Il Blog delle Stelle
Progetto Sanità 5 Stelle: nessuno dovrà più restare indietro

Progetto Sanità 5 Stelle: nessuno dovrà più restare indietro

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 73

di Davide Barillari

Da troppi anni assistiamo inermi ad una sanità pubblica sempre più vittima di clientelismi, sprechi e corruzione. Una sanità che avvantaggia sempre più gli enormi interessi privati a discapito della tutela della salute pubblica di tutti i cittadini.

E’ arrivato il momento di ridisegnare completamente la nostra sanità, sia per dare una risposta urgente a tutte le persone che hanno bisogno urgente di assistenza (11 milioni di italiani ormai rinunciano alle cure perché costano troppo e perché i tempi di attesa per fare un esame sono infiniti), e sia per restituire dignità ai tantissimi professionisti che lavorano ogni giorno senza sosta, demotivati, all’interno di Asl e fra le corsie degli ospedali pubblici.

Il MoVimento 5 Stelle è una rete di cittadini che si riuniscono per elaborare soluzioni ai problemi. Tutti noi stiamo unendo le forze, ognuno con le proprie diversità e le proprie idee, per dare vita ad un progetto collettivo e partecipato di riforma completa della sanità.

Il Gruppo Consiliare del MoVimento 5 Stelle alla Regione Lazio ha avviato il progetto “LIBRO BIANCO SANITA’ 5 STELLE”, che sarà il quadro normativo di tutte le riforme strutturali che avvieremo una volta al governo dell’istituzione regionale nel 2018.

Il ruolo degli ospedali e della rete di emergenza/urgenza, il sovraffollamento dei pronto soccorso, il governo delle liste di attesa, l'intramoenia e l'accreditamento della sanità privata, i servizi esternalizzati e la diffusione incontrollata del precariato, il blocco del turnover e l'inesistenza della meritocrazia, l'ingerenza dei partiti e dei sindacati nelle nomine e nelle promozioni, i meccanismi di controllo delle spese e il monitoraggio delle performances: vogliamo affrontare tutti i problemi che affliggono la sanità identificando soluzioni concrete ed attuabili.

Noi del M5S siamo sviluppando un nuovo modello di governance che metta in discussione, profondamente, il ruolo stesso della sanità "novecentesca": da una sanità passiva che resta in attesa che una persona si ammali e cronicizzi negli anni la sua malattina, ad un sistema sociosanitario proattivo e di iniziativa, rivolto ai cittadini SANI, che tuteli al massimo il mantenimento del benessere psicofisico, attraverso il modello innovativo della medicina predittiva (intercettare tutti i sintomi sentinella per anticipare l’insorgenza stessa delle principali patologie).

Un sistema sociosanitario che non si preoccupi solo di curare la malattia, ma faccia tutto il possibile per prevenirne lo sviluppo.
Un nuovo approccio che rivoluziona le basi stesse della presa in carico dei cittadini "potenzialmente malati" attraverso team multidisciplinari costruiti sulla base del proprio profilo bioanalitico (grazie all'avvio del nuovo Fascicolo Socio Sanitario Elettronico Regionale) e che apre la strada a percorsi diagnostici terapeutici personalizzati di assistenza sociosanitaria domiciliare, fra servizi territoriali ed ospedalieri non piu' differenziati fra loro.

Il Progetto Libro Bianco Sanità 5 Stelle è di durata quadriennale ed è il più complesso ed articolato che abbiamo avviato per lo sviluppo dell’intelligenza collettiva attraverso strumenti di democrazia diretta digitale e riunioni fisiche tradizionali di lavoro.

Questo progetto sta coinvolgendo enti di ricerca, università, organizzazioni, associazioni, comitati, e oltre 110 professionisti sanitari che in 8 gruppi tecnici di lavoro stanno analizzando 10 macroaree tematiche ed oltre 150 specifiche soluzioni, sviluppando per ognuna di essa un piano di fattibilita’ con tempi, modalità e costi di applicazione.


La sfida è enorme. Il nuovo governo 5 stelle partirà proprio dalla riforma della sanità: pubblica, gratuita, di qualità e accessibile a tutti.

Chiediamo l’aiuto di tutti, ognuno può portare la propria idea e svilupparla all’interno dei gruppi di lavoro in forma gratuita ed indipendente, nel rispetto delle professionalità di tutti gli operatori sanitari che stanno collaborando attivamente con il M5S per costruire il nuovo modello sociosanitario proattivo.

Per informazioni e adesioni: http://www.lazio5stelle.it/libro-bianco-2018/



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

6 Gen 2017, 12:35 | Scrivi | Commenti (73) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 73


Tags: barillari, lazio, m5s, salute, sanità

Commenti

 

Buongiorno a tutti, ritengo utile una discussione inerente il sistema sanitario nazionale .
Per rendere utile la tessera sanitaria opterei per aggiungere alla tessera un punteggio in questo senso simile alla patente .
mi spiego meglio : si parte con 20 punti pari a copertura totale , se fumi - 5 punti paghi il 25% in piu della prestazione , sei dedito ad uso di alcool - 5 punti altro 25% in piu , sei sovrappeso altri - 5 punti , fai uso di droghe persi altri 5 punti .
persi tutti i punti la sanità sarà completamente a pagamento .
ovviamente si metteranno a disposizione centri specializzati nella cura delle patologie descritte prima , ciò comporta che se una delle 4 patologie viene cessata si recuperano i punti ed i vantaggi economici .Può sembrare una idea strana , però ritengo efficace.
Saluti

Vincenzo leuzzi 10.01.17 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Cominciamo a rendere utile la tessera sanitaria.
Obbligo di visita al primo anno di scuola ( 6 anni). (vaccinazioni a parte).Obbligo di visita per accesso al 1*anno di scuola media (10 anni).Obbligo di visita per accesso agli esami di stato per chi prosegue gli studi, in alternativa per accesso alla licenza media.intorno ai 13/18 anni.Obbligo di visita per accesso a concorsi, e/o comunque per accesso al lavoro, etc..Prevenzione obbligatoria per tutti.Semplice e facile. NB: Ai miei tempi a scuola ci portavano a fare la visita per la tubercolosi ogni anno. Poi tutto è cambiato..in peggio.Sarebbe quasi il caso in cui si stava meglio quando si stava peggio!

vincenzo p., napoli Commentatore certificato 09.01.17 18:08| 
 |
Rispondi al commento

Da anni mi incazzo per la sanità, ma continuo a sentire le solite cose, in genere tra l'ignoranza ed una certa ideologia, che da decenni servono solo a far capire ai ladri della sanità che possono continuare a fare quello che gli pare, di fronte hanno il vuoto assoluto. Sono indeciso se contribuire al libro bianco, spero che cambi il clima e si possano proporre cose serie. Intanto ricordo a chi non lo sa che l'attività intramoenia, benché deformata nella sua applicazione, corrisponde a tre contratti nazionali medici mancati.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 09.01.17 12:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono decenni che sento le solite cose, molto ideologizzate, spesso stupide ed irrealizzabili, sulla Sanità. La moda (vedi quella attuale dell'alimentazione) più le cose politicamente corrette non portano da nessuna parte. Cerchiamo di cominciare a distinguere le sciocchezze dalla realtà. Vedrò se prossimamente ci sarà il clima giusto per proporre, per ora ricordo che l'attività intramoenia è dovuta a tre contratti mancati dei medici.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 09.01.17 12:27| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra evidente che un metodico sistema di prevenzione sistematico, oltre ad abbattere certe patologie, ridurrebbe pesantemente i costi di cura o intervento. Con tutti i benefici per la salute pubblica. Che poi, per il 90%, sia prevista ma non applicata è una semplice constatazione, mentre dovrebbe essere alla base di qualsiasi sistema sanitario pubblico che sotterraneamente non persegua altri obiettivi se non quello della salute dei cittadini.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 09.01.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

La malattia è un vero affare.
Il concetto di sanità, si sta ribaltando a favore del concetto di malattia. Il dramma è che questa aberrazione sta entrando nel comune modo di pensare, come se dovesse essere la normalità. Questa è pura follia collettiva Il solo pensare ad una sanità privata, perché più efficiente e dinamica è una cosa demenziale. L’accettare il principio di brevetto, come è stato fatto, sui farmaci è spaventoso. La salute, la prevenzione, la cura e l’assistenza dei cittadini, sono diritti inalienabili. Non ci vuole uno scienziato per capire che questi aspetti in mani private, come sta accadendo, si trasformerebbero in strumenti di puro profitto. La cosa è elementare: come privato investo in impianti, strutture, personale, ricerche ecc, non certo per beneficienza ma per ricavarne un adeguato profitto. Se i cittadini sono sani, il mio investimento va a farsi benedire. Il mio investimento potrà avere un sicuro ritorno se i cittadini sono malati, credono di essere malati o li convinco che potrebbero essere malati. Per cui, il mio profitto sarà tanto più consistente quanto più i cittadini saranno malati. Il mio profitto deriva dalla malattia e non dalla salute. Non ho alcun interesse ad avere una cittadinanza sana, non ho alcun interesse praticare una medicina preventiva di massa; quest’ultima sarebbe una vera iattura. Vi ricordo che la sanità italiana, con tutti i difetti che poteva avere, nel 2014 si è piazzata al 3° posto al mondo per efficienza/risultati. Questa posizione si doveva alla sua struttura pubblica. Ma da li in poi abbiamo cominciato scalare la classifica verso il basso. Gli USA, che ci spappolano le palle, con film e telefilm di grandi ospedali, grande efficienza e grandi medici, sono al 44° posto. Questa posizione la devono alla struttura privata della sanità. Stanno manovrando per rubarci, tra gli altri, anche questo diritto. NON DOBBIMO PERMERTTERLO A QUALSIASI COSTO.
Talelbano


Gianfranco B. Commentatore certificato 09.01.17 01:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non mi fa votare, nonostante la mia registrazione è avvenuta in modo regolare.

michele nasso 08.01.17 23:11| 
 |
Rispondi al commento

federazione migep

Nessuno si domanda quanti oss sono occupati e quanti invece sono disoccupati, dati che sfuggono alla pianificazione del fabbisogno reale.
La formazione non la regolamenta nessuno, non ci sono gli standard ospedalieri, l’unico standard che abbiamo è quello fissato nel 68. Troviamo assurda la frammentazione e la disomogeneità della formazione oss da regione a regione, tale da rendere il titolo non solo non riconosciuto in Europa, ma anche all’interno del nostro paese tra le diverse regioni.
Inoltre bisogna dare una stabilità istituzionale alle figure assistenziali che operano nel settore sanitario (Infermieri Generici, infermieri psichiatrici, Puericultrici) una professionalità che viene emarginata e che è importante valorizzarla attraverso corsi di aggiornamento, formulando urgentemente un’apertura di un tavolo tecnico, poiché sono stati ignorati da tutte le istituzioni. Bisogna superare l’attuale stato giuridico che si è rilevato inadatto e penalizzante per ridare quella dignità professionale dovuta.Non vogliamo creare steccati, alzare muri, ma semplicemente costruire ponti fra un profilo, tra una professione e l’altra. Un tema cruciale del SSN che speriamo che si affronti rapidamente in modo concreto poiché il diritto della formazione deve diventare un diritto fondamentale per tutti i lavoratori.

angelo minghetti 08.01.17 18:37| 
 |
Rispondi al commento

come federazione migep categoria nel sistema assistenziale del sistema sanitario purtroppo migliaia di operatori socio sanitari che operano nel terzo settore spesso sono dimensionati e costretti a non utilizzare le proprie competenze, mentre nella sanità privata l’oss in alcune circostanze, si trova a dover svolgere delle azioni che esulano completamente dalle sue competenze. Per chi lavora nei servizi domiciliari, si chiede attenzione poiché sono completamente soli e a rischio maggiore considerando anche che non sono valorizzati. Oggi queste professioni, entrando tra loro in conflitto, stanno spingendo, anche se in forme diverse, per ridefinire i loro ruolo professionale perché sentono forte l’esigenza di essere adeguati alle sfide della nuova assistenza sanitaria

angelo minghetti 08.01.17 18:13| 
 |
Rispondi al commento

come federazione migep categoria nel sistema assistenziale del sistema sanitario Occorre combattere con forza gli sprechi ed il malaffare, riorganizzare seriamente la rete ospedaliera e territoriale e modificare la “governante” del sistema in una sanità pubblica e non privata, andando anche a modificare la formazione di operatori sanitari all’altezza dei livelli europei.

In questi 15 anni la fantasia creativa nell’aver prodotto degli obbrobri di operatori assistenziali ha creato confusione dei ruoli. Bisogna ridisegnare competenze, funzioni nell’organizzazione del lavoro, rivedere la formazione dell’oss, dove il modello proposto dalle regioni attraverso le scuole statali ad indirizzo socio sanitario, non sono in grado di dare una reale risposta alle vere esigenze formative di questo profilo, contribuendo insieme alla formazione privata a generare un condizione maggiore di incertezza e di scarsa qualità dell’offerta formativa. La mancanza di coerenza da parte delle regioni ha fatto emergere un quadro disastroso sulle modalità e sulla validità dei corsi organizzati sul territorio italiano, mettendo in risalto un dato sconcertante riguardo la formazione, che è risultata essere a buon mercato per gli enti organizzatori, per la maggior parte non in linea con i criteri stabiliti dalla Conferenza Stato Regioni.
La formazione in Italia, non è considerata equipollente negli altri paesi europei, e non può essere spendibile in Europa.
Perché il cambiamento possa essere realizzato, è necessario garantire una formazione continua anche attraverso strumenti di raccordo e di professionalità appropriate per rispondere ai nuovi bisogni e a una formazione equivalente a livello europeo con due anni, attraverso una scuola specialistica, sotto il controllo del SSN, al fine di creare un sistema formativo e di cura in grado di garantire una presa in carico del cittadino in risposta ai problemi di salute

angelo minghetti 08.01.17 18:10| 
 |
Rispondi al commento

Spero davvero che il M5S riesca a creare un nuovo e vero sistema sanitario nazionale in grado di prevenire le malattie e di curare gli ammalati, nei tempi giusti e con la professionalità e competenza medica che attualmente sono rari da incontrare, mantenendo ticket accessibili a tutti. A tal proposito, vorrei far notare che al momento le agevolazioni per i disoccupati o precari vengono concesse sulla base del reddito annuo del NUCLEO FAMILIARE. Ma proprio perché una persona è disoccupata o precaria è probabile viva con i genitori o parenti, e chiaramente il nucleo familiare potrebbe superare il limite di reddito consentito per le agevolazioni. Così viene negata l'agevolazione. Ma il reddito di nucleo familiare non significa che venga o possa venir destinato per le cure mediche di quella persona disoccupata, oltre al fatto che i limiti di reddito sono chiaramente troppo bassi. Bisognerebbe sicuramente valutare la situazione economica del singolo e non del nucleo familiare e alzare i limiti di reddito per le agevolazioni.
Forza M5S !!! Sono con Voi.

MARIANNA M. Commentatore certificato 08.01.17 16:40| 
 |
Rispondi al commento

non resteranno indietro manco i trans brasiliani che vengono ad appestare di AIDIS il popolo italiota?

non resteranno indietro manco queglii dioti che vanno a cercare il trans brasiliano sieropostivo per farlo senza preservativo?


e poi il diliegente buon padre di famiglia deve pagare?

avanti tutti rusco e foglie 08.01.17 15:12| 
 |
Rispondi al commento

Mi ripeto: per far funzionare la sanita' non servono "investimenti" ma diminuire gli stipendi delle funzioni apicali e diminuire il personale amministrativo usando meglio la rete ed i computer.

Esempio: primariati : dividere la funzione di "formazione" dei medici da quella di "organizzazione" del reparto. La prima molti non la fanno e cosi' bloccano la crescita dei medici piu' giovani , la seconda la fanno alla cavolo con metodi di accentramento che creano lungaggini burocratiche.

Come girare la patata: esattamente come si fa in una azienda: esiste un direttore centrale organizzazione ed un ufficio che crea le procedure, definisce il software da usare e come si usa .

A chi interessasse posso fare un esempio di riduzione di funzioni inutili per quasi ogni reparto ospedaliero e per i medici di base.

Un discorso a parte merita il CUP , vedere qui:
www.cup.it

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.01.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Felice anno nuovo si.

La informiamo che la banca CRÉDIT MUTUEL, ma ha la tua fornitura di prestito di qualsiasi genere. Se avete veramente bisogno di un prestito per la tua attività sviluppata, vi consiglio di contattare il direttore della banca su mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

Ho ricevuto un prestito di 90000 euro in questa banca: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

rolando moliso, roma Commentatore certificato 08.01.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Signor Davide,Sanità Scuola e Giustizia sono i tre prioritari CARDINI cui seguono,a gerarchia decrescente,gli altri.
Cosiccome accadde/accadrà/accadrebbe e/o sarebbe accaduto in tant'altre faccende come fù preveduto in antichi processi.
Quanto al loro/Vs. "temporaneo governo"serve grande coerenza e,soprattutte l'umane qualità,tanta tanta ma Tanta UMiltà.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 08.01.17 10:03| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei affrontare un argomento specifico circa la sanità.
Ci sono circa 70.000 persone sedute su una sedia a rotelle a causa di una lesione spinale.
Molte di queste hanno perso il controllo di mani e gambe, si affidano quindi ai migliori centri di riabilitazione sperando in un recupero, ciò che ho visto con i miei occhi è questo:
- Procedure amministrative lunghe e complesse per poter avere ciò che spetta a ogni disabile, parliamo di strumenti di prima necessità (Standing, Letto da degenza, montascale).
- Fisiatri assegnati in base alla residenza si rivelano spesso impreparati e poco disponibili, per una nuova assegnazione sarebbe necessario cambiare residenza. Ridicolo!
- Nei centri di riabilitazione vengono forniti ausili che più che tecnologici sembrano invenzioni del Medioevo (es. fascette di stoffa dove infilare una posata x mangiare),come si può pensare che un disabile possa utilizzare un ausilio diverso per ogni diversa attività che vorrebbe poter svolgere con le proprie mani?
Per avere un ausilio "completo" per l'uso della mano, bisognerebbe quindi affidarsi privatamente ad Ingegneri competenti che siano in grado di costruire qualcosa di più tecnologico e utile, a patto di riuscire a trovarli e di avere abbastanza soldi per supportarne i costi.

Possibile che la Sanità si trovi ancora a punto 0 con gli ausili? Davvero su questo fronte è come se non esistesse nessuna tecnologia utile?
Non direi...esistono sensori e motorini utili a costruire qualsiasi se vogliono!

E poi...mi stupisco di non sentirne mai parlare in tv del problema...eppure parliamo di 70.000 persone!!!
Esiste su Facebook il gruppo "Sruotiamoci" dove si cerca di racimolare qualche info buttata qua e là sulla rete...
POSSIBILE CHE TUTTE QUESTE PERSONE E I LORO PROBLEMI VENGANO NASCOSTI DALLA TV???
Rammento che oltre ai disturbi motori , la maggior parte di queste presenta anche importanti problemi agli apparati interni,non dico altro perchè non sono un medico..ma vedo tutto questo ogni giorno.

FABIO MAZZOTTA 08.01.17 02:03| 
 |
Rispondi al commento

Sono un Direttore Responsabile di Laboratorio Analisi Ospedaliero. Confermo la situazione "confusa" e "opaca" che sta attraversando la Sanità Italiana.
Sarei lieto di confrontarmi con altri Colleghi per la messa a fuoco di modalità operative che riducano sprechi, "nebulosità" gestionali, iter poco chiari ... .
Grazie.

Francesco Bertan 07.01.17 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Da:
http://www.statoregioni.it/Documenti/DOC_045576_pellegrino.pdf

Vedere riquadro: criticita' dei dati: manco sanno quali/quanti sono gli stipendi di tutti .
Ed escluduno i dirigenti apicali.

La maggior parte del costo della sanita' e' "stipendi", perche' si affronta un problema di ottimizzazione delle risorse umane come un problema di erogazione del servizio ?

Ottimizzare le risorse umane significa ridurre gli stipendi , meccanizzare le procedure, ridurre il personale.

A 2000 euro annui di media ci sta qualunque cosa , un "Obamacare" in USA costa circa 100 dollari al mese , cioe' 1200 dollari/anno , cioe' la meta' o poco piu' .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 07.01.17 16:47| 
 |
Rispondi al commento

in maniera ULTRASINTETICA:per mettere in atto il vostro programma sulla sanita' servono investimenti: cio' pone la questione dell'appartenenza alla zona Euro, e, mi pare, non avete ancora le idee chiare su come affrontare il fallimento di questo progetto neoliberista. QAncora; non e' piu' sostenibile che la medicina di base sia lasciata a dei liberi professionisti che hanno il pèoter di portare voti a chi li aiuta, debbono diventare dipendenti pubblici.

massimo fazzari 07.01.17 15:19| 
 |
Rispondi al commento

Non confondiamo il diritto ad una sanita' gratuita per tutti con l'avere dei dipendenti pubblici.

Dititto per tutti (pubblico) e gratuito
Erogazione dei servizi totalmente privato ed in competizione di interessi.

Es.:
-tutti i medici possono essere medici di base
-tutti i medici di base possono "offrire" un budget sanitario agli assistibili all'interno del protocollo del SSN di prevenzione(non di cura)
-gli assistibili scelgono il medico che gli pare e possono cambiarlo quando gli pare
-Il medico di base riceve l'importo di competenza come ora e gestisce il budget sanitario dell'assistito mettendo in concorrenza gli erogatori (privati) delle prestazioni .

Meno sprechi , meno dipendenti pubblici ,meno politici, meno amministrativi.

Rete , computer, tutto dematerializzato e sopratutto tutte le statistiche economiche pubbliche affinche' il comparaggio venga contrastato da chi non vi partecipa.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 07.01.17 14:39| 
 |
Rispondi al commento

Passare dal disegno malvagio della speculazione sulla salute dei cittadini al disegno positivo della prevenzione e delle cure per la guarigione, l'eliminazione di speculazioni private e politiche, consentirebbe il risparmio di enormi risorse e questo è un aspetto fondamentale.

maria t., olbia Commentatore certificato 07.01.17 14:23| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo il lavoro svolto, le prevenzione deve essere il primo aspetto della sanità, ovviamente collegato alla nutrizione e allo stile di vita complessivo.
La sanità pubblica non deve essere assoggettata alle regole delle aziende, al profitto. Essa deve essere oltre, deve tendere alla salute dei cittadini attraverso la prevenzione e le cure con l'obiettivo di guarire dalle patologie e non solo di cure che non ti fanno morire ma neanche guarire, Questo è l'interesse delle multinazionali farmaceutiche ed è il più grande affare del secolo.
Oltre a superare la concezione aziendale le strutture sanitarie non devono dipendere dai partiti, alla struttura centrale del Ministero della salute devono essere collegate strutture gestite dalle categorie che vi lavorano, senza intromissioni politiche.
Altro aspetto fondamentale è la separazione tra pubblico e privato. Chi sceglie il pubblico non può avere interessi nel privato, compresa la intramoenia. Le lunghe liste di attesa derivano spesso da interessi di operatori che svolgono con molta calma il lavoro all'interno della struttura pubblica e sono molto solleciti quando invece sono impegnati in intramoenia o con altra attività privata.
E per sanare il servizio sanitario nazionale occorre anche l'eliminazione progressiva delle convenzioni pubblico-privato che tanto danno economico portano al pubblico e anche ai cittadini quando fanno fare interventi inutili o dannosi (vedi Don Verzè, S: Rita, Formigoni, ecc, ecco).
Concludendo: liberazione del servizio sanitario nazionale da regole aziendali e da ingerenze partitiche, separazione tra pubblico e privato con scelta degli operatori per l'una o l'altra forma, eliminazione delle convenzioni pubblico-privato, sono temi che vanno affrontati a fondo.

maria t., olbia Commentatore certificato 07.01.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta! ci sono post in cui si parla del nostro Beppe come del "Panzone di genova"La marmaglia degli italioti approfittando della tolleranza del M5S comincia ad allargarsi e a mancare di rispetto al nostro Garante.Bisogna cominciare a fare un pò di querele perche la dignità e la serieta del Movimento e del nostro Mentore vanno tutelate anche per vie legali

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 07.01.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un infermiere di esperienza ultraventennale. Vorrei collaborare ma vivo e lavoro in Lombardia. Cosa pensate di fare per la Sanita Lombarda, o meglio ancora, per il SSN?

Domenico Nigro 07.01.17 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Ottima iniziativa.

Vedo se posso candidarmi a fare qualcosa.

In ogni caso i miei 2 cent.:
Non riproducete il passato: cambiate le norme e la logica di base del SSN.

-la prevenzione deve essere separata dalla cura
-la cura separata dall'emergenza
-l'emergenza va unita alle altre emergenze
-diritto / dovere alla prevenzione obbligatorio per tutti uguale e gratis
-erogazione privata in conflitto di interessi
-Revisione dei DRG in senso trasversale con il calcolo dell'impatto sul sistema economico globale e non solo sulla singola prestazione.

Obbiettivo della sanita' del futuro e': MORIRE SANI in quanto CONVIENE alla societa' perche' costa meno.

Il problema attuale della sanita' non e' sanitario ma politico e normativo.

Politico perche' e' premiata l'incompetenza.

Normativo perche' consente al fancazzismo sindacalizzato di creare aree di totale inefficienza profumatamente remunerata.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 07.01.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Da ristrutturare la geriatria in primis , con tanti anziani si riempiono i pronto soccorso a dismisura. COLLASSO DELLE STRUTTURE SE NON DI ORGANIZZANO LE SOCIETA'.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 07.01.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Sono un architetto di 55 anni. A febbraio 2015 scopro di avere il diabete all'Avis. Mi accorgo che degli alimenti, anche se previsti nella dieta del diabetologo (che mi ha prescritto anche dei farmaci) mi alzano la glicemia. Scopro su internet la dieta dei gruppi sanguigni del dott. Mozzi e senza farmaci e senza spese risolvo non solo il problema del diabete ma anche la steatosi al fegato ed altro. Insomma ora ho dei valori neanche fossi ringiovanito di trent'anni. Fate un pò voi. Io lo candido a Ministro nel prossimo governo a 5 stelle. Buona salute a tutti.

Diego M., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 07.01.17 10:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Sanità può migliorare, soltanto, mettendo i medici in condizione di applicare le conoscenze scientifiche alla popolazione assistita. Non bastano le riforme sanitarie, bisogna riprogettare tutto il SSN, a cominciare dall'impianto economico: i medici e gli altri operatori sanitari devono produrre Salute non Utili. I malati devono essere curati non mantenere i servizi sanitari. Fino a prova contraria MAINEX è l'unico strumento proposto a tale scopo negli ultimi 20 anni a tutte le Istituzioni Sanitarie regionali, Nazionali, Università, Società Scientifiche e Sindacali e Politiche, cioè tutti quelli che gestiscono il budget economico di circa 400 miliardi di euro. Se si fosse sviluppato questo progetto si sarebbero ridotte le visite specialistiche, gli accertamenti diagnostici inappropriati, i ricoveri ospedalieri.... SI SAREBBERO RIDOTTI GLI UTILI DELLE AZIENDE SANITARIE !
http://www.mainex.it/portal/

francesco p., castions di strada Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 07.01.17 09:21| 
 |
Rispondi al commento

Siamo arrivati all'assurdo. Il medico non ti chiede nulla sul tuo stile di vita. Alla manifestazione di un sintomo ti assegna la medicina. Amen!

ETTORE L. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 07.01.17 07:37| 
 |
Rispondi al commento

salve
sono un medico e seguo da anni la nutrizione .
non potremo arrivare a nessun rislutato di rilievo se non poniamo al centro di qualsiasi riforma santaria proprio la nutrizione .
abbiamo gia' tutto pronti ,gli studi ,le statistiche ,assolutamente tutto .
il Movimento ha individuato perfettamente che dobbiamo centralizzare l'interesse sulla persona sana e alle fasi precosi dello sviluppo delle patologie .possiamo identificare un futuro diabetico decenni prima che sviluppi sintomatologie . solo tramite degli screaning e centri motivazionali ,possiamo ottenere il risultato di abbattere i costi sanitari . il cittadino non puo' essere piu' trattato come un essere passivo e esclusivamente consumatore di farmaci , tutti devono essere attivi e responsabili .questo si ottiene solo con l'informazione , indspensabile il ruole dei media e del lavoro di personale specializzato e rivolto solo alla motivazione del paziente .pssiamo farlo presto e bene .

silvana bisogni, Victoria Commentatore certificato 07.01.17 07:19| 
 |
Rispondi al commento

La LUISS di Roma ha superato in qualità la BOCCONI di Milano

simona verde Commentatore certificato 07.01.17 06:27| 
 |
Rispondi al commento

Capisco I tempi, ma il 2018 e lontano per una persona che ha bisogno urgente di cure, che da un giorno all'altro sparire tuttti I specialisti e cambi medici, dopo30 anni, per malattie gravi,Hiv ,la fiducia e importante per I pazienti di questo tipo dopo 30anni abbandonani a se stessi, non riesco ha fare un ecodoppler e urgente ecc... ma la regione decide questo interagito, con presidente zingaretti, risposta:non mi risulta, una vergona,portero questa storia alla conoscenza di tutti come nel 92 ,aiutatemi,pertavore.vi ringrazio,anticipatamente,fornari massimo

Massimo Fornari, Roma Commentatore certificato 07.01.17 06:12| 
 |
Rispondi al commento

Il M

simona verde Commentatore certificato 07.01.17 05:01| 
 |
Rispondi al commento

BRAVI !!!!

gianni s. 07.01.17 01:18| 
 |
Rispondi al commento

Credo che sarebbe un bene riformare la legge 104 ed estenderla anche ai figli al di sotto di una certa età, magari in età pediatrica.
Molto spesso, i giorni previsti dalla 104 (3 per un tempo totale di 24 ore) non sono sufficienti, pensiamo al caso di una persona che deve accompagnare 3 volte a settimana un parente a fare la dialisi, occorre tutta la mattina e in due settimane ha già esaurito il tempo a disposizione ma ne mancano altre 2 e per questo credo che il limite temporale in alcuni casi sia troppo restrittivo.
Necessario trovare un sistema per evitare i furbetti (ne conosco parecchi) il permesso dovrà essere giustificato con un certificato per dimostrare che il permesso è stato preso effettivamente per necessità.
Importante, perchè riducendo i permessi non necessari o non giustificabili, ci sarebbero i fondi per coprire il costo di chi ha bisogno di più giorni.
Non sarebbe uno scandalo perchè per esperienza personale, una mattina ho dovuto accompagnare mia figlia con la febbre dal pediatra e l'azienda mi ha chiesto il certificato!
La 104 è una necessità, non un modo per non lavorare prendendo comunque i soldi.
è pratica comune, esaurire tutti i giorni perchè retribuiti e nel caso in cui non fruiti, vengono persi, per questo la domanda è semplice "perchè non dovrei approfittarmi di tre giorni di riposo pagati?
L'estensione ai figli sarebbe importante perchè non sempre è possibile recarsi per tempo all'imps per compilare i moduli per il congedo parentale, la febbre non è programmabile e se un figlio si ammala ed è necessario accudirlo, tutto dovrebbe essere semplice e rapido come chiedere la 104.
In oltre, il congedo parentale è pagato al massimo il 30% della retribuzione e questo può causare gravi danni alla famiglia.
Diverso sarebbe per i congedi programmati, se uno chiede una settimana per portare il figlio in vacanza, non trattandosi di una emergenza è giusto che percepisca di meno, a meno chè si tratti di terapie irrinunciabili o non posticipabili.
In fi


Nei tempi non sospetti avevo progettato un progetto denominato "Dottobook - il tuo medico online" e decisi di rivolgermi alla FNOMCeO la quale mi mando a quel paese perché toccava i loro interessi... Più tardi in un conferenza video sulla Sanità proprio del M5s spiegai questo progetto - tutti entusiasti mi lasciarono con la promessa che mi avrebbero ricontattato - ma quando mai...

Da allora non toccai più quel progetto..


Concepire così la Sanità è un sogno ed una speranza che tocca profondamente tutti noi cittadini. Ora ci sentiamo soli tutti ed abbiamo il terrore di ammalarci, terrore di aver bisogno del Pronto Soccorso, paura di essere costretti ad essere ricoverati negli Ospedali. So che quello che dico è forte e so anche che non sempre è così, ma la mancanza di fiducia è troppo forte, troppo radicata ormai nella nostra coscienza. Quindi, un piano sanitario rivolto a tutti i cittadini, così come viene delineato, costituisce, ripeto, un sogno irrealizzabile, ma che potrebbe divenire realtà grazie appunto al M5S.

mario m. Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.01.17 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Agli inizi degli anni '90 ,ho fatto parte del comparto volo FIT CISL .Mi sono interessato della sanità aerea ,tentando invano di avviare studi sulla nocività di radiazioni ionizzanti ed elettro emanazioni a cui sono sottoposti i fruitori del sevizio aereo .Nonostante la soglia accertata ed appurata ,oltre i limiti consentiti ,della quantità di radiazioni assorbite per volo ,nessuno ha mai voluto parlarne .Quando ci sono INTERESSI ECONOMICI ,non c'è SALUTE che tenga .

franco tommaso adiletta, roma Commentatore certificato 06.01.17 19:15| 
 |
Rispondi al commento

Il Celeste e don Verzè...sono la dimostrazione di come funziona la sanità!
Ma se addirittura ti operano quando non ne hai bisogno per speculare sulle convenzioni.
Abolire le convenzioni si migliora la sanità Pubblica.
Finchè ci saranno cliniche private ci sarà il ladrocinio.
Non esiste il fatto che lo Strato non sia in condizione di curarti per cui ti devi rivolgere al "privato"...i tempi lunghi sono stati fatti e continuano per obbligare il cittadino ad andare sul privato.
E secondo voi il privati ci rimette?
E Basta con la solfa che la siringa deve costare uguale dal Nord al Sud...non è certo la siringa il problema.
La Bindi aveva cercato di porre un paletto....l'hanno fatta fuori....aooo..da una ex DC è il massimo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 06.01.17 18:37| 
 |
Rispondi al commento

C'E' UN ENORME CONFLITTO D'INTERESSE RELATIVO AI MEDICI CHE LAVORANO NEGLI OSPEDALI PUBBLICI E CONTEMPORANEAMENTE HANNO STUDI PRIVATI. PRENDIAMO UN OCULISTA NOVE DIECI MESI DI ATTESA PER UNA VISITA CON TICKET UNA SETTIMANA NELLO STUDIO PRIVATO DEL MEDICO. CI SONO POI CASE DI CURA PRIVATE CHE ADDIRITTURA DISPONGONO AUTONOMAMENTE DEL RICETTARIO ROSSO DELL'ASL E SI FANNO LE RICHIESTE DI PRESTAZIONI DA SOLE-

lucia 06.01.17 18:04| 
 |
Rispondi al commento

Non so se questo commento verrà letto e/o preso in considerazione, bisogna prevedere il/i MEDICO/I al triage e non un infermiere i codici bianchi verrebbero gestiti molto più velocemente, smaltendo le non urgenze.(questa è ovviamente solo una piccola idea)

Chiara Slocovich 06.01.17 16:38| 
 |
Rispondi al commento

Nessuno dovrà più rimanere indietro! Espressione forte, che segnala alti livelli di consapevolezza e di scelte etiche. Intanto cominciamo con i complimenti, dovuti per la titolazione.
Poi leggo, nel merito, parole altrettanto forti e impegnative.
Fra le tante mi colpiscono quelle dedicate all'assenza di meritocrazia, problema grave in tutti i comparti della cosa pubblica ma drammatico in quello della salute e del diritto alla vita.

Mi attira anche la netta sensazione che si sia già scomposto (cosa non solita tra i nostri amici) il Molok della Sanità, scoprendone le complessità rizomiche che pervadono la società non sempre (o quasi sempre?) facendo scelte ispirate al lecito e all'equità. Che amica del Lecito e della Sicurezza. Soprattutto quella Sanitaria.

Buon lavoro. Nella mia marginalità e precarietà, di salute (!) e di età, mi farò sentire e cercherò di dare tutte e due le mani.

Oreste Grani/Leo Rugens

Oreste Grani 06.01.17 16:05| 
 |
Rispondi al commento

Esco fuori tema per dire:
non si offenda Bonafede, ottima e preparata persona, ma non è all'altezza di affrontare volponi come Rotondi che ieri sera se l'è letteralmente mangiato. Invito il M5S ad aprire gli occhi: mandate un Di Battista o altra persona ugualmente adatta.
Non fate più errori così gravi!

albino c., GIARDINI NAXOS Commentatore certificato 06.01.17 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

basta all'intramagna la sanita'deve essere o pubblica o privata senza nessuna parentela per gli incassi altrimenti le migrazioni saranno strapagate dai cittadini vedi dialisi per dirne una a caso e poi e' colpa sua ha'una malattia rara devo andre a pagamento?SI!!!VAFFA e tiri avani...

sergio boscariol 06.01.17 15:49| 
 |
Rispondi al commento

Basta con i vaccini la chemioterapia e tutti i farmaci che servono solo a far arricchire le industrie farmaceutiche.Quando andremo al Governo spazzeremo via tutto questo veleno e gli Italiani si cureranno solo con le erbe che sono la cura migliore, a dimostrazione del fatto che con le erbe e non è mai morto nessuno

Andrea Ciolli, Roma Commentatore certificato 06.01.17 15:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Basta essere succubi di case farmaceutiche che impongono le cure per esempio la chimioterapia.
Largo spazio alla ricerca su cure alternative meno invasive e forse anche meno costose.
Ricordo che anche questo blog informò sul Prof Di Bella, isolato e deriso. Non gli fu concessa la possibilità di dimostrare la sua scoperta, ma si manipolò la sperimentazione, per rendarla inefficiente.
Nel caso di cure efficienti alternative dobbiamo avere il diritto di scegliere.

Rosa 06.01.17 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Prevenzione: molto utili i test di massa gratuiti. Ricordo il pap test e mammografia (o simile) per le donne.
Test per la ricerca del tumore della prostata, per l'uomo. E qualsiasi al test per prevenire le malattie più rischiose.
Il Pronto Soccorso va riformato: basta code. Chi entra deve immediatamente essere visto (con gli accertamenti dovuti), dirottato in reparto o dimesso.
I posti letto degli ospedali, vanno rivisti, devono essere sufficienti. Basta rifiuti di ricovero.
Gli ospedali non vanno chiusi!
Il personale deve essere a sufficienza, per la turnazione e pel le attività amministrative. Basta taglio del numero di infermieri e amministrativi-tecnici.
CONTROLLI SERISSIMI SUGLI APPALTI.
La santà deve rimanere pubblica, non privata. Il privato dà un servizio con lo scopo del lucro. La salute non può essere monetizzata e il servizio venduto a privati.

Rosa 06.01.17 15:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Splendido ed esaustivo progetto. Poiché colpisce molti interessi legittimi e non ci sarà' da lottare per approvarlo ed applicarlo.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.01.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

E' un progetto molto ambizioso ma non vi permetteranno di attuarlo. La Sanità è tra i settori che dispone di più risorse e attorno al quale ci sono troppi interessi privatistici. La possibilità per un medico pubblico di esercitare privatamente, avvalendosi della struttura pubblica, è una delle più grandi bestialità rese possibili. Se un medico ritiene di avere capacità superiori alla media e decide di "far diventare la propria professione un affare", si assume il rischio della scelta e "corre da solo" oppure si consocia con altri medici e apre dei centri privati i cui profitti gli vengono giustamente retribuiti, secondo la sua richiesta di compenso. Se rischia, investe su te stesso e se gli riesce, allora la tua scelta "affaristica" può essere esaudita, se no lasci perdere e si dedichi con il l'impegno dovuto dalla professione, che consiste non solo nel curare il malato, ma bensì ad evitare che questi lo diventi. Voglio proprio vedere quanti sarebbero coloro che "correrebbero con le proprie gambe"! E verifichiamo maggiormente le nomine dei dirigenti del settore: mi piacerebbe che la mansione non fosse utilizzata come trampolino di lancio per la politica e che si occupasse di più di ridurre i malati presenti sul territorio. Ad ogni modo in bocca al lupo per il progetto e vi auguro di realizzarlo!

Cammello Felice 06.01.17 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Da simpatizzante del M5S aspetto che Cancelleri & C. si diano una mossa per scoperchiare il coperchio di quella fogna che è la sanità nella regione siciliana.

ernesto 06.01.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo e per prevenire le malattie punterei tutto sull'educazione alimentare, quella seria, non come gli "esperti " che in tv continuano a dire di seguire un corretto stile di vita e mangiare alimenti sani (come dire a chi vuole vincere al lotto che deve giocare i numeri giusti!). Io ho rivoluzionato la mia alimentazione e sono 7 anni che non mi ammalo (nemmeno mal di gola o raffreddore...), che non vado in farmacia e dal dottore (che 2 anni fa è cambiato e non so ancora che faccia ha). Basta poco ....

Mauro 06.01.17 14:02| 
 |
Rispondi al commento

In Lombardia, purtroppo ormai si sta affermando il modello""privato"" e cioè : (parlo di interventi chirurgici,esami strumentali,cure varie....etc..)SE PAGHI vengono eseguiti subito, altrimenti DEVI ASPETTARE!!!!!!!

Adelaide C., Crema Commentatore certificato 06.01.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori