opinione, ciascun lettore deciderà poi se farla propria o meno.
Mia personale analisi. Questo è probabilmente un altro segnale di come il sistema economico-finanziario attuale stia iniziando a saggiare i propri limiti: in un pianeta finito la ricchezza non può crescere all'infinito (e con una popolazione mondiale in costante aumento). Stiamo entrando nell'era del petrolio abbondante si ma sempre più costoso (da estrarre) come ci dice il II principio della termodinamica; il sistema economico vuole invece petrolio abbondante e poco costoso per funzionare bene, altrimenti i maggiori costi si scaricano sui salari che si riducono (cosa che verosimilmente ha portato alla brexit e a trump). Le elite reagiscono alla contrazione futura di ricchezza semplicemente riducendo gli spazi di democrazia. O si trova una fonte energetica veramente alternativa al petrolio (e che preservi il pianeta), o qua è solo l'inizio.
ps: ho trovato intanto un'alternativa a gugl https://duckduckgo.com/

Ferruccio B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.01.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Ma in poche parole non monetizzi piu ??? questa non è censura solo che adesso devi pedale molto di piu , quindi se lo facevi per il bene dell'informazione libera lo puoi continuare a fare a tue spese ... non vedo dove sta il problema !! o preferisci essere pagato da chi consideri fascista o comunista ??

Ieri, dopo essere tornato da Roma per dibattere insieme a centinaia di giornalisti (ironia della sorte) proprio di "fake news", trovo una email di Google che mi informa di avere disattivato la monetizzazione del mio blog decennale (i banner pubblicitari), con la motivazione che inganno i miei lettori fingendomi una testata giornalistica (una "news organization"). In fondo all'email una scritta raggelante: "Nessun ricorso: questa decisione è da considerarsi irrevocabile"

ahhh biiii 29.01.17 16:00| 
 |
Rispondi al commento

io sto già cambiando motore di ricerca.
google vaffancul.

al casula, cagliari Commentatore certificato 29.01.17 15:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Messora leggo e condivido la tua denuncia. Adesso l'attacco alla libertà è una cosa seria e concreta. Contro ogni ricatto e repressione, per la tutela e l'ampliamento della libertà di manifestazione del pensiero...SOLO SE I LUPI NON SONO MINISTRI, UCCIDETELI SUBITO SENZA PIETA'?

VITO BARRESI, CROTONE Commentatore certificato 29.01.17 14:59| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIAMO INFORMAZIONE LIBERA

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 29.01.17 14:34| 
 |
Rispondi al commento

Era ora che ti levassi dai coglioni, pallonaro sfigato... Ora puoi scrivere le tue fesserie sul bollettino di s.antonio. PIRLA

Giorgio 29.01.17 14:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ai difensori del UE gli dico siete solo dei poveri ignoranti! la UE cosa dovrebbe fare? Non lo sapete che il governo non eletto del UE e nominato dalla CIA e da Rothschild & Co.? quando cazzo vi sveglierete europeisti da strapazzo?! Io sono sicuro che fra tutti quelli che si considerano Grillini la maggioranza non conoscono come funziona il Governo Europeo e molto di meno chi è che nomina gli integranti del governo non eletto da nessuno di questa porcheria chiamata Unione Europea! pretendo che il M5S definisca chiaramente da quale parte stà perché se il M5S sta dalla parte del Unione Europea io voterò Lega! anche se ho votato sempre M5S e sono iscritto al movimento! Ormai sin da quando esiste! seguo il M5S sin da quando Grillo era da solo nelle piazze con il suo motorhome! e la cosa che mi aveva convinto di più era che grillo si presentava come Euro-scettico!Poi sono arrivati el Dibba e Di Maio con i poltronari del parlamento europeo e si futtero tutte cose!Più il M5S si da fare Per l`europa più la mia simpatia per la Lega cresce! Fuori i zingari, fuori i mussulmani, fuori le banche dal governo, fuori l`Italia dal Euro e fuori dalla Unione Europea! QUESTA È L`UNICA FORMULA CHE POTREBBE RIPORTARE L`ITALIA ALLO SPLENDORE CHE SI MERITA! TUTTE LE ALTRE SOLUZIONI SONO SOLO ASSERVIMENTO AL PIANO KALERGY!!! COSA DETESTABILE ED OBBROBRIOSA!!! SAVERIO GRAFFEO!

SAVERIO GRAFFEO 29.01.17 14:08| 
 |
Rispondi al commento

Massimo rispetto per Messora che ha contribuito in modo importante a diffondere notizie che regolarmente non trovano spazio nei consueti canali, asserviti al sistema CONCENTRATIVO della ricchezza e del potere.
Ha fatto conoscere alla rete personaggi con interviste "storiche" come Bagnai, Galloni, Becchi, Udiemi, Napoleoni, ecc.

Oramai siamo in una fase passata da "muro di gomma" dove tutto rimbalzava senza lasciare segno ad un altra di tipo repressivo, tutto sommato buon segno, significa che le lobby che hanno comandato find'ora stanno veramente perdendo terreno.

Forza Claudio, non lasciamolo solo!

Max P., BG Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 29.01.17 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Ogni battaglia e' da vincere . Il mio orgoglio e' di aver sentito Claudio chiarire la sua posizione .
Mi auguro che tutto si svolga bene.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 29.01.17 14:03| 
 |
Rispondi al commento

@ Messora,

“..spegnere qualunque voce indipendente che possa restituire al termine "democrazia" un significato autenticamente spendibile...”
concordo.

Da voce indipendente, vorrei ora ricordare insieme a Lei che “il Movimento 5 Stelle è nato come movimento di democrazia diretta”
ovvero per Testimoniare il Metodo e-democracy, dove ognuno conta uno, senza capi né padroni.

Da voce indipendente le chiederei allora se Lei ritiene:

- appropriate le attuali Garanzie sul rispetto della Regola statutaria sancita dall’art. 4 del Non Statuto,
- idonei questi Strumenti di e-democracy, gestiti da un privato,
- che i PortaVoce stiano svolgendo correttamente il Ruolo di riportare nelle Istituzioni la Voce dell’inelligenza collettiva,
- che censurare o espellere voci critiche testimoni un confronto democratico e orizzontale.

Se ritiene inoltre:
- ci debba essere un sistema grazie al quale noi sappiamo che i dati delle votazioni sono validi,
- che vada rendiconto l’utilizzo dei 4 milioni che a fine 2014 risultano “Avanzo Finanziario”,
- che le spese sostenute per Rousseau vadano rendicontate entro lo stesso termine massimo stabilito per i Portavoce,
- che debbano essere “regolarmente recepiti i miglioramenti richiesti dagli utenti iscritti al M5S che saranno gestiti per ogni funzione da responsabili eletti nel M5S”
inclusi i miglioramenti richiesti per la funzione Vota,
- che vadano effettivamente eletti i responsabili di ogni funzione, inclusa la funzione decisionale Vota,
- possibile e auspicabile che Federico Pistono venga eletto nel ruolo di responsabile della funzione Vota.

https://youtu.be/i2tnS1Gtj-g

Buon pomeriggio

Eva Adami Commentatore certificato 29.01.17 13:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la Google ha sede in Irlanda vero?
E Junker dov'era?
Strano vero?
Gli Usa si faranno i ca**i loro(speriamo finalmente) e l'UE dovrebbe fare altrettanto o no?
E...ogni stato i c***i propri!
Libertà...di essere noi stessi..poi faremo i conti con i politici nostrani!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 29.01.17 13:38| 
 |
Rispondi al commento

Una Gogol(alla nano) europea no?
http://www.beppegrillo.it/2013/12/google_tax_il_governo_degli_incompetenti.html

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 29.01.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento

questo qui qualche mese fa scriveva un anno fa con assoluta certezza che l'Arabia Saudita era pronta ad invadere la Siria, come nemmeno il più quotato esperto di guerre e strategie militari...(http://www.byoblu.com/post/minipost/putin-pronto-alla-terza-guerra-mondiale-se-larabia-saudita-invade-la-siria) ...All'obiezione di molti, compreso il sottoscritto, che Arabia Saudita e Siria non confinano e quindi difficilmente ci sarebbe potuta essere un'invasione, per non parlare di numeri assolutamente assurdi di mezzi (20.000 carri armati, 2540 aerei, ecc.), il nostro pensava bene di rispondere malamente, cambiare l'articolo e censurare i miei commenti...che dire, abbiamo davvero bisogno di lui per tenerci informati?

nicolas r. Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 13:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimi!!!

Paolo V. 29.01.17 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno , non conosco il blog di Messora, ma per principio difendo la libertà di espressione in particolare da personaggi come Sorcios che nel 1992 mise in ginocchio l'Italia con abile speculazione finanziaria .
Di conseguenza lo Stato prelevò dai conti correnti italiani il 6 per mille , senza chiedere il permesso ai correntisti.... Era luglio .
Costituzionale ? Qualcuno ricorda il cognome dell'illustre politico che mise in atto la manovra e quanto prende di pensione ?
Nel caos di tangentopoli 2 succedeva di tutto , anche dimenticare che la prima tangentopoli fu a Torino 1983 , Biffi Gentili, La Ganga, Revelli e altri compagni di merende.


orca troia!
questo è fascismo!!
mi dispiace per Messora che nonostante alcune divergenze col M5S ho sempre reputato una persona seria, onesta e preparata.
dobbiamo assolutamente fare qualcosa, a livello parlamentare e non solo!

davide lak (davlak) Commentatore certificato 29.01.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

ma scusate Messora non è quello della prevedibilità dei terremoti e dell'HiV non contagioso? Non è stato querelato da Gianroberto Casaleggio? davvero vogliamo difenderlo?

elena danielis 29.01.17 13:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio dottor Messora, esiste un'altra forma di sostentamento economico che è quella della raccolta fondi attraverso le donazioni private. Come ha dimostrato il M5S, la cosa è possibile. Questa forma è utilizzata anche da Mozilla e da Wikipedia con ottimi risultati. Se è guerra, guerra deve essere. Non si può pretendere di lottare contro le multinazionali, contro questa politica di merda e poi lamentarsi se esse cercano di difendersi. In alto i cuori la vittoria è vicina. La saluto cordialmente.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.01.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Google è diventato il padrone di internet?

Walter ., Asti Commentatore certificato 29.01.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi!

Difendiamolo, questo PALLONARO!

ma che vada a ciapar i rat!!!

Riccardo Alasia (riccardoalasia) Commentatore certificato 29.01.17 12:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella in atto è l'ultima trovata dei porci maledetti che si sentono circondati da chi può sputtanarli e mandarli definitivamente a casa o a lavorare sul serio. Però mio caro Claudio bisogna anche ammettere che la Rete ha fornito l'alibi a questi maiali e anche a Google. Per per farti un esempio è inammissibile che esistano siti come il "FattoQuotiDAINO" a cui abboccano tanti allocchi (e ci sono incappato anch'io una volta) che poi scatenano un casino basandosi su notizie completamente inventate e senza senso. Purtroppo in Rete non ci va solo la gente con una buona cultura e una buona intelligenza, ma anche i completamente ignoranti e gli analfabeti funzionali (che sarebbe meglio chiamare imbecilli). In ogni caso la situazione che si è venuta a creare è una grossa porcata e tu ne stai pagando le conseguenze sempre per il famoso detto : "piange il giusto per il peccatore".

Clark R., Palermo Commentatore certificato 29.01.17 12:19| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=PusMvRFFcGI

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 12:10| 
 |
Rispondi al commento

E' in atto un graduale svolta verso un regime dittatoriale . I cittadini , non vedendo soldati e carrarmati per le strade , non se ne stanno accorgendo ...

Esempio di fake news : un Presidente del Consiglio in uno studio televisivo , al cospetto di un giornalista compiacente , spaccia come vera una falsa scheda elettorale del Senato . Come si intende sanzionare truffe del genere ?

E' una battaglia per la libertà e siamo tutti coinvolti , volenti o nolenti .

A riveder le stelle .

Gianfranco .

ps : non mi piace il blog di Messora , ma auspico che venga querelato laddove affermi il falso , non che venga chiuso .

Gianfranco 29.01.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E'incredibile scoprire, ogni volta, quanto sia omogenea,articolata e diffusa la catena di comando costruita nell'arco dei decenni passati ad opera di una elite internazionale per controllare e appropriarsi dei nodi vitali dell'informazione in modo da trasformarla in propaganda del cosiddetto mondo libero. In realtà che grandi attori economici come google e facebook reagiscano alle direttive partite da un imput come quello della Clinton fa capire quanto tutto questo mondo libero dove merci e persone circolano liberamente, servono a coprire la coercizione a seguire un pensiero unico di cui le caratteristiche principali sono l'ipocrisia e l'inganno col fine di manipolare i sentimenti della solidarietà e della comunicazione tra le persone.
Tutta la solidarietà a Messora, auto finanziare l'informazione libera è necessario per far sopravvivere il nostro cervello indipendente.

Lombofritto 29.01.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

"dare una falsa rappresentazione di se stessi e di ingannare i propri lettori fingendosi testate giornalistiche" ma che motivazione è? Sembrerebbe che dicesse che se sei una testata giornalistica allora puoi ingannare a gogo? ma questa è mitica.

davide maccarrone 29.01.17 12:02| 
 |
Rispondi al commento

brexit è risultata vincente al 52% con una campagna fatta di menzogne e paura, trump ha preso meno voti della clinton e comunque un'altra situazione bilanciata. quindi gli altri che hanno votato non contano nulla? rispetto all'elezione di obama si è intensificata di fatto la finta informazione, quindi sì ci sta che si intervenga.

bengig 29.01.17 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Stiamo ritornando alla DITTATURA!!!

Spazziamoli via al più presto questi DITTATORI.

VERGOGNONO dover leggere questa roba nel 2017!!!!!

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 29.01.17 11:53| 
 |
Rispondi al commento

Servono poche parole e come hai detto tu:

HANNO UNA PAURA FOTTUTA che si faccia largo un punto di vista e di critica diverso dal
PENSIERO UNICO che per decenni ci hanno imposto con giornali e tv DI REGIME.
E' molto facile comandare quando ci viene detto anche cosa pensare.
In questo preciso momento lo stanno facendo praticamente tutti i media con Trump.
Ma facciamoci una semplice domanda:
CHI detta legge nei media attraverso cospicue quote azionarie o attraverso la partitocrazia?


P.S. ho mandato un piccolo contributo al tuo blog perchè come dici tu questa è la nostra linea del Piave.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 29.01.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento

Quello che non è riuscito a fare il Nano da Corleone.... lo sta facendo il bischero dietro l'angolo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 29.01.17 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che schifo ..

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.01.17 11:21| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori