Il Blog delle Stelle
#ProgrammaScuola: Perché non è una Buona Scuola

#ProgrammaScuola: Perché non è una Buona Scuola

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 95

di MoVimento 5 Stelle

La legge 107/2015, cosiddetta Buona Scuola, ha minato le fondamenta democratiche, cooperative e formative della scuola, trasformandola in un’azienda e asservendola a logiche competitive e di profitto. Nel quesito che vi sarà proposto, chiederemo di esprimere le due priorità tra una serie di scelte, premesso che i punti al voto sono tutti obiettivi da realizzare.

di Matteo Saudino, docente di Filosofia

A due anni ormai dalla sua entrata in vigore possiamo affermare che la "Buona Scuola" renziana è tutto tranne che una scuola buona. Per tanti motivi. Innanzitutto perché la buona scuola mette al centro una logica di tagli e di risparmio, non si distacca questa forma dalle vecchie riforme che consideravano la scuola, il sistema dell'istruzione, non una risorsa su cui investire, non un albero da far crescere, ma un albero da potare. E dunque rimane dentro la logica del risparmio, della potatura, e dunque dentro una logica di restrizione delle risorse. In quest'ottica ecco l'idea degli sponsor: le scuole devono andare a cercare sul territorio degli sponsor privati, affinché le possano alimentare e sostenere.

Tutto ciò, ovviamente, nel medio e lungo periodo creerà delle scuole di Serie A, cioè le scuole che riescono a trovare più sponsor, più fondi e le scuole di serie B, quelle di territori più poveri che non riusciranno a recuperare fondi ed investimenti privati. Senza dimenticare che gli investimenti privati, nel lungo periodo, rischiano seriamente di minare l'autonomia dell'istruzione, del sapere e l'autonomia degli insegnanti che spesso dovranno portare avanti progetti voluti da questi finanziatori esterni.

Inoltre la buona scuola non è una scuola buona perché diventa Invalso-centrica, cioè fa ruotare l'apprendimento intorno al sistema valutativo degli Invalsi. Questo determina una mutazione culturale, o addirittura antropologia, dell'insegnante che si trasforma da educatore a vero e proprio allenatore, in vista della performance dei test Invalsi. Una sorta di personal trainer finalizzato alla compilazione dei test.

Questo non è insegnare, perché l'insegnamento è mettere al centro la crescita del ragazzo. E un ragazzo cresce attorno alla molteplicità dei saperi e delle intelligenze. La scuola dell'Invalsi invece uccide la didattica laboratoriale, quella sperimentale, teatrale, tutte le didattiche che sono avulse dal sistema Invalsi. Inoltre stimola la competizione negativa tra studenti, i quali vogliono primeggiare per un quiz e non crescere insieme attraverso un percorso formativo di qualità. Stimola anche la competizione negativa fra gli insegnanti, che vogliono avere i propri allievi tra i migliori nei test Invalsi o addirittura fra tutte le scuole, in maniera tale che un domani quelle con i test migliori possano avere più finanziamenti, o possano essere più rinomate nel panorama di un mercato scolastico.

Inoltre la buona scuola non è una scuola buona, perché crea una alternanza scuola-lavoro pessima in quanto è estremamente ideologica. In un'epoca di grande disoccupazione, illude i ragazzi che attraverso degli stage si possa un domani ottenere un lavoro in quelle stesse aziende, in quelle cooperative. Ma un paese che ha una scarsa crescita economica, con alti tassi di disoccupazione, non sono degli stage non retribuiti o spesso improvvisati, a creare nuova occupazione e di qualità.

È una pessima alternanza perché favorisce il lavoro con prestazioni d'opera gratuite, e prepara dunque i ragazzi a un mondo futuro di precarietà. Le aziende posso utilizzare questi ragazzi per fare le lavori scarsamente qualificati e gratuitamente. Ed è una sorta di palestra per quello che sarà il mondo del lavoro di domani, potremmo dire che la scuola prepara i lavoratori precari di domani. Ti faccio lavorare oggi gratuitamente, così capirai domani cosa ti aspetta nel mercato del lavoro, così capirai cosa vorrà dire lavorare domani senza diritti.

Inoltre è una pessima alternanza perché toglie ore di didattica, ore di discipline. In un modo complesso come il nostro, estremamente liquido come direbbe Bauman, oggi saper scegliere, dunque essere autonomi e liberi passa attraverso l'acquisizione di conoscenze e competenze. Perché essere liberi significa poter colorare la propria vita di tanti colori, ma se nel mio portapenne ho solo due colori, rosso e nero, la mia vita sarà tendenzialmente rossa e nera. Togliere ore disciplinari di matematica, di letteratura, di fisica, di latino, di laboratori di lingue, significa di fatto avere un domani meno possibilità di scelta, all'interno di un panorama liquido e precario.

La buona scuola non è una scuola buona perché conferisce troppi poteri ai presidi, i quali negli anni si sono trasformati in manager, in veri e propri capi degli istituti e hanno il potere della chiamata diretta dei professori. Ma tutto questo, in un paese come l'Italia, non sta stimolando una meritocrazia, ma forme di clientelismo. I presidi finiscono per chiamare il professore che più conoscono, i professori che sono già stati in quell'istituto, i professori a volte anche più fedeli alle linee politiche dell'Istituto, del preside.

Tutto ciò, ovviamente, indebolisce una scuola intesa come luogo di sapere critico e di orizzontalità, di libertà di insegnamento. Teniamo conto anche che tutto si unisce al fatto che i presidi hanno il potere di attribuire la premialità, cioè un aumento salariale a fine anno per gli insegnanti. In un paese come l'Italia di salari estremamente bassi, per quanto riguarda gli insegnanti, tutto ciò significa dare ai presidi un grande potere. Rischiamo di trovarci di fronte a un preside che istituisce una sorta di corte di professori di insegnanti più fedeli, più obbedienti, proprio per ottenere il bonus, la premialità.

Invece noi dovremmo stimolare una cooperazione tra gli insegnanti, non una competizione. Anche perché poi è difficile stabilire chi è l'insegnante migliore: è quello che porta avanti tutti i progetti della scuola, o che ha deciso di intraprendere il Preside; oppure l'insegnante che sa fare meglio matematica, fisica, attraverso i laboratori, esperimenti, quello che fa leggere più Platone o più Dante. Dunque, la premialità è un grandissimo potere che hai ma non Preside per direzionare proprio la scuola verso una verticalità che non convince l'apprendimento.

Perché la scuola renziana non è una scuola buona, è dato dal fatto che gli studenti sono stati praticamente ignorati da questa riforma. Questa è una riforma che li esclude. È calata dall'alto sugli studenti che non vengono interpellati perché considerati dei consumatori di sapere, degli utenti di prestazioni, dei clienti degli istituti. Devono consumare programmi, devono consumare progetti, acquistare certificazioni, e viene dunque eliminato quell'aspetto fondamentale, in un processo formativo, che è la creatività degli studenti. Hanno uno spirito collaborativo e critico che va alimentato e sostenuto, e non eliminato o tarpato sin dall'inizio.

Banner_marcia_460x230.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

19 Mag 2017, 09:50 | Scrivi | Commenti (95) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 95


Tags: buona scuola, m5s, Matteo Saudino, programma scuola, riforma

Commenti

 

Salve Prof. Saudino, il mio punto di vista per alcuni aspetti è in accordo con altri interventi che indicherò più in basso.
Punto1, i tagli, credo che nessuno sia in disaccordo con lei.
Punto2 invalso-centrica, vorrei sottolineare che verificare se le persone hanno raggiunto gli obiettivi minimi di apprendimento non ci vedo nulla di male. Siamo in Italia o no? occorre saper parlare l' italiano o no? e lo vogliamo verificare o no? e vogliamo vedere se sanno anche far di conto o no? Si chiama merito e non lo dobbiamo pretendere solo dai politici ma da tutti.Una volta c' erano i commissari che verificavano l' operato delle maestre/i (diplomate/i e con tirocini di due anni almeno) e la scuola elementare italiana era considerata una delle migliori. Con l' arrivo dei laureati ad insegnare alle elementari, senza tirocinio e senza controllori tutto è cominciato a peggiorare.
Punto3 cosa significa la crescita del ragazzo? in tutti i campi della vita dallo sport ai lavori quotidiani occorre superare dei test. Ci sarà qualcuno più bravo e qualcuno meno e a volte si da un premio.Ripeto, si chiama merito.
Punto4 Se la competizione è pessima occorre eliminare tutte le attività perché c'è sempre competizione. Tale attore è più bravo dell' altro, lo stesso per i maestri di musica ecc.
Punto5 e 6: l' alternanza scuola lavoro non è pessima a prescindere ma dipende dalla scuola (professionale o meno) e in quali ambiti viene mandato il ragazzo. Il fatto che non siano retribuiti non è un errore. Lei pagherebbe una persona inesperta, a cui deve insegnare il lavoro? io no. Quando sei ragazzo, e frequenti soprattutto le botteghe artigiane, sei li per imparare quindi ringrazia che non paghi tu le conoscenze. A meno di non dare sgravi fiscali a chi accoglie i ragazzi.La scuola è gratuita non il resto. E comunque la scuola la si paga con le tasse.
Punto7 sono d' accordo che l' alternanza debba essere svolta fuori i periodi scolastici.

Alfredo Bonfiglio 23.05.17 13:04| 
 |
Rispondi al commento

leggo e sento da più parti che il modello scolastico migliore forse del mondo è quello finlandese ma allora perchè non cerchiamo semplicemente di importare tale modello in italia con le dovute correzioni?

davide m., adrano Commentatore certificato 23.05.17 08:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scuola: le parole spiegano, ma se l'esempio non indica i giovani non ci credono!

Paolo Garilli 22.05.17 17:06| 
 |
Rispondi al commento

ECCO DI CHE COSA HA BISOGNO LA SCUOLA, L'UNIVERSITA' ITALIANA

https://www.youtube.com/watch?v=8EolPSLk3F4

Zampano . Commentatore certificato 20.05.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono madre di un ragazzo di 16 anni. L'analisi del prof. Saudino è condivisibile, ma nessuno ha ancora affrontato il vero problema della scuola italiana: la riforma della scuola media inferiore. Per favore fate qualcosa. È dagl'anni 60' che se ne discute. Gli esperti ci sono. Fate un bel programma per rivoluzionare veramente la scuola. Non è più possibile che un ragazzo a 13 anni decida sul suo futuro senza le competenze e la consapevolezza necessarie. In tre anni non riescono ad acquisire nessun metodo di studio, eccetto quelli che potrebbero anche non andare a scuola. I programmi sono ampi, le ore sono poche per approfondire. Poi si ritrovano elle superiori ad affrontare nuove materie con enormi difficoltà. Non pochi rinunciano. La mia proposta è portare la scuola media a 5 anni. La mattina si studierà italiano, storia, matematica, scienza e tecnologia, inglese, il pomeriggio musica, arte, motoria e altro. Quindi 10 anni tra elementari e medie inferiori e 3 anni di scuola media superiore tra licei che preparano ad affrontare l'Università e tecnici che preparano al lavoro con possibilità di passare a frequentare l'Università. Peppe fai qualcosa!

Ramona 19.05.17 19:26| 
 |
Rispondi al commento

Devo purtroppo evidenziare che, a causa delle storture generate dalla legge 107/15 (la stranamente detta “Buona scuola”) questa istituzione scolastica si è sempre più ridotta, a causa di dirigenti reclutai con procedure dubbie e a suon di ricorsi, a mio parere per nulla adatti o capaci di gestire ciò che gli viene affidato e che, una volta raggiunta, per amore o per forza (visto che la norma glielo permette), la maggioranza in tutte le sedi decisionali, hanno trasformato la scuola in un sistema dove la dialettica è sempre più osteggiata e le voci “fuori dal coro” viste non come possibili contributi ma nemici da abbattere. Orrore più grande in quanto è proprio la scuola per sua natura che dovrebbe non solo non osteggiare ma decisamente promuovere le diverse opinioni e i diversi modi di porsi nei confronti delle cose, un panorama in ultima analisi molto simile a quanto prospettato prima da Polibio nel II secolo A.C. col termine di oclocrazia e ben più recentemente da De Touqueville, ribattezato col termine di “dittatura della maggioranza” o ancora da J.S. Mills rivista col termine “tirannia della maggioranza” panorama questo che vediamo prendere decisamente piede su vasta scala nelle democrazie occidentali e, in scala decisamente più piccola nelle piccole realtà che queste democrazie formano.

lino EPIS, Milano Commentatore certificato 19.05.17 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

DIMENTICAVO: la riforma sanitaria fu fatta per togliere i politici dalla Sanità. Giuro che è vera.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 19.05.17 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Riforma scolastica 1 Intanto "Riforma della buona scuola", già il titolo è una bestemmia, secondo la logica che cambiando il nome si cambia la sostanza. Se si fa una riforma schifosa il titolo è uno sfottò, se la riforma è buona non c'è bisogno di scriverlo sul titolo.
Non sono un insegnante, perlomeno non di scuole superiori. In questi anni ho visto semplicemente diminuire impegno e conoscenze,una specie di auto promovimento a tutto senza che corrisponda a qualcosa. Una mia amica polacca è tornata in patria e telefona che ora la stanno facendo sudare, non come quando stava in Italia che era una pacchia, se ti bocciano o mandi i genitori a picchiare l'insegnante o se sei buono lo denunci semplicemente e ottieni quello che vuoi, altrimenti il povero virgulto potrebbe soffrirne. Va bene, queste sono mie idee, ovviamente tutti saranno contrari, ma era la premessa.
Ma ora parliamo di quello che pochi hanno visto perché non sono in grado di vedere. La riforma della SCUOLA è parallela alla riforma che anni fa fu fatta dai politici di sinistra (e poi ovviamente sviluppata da tutti) per occupare manu militari LA SANITA'. Io la definii "riforma della mafia".
Ci sono delle cose che servono ai politici, per motivi che possono essere tanti ma che si riducono alla fine a potere e soldi. Alla base si parla di efficienza, meritocrazia etc etc. Come fare? Semplice, si nomina un KAPO'. C'è sempre nella vita qualcuno disposto a fare il Kapò, lo diceva Totò, lo diceva Villaggio, l'italiano gode quando guadagna un euro in più dell'altro o ha la scrivania un cm di più. Il Kapò è di nomina strettamente politica, non deve durare troppo per essere ricattabile. Non concorso, quindi, ma nomina diretta. Sarà estremamente difficile se non impossibile intercettare gli ordini che gli verranno dati dal politico, anche di tipo tecnico, che non potrà ignorare altrimenti verrebbe rimosso.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 19.05.17 17:28| 
 |
Rispondi al commento

Riforma scolastica 2 Ovviamente deve decidere carriera e soldi dei sottoposti, se no che ci sta a fare? Quindi ha mani libera nelle nomine, le carriere vengono modificate: bisogna premiare il merito (leggi, nomina solo chi gli dice il Politico) , quindi mano libera e via l'anzianità. Si rimettono i giudizi, un tempo un retaggio fascista, ora segno di merito, con due ciliegine. La prima è che il professore dovrà firmare che accetta il giudizio o ricorrere immediatamente (cosa sconsigliabile dati i poteri del Kapò), la seconda che dopo tre anni di giudizio negativo scatta anche l'eliminazione del professore scomodo. Tutto legale. Poi bisogna agire sullo stipendio. Si inventa (sempre per il merito) una base, il resto viene dato solo se....... qui metteteci quello che vi pare, progetto, obiettivi tutto quello che volete, ma il succo è che se il Kapò vuole ve lo da altrimenti ciccia, legalmente si taglia la busta paga del professore scomodo. Con la solita scusa si ricatta qualunque insegnante, col politico che dice: e io che c'entro, l'ha deciso in piena autonomia il Direttore della Scuola.
Altra perla: non incentivi a poggia. Come ho scritto nel mio blog "paziente serpente" quando nella Sanità misero gli incentivi i Primari erano imbarazzati, perché in un reparto si creano disuguaglianze non giustificabili e non è una cosa facile. Allora si davano a tutti. Ma fecero fare una legge regionale (Toscana) per cui si poteva dare l'incentivo a solo la metà degli aventi diritto; per quell'anno il Primario dovette dire che quell'anno lo avrebbe dato alla metà e l'anno dopo all'altra metà dei lavoratori. Fortunatamente intervenne la privacy per cui il passo successivo fu che erano segrete la buste paga per cui i Kapò, privi in genere di moralità, si poterono finalmente sbizzarrire a darli solo agli amici secondo i soliti criteri universali della meritocrazia, cioè sesso, bandiera e cromosomi.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 19.05.17 17:27| 
 |
Rispondi al commento

Possibile che non piglia mai un commento!!!!

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 19.05.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Riforma scolastica 3 Questo è quanto interessava a Renzi, poi sono ammesse tutte le discussioni.
Con questa riforma se il politico di turno vuole che a scuola si insegni o non si insegni qualcosa basta che telefoni .. che dico, telefonare no che si intercetta, basta che lo faccia sapere al Kapò ed ottiene quello che vuole, legalmente, con la coscienza (se l'avesse) a posto e nessuno può farci niente: riforma della mafia. L'hanno fatto nella sanità,tocca alla scuola. Continuando il parallelo, gli ausiliari nella Sanità li hanno trasformati tutti in OS per liberare il posto alle cooperative, nella Scuola questo già l'hanno fatto togliendo ai bidelli (ex, ora non so come si chiamano) il loro lavoro per darlo alle cooperative. Niente di nuovo sotto il sole, l'Italia è una repubblica basata sugli amici degli amici, come recita la Costituzione...

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 19.05.17 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Ancora una volta sono in controtendenza (parte generale)
Matteo, professore di filosofia, afferma ovvieta' ma non propone (come nei casi precedenti) alternative di orientamenti di soluzioni.

La volonta' tendenziosa di farci votare nel modo banale di soluzione delle priorita' mi pare evidente.

Punto per punto:
a)Scuole di serie A e di serie B: ci sono sempre state, anzi oggi sembrano tutte piu' "pari" (al ribasso) di un tempo (O tempora, o mores ! )

b)Invalso-centrica:definire test migliori si puo' ma i TEST CI DEVONO ESSERE, uguali per tutti , ministeriali , anonimi, e a sorpresa , come i test antidroga. Le scuole peggiori si chiudono e prof. a spasso (compreso il preside) in quanto incapaci .

c)"Mettere al centro la crescita del ragazzo": dice tutto e niente, stimolare la competizione non e' di per se' sbagliato , risulta contro producente se i valori sono distorti.

d)Critica criticabile per le ragioni opposte , come alcuni interventi di altri evidenziano

e)Discipline a tempo pieno e lavoro a tempo pieno, ma in tempi diversi , altrimenti si perde il senso degli obbiettivi degli insegnamenti.

f)"indebolisce una scuola intesa come luogo di sapere critico e di orizzontalità": supercazzola: la scuola deve insegnare le cose, i fatti, le evidenze scientifiche. La parte critica o uno ci arriva e se la fa perche' ne ha assorbito gli ingredienti o non ci arriva e la vita sara' corretta maestra.

g)Cooperazione fra insegnati: non e' rilevante alla trasmissione del sapere , non mi sembra un obbiettivo , salvo se due insegnanti fanno i galletti nel pollaio nel qual caso possono farlo meglio in una azienda privata, vanno allontanati perche' immaturi . Non c'entra nulla con l'insegnamento.

h)Studenti ignorati dalla riforma: quando mai gli studenti sono stati considerati in una riforma ?
Tutte le riforme hanno riguardato principalmente gli stipendi dei professori e le dotazioni economiche in generale sia in "dare" che in "avere" .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 19.05.17 17:19| 
 |
Rispondi al commento

In controtendenza (aneddoto 1)
Ieri l'altro ho preso una macchina con autista dall'aeroporto CLR a BRU , percorso 1 ora circa.
Il guidatore (driver) era un signore di colore molto scuro che parlava un francese perfetto ed un italiano approssimato.
Dopo un po' di conversazione stavamo parlando di metrica greca, metrica latina, guerra di Troia, dei e dannati dell'Olimpo.
Ricordava piu' versi di me delle Bucoliche, del De bello Gallico, dell'Iliade e dell'Odissea , per non parlare della sintassi greca e latina .
Ha lavorato come archeologo a Roma e a Napoli ed in africa del nord.
Pero' per mangiare fa il "driver" per una compagnia di noleggio auto con autista che trovi in internet.
Cosa manco' alla sua formazione per avere una collocazione lavorativa che la sua cultura merita ?
Secondo me una sola cosa: il colore della pelle .
Ma non si puo' insegnare .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 19.05.17 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In controtendenza (aneddoto 2)

Masotti: vieni fuori: interrogato .
Uscii . Avevo studiato ma con velocita' e superficialita' mitigata da utilitarismo.
"Quale e' la data di nascita e dove nacque Lucia Mondella ?" .
Ricordavo di non averlo mai letto, non avrei ricordato una data precisa ma sapevo di non averlo letto.
Risposi: Professore , io non mi ricordo di averlo letto, forse non c'e' scritto.
Prof.:Infatti
Io: ma che cavolo di domande sono ? Col trucco ?
Prof.: Si , perche' per quanto ti riguarda devo solo capire se hai studiato , per altri devo anche accertarmi che abbiano capito.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 19.05.17 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Comprendo perfettamente la posizione del prof. Saudino ma so anche che la scuola italiana ha la necessità di scrollarsi di dosso sia la politica che il clientelismo dal basso, quello spicciolo che blocca tutte le realtà.
Si va a scuola per imparare e, poi, mettere in pratica oltre che per avere sufficiente conoscenza per poter "scegliere".
Alla scuola TUTTI hanno diritto MA per andare avanti nello studio pagato dallo Stato, bisogna Meritarlo.....
Per insegnare nelle scuole pagate dallo Stato, bsogna MERITARLO...

Bruno Di Gioacchino 19.05.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Ecco la mia posta "prestitobancario2017@gmail.com" Caro Signor e la
signora desiderosi di fare un prestito, con un capitale di € 28.000.000, destinare ha privati prestiti di brevi e lungo termine da 2000 a € 500.000 ha tutte persone serie, affidabile e integrate, desiderano fare un prestito. "" Il mio tasso di interesse varia dal 2% all'anno a seconda della quantità in prestito e il termine del rendimento del fondo, come essere unico e avere una banca che non voglio violare la legge sull'usura. Si può rimborsare il 5 15 anni al massimo a seconda della quantità di pronto. Hai bisogno di fare un prestito: finanziamenti immobiliari prestiti sono prestiti personali si registra vietato bancario e non avete il favore delle banche, o meglio, si ha un progetto e necessità di finanziamento, bisogno di soldi per pagare le bollette, fondo per investire in società. La nostra organizzazione non è una banca, e non abbiamo bisogno di un sacco di documenti. Prestito giusto e onesto e affidabile. Cordiali saluti.. Quindi, se avete bisogno di prestito... Ok

corine bonucie Commentatore certificato 19.05.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Hola aquí está mi correo "prestitobancario2017@gmail.com" Estimado Señor y Entusiasta de la Sra. a hacer un préstamo, con un capital de €28,000,000, corto y largo plazo préstamos ha privado objetivo desde el año 2000 a €500.000 tiene todo gente seria, confiable e integrada, en busca de un préstamo. "" mi tasa de interés varía de 2% por año, dependiendo de la cantidad prestada y el término de rendimiento del fondo como ser único y tener un banco que no quiero violar la ley de usura. Puede pagar los 5 15 años dependiendo de la cantidad de listos. Usted necesita obtener un préstamo: préstamos de financiamiento de bienes raíces son préstamos personales publicar Banco y no tienes prohibidos los bancos, o algo, tienes un proyecto y necesidad de financiación, necesitan dinero para pagar las cuentas, Fondo para invertir en empresas. Nuestra organización no es un banco, y no necesitamos una gran cantidad de documentos. Feria financiamiento y honesto y confiable. Atentamente.. Así que si usted necesita préstamo...

corine bonucie Commentatore certificato 19.05.17 16:30| 
 |
Rispondi al commento

Possiamo considerare la "buona scuola" una pratica fordiana applicata alla cultura.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 19.05.17 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Sta ricicciando Prodi , l'uomo che volevamo come presidente della repubblica ! Che topica pazzesca ! Ci ha fatto più male lui che tutti gli altri messi assieme ! Ora stiamo facendo un'altra scemenza non alleandoci con nessuno ! Vogliamo stravincere e è sbagliato !

vincenzodigiorgio 19.05.17 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Ho un figlio che ha frequentato le scuole statali ed è stata un esperienza disastrosa, maestre che parlavano a mala pena la lingua italiana , disinteresse nell'insegnamento, mancanza di attrezzature didattiche, mancanza di disciplina.
Questa non è scuola.

Terry E. (), Mi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 19.05.17 14:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il sistema Pestalozzi aveva insegnato che le piante verdi dovevano essere raddrizzate alla nascita e non potevi raddrizzarle di gran fusto dopo. Ora perche' non crescano indisciplinati i ragazzi devono essere istruiti da giovani sulla retta via non sgridare i genitori dopo .

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 19.05.17 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Perchè in maggioranza sono fatiscenti , cadono pezzi di intonaco , crollano e hanno spesso insegnanti che votano PD !

vincenzodigiorgio 19.05.17 14:03| 
 |
Rispondi al commento

Draghi: "Crisi economica finita"
Il presidente BCE: "In Europa ripresa resistente e sempre più ampia, disoccupazione ai minimi da 8 anni"

O questi sono matti o i dati sono riferiti ad una parte dell'Europa che non ci riguarda

Qualcuno dello staff può spiegare a questi signori come stanno veramente le cose?

oreste soria 19.05.17 13:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo sul post
"...il sistema dell'istruzione, non una risorsa su cui investire, non un albero da far crescere, ma un albero da potare."
Ma che cazzo, fate attenzione con gli "esperti"; se un albero ha da fare frutta, e non solo ombra, ha da essere potato.
Escluso, un pò, il ciliegio...
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 19.05.17 13:57| 
 |
Rispondi al commento

“Commercializzazione funghi epigei freschi”
“....Come già fatto dalla regione Veneto, con questa proposta di legge ...”
Questo è scritto, oggi, sulle proposte di leggi parlamentari del M5S.
Ripeto, se non si ha la maggioranza, è inutile scimmiottare le leggi fatte dal Veneto.
Sono 4 anni che si propone leggi. Risultato 0.
Il “buon” Angelino Alfano, deputato e capo del Nuovo Centrodestra,e dopo Alternativa Popolare, ha più possibilità di incidere nella (ahimè) mia vita. E il suo partito forse, ha 50 parlamentari. Un nano in confronto al M5S.
La politica non si fa con le grida manzoniane.
Si fa, specialmente adesso che torna il proporzionale ( evviva!) e c'è ancora il senato ( evviva!), con i compromessi. Merda e sangue. Si vuole essere puliti? Bene, come il vecchio MSI, ma i risultati saranno sempre 0.
Non volevo gli (evviva!)...
Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 19.05.17 13:52| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei fornire una mia, personalissima, esperienza riguardo a quanto sperimentato quest'anno in merito all'alternanza scuola-lavoro.
Mio figlio frequenta il terzo anno di un Liceo Artistico Statale e durante l'anno ha compiuto tre cicli di alternanza, collaborando con una compagnia teatrale alla realizzazione di scenografie per uno spettacolo teatrale. Tale attività è stata prestata sia al di fuori dell'orario curricolare, sia durante intere giornate, sottraendo, in tal caso, orario alle attività istituzionali. Resta il fatto che, per quanto lo riguarda, l'attività è stata profondamente educativa, calata precisamente negli ambiti di sua interesse e, anche se prestata a titolo gratuito, lo ha interessato e stimolato. Chiaramente diverse sono le situazioni che coinvolgono studenti di Istituti professionali, che possono venire impiegati in attività più legate a lavori tipici della ricezione turistica o in aziende artigiane e/o industriali, dove per i fornitori di stages è palese il guadagno in ordine all'avere a disposizione forza lavoro gratuita.

fausto i., Albenga Commentatore certificato 19.05.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Migranti, Sala non molla: "Sì alla marcia" Il centrodestra: "Annullarla"

Il sindaco di Milano non demorde: "Domani guido la marcia pro migranti". Ma da Forza Italia a Salvini si moltiplicano gli appelli ad annullarla dopo l'aggressione ai poliziotti in Centrale

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 19.05.17 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://bit.ly/2pZDs4s

rosikeiscion 19.05.17 13:05| 
 |
Rispondi al commento

La scuola pubblica attuale, forma giovani che, a mio avviso, sono avulsi da valori come la: disciplina (quel rapporto ideale di rispetto e fiducia tra il discepolo e l'insegnante), puntualità, perspicacia, intelligenza pratica motivata dalla curiosità, linteresse, la gioia di vivere scoprendo ed approfondendo argomenti. La stuazione attuale, da mé verificata, in qualità di tutor esterno di un programma "alternanza scuola lavoro" per un "blasonato" liceo scientifico di una grande città, mi ha messo a contatto con ragazzi che non salutano il tutor che incontrano, non rispettano gli orari, sono distratti, non interessati all'argomento trattato, fanno chiasso discutendo a voce alta dei fatti propri nelle brevi lezioni teoriche, sono addormentati, poco perspicaci, sanno fare nulla e non si impegnano per imparare la minima cosa. A lavorare con mé non solo non li vorrei e, oltre ogni ipocrisia, giustificazione, riterrei che qusti giovani debbano essere diversamente formati da come lo sono attualmente.


Bruno Fusco-GOUMIER
Ciao cuori stellati,come sempre l'assurdo governa e l'onestà rimbalza,siamo in una allucinazione collettiva, dove tutto diventa il contrario di tutto,chi prima diceva delle quello oggi afferma il contrario,parole smarrite e malate che non trovano più coerenza e dignità
Il PD è il partito più indecente e pericoloso che sia mai esistito,non conosce regole e memoria, governa senza legittimazione e tira a campare con occhio ai sondaggi,fino a quando l'uomo del monte, dirà adesso si può votare
Infanga tutto e tutti,dai magistrati ai giornalisti sgraditi,fino al punto di imbavagliare web e telefonini
Una banda di bulli che dileggiano l'ultimo arrivato,addossandogli tutte le colpe,“è stato lui!”C'è la mafia,colpa del M5S.Roma è sporca?Non guardiamo al passato,è tutta colpa del Movimento
C'è la nebbia in val Padana?Sono loro che accendono fuochi,quelli del Movimento...le malattie,le carestie,gli immigrati,gli appalti,il debito...tutta colpa degli ultimi arrivati
Telecamere puntate come fucili in mano ai cecchini,programmi tv che mostrano Roma e solo Roma,come la puttana da screditare,dopo averle mischiato tutte le malattie veneree possibili, l'hanno stuprata senza precauzioni e adesso ne mostrano i danni e ridono del Movimento,“la Ciociara”, è l'immagine che mi torna alla mente, una Sofia Loren che grida un dolore immenso per la sua bambina, e nessuno vede,nessuno interviene
i vecchi “Goumier” che adesso si sono vestivi da innocenti paladini e guardano Roma con le cerniere dei pantaloni ancora aperte..mentre il resto delle macerie d'Italia non si devono inquadrare, nascondere,infangare e imbavagliare,è la parola d'ordine!! Troppo facile!
Il vile Prodi,per niente prode,allude ad una minaccia se il Movimento...cazzo,peggio di come ci hanno ridotti..Se potessi,andrei in montagna per combattere questo nuovo regime,ma non è il momento
"Stiamo arrivando" come disse il vecchio pilota ai marziani nel giorno dell'indipendenza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.05.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento

negli anni '70, ma era una regola gia' di molto prima, se ad es come infermiere volevi fare un corso di massaggiatore o tecnico di sala raggi, lo facevi e le ore di corso venivano detratte dalle ore di lavoro. ed eri pagato come infermiere. cioe', facevi il corso e non lavoravi. pagato.

e il bello e' che tutto filava liscio. tutti contenti. ognuno aveva il suo. lo stato aveva i suoi professionisti e il cittadino si vedeva gratificato dello sforzo per migliorarsi che faceva.

e non e' vero che questo sistema portava debito, come vorrebbero farci credere. perche' il debito (pubblico) non si e' creato da queste regole, dal momento che erano 30 anni che era sotto controllo. sappiamo tutti che il debito e' esploso nelle epoche craxiane, per le politiche inflazionistiche condotte dai vari politicanti che si sono succeduti e per l'aumento dei furti di stato, incapacita', corruzione e sprechi vari.

semplicemente, era tutto in equilibrio. e andava bene cosi'.

carlo 19.05.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimi!!!

Paolo 19.05.17 12:56| 
 |
Rispondi al commento

COPERTURE REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t31.0-0/p480x480/18518093_1372889192793332_2377539067887696526_o.jpg?oh=8e02ad7ebecb28e9006b7ad921451e9e&oe=59AFAEAF

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 19.05.17 12:45| 
 |
Rispondi al commento

Uno dei problemi della scuola di oggi è la mancanza di civiltà/correttezza/convivenza nel rapporto tra docente e ragazzi. Una volta si sarebbe parlato di "mancanza di disciplina" (lato professori) e anche di "professore infame" (lato studenti), sappiamo tutti che ce ne sono eccome. Il problema della correttezza/convivenza tra persone c'è e rimane al di là della terminologia (ma questo vale per tutti i contesti umani). V. per es. le situazioni di baby gang, bullismo etc. Molti professori dal canto loro, da buoni itagliani, vegetano sleccazzando il preside, che è stato reso da r..zi un vero e proprio guappo onnipotente (proprio a sua immagine...). I genitori inoltre molte volte sono soggetti disturbati che trasmettono alla degna prole il loro modus vivendi arrogante e privo di qualsiasi assunzione di responsabilità.
Che fare? Certo i rimedi alla r..zi sono la ricetta migliore per sfasciare le poche cose che funzionavano.
(Ho insegnato Matematica e Fisica per anni una ventina d'anni fa, poi ho trovato di meglio, ma ora la crisi mi fa rimpiangere la decisione di allora

Carlo S., Roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 19.05.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Segue 2
Nessuno fa nulla, le piazze la domenica sono piene di persone che si ritrovano durante il tempo libero per raggrupparsi da esuli e nessuno le vede
Spesso sottopagate e segregate in abitazioni con un anziano, sovente con coppie di coniugi infermi, ventiquattr'ore su ventiquattro e prive di qualsiasi requisito salvo la loro competenza umana acquisita empiricamente come donne
Scuole per queste persone per far sì che ci sia una società più civile e meno disorganizzata non sono contemplate in nessun panorama politico
Scuole per extracomunitari sbarcati provenienti dall'Africa nemmeno, se non create empiricamente da iniziative di onlus
Per questi almeno un minimo di educazione civica
Meglio lasciarli urinare nelle stazioni ferroviarie
Questo sistema porterà in un prossimo futuro sempre più disagi
Occorre convertire queste situazioni in opportunità
Lavoro per educatori e responsabilità civili per questa suburbana miscellanea dj persone darebbe un risultato positivo
Oppure di preferisce il caos ?
Nel secondo caso si può presumere una volontà aliena al tema sociale ma organizzata per la decadenza totale delle democrazie
Noi non glielo permetteremo

Rosa Anna 19.05.17 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Un analisi approfondita a proposito di insegnamento
Creare scuole professionali distinte come si è sempre fatto non abbisogna di condurre ad inserimenti fittizi in panorami lavorativi fatti per rubare ore di lavoro ai dipendenti delle aziende
I licei non hanno bisogno di apprendistato e nessuno sano di mente può pensare di modificarli, salvo avere più cura di aggiungere nozioni linguistiche più accurate per internazionalità
Chi si è formato in un liceo italiano ha una cultura molto vasta,
superiore di molte scuole di pari grado di altre nazioni.
Credo sia stato un regalo fatto dal buontempone di Rignano
in combutta con chi un tempo si occupava di cooperative che conosce ogni astuzia per affossare i diritti di quella persone che reggono il peso di questa repubblica.
Quello che ama cacciare i giovani dalla nazione !
Vorrei ora parlare di scuole formatrici per lavori che si rendono necessari nella attuale società composta da molti anziani che abbisognano di ausili
Si affidano milioni di nostri genitori a delle badanti, quasi sempre extracomunitarie, senza che a queste venga richiesto un minimo di competenza. Introduciamo nelle nostre abitazioni spesso persone che non conoscono nemmeno la lingua italiana sommergendole di fatica e ponendo in disagio l'anziano da accudire
A nessuno, in questi anni di governi non eletti, è passato per la testa di rendere obbligatorio un corso di formazione con rilascio di un certificato da esibire come garanzia . Tutto abbandonato al fai da te dei fiduciosi parenti
Capitolo a parte quando costoro assumono spessissimo in nero
Pressoché inesistenti i controlli che potrebbero essere affidati ai comuni con un semplice controllo di anagrafe
Se un anziano percepisce l'accompagno la famiglia dovrebbe indicare chi lo accudisce. Se lavori fuori casa, non c'è l'angelo custode nel frattempo
La lega che tanto blatera ha mai evidenziato questo aspetto degli extra comunitari
Nessuno fa nulla, le piazze la domenica
continua

Rosa Anna 19.05.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quei 304 milioni di buonuscita
dei dieci top manager italiani!!!!!!.questo e' lo schifo ,l'insulto che il popolo non vuole.vergogna delle vergogne dove la maggior parte della gente soffre ci sono personaggi pubblici pagati dalla gente col sudore delle supemegatasse,si le tasse ingiuste e troppe che oramai colpiscono tutti o quasi,presona fisica disoccupata e persona giuridica.e poi la maggior parte di sti supermenager pubblici hanno fatto fallire ed indebitare l'azienda pubblica per la quale lavoravano.ma si puo'?e' uno schifo immane e non se ne puo' piu'.italiani alziamo la testa!!!!

ernest il che 19.05.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento

nei primi anni, diciamo fino ai 13, al bambino vanno date le nozioni primarie e generiche. quindi, gli si insegni naturalmente a leggere e scrivere, poi storia, geografia, matematica, lingue straniere, musica, applicazioni tecniche, informatica, educazione fisica etcetc.

poi, dai 13 anni, inizia la scuola specializzata. cosi', si puo' scegliere indirizzi matematici, informatici, linguistici, letterari e umanisti etcetc.

all'universita' si apporofondisce la materia scelta.

in parole povere come era una volta. perche' non c'era nessun bisogno di stravolgere tutto. andava bene cosi'. piuttosto, bisognava creare piu' spazi (ad es palestre, piscine, laboratori etcetc.) e dotarsi di piu' infrastrutture.

e, volendo, aumentare le ore di scuola anche il pomeriggio, ad es per fare sport o stare in laboratorio (informatico, chimico etcetc.) o anche solo farsi aiutare nei compiti.

hanno rsavolto tutto, e siccome sono brutta gente, chiaro che hanno fatto dei danni. anzitutto usando la scuola come bancomat, per toglierle soldi. e per continuare la loro opera di devastazione della "cosa pubblica", sempre a vantaggio dei privati.

carlo 19.05.17 12:28| 
 |
Rispondi al commento

un'idea:

si potrebbe creare un sito internet che trasmette le lezioni universitarie. naturalmente, non dato in gestione a privati, che poi ci guadagnano, pubblicita', etcetcetc....bona le' con 'sta robazza, giu' le mani dei privati dall'interesse pubblico.

comunque, sarebbe un sito a cui poter accedere gratuitamente e aperto a tutti. sarebbe utile per lo studente che quel determinati guorno, per malatti a o motivi suoi, non puo' assistere direttamente alla lezione. pu' anche registrarsela e riguardarsela quano vuole.
utile anche per chi ha gia' fatto l'universita' ma si vuole rinfrescare certe nozioni.

e sarebbe utile per tutti coloro che vogliono aumentare la loro cultura, che vogliono apprendere, anche se sono al di fuori del circuito universitario.


chiaro che non si diventerebbe "dottori", ma comunque e' sempre utile imparare, accrescere le pèroprie conoscenze.

non credo che costi tanto fare un sito cosi', sempre naturalmente se o privati non ci allungano le loro zampe, e secondo me sarebbe di grande utilita' sociale.

carlo 19.05.17 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Al centro del sistema ci deve essere lo studente, invece si è mercificata anche la scuola, come la sanità.
Poi vi è mai capitato oggigiorno, di sentire dire che i ragazzi di oggi, sono apatici, che non protestano?
Ebbene credo proprio che sia così, perchè in questo modello di scuola chi protesta viene isolato, non c'è spazio per la discussione.
Molto probabilmentesSi può raggiungere un certo consenso se si rimane in determinati binari, fissati dalla governance della scuola, altrimenti si viene esclusi.

Inoltre come dice questo professore si addestrano gli studenti a pensare che lo sfruttamento è questo, ti daranno forse un posto di lavoro.
Non si permette allo studente di avere una visione delle opportunità che si potranno avere allargando l'orizzonte su tante materie, ma si ragiona solo sul bianco o il nero.
Questa situazione non è stata determinata solo dagli ultimi interventi sulla scuola, ma è un lavoro che va avanti da decenni.

Rosa 19.05.17 12:00| 
 |
Rispondi al commento

Ottima analisi
Inoltre questo sistema di insegnamento è contrario di ciò che occorre in prospettiva del futuro asserragliato da un sistema tecnologico, che per incentivare nuove iniziative e creare lavoro deve preparare i giovani ad una cultura vasta 360 gradi, per renderli autonomi. Questo modo di fare scuola li riduce ad essere solamente funzionali per limitazione di lavori che presto diverranno obsoleti
La cosa più obbrobriosa e per alcuni aspetti incostituzionale, perché crea dei lavoratori non corrispondenti a nessuna legge democratica, usurpando anche migliaia di ore di lavoro agli altri dipendenti è l'inserimento nelle aziende. Una astuzia ben architettata non c'è che dire: ben diversa dagli stage di formazione necessari per un laureando.
In un quarto di secolo si è trasformata la parola istruzione in un atto di sottomissione al servizio del potere sia esso industriale che di stato. In sintesi la depravazione più spinta del capitalismo
In un passato quasi remoto c'era l'apprendistato con le ore pagate in cui veniva interrotto il lavoro per acculturare i ragazzi
della scuola dell'obbligo di allora. Ora avviene l'esatto contrario si sottraggono le ore di studio sfruttando gli studenti in aziende senza che queste ultime siano qualitativamente adatte a dare competenza. Un caso eclatante: i servizietti nei ristoranti internazionali di hamburger

Come osa il PD a richiamarsi ancora ai valori della sinistra ?
Bugiardi, bugiardi e ladri !

Rosa Anna 19.05.17 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Condivido le critiche esposte. In particolare, reputo, inoltre, che una persona che ha per natura la tendenza a voler dominare su tutto e su tutti, ad ogni costo, applica, obbligatoriamente, su ogni Organizzazione, Struttura ecc., che da lui dipendono, lo stesso principio di dominio. In altri termini, di fatto, ciò ricorda il sistema feudale di qualche secolo fa, ovviamente in misura ridimensionata. Mah!, forse è una mia personale errata interpretazione.

mario m. Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 19.05.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

... spirito collaborativo e critico che va alimentato e sostenuto, e non eliminato o tarpato ...
Concordo!!!

Poiché non ho altro da aggiungere sul tema, riporto il mio punto di vista su un’obiezione fatta ieri sera a Bonafede, come già ad altri Portavoce, riguardo al fatto che il M5S non ha una classe dirigente, ovvero leader od organismi direttivi idonei a governare il Paese.

Rilevo solo che non ne ho ancora sentito uno rispondere: “So che per chi è abituato alle formazioni partitiche è un concetto difficile da accettare e forse anche da capire ma nel MoVimento 5 Stelle non ci sono leader, è un movimento "leaderless".
“leader” per il M5S è una parola del passato, una parola sporca; leader di che cosa? Vuol dire che tu attribuisci ad altri l’intelligenza e la capacità decisionale, allora non sei neanche più uno schiavo, sei un oggetto.”

Non uno chiarire: -Il MoVimento 5 Stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone della possibilità di realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.-

Nessuno spiegare il metodo di auto governo e-democracy anti delega uno vale uno, specificando di conseguenza che il Ruolo di PortaVoce non è decidere la linea politica e il programma di governo, bensì accertare la Voce - volontà dei cittadini e riportarla tale e quale nelle Istituzioni.

Buongiorno

Ilenia I. 19.05.17 11:27| 
 |
Rispondi al commento

DIRITTO ALLO STUDIO; DIRITTO AL LAVORO:
UNIVERSITA', RIPRISTINARE I CORSI PER STUDENTI LAVORATORI!
RIDURRE LE ESOSE TASSE DI ISCRIZIONE!
TRASPORTI GRATIS PER STUDENTI!
AUMENTARE I MEZZI E LE RIDICOLE RISORSE DIDATTICHE DELLE FACOLTA', SOPRATTUTTO AL SUD!!!

Giovanni F. Commentatore certificato 19.05.17 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me vengono premiati i docenti che contribuiscono alla VISIBILITA' ESTERNA e cioè coloro che organizzano con gli alunni manifestazioni folcloristiche, musicali, artistiche in genere. Vengono ignorati docenti che svolgono attività didattica principale insegnando in modo corretto materie come Lettere , Storia, Geografia, Latino, insomma tutte le altre materie che non sono 'visibili', ma che in effetti anch'esse contribuiscono in maniera significativa alla formazione culturale degli alunni. Credo inoltre che il preside 'Manager', se non ha gli attributi ed i requisiti, difficilmente possa contribuire al giudizio dei docenti, per non parlare de l'impermeabilità del manager a giudizi e critiche.
Una Scuola Industria è il modello più errato che si possa concepire, si è persa l'armonia ed il concetto stesso di Scuola. Scusate se mi sbaglio, faccio l'operaio e non ne capisco molto, ma così mi sembrerebbe. Saluti.

Giovanni F. Commentatore certificato 19.05.17 11:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buondi,seguendo il principio: si vive per supportare il progresso della vita in tutte le dimensioni della stessa senza regressi in alcuna sul territorio,emerge ovvia come debba essere la scuola "Pubblica" ovvero finanziata dalla Comunita' Municipale per le esigenze municipali, Regionale per le singolari particolari tra i comuni,Nazionale per le singolarita' particolari tra le regioni che giustificano un investimento a livello Nazionale;scuole per apprendimenti che portino a singolarita' planetarie sono finanziate dai contributi Europei/Planetari e sono in questo caso in lingua Europea/Planetaria mentre le scuole Nazionali sono nella sola lingua Italiana.Le scuole per stranieri non aventi raggiunto la Nazionalita' italiana sono scuole private che tengono quindi conto anche delle Nazionalita' degli stranieri iscritti e delle ambizioni degli stranieri in italia e sono tenute in lingua internazionale; italiani di Nazionalita' italica che desiderano andare a lavorare in altri stati frequentano corsi nelle scuole per stranieri dove appunto si introducono le persone alle singolarita' dei paesi esteri di interesse. Quindi la nostra scuola Pubblica deve avere come base la cultura che integra tutte le conoscenze da singolarita' emerse nel pianeta, come particolarizzazione le conoscenze proprie relative al contesto italico nazionale che richiamano le singolarita' passate nazionali e come specializzazioni filoni che portino alla frontiera del sapere nei rispettivi settori.In particolare in Italia, che per garantire la vita si deve riuscire a ritornare all'auto sufficienza, sito di contesto di vita assai variegato per ogni Regione,sono necessarie scuole che portino a culture a 360 gradi ovvero scuole come 40 anni fa dove si insegnavano primariamente metodi e quindi nozioni formando le persone ad uscire dai problemi con la propria testa,in contesti sempre piu'complessi,in grado di garantire ai giovani una missione per il progresso polidimensionale sul nostro territorio.

giampaolo gottardo, go Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 19.05.17 11:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Matteo Saudino
sono convinto che se lo Stato investisse in scuole, laboratori di ricerca e università (più che regalare i soldi alle banche, a progetti fallimentari e agli amici degli amici) il paese crescerebbe nella cultura. Vediamo invece che i politici con le loro proposte riescono solo a far aumentare il ''latrocinium'' e parentopoli. Scuole e università devono essere a carico dello Stato, perchè molti studenti sono disoccupati o a carico di famiglie che non ce la fanno ad arrivare alla seconda settimana del mese, e se taluni vogliono tirare su università a pagamento, beh, non chiedano soldi al Governo ma si facciano finanziare dai privati.

Zampano . Commentatore certificato 19.05.17 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Il punto più assurdo della buona scuola come ben evidenziato dal prof. M.Saudino è lo strapotere che viene concesso ai presidi.
Come sostiene il professore non sarà il trionfo della meritocrazia ma del clientelismo.
Si creano dei veri è propri baroni.
Ma come si criticano sempre le baronie universitarie e poi si istituzionalizzato quelle scolastiche?

Paolo Graziosi
Roma

Paolo Graziosi, Roma Commentatore certificato 19.05.17 11:06| 
 |
Rispondi al commento

Premesso che la frase

"Dunque, la premialità è un grandissimo potere che hai ma non Preside per direzionare proprio la scuola verso una verticalità che non convince l'apprendimento."

ha dei seri problemi di sintassi, l'analisi è interessante.

Tuttavia se l'alternativa è la scuola basata sull'idealismo di Croce e Gentile che ha dominato la scuola italiana del ventesimo secolo, privandola di ogni collegamento con la realtà e mettendo in un angolo il sapere scientifico e tecnologico che impregna il mondo in cui vi viviamo, se l'alternativa è quella, meglio la scuola di Renzi.


Il Movimento è stato l'unico a scendere a fianco dei docenti nelle piazze e a combattere in Parlamento contro questa controriforma.

Pep Gatto, Galatone Commentatore certificato 19.05.17 10:46| 
 |
Rispondi al commento

OT Interessante....
Da ieri che cerco in edicola il libro di Lillo!
Gli edicolanti sono poco forniti?
Si vuole boicottare il giornalista?
Se avete notizie in merito ...fate girare!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 19.05.17 10:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Riguardo la buona Scuola,ma qualcuno almeno oggi puo' parlare di quanto verra' deciso oggi?Ovvero l'OBBLIGO di essere vaccinati al 100% altrimenti non si potra' avere il diritto all'Istruzione?Le lobby Farmaceutiche fanno il loro gioco,ma chi si sta preoccupando di dare la giusta contro-informazione?Qui sul BLOG non ho visto nulla finora.

Stefano Rosi 19.05.17 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Praticamente una cagata ! Non una buona scuola!!!

Giuseppe 19.05.17 10:09| 
 |
Rispondi al commento

Homeschooling...o,meglio ancora in lingua italiana,istruzione parentale...

er fruttarolo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 19.05.17 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori