Il Blog delle Stelle
Ius soli, repetita iuvant

Ius soli, repetita iuvant

Author di Beppe Grillo
Dona
  • 87

di Beppe Grillo

Sullo ius soli la nostra posizione è sempre la stessa. Riporto integralmente il post pubblicato il 10 maggio 2013.

In Europa non è presente, se non con alcune eccezioni estremamente regolamentate, lo ius soli. Dalle dichiarazioni della sinistra che la trionferà (ma sempre a spese degli italiani) non è chiaro quali siano le condizioni che permetterebbero a chi nasce in Italia di diventare ipso facto cittadino italiano. Lo ius soli se si è nati in Italia da genitori stranieri e si risiede ininterrottamente fino a 18 anni è già un fatto acquisito. Chi vuole al compimento del 18simo anno di età può decidere di diventare cittadino italiano. Questa regola può naturalmente essere cambiata, ma solo attraverso un referendum nel quale si spiegano gli effetti di uno ius soli dalla nascita. Una decisione che può cambiare nel tempo la geografia del Paese non può essere lasciata a un gruppetto di parlamentari e di politici in campagna elettorale permanente. Inoltre, ancor prima del referendum, lo ius soli dovrebbe essere materia di discussione e di concertazione con gli Stati della UE. Chi entra in Italia, infatti, entra in Europa.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

27 Feb 2017, 17:03 | Scrivi | Commenti (87) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 87


Tags: cittadinanza italiana, ius soli, UE

Commenti

 

Io sono favorevole alla legge sullo "ius soli" e molto delusa della decisione di votare astensione.
Perché non fate votare gli iscritti su una decisione così importante?

Francesca C., Ferrara Commentatore certificato 17.06.17 17:43| 
 |
Rispondi al commento

La vergogna. Questo non è la rivoluzione e l’apertura. Questo è reazione di ultra-destra. A cosa servono i 5 Stelle se esistono già Forza Nuova e Lega Nord? Dario Fo si rivolta nella tomba.

Bartosz Hlebowicz 14.06.17 12:56| 
 |
Rispondi al commento

Io questo jus soli lo ritengo una cagata. In caso di referendum sul tema voterò per abrogarlo, se dovesse passare tra i privileggiati. E' questo un'altro pzzo di strada per sostiuire, con il ricatto del bisogno,le popolazioni del sud italia che già hanno subito la piemontesizzazione. Serve per fare contento l'ONU e i bastardi della finanza.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.03.17 19:42| 
 |
Rispondi al commento

#StipendiComeTutti anche per i dipendenti di Camera, Senato, Quirinale, ecc, ecc. Basta privilegi. Basta casta. Basta stipendi d’oro.

Vicino al fuoco ci si scalda! È un po’ quello che avviene per i cosiddetti "stipendi d'oro" di alcuni dipendenti pubblici, "privilegiati" rispetto ad altri, nonostante il fatto che per tutti i travet della Pa il datore di lavoro è sempre il medesimo: lo Stato italiano! Ma, in questo grande paese, più si è vicino al fuoco, più ci si scalda! Più si è vicini al potere, più si gode di luce riflessa, ovvero dei vantaggi, dei privilegi e soprattutto degli "stipendi d’oro" che sono erogati a tutti gli inquilini di Quirinale, Montecitorio, Palazzo Madama, Corte dei Conti e via discorrendo. Così pure avviene nei ministeri, nelle regioni e nei comuni: più si è vicini alla “stanza dei bottoni” più si “guadagna”! Più si si sta in alto, più si è vicini al “capo” e più alto è lo stipendio, nonostante sussista stessa anzianità, qualifica e titolo di studio degli altri “colleghi” dei piani più bassi! Cosicchè, basta spostarsi di appena qualche stanza o svoltare un corridoio per trovare retribuzioni nettamente inferiori a quelle percepite da chi, invece, sta lì, vicino al “fuoco”! Insomma, nella pubblica amministrazione, vale in termini di emolumenti e indennità accessorie il secondo principio della termodinamica che tiene conto del carattere di irreversibilità del passaggio di calore da un corpo caldo ad un corpo freddo. Bene ha fatto il MoVimento5Stelle a presentare una proposta di legge per chiedere che il trattamento pensionistico degli ‘onorevoli’ venga equiparato a quello dei normali cittadini. È una proposta seria, di uguaglianza e di giustizia sociale. E va benissimo così. Ma sarebbe altrettanto serio, giusto e sacrosanto 'normalizzare' lo stipendio dei dipendenti di Camera, Senato, Quirinale, Farnesina, CSM, ecc, a quello dei “normali” lavoratori pubblici...

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 02.03.17 15:52| 
 |
Rispondi al commento

No allo IUS SOLI ! Come insegnano gli svizzeri, c'è una differenza fondamentale tra RESIDENZA e CITTADINANZA che qui trattiamo come sinonimi.
La Svizzera ha da sempre ospitato milioni di persone ( a volte c'erano più rifugiati che svizzeri, come durante la guerra). Persone che dovevano rientrare a casa appena passata la buriana o che sono anche divenute residenti finché hanno potuto pagare le tasse e voluto adeguarsi a leggi e costumi, ma la CITTADINANZA, ovvero il diritto di voto, la puoi acquisire solo se sei figlio di almeno uno svizzero, e comunque se sei figlio di un ticinese tu resti ticinese, ovunque tu viva. Quindi se lo stato/cantone di Ginevra concedesse la cittadinanza a chiunque la chieda, quelli rimarrebbero sempre tutti SOLO Ginevrini, e non potrebbero mai votare per affari interni allo stato/cantone di Zurigo, per esempio...
Basta copiare, signori, da chi le cose le ha fatte funzionare dal 1200

max p., verona Commentatore certificato 01.03.17 21:11| 
 |
Rispondi al commento

Lo Jus Soli fa dibattito, ma deve essere concesso. La nazionalità italiana, ed anche la cittadinanza, devono essere date subito, dal momento della nascita, per delle ragioni che riguardano il come la persona deve crescere dove si trova. Deve avere una situazione sociale favorevole, in modo che non abbia ad avere danneggiamenti, in un periodo della crescita tanto importante. Tutte le altre considerazioni, ce ne sono infinite, non contano, per me, niente. Lo Stato italiano deve dare fiducia massima. Per correggere chi sbaglia, o per lo punire legalmente, ci sono le leggi che valgono per tutti. Chi è solo favorevole ad aspettare i 18 anni, è un poco troppo titubante a dare fiducia, ma questa è necessaria per fare integrare le persone, che non sono di origine italiana. Non è bene fare arrivare a 18 anni, senza tale fiducia massima, e nemmeno vedere tante persone che stentano, oppure altre che falliscono, e poi dire, o si rallegrare, che gli immigrati non riescono ad integrarsi. Bisogna essere neutri ed inclusivi. Tanto, i problemi italiani, sono causati esclusivamente dalla mala-politica di chi governa, e non fa gli interessi di tutti, ma privilegia il fare favori ad alcuni, per averne dei benefici in contraccambio. Beppe, capisco che le mie convinzioni possono non piacerti molto, ma io valuto le cose una per una e ti do ragione quando mi pare che la hai, senza pensare a ciò sul quale non la pensiamo allo stesso modo. Coraggio, Beppe.

Riccardo LOCCI Commentatore certificato 01.03.17 18:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti voi che mi leggono in questo momento !!!! Infine, Dio mi ha confermato la sua esistenza e del suo amore per noi, che aveva bisogno del suo aiuto. . È incredibile ma vero caro padre e amico. Se si potesse conoscere il grande servizio che Dio ha fatto di me attraverso questa donna, signora. ANISSA KHERALLAH, che mi ha concesso un sostegno finanziario di ieri, vi assicuro, tutto sarà molto molto felice come lo sono oggi. È finito per il suo falso di credito che hanno abusato della nostra debolezza. Non cercate i miei amici, è vero, con questa donna che non ha timore di Dio, e che aiuta veramente. Il suo indirizzo è sviluppo. aide@gmail.com ! Posso solo dirti ciò che può essere buono per voi, e vi ringrazio signor. Roberto per l'invio di me la persona giusta. Piacevole giornata a tutti voi.

philippe darus rinaudo Commentatore certificato 01.03.17 11:23| 
 |
Rispondi al commento

La cittadinanza deve arrivare dopo l' assimilazione della cultura,per cui no allo jus soli frettoloso. Mi sembra inoltre che ,guardando in giro per il mondo, gli stati che sono abitati da etnie diverse magari perché disegnati col righello sull' mappamondo, spesso abbiano grossi problemi di convivenza al proprio interno.

lando mandrelli 01.03.17 10:00| 
 |
Rispondi al commento

Prova a far nascere un mastino napoletano in Alaska e poi vedi se diventa husky.

Se succede il miracolo significa che hai qualche problema psichiatrico oppure hai preso troppo LSD e hai i requisiti giusti per fare il piddiota.

Se di mento 01.03.17 07:27| 
 |
Rispondi al commento

la legge deve restare cosi com'è, nasci in italia, ci vivi rispettando le nostre leggi e frequentando la scuola dell'obbligo e poi a diciotto anni se ti sei comportato bene e se vuoi,chiedi la cittadinanza, il referendum non serve,ci vuole buon senso!

susy c., campania Commentatore certificato 28.02.17 21:03| 
 |
Rispondi al commento

Scusatemi: è soltanto un mio sfogo

<<<<<<<<<<<<<<<

Ah, potessimo fallire! Indovina indovinello: chi ci rimetterebbe? chi ci guadagnerebbe?

Potrebbero le cose andare peggio di come vanno ora, per la maggior parte di ogni qualsiasi umana popolazione?

Ciascuno di noi normalmente vive nel disagio, in un'epoca baciata dalla "buona sorte"; poiché mai in altra epoca fu altrettanto facile poter produrre: cibo, energia, riscaldamento, abitazioni asciutte, qualsiasi genere di prodotto necessario, arte, bellezza, istruzione, salute, ... purché però noi si vivesse nel mezzo di un popolo savio (fatto di gente non stupida, non catechizzata (non eterodiretta), non scialba, non drogata... (è da notare il fatto che non ho detto: intelligente, libera, vivace, capace d'intendere e volere))

Il fatto è che, invece, noi si vive tra gente squilibrata e squallida, vittima d'ignoranza instillata – ma soprattutto d'incapacità di guardare in faccia la realtà (il suo brutto ed il suo bello)

La malattia più comune, nei nostri disgraziati tempi, vien detta essere “umanesimo”; il termine però è un eufemismo, poiché serve a non dire “antropocentrismo”

saremmo fortunati, se fossimo capaci di gestire le nostre fortune:
se fossimo capaci di liberarci dai nostri pidocchi (talvolta fallendo)
se fossimo capaci di non contribuire quotidianamente alla distruzione del nostro eco-sistema
se fossimo capaci di non riprodurci forsennatamente – come se fossimo animali affatto stupidi

piuttosto che guardare in faccia la realtà, normalmente ci alimentiamo di miti (per poter continuare vivendo entro sempre più stupidi sogni)

quando una qualche sberla, più forte delle altre, ci faccia invece un poco risvegliare, altrimenti diventa normale fare come si dice facciano gli struzzi (invece di guardare in faccia la realtà, sempre si preferisce seppellire – o tutte le nostre inutili teste o la realtà (amara) sotto una coltre di silenzio (magari al contempo creando un altro ulteriore stupidissimo mito))

Gino Sighicelli, Pontremoli Commentatore certificato 28.02.17 20:10| 
 |
Rispondi al commento

ma come, e Papa Bergoglio, una volta va bene e l'altra no.

Walter Borchia 28.02.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Stefano P. e Harry Potter no Haller siete veramente allucinanti delle idiozie che scrivete mi arrendo a codesta ignoranza. Beati voi che vivete in questa ipocrisia e la vostra frustrazione la scaricate sugli altri.
E vi rimando alla predica di Don Bastiano dal Marchese del Grillo "... E infine posso perdonare voi figli miei che non siete padroni di un caz..."

P.S.: Non sono ne di sinistra ne di destra e nemmeno centro verde o radicale. Sono al di fuori da queste stronzate!

Lucio D. Commentatore certificato 28.02.17 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assolutamente no!
Una persona nata e cresciuta in Italia ma allevata con cultura islamica non é italiano non é europeo ma islamico. Non é assolutamente possibile dare la cittadinanza a chi non appartiene alla nostra cultura democratica ed occidentale. Non é possibile dare la cittadinanza a chi professa una religione di odio, intolleranza e contro le donne ed i diritti umani.
No allo ius soli . No alla cittadinanza per mussulmani anzi gli Italiani che si convertono all' islam devono rinunciare anche alla cittadinanza in quanto hanno deciso di aderire ad una dottrina che non riconosce lo stato Italiano e le sue leggi ma solo quelle dell' Islam.

Stefano P., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.02.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

si parla sempre di DIRITTI mai di DOVERI. nei paesi civili la cittadinanza a chi ha precedenti penali anche lievi non la concedono, nei paesi civili se commetti reati oltre all'espulsione nel paese d'origine ti levano anche la cittadinanza, ecc.

Marcello C. 28.02.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono io che non capisco niente,
o siamo alla follia?
Nascere sul suolo italiano=cittadinanza?
È UNO SCHERZO???
Concedere la cittadinanza ai bambini stranieri ALLA FINE DEL PERCORSO DI STUDI OBBLIGATORI è considerabile e anche giusto nei loro confronti...
Ma per il solo fatto di essere nati...
POVERA ITALIA!!!

Anna M. 28.02.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento

almeno COS' POTRANNO SAPERE LE LEGGI ITALIANE, impareranno educazione civica come tutti gli altri e sapranno che una volta data una caparra x l'acquisto della casa, se rinunciano perdono la caparra... il tipo la voleva indietro a tutti i costi minacciava di ricorrere all'avvocato?!?!

giancarlo sartoretto 28.02.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento

non sono razzista....ma chi nasce in italia dopo i 18 anni PUO decidere se diventare cittadino italiano e così deve rimanere.
il resto è solo campagna elettorale .

stefano s., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.02.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Se irepetita uvant ripeto:
“Il M5S è leaderless, leader del M5S è il M5S stesso”
“Ognuno conta uno”
“Sono gli iscritti a dettare la linea politica del Movimento”
“Ci presenteremo con un programma deciso dagli iscritti”

Domando al Garante:

gli iscritti decidono il programma e dettano la linea con inutili e non verificabili Si – No
a quanto già deciso da un leader ?

Ebe Mocrasi Commentatore certificato 28.02.17 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Infine, Dio mi ha confermato la sua esistenza e del suo amore per noi, che aveva bisogno del suo aiuto. . È incredibile ma vero caro padre e amico. Se si potesse conoscere il grande servizio che Dio ha fatto di me attraverso questa donna, signora. ANISSA KHERALLAH, che mi ha concesso un sostegno finanziario di ieri, vi assicuro, tutto sarà molto molto felice come lo sono oggi. È finito per il suo falso di credito che hanno abusato della nostra debolezza. Non cercate i miei amici, è vero, con questa donna che non ha timore di Dio, e che aiuta veramente. Il suo indirizzo è : developpement. aide@gmail.com !!! Posso solo dirti ciò che può essere buono per voi, e vi ringrazio signor. Roberto per l'invio di me la persona giusta. Piacevole giornata a tutti voi.

philippe darus rinaudo Commentatore certificato 28.02.17 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' tutto fumo negli occhi come le unioni civili.
La verità è che questa classe politica di menestrelli e saltimbanco non ha fatto un emerito cazzo per i suoi figli.
O meglio i propri li ha piazzati mentre che il resto si arrangi e poi sono venute tutte le magagne a galla.
Sti stronzi dietro queste leggiucole nascondono la sete delle nazione di gettito che adesso vorrebbe dalle imprese degli extra comunitari visto che quelle degli Italiani le hanno distrutte.
Sti stronzi sanno benissimo che chi viene da quei paesi si adegua e si arrangia e non pretende ma comunque versa i contributi,quelli che fanno gola a sti stronzi per mantenersi a galla.
Non potevo esprimere meglio il concetto di stronzo.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 28.02.17 10:14| 
 |
Rispondi al commento

In tutto il mondo occidentale si evidenzia la crisi della democrazia rappresentativa. La gente non si sente e non vuole essere più rappresentata da nessuno ma vuole partecipare e scegliere in prima persona. Casaleggio lo aveva capito e il M5S sta usando le moderne tecnologie disponibili per realizzare questa forma di democrazia che in passato sembrava fantascienza. È la strada giusta e si deve continuare a perseguirla.

Mario C., Roma Commentatore certificato 28.02.17 07:37| 
 |
Rispondi al commento

Non sono un intellettuale ma una persona che viaggia a vive il paese dove va e s'informa. Non c'è bisogno di ripopolare nessuno paese, ma c'è bisogno di lasciare scegliere le persone di vivere dove si sentono bene e a loro agio. Vi lamentate che c'è un invasione l'immigranti, ma chi ha causato tutto questo? Da secoli siamo stati invasori,esurpatori, colonizzatori esportatori della civiltà per non parlare della democrazia, abbiamo devastato continenti interi rendendoli schiavi di una cultura che non gli apparteneva, rubandogli le terre l'acqua e la dignità e adesso avete anche il diritto di giudicare e scegliere per loro. Il mondo gira e spero che nessuno deve passare quello che hanno passato loro per colpa nostra. Mettetevi una mano sulla coscienza e accogliere queste persone dignitosamente senza paura.

Lucio D. Commentatore certificato 28.02.17 07:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ho letto da nessuna parte, forse mi è sfuggito, perchè il M5S ha votato contro la proposta di Fratelli d'Italia sulla rendicontazione delle spese dei centri di accoglienza. Personaòmente la ritenevo una legge sensata.
Cosa c'entra con la discussione di oggi?
E' che non riesco a capire con certezza cosa pensa esattamente il movimento della questione immigrazione.
Personalmente non ho nulla contro l'immigrazione, ancora oggi gli italiani emigrano, ma deve essere una immigrazione di persone che lavorano e pagano le tasse e che non impongano la loro presenza approfittando di leggi umanitarie.

bruno proietti 28.02.17 07:02| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo con Grillo!

simona verde Commentatore certificato 28.02.17 06:34| 
 |
Rispondi al commento

Stamo attenti a quelli der PD quanno usano li termini latini!

Già dar termine: IUS SOLI

se capisce che ce sta sotto 'na granne fregatura.

Te sembra dar termine che tu poi sta tranquillo è 'na legge che te permette de passegià 'n pace per le vie de le Città...

te co' tu moje, com'era 'na vorta:

DUS SOLI.. pe' le vie maggiche de Roma.

Invece no, te vojiono mannà 'na invasione!

Hai capito? E' tutta 'na: IUS SOLA!

Se poi sotto tutta sta fregatura ce sta pure sta faccia da E.T. de 'na Boldrini...

stamo certi che è 'na: PLUS SOLA!

Aldo B. 28.02.17 05:33| 
 |
Rispondi al commento

ora ci manca che tutti gli immigrati fanno come in america che vengono a partorire i figli a casa nostra!!!

ma quale ius soli, uno straniero qua deve starci e vivere come un cittadino esemplare per avere diritto a diventare un cittadino italiano, non bisogna regalargli la cittadinanza per nessun motivo!

io se vado all'estero, anche in europa e non ho un lavoro mi prendono e mi rimpatriano, altro che europeo o regalarmi la cittadinanza!

LA CITTADINANZA SI DEVE GUADAGNARE VIVENDO E LAVORANDO ONESTAMENTE!!!

prontia salpare, genova Commentatore certificato 28.02.17 01:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non voglio entrare nei dettagli "filosofici" in quanto come tale soggetti a ogni forma di follia ideologica personale e quindi condivisibili o non in base al proprio bagaglio culturale/familiare.
Vado al pratico e alla genesi della questione che purtoppo nessuno considera per interessi piu che vari e beceri. Ne' considero che fintanto che siam UE tali decisioni spettano alla UE, quindi perdita di tempo per distrarre dalle inefficenze il volgo.
Nel mondo 30 stati su 134 adottano un tipo di ius soli puro, applicato senza condizioni gli Stati Uniti d’America, Canada, quasi tutti gli stati dell’America del Sud e il Pakistan, mentre vi sono altri stati che presentano uno ius soli regolamentato in maniera più o meno stringente. Generalmente i paesi che applicano incondizionatamente lo ius soli sono luoghi  con un forte tasso d’immigrazione storica e al contempo un vasto territorio in grado di ospitare una popolazione maggiore di quella residente.Per il resto l’Europa può essere divisa in due gruppi. Il primo è il più numeroso, formato dai paesi nei quali vige lo ius sanguinis o uno ius soli molto temperato: Bulgaria, Croazia, Finlandia, Grecia, Italia, Olanda, Polonia, Serbia, Turchia, Ucraina, Spagna,Ungheria. 1à osservazione: nei paesi con un forte tasso di emigrazione (Ita,Bulgaria, Croazia) si tenda ad affermare un diritto dei discendenti degli emigrati rispetto ai discendenti degli immigrati.
il 2 gruppo, (Francia in testa), è composto da quelle nazioni con lo ius soli piu accessibile: GB, Irlanda, ma anche Germani dove possono diventare cittadini tedeschi tutti quei bambini nati da genitori extracomunitari, purché almeno uno dei due genitori abbia in mano un permesso di soggiorno permanente da tre anni e viva in Germania da almeno otto anni.
Traducendo per la mente dell'uomo semplice o Piddino di turno: IUS SOLIS= NEED PERSONE per CARENZA di PERSONE.
La domanda e' quindi semplice: Abbiam bisogno di ripopolare l'italia?
Agli onesti intellettuali l'ardua risposta.

Egidio M., Milano Commentatore certificato 28.02.17 00:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando Delia disse a sua figlia "d'estate andremo in Filippine" la bimba la guardò con orrore e paura e le rispose "ma poi si torna subito a CASA vero" intendendo nella città in cui è nata. Dovrà aspettare 18 anni per presentare domanda, e poi aspettare che la Prefettura le risponda? Lei crede di essere italiana dalla nascita, e lo credo anch'io. Vista la deriva destrimane che il M5S sta prendendo ho paura di aver sbagliato collocazione io.

sandra s., pistoia Commentatore certificato 28.02.17 00:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido il post. No jus solis deciso da quattro parlamentari pieni di retorica e privi di buon senso. Sì referendum del popolo su una legge così importante che potrebbe snaturare il nostro tessuto sociale , il nostro welfare, il modus vivendi delle future generazioni.

Donatella davanzo 27.02.17 23:57| 
 |
Rispondi al commento

L'ignoranza è un dato che si acquisisce nel tempo e con il passare degli anni, qui vedo che è abbondante. La Ius Soli dovrebbe essere legge è subito! Ma l'Europeo si sa è razzista colonialista deturpatore e sanguisuga. Che c'è di male se un bambino nasce nel territorio e acquisisce la nazionalità? Da precisare solo il bambino non tutta la parentela, così evitiamo che l'ignorante di turno intervenga. Di che avete paura, dove vogliamo arrivare in queste condizioni?
in uno stato mascherato da democrazia e normale che si crea tanta confusione sull'immigrazione, la massa crede anche spinta da pressioni politiche che sia il male maggiore. La Xenofobia non porta a niente state facendo solo il gioco che vogliono loro, così possono controllare facilmente l'opinione pubblica. Riflettere e pensare!


Lucio D. Commentatore certificato 27.02.17 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo is solid e un diritto di ogni bambino che nasce inconsapevole in un territorio, mia figlia è nata in Messico e anche se io gli ho detto sempre che è anche italiana per lei la sua casa e nazione e il Messico , semplice e l unico che conosce e quello che conosce da quando è nata. Quindi il problema non è lo ius soli e il controllo Delle nostre frontiere , perché è vero che mia figlia è nata in Messico ma regolarmente con permesso e tutto il resto quindi se non la smettiamo di far entrare chiunque solo perché stanno peggio di noi tra un po' parleremo arabo e saremo tutti mulatti , e non sono razzista mia moglie non è italiana . Quindi realismo no falso buonismo. Entri in Italia regolare lavori paghi le tasse ed i tuoi figli nati in Italia saranno italiani seno a casa e ciao come in tutto il mondo . Stati uniti è Messico compresi

Pierfrancesco 27.02.17 22:34| 
 |
Rispondi al commento

Segnalo un articolo interessante.

http://www.controinformazione.info/il-libro-nero-della-socialdemocrazia/#

Giovanni Antonio 27.02.17 22:20| 
 |
Rispondi al commento

alla fine ; cacceranno me ..
essendo nato all'estero da genitori italiani ..

già oggi la burocrazia ogni tanto mi rompe i coglioni ..
nonostante sulla carta di identità c'è scritto cittadinanza italiana ..

-_-

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.02.17 21:59| 
 |
Rispondi al commento

Niente ius soli!!!!!!

Lorenzo Ragusa Commentatore certificato 27.02.17 21:55| 
 |
Rispondi al commento

io non sono razzista pero sono totalmente diffidente da esseri che aproffitterebbero come dice qualcuno di autobus caricati di donne incinte che vengano a vivere qui per dare la cittadinanza ai loro figli, visto che gia vediamo opportunismo per prendere 500 euro di pensione che in altri paesi sono sufficenti per vivere ed in alcuni per vivere bene.
quindi come poter controllare wquesto opportunismo e tenere il lavoro per i nostri figli e nipoti senza rischiare di lasciarli senza un lavoro e la possibilita di farsi una famiglia senza poi perdere altri italiani in giro per il mondo facendo spazio ad opportunisti??
questa he la domanda che ci si dovrebbe fare.

pensateci e pensateci bene in ballo ci sono le nostre famiglie

roberto iuretigh 27.02.17 21:51| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno anni fa paventava la reale possibilità di pullman pieni di donne incinte che vogliono far nascere in Italia i propri figli!

Concordo pienamente con Grillo: parliamone spiegando tutto molto bene, semmai un referendum e ancor prima del referendum, lo ius soli dovrebbe essere materia di discussione e di concertazione con gli Stati della UE.
Per ora lo ius soli non è che Fumo negli Occhi, soffiato ad arte da parlamentari e politici in campagna elettorale permanente

massimo m., Roma Commentatore certificato 27.02.17 21:39| 
 |
Rispondi al commento

Lo ius soli non può essere preso alle leggera come una certa parte politica del paese intende, concordo pienamente come possa essere un qualcosa che nel lungo periodo potrebbe modificare l'origine della popolazione europea, è indubbio come la percentuale di popolazione italiana di origine straniera aumenterà nei prossimi decenni, per questo sullo ius soli bisogna discuterne seriamente e non decidere a caso.

Lorenzo P., Cuneo Commentatore certificato 27.02.17 21:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se volete vedere davvero una migrazione di dimensioni bibliche non c'è di meglio, perchè dalle periferie degradate delle megalopoli centrafricane o asiatiche, insieme a pochi veri disperati da aiutare, si avviino verso l'Italia milioni di aspiranti (tra i quali, per il calcolo delle probabilità, notevoli figli di mignotta) al nostro meraviglioso "way of life"....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.02.17 20:41| 
 |
Rispondi al commento

E' vero, ad oggi lo ius soli gia esiste e, purtoppo, è un automatismo in quanto lo straniero nato in Italia, al compimento del diciottesimo anno può richiedere la cittadinanza che gli viene concessa senza un minimo di accertamento. Accade che numerosi cittadini stranieri, seppur gravati da precedenti penali diventano ugualmente cittadini italiani. Ne consegue che non potrà più essere espulso e con lui neanche il padre e la madre in quanto genitori di cittadino italiano ai quali, seppur delinquenti, quando matureranno l'età della pensione percepiranno anche l'assegno dall'Inps.
Per i delinquenti l'Italia è il Paese ideale.

Maurizio Monti 27.02.17 19:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ve immaginate se Dio al posto di Adamo ed Eva avesse dato nell'Eden lo Ius Soli alla Boldrini e Napolitano?

Er serpente se sarebbe impiccato all'arbero.

l'arbero de la conoscenza sarebbe diventato er più ignorante der Pianeta.

Dio avrebbe messo 'n cartello all'ingresso:

CHIUSO PER RAPINA

Caino e Abele sarebbero stati rinchiusi dentro er carcere de massima sicurezza.

E l'Arca de Noè sarebbe diventata Forte Apache.

Aldo B. 27.02.17 19:54| 
 |
Rispondi al commento

Io credo che non debba esser sufficiente lo jus soli ipso facto.
Il diritto di cittadinanza si può dare -ovviamente secondo la mia opinione solo se chi lo chiede
- non ha commesso reati (da stabilirsi quali civili e quali penali)
- a chi è da tempo residente fisso in Italia (minimo 5 anni, meglio 10),
- ha pagato regolarmente le tasse e imposte, statali e comunali.
- Ha dimostrato una condotta civile per tutto il tempo de residenza.

NB-CON POSSIBILITA' DI TOGLIERE LA CITTADINANZA
SE SI DELINQUE.
(Provate a vedere se negli altri stati vi danno facilmente la cittadinanza Es. Svizzera e U.S.A. (Le "migliori democrazie" - Ah,Ah;Ah.- del mondo...)

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 27.02.17 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Con l'avvento della tecnologia, la manodopera avrà sempre meno peso.
Meno nascite,e meno immigrati... uguale meno problemi...grazie.

Lo ius soli NON VA BENE per me...comunque parliamone.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 27.02.17 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono contrario allo ius soli.

Tuttavia parliamone e votiamo .

Ma dopo un profondo dibattito sulla questione fondamentale che lo riguarda: l'entrata di stranieri in italia in numero tale da snaturare l'etica della nazione .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 27.02.17 18:30| 
 |
Rispondi al commento

" un fatto acquisito !" ^_^
una volta non c'erano tutti questi problemi
io conosco una persona che nacque a Roma 34 anni fa e vive al suo paese tranquillamente con i genitori stranieri che erano di passaggio qui ...

da quando girano 'ste " contesse boldrini" e tanti ottusi del pd , con un papa abusivo ... non si capisce più una ceppa . Dovresti fare un referendum un giorno sì e l'altro pure ... peggio di un condominio di ribambiti !

Lenin Nicolaj (che fare), Roma Commentatore certificato 27.02.17 18:23| 
 |
Rispondi al commento

IUS SOLI? SEMO SICURI?

QUANNO CE STA SOTTO ER PD POI STA' TRANQUILLO CHE C'È PUZZA DE 'NA IUS SOLA!

Aldo B. 27.02.17 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Chi adesso rispolvera lo ius soli lo fa per motivi elettorali e per odio nei confronti dell'occidente. Non è una proposta di "integrazione spinta" ma di sopraffazione migratoria.

Pier 27.02.17 17:43| 
 |
Rispondi al commento

Concordo per approvare lo ius soli ci dev'essere ampia discussione in Italia, Europa e infine un referendum!

Cecilia ., Cagliari Commentatore certificato 27.02.17 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Perfettamente d'accordo. La posizione del M5S è la stessa e non cambia. La nostra Stella Polare è il BuonSenso!

massimo f., milanosudest Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 27.02.17 17:28| 
 |
Rispondi al commento

"Chi entra in Italia, infatti, entra in Europa".

Non so quanti lettori di questo blog approverebbero l'idea di "sub-appaltare" la discussione all'UE...

In ogni caso, forse il referendum è lo strumento più adatto per questioni di questa delicatezza.

Andrea Torti 27.02.17 17:22| 
 |
Rispondi al commento

diritto di cittadinanza com'è ora, va benissimo: a 18 anni l'immigrato può decidere se diventare cittadino italiano.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.02.17 17:14| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori