Il Blog delle Stelle
VOTAZIONE - Una legge elettorale costituzionale per l'Italia

VOTAZIONE - Una legge elettorale costituzionale per l'Italia

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 285

>>>VOTA ORA - Oggi e domani dalle 11 alle 19 si vota online su Rousseau la proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle <<<

di MoVimento 5 Stelle

Sulla legge elettorale il tempo è già abbondantemente scaduto e serve chiarezza.
Il 4 dicembre il 60% dei cittadini che sono andati a votare hanno detto un chiaro “No” al Governo di Matteo Renzi: si sarebbe dovuti andare subito a votare e invece ci hanno rifilato un Governo fotocopia, uguale a quello di Renzi.

Il MoVimento 5 Stelle aveva anche proposto una soluzione semplice ed efficace per risolvere il disastro costituzionale lasciato in eredità dal duo Renzi-Boschi: due leggi elettorali diverse per Camera e Senato, una delle quali per giunta incostituzionale. La soluzione era quella di applicare la legge vigente per la Camera al Senato, dopo la sentenza della Corte costituzionale che l’avrebbe resa legittima: un sistema che proprio per questo abbiamo chiamato “Legalicum”. Una legge che non è quella che il MoVimento 5 Stelle ha proposto nel 2014 ma che è stata proposta per dimostrare la nostra apertura, per senso di responsabilità e per togliere al PD l’alibi per rimandare le elezioni. Per cinque mesi la nostra proposta è stata ignorata perché il PD era troppo impegnato nel suo congresso per occuparsi della paralisi che aveva creato e ridare finalmente la parola al popolo. La nostra soluzione non solo era la più semplice e più giusta dal punto di vista della Costituzione, era anche quella più condivisa, quella su cui tutte le altre forze politiche convergevano, al punto che il Legalicum è stato anche il testo base proposto dal presidente della Commissione affari costituzionali (che non è certo del MoVimento 5 Stelle) come base per la discussione in grado di trovare ampia condivisione.

Ma il Pd, dimenticando la lezione del 4 dicembre, ha deciso di azzerare tutto e di imporre ancora una volta una legge elettorale ritagliata sulle sue esigenze.

Inizialmente hanno dichiarato di essere disponibili a una proposta simile al sistema in vigore in Germania, che, in effetti, da settant’anni, garantisce rappresentatività e governabilità. Si tratta di un sistema proporzionale, con una soglia di sbarramento nazionale al 5%, così in Parlamento sono ammessi pochi partiti ma rappresentativi. Dopo le elezioni, la soglia alta rende sconveniente le spaccature dei partiti e così i partiti e i governi tedeschi sono stabili, duraturi e supportati dal consenso popolare. Si tratta di una filosofia molto simile a quella del Democratellum, la proposta elettorale del MoVimento, che, non troppo diversamente, assicurava rappresentatività e governabilità, con un sistema proporzionale che favoriva le forze con più consensi a discapito di quelle meno votate dagli elettori.

Alla prova dei fatti, però, il Pd spacciava per tedesco un imbroglio vero e proprio. Quando infatti è stato depositato il testo, il Pd ha presentato il Verdinellum, una legge elettorale che è stata ispirata dal gruppo parlamentare mai eletto da nessuno di Denis Verdini e che riunisce i peggiori difetti della Prima e della Seconda Repubblica, che è stata appositamente studiata per danneggiare il MoVimento 5 Stelle e che, come le loro precedenti proposte, è di nuovo incostituzionale. È una proposta, poi, che non garantisce la rappresentatività, tanto che un partito con meno voti può persino ottenere più seggi di chi ha più voti! È’ una proposta che nemmeno garantisce la governabilità: consente coalizioni pasticciate diverse collegio per collegio, destinate a sfarinarsi in Parlamento, e consente ai partitini di contrattare posti nei collegi uninominali e così ricattare le maggioranze in Parlamento.

Consapevoli della necessità di una nuova legge elettorale per il Paese e della necessità di sciogliere rapidamente queste Camere elette con una legge incostituzionale e che ha prodotto maggioranze che troppi danni hanno già fatto al Paese, pensiamo di dover continuare a offrire la nostra disponibilità al confronto, sempre che ci si muova all’interno di proposte in armonia con la Costituzione e che non rischino di essere bocciate ancora una volta.
Con questo preciso intento risponderemo alla richiesta di incontro in Parlamento del Partito democratico per il prossimo lunedì 29 maggio.

Per le ragioni enunciate in quella sede vorremmo andare a proporre la nostra disponibilità al sistema tedesco, quello vero, però! Per avere un sistema pienamente tedesco, occorre assegnare a ogni partito sopra lo sbarramento il numero di seggi esattamente corrispondenti alla percentuale di voti ricevuti. Ciò significa che laddove dovesse capitare che il numero di seggi vinti da un partito nei collegi uninominali eccedesse il numero dei seggi ottenuti nel riparto proporzionale, quest’ultimo deve prevalere, al fine di garantire la piena proporzionalità del sistema come accade in Germania. In sostanza, dunque: voto subito, niente coalizioni elettorali, proporzionale rigoroso sulla totalità dei seggi della Camera e soglia di sbarramento al 5%, provando a chiedere al tempo stesso che si rafforzino le prospettive di governabilità nel rispetto della Costituzione (cioè con l’aggiunta di un premio di maggioranza per chi raggiunge la soglia del 40% o altri metodi di calcolo più selettivi che incrementino il numero dei seggi della prima forza politica).

Su questo delicato e importante passaggio chiediamo a tutti i nostri iscritti di esprimersi: siete favorevoli all’approvazione di un sistema elettorale di impianto tedesco che sia rispettoso della Costituzione, eventualmente con l’introduzione di correttivi di governabilità costituzionalmente legittimi? La consultazione online sarà aperta domani e domenica dalle 11 alle 19 su Rousseau https://rousseau.movimento5stelle.it/main.php



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Mag 2017, 17:56 | Scrivi | Commenti (285) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 285


Tags: legge elettorale, m5s, rousseau

Commenti

 

Legge elettorale alla “ TEDESCA”.
Ancora una volta le caste politiche stanno tentando di turlupinare gli elettori italiani propagantando una legge elettorale che non potrà ssere applicata in Italia e facendola passare per il toccasana.
Onestà intellettuale vuole che venga illustrata la legge in argomento, non di facile lettura, dicendo anche le modifiche che si vorrebbero introdurre e che non potranno far definire,una volta introdotte “legge elettorale alla tedesca” quella che pare si voglia ingrodurre. LA NOSTRA COSTITUZIONE NON CONSENTE NE' PREVEDE INCEMENTI DI ELETTI, SISTEMI DI PANASHAGE,MAGGIORANZE SOTTOPONIBILI A SFIDUCIA COSTRUTTIVA ED ALTRE ALCHIMIE POSSIBILI IN GERMANIA. Che si abbia l'onestà di chiamare le cose con il loro nome.! Ma davvero gli italiani non sono capaci di dar vita ad una legge elettorale equilibrata una volta che in linea di princippio si decida se si vuole il sistema maggioritario o proporzionale? Perchè non si vuole chiarezza e linearità e si vuole creare la premessa per un'altra impugnativa di fronte alla Corte Costituzionale? Forse per avere ancora una volta un Parlamento deleggittimato?

amoroso francesco 02.06.17 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Sento dei brutti commenti sulla legge elettorale che si sta proponendo. E' vero che ci sono i listini e quindi verranno eletti principalmente i nominati? Dove posso trovare la proposta di legge che sarà presentata al parlamento? Dai commenti sui talk show sembra una vera porcheria o sbaglio?

Carlo Fava 02.06.17 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Di fronte alla legge elettorale tutti uguali ma alcuni più uguali degli altri
Con la proposta di legge elettorale in discussione viene proposta una spacie di garanzia di elezione per i capi-bastone dei partiti e gruppi politici che concorreranno per il tinnovo del Parlamento italiano. Gli italiani tutti dovrebbero essere indignati e dovrebbero almeno chiedere con un referendum popolare l' abrogazione non dico di tutta la Costituzione ma almeno dell'art. Tre della stessa.
Con la legge proposta viene negato ilprinciio di eguaglianza al quale tutti spesso facciamo riferimento jnfatti:
I CANDIDATI DI CIASCUNA LISTA SI TROVEREBBERO IN CONDIZIONE DI DISEGUAGLIANZA DI FRONTE AGLI ELETTORI IN VIRTU' DI UNA LEGGE E CIO' CON VIOLAZIONE PALESE DELL'ART. TRE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA CHE TESTUALMENTE RECITA “"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali””
A parere di un uomo qualunque come chi scrive Il Presidente della Repubblica, non solo nella qualità ma anche quale Professore di Diritto Costituzionale dovrebbe intervenire..

amoroso francesco 02.06.17 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema tedesco puo' essere un buon punto di partenza. Sarebbe meglio togliere i capilista bloccati e/o porre come limite la presentazione di un candidato in un solo collegio elettorale. Sarebbe poi eccellente prendere a esempio la Germania anche per il numero dei parlamentari. In Germania ci sono 8 eletti per milione di abitanti, in Italia 16. Se Renzi, invece di quel pasticcio che aveva proposto per il Senato, avesse detto: dimezziamo il numero dei parlamentari, il si' avrebbe vinto a mani basse...

Carlo di Renzo 02.06.17 16:05| 
 |
Rispondi al commento

un primo turno dove si vota il partito. dopo 4 settimane vanno al secondo turno solo i primi tre partiti del primo turno. ognuno presenta le liste con i candidati che si possono scegliere, non a scatola chiusa. il primo partito (dei tre) prende il 52 % dei posti parlamentari, i rimanenti due il 24% a testa. NESSUNA Carica politica (ministri, referenti, poltrone speciali, presidenti, etc) può essere data a elementi che non facevano parte delle liste elettorali.

roberto russo 02.06.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento

"LASCIATE CHE I MORTI SEPPELLISCANO I LORO MORTI"
QUALE DEFINIZIONE CALZA MEGLIO DI QUESTA PER LA
FESTA DI OGGI: I MORTI CELEBRANO LA REPUBBLICA
"MORTA" A CAUSA LORO!

Maurizio B., Roma Commentatore certificato 02.06.17 12:26| 
 |
Rispondi al commento

La Repubblica italiana è una repubblica parlamentare dove, appunto, il parlamento è centrale e si basa sulla separazione tra potere legislativo, esecutivo (il governo) e giudiziario, nonchè su una Costituzione ottima che non è stata mai completamente attuata. Credo che il proporzionale vada benissimo ma forse ci vorrebbe una elaborazione ulteriore della centralità del Parlamento, espressione dei cittadini, e l'introduzione di efficaci meccanismi di partecipazione della popolazione. Il governo, appunto, deve governare i processi e facilitare il lavoro del parlamento e delle commissioni parlamentari, non deve fare le leggi; il parlamento, grazie a una qualche legge "speciale" (miracolosa!) e a forme di intervento appropriato dei cittadini, dovrebbe essere guidato e obbligato a fare leggi in tempi brevi senza tante complicazioni e estenuanti passaggi per risolvere tutte le questioni poste dall'urgenza, dai parlamentari, dai cittadini (dal Governo in casi rarissimi, particolari). Abbiamo bisogno di un nuovo corso, di una nuova cultura politica, alte capacità di mediazione... Credo che il meccanismo della "fiducia" sarebbe da rivedere, il gioco più importante è sulle specifiche leggi: una volta proposta una legge se questa incontra palesemente un grande favore tra i cittadini perchè non dovrebbe essere approvata? Chiaramente è necessario fare leggi sensate, trovare le coperture adeguate e stabilire tempi cogenti per l'approvazione. Insomma chi ottiene la maggioranza (relativa) governa ma governare, appunto, non vuol dire imporre scelte ambigue o espressione di interessi particolari al Paese. Le leggi le faccia il Parlamento e leggi realmente buone per la maggioranza (non relativa) dei cittadini non possono non essere approvate e stabilendo un limite di tempo. E niente leggi finanziarie dove si ficca tutto dentro!

Giovanni Battista Aprile 02.06.17 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Non mi piace il listino bloccato.Il fatto che uno venga eletto senza essere scelto dagli elettori ma solo perché inserito dal capo,mentre rischia di non essere eletto uno che abbia preso più voti,sono paradossi che in democrazia non si possono accettare.

Graziano Paternuosto, Bellona Commentatore certificato 02.06.17 07:30| 
 |
Rispondi al commento

Ciao gente

Non ingannare più das la truffa, se avete bisogno di finanziamento contatto direttamente la banca di investimento di credito. Questa banca mio facendo bene con un prestito di 300.000 euro. Avete il vostro trasferimento in un periodo di 72 ore con tutte le prove. È possibile contattare il seguente indirizzo: infos@cibanque.com

Numero whatsap: + 330644146852

polina garcio, rome Commentatore certificato 01.06.17 11:49| 
 |
Rispondi al commento

ricordiamoci che la democrazia è e rimane rappresentativa se è sorretta da un sistema di voto proporzionale. Unica concessione la soglia di sbarramento, non eccessivamente alta (3%-4%).

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 30.05.17 17:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

No, il 5% è troppo alto! forse ci si infilano un sacco di furbi ma spariscono anche molte voci libere. La stabilità si ottiene ascoltando tutti.

marco venturi 29.05.17 21:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il parallelismo Italia Germania può proporlo solo uno sprovveduto. Non abbiamo nulla in comune e ciò che funziona la spesso qui fa disastri.
Resta il fatto che sono d'accordo che il M5S appoggi il sistema Tedesco e resti fermo sulla soglia di sbarramento almeno al 5%. Spererei che si cerchi di alzarla al 6 o 7.
Altra cosa fondamentale è opporsi premio di coalizione. Deve essere solo alla lista.
Mi sfugge però solo una cosa:
Ci riempiamo la bocca di rispetto del volere dei cittadini facendo spesso riferimento a referendum passati.
Ma allora che ne è del volere dei cittadini che ha stragrande maggioranza hanno votato per un sistema maggioritario?
In questo caso i cittadini non contano?

Il Condottiero (fu il guerriero) Commentatore certificato 29.05.17 10:12| 
 |
Rispondi al commento

Sono talmente confuso che stavolta ho preferito non esprimere preferenze, mi affido al giudizio (mi auguro sapiente) degli altri iscritti.
Quale che sia 'sta legge elettorale serve vincere e ricordarsi che in tutti i casi saremo sempre ostacolati nei modi più disparati e/o subdoli.

Daniele T., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 28.05.17 23:12| 
 |
Rispondi al commento

per governare serve un sistema doppio turno come quello francese, se si governa bene o male i meriti o le colpe ricadono sul partito che governa e non a casaccio su vari partiti della coalizione.
ma chi ha proposto il proporzionale?
non apro neanche la pagina di rousseau per votare , mi tiro fuori per depressione.
ci vediamo martedì.

al casula, cagliari Commentatore certificato 28.05.17 20:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vostra precedente proposta, l'italicum uscito dalla consulta prevedeva la soglia di sbarramento al 3%. UN ERRORE MADORNALE CHE DA VOI NON MI SAREI MAI ASPETTATO. Con la soglia così bassa, i mercenari di professione, i vari alfano, casini, verdini, sarebbero sicuramente entrati in parlamento per appoggiare uno dei 2 partiti di sistema (pd o fi). Insomma chi perde poi governa, altri 5 anni di pd-alfano-casini, UN INCUBO. Per questo motivo una cosa deve essere chiara: DOVETE ACCETTARE LA SOGLIA AL 5%, in questo modo i vari alfano, casini e verdini rimarranno fuori, è già un enorme passo avanti in un paese dove ci sono stati 4 governi non eletti dal popolo formati e gestiti grazie ai voltagabbana, UNA VERGOGNA SENZA FINE. Anche per questo dovrete introdurre il vincolo di mandato una volta che sarete al governo. Nel frattempo dovete accettare e imporre la SOGLIA DI SBARRAMENTO AL 5%, SU QUESTO PUNTO NON SI TRANSIGE. SIAMO STUFI DEI MERCENARI, DI VEDERE IL GRUPPO MISTO PIENO DI GENTE ELETTA IN ALTRI PARTITI, BASTA, LA MISURA E' COLMA.

antonio r. 28.05.17 19:23| 
 |
Rispondi al commento

Qualsiasi legge elettorale x il M5S va bene l'importante è arrivare al 45% tutto il resto e noia..


Non ho potuto votare sul sistema tedesco perché mi sono iscritto al blog troppo di recente. Ma se avessi potuto avrei votato no. Si tratta di un proporzionale spinto che non va bene neppure in Germania se il primo partito non raggiunge una percentuale superiore al 40% e non trova partiti affini con cui allearsi per avere la maggioranza assoluta dei seggi del Bundestag. Ha funzionato quando i socialdemocratici o i democristiani raggiungevano queste percentuali e trovavano affinità e disponibilità in un partner come i liberali o i verdi. Ditemi se uno scenario del genere è possibile in un contesto italiano dove il primo partito raggiunge a malapena il 33% e può trovare compagni di strada ispirati solo dalla convenienza piuttosto che dall'affinità. Sono per il sistema francese, che non tradisce il principio della maggioranza all'interno dei collegi e che, se deludi l'elettorato prima o poi ti punisce tragicamente.

Luigi G., Chianciano Terme Commentatore certificato 28.05.17 16:40| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato no perchè secondo me la soglia al 5% è troppo alta, nel senso che rischia di escludere liste che hanno comunque un bacino elettorale reale come Fratelli d'Italia e forse Sinistra Italiana e questo non è democratico. Proporrei come soglia almeno il 4%, potrebbe sembrare la stessa cosa ma secondo me non lo è.


Più forza alla volontà del popolo significa una volta per tutte darci la possibilità di votare... invece pervade l'attesa, quella ingiustificata dalla mancanza di una legge elettorale che possa garantire stabilità ad un nuovo governo. Invece no, bisogna dilatare i tempi, cosìcchè i deputati possano arrivare alla loro agoniata e non meritata pensione di settembre e i "partitini" e non solo loro, possano riorganizzarsi per inciuci e larghe intese. Tutto questo fa male alla democrazia e agli Italiani. Quello che mi fa incazzare e che tutto questo capita sotto gli occhi inermi di noi italiani, senza che noi sappiamo più reagire a nulla! Ci hanno addomesticati e addormentati! Ora il popolo, non più rappresentativo, avrebbe due forme di potere: votare o ribellarsi ... Fate Vobis affinchè il mal di testa non arrivi alla pancia.
Ma ora mi chiedo: - "C'è solo uno di voi che non ha le idee chiare?!".... Dobbiamo passare dall'oligarchia alla democrazia col voto? Allora sistema elettorale con elezione diretta del presidente del consiglio, sistema proporzionato con i voti per i seggi e uno sbarramento al 5% di quei partitini che altrimenti destabilizzano e non solo il governo, come ben sappiamo. Ora questo sistema lo vogliamo chiamare alla tedesca? Ben venga se questo è sinonimo di democrazia e stabilità.
Italiani, deputati, rappresentanti del movimento e di partito, noi tutti ...DIAMOCI DA FARE ... SOLO BENE, PER IL BENE DI UN PAESE CHE LO MERITA ANCORA!!!
Alessandro Paolini

undefined 28.05.17 14:22| 
 |
Rispondi al commento

Noto che ancora sono in molti a chiedere un sistema elettorale che possa garantire al M5S di andare al governo. Aridanghete! Ma se è questo il principale obiettivo, allora che si organizzi un bel colpo di stato! E' l'unico modo che garantisca veramente ad una forza di andare al governo senza che altri possano interferire. Io ritengo invece che è molto meglio un sistema proporzionale puro che dia la possibilita' ai cittadini di esprimersi senza il maledetto mantra del "voto utile". E' meglio andare all'opposizione con il 30-35% (con un potere decisionale enorme) che avere con buone probabilita' di avere nuovamente un governo fatto da un'accozzaglia di gente che trovera' il modo di adattarsi il nuovo sistema elettorale. Inoltre, un sistema elettorale puro permettera' probabilmente a nuove formazioni politiche di entrare in parlamento che avranno le carte in regola per eventualmente trovare un accordo di governo, se necessario. Il vero problema è che occorre mettere mano allo scandaloso smantellamento di tutte quelle forme di amministrazione della cosa pubblica dove i cittadini potevano avere potere di rappresentanza. Si pensi alle amministrazioni comunali, dove sfido qualsiasi sindaco a restare ligio ai suoi principi quando il "boss" di turno (ci metto dentro i tanti colletti bianchi e gli pseudo-imprenditori) va da lui a dire cosa deve fare. Non è che sia impossibile comprarsi decine di consiglieri comunali, ma è molto più difficile che andare a bussare unicamente dal sindaco!


Ribadisco:
Perchè questa scelta Si|No? Avevamo già scelto un sistema elettorale e, come già detto da qualcuno, nel referendum del '93 avevamo scelto il maggioritario. Doppio turno come nelle elezioni dei sindaci!

Nanni Manca, Carloforte Commentatore certificato 28.05.17 12:22| 
 |
Rispondi al commento

ho votato NO e trovo che questa mancanza di presa di distanza dalle preoccupazioni dell'establishment sia proprio un modo di cadere nella trappola di Renzi e Berlusconi che sono già d'accordo, bisognava starne fuori e contro!

Gilda Caronti, Milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 28.05.17 12:16| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato si anche se ho delle riserve per la soglia al 5% che mi sembra tropo alta, sono sempre stato per il proporzionale , anche se molti obietteranno che si rischia di tornare alla prima repubblica, be allora vi faccio questa domanda: E' forse stata la prima repubblica peggiore della seconda? A me non sembra, c'era corruzione ma la gente si scandalizzava per la corruzione e i politici si vergognavano se scoperti, con la seconda repubblica della corruzione i politici sembrano farsene un vanto e i cittadini sembrano compiacersene. il maggioritario ci ha "regalato" non 20 anni di governo Berlusconi, ma 20 anni di berlusconismo il che è peggio. Il mito di 2 partiti alternativi non funziona , non è democratico vedi in Francia con il sistema maggioritario si sono rimbalzati il potere fra socialisti e gollisti , due partiti pressochè conviventi e diversi solo nel nome, ora i francesi stanchi di questo pin pong fra i due partiti hanno spinto altre formazioni che però avranno scarsa rappresentitività in parlamento proprio per il sistema maggioritario in quanto i gollisti e i socilalisti (socialisti solo di nome , ma non di fatto ) si sono riciclati ccon il artito il Marchè di Macron che scimmiotta Renzi . Il maggioritario tanto per ricordarlo lo ha voluto Mussolini per prendere il potere con il 30% di voti e il suo governo disastroso ha durato una ventina di anni, c'è ancora bisogno di aggiungere altro per denunciare gli effettti del maggioritario?

Claudio Volpe 28.05.17 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Temo che stiamo per cadere in una trappola. Non sarebbe stato meglio accettare il mattarellum?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.05.17 12:10| 
 |
Rispondi al commento

Con il proporzionale tedesco non ci sarà MAI un governo 5 stelle. E infatti Berlusconi vuole proprio questo proporzionale tedesco. Votare NO

Franco B. Commentatore certificato 28.05.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato SI.
Premetto che negli ultimi decenni abbiamo avuto dei motivi fondatissimi di diffidare di tutto quello che è tedesco (eccetto i pianoforti), v. la distorta e inaccettabile oligarchia che è diventata l'questa europa. Se c'è al mondo un paese pseudo-socialdemocratico e inamovibilmente allineato è la germania. Dà l'idea di un posto dove gli unici a governare sono i designati, gli iniziati: i partiti tradizionali (che differiscono di pochissimo tra loro). E questo anche per la loro legge elettorale? Dall'altra parte forse anche gli elettori: tutti soddisfatti e tutto sommato sazi di wurstel e panzane che propina una tv da ebeti.
Con tutte le abissali differenze (NOTE BENE: in positivo, a favore loro ovviamente) tra la germania e l'itaglia, le ricette tedesche sono scarsamente o malamente applicabili a noi. Infatti già noi siamo afflitti dai politici inamovibili, sarebbe un paradosso se prendessimo una ricetta tedesca per sbarazzarci della casta.
Ma ho votato sì. Perché se democrazia rappresentativa deve essere, allora che sia il proporzionale a garantirlo. Il M5S prima o poi governerà (se rimarrà fedele ai valori di quando è nato). E il modo naturale è conquistare la nostra libertà con il proporzianale.
Il maggioritario in questi anni ci ha dato solo periodi bui con governi dello psiconano, alternati a brevi parentesi, fino ad arrivare a r..zi, il colmo dell'abisso.
Perciò ora basta
W M5S!!

CarloSca 28.05.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento

Favorevole, all'approvazione di un sistema
elettorale di impianto tedesco che sia rispettoso della costituzione eventualmente con l'introduzione di correttivi di governabità costituzionalmente
legittimi. Favorevole

Marina V., sanmartinoinstrada Commentatore certificato 28.05.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Continuo a non capire la soglia di sbarramento.
Forse anche chi è solo potrbbe essere utile al paese. Per me nessuna soglia, solo quella automatica della proporzionalità.
Comunque voterò a favore del quesito.

walter m., milano Commentatore certificato 28.05.17 11:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Peccato che il sistema elettorale germanico venga in discussione solo oggi, per iniziativa (come ogni altro sistema) di chi ha pensato di trovarvi convenienza. È infatti un ottimo sistema, invariato dal dopoguerra, anche se va considerato nel quadro di un'architettura costituzionale complessiva (sfiducia costruttiva, Bundesrat su base federale, etc.) e di dettagli importanti: per dare effetto al sistema il numero di deputati è variabile e ciò in Italia esigerebbe la modifica dell'art. 56 Cost. Ottimo sistema perché di fatto proporzionale, con lo scorporo cioè dei mandati diretti di collegio dal totale riportato da ogni partito. Due le schede, lista e collegio, con possibilità quindi di panachage (voto disgiunto). Posto che il sistema rappresentativo se non corroborato da buone dosi di democrazia diretta non è l'optimum, privilegiare comunque la "rappresentanza" alla "governabilità" va bene poiché la prima premia la volontà dei cittadini, la seconda favorisce per definizione il mondo degli affari e infatti il maggioritario anglosassone è da sempre il mantra della Pannella & Bonino Spa. Belgio e Spagna peraltro andarono benissimo pur senza governo per anni. In Germania con 3 mandati diretti si entra al Bundestag senza quorum che altrimenti è al 5% ma dopo la riunificazione per una volta fu al 3%, che è meglio perché non esclude i piccoli. Le liste sono bloccate ma più democraticamente formate che in Italia. Le coalizioni si formano dopo il voto ma su intese programmatiche vere, non è il massimo ma sempre meno peggio dell'italico trasformismo. VOTO A FAVORE con la sola riserva del "premio" di maggioranza che è fuori logica rispetto al sistema: in materia elettorale abbiamo sempre guardato alla democrazia e non alla nostra bottega, mi piacerebbe andassimo avanti così. Comunque rispetto alla proposta Rosato-Verdini - il peggio che si possa immaginare - anche un sistema germanico corretto col premio sarebbe certamente meglio.
Marco Signori, Milano/Bagnolo in Pian

Marco S., Milano Commentatore certificato 28.05.17 11:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho votato SI, ma vedrete che riusciranno a fare un'altra legge incostituzionale pur di non farci governare. Siamo in piena dittatura e forse bisognerebbe combatterla in modo diverso.

isabella calvaresi, monterubbiano Commentatore certificato 28.05.17 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per l'opportunità e grazie a tutti per i commenti qua sotto... Veramente uno spazio di democrazia

Lucius L. Commentatore certificato 28.05.17 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi bisogna votare NO al proporzionale tedesco. Con il proporzionale sarà impossibile un governo 5 stelle.Invece ci serve un maggioritario tipo quello inglese in cui chi vince governa

Franco B. Commentatore certificato 28.05.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Bene lo sbarramento al 5% più un premio di governabilità al partito o coalizione che prenderà più voti.

Francesco M., Ceglie Messapica Commentatore certificato 28.05.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti. Non posso votare perché non risulto iscritto da molto tempo. Anche se ricevo segnalazioni dai tavoli di lavoro del X municipio di Roma. Condivido di più il legalicum,ma pur di andare a votare prrsto mi va bene anche la bostra proposta sul simil tedesco. Andiamo avanti!

Guido Ucci, Roma Commentatore certificato 28.05.17 10:02| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato NO.
Vorrei che tutti gli sforzi fossero compiuti per mettere in pratica l'unica legge creata dal M5S e suoi iscritti: il Toninellum!!

Simone Taralli 28.05.17 09:40| 
 |
Rispondi al commento

Salve a tutti,mi chiamo Michele Fiori, vi propongo questa soluzione rispetto ad un sistema tripolare (o più): poniamo che vengano eletti con metodo proporzionale un numero n di formazioni politiche (immaginiomo un sistema totalmente rapprsentativo .. una FOTOGRAFIA del voto; ci sarà ad es. la prima forza che prende 30%, la seconda 28%, la terza 12% ecc. Ora è chiaro che nessuno ha la maggioranza e se si alleano 2 forze esse diluiranno il loro programma tradendo gli elettori. Quale soluzione? La fiducia al governo e la legge di bilancio possono essere votate dalla formazione politica che ha la MAGGIORANZA RELATIVA (es. quella che ha avuto il 30%), lasciando le altre leggi con la maggioranza assoluta. In questo modo il parlamento diventa davvero il fulcro della democrazia: il governo è espressione della forza politca che prende più voti, ma il governo ha la potestà esecutiva, non legislativa, la quale rimane al parlmento. In questo modo le leggi approvate sono quelle discusse da forze che discutono insieme , e la discussione è più completa perchè partecipano e sono rappresentate tutte le minoranze , ovviamente che possano entrare nella frazione del n. dei parlamentari.
mi spiego meglio: la fiducia viene votata da tutti ma il voto viene espresso dalla formazioni politiche, in modo non cumulabile, se una ha il 30% ed è la prima formazione vincerà nei confronti di altre che hanno il 28 12 5 % ecc., anche se queste votano tutte contro la prima. questa è la mia proposta per far funzionare un sistema multipolare senza inciuci e finte alleanze. ognuno rimane coerente con il proprio programma elettorale perchè non deve fare alleanza per governare

Michele Fiori 28.05.17 09:23| 
 |
Rispondi al commento

L'unico sistema democratico è il proporzionale puro. La mia unica perplessità è sullo sbarramento al 5%. Io ritengo invece che occorre dare spazio anche a partiti "meno" importanti, fissando una soglia di sbarramento al 2-3% (che non è poco). In questi ultimi decenni ci hanno fatto credere che la cosa fondamentale è la stabilita, che il maggioritario è l'unico sistema che garantisce questo e la democrazia, che occorre votare gli uomini e non i partiti. Il risultato? oltre venti anni di caos e di affarismi, di spartizioni personalistiche, fine dei partiti. La democrazia è fatta anche di regole da rispettare. I partiti, o come sta facendo adesso il movimento, hanno questo fondamentale ruolo: far rispettare le regole di chi vi aderisce. Il sistema maggioritario invece da alle singole persone un enorme potere. Smettiamola tutti di pensare ad un sistema elettorale che possa garantire questo o quello e pensiamo ad un sistema elettorale che garantisca la rappresentatività dei cittadini in Parlamento. Quindi ben venga il sistema tedesco. Il Parlamento deve rappresentare tutti gli italiani, con tutti i suoi pregi e difetti. Dopo di che governi chi ne è capace, altrimenti a casa. Questa è democrazia! E a chi dice che c'è bisogno di governabilità: è dal 1994 che l'Italia non sa più che cos'è un governo.

Francesco Quaranta 28.05.17 09:12| 
 |
Rispondi al commento

Rilancio la richiesta (suggerimento) di pubblicare un esempio di come saranno distribuiti i seggi nel caso in cui si adottasse il 'sistema elettorale tedesco'. Magari comparando il risultato con quello ottenibile utilizzando altri 'sistemi'.

Ci sono 100 elettori che votano così:
18 al partito A
23 al partito B
10 al partito C
09 al partito D
03 al partito E
28 al partito F
04 al partito G
05 al partito H

Votando con il sistema in vigore in Germania, quale sarebbe il risultato della votazione?

bito r. Commentatore certificato 28.05.17 09:08| 
 |
Rispondi al commento

Purtroppo non ho ancora capito bene la differenza tra la proposta del pd e quella del m5s.

nicola c., Treviso Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 28.05.17 07:48| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono d'accordo con la proposta di legge elettorale alla tedesca: proporzionale al 100% con sbarramento al 5% e premio di maggioranza alla prima forza. Eventualmente dichiarando prima del voto con chi si intende allearsi in caso di necessità per non raggiungimento del 40%.

Antonio Altiero 28.05.17 05:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono un cittadino all'estero posso iscrivermi? Il mio códice fiscale e numero di teléfono dovrebbero essere per forza ecuadoriani dove risiedo da sei anni sono cmq iscritto all'AIRE e ricevo regularmente le cartelle per gli appuntamenti elettorali consigliatemi come riempire quegli spazi obbligatori per i quali mi resulta impossibile procederé con l'iscrizione. Per favore qualcuno mi spieghi se ho speranze sulla mia mail. Magari riusciro' un giorno a partecipare alle votazioni anche io cmq il mio voto sarebbe ovv. favorevole al sistema proporzionale tedesco vero Grazie a presto.

sandro barbero 28.05.17 03:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E questa sarebbe una consultazione,alzi la mano chi c'ha capito qualcosa
Complimenti

Carlo Martini , Terranuova Bracciolini Commentatore certificato 28.05.17 00:45| 
 |
Rispondi al commento

Sto ancora qui, nell'anticamera del paradiso o dell'inferno, a seconda delle posizioni. Spero che possiate dare anche al sottoscritto la possibilità di accedere al sistema rousseau, visto che sono iscritto al movimento dal settembre scorso (credo), per poter partecipare alle vs votazioni. Ne avete appena conclusa una per me importantissima, sulla scuola italiana, a cui tenevo e tengo in maniera essenziale e preminente, anche perché ci lavoro da circa trent'anni ed è il mio mondo.
Per quanto riguarda la legge elettorale, sono per ilo sistema maggioritario uninominale e, quindi, contrario alla proposta del proporzionale alla tedesca. Il maggioritario uninominale lo ritengo semplice ed intellettualmente onesto, sì da consentire ad una forza politica la maggioranza del 50+1 in parlamento, proprio per una maggiore governabilità. Saluti, FRancesco IOCOLO.

francesco iocolo, rodi garganico Commentatore certificato 27.05.17 23:58| 
 |
Rispondi al commento

Francamente, dopo aver votato per il maggioritario e non averlo mai visto applicato, ora pensare ad un sistema alla tedesca, quando l'Italia non ha la stessa struttura sociale mi sembra una decisone disperata. Solo con il doppio turno noi del movimento possiamo governare. Mi sembra di tornare al passato con partitucoli che faranno valere il loro striminzito 5%.

paola d., roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 23:36| 
 |
Rispondi al commento

doppio sbarramento carpiato al 10%, chi supera il 33% vince incondizionatamente (il M5S) il resto a vendere il cocco sulle spiagge.

Giovanni F. Commentatore certificato 27.05.17 22:14| 
 |
Rispondi al commento

La politica è anche compromesso e mediazione, ma con taluni non ne vale la pena.

Giovanni F. Commentatore certificato 27.05.17 22:07| 
 |
Rispondi al commento

Io voto no, ma non ho nessuna paura, prche questi imbroglioni, non convincono più gli italiani. Dobbiamo fare una campagna elettorale come quella per il Referendun, non dobbiamo dare tregua al nemico, siamo l'unica altrenativa, noi lo sappiamo, dobbiamo convincere i distratti e coloro che sono incazzati, tenetevi forte, vincefremo Noi e con uno scarto enorme come alle comunali del Campidoglio! gli la diamo noi la RAggi!! Prenderemo il 70%, sbancheremo! Con Noi non c'è partita, credeteci, contino pure i mesi e i giorni che ci separano dalle elezioni, saranno gli ultimi della loro vita politica! Cominciamo la campagna elettorale, li faremo a pezzi!

Iosto Balata 27.05.17 21:36| 
 |
Rispondi al commento

Un saluto a tutti.
Premetto che sono stato tra i sostenitori del Referendum per l’introduzione del Sistema Elettorale Maggioritario Uninominale per il quale ho anche attivamente fatto propaganda al fine di ottenere la vittoria al Referendum. All’epoca credevo che l’Italia fosse sufficientemente matura da essere in grado di mantenere la democraticità delle Istituzioni anche con tale sistema e che se ne sarebbe avvantaggiata facendo evolvere i partiti in maniera positiva come era accaduto in altri paesi che lo avevano adottato. Il tempo ha dimostrato che avevo torto e ne prendo atto. Se si rivotasse oggi non credo che il Referendum otterrebbe lo stesso risultato di allora. Questa premessa spiega la mia attuale dichiarazione di voto negativo rispetto ad una legge elettorale di tipo tedesco così come qui prospettata dal M5S. Ritengo si debba tornare al Proporzionale con le preferenze ed eventualmente una soglia di sbarramento minimissima, che definirei “tecnica” più che politica, al mero scopo di dare una maggiore dignità ed efficacia di rappresentanza alle formazioni che ottengono pochi voti (il massimo tollerabile, secondo me, sarebbe il 2/3%). Per logica conseguenza sono contrario a qualunque tipo di premio di maggioranza. La cosiddetta “governabilità“ non è di per sé un valore. Ritengo si debba tornare a dare il giusto peso alle istituzioni secondo il Dettato Costituzionale. Il Parlamento deve fare le leggi in quanto rappresentante della volontà popolare. Il Governo, nelle sue componenti, deve solo svolgere il ruolo di “governante” che è, come se fosse un gruppo di persone scelte per svolgere un lavoro di collaborazione domestica, quello di dare seguito alle disposizioni dell’autorità della casa, che nella fattispecie è il Parlamento. Per noi che desideriamo la Democrazia Diretta è già tanto il delegare le decisioni ai nostri rappresentanti in Parlamento. È inaccettabile che tale potere venga ulteriormente delegato a persone che non ci rappresentano direttamente.

Silvio Simoncini, Roma Commentatore certificato 27.05.17 19:26| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Può andar bene tutto ma, porcaccia la miseria, il popolo italiano non si era espresso con un referendum per il MAGGIORITARIO? Anche se annacquato da quel 20 % di proporzionale (che serviva solo per contarsi nella spartizione del bottino) in deroga al risultato democratico dell'istituzione stessa. Ora cosa c'entra il proporzionale con le coalizioni che si formeranno dopo le solite false promesse elettorali, SI TORNA ALLA PRIMA REPUBBLICA? Come Scalfaro dico "IO NON CI STO".

Maurizio I., Roma Commentatore certificato 27.05.17 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Le proposte Legislative

In Italia quindi affinché possano essere rese credibili le ipotetiche soluzioni tecniche occorre immediatamente spianare bene il campo di applicazione con proposte legislative che:
a) Risolvano il problema del bicameralismo perfetto
b) Spingano ad accorpare l’attuale stato frammentato del sistema politico protrattosi negli anni :
1) attraverso un elevamento della soglia di finanziamento pubblico ai partiti

2) il riconoscimento di gruppo parlamentare soltanto ai partiti che hanno superato una soglia minima de 5%..

si era arrivati a 40 gruppi parlamentari con gruppi parlamentari da 10 o addirittura 3 parlamentari

3) Omogeneizzazioni dei vari sistemi elettorali vigenti in tutta Italia …sono circa sette e si differenziano tra stato nazionale , regioni comuni, piccoli comuni, di tipo uninominale, altri misti … etc..

c)Destrutturino , attraverso una attenta selezione della classe politica, il sistema - fattore che lega fortemente il voto a rendite di posizione o a lobby affaristico criminali. Vanno in questa direzione quindi tutte le leggi che tendono a rendere più trasparente possibile il meccanismo di identificazione dei referenti politici attraverso :

1) la riduzione delle numero di lista

2) il divieto di accesso di aspiranti politici inquisiti
3) uniforme sistema di verifiche di bilancio delle amministrazioni
4) abbattimento delle rendite di posizione
5) Organizzare le lobby in modo moderno come in USA

La Spagna

La Spagna offre un esempio abbastanza anomalo di come si sia arrivati ad un risultato tipico di un sistema maggioritario di successo attraverso un sistema elettorale proporzionale .


Per entrare più nello specifico del nostro problema diciamo subito che abbiamo:
1) l’obbiettivo da raggiungere che è la governabilità e la rappresentanza delle varie anime del nostro elettorato
2) tre o quattro tipi di sistemi elettorali Francese, Tedesco, Spagnolo.
3) fattori sociali e istituzionali che vanno in parallelo ristrutturati e riformati .
Bisogna vedere allo stato delle cose quale di questi tre sistemi è compatibile con una realistica ristrutturazione dei fattori menzionati.

I fattori chiave da ristrutturare immediatamente

Posto che i sistemi elettorali siano già conosciuti, vorrei porre l’attenzione sui fattori da ristrutturare immediatamente :

Italia esistono alcuni fattori

1) che si differenziano dai paesi i cui sistemi elettorali vengono presi ad esempio quali ( il bicameralismo perfetto, il numero dei collegi o la grandezza degli stessi, la enorme differenziazione dei sistemi elettorali diversi tra regioni, province, comuni grandi e piccoli, le lunghissime liste elettorali, 47 partiti, una miriade di gruppi alle camere…

2) altri che non esistono proprio in tali paesi ( il sistema delle preferenze) , o anche fattori anomali (lobby di potere non inquadrate in un contesto normativo come in USA , UK , rendite di posizione ,connubio affari-mafia, politici inquisiti ) e quindi difficili da valutare per i loro effetti che hanno rispetto a quelli in altri paesi -.. vedi anche Un appello a tutti i partiti ….per un rinascimento della politica http://economicsandpolicy.blogspot.it/2012/04/un-appello-tutti-i-partiti-per-un.html

Le proposte Legislative

In Italia quindi affinché possano essere rese credibili le ipotetiche soluzioni tecniche occorre immediatamente spianare bene il campo di applicazione con proposte legislative che:

a) Risolvano il problema del bicameralismo perfetto

b) Spingano ad accorpare l’attuale stato frammentato del sistema politico protrattosi negli anni :

1) attraverso un elevamento della soglia di finanziamento pubblico


Si deve dare la possibilità di governare a chi prende più voti...
Preferenza unica...uno vota uno...
Tanti parlamentari che sono lì da anni andrebbero a casa...avanti i giovani..

Sergio S., Pogliano Milanese Commentatore certificato 27.05.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Non voglio che NESSUNA MINORANZA (quindi che non abbia avuto almeno il 50%+1 dei voti) possa MAI governare da sola.
MAI NESSUNA.
E' già successo e non è stato bello...anzi! e non deve accadere MAI PIÙ... MAI PIÙ!

ANTONIO M., COMO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 27.05.17 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho votato SI ma il quesito +è largamente incompleto.
Va bene lo sbarramento al 5% per eliminare "frasche e cespugli" ma non bisogna fare alcun passo indietro sull'inammissibilità dei capilista bloccati e sulle candidature plurime che rappresentanto un vero e proprio sconcio

Mario Rosini, Pescorocchiano (RI) Commentatore certificato 27.05.17 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

HO VOTATO NO
Sono favorevole a un sistema proporzionale ma non agli eccessivi correttivi di maggioritario che sono in campo.
Danilo Toninelli dice giustamente che il Rosatellum (la proposta del PD) sia un maggioritario vestito da proporzionale e quindi una presa in giro, ma altrettanto sarebbe il sistema tedesco con un premio di maggioranza con una soglia eccessivamente bassa come il 40%.
Non è democratico che qualunque forza politica prenda il 40% abbia poi in parlamento il 15% di seggi in più, è una distorsione della volontà popolare inaccettabile!
Vero è che la consulta ha considerato il premio di maggioranza costituzionale ma ricordiamoci chi hanno messo dentro la Corte Costituzionale (un certo Giuliano Amato).
Nel 2014 tutti gli iscritti abbiamo votato per un sistema proporzionale con piccoli correttivi di maggioritario.
Ma allora come si va al governo?
Gli Italiani devono capire che siamo davanti a un FINTO TRIPOLARISMO la realtà sappiamo tutti essere NOI vs LORO. Allora proporzionale ok ma premio di maggioranza solo a chi DAVVERO raggiunge la maggioranza (50%,+1). Con una legge cosi gli Italiani si comporteranno di conseguenza è sapranno che votare PD o Centro Sinistra o Centro Destra vorrà dire votare per gli stessi mentre votate per noi vuol dire CAMBIARE DAVVERO e soprattutto in MEGLIO.

ANTONIO M., COMO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 27.05.17 17:36| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Sono favorevole a un sistema proporzionale ma non agli eccessivi correttivi di maggioritario che sono in campo.
Danilo Toninelli dice giustamente che il Rosatellum (la proposta del PD) sia un maggioritario vestito da proporzionale e quindi una presa in giro, ma altrettanto sarebbe il sistema tedesco con un premio di maggioranza con una soglia eccessivamente bassa come il 40%.
Non è democratico che qualunque forza politica prenda il 40% abbia poi in parlamento il 15% di seggi in più, è una distorsione della volontà popolare inaccettabile!
Vero è che la consulta ha considerato il premio di maggioranza costituzionale ma ricordiamoci chi hanno messo dentro la Corte Costituzionale (un certo Giuliano Amato).
Nel 2014 tutti gli iscritti abbiamo votato per un sistema proporzionale con piccoli correttivi di maggioritario.
Ma allora come si va al governo?
Gli Italiani devono capire che siamo davanti a un FINTO TRIPOLARISMO la realtà sappiamo tutti essere NOI vs LORO. Allora proporzionale ok ma premio di maggioranza solo a chi DAVVERO raggiunge la maggioranza (50%,+1). Con una legge cosi gli Italiani si comporteranno di conseguenza è sapranno che votare PD o Centro Sinistra o Centro Destra vorrà dire votare per gli stessi mentre votate per noi vuol dire CAMBIARE DAVVERO e soprattutto in MEGLIO.

ANTONIO M., COMO Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 27.05.17 17:35| 
 |
Rispondi al commento

Voto NO perchè vorrei veder governare i CINQUE STELLE. Vorrei come ministri le facce pulite e combattive di un Di Battista o di Nicola Morra e non vorrei continuare a vedere, per il resto della mia vita, la faccia di cu. di Renzi.
Voto NO perchè il PROPORZIONALE PURO è stato ritirato fuori dal cilindro di Renzi, che non deve l'ora di ALLEARSI con Berlusconi e i suoi sodali.
Con chi si alleerebbe M5S nel caso il cui prendesse il 38% dei voti risultando DI GRAN LUNGA il partito più votato.
La legge che vorrei dovrebbe AVVANTAGGIARE il partito più votato, concedendogli un PREMIO DI MAGGIORANZA pari al 10% dei voti ottenuti. In questo modo si coniuga la GOVERNABILITA' con la RAPPRESENTATIVITA', e si rimane perciò nell'ambito della Costituzione. Devono essere eliminate le LISTE BLOCCATE e gli eletti possono presentarsi solo in un UNICO collegio. L'ORDINE con cui verranno presentati i candidati nella lista devono essere ESTRATTI a caso. Si debbono poter votare solo due nomi, un uomo e una donna.
STOP. Questa è la legge che avvanteggerebbe i Cinque Stelle e, soprattutto, la DEMOCRAZIA.

Giuseppe Pipino, Tavagnacco Commentatore certificato 27.05.17 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale con soglia al 5% purchè
1. Nessun nominato dai partiti cioè nessun capolista bloccato;
2. premio di maggioranza al 37-40% (purtroppo necessario correttivo al proporzionale per la governabilità);
3. niente alle coalizioni che servono per fare ammucchiate, della serie prima dicono di essere diversi per prendere voti e poi l'ammucchiata finale tutti insieme appassionatamente per fottere il prossimo.

fabio musmeci 27.05.17 16:56| 
 |
Rispondi al commento

Il proporzionale è lo strumento per poter inciuciare ufficialmente e legalmente, senza scandalizzarsi. Non ci scordiamo la prima Repubblica quando in tre determinavano chi doveva essere il Presidente della Repubblica o altre cariche Istituzionali importanti. Tutto era regolare. Oggi almeno possiamo indignarci... La legge elettorale tedesca copiata così com'è va bene, senza modifiche.

Antonio ., Roma Commentatore certificato 27.05.17 16:49| 
 |
Rispondi al commento

NON voto perché la proposta mi sembra confusa e, forse, opportunista.

Lorenzo D'ANGELO, Rivoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo al sistema tedesco riguarda la legge elettorale e al voto presto.

Carmela de bernardo 27.05.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento

è inutile scegliere e pretendere di imporre al parlamento, solo perchè qualche centinaio di sfigati hanno fatto clic...
Come in tutta la legislatura, il M5S non porterà a casa niente, imponendo. Facendo così. Il movimento ha generato 4 anni di lamentele, di cambi di opinioni ( per es no TV all' inizio, adesso ….). Risultati vicino allo zero.

Riesce a fare di più Pierferdinando Casini ….

La politica italiana è bizantina. Bisogna sporcarsi le mani, fino a che, come era stato chiesto dal popolo con i referendum, si arriva al maggioritario ( mai ), ma i giudici non sono d'accordo...

Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 27.05.17 16:33| 
 |
Rispondi al commento

Oggi e domani gli iscritti del Movimento 5S esprimeranno un giudizio sul sistema di voto tedesco.
Saranno più di 20.000 italiani che esprimeranno un voto e per me sono tanti, molti di più di tutti quelli che detengono il potere in Italia.
Pensate che sono più di tutti i Magistrati operanti in Italia (19.098).
Oppure tutti i Parlamentari (950); Ufficiali dell’Esercito (11.450); Ufficiali della Marina (795); Ufficiali dell’Aeronautica (5.700).
Non è regolare che a decidere il sistema elettorale siano i soliti 50 che ci tengono per le palle da sempre ma che per molti di Voi sono il pane del ricatto, tu mi fai governare io ti faccio campare, fregandosene dell’intera società italiana.
Gli eletti del Movimento anche quando sono eletti con 30 voti sono sempre in vantaggio nei confronti di quelli eletti per volere dal capo-bastone tramite ventimila bigliettini elettorali con la faccia di quando erano giovani e senza uno straccio di curriculum o fedina penale.

mauro b., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.05.17 16:33| 
 |
Rispondi al commento

voto no e mi viene i BRIVIDI A RISENTIRNE PARLARE................
il proporzionale è la legge che c'è stata dagli anni 60 al 2000 ed è quella che ha fatto i disastri.
partiti che si univano e disunivano come al mercato
ASSOLUTAMENTE NIENTE NO NIX NEIN
CHI VINCE PRENDE TUTTO OOOOOOOOOOOO

luca borghese Commentatore certificato 27.05.17 16:22| 
 |
Rispondi al commento

Dopo aver scritto che avrei votato sì, ho votato no. Ci sono troppe incognite in questa proposta, e per giunta abbiamo a che fare con il PD. E' come mettersi a discutere con un nazista su quale sia il migliore regime carcerario.
Alla fine, rileggendo il post di M5S, pur piacendomi la soglia del 5% in ingresso, ho votato no. Troppe cose non chiarite, mica per colpa del M5S intendiamoci, è il clima che impedisce di capire cosa realmente ci si possa aspettare da questo Parlamento.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 27.05.17 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è che la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2%
-Viaggi e project financing per studi all'estero
-costruzione sfondo imprese e gli investimenti in vari commercio e costruzione progetto e altro
-Acquisto di affitto casa e appartamento
-Acquisto di auto e prestito per la salute e l'educazione dei vostri figli
-pronto soccorso per chiunque in pericolo
-settore agricolo e mondo degli affari
-finanziamento del progetto milioni
Contattare il nostro servizio e-mail prestitobancario2017@gmail.com

martine costa Commentatore certificato 27.05.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Risaputo che il giallo è molto visibile! Anche di notte, nelle strade buie e isolate..eheheheh....!


http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/05/27/roma-tornano-magliette-gialle_RqCDGPi6h7Z8lfXQ8t9Q5J.html

giallicanarino 27.05.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento

Voto si perchè è l'unico sistema per cercare di incidere su questa legge elettorale che altrimenti rischia di diventare solo 'un contenitore delle peggiori esigenze degli attuali parlamentari eletti in modo incostituzionale il muro contro muro fa comodo agli altri partiti, una buona legge sarebbe secondo me un doppio turno con un primo primo turno che assegna i seggi in modo esclusivamente proporziona e con soglia al 5%, un secondo turno tra i due PARTITI più votati con indicazione del premier che assegna la sola soglia di seggi residui utili per arrivare alla maggioranza con un margine per la governabilità così si avrebbe una rappresentanza di tutte le forze politiche di un certo rilievo e la possibilità di avere una maggioranza, lo stallo m ė una buona cosa

Alessandro Luzi 27.05.17 15:46| 
 |
Rispondi al commento

No a tutti questi pasticci più o meno contorti, perversi e immorali. Si deve garantire a qualsiasi idea politica di essere rappresentata in Parlamento anche da un solo rappresentante. Il sistema più pulito e funzionale è quello per l'elezione dei sindaci in due turni.
Primo turno assolutamente proporzionale e senza sbarramenti di sorta. Secondo turno tra due coalizioni. La vincente governerà per cinque anni con fiducia assicurata. Chiarezza e rispetto per tutti i cittadini.

giuliano galiardi 27.05.17 15:21| 
 |
Rispondi al commento

Se è prevista anche la cancellazione dei capilista bloccati, allora voterò sì, altrimenti, mi spiace ma il mio voto sarà contrario. E' chiarissimo, infatti, che i capilista voluti dal renzino non li vogliano toccare né il partito democristiano renziano, né quello del condannato berlusca. Loro vogliono alle Camere soltanto cani addomesticati e, soprattutto, ubbidienti, meglio se condannati. Per loro è un titolo di merito. Concludendo: urge che nella nostra proposta sia ben chiaro anche questo presupposto, cioè, nessun capolista bloccato! Grazie per l'attenzione. Italo Carbonara

italo carbonara 27.05.17 15:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

premesso che sono cattolico , le parole del papa di oggi non le condivido assolutamente,spero che qualcuno riferisca al santo padre che se dietro al lavoro non c è un reddito dignitoso , anche se lavori, al mio paese si chiama sfruttamento.
il mio 8x1000 il papa se lo scordi .
provi lui a lavorare per 500 euro al mese.

vittorio c., frosinone Commentatore certificato 27.05.17 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ho votato si perché prima si va al voto meglio è.vorrei ricordare che attualmente siamo governati da un parlamento incostituzionale dove il pd anche avendo preso meno voti del m5s alla camera, governa.se alle prossime elezioni gli italiani si svegliano e votano m5s ,non ci sono leggi elettorali che tengono.

vittorio c., frosinone Commentatore certificato 27.05.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento

L'Italia dovrebbe aumentare i fondi per la ricerca di almeno 10 volte se vuole iniziare un circolo virtuoso di crescita sostenibile a non drogata dal consumismo e dalla finanza. La maggioranza dei nostri governanti non hanno nessuna cultura scientifica, non hanno nessuna idea di come la ricerca e la tecnologia possano portare sviluppo, benessere e civiltà`. E` la conoscenza che ci può` salvare dal consumismo selvaggio, dal neoliberismo. Fare sparire fondi per la ricerca e` doppiamente colpevole. Bisogna che i nostri portavoce al parlamento facciano subito una interrogazione per sapere dove sono andati quei soldi e restituirli alla ricerca.

Giovanni Borghini 27.05.17 14:04| 
 |
Rispondi al commento

NO AL SISTEMA TEDESCO

Giovanni Borghini 27.05.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato NO perche` il sistema tedesco non mi piace, preferisco quello votato dalla base nel 2014, quello dovremmo portare avanti. Lo so che dovremmo fare do tutto per andare a votare il più` presto per evitare ai parlamentari ora in carica di prendere la pensione. Ma quella la possiamo eliminare quando il MoVimento avrà` i voti. Lo sbarramento al 5% va bene, i capilista bloccati fanno schifo ma al MoVimento questo non interessa, i candidati li votiamo in rete. Non e` nel nostro interesse toglierlo, più` gente sara` invogliata a votare per noi. Noi dovremmo spingere per il vincolo di mandato, come in Inghilterra, se esci dal partito to devi dimettere da parlamentare. Questo per evitare il fenomeno dei voltagabbana. Il problema dell'Italia e` che, al momento, i due gruppi politici maggiori, PD e M5S non superano di tanto il 30%, ogni aggiustamento maggioritario per far si che uno di loro governi senza coalizioni sarebbe anticostituzionale. Si rischia l'ingovernabilita`. Il sistema tedesco favorisce coalizioni, come si fa con il MoVimento che non si allea con nessuno?

Giovanni Borghini 27.05.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Ho votato no perchè ritengo che chi vince ha il diritto - dovere di governare.
Il resto è storia già vista e l'ultima è quella che ha fatto fuori il MS dal governo e ha permesso l'accordo per il cadreghino e non per il bene del paese.
Il mio no implica il divieto di cambiamento di gruppo e la eliminazione di una Camera e l'istituzione di collegi uninominali con 100.000 abitanti + 1 collegio nazionale per l'eelezione del capo dello Stato e del Governo. Chi prende più voti vince, il resto è la tristezza già vista dal dopoguerra ad oggi.

salvatore carboni, oristano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 27.05.17 13:46| 
 |
Rispondi al commento

--Ogni volta che sento parlare un prete (che campo con l'8 x1000) di lavoro e famiglia, di cui in tutta la sua vita si è ben guardato da vivere in prima persona, mi vien voglia di prenderli a cannonate!!
da uno stralcio del papa che tra parentesi ama tanto i clandestini ma non in casa sua..
'' . La domanda è questa: un assegno statale, mensile che ti faccia portare avanti una famiglia non risolve il problema.Il problema va risolto con il lavoro per tutti".
Risposta ''se il lavoro per tutti non c'è è meglio che far crepare l'intera famiglia ..Certamente lei preferisce i sovvenzionamenti alla caritas..ci si mangia bene sulle spalle dei poveri e dei migranti.-rendono più della droga-...!!
Clero pederasta, quando finirai di rompere i coglioni alla società succhiando sangue? .."Finché ci saranno beoti che ci stanno dietro!!"

Tony 27.05.17 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Sì, sono d'accordo sulla proposta dei 5stelle e non certo sulla legge da"inciucio"che vorrebbero il PD e i vari Alfano, Verdini, Berlusconi e company :-(

Stefania Marongiu 27.05.17 13:23| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale o maggioritario, tutto è possibile, la decisione dipende dall’ Obiettivo che si vuole raggiungere.
Il proporzionale tende a garantire la “democraticità” e la partecipazione anche dei partiti minoritari, con rischio di instabilità governativa (rischio che non piace alle lobby finanziarie).
Il maggioritario tende invece a garantire la stabilità, (attualmente quella di un Sistema in cui i potentati finanziari governano stabilmente dall’alto) ed esclude della partecipazione le formazioni politiche minoritarie rispetto al Sistema dominante,
le quali potrebbero dissentire dal basso, con il rischio che “rompano le palle” a un Sistema verticistico.
Rischio comunque irrilevante se qualcuno non ha l’Obiettivo di Garantire una Trasparente Piattaforma e-democracy anti delega che consenta al popolo di decidere e auto governarsi Direttamente dal basso, ognuno contando veramente uno.

Lorella L. 27.05.17 13:21| 
 |
Rispondi al commento

Comunque, il papa farebbe bene a impiegare le sue "scomuniche" verso la finanza internazionale e gli sfruttatori che affamano il popolo, anziché disquisire di dignità del lavoro, quando la gente è alla fame e alla disperazione.

Tutti i giorni dovrebbe ripetere, come un mantra:
che la finanza è del demonio
che gli interessi sul denaro sono del demonio
che togliere ai poveri per dare ai ricchi è proprio del demonio
che togliere le case per darle alle banche è pratica demoniaca
che non garantire lavoro per tutti è del demonio
che non sforare il deficit del 3% è del demonio

Queste cose dovrebbe urlare in faccia ai potenti, se fosse il papa, vale a dire il papà degli ultimi.

Dovrebbe scomunicare pubblicamente il capitalismo e tutti i governanti che tradiscono il loro mandato per fare gli interessi dei padroni delle multinazionali.

In quel caso, farebbe bene a parlare, il papa. Mica per chiedere a Melania se dà da mangiare potica al tycoon.

Gian Paolo ♞ 27.05.17 13:18| 
 |
Rispondi al commento

Vabbé, ho votato ma la domanda non comporta praticamente nessuna scelta su quale tipo di legge elettorale avrei preferito, era come chiedere se mi sarebbe piaciuto votare oppure no,

Eddy B. Commentatore certificato 27.05.17 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricordo che fu già svolto un referendum per la scelta del sistema elettorale. Fu scelto a grande maggioranza il sistema proporzionale puro. E' necessaria coerenza. Bisogna opporsi a qualunque deriva, anche parzialmente, maggioritaria che porta alla personalizzazione del potere, alle prepotenze cui abbiamo assitito in questi anni, alla eliminazione delle opposizioni. NO al sistema tedesco.

Paolo Rocca 27.05.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

oggi leggo che il papa avrebbe scomunicato il "reddito di cittadinanza" una balla sequipedale dei media leccaculo di regime..Quando si parla del lavoro non si puo non parlare di reddito che da esso si trae.. nell'ex unione sovietica lavoravano tutti o quasi ma la miseria era cosi dilagante che l'alcoolismo era diventata una piaga socialer una sorta di via di fuga dalla disperazione. Anche oggi ci sono paesi (Romania)dove il lavoro si trova per tutti ma con redditi mensile che oscillano da 250 a 300 euri.. ma a mala pena garantiscono la sopravvivenza ecco perche migrano in altri paesi europei per aver reddito piu alto per garantire dignità alla propria famiglia .. il reddito di cittadinanza non sostituisce la dignita del lavoro.. ma interviene solo nel grave momento di disaggio (perdita del Laroro) e per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro..In altre parole l'appello del papa alla dignità del Lavoro non esclude il reddito di cittadinanza anzi lo esalta proprio perche propedeutico alla ricerca la ricerca di un lavoro

Pier luigi 27.05.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo 27.05.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Stando così le cose ogni legge va bene , figuriamoci ! Andare alle urne già sarebbe una vittoria , controllarle ferocemente un'altra vittoria , vincerle sarebbe la vittoria totale che , però , sarebbe un pericolo ! Non è detto che la bestia si arrenda facilmente , abituata ai colpi di Stato non è detto che non ne faccia un'altro negandoci il governo , sempre in nome della democrazia , si intende !

vincenzodigiorgio 27.05.17 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Ma la legge elettorale proposta nel 2014 formatasi con domande successive e lezioni sul web è stata abbandonata? Se è così allora forse bisogna apportare delle correzioni al sistema.

CAMERA DEI DEPUTATI
PROPOSTA DI LEGGE
DOCUMENTI
Nuova legge elettorale
VISTO CHE
hanno partecipato decine di migliaia di cittadini;
hanno espresso un totale di 227.870 voti in 8 votazioni;
per la prima volta nella storia una legge viene votata online nei suoi aspetti principali
Tutto il Movimento 5 Stelle esprime
PARERE
FAVOREVO

giovanni lo sardo 27.05.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

anche il ballottaggio, alla fin fine ha dei rischi. cioe' che un partito votato e voluto dal 30% della popolazione abbia la maggioranza assoluta.

e con le teste di cazzo esaltate che girano in italia, che se vincono la sasliccia alla festa della patata si credono dei fenomeni, si rischia.

purtroppo in italia e' stato svitato il tappo e il peggio dell'italianita', la sua subcultura,, e' uscita fuori dalla bottiglia. e anche per fare una legge elettorale bisogna andar ic con i piedi di piombo.

cosi' come spero che vada con i piedi di piombo, senza prendere strade futuriste e un po' dissennate, di cui ormai ne abbiamo i coglioni pieni, abbiamo gia' dato, chi vincera'. il che non vuol dire non avere coraggio e non fare quello che va fatto.

carlo 27.05.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Di certo a noi converrebbe giocarcela con un premio di mggioranza al 40 %. Questa ipotesi e' stata dichiarata costituzionale. Se ce la facessimo avremmo finalmente l'opportunita' di fare un governo. Se no tocca stare all opposizione e guardare questi figuri fare il loro comodo ancora per anni.
Nel nostro caso caso non e' tanto importante visto che i portavoce ce li sceglieremo online. Pero' mi sentirei meglio se anche gli altri fossero diretta espressione almeno del corpo elettorale ancorche nostri avversari. BASTA CON I NOMINATI. SI REINTRODUCANO LE PREFERENZE con un candidato un collegio e non 1 candidato e 10 collegi come adesso cosi decide lui come e dove e a chi va che cosa(... e si vegli sul voto di scambio e mafioso)

federico berrino 27.05.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Legge elettorale tedesca.

In sintesi, il sistema elettorale in vigore è un sistema elettorale proporzionale personalizzato con meccanismi di correzione:

Proporzionale: la determinazione della forza politica del Bundestag è determinata secondo il sistema proporzionale a livello nazionale.
Personalizzato: la possibilità del voto del candidato del collegio uninominale determina un rapporto diretto tra elettore ed eletto.

Meccanismi di correzione: la soglia di sbarramento altera la rappresentatività proporzionale pura, escludendo i piccoli partiti, che tuttavia possono trovare rappresentanza in parlamento tramite eventuali candidati eletti nei collegi uninominali.

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 27.05.17 12:35| 
 |
Rispondi al commento

antonio.decastel@alice.it
Sono perfettamente d'accordo con Gianluca di Rimini.
Si capisce molto poco. Non c'è chiarezza . Solita politica all'italiana !
O è proporzionale tutto o e maggioritario. Con le logiche conseguenze .
Smettiamo con questi collegi . tanti voti prendi e tanti rappresentanti hai . E' semplicissimo dalla valle Aosta a Trapani tutti capiscono.
Comunque tate come volete. Uno non vale Uno. !!!!
Antonio .

Antonio de Castel Terlago 27.05.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Era ora che anche il movimento si decidesse per un sistema elettorale chiaro e rappresentativo del voto popolare. Benissimo il sistema elettorale tedesco VERO e senza premi o premietti di governabilitò. Non sarebbe sopportabile che per l'ennesima volta un gruppo di nominati si inventassero una leggina per restare tali a scapito della sovranità popolare. Basta con gli inculatellum dei nominati.


Al G7 tutti i paesi hanno rivendicato il diritto a proteggere i propri confini dall'assalto degli immigrati.

Solo l'Italia fa marce in favore dell'invasione.

E proprio quando il popolo italiano sta morendo.

Gian Paolo ♞ 27.05.17 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Io ho votato favorevolmente. Penso che i partiti tenteranno di stravolgere l'impensabile per poter continuare a rubare, quindi nulla gli andrà bene, se possono lo faranno a colpi di fiducia come è successo l'ultima volta.
E' necessario che siano gli italiani a svegliarsi ed andare a votare.
Se continuano a non capire quello che sta succedendo, non c'è speranza, continueranno a fregarci.
Come si suol dire chi è causa dei propri mali, pianga sè stesso.
E' comunque stato curioso, vedere questa mattina durante l'intervista di LA7, la stizza mostrata dall'interlocutore pd, nell'affermare che il Movimento aveva messo la proposta ai voti della rete.

Rosa 27.05.17 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Mettete più in risalto questa votazione. Facebook di tutti gli attivisti . A sinistra il alto nel sito sempre fissa oggi e domani..... !!!!

Patrizio Laconi, Cagliari Commentatore certificato 27.05.17 12:02| 
 |
Rispondi al commento

In questa "spiegazione" non avete chiarito affatto cosa sia un seggio uninominale, in che modo sia distribuito sul territorio, in base a quali regole e rispettando quali norme elettorali. Praticamente voi avete scritto: "Ciò significa che laddove dovesse capitare che il numero di seggi vinti da un partito nei collegi uninominali eccedesse il numero dei seggi ottenuti nel riparto proporzionale, quest’ultimo deve prevalere, al fine di garantire la piena proporzionalità del sistema come accade in Germania." ecco questo periodo è per il 99 percento di noi INCOMPRENSIBILE (me compreso). Ora non potete pretendere che ci andiamo a studiare i garbugli elettorali italiani. Ma soprattutto non potete pretendere che ognuno di noi abbia gli strumenti cognitivi e culturali sufficienti per capirci qualcosa in merito. Potevate spiegare in maniera semplice il nocciolo della questione ma non avete voluto farlo. Per questo motivo voterò NO proprio perché non mi avete fatto capire il succo del problema, quindi, nel dubbio, voterò NO. Inoltre, non spiegate cosa accadrebbe se vincessero i NO, a quel punto passerebbe per forza il Verdinellum o passerebbe comunque? Oppure se vincono i NO significa che il PD sarà costretto a scendere a patti con noi? Perché non siete stati più chiari? Questo è il nostro sito, il luogo dove noi grazie a voi riusciamo a capire cosa accade dietro la cortina fumogena della disinformazione dei partiti e mezzi di informazione altrui. Questa volta però non siete riusciti a fare chiarezza purtroppo.

Gianluca C., Rimini Commentatore certificato 27.05.17 11:56| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

CARO BEPPE a questo punto aveva ragione quel DIAVOLO di Andreotti che sapeva benissimo come funziona la politica, cioè fatta di inciuci, il quale diceva:RIMPIANGERANNO IL PROPORZIONALE. A BEPPE NON FARTI COINVOLGERE GLI ITALIANI HANNO VOTATO PER IL "MAGGIORITARIO", RITORNIAMO INDIETRO?
BRAVI, SIETE UNA MASSA DI "CORNUTI".
NON TI ILLUDERE al governo così non CI ANDRETE MAI! E POI MAI! APRI GLI OCCHI NON FARTI FREGARE.PACE E BENE

mario bennato, palestrina Commentatore certificato 27.05.17 11:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1820: insurrezione a Palermo e a Napoli
1821: insurrezione in Piemonte
1831: sollevamento a Modena con assalto al palazzo ducale
1834: moti di Genova
1844: rivoluzione siciliana
1848: 5 Giornate di Milano e I Guerra d'Indipendenza
1849: Repubblica Romana e Veneziana
1853: Milano insorge di nuovo
1859: II Guerra d'Indipendenza
1860: Spedizione dei Mille
1866: III guerra d'indipendenza

Credevate che avremmo fatto l'Unità d'Italia, ragionando di leggi elettorali, di sbarramenti e percentuali di collegi uninominali?

Gian Paolo ♞ 27.05.17 11:47| 
 |
Rispondi al commento

Questa è una legge elettorale voluta dal PD & c. per non far mai vincere il M5St. che oggi come oggi rappresenta l'Unico "pericolo" per la PARTITOCRAZIA /e per l'Elite di Bruxelles!! .

Il proporzionale è l'UNICO sistema democratico ,
perchè sono rappresentate tutte le classi sociali ( i poveri , i proletari , gli statali , i dirigenti privilegiati statali , la classe media , i ricchi , ecc. , ecc. ) .

PERO' alla fine , deve essere previsto anche il BALLOTTAGGIO !! TRA I 2 Partiti che hanno preso più voti ( come per i sindaci ) :
Altrimenti il M5St. NON potrà MAI andare al Governo !!
RicordateveLo .

Lino V. Commentatore certificato 27.05.17 11:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe noi italiani siamo anni che aspettiamo l'ELEZIONE DIRETTA del premier o, cambiando gli equilibri costituzionali, del Presidente della Repubblica. L'abbiamo già per i Presidenti di Regione e per i Sindaci. C'è già in tanti altri Paesi (USA,Francia) dove le cose funzionano.Ma qui non può essere.Speravo che il M5S andasse in questa direzione, ma ormai vi vedo come gli altri partiti, con una PAURA a far decidere VERAMENTE al popolo.

Mario Pisciotta 27.05.17 11:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qua la gente è alla disperazione e sui giornali titolano:

Dall'Orto si dimette
Melania a fiori, Brigitte corallo
Legge elettorale: sì al modello tedesco...

Questa è la casta, vedete?

Assoluta indifferenza per la disperazione della gente, che loro hanno causato.

E un popolo bue che merita soltanto calci in culo...

Dovevo nascere proprio al tempo degli ignavi, io?

Per molto meno, una volta si sarebbero fatte rivoluzioni.

Gian Paolo ♞ 27.05.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Il sistema tedesco, nella parte proporzionale (50%) prevede le LISTE BLOCCATE (!!!)

Vittorio B., Cosenza Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.05.17 11:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gli emigrati italiani in Belgio e in Francia
https://www.google.it/search?q=foto+di+italiani+in+belgio&rlz=1C1AVNG_enIT694IT694&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0ahUKEwibiuK-3I_UAhXIExoKHUFdBsoQsAQIIw&biw=1680&bih=871

https://www.google.it/search?q=foto+di+italiani+in+belgio&rlz=1C1AVNG_enIT694IT694&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0ahUKEwibiuK-3I_UAhXIExoKHUFdBsoQsAQIIw&biw=1680&bih=871#tbm=isch&q=foto+di+italiani+emigranti+in+francia

Gli immigrati oggi in italia
https://www.youtube.com/watch?v=EIHHb17W_QA

https://www.youtube.com/watch?v=4NzgzSDogRw

https://www.youtube.com/watch?v=28r0_oOa1-M

Tex A., MILANO Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.05.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Doppio turno!

Luca G. Commentatore certificato 27.05.17 11:06| 
 |
Rispondi al commento

LEGGE ELETTORALE

"Con questo preciso intento risponderemo alla richiesta di incontro in Parlamento del Partito democratico per il prossimo lunedì 29 maggio. "

Gradirei fortemente lo streaming dell'incontro, la Rete, quella da dove è nato e cresciuto il M5S deve essere presente, deve essere sempre presente.

Il "network" che tanto piaceva a Gianroberto, non s'è mai visto!

Siccome so che quello che chiediamo difficilmente verrà concesso, allora, è per questo motivo che voglio vedere le facce di tutti.

Poi, qualora il PD voglia fare giochini strani concedendo qualcosa in cambi di altro, voglio essere presente, e soprattutto vorrei capire in caso di, come intendono comportarsi i nostri parlamentari.

Il piano B, quello più probabile de sti tempi, che prevede?

Se prevede, in caso di naufragio della contrattazione, una "mini rivoluzione da Camere", bene, almeno mini, ci sto, diversamente stiamo perdendo tempo e lasciando tutto com'è.

La Rete di qua, la Rete di là, ogni tanto se chiama a votà!

Buon voto a tutti, vojo vede se la rete verrà messa in quota elettiva quando ci sarà da candidare, vojo vede.

Arrivederci e grazie, graziella e grazie al click.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.05.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
Credo che sarà meglio che ci cittadini eletti (e Beppe) si attrezzino rapidamente per contrastare la probabile strumentalizzazione delle parole del Papa all'Ilva di Genova.
Parlando della dignità che il lavoro dà all'uomo, il papà ha condannato l'idea di barattare il lavoro con un assegno di sostentamento.
È una frase condivisibile: vale per gli assegni per Cassa Integrazione, per gli immigrati, per la disoccupazione.
E vale anche per il Reddito di Cittadinanza: non si possono dare soldi, soprattutto in questa fase economica, senza prevedere un'occupazione lavorativa in cambio, un lavoro che giustifichi questa elargizione.
Vale lo stesso per gli immigrati: non si può abituarli a vivacchiare di sussistenza, ma devono essere occupati in attività di utilità pubblica.

È vitale per il movimento riflettere su questa parte del programma è sopperire alle eventuali lacune.
Vorrei sbagliarmi, ma ci sarà chi coglierà l'occasione del discorso del Papa a Genova per attaccare strumentalmente il M5*; cerchiamo di essere pronti per una riflessione utile per tutti.

antonella g. Commentatore certificato 27.05.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io rimango dell'idea che un doppio turno sia la soluzione migliore.

andrea cannelli 27.05.17 10:38| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe sapere prima di votare per la legge elettorale, Cosa vuol dire e come si sostanzia quanto segue : "correttivi di governabilità costituzionalmente legittimi"
Grazie.
PIER PAOLO IANNI PALARCHIO

Pier P., Catanzaro Commentatore certificato 27.05.17 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E poi dicono che tra ''pompetta'' e il grillo ricciuto non ci sia mai convergenza! Il patto del nazzerato...! Il maggioritario voluto dagli italiani ''svanisce''...


http://www.lettera43.it/it/articoli/politica/2017/05/26/legge-elettorale-m5s-e-forza-italia-spingono-sul-modello-tedesco/211009/

grillusconi 27.05.17 10:30| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con Grillo: “A me non interessa andare al governo, a me interessa che i cittadini abbiamo degli strumenti per poter incidere sulle decisioni politiche del Paese.”

In linea con il principio “uno vale uno”, neanche a me interessa chi personalmente va al governo, mi interessa che la sovranità appartenga realmente al popolo, ognuno contando uno.

Visto dunque che tutto il popolo non può sedersi fisicamente su quelle poltrone, mi interesserebbe eleggere dei semplici PortaVoce i quali non decidono al posto del popolo ma ne accertano la Voce con idonei strumenti di Rete e la riportano tale e quale nelle Istituzioni.

In conclusione, non mi interessa una legge elettorale che garantisca la governabilità a chi intende decidere al posto mio,
semplicemente perché non ho alcuna intenzione di delegare qualcuno a governarmi dall’alto.
Qualsiasi sia la legge elettorale, voterò solo chi garantisce una Trasparente Piattaforma e-democracy anti delega con cui il popolo possa autogovernarsi Direttamente, ognuno contando veramente uno.

Lorella L. 27.05.17 10:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Ma il Pd, dimenticando la lezione del 4 dicembre, ha deciso di azzerare tutto e di imporre ancora una volta una legge elettorale ritagliata sulle sue esigenze."?!…
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Coma diceva Eduardo… "gli esami non finiscono mai"!… ma è chiaro che… se questo è vero… è vero anche che a non finire mai sono pure le *lezioni*!…
Quella "del 4 dicembre"… perciò… è un errore del M5S utilizzarla per dire al Pd di non "imporre ancora una volta una legge elettorale ritagliata sulle sue esigenze"!… anche perché… se davvero il Pd sbagliasse a fingere di “dimenticare la lezione”… e quindi tendesse ad auto danneggiarsi… non dovremmo essere certo noi a suggerirgli la correzione di rotta che viceversa non potrebbe che avvantaggiarlo!…
Stiamo attenti a non cadere in questa logica da contorta dialettica partitica!…
Le “sue esigenze”?!… quali?!… da che mondo è mondo… sono queste la vera e autentica “lezione” che ogni forza politica segue… predicando che esse sarebbero coincidenti con quelle della maggioranza dei cittadini!…
Non dobbiamo farci spaventare da un sistema che favorisca la “coalizione”!… altrimenti è chiaro che questa sarà la strada che i nostri avversari seguiranno!…
Il 4 dicembre ci ha insegnato solo che da soli si perde… ma solo ad un referendum dove il 40% di un SI’ di fatto non coalizzato non prevedeva per esso un premio di maggioranza a fronte di un 60% di fatto coalizzato (non avrebbe potuto farlo ovviamente!)!…
Se ci fosse una sola furbizia utile a fermare il M5S… ecco questa dovremmo suggerirgliela e spiegargliela noi stessi… qualora loro stentassero a capire quale fosse e come mettercela contro! .-)

Chip En Sai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.05.17 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Salvini vuole il Lega-licum

i Verdi il Verdi-nellum

I Grillini il 5 Stellum

Berlusconi e la Pascale il Porcellum ad Personam

Brunetta il Porcellinum

La Santanché e la Mussolini il Siliconicum

La De Girolamo e Boccia il Coniugellum

La Boldrini il Bordellum

Renzi e Napolitano il Golpellum

Bersani e D'Alema il Gargamellum

La Bindi e Rutelli il Ruttellum

Pomicino e Mastella il Giurassicum

il Gruppo Misto il Porcaium

Alfano, Librandi, Lupi ecc. il Trombatellum

Aldo B. 27.05.17 10:23| 
 |
Rispondi al commento

... A meno che non facessimo un governo con la Lega.

Cosa assai difficile.

Più facile, un nostro governo appoggiato esternamente dalla Lega. Ma quanto durerebbe?

Mah! Molto più probabile il cambio di casacca di alcuni tra nostri e leghisti, in appoggio di un governo dalle larghe intese....

Povera Italia!

Gian Paolo ♞ 27.05.17 10:07| 
 |
Rispondi al commento

Mah, ho idea che tutti i partiti stiano cercando una legge elettorale che faccia vincere… tutti! La più ragionevole mi sembra: se dopo il voto non viene superata la soglia prevista si va al ballottaggio tra i due maggiori partiti (o schieramenti…!?!) e lo scontro rispecchierà fedelmente la volontà degli elettori. A chi vince devono essere ovviamente garantiti i numeri per governare e salutame a soreta!

Franco Mas 27.05.17 10:03| 
 |
Rispondi al commento

In soldoni, penso che lo sbarramento del 5% sia stato studiato per far fuori anche la Meloni, oltre ai fuoriusciti del Pd.

Così avremmo:

M5S 220 deputati

PD 207

Lega 100

FI 100

SVP 3

Governabilità impossibile e sfregamento di mani di chi, dalla fine del 2011, sta guidando il Paese senza maggioranza, grazie all'aiuto dei volontari cambiacasacche...

Gian Paolo ♞ 27.05.17 10:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa è democrazia diretta. Prima di questo quesito, il M5Stelle aveva già proposto agli ISCRITTI (no cinesi, ROM ed extracomunitari) altri quesiti che riguardavano le basi del Programma elettorale del M5Stelle qualora i cittadini avessero deciso che fosse ora di cambiare completamente rotta e mandare a casa TUTTI quei partiti che hanno portato al disastro questo Paese.

Tex A., MILANO Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.05.17 09:59| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo, però attenzione, il tema della "governabilità a tutti i costi", può mascherare risvolti non rappresentativi della maggioranza degli elettori; insomma potrebbe essere un modo per "aggirare" di nuovo, i rilievi di incostituzionalità.

Salvatore 27.05.17 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Sono dell'avviso di votare si sperando che i 5 stelle non abbiano nessun incarico di governo. Chi ha ridotto così il paese (pd e destra) se la smazzino.
Altrimenti faremo la fine di Roma. Ci accolleranno le responsabilità di un paese a pezzi e ingovernabile.

undefined 27.05.17 09:52| 
 |
Rispondi al commento

Vero terreno di battaglia, bisognerà adottare tecniche "Napoleoniche" vista l'inferiorità numerica, bisognerà essere pronti ad approfittare di un passo falso della maggioranza, visto l'alta litigiosità dell'ammucchiata costruita contro il M5S.

rodolfo z., cividale del friuli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 27.05.17 09:35| 
 |
Rispondi al commento

OT?
61,512 arrivals to EUROPE 2017
60,521 by sea
991 by land
(updates as of 24 May 2017)
1,530 dead/missing - Mediterranean 2017

http://bit.ly/1PQ0gvW

id &as Commentatore certificato 27.05.17 09:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Premesso che i sondaggi lasciano il tempo che trovano, nel link qui sotto potete vedere una simulazione che fa capire bene le differenze tra un sistema tedesco e la porcata del rosatellum, verdinellum, e qualsiasi colorellum

http://www.termometropolitico.it/media/2017/05/Sondaggi-sondaggi-elettorali-ultimi-sondaggi.png

Tommaso B 27.05.17 09:33| 
 |
Rispondi al commento

Una classe politica che tenta di imbrogliare così spudoratamente il popolo italiano, non merita la stima degli onesti.
Una classe politica che ostacola la magistratura neol suo difficile lavoro, che protegge gli inquisiti, mettendo in campo tutte le furbizie, repertorio degli affaristi senza scrupoli, non può tenere in ostaggio la democrazia del nostro Paese.
Una classe politica che ricalca i comportamenti degli smaliziati napoletani del gioco delle tra carte che, con i suoi compli, quando qualche avventore intelligente, scoperto il trucco vince per piu' di due volte, prende il taolino e si sposta in un altro angolo di strada.
Il M5S ha scoperto il trucco e chiama gli italiani a informarsi, per sventare il subdolo gioco dei verdiniani e della destra meno trasparente, a ci il PD fa riferimento.
Non facciamoci fregare, ognuno di noi è responsabile delle sorti della democrazia in Italia.
Buon lavoro alle sentinelle pentastellate.

pietro denisi, reggio cal. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 09:30| 
 |
Rispondi al commento

----...loro, intanto iniziano con il ''culo''...

variomondo 27.05.17 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Sapere di vivere in un Paese nel quale il consenso, in estese zone e Regioni, si compra e si vende come il pesce al mercato, vi confesso che mi fa dubitare molto di qualunque "accrocchio" elettorale; il problema, è sempre ciò che accade "dopo" le elezioni, con i cambi di casacca, le alleanze comprate, i patti inconfessabili.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 27.05.17 08:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Continuando a fare giravolte sulla legge elettorale rischiamo di ritrovarci con il culo per terra. Giusto sedersi al tavolo delle trattative, cosa che avremmo dovuto fare prima, ma non illudiamoci di poter far passare le nostre proposte. Una legge sostanzialmente proporzionale comporta inevitabilmente accodi di coalizione dopo le elezioni, il che significa far cadere il nostro ultimo tabu' sulle alleanze se vogliamo andare al governo. Tanto valeva fare l'accordo con Bersani che almeno è' una persona seria e ci avrebbe evitato la disgrazia Renzi. Ci troviamo indubbiamente in una situazione difficile perché' siamo minoranza in Parlamento ma almeno cerchiamo di salvare la coerenza, di non barattarla per una fregola governativa che oggi appare impossibile da appagare.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.05.17 08:42| 
 |
Rispondi al commento

Gender, lezione choc alle elementari: "Matrimonio gay tra due bimbi"

Nella scuola elementare di Poggetto, frazione di San Pietro in Casale (Bologna) scoppia la polemica sull'ideologia gender: "Hanno fatto simulare matrimoni gay tra bambini"

***********

Le regioni rosse sono avanti...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 08:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hotel 5 stelle Pomezia....


http://www.comune.pomezia.rm.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2692

5 Scemi & pd 27.05.17 08:23| 
 |
Rispondi al commento

Accade a Benevento. Rendo noto al popolo della rete di essere stato vittima di un secondo gravissimo episodio nel giro di 24 ore. Allontanatomi per qualche ora dal posto assegnatomi per manifestare con un apposito striscione e volantini contro i nominati che volontariamente , in piena scienza e coscienza, hanno distrutto il futuro dei nostri giovani, sono stato derubato dello striscione, lungo 5 metri in 2 pezzi e dei volantini applicati con nastro adesivo trasparente ai vetri della mia auto. I vigili urbani, capitanati dal capitano bosco Fioravante, uno dei ben sei Capitani che comandano i circa 40 vigili urbani di Benevento, mi hanno chiamato urgentemente per identificarmi e verificare i documenti per l'ennesima volta ed alla richiesta di sapere che fine avessero fatto gli striscioni e volantini hanno risposto, anche alla presenza di un funzionario della Digos, di non saperne nulla. Per ora mi fermo qui riservandomi di informarvi degli sviluppi di queste due incresciose situazioni.

Enrico De Lauro 27.05.17 08:23| 
 |
Rispondi al commento

La minaccia dell'Isis: "Guerra totale agli infedeli durante il Ramadan"

In un video pubblicato su Youtube, alla vigilia del Ramadan, l'Isis incita a colpire "gli infedeli nelle loro case, mercati, strade e luoghi di ritrovo”

************

Pare sia stato più facile fermae Hitler....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 08:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL PROBLEMA DEI PROBLEMI

L' Italia dell'accoglienza a tutti i costi sforna numeri da record per la spesa da sostenere.

L'accoglienza costa 5 miliardi Pd in pressing per altri posti

Nel 2017 si va verso quota 200mila migranti e lo Stato dovrà spendere 4,6 miliardi per gestire il fenomeno.

Aggiungi un posto a tavola sembra il motto scelto dal governo che mostra al mondo intero che siamo un Paese che accoglie, salvo poi non avere supporti dal resto dell'Europa, che appare ancora sorda alla redistribuzione degli immigrati, e salvo quindi dovere chiedere sacrifici, ancora una volta, agli italiani. Saranno loro, come sempre, a pagare il dazio delle scelte di chi siede sugli scranni del potere, che, anziché bloccare a monte le partenze di massa, regolamentando il fenomeno dell'immigrazione, prevede ulteriori somme per ottemperare alle previsioni di crescita del fenomeno. Si arriverà a quota 200mila immigrati.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 08:19| 
 |
Rispondi al commento

Non ci posso credere, un nutrito gruppo di agenti e funzionari delle delle forze dell'ordine ha impedito a me (Enrico De Lauro, ex ufficiale dell'esercito italiano, ex dirigente tecnico dell'esercizio ferroviario, ex promotore finanziario, attualmente pensionato, libero cittadino e senza armi) di partecipare questa mattina al l'attesissima cerimonia, con DI MAIO, di inaugurazione dei laboratori ed attrezzature dell'Istituto rampone di Benevento alluvionato, risultato ottenuto grazie a 106000€ donati dal Movimento 5 Stelle. E ciò per non meglio specificati ordini dall'alto. VI SEMBRA GIUSTO? Secondo voi qual è il motivo vero di questo misterioso ordine dall'alto per una sola persona indiscutibilmente e notoriamente seria onesta e pacifica?


La notizia che il voto di scambio è alla base del successo dei parlamentari di questi partiti è ormai stranota a tutti.
Infatti se ci fate caso i loro parlamentari sono eletti da un determinato bacino di votanti.
Se non erro, per esempio, la Rosi Bindi e la Finocchiaro siedono in parlamento con i voti calabresi ecc..
Lo avete già affermato che il governo non vuole il reddito di cittadinanza per dar spazio alla compra/vendita del voto del cittadino.
Allora non sarebbe il caso di iniziare a denunciare lo stato italiano per il comportamento che ha assunto verso questo problema, ignorando è più elementari concetti di democrazia e di rispetto dei diritti del popolo italiano?

Rosa 27.05.17 08:08| 
 |
Rispondi al commento

Volete una martellata in testa, nelle palle o in un piede?

Antonio* D., Carrara Commentatore certificato 27.05.17 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Ci sono 100 elettori che votano così:
18 al partito A
23 al partito B
10 al partito C
09 al partito D
03 al partito E
28 al partito F
04 al partito G
05 al partito H

Votando con il sistema in vigore in Germania, quali partiti saranno eletti?

Fare un esempio sarebbe d’aiuto a molti (me compreso).

bito r. Commentatore certificato 27.05.17 07:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo avete detto in tutte le salse, stanno cercando di trovare una legge che gli permetta di continuare a rubare come hanno fatto fino ad ora, pensate che questa gli possa andare bene? Ma!
Poi io non credo molto ai sonaggi che si leggono in giro.
Com'è possibile che il pd continui a raggiungere il 38, 39%?
Gli italiani sono così imbecilli, non è bastato la devastazione messa in atto da questi partiti, che cosa ci devono ancora fare?
E se questi sondaggi fossero truccati?
Gli italiani hanno risposto in massa con il no, il 4 dicembre, quindi com'è possibile che continuino a votare il pd?

Rosa 27.05.17 07:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

occhio quelli del pd e fi sono furbi........ma voi pentastellati siete piu colti ....nb.occhio al portafogli

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 07:28| 
 |
Rispondi al commento

Eccoci!

Adesso le ONG per non farsi bloccare il business migranti dalla Magistratura e dall'opinione pubblica si inventa l'idea orribilis: l'ordine agli scafisti libici di fare qualche piccola strage in mare..,magari condita con bambini! Acchiappa di più l'opinione pubblica!

Poi, adesso, per far dimenticare gli sbarchi a valanga di carne maschile giovane e produttiva da inserire nei lavori socialmente utili italiani per rimpinguare le casse INPS e salvare i vitalizi, ci fanno vedere, come in un set da film, qualcuno malato, qualcun altro sulla sedia a rotelle, alcune donne incinte ecc...solo per far fumo scenografico agli occhi!

Fin quando ci sono persone, genti, italiane autoctone, che hanno pagato una vita le tasse e ora sono in una situazione critica di primissima emergenza per fame e indigenza, ogni accoglienza straniera è uno schifoso insulto, sporco, vile e meschino a questi nostri milioni di connazionali.

Ogni buon genitore, mai e poi mai ospita, veste e nutre in casa propria gente estranea quando ha prima i suoi figli o famigliari da sfamare e vestire !

Aldo B. 27.05.17 06:33| 
 |
Rispondi al commento


Data: 24 maggio 2017 alle 22.53
Oggetto: Sostegno dello sciopero della fame dei prigionieri palestinesi:


Dal 17 aprile 2017 circa 1.500 prigionieri palestinesi hanno lanciato uno sciopero della fame di massa per protestare contro le difficili condizioni umanitarie nelle carceri israeliane.
Adesso il numero di prigionieri in sciopero è salito a 1.800, nonostante le condizioni di salute stiano peggiorando di giorno in giorno, secondo quanto riportato dai gruppi per i diritti umani.

Nella tenda della solidarietà con i prigionieri, allestita a Ramallah, anche madri e altri famigliari si sono uniti allo sciopero della fame.

Torture, mancanza di assistenza medica adeguata, veri e propri omicidi avvenuti subito dopo l’arresto, hanno portato a 210 il numero dei palestinesi morti nelle carceri israeliane.

600 sono i reclusi in detenzione amministrativa, cioè senza un capo d’imputazione, senza processo e senza diritto alla difesa. La detenzione amministrativa è rinnovabile ogni 6 mesi e questo sta portando alcuni a raggiungere il quarto anno di reclusione.

Le stime di Addameer, associazione palestinese non governativa che opera in difesa dei diritti dei prigionieri, parlano inoltre di circa 300 bambini reclusi.

I prigionieri politici stanno oggi rischiando la vita per chiedere:

1- la fine della politica dell’isolamento carcerario;

2- la fine della politica del fermo amministrativo;

3- migliorare le condizioni della prigionia;

4- migliorare la questione delle visite familiari;

5- l’assistenza sanitaria;

6- i trasporti;

7- l’istruzione.

Israele continua a porsi in aperta violazione dei diritti umani e non lo sta facendo neanche troppo velatamente. Non è più tempo, dunque, di adottare la strategia dei due pesi e due misure e il regime israeliano va condannato nella stessa misura in cui si condannerebbe uno stato militare d’oppressione.

Franco Rinaldin 27.05.17 05:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MAI e ripeto MAAAIIII che si sia in grado di FARE qualche cosa di nuovo, di innovativo, di NON FATTO DA NESSUNO.
Sempre a correr dietro alla possibilità di riuscire a spuntarla ed allora ecco, si lima di qui, si lima di la si accontento da una parte e si accontenta anche dall'altra.
Parti che van bene al cdx e parti van bene al csx tutto perchè, SI PENSA, di non avere la "maggioranza" dei cittadini dalla propria parte.
Ma che razza di legge elettorale potrà MAI venirne fuori, una legge che in quanto a governabilità (senza alleanze ed "inciuci" vari) sarà ciò che di più lontano mai immaginabile.
Ed allora via ..... che si va con il mercato delle VACCHE, tanto .... oramai è assodato che si voterà al di la della scadenza dall'ottenimento vitalizio per quei 600 (circa) di poveracci parlamentari che hanno questo gran bisogno di riuscire ad avere quei MISERI (oggi come oggi) 1.000 euro al mese (che gli vadano di traverso tutti quanti e che li spendano tutti in medicinali così si ci sarà giustizia sociale).
Detto questo .... rimango rammaricato nel notare come tutti, nella "politica", si livellino alla media peggiore dei comportamenti.
Proporre una bella legge, come era stata già decisa tramite più di un mese di discussione con interventi vari, qui sul sito no eh???
Porre uno sbarramento ad un 3% e premio di maggioranza AL SINGOLO partito (anche formante una coalizione) che raggiungerebbe non meno del 32% no eh?
Bisogna complicarsi la vita con leggi elettorali "scopiazzate" a destra ed a manca .... dimenticando quanto le singole "nazioni" europee siano diverse tra loro, quanto i singoli cittadini votino più per partito preso o per scambio di voto piuttosto che in base al programma che una forza politica vuole portare avanti.
Vabbè, in questo non mi pare siate tanto diversi dai partiti politici tradizionali, quindi per me potete pure fare quello che volete, però che si arrivi ad andare al governo senza compromettersi con altri (con certe leggi elettorali) sarà IMPOSSIBILE.

luigi 27.05.17 01:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come sarà, signora, vederti e non vederti
più, come sarà
guardare la tua nebulosa
figura allontanarsi
(questo lo scrivo appena)
poiché abitiamo mondi distinti?
--------

Pedro Lastra

time-out 27.05.17 01:01| 
 |
Rispondi al commento

Io voterò no, vorrei non sentire mai più parlare di legge elettorale per i prossimi 2000 anni.

Carlo Marchiori 27.05.17 00:57| 
 |
Rispondi al commento

Approvo, è una buona strategia.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 27.05.17 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Va bene il sistema tedesco anche con correttivi premiali e sbarramento al 5% ma NO! ai capilista BLOCCATI

Claudio G., Olbia Commentatore certificato 27.05.17 00:32| 
 
  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Se pensiamo che si possa risolvere così facilmente e semplicemente una legge elettorale che non siamo stati capaci di stabilire dal 1948.....beh, o siamo dei super ottimisti o degli incoscienti. E prendendo a modello la Germania.....che modello!
Non sarebbe meglio ispirarci" a paesi con più valida tradizione ed esperienza democratica?
Qui i commenti sono un'ottantina, per i vaccini erano oltre 900. Cosa ne deduciamo?

Gian Paolo Barsi, Serravalle Pistoiese Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 27.05.17 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Sera il.miglior sistema elettorale è quello dei comuni o come abbiamo visto in Francia .
Non raggiungi la maggioranza si fa doppio turno o ballottaggio ,più semplice di così

Gianniko 27.05.17 00:03| 
 |
Rispondi al commento

Sì, anche a me piace l’idea del “chi vince governa”, punto. Si può?

Franco Mas 26.05.17 23:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Attenti al PD. Vi hanno fatto intravedere una convergenza su un proporzionale puro ed alla fine sul tavolo porteranno qualche escamotage per far fuori il M5S. Potrebbe andare bene un proporzionale con un premio del 10% al Partito che arriva Primo, premio inteso come una facilitazione alla Governabilità. Se un partito arriva al 30, con l'abbuono va al 40 e per governare basta trovare un'intesa con un gruppo che vale il 10% o con più gruppi che sommano il 10% che appoggiano un programma di Governo.

Enzo C., Moliterno Commentatore certificato 26.05.17 23:30| 
 |
Rispondi al commento

Siamo proprio fuori rotta...Una legge elettorale proporzionale non permetterà mai in nessun tempo e in nessun luogo ad una sola forza politica di avere la maggioranza in una assemblea legislativa. Il proporzionale storicamente comporta sempre delle alleanze e degli accordi con altre forze politiche all'interno dell'assemblea. E' lo spirito delle repubbliche parlamentari basato sul compromesso, sugli accordi di buon senso fra idee politiche diverse.
Non ha senso utilizzare un sistema proporzionale, ma poi distorcere totalmente il sistema con dei correttivi maggioritari creati a tavolino (regalando ARBITRARIAMENTE milioni di voti ad una sola forza politica, distorcendo completamente la volontà popolare). E' assolutamente ipocrita dire che bisogna usare per forza un sistema proporzionale per garantire la "rappresantività", quando poi per garantire la "governabilità" si usano stratagemmi (il premio di maggioranza e le soglie di sbarramento) trasformandolo a tutti gli effetti in maggioritario.
Una legge proporzionale "corretta" è proporzionale solo di nome, ma a tutti gli effetti maggioritaria. Una legge maggioritaria pessima.
Perchè rendere le cose così insensatamente complicate e non usare un sistema uninominale come in uk, usa o canada???
Sarebbe sicuramente intellettualmente molto più onesto.
Il gioco è semplice:
Alla camera bisogna eleggere 630 deputati, allora il territorio nazionale verrà diviso in 630 collegi, in ognuno dei quali verrà eletto UN deputato. Il candidato più eletto diventerà parlamentare, rapresenterà cioè un numero definito di elettori a livello nazionale. L'eletto sarà ovviamente molto più legato al suo territorio e ai i suoi elettori e se lavorerà male sicuramente gli elettori non lo rieleggeranno.
Il maggioritario UNINOMINALE è il modo più onesto e semplice per permettere ad una sola forza politica di poter avere la maggioranza del 50%+1 in assemblea, mantendendo parzialmente, anche se solo al livello locale dei collegi la rappresantività.

M L Commentatore certificato 26.05.17 23:28| 
 
  • Currently 3.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Più una legge elettorale è complicata, meno è intuitiva per gli elettori, più è alto il sospetto di "porcata" e, come la storia insegna, è anche elevato il rischio di incostituzionalità.

Tutte le leggi elettorali si prefiggono due obiettivi ben distinti, ma che vengo strumentalmente mescolati:

- la rappresentatività richiesta dalla Costituzione e ribadita dalle sentenze della Consulta

- la governabilità che è un mantra per la cosiddetta stabilità, qualcosa che interessa più alle lobby che agli elettori.

Le lobby ogni volta che cambia governo devono infatti ricominciare il loro sporco lavoro, i cittadini per contro sono tutelati contro l'ingerenza delle lobby proprio dal cambio di governo o meglio di maggioranza.

Il massimo della rappresentatività democratica la si ottiene con il proporzionale puro, senza coalizioni, senza capilista bloccati, senza sbarramenti, ma qualche correttivo va pur inserito per evitare distorsioni.

Il proporzionale è semplice da comprendere e quindi anche altamente democratico.

Per preservare la rappresentatività dalla governabilità è dunque importante separarle in due turni distinti.

La governabilità Democratica e trasparente è quella decisa dagli elettori al secondo turno, non con un ballottaggio, che altererebbe il risultato proporzionale del primo turno, ma con la scelta di una coalizione di governo.

I tecnicismi su come fare il secondo turno in modo costituzionale spettano al legislatore, ovvero a tutte le forze politiche che attualmente siedono in parlamento.

Solo in questo modo si responsabilizzano elettori ed eletti.

Tommaso B 26.05.17 23:04| 
 |
Rispondi al commento

La rappresentanza democratica si rispetta con il proporzionale. Ogni premio alla maggioranza è un furto. Lo sbarramento al 5% toglie la voce a milioni di cittadini.
Che senso ha allontanarsi dalla retta via ?

mauro marenghi 26.05.17 22:51| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

messaggio ai nostri portavoce: lunedi 29, quando entrate nella stanza a discutere la legge elettorale con i politici del PD, mi raccomando......tenete a stretto contatto il vostro portafoglio........non si sa mai con quelli.....sono capaci di tutto....avrete di fronte la rappresentanza più alta "dell'incompetenza fatta persona"....parlerete con persone apparentemente umane, con la testa utilizzata solo per la tenuta dei capelli...e neanche tutti.......persone pericolose, schiave del solo Dio Denaro......avide a tal punto che nessuno può immaginare se sono più stupide o più cattive.....persone che infatti rappresentano correttamente tutta l'illegalità che vige in questo paese, e ne sono i promotori, gli ideatori, ma sono talmente maldestri che di tanto in tanto, la maggioranza di loro finisce in galera,e li ricambiano come le ruote delle macchine......facce nuove e tutto passa.....diffondo attraverso i giornali i nuovi obbiettivi...le nuove riforme....e mesi dopo si scusano dicendo che e' colpa di quelli prima.......anche se erano loro................occhio quindi ragazzi a 5Stelle, non vi fate intimidire, e stategli lontani.......

fabio S., roma Commentatore certificato 26.05.17 22:47| 
 |
Rispondi al commento

Sono profondamente appassionato di sistemi elettorali e umilmente penso che per l'Italia il sistema più consono sia il doppio turno come quello per eleggere i sindaci.
L'Italia storicamente è sempre stata la repubblica dei partiti e partitini che con il sistema proporzionale si coalizzavano dopo il voto per garantire la governabilità.
Il sistema tedesco ripeterà ciò ( in Germania inoltre c'e' la sfiducia costruttiva che garantisce sempre la governabilità).
Non penso si possa realizzare un governo di minoranza dopo il voto e il 40% è veramente difficile da raggiungere.
Comunque voterò si perché le correzioni che vuole il m5s sulla proposta Renzi sono perfette.
La proposta Renzi è pessima.
Ma il doppio turno è eccezionale
vedi Raggi e Appendino.
Grazie

Paolo Graziosi, Roma Commentatore certificato 26.05.17 22:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voterò SI a questa proposta di legge elettorale, però personalmente, ritengo troppo alto un premio di maggioranza al 40 %.
Bisognerebbe abbassarlo almeno al 35 %.

PIETRO SANNA 26.05.17 22:36| 
 |
Rispondi al commento

Prima il democratellum, poi l'italiacum corretto ed adesso sistema alla tedesca....non ci sto capendo molto, ma il dialogo e lo scambio di idee dovrebbero essere un asse portante della politica. Vediamo cosa ne esce fuori!

Osvaldo L. Commentatore certificato 26.05.17 22:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Doamni tutti a votare su Russeau !

Ricordo con nostalgia, quando erano tutti sinistri fans Prrrr-odi?/ D'Alemiani...

Ed io dicevo :

SIETE TUTTI UN BRANCO DI R........ !!!
Music!!!

https://www.youtube.com/watch?v=AO43p2Wqc08


Capisc'a me

Antonio* °Cataldi (capisc'a me), Portici - NA - Commentatore certificato 26.05.17 21:55| 
 |
Rispondi al commento

Ma il democratellum che avevamo votato sul blog meno di un anno fa che fine ha fatto?
Se permettete sulla legge elettorale ho già votato e sarebbe gradito che si rispettasse la decisione presa.

Alfio Lo Castro, Carlentini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.05.17 21:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono favorevole, anche se, a priori, la storia dell'impianto "tedesco" mi sta sul ca z zo, perché i tedeschi non hanno capito una beata fava di come va gestita la situazione europea.
Si ma ...fuori dall'euro e via dal sistema tedesco....
In alto i cuori !

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 26.05.17 21:35| 
 |
Rispondi al commento

Certo è che un MOV che dice di non voler mai fare alleanze' proporre una legge elettorale proporzionale ( il 40% è utopistico) è il massimo della incoerenza!!!!

ilcasotto 26.05.17 21:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qualunque sarà la legge elettorale spero che si voti presto e che al governo dell'Italia torni la Destra. Per gli Italiani che ancora ragionano la priorità è fermare l'invasione dei clandestini, e mi dispiace dirlo, ma al netto delle chiacchiere credo che il M5S non ha ne le palle ne la capacità per farlo.

Marco Diniro, Lt Commentatore certificato 26.05.17 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Queste le liste nella mia città:
LA SPEZIA - Sono in tutto 12 i candidati a sindaco e 26 le liste che sono stati ammessi per le elezioni del Comune della Spezia. L'ordine finale di apparizione sui manifesti e sulle schede elettorali verrà sorteggiato mercoledì mattina. Ecco i candidati alla carica di primo cittadino.

Massimo Lombardi, ex segretario di Rifondazione Comunista, per la lista civica "Spezia Bene Comune".

Guido Melley, candidato civico con appoggi a sinistra, si presenta con "C'è Spezia per Guido Melley sindaco", "Noi sinistra per Guido Melley sindaco" e "Noi giovani per Guido Melley sindaco".

Casapound candida Cesare Bruzzi Alieti per la lista "Casapound Italia".

Il centrodestra sostiene Pierluigi Peracchini con "Lista Bianchi", "Spezia vince con Peracchini sindaco", "Lega Nord", "La Spezia Popolare - Costa", "Giovanni Toti per Peracchini".

Il centrosinistra candida Paolo Manfredini, ex presidente del consiglio comunale, con le liste "A sinistra!", "Noi cittadini per La Spezia", "Partito Democratico", "La Spezia bella forte unita", "Spezia per Manfredini sindaco", "Italia dei Valori". Il vicesindaco Cristiano Ruggia si candida con le liste "P.C.I" e "Progressisti per Ruggia".

Gaetano Russo propone la lista "Città Nuova".

Maria Di Filippo è sostenuta da "Forza Nuova".

Donatella Del Turco è la canidata del "Movimento 5 Stelle".

Giulio Guerri, con il sostegno di Vittorio Sgarbi, presenta le liste "Un Rinascimento per la Spezia" e "Per la Nostra Città".

L'ex presidente dell'Autorità Portuale Lorenzo Forcieri è sostenuto da "Al lavoro per Spezia" e "Avanti per Spezia".

Agostino Cucciniello è il candidato di "La Spezia si cura".
^^^^^^^^^
Riusciranno i nostri eroi a convincere i cittadini a rivotarli?
Si stanno camuffando dietro liste accattivanti...ma sono gli stessi che hanno portato la mia città,fra le più povere d'Italia!
Parole ridondanti,tutti a risolvere i problemi che loro stessi hanno creato da anni.

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.05.17 21:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mah, ma al figlio di papà Renzi interessa fare una legge elettorale col M5S? O adottare un sistema che potrebbe mandarci al governo? (E non è quello tedesco). Io l'ho detto da sempre: sistema anglosassone: chi vince governa. Toninelli dice che bisognerebbe riformare i collegi e ci vorrebbe tempo. Bah. Io sono sicuro che il sistema anglo-sassone sia quello che gli inciucisti temano di più.

inclemente mastengo, roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 26.05.17 21:07| 
 |
Rispondi al commento

O.T. (promozionale) ;)

https://www.youtube.com/watch?v=jMMR91QaAC8

luigi 26.05.17 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quell'insopportabile macchietta toscana (non serve parlare dell'inesistente Gentiloni, il suo pupazzo) oggi ha "dimissionato" il presidente della Rai, reo, più che di presentare un piano editoriale inadeguato, d'aver avuto la schiena dritta quando la canèa Babbea si è scagliata nei confronti di "Report"; quello che è a tutti gli effetti un privato cittadino, un coglione qualunque, continua a "manovrare" come se fosse il Presidente del Consiglio: non se ne può davvero più.......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.05.17 20:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La legge elettorale con lo sbarramento al 5% è una trovata della socialdemocrazia tedesca, quella stessa della compromissione dei sindacati in cambio di lenticchie, quella stessa della repressione delle opposizioni sociali, quella stessa delle centrali nucleari. La scusa per queste porcherie è sempre quella della "governabilità". Si tratta di una beffa atroce che però è di moda, se ne son convinti pure i sassi ormai: "si, impediamo ai partitini di diventare l'ago della bilancia, costringiamoli a fare coalizione"... per dirne solo una. Ma non è così: è una cosa profondamente ingiusta, che mina alla base la democrazia rappresentativa. La prova? le elites di potere sono TUTTE d'accordo, o su questo o sui maggioritari con enormi premi o sui regimi presidenziali... in ogni caso fa il LORO gioco. Le Borse vogliono stabilità no? Mai sentito? Ah ecco!

vajra 26.05.17 20:46| 
 |
Rispondi al commento

Così dall'oggi al post domani, non essendoci un "cialtronellum" da valutare: quella cosa che andrebbe bene per gli italiani, mi asterrò. Ne ho a sufficienza dei tempi sbagliati, di tutte le energie perse a suo tempo, in ritardo e senza mediazione, su come "teoricamente" costruire, passo su passo, una ideale legge elettorale italiana. Il difetto sta nel manico, nel non volere alcun compromesso, nel voler aver ragione ed imporre agli altri 2/3 al potere la propria alchimia di voto. Astenuto!

Paolo B. 26.05.17 20:42| 
 |
Rispondi al commento

UN SEGNALE IMPORTANTE DELLA GRECIA ALL'EUROPA: UN ATTENTATO AD UN CORRESPONSABILE

L'attentato a Papademos non è possibile ignorarlo come conseguenza della situazione Greca.

Che i greci abbiano voluto fargli percepire la paura? Ovviamente solo percepita, come quella degli italiani che stanno benissimo, ma percepiscono un certo malessere.


Ma questi G a cosa servono se, dopo aver speso l'ira di Dio per l'organizzazione, tutto rimane come prima?

E chi se ne frega di vedere le foto dele first ladies e sapere come erano vestite e cosa hanno mangiato!!!!

Queste sono solo passarelle inutili, dove sfilano degli ominicchi e delle donnicchie che si credono onnipotenti e credono di avere il mondo in mano.

Non sanno nemmeno che c'è gente che non ha la possibilità di fare un pasto normale.....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.05.17 20:39| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 6)
 |
Rispondi al commento

Mi rivolgo a tutti i criticoni, attenzione non a troll renziani, i nostri portavoce hanno bisogno di tutto il nostro sostegno, ognuno ha delle critiche da fare è questo in democrazia deve essere consentito, ma dobbiamo fare attenzione a non spaccarci come purtoppo vedo in molti territori e comuni, serv il dialogo , il confronto e poi le scelte più giuste per il bene dei cittadini , serve spirito di corpo come si usa dire tra i Carabinieri, tutti uniti contro i nemici che hanno distrutto questo paese rubandoci pure la dignità e la speranza....

Cosimo Albanese 26.05.17 20:36| 
 |
Rispondi al commento

Mentre il Sicilia si cozziviglia alla grande sulle spalle degli italiani sempre più' pezzenti, i cittadini della legalità con i portavoce votano per la legge elettorale tipo tedesco per andare alle urne rapidamente e fare piazza pulita dei delinquenti non eletti che governano per loro e per la loro casta di porci.

Emilio C., MILANO Commentatore certificato 26.05.17 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di questa proposta la cosa che mi convince di più è lo sbarramento del 5%, che effettivamente agisce da deterrente verso quelle piccole forze politiche, liste civetta incluse, che si formano con il preciso scopo di assicurarsi un potere ricattatorio nei confronti dei governi di coalizione. Tutto il resto si può approvare a condizione che esista il premio di maggioranza per la forza politica che raggiunge il 40% dei voti. Comunque, non avendo alcuna fiducia nella buona fede di Renzi e del PD, penso che si rivelerà un tentativo a vuoto giacché proveranno a fregarci.
Voterò in ogni caso a favore della proposta.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 26.05.17 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Io non leggo i commenti e voterò in autonomia, secondo i principi del M5S

undefined 26.05.17 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Non può esistere alcun premio di maggioranza perchè nessuna minoranza deve essere annullata e schiavizzata! I diritti di ciascuno sono sacri e non possono essere ristretti e imbavagliati da altri. Se una legge non passa vuol dire che lede i diritti di altri. La democrazia non è repressione in nessuna forma e la governabilità non giustifica l'oppressione .

undefined 26.05.17 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Voterò no per un semplice motivo niente trasformismo , l'unica cosa che mi piace lo sbarramento al 5% , se nel testo viene inserito che le liste che superano il 5% non viene conteggiato per il raggiungimento del premio di maggioranza sono disponibile a cambiare il mio parere è voterò favorevole

Billy 26.05.17 19:36| 
 |
Rispondi al commento

Voterò NO a questa proposta.
Siamo proprio fuori rotta!
Una legge elettorale proporzionale non permetterà mai in nessun tempo e in nessun luogo ad una sola forza politica di avere la maggioranza in una assemblea legislativa. Il proporzionale storicamente comporta sempre delle alleanze e degli accordi con altre forze politiche all'interno dell'assemblea. E' lo spirito delle repubbliche parlamentari basato sul compromesso, sugli accordi di buon senso fra idee politiche diverse.
Non ha senso utilizzare un sistema proporzionale, ma poi distorcere totalmente il sistema con dei correttivi maggioritari creati a tavolino (regalando ARBITRARIAMENTE milioni di voti ad una sola forza politica, distorcendo completamente la volontà popolare). E' assolutamente ipocrita dire che bisogna usare per forza un sistema proporzionale per garantire la "rappresantività", quando poi per garantire la "governabilità" si usano stratagemmi (il premio di maggioranza e le soglie di sbarramento) trasformandolo a tutti gli effetti in maggioritario.
Una legge proporzionale "corretta" è proporzionale solo di nome, ma a tutti gli effetti maggioritaria. Una legge maggioritaria pessima.
Perchè rendere le cose così insensatamente complicate e non usare un sistema uninominale come in uk, usa o canada???
Sarebbe sicuramente intellettualmente molto più onesto.
Il gioco è semplice:
Alla camera bisogna eleggere 630 deputati, allora il territorio nazionale verrà diviso in 630 collegi, in ognuno dei quali verrà eletto UN deputato. Il candidato più eletto diventerà parlamentare, rapresenterà cioè un numero definito di elettori a livello nazionale. L'eletto sarà ovviamente molto più legato al suo territorio e ai i suoi elettori e se lavorerà male sicuramente gli elettori non lo rieleggeranno.
Il maggioritario UNINOMINALE è il modo più onesto e semplice per permettere ad una sola forza politica di poter avere la maggioranza del 50%+1 in assemblea, permettendo la formazione di governi stabili e duraturi.

M.R. 26.05.17 19:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salvini vuole il Lega-licum

i Verdi il Verdi-nellum

I Grillini il 5 Stellum

Berlusconi e la Pascale il Porcellum ad Personam

La Santanché e la Mussolini il Siliconicum

La De Girolamo e Boccia il Coniugellum

La Boldrini il Bordellum

Renzi-Napolitano il Golpellum

Bersani, D'Alema il Gargamellum

il Gruppo Misto il Porcaium

Alfano, Librandi, Lupi ecc. il Trombatellum

Aldo B. 26.05.17 19:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL SINDACO DI POMEZIA E' DEL M5S, PARLATE CON LUI NON PERMETTETE L'INVASIONE NE' IL LADROCINIO CHE DA ESSA NE CONSEGUE

simona verde Commentatore certificato 26.05.17 19:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Intimamente "Costituzionale" per me è solo il proporzionale. Gli sbarramenti sono antidemocratici.
Una legge elettorale non può essere concepita per cercare di vincere o per stoppare gli altri: quello lasciamolo a PD e nanazzi vari, perchè se passa anche da noi è segno d'una mutazione genetica.

Non votiamo eternamente ciò che crediamo si aspettino i proponenti: si abituano male! Questo è uno di quei casi in cui si sommano le 2 ragioni per un NO: la prima e decisiva perchè non voglio questa robaccia 'tedesca'; la seconda a rimorchio perchè perdere, ogni tanto, gli fa bene.. anche a B.

2 piccioni con un NO 26.05.17 19:10| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

APPROFITTO, PER DIRE AGLI ABITANTI DI POMEZIA, VICINI DI CASA DELLA NOSTRA BELLA ROMA, CHE NEL MESE DI GIUGNO APRIRANNO NELLA VOSTRA PICCOLA CITTADINA UN GIGANTESCO CENTRO DI ACCOGLIENZA PER IMMIGRATI, LO SO PER CERTO, PERCHE' LA COOPERATIVA STA GIA' RECLUTANDO IL PERSONALE NECESSARIO DA INSERIRE NELLA STRUTTURA. L'APERTURA E' PROSSIMA, SARETE LETTERALMENTE INVASI. INFORMATEVI. AUGURI!

simona verde Commentatore certificato 26.05.17 19:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per tutti quelli che rompono le palle con i vaccini consiglio di andare su "archivio" clikkare sul mese di maggio e aprire il Link:
http://www.beppegrillo.it/2017/05/il_m5s_e_a_favo.html
^^^^^^
dopo aver letto "bene"... un respiro e ragionare!
Ma come al solito bevete alla damigiana delle "distrazioni di massa".
Credo che sia più importante la legge elettorale che il resto,di cui la signora Lorenzin....non ha ancora emesso il decreto!
Quindi parliamo del nulla perchè di notte,qualche manina di nascosto potrà cambiare tutto!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.05.17 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Al G7 pure le frecce tricolori, caro gli è costato a sti' ladri! Si trattano bene! Solo per gli italiani i soldi non si trovano mai!

simona verde Commentatore certificato 26.05.17 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non posso partecipare alle votazioni perche iscritto al movimento da dopo il 1 luglio 2016 ....bo che democrazia diretta è? benche sia stato iscritto al movimento dal lontano 2012 poi cancellatomi e poi reiscritto non posso partecipare alla piattaforma ????????

Arrigo Garipoli 26.05.17 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi vuole il sistema pastore tedesco: sbarramento del 5 per mille ! Anche i cani devono essere rappresentati in Parlamento, poi i gatti, poi i canarini...e forse, forse, gli italiani... che non lo votano più.

Aldo B. 26.05.17 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Sono del meetup amici di Beppe Grillo di Piacenza. Vi abbiamo inviato diversi comunicati, ma non abbiamo mai ricevuto alcuna risposta. Abbiamo più volte fatto presente che la lista Pugni a Piacenza non è una vera lista 5Stelle. È stata costruita dagli ex consiglieri comunali che il 22 dicembre scorso hanno provocato la spaccatura del Movimento perché avevano già un candidato pronto e si sono rifiutati di sottoscrivere il codice etico. I consiglieri erano stati in contatto con la giunta Pizzarotti e poi , per avere il riconoscimento dello staff hanno fatto un'abiura del tutto opportunistica. La lista Pugni è un Cavallo di Troia per il Movimento. Adesso tentano di far venire a Piacenza Luigi Di Maio per avere la definitiva legittimazione. Vi raccomandiamo di stare attenti! Qui Pugni agisce insieme agli altri candidati. Ha persino proposto loro un torneo di calcetto pet beneficenza. INDAGATE !

mario ambrogi 26.05.17 18:52| 
 |
Rispondi al commento

Info,
semplice spiegazione delle differenze fra sistema proporzionale e maggioritario
http://www.lettera43.it/it/guide/politica/2014/02/03/differenze-fra-sistema-proporzionale-e-maggioritario/9721/

o.t. Qualcuno ha informazioni su Andrea Guerrieri e sul perché il suo sito è fermo al Post “Il MoVimento 5 Stelle è per la massima copertura vaccinale” ?

Lorella L. 26.05.17 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi rimanete sulle Vostre posizioni - l'unica cosa che dovete fare e restarne fuori e denunciare eventuali proposte indecenti prestando attenzione ad eventuali infiltrati- lasciate perdere i sondaggi che vengono pubblicizzati sono gli stessi che davano stravincenti la Clinton e il SI- " una rista li seppellirà" !

Costantino Palmitessa 26.05.17 18:26| 
 |
Rispondi al commento

Chi fa questi post va incontro alla costituzione, quando serve, e la rinnega quando gli conviene.
“si sarebbe dovuti andare subito a votare...” Fin che c'è una maggioranza, da COSTITUZIONE, il presidente della repubblica non scioglie le camere e non si va al voto. In COSTITUZIONE non è scritto da nessuna parte che quando cade un governo, si va alle elezioni.
“La nostra soluzione non solo era la più semplice e più giusta dal punto di vista della Costituzione ...”
ma ovviamente, dato che fino al giorno prima il M5S non si voleva mischiare con la teppaglia, è ovvio che la teppaglia ( ovvero gli altri parlamentari, visti dal movimento) non voglia il ramoscello d'olivo.

Dopo la prox elezioni, che sanno proporzionali, il M5S non governerà, perchè non ci arriverà al 51% del senato.

Ricordatevi di un altro Movimento, che c'era nella prima repubblica, quella con il prporzionale: non hanno mai toccato palla, ed era il MSI... ( non dico che il M5S sia come il MSI, anzi...).

Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 26.05.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Bene la soglia di sbarramento al 5%.
Chi ci governa adesso è ostaggio di gruppi e fritti misti non eletti da nessuno.

Teresa, Bari 26.05.17 18:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera ricordo a tutti che nel 91 e nel 93 gli italiani hanno scelto il maggioritario quindi è da allora che aspettano che la legge che ci permette di eleggere i sindaci sia applicata anche al sistema nazionale, oppure che al limite sia applicato un maggioritario secco senza doppio turno. Quindi no al ritorno del proporzionale uscito dalla scena con due referendum e rientrato dalla finestra per favorire gli inciuci. La volontà degli italiani va rispettata basta aggirare referendum.

Roberto Pitaccio, Vasto Commentatore certificato 26.05.17 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

primissimo

Antonio B., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.05.17 18:02| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori