Il Blog delle Stelle
Imparare dalla mafia significa imparare a tacere

Imparare dalla mafia significa imparare a tacere

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

di Petra Reski

Grazie alla Frankfurter Allgemeine Zeitung in cui il giornalista Andreas Rossmann ha descritto il mio "caso" mi sono ricreduta sul giornalismo. Analisi sobria non solo della querela degli imprenditori italiani di successo in Germania, ma anche dell’atteggiamento del caporedattore del giornale per il quale ho scritto il mio articolo: il "Freitag" – uno noto per ostentare il suo grande impegno sociale.

Imparare dalla mafia significa imparare a tacere

Una giornalista d’inchiesta viene intimidita e piantata in asso dal settimanale "Der Freitag": il caso Petra Reski è per molteplici aspetti insolito.

di Andreas Rossmann

Chi scrive sulla mafia, lo fa "a proprio rischio e pericolo", dice il giornalista italiano Alberto Spampinato. Questo siciliano sa di cosa parla: da quando suo fratello Giovanni nel 1972, all’epoca venticinquenne, e corrispondente dalla sua città natale Ragusa del quotidiano palermitano "L’Ora", fu assassinato da Cosa Nostra, questo tema non gli dà pace. Nel 2009 ha pubblicato un libro su suo fratello, scritto in prima persona. L’anno prima Spampinato, che ha lavorato a lungo a Roma per l’agenzia di stampa Ansa, ha dato vita al progetto "Ossigeno per l’informazione", una sorta di "Osservatorio sui diritti umani" per i giornalisti. Dalla sua fondazione, "Ossigeno" ha documentato un numero crescente di casi, e questo non solo nel Sud Italia: nel 2009 sono stati 91, nel 2016 più di quattrocento.

"A proprio rischio e pericolo", riguarda anche il pericolo di vita. Negli ultimi trent’anni sono stati tredici in Italia i rappresentanti della stampa uccisi dalla mafia. E ciò significa a proprie spese: giornalisti sono stati minacciati, con gomme forate e bombe incendiarie o con richieste di risarcimento danni e diffamazioni, cose che, data la lentezza della giustizia, possono impegnare le forze fino a fiaccarle. Alcuni – come Roberto Saviano– sono sotto scorta, e questo non solo a Napoli, Caserta o Reggio Calabria. Ma Spampinato intende anche il pericolo per l’integrità: ostilità e intimidazioni devono ridurre al silenzio i giornalisti. Ne sa qualcosa anche Petra Reski, che, come autrice libera, indaga sulla mafia e della cui storia qui si parla.

Affari miliardari anche qui da noi in Germania.
Un mezzo legale per assicurarsi il silenzio, lo offre il diritto della personalità, che però per i tribunali italiani vale di meno in rapporto al pubblico interesse. Ciò stimola i media a svolgere il loro ruolo di guardiani e controllori. In Germania questo avviene solo occasionalmente, anche perché volentieri ci si comporta come se qui la mafia non fosse presente. Benché questa una volta si sia rivelata con assoluta evidenza, come nel 2007 a Duisburg, dove in una faida tra due Clan della ‘ndrangheta furono giustiziate sei persone, o due anni fa al Lago di Costanza, dove furono arrestati otto componenti dell’organizzazione calabrese, la polizia – e anche le notizie di stampa danno non di rado l’impressione che si tratti di "faccende interne” italiane.

Il BKA, il dipartimento federale d’investigazione criminale, tuttavia, ritiene che ci siano oltre cinquecento affiliati alla mafia in Germania e conosce gli affari miliardari con la droga – e il traffico di armi, con ditte prestanome e con il riciclaggio di danaro sporco. Ma gli strumenti giuridici non sono all’altezza, le azioni penali poco efficaci. La sola appartenenza alla mafia, diversamente che in Italia, non è un reato, e mentre in Germania le autorità devono dimostrare a un presunto mafioso, che i milioni che ha investito in immobili, li ha acquisiti illegalmente, in Italia è all’opposto: se il sospettato non può provare come è venuto in possesso del suo patrimonio, questo gli viene sequestrato.
Le conseguenze del suo lavoro coraggioso

Già nel 2013 il governo federale aveva annunciato l’inversione dell’onere della prova, tuttavia, fintantoché manca la riforma, la mafia ha gioco facile e la polizia si trova in difficoltà. In proporzione ai danni provocati all’economia e alla società civile, gli affari della mafia trovano scarsa attenzione. Le ricerche sono dispendiose e difficili, e sebbene l’obbligo da parte della stampa di riferire su un sospetto sia sancito giuridicamente, alcuni uffici stampa di tribunali pretendono dai giornalisti fatti probatori che vadano oltre gli indizi.

Petra Reski scrive di continuo ed è bene informata sulla mafia. Ha buoni contatti ed è bilingue, da più di vent’anni segue da Venezia gli sviluppi e gli intrecci nei due paesi. In articoli e libri, tra i quali "Mafia – di padrini, pizzerie e falsi preti" (2008) (edizione italiana: Santa Mafia), la pubblicista, nata ad Unna nel 1958, fa luce sulle strutture di potere e le trame, fa capire i pericoli e si espone essa stessa al pericolo. Nei suoi lavori, opinioni e analisi si legano ad audacia e coraggio. Ma le conseguenze non si sono fatte attendere: azioni inibitorie e querele per diffamazione, pressioni, processi.
Un caso per molteplici aspetti insolito

"Chi scrive sulla mafia lo fa a proprio rischio e pericolo." La frase viene citata anche da Petra Reski in un articolo apparso il 17 marzo 2016 sul settimanale "Freitag" col titolo "Ai boss piace il tedesco" . In un’intera pagina ella descrive come la mafia ha potuto rapidamente e agevolmente prendere piede nella Germania dell’est, espone le difficoltà di raccontarne le attività e documenta alcune esperienze. Un anno dopo, quella frase ha coinvolto l’autrice in modo preoccupante. La querela al tribunale di Lipsia da parte di un uomo d’affari italiano, citato per nome nell’articolo, che vede lesi i suoi diritti della personalità, ha colpito la giornalista – finanziariamente, nel suo onore e nella sua esistenza. E’ probabile che il querelante mirasse anche principalmente proprio a questo, dato che il suo nome era già stato fatto in altri articoli di giornale su questa sentenza, e il provvedimento provvisorio l’ha richiesto inizialmente contro l’autrice. Solo dopo il "Freitag" ha ricevuto un’ammonizione.

Il caso è insolito sotto molteplici aspetti, dal momento che, per il suo articolo, Petra Reski aveva preso lo spunto da una precedente sentenza, sempre del tribunale di Lipsia, a favore dello stesso uomo d’affari. Questi aveva sporto querela contro il reportage trasmesso il 4 November 2015 dalla rete televisiva MDR "La provincia dei boss – La mafia nella Germania centrale", poiché si riteneva rappresentato in maniera identificabile nella persona chiamata "Michele", che, secondo le indagini delle autorità italiane, era affiliata alla mafia e, come amministratore finanziario, era implicata nell’espansione della ‘ndrangheta a Erfurt.

Neppure il tentativo di venire incontro all’autrice

Di questa sentenza pubblica Petra Reski ha riferito al "Freitag". Il tribunale aveva considerato in un primo momento "assolutamente inammissibile" l’istanza di adozione di un provvedimento provvisorio, come comunicò al querelante. Del resto era dubbio se i princìpi dell’obbligo da parte della stampa di riferire su un sospetto, princìpi che il querelante vedeva lesi, avrebbero trovato poi applicazione nel caso in oggetto. Ma poi il tribunale, che nei processi alla stampa è considerato particolarmente benevolo nei confronti dei querelanti, ha accettato l’istanza e ha accolto la querela: Petra Reski il 24 febbraio 2017 è stata condannata a tralasciare la divulgazione, e la sentenza è stata dichiarata provvisoriamente esecutiva contro una cauzione di 5000 Euro.
L’italiano, che a Erfurt gestisce una gelateria e un ristorante, aveva richiesto il procedimento il 28 giugno 2016, più di tre mesi dopo la pubblicazione. Alla giornalista, che vive a Venezia, poté essere recapitato solo nel novembre 2016. Nel settembre 2016 il querelante si rivolse anche al "Freitag.” E’ normale che un giornale che, con la decisione di stampare l’articolo, sta dietro l’autore, in caso di un conflitto giuridico si metta davanti a lui, si consigli con lui e lo difenda. Un sondaggio tra consulenti legali e avvocati dei media ha rivelato che nessuno ha sentito di un caso in cui non si sia agito così. Sì, anche se il giornale giunge in seguito a un’altra valutazione giuridica diversa da quella dell’autore, si assume di regola il rischio. Il "Freitag" invece non ha assolutamente cercato di venire in aiuto alla sua autrice, anzi ha cancellato subito l’articolo dalla pagina di Internet senza discuterne prima con lei.

"Le redazioni non sono un’assicurazione di tutela legale "

"Le spese legali per una piccola casa editrice come la nostra sono un peso considerevole", le ha spiegato la redattrice responsabile, con la quale più volte ha lavorato bene, ha detto Petra Reski al Frankfurter Allgemeine Zeitung. Si sente piantata in asso dal "Freitag": " Nessuno al ‚Freitag‘ sembra esserci arrivato a considerare che le spese legali per una piccola autrice come me, che ha guadagnato per l’articolo 321 euro lordi, sono un peso considerevole, se non addirittura maggiore." Invitato a una presa di posizione, Jakob Augstein, caporedattore del "Freitag", ha detto al F.A.Z.: "Come giornale ci viene richiesto di confidare nel lavoro corretto dei nostri autori. Se inconsapevolmente stampiamo affermazioni che si rivelano insostenibili, dobbiamo garantire di non ripetere più tali affermazioni. E’ una prassi normale nel panorama dei media tedeschi e perfino giusta e importante in tempi contraddistinti da espressioni come ‚Fake News‘ e ‚Stampa bugiarda‘. "Al rimprovero rivoltogli per il mancato sostegno legale, ha replicato: "Le redazioni non sono un’assicurazione di tutela legale per le inchieste di scarsa qualità."

Con ciò Augstein non solo accetta, senza verificarla, la decisione di Lipsia, ma discredita anche l’autrice dapprima apprezzata dal giornale, facendo sapere cosa può significare e costare una libera collaborazione al "Freitag". Per Petra Reski questa esperienza può essere un incentivo in più a preferire di scrivere romanzi sulla mafia invece che articoli investigativi e saggi. Ad agosto uscirà per la Hoffmann e Campe il suo terzo romanzo sull’investigatrice di mafia Serena Vitale, "Con tutto l’amore".

Già da tempo ci sono per lei buone ragioni per cambiare genere
: a partire da quell’episodio del 2008 a Erfurt, quando a una sua conferenza, un italiano vestito elegantemente si alzò in piedi, difese chi aveva sporto querela contro il suo libro "Santa Mafia” e si congratulò ironicamente con l’autrice per il suo coraggio. "L’inibitoria pervenuta al mio indirizzo di Venezia", così ella racconta, "contiene l’aggiunta del piano in cui abito, sebbene io non l’abbia mai indicato. Questo può saperlo solo chi è stato davanti alla mia porta." Petra Reski sa che cosa le vogliono dire con questo.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

4 Apr 2017, 15:37 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 17


Tags: m5s, mafia, petra reski, scrivere

Commenti

 

Come si può sperare nel cambiamento quanto ormai da nord a sud italia, all'estero, tutto appartiene alla mafia?
Complici le istituzioni?
https://binariomortoitalia.wordpress.com/2017/03/31/caro-gratteri-ci-tenevo-a-dirle-una-cosa-che/

Binario Morto 06.04.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
È il tuo giorno fortunato
Per i vostri progetti di viaggio e di tasse scolastiche per business costruzione d'oltremare e fondo di investimento in diversi settori del commercio internazionale e costruzione e un altro acquisto e acquisto auto noleggio casa e pronti per la salute e l'educazione dei vostri figli la soluzione è signora Josina gomez contatto il nostro servizio di prestitobancario2017@gmail.com ti offre impareggiabili prestiti qualsiasi concorrenza con le procedure di uguale è il cambio non non perdere

rotine antonio (guissipi), antoni Commentatore certificato 06.04.17 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Salve, signor DelBARIO. Come fate? Vi prego di inviarmi il tuo numero nella mia email. È davvero un angelo. Egli aiuta a fare un prestito che è cambiata la mia vita. Io che mi fido. Lo ha reso anche fiducia. La sua e-mail è:
E_mail: delbarioalexio@gmail.com

Gerard alaba Commentatore certificato 06.04.17 11:00| 
 |
Rispondi al commento

la mafia si esapnde anche in piccoli centri del Nord, è molto preoccupante....

Nadia 05.04.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Ciao signore/signora,
Cercavo il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me.
Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mr. DelBARIO Alexio. Ecco come ho contattato mio
Mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. E Mr. DelBARIO mi ha dato un prestito di 60,000 euro sul mio conto, che posso assicurarvi che tutti questi generalmente suono carta egli mi guida per pagare il mio debito. Contatto il e saprai la verita '
Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto che si vuole realizzare, questo Signore vi aiuterà a raggiungere la fine del progetto e vi sosterrà perché io sono la prova vivente.
La sua e-mail è: delbarioalexio@gmail.com

Per la verifica sono anche su facebook.

Ema love Commentatore certificato 05.04.17 13:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vita è molto semplice se noi non cerchiamo di rendere complicato. Questo è così è rendere la vita più facile e aiuta voi di non perdere la speranza che il signor DelBARIO Alexio mette ha disposizione di coloro che possono pagare di nuovo e ha chiunque soddisfano le condizioni dei prestiti che vanno da 500 a 50.000.000 milioni di euro. Interviene anche per investimenti a breve termine, le risorse e a lungo termine al fine di aiutare a pagare i tuoi debiti. Signor DelBARIO è in relazione a una banca per facilitare e rendere sicure le transazioni. È in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia, che lo rende più affidabile. Si lascia una possibilità di dialogo tra le procedure di pagamento e tasso.
Per ulteriori informazioni vi preghiamo di contattarci da
E-mail: delbarioalexio@gmail.com

Pierre jack Commentatore certificato 05.04.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo ringraziare il procuratore Ielo che ha stoppato il ritorno di
mafia-capitale.
Ha arrestato Marra, che secondo le indagini esercitava un potere molto,
molto più grande di quello attribuito al suo incarico.
Ha indagato la Muraro, che giustamente si è dimessa.
Ha indagato la Raggi per 3 reati, ma da brava politica Italiana è rimasta
saldamente incollata alla poltrona, mentre i vertici del movimento taciono"

V.V. 05.04.17 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cara Petra,
come mai quando allude alla mafia fa riferimento al nostro Paese o precisa: "L’italiano, che a Erfurt gestisce una gelateria e un ristorante" mentre se si tratta di parlare del caporedattore del Freitag non dice che è omertoso come un mafioso e soprattutto che è tedesco? Forse la mafia è solo italiana? Tanta gente gioca sugli stereotipi e fa di tutto per mantenerli in vita, anche con i romanzi, si sa, fa business, e ama ripetere all'infinito "la mafia è italiana", ignorando che la mafia non ha "zona geografica esclusiva, c'e' ovunque: dal Giappone alla Russia e dalla Cina alla Colombia. La Germania ha ugualmente la criminalità organizzata, non diversamente dal nostro Paese, altrimenti non esisterebbero i collegamenti tra criminali italiani e tedeschi e l'UE germanocentrica dei massoni, banchieri e burocrati è probabilmente la massima espressione mafiosa oggi presente nel mondo. Ha mai pensato di combatterla, così come fa il M5S? Scriva anche un libro sulla Germania nazi-mafiosa di Schäuble, Merkel & Co., vedrà che troverà tanto da dire e magari molti più lettori interessati. Saluti.

Zampano . Commentatore certificato 05.04.17 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Un post nel Blog di Beppe Grillo, dedicato a Petra Reski, nell'ottobre 2009(http://www.beppegrillo.it/2009/10/4_ottobre_2009.html) aveva ottenuto ben 1234 commenti, ora, alle 3e14 di oggi (5 aprile 2017) solo 5.
"...Petra Reski: “Intanto vi ringrazio, perché questo libro non esisterebbe in italiano, se non ci fosse stato il blog di Beppe Grillo. Grazie a questo, la piccola casa editrice l’ha scoperto in rete, mi è successo che questo libro è stato tradotto in italiano: una cosa che vorrei raccontarvi, perché i tedeschi, quando ho presentato questo libro in Germania, hanno detto: “beh, è ovvio che lei non pubblica questo libro in Italia”, io ho detto: “ perché?”, “perché in Italia non c’è libertà e poi lei sarebbe sotto minaccia” etc. etc.. Bisogna dire che sono stata minacciata in Germania, sono stata querelata in Germania e gli unici che mi hanno creduto su quello che è successo sono stati gli italiani. ..."

Emilio Condividere 05.04.17 03:18| 
 |
Rispondi al commento

Il padrino

https://www.youtube.com/watch?v=ASu1rMLSXEo

Parla più piano e nessuno sentirà
il nostro amore lo viviamo io e te
nessuno sa la verità
neppure il cielo che ci guarda di lassù.

Insieme a te io resterò
amore mio, sempre così.

Parla più piano e vieni più vicino a me
voglio sentire gli occhi miei dentro di te
nessuno sa la verità
è un grande amore e mai più grande esisterà.

Insieme a te io resterò
amore mio, sempre così.


Parla più piano e vieni più vicino a me
voglio sentire gli occhi miei dentro di te
nessuno sa la verità
è un grande amore e mai più grande... esisterà.

Aldo B. 04.04.17 22:00| 
 |
Rispondi al commento

Grande Giornalista, la Sig.ra Reski, una delle poche, anzi pochissime a fare VERO GIORNALISMO D'INCHIESTA, e NON di SPETTACOLO DELLA POLITICA!!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.04.17 17:48| 
 |
Rispondi al commento

Che si sbrighino i tedeschi ad affrontare seriamente il problema delle infiltrazioni mafiose prima che gli freghino pure la Mercedes. E siccome sono più' bravi di noi la facciano sel serio la lotta alla mafia, senza pieta'.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 04.04.17 16:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Mafia fa paura e lascia sgomenti per la sua crudeltà.
La si può combattere solo con l'onestà ma soprattutto non lasciando soli coloro che osano contrastarla.

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 04.04.17 15:56| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori