Il Blog delle Stelle
#ProgrammaSalute: Politiche del farmaco

#ProgrammaSalute: Politiche del farmaco

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 116

Diverse concause rendono difficile, ovvero impossibile in alcuni casi, l’accesso ai farmaci obbligando le regioni ad introdurre i ticket per i farmaci che si sommano a quelli previsti per le altre prestazioni sanitarie. Discutiamo come garantire l’accesso ai farmaci necessari alle cure e una riduzione del loro costo attraverso le misure proposte.

di Gavino Maciocco, Docente di sanità pubblica, Università di Firenze

Una citazione tratta dal British Medical Journal: “I trionfi delle innovazioni farmaceutiche sono vittorie vuote se azzoppano i sistemi sanitari e generano enormi iniquità”.

Negli ultimi tempi, è quello che sta avvenendo per molti farmaci, farmaci oncologici, ma soprattutto farmaci contro l’epatite C. Mi riferisco soprattutto a quest’ultimo caso, perché in Italia sono 900 mila le persone affette da questa malattia e fortunatamente negli ultimi tre anni è stata scoperta una molecola, un farmaco, in grado di guarire da questa malattia. È un farmaco che si chiama “Sofosbuvir”. Nel 90% dei casi, in 12 settimane il trattamento produce una guarigione. Il problema qual è? Il problema è che questo farmaco, scoperto negli Stati Uniti, negli Stati Uniti è stato messo in commercio al prezzo di 84 mila dollari: 84 compresse, 84 mila dollari. In Europa a 40 mila euro a trattamento, anche in Italia. In Italia tutto ciò è avvenuto attraverso una trattativa segreta tra la Gilead, la ditta produttrice, e l’AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco. Soltanto dopo noi abbiamo saputo qual era il prezzo, cioè intorno ai 40 mila, con degli sconti all’aumentare del consumo e all’aumentare dei volumi venduti.

A causa del prezzo così alto, il farmaco è stato razionato, cioè è stato dato soltanto a pazienti molto gravi e tutti gli altri sono stati messi in coda. Quindi 900 mila pazienti, di cui una parte non conosce di essere malato perché la malattia ha un decorso lungo e nelle prime parti asintomatico, su 900 mila pazienti, mediamente all’anno ne vengono trattati 30 mila. Quindi oggi noi abbiamo 78 mila pazienti trattati, quindi meno del 10%. Tutti gli altri sono in fila ad aspettare, ma non tutti sono in fila ad aspettare. Ci sono alcuni che hanno i soldi per andarselo a comprare nelle farmacie di San Marino o del Vaticano a 60/70 mila euro, alcuni più intraprendenti vanno in India, dove il farmaco costa solo 800 dollari, ma gli altri sono in attesa che la malattia si aggravi, e questa è una situazione intollerabile.

È intollerabile anche perché, il prezzo così alto, non è giustificato dai costi della ricerca. Questo è emerso da un’indagine che ha fatto la stessa commissione del senato americano, che ha dimostrato che non c’era alcun rapporto tra prezzo e costi di ricerca. E quindi tutto questo, diciamo, episodio dei farmaci per l’epatite C, sono tutti d’accordo nel definirlo come un’operazione finanziaria speculativa fatta sulla pelle dei malati e consentita ovviamente dal trattato dei brevetti che, come sappiamo, dura 20 anni e quindi consente alle ditte di poter avere un monopolio sul prezzo, però è consentita soprattutto dalla compiacenza e dalla complicità dei governi che consentono di mantenere prezzi così alti.

Allora quali sono le risposte a questo problema? Il primo è una questione di principio: il diritto alla salute deve prevalere sul diritto alla proprietà intellettuale e al brevetto. Questo significa che è responsabilità dei governi garantire l’accesso a farmaci anche molto costosi, che pretendono di essere costosi, ma che i governi hanno la possibilità di tenere i prezzi più bassi, non soltanto attraverso degli adeguati meccanismi di controllo e di trasparenza nella formazione dei processi di ricerca e sviluppo, ma soprattutto, i governi hanno la responsabilità e la possibilità, in caso di emergenza nazionale di sanità pubblica, di produrre i farmaci generici attraverso una deroga prevista dallo stesso trattato della proprietà intellettuale. E quindi questo procedimento si chiama licenza obbligatoria.

Noi come sito Web “saluteinternazionale.info” abbiamo fatto una petizione per invitare, chiedere al Governo di attuare, nel caso specifico dei farmaci dell’epatite C, di attuare la licenza obbligatoria. La Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici ha aderito a questa nostra petizione e quindi da più parti, da moltissime parti, c’è stata la richiesta di andare verso questa direzione e ciò ha prodotto anche una reazione da parte del Governo e i prezzi sembrerebbero calati per i nuovi farmaci, però sono ancora molto alti, e noi riteniamo che siano ancora prezzi eccessivi da giustificare ancora una volta la licenza obbligatoria.

C’è una questione fondamentale che riguarda la trasparenza nelle relazioni tra le industrie farmaceutiche e tutti gli attori che si occupano di sanità. E questi sono molteplici, sono i medici, sono le società scientifiche, ma sono anche le associazioni dei malati. Ecco, in molti casi le relazioni tra questi attori non sono trasparenti, esistono, o possono esistere conflitti d’interesse. Questi conflitti devono essere superati e comunque dichiarati perché sulla questione della trasparenza, diciamo, nelle attività prescrittive ma anche nelle attività di lobby, deve scomparire ogni sospetto che un’attività di carattere assistenziale sia condizionata dagli interessi delle persone che entrano in gioco.

Riguardo all’ultimo elemento che vorrei citare è la questione dei ticket. I ticket sui farmaci sono stati i primi ticket introdotti e avevano, diciamo, uno scopo di deterrenza negli sprechi, ecco. Poi, siccome sono aumentati, sono diventati purtroppo, in molti casi, uno scopo di deterrenza nell’acquisto e nel consumo. Ecco, io manterrei un piccolissimo ticket di deterrenza contro gli sprechi ed eliminerei ogni ticket che svolga invece un ruolo di deterrenza nella loro acquisizione e nel loro consumo. Ecco, allora, spero di avere dato un quadro dei problemi partendo da un caso come quello dell’epatite. Ritengo che sia utile che i cittadini si esprimano su questi temi, che prendano consapevolezza dell’importanza di questi temi perché questi sono temi che hanno a che fare strettamente, non soltanto con le politiche della salute, ma anche con la vita delle stesse persone.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

8 Giu 2017, 08:40 | Scrivi | Commenti (116) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 116


Tags: aziende farmaceutiche, epatite c, farmaci, m5s, prezzi

Commenti

 

Io dico che bisogna far pagare a chi è giusto che paghi e magari abolire anche il tiket a chi proprio non ce la fa. Premesso ciò ritengo che le case farmaceutiche siano le sole a poter stabilire il prezzo del proprio prodotto; non si può valutare il costo della ricerca per un singolo prodotto ma della ricerca tutta anche di quella improduttiva. Io credo che la strada sia quella di far fare il prezzo al mercato. I vari governi devono prevenire la definizione del prezzo in fase di ricerca e sperimentazione...devono essere presenti attivi e preparati e sapendo l'importanza del farmaco studiato devono già stabilire il prezzo di acquisto. Devono investire sulla ricerca. Il privato non deve in alcun modo risentire di questa situazione..deve essere felice dell'esistenza del farmaco e lo deve pagare al prezzo di un normale formaco. Pulito dai costi speculativi della casa farmaceutica che se non è stato bravo a prevederli se li deve assorbire lo stato. Che facciamo....e allora che stato abbiamo???..a che ci serve?..forza sveglia.

ubaldo meschi 14.06.17 14:47| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di farmaci, cosa ci dite dell'ultimo decreto Lorenzin sull'obbligatorietà di 12 vaccini? Mi sembra che ultimamete il M5S abbia avuto un radicale cambio di stategia. Qualche anno fa Beppe Grillo faceva le battaglie contro i danni da vaccino ed ora invece di fronte ad una imposizione di stampo fascista ve ne state zitti? Avete anche voi paura delle lobby del farmaco?

gianni pellizzon 14.06.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

È vero che il senato della Repubblica ha approvato con 257 voti a favore e 165 astenuti il disegno di legge del senatore cirenga che prevede la nascita del fondo per i parlamentari in crisi, creato in vista dell'imminente fine legislatura?
Questo fondo prevede lo stazionamento di 134 miliardi di euro da destinarsi a tutti i deputati che non troveranno lavoro nell'anno successivo alla fine del mandato?

Roberto R., Sesto Campano Commentatore certificato 14.06.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento

il "Trade Related aspects of Intellectual Property rights" consente infatti di produrre il Sofosbuvir sotto forma di generico, ad un prezzo accessibile, attraverso il meccanismo della licenza obbligata in caso di emergenza nazionale di sanità pubblica. E se non è questa una emergenza nazionale di sanità pubblica...! All'Europa è sicuramente mancato il coraggio o aveva altro a cui pensare. Fortunatamente l'India permette a chi corre nelle sue farmacie di salvarsi, ad un costo di 700 dollari più il viaggio. E per questo va detto grazie ai politici dell'India​.

marco grasso 13.06.17 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Il farmaco Soposbuvir (nome commerciale Sovaldi) guarisce nel 99% dei casi i portatori cronici del virus dell'epatite C. In Italia questi sono più di un milione di individui, di cui 20.000 (circa due persone all'ora) muoiono ogni anno perché non possono permettersi il costo del farmaco. La maggioranza di questi sfortunati ha contratto la malattia ai tempi di Poggiolini, quando funzionari italiani, pur sapendolo, hanno continuato a commercializzare sangue infetto. Giova ricordare che nessuno di questi signori ha fatto la giusta galera e che attualmente i loro reati sono quasi tutti prescritti. Il farmaco è acquistabile in Italia ad un prezzo elevatissimo: 41 mila euro per il trattamento ospedaliero e 74 mila euro per chi lo acquista privatamente in farmacia. Questa esplosione del prezzo è dovuta al fatto che la Gilead, fiutando l'affare, ha comperato per 11 miliardi di dollari la società Pharmasset, che aveva scoperto il farmaco. Ora è avvilente calcolare quanto abbiano guadagnato gli azionisti della Gilead con il farmaco Sovaldi, ma va anche ricordata la nostra sudditanza che, unita al disinteresse​ politico​, ha permesso a questi plutocrati di fare quello che hanno voluto​! Comunque solo ora si incomincia a parlare di questa vergognosa speculazione sulla pelle delle persone,​ a tutto vantaggio del profitto! Un grande rispetto va ai politici dell'India che​ a​ questa​ ingiustizia si sono opposti ed hanno preteso di produrre il farmaco anti epatite C "sotto forma di farmaco generico, ad un prezzo ragionevole ed accessibile (700 dollari per tutto il ciclo), peraltro consentito dallo stesso trattato che regola i brevetti attraverso il meccanismo della licenza obbligatoria;

marco grasso 13.06.17 15:21| 
 |
Rispondi al commento


acheCiao signore/signora,
Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com

maldini oscar Commentatore certificato 11.06.17 11:11| 
 |
Rispondi al commento

In ambito infettivologico non solo ci sono i farmaci contro l' Epatite C , che comunque risolvono definitivamente il problema con la guarigione del malato , ma soprattutto quelli contro l' HIV , che non potendolo eradicare , lo cronicizzano , con la necessità di somministrazione per il resto della vita . Il costo medio terapia paziente all' anno è intorno ad €. 10000 . Da Infettivologo spero che si riesca ancora a curare i nostri malati , che vivono ed hanno una speranza di vita analoga al resto della popolazione .

Pietro Luigi Garavelli, Alessandria Commentatore certificato 11.06.17 08:06| 
 |
Rispondi al commento

VI SCONGIURO, noi 5 stelle dobbiamo FAR SPARIRE I NOMI COMMERCIALI E OGNI FARMACO ABBIA SOLO IL NOME DEL SUO PRINCIPIO ATTIVO!!!
Ad esempio la ranitidina (gastroprotettore) si chiamerà così soltanto e non più Ranidil o Zantac o Ulcex! Ciò comporta confusione a tante persone, soprattutto anziani!
Se ciò dovrà comportare una rivoluzione nelle ditte farmaceutiche e una lotta ai loro interessi, obblighiamoli a fare ciò che noi diremo, quando saremo al governo!

Andrea Galvan 11.06.17 07:58| 
 |
Rispondi al commento

trasparenza nelle relazioni tra aziende farmaceutiche e ministero della sanità (e tutto il contonro), razionalizzazione della spesa con conseguente progressiva eliminazione del ticket partendo principalmente da chi non se lo può permettere. questa è la strada, parliamone.

arturo b., Lecce Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 09.06.17 13:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le confezioni di farmaci sono parametrate ai protocolli di cura ?
Mi spiego:infezione all'orecchio,oltre ad antibiotico,lavaggio 3\4 volte al giorno per 10 giorni con pipetta.1 LITRO DI ACQUA BORICA per il lavaggio.Mica mi dovevo fare la doccia.
Quante confezioni di farmaci non conformi a quantità\durata della cura abbiamo in casa(con tutto quel che ne consegue in termini di costo e di smatimento)?.
Presente,altro esempio,i bottiglioni contro la tosse cattiva dei bimbi.Mamme diteci quante ne avete nel mobiletto inusate.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 09.06.17 11:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per Carlo Sibilia:ma cosa le passa per il cervello! a differenza dei farmaci,con i loro effetti secondari e controindicazioni e che servono solo a curare una malattia in atto,i vaccini hanno il vantaggio incommensurabile,quando somministrati per tempo e in specifiche categorie di persone-bambini ,anziani e malati-di prevenirle le malattie.E questo aspetto non le sembra sufficiente per esserne favorevoli ! Ha più sentito parlare di vaiolo,poliomelite,epatite B? BigPharma guadagna più sui farmaci per curare le malattie e non certo sui vaccini, che hanno il vantaggio di prevenirle.Se fossi in lei farei un mea culpa e chiederei scusa per la sparata fatta.

emanuele meli, catania Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 09.06.17 07:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non son la sola, in molti pensan che siam ..al punto di non ritorno......sarà un caso, son i 100 anni da Fatima..........speriam almeno di poter votare e presto.

Nadia Zolezzi Rabaioli Commentatore certificato 09.06.17 05:38| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che da sempre mi manda in bestia è di far parte, di quella parte di mondo occidentale, democratico, civile, sociale e tanta altra retorica, che ha accettato la BREVETTABILITA’ DEI FARMACI SALVAVITA o primari. Fermo restando che l’innovazione debba essere adeguatamente remunerata, non è accettabile che il controllo e il mercato di certi farmaci, possa essere gestito e manipolato dalle case farmaceutiche, dandogli, in questo modo, un potere immenso oltre che guadagni spropositati. La cosa grave è che questi mezzi, spropositati, permettono alle case farmaceutiche, di comprare gli organi di controllo, di corrompere medici, d’influenzare e indirizzare, certe ricerche e tendenze, di manipolare dati, insabbiare responsabilità, intossicare i cittadini. Potreste pensare: ma queste sarebbe gente senza scrupoli! Proprio così. Con tutta onestà, qualsiasi discussione che non miri a riportare, concretamente, sotto il controllo pubblico, la cura/salute dei cittadini, la trovo inutile. La sanità pubblica deve controllare e gestire il ventaglio dei farmaci salvavita, primari e per le patologie croniche. Le puttanate potranno continuare ad essere vendute liberamente. Poi se qualcuno potesse spiegarmi, seriamente, il perché in INDIA producono qualsiasi farmaco, brevettato e non, costi bassissimi, mi farebbe una cortesia.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 09.06.17 03:31| 
 |
Rispondi al commento

SUI FARMACI, e in generale sulla salute, corre l'obbligo della verità.
A fronte del caso citato, e delle, ormai poche scoperte che vanno a
mercato, con prezzi esagerati, per ragioni di lobby (negli stati uniti
dove le scoperte avvengono, propio perche il lucro e molto forte)
vi è la realta di un mercato farmaceutico con molte distorsioni
e per fortuna alcuni eventi positivi.
Quella che più risalta nell'ultimo decennio e il tracollo dei prezzi
per brevetto scaduto e avvento degli equivalenti.
Meno male che questo è accaduto altrimenti non sarebbero stati sostenibili
i costi, ticket o non ticket, per patologie diffusissime e con numeri
rilevantissimi.
Atti di governo sarebbero necessari per eliminare fenomeni distorsivi che
danneggiano non poco i cittadini.
la dpc è un ottimo strumento per poter garantire molte cure innovative
nelle regioni dove è stata adottata.
Rimane certa vergognosa insistenza nel delegittimare gli equivalenti
che comporta un salasso alle tasche dei cittadini.
NON DOVREBBE ESSERE DIFFICILE PORVI RIMEDIO CON ULTERIORI PROVVEDIMENTI
DI PESO.
SI potrebbe tentare di portare a conclusione il processo di informatizzazione
del sistema ts con l'eliminazione definitiva della carta a tutti i livelli
con risparmi non indifferenti...e poi razionalizzare le confezzioni
per ciclo di terapia ecc ecc
A fronte di questi problemi ci occorre assistere alle farfallate di questo ministro ignorante che su pochi casi di eretici abilmente pompate dai media e con infimo seguito tra la popolazione non ha trovato di meglio che imporre un provvedimento autoritario peggio della corea del nord...e che devo dire con grande rincrescimento ha trovato un seguito anche su questo blog.
Spero che quel provvedimento venga immediatamente cassato e si passi a un metodo di confronto e democrazia sui pochissimi casi residui.
Ci sarebbe anche il fine vita che dovrebbe essere in primis un caso sanitario e di assistenza e non una GUERRA ETICA. SALUTI.
FRANCO ROSSO

franco rosso 08.06.17 21:46| 
 |
Rispondi al commento

Io vorrei porre all'attenzione dei più sensibili e professionali , la
Situazione che vivono i genitori dei disabili gravi. Essi lavorano sempre prendendosi cura dei propri cari con amore e nella maggior parte dei casi svolgendo il lavoro degli Infermieri, degli educatori, degli Oss e delle badanti, dei fisioterapisti tutto insieme eppure NON HANNO NESSUN RICONOSCIMENTO NÈ UFFICIALE, nè umano, nè economico, nè lavorativo, nè tantomeno pensionistico. Eppure rinunciano ad una vita sociale PIENA, rinunciano alla propria personale realizzazione lavorativa e socialmente ed economicamente si sacrificano per il bene del proprio caro parente disabile grave( figli, genitori o fratelli conviventi). Questo è in lavoro 24/24 e 365/365 eppure siamo gli INVISIBILI!!!! Abbiamo anche altri figli, altre esigenze a cui non possiam far fronte a causa della mancanza di un lavoro e
Di una remunerazione! E la nostra vecchiaia? Sarà in solitudine e povertà... da parassita nonostante tutto il lavoro e l'amore dato a chi ha bosogno e no puó provvedere a sè e a chi non vogliamo abbandonare tra le mani di operatori di strutture troppo spesso lager e ghettizzanti! Riconosceteci
Per favore CAREGIVER CON CONTRIBUTI inps, stipendio mensile come tutti prima di farci soccombere! Grazie!

Simona Crocicchio 08.06.17 21:06| 
 |
Rispondi al commento

Ecco un articolo propedeutico al Programma SALUTE del MOVIMENTO,perfettamente in linea con il mio modo di sentirmi 5 stelle , e penso ditutti.

Antonio Rizzi 08.06.17 18:16| 
 |
Rispondi al commento

FARMACI:
Tutti i farmaci a brevetto decaduto posso essere prodotti localmente e venduti attraverso strutture statali al prezzo di costo .

Nei paesi in via di sviluppo del latinoamerica si chiama "FARMACIA POPULAR" .
Qualche giorno fa ho pagato una generica cardioaspirina l'equivalente di 10 centesimi di euro mentre in Italia la pago 2,5 euro .


Questo risparmio puo' compensare accordi per farmaci nuovi o casi particolari .

QUELLO CHE MANCA E' IL BUONSENSO e la comprensione che non si puo' legiferare su tutto fino nei minimi dettagli in quanto si perde il senso delle cose .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.06.17 18:12| 
 |
Rispondi al commento

TRASVERSALITA' DELLE DECISIONI SANITARIE
In una via ad alto scorrimento di traffico la gente si lamenta che non riesce ad attraversare la strada . La circoscrizione si attiva e fa 4 attraversamenti pedonali in prossimita' di 4 incroci . Vengono fatti inoltre 2 semafori e la velocita' media si abbassa da 60Km/ora a circa 30 (quando va bene) . Le macchine ferme in coda consumano molto carburante ed il tempo di permanenza nella strada fa si che gli inquinanti si accumulino, inoltre due incroci nelle ore di punta vanno in "abbraccio mortale" con semafori preesistenti nelle vie laterali. L'ingorgo garantito attorno alle 9 di mattina e dalle 16 alle 18 crea una cappa di smog. Il risultato netto dell'azione fatta per agevolare i cittadini della zona si trasforma in un aumento delle malattie polmonari con conseguente maggiore costo della ASL competente per territorio e per l'INPS .
Dopo molti anni (8) di questa situazione, il comune ha deciso di fare rotonde ed attraversamenti pedonali con piazzola centrale.
Questa e' la storia ignobile di Corso Milano.
E' totalmente mancato un approccio costi-benefici in capo ai due enti: Comune e ASL .
Anche in questo caso qualcuno puo' farmi notare che all'assessore al traffico non viene in tasca nulla se la gente ha il raffreddore .
Anche questo e' vero.

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.06.17 18:04| 
 |
Rispondi al commento

OGGETTO: TICKET E DRG: CORRETTA VALUTAZIONE DI OBBIETTIVO E DI FINANZA
-Il DRG (diagnosis-related group) :
-La valutazione economica dei DRG e' la prestazione economica della sanita' , cioe' il suo "fatturato" .
Il DRG in USA e' stato adottato dal 1982 come base per i rimborsi di MEDICARE agli ospedali in quanto si presume che ogni "prodotto"
costi piu' o meno lo stesso all'interno del suo gruppo , tale approccio e' piu' pratico della rilevazione puntuale del costo ,
e trae la sua origine in metodiche legate a valutazioni tempi/metodi .
Il valore del DRG e' regionale ed e' applicato come in USA .
Supponiamo ora che il primario di Borgo Trento per una stessa procedura sanitaria o atto operatorio utilizzi un protocollo
diverso da quello di San Bonifacio, ottenendo il risultato di ridurre i giorni di degenza da 2 a 1, venendo premiato per la sua efficienza.
Nessuno controlla se tale riduzione non si trasforma in un numero di giorni superiore di convalescenza a casa (come e' possibile).
In Italia la convalescenza e' (nella maggior parte dei casi di lavoratori attivi ) in carico all'INPS.
Ecco pertanto che la riduzione di 1 gg di degenza si puo' trasformare in una perdita globale per il sistema.
La mia proposta e' che in sede di revisione dei DRG si valutino i costi benefici globali e non solo la tecnicalita' del protocollo sanitario.
Qualcuno potrebbe far notare che l'INPS e' statale e il DRG regionale, pertanto le regioni hanno tutta la convenienza a ridurre il loro costo ponendo il massimo del costo che possono in capo allo stato .
E' Vero.
Il sistema e' male organizzato sotto il profilo economico.
Invito i nostri rappresentanti regionali nella sanita' a valutare questi aspetti .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.06.17 18:01| 
 |
Rispondi al commento

TIKET: ripeto un concetto che riguarda la scienza delle finanze che , se non compreso, fa fare cose sbagliate per le ragioni giuste:

EFFETTO PERVERSO DEL TIKET PER I REDDITI 20k - 30k
La partecipazione al costo sanitario posta in capo a certi scaglioni di reddito rende non conveniente eseguire una parte di procedure sanitarie in carico al SSN, in quanto il soggetto in esame paga di meno eseguendo la procedura a totale pagamento in una struttura privata.
Si noti che le strutture private prediligono e consigliano questa via in quanto a)l'assistito risparmia denaro , b)la struttura risparmia burocrazia e dilazione nel pagamento .
L'effetto e' che meno persone vanno a caricare le strutture pubbliche per tutte queste tipologie di procedure sanitarie .
Poiche' la maggior parte del costo della sanita' e' stipendi ed ammortamenti e' evidente che facendo meno prestazioni l'incidenza dei costi fissi cresce sulle prestazioni rimanenti .
Dal punto di vista della scienza delle finanze le imposte vanno applicate in senso progressivo sul reddito .
Ma qui non siamo in tale contesto in quanto le tasse non hanno controprestazione.
Qui stiamo ponendo fuori mercato una parte del prodotto del SSN: come se una azienda rinunciasse a servire una fetta di clienti .
Avrebbe piu' senso far pagare la prestazione per intero valorizzando i servizi del SSN per coloro che hanno maggiori possibilita' .
Qualcuno dovrebbe fare dei calcoli in questo senso utilizzando i dati del 2015 e del 2016 per verificare l'effetto dell'introduzione dei 5 euro e dei 10 euro in quanto sospetto che si sia verificato l'effetto perverso che ho illustrato prima .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 08.06.17 17:57| 
 |
Rispondi al commento

IL FARMACO CHE PRENDO E' AUMENTATO 3 volte IN UN ANNO quasi RADDOPPIANTO IL PREZZO INIZIALE mentre la mia pensione E' RIMASTA MOLTO MENO DI MILLE EURO VERGOGNA INDESCRIVIBILE DOVREBBERO PROVARE CHI DI DOVERE

francesca Marcellino, roma Commentatore certificato 08.06.17 17:38| 
 |
Rispondi al commento

...Bisognerebbe chiedere, ai pidimorti, perché ci tengono tanto alla legge speciale elettorale del Trentino Alto Adige, abolita con l'emendamento Biancofiore!


http://www.quotidiano.net/politica/legge-elettorale-1.3182939

Tony 08.06.17 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Ma quand'è che apriamo gli occhi? Ma dico, cosa poteva/potrà mai venir fuori da un 'accordo' con dei truffatori incalliti? Ricordate la metafora di Stirner sul tavolo da Poker? Non ti chiedi mai chi è il pollo... perchè il pollo sei TU!!!!


Su Beppe Grillo & company i casi sono .. UNO SOLO:

- hanno molato la trasparenza con la scusa dell'urgenza ed abbracciato il machiavellismo più sfrenato. Un gioco pericolosissimo che (ad esempio) avrebbe avuto bisogno di una MONTAGNA di NO al voto opnline. Invece ha avuto un plebiscito e chi sin dall'inizio ha espresso questi atroci dubbi sull'accordo coll'apparato mafioclientelare, si è sentito dare del lagnoso gne-gne-gne.

I nostri sanno quello che fanno... seeee, seeeee!

vajra 08.06.17 16:44| 
 |
Rispondi al commento

per quanto riguarda le legge elettorale, il m5s deve partecipare ai lavori con gli altri partiti, non deve "andare sull'aventino" o indignarsi. tutta roba che non serve a niente e lascia solo spazio libero agli "altri".

ok partecipare ai lavori. ma con chiarezza di intenti. e questo si puo' solo partecipando ai programmi politici televisivi per esternare le proprie intenzioni, senza lasciare anche qui' spazio libero agli altri di sparlare e dire di tutto senza contraddittorio.

e naturalmente partecipare ai lavori ma senza perdere certi punti fermi, che nel caso della legge elettorale e' il ripristino delle preferenze.

bona le' con gli "eletti" dalle segreterie di partito.

carlo 08.06.17 16:44| 
 |
Rispondi al commento

Noi manteniamo la parola data: l'accordo va avanti.
Ma il Pd se la prende con noi per i suoi franchi tiratori.
Ora vi spiego che cosa è successo.
Presentiamo un emendamento per estendere la legge elettorale anche in trentino alto adige e uniformarla a tutta Italia. (ricordate che anche nel referendum costituzionale del 4 dicembre i partiti non toccavano le poltrone del trentino e davano a loro privilegi particolari?). Per noi le regole valgono per tutti, allo stesso modo, in tutta Italia.
Su questo emendamento succede di tutto.
La Boldrini sbaglia e mette palese una votazione segreta (un errore tragicomico di un film fantozziano, ma putropppo è realtà)
Poi nella votazione segreta (questa volta) nel PD ci sono 80 franchi tiratori che votano contrari al loro gruppo e il PD perde. E con chi se la prende? con il M5S.
Vi capitava mai da piccoli di giocare a pallone e chi perdeva vi diceva che eravate scorretti ?? ecco, questo è il PD.
E qui hanno pure il premio di maggioranza, figuriamoci al Senato che cosa succederà.

Mattia Fantinati

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ferdinando Imposimato, magistrato, politico e avvocato italiano, nonché presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione

""E il M5S cosa fa?"..... dorme ???

"Signor Presidente Mattarella, il decreto del Consiglio Ministri che rende obbligatori 12 vaccinazioni per l’iscrizione a scuola è “incostituzionale”: lede l’art 32 Costituzione che stabilisce «nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario». Il decreto deve essere fermato da Lei Presidente in base all’art 74. E’ un modo per imporre tasse e oneri su famiglie meno abbienti. L’Italia è tra i dieci Paesi al mondo con mortalità infantile più bassa. Strumentalizzare il picco epidemiologioc del morbillo per imporre il decreto sul vaccino obbligatorio per le famiglie è inaccettabile ed incostituzionale. E’ una tangente legalizzata. E’ un fatto criminale. Ci opponiamo alle lobby farmaceutiche criminali. E il M5S cosa fa? La decisione del governo è contro i protocolli europei che in tema di prevenzione vaccinale, indicano «nell’informazione, raccomandazione, garanzie e coinvolgimento di tutti gli attori, i punti centrali di una politica efficace e concreta». Scendiamo in piazza per pacifica ma decisa forma di disobbedienza civile. No alle tangenti legalizzate."

https://autismovaccini.org/2017/06/07/vaccini-via-libera-al-decreto-rovina-bambini-lorenzin-glaxo/

mat mat Commentatore certificato 08.06.17 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...spero che potremo votare presto..in questo Paese non è un fatto scontato, credo che alcuni diritti di base siano a rischio....la legge elettorale deve essere dignitosa, non cercare l'impossibile. dato che il post riguardava la sanità, mi auguro che il prossimo Ministero della Sanità sia serio...soprattutto, che ami l'Italia. che è già stata troppo "svenduta" .

Nadia Zolezzi Rabaioli Commentatore certificato 08.06.17 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Petizione del CODACONS contro il DL Vaccini-Lorenzin

http://www.termilcons.net/index.php?pagina=page_publicForm&idForm=553&css=1&access=ok

mat mat Commentatore certificato 08.06.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Secondo ''Credendino'' le ONG salvano, non traghettano...Beato lui che è ''credentino''...!!


http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/06/08/migrantisophia440-navi-neutralizzate_bcd9c8ea-5db8-4143-b720-db1e474e3d13.html

Tony 08.06.17 15:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Sofosbuvir": la questione è più complessa. Ad oggi un paziente affetto da epatite C costa negli Usa circa 130.000/140.000 dollari per la relativa terapia e la guarigione non arriva alle percentuali del Sofosbuvir. Quindi le assicurazioni americane risparmiano circa 50.000 dollari a paziente. Per l?Italia vale lo stesso ragionamento. In india costa così poco perchè in realtà non è solo non lo stesso prodotto, ma anche perchè lo produce lo stato indiano con procedure diverse.Solo che questo sta provocando la "serrata" delle case farmaceutiche che comunque non fanno mancare le cure "compassionevoli". Anche l'Italia ha "minacciato" di produrselo da se in quel di Firenze. Purtroppo non è solo questione di componenti ma anche di processo produttivo e si è rinunciato per l'ammontare e i tempi degli investimenti. Questo non vuol dire che il prezzo di 84.000 dollari sia giusto negli Usa e di 40.000 euro in Italia. Era solo per dare spunti di riflessione in più.

Gio R., Uboldo Commentatore certificato 08.06.17 15:04| 
 |
Rispondi al commento

oggi ho detto a mio figlio che "dovrà" fare tutti i vaccini, ho spiegato anche che viviamo in una DITTATURA e non in una democrazia, mi ha chiesto se poteva esimersi da farsi mettere in vena le "malattie" ho risposto che sto provando, perchè preferirei, ha detto, rischiare di prenderle piuttosto che farmele mettere dentro, le malattie, 11 anni.

5 minuti li trovate tutti...

Psichiatria. 1 08.06.17 15:01| 
 |
Rispondi al commento

Almeno la Lega ce lo aveva Duro......
ma in tema Vaccini mi sa che si possa parlare di Grillo moscio.....

mat mat Commentatore certificato 08.06.17 15:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bravi ,era ora che si parlasse delle sperpero sulla sanita' ,perche' costano care anche le medicine salvavita ?

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 08.06.17 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Il m5s vuole il" VOTO PALESE"...cari pinocchietti ci vuole tanto?
Basta credo un 10° dei parlamentari a chiederlo!
Vogliamo metterci la faccia si o no?

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.06.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro STAFF...
scordati il mio nr di cell!
Ciaooo!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.06.17 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dodici vaccini a tutti i costi , pena la perdita della patria potestà , non mi piace per niente ! C'è qualcosa sotto , attenti !

vincenzodigiorgio 08.06.17 14:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SI RINVIA AD UN SITO INESISTENTE !?!?

http://www.beppegrillo.it/2017/06/saluteinternazionale.info


Errore 404 Pagina inesistente

Spiacente, la pagina che hai richiesto non esiste, o è stata rimossa.

Usa il link sottostante per andare all'homepage

Clicca qui per andare all'homepage del blog di Beppe Grillo

caio tizio, napoli Commentatore certificato 08.06.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Siamo in mano ad una massa di incapaci.
Code infinite, costi proibitivi e sanità negata: così lo Stato calpesta la Costituzione.

Il servizio nazionale è alla canna del gas e la spesa vola a 34,5 miliardi.Rischia il collasso da qui a dieci anni. Non ci sono i soldi per sostenere l’invecchiamento della popolazione e l’innovazione della medicina. Con il passivo a dir poco allarmante e le risorse davvero irrisorie.
Come se già non bastasse la sanità è diventata troppo cara e in pochi possono ormai permettersi quello che ormai rappresenta un vero e proprio lusso (e non più un diritto), curarsi. Secondo i calcoli del Censis, sono 11 milioni le persone che quest’anno non hanno potuto sostenere la spesa necessaria per la loro salute.

Si pensava che nel 2015 il fondo fosse stato raschiato del tutto, ma al peggio non c’è mai limite. Se all’epoca le persone costrette a rinunciare alle cure mediche, perché troppo costose, erano 11 milioni, nel 2016 il dato è riuscito ad aumentare ulteriormente. Un’impresa titanica, tutta italiana, col Belpaese che continua a infrangere ogni record negativo. Lo scorso anno, infatti, la cifra è lievitata a quota 13,5 milioni. Oltre un italiano su quattro (il 22,3%) non è riuscito a far fronte alle sempre più crescenti spese sanitarie. Per una percentuale che, “solo” undici anni fa (nel 2006), si attestava al 7,8%.

Le cattive notizie arrivano direttamente dal settimo rapporto sulla sanità realizzato dal Censis in collaborazione con la compagnia assicurativa “Rbm”. Quelli evidenziati dall’istituto di ricerca socio-economico italiano sono i dati di un Paese non più in “barella”, ma che “sbarella”. Con l’articolo numero 32 della Costituzione, “che tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, che ormai è andato letteralmente a farsi benedire. [IMO]
da ilgiornale.it

Francesco C. Commentatore certificato 08.06.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un paese civile assicura prestazioni mediche d'eccellenza ai propri cittadini, gratuitamente.

Per la deterrenza dagli sprechi, non servono ticket: occorre un'adeguata informazione.

la TV spazzatura va riconvertita in TV di sana informazione.

Gian Paolo ♞ 08.06.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Rosato e Fiano...due ser-pernti del PD!
Lasciate ogni accordo con questi due figuri,non ne vale la pena...solo vergognosi!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.06.17 14:14| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S non è più credibile sul tema Salute, fino a che non chiarisce la posizione ambigua sulla obbligatorietà ai vaccini e non riprende la linea storica del movimento che era scettica sui vaccini.
Il ddl Lorenzin è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale, avevate promesso di parlarne solo dopo la pubblicazione CHE ASPETTATE ??? noi stiamo aspettando !!!

mat mat Commentatore certificato 08.06.17 14:12| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=9ncDOkazeRM

In 6 minuti, Diego Fusaro smaschera il vero scopo delle ONG nel mondo: fingere di essere umanitarie, per distruggere e impoverire i popoli. Sempre al servizio delle multinazionali finanziarie. Naturalmente, tenendo all'oscuro i tanti che si impegnano volontariamente.

Video fresco di oggi

Gian Paolo ♞ 08.06.17 14:02| 
 |
Rispondi al commento

queste persone sono dei delinquenti e vanno puniti
i prezzi dei medicinali devono essere controllati dal governo e non dalle case farmaceutiche ;
troppi corrotti nel governo ?

Bruno Filippo Serrau 08.06.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento

censurare il post solo perche ho associato i 12 vaccini per il Bambin ai 12 apostoli, mi sembra eccessivo; volevo solo rimarcare il fatto che l'archetipo funziona benissimo ai fini commerciali.
ho commesso uno psico reato; chiedo scusa, non lo faccio piu :-) :-) :-) :-) :-) :-) :-)

paolo adec 08.06.17 13:59| 
 |
Rispondi al commento

era ora che metteste mano allo scandalo dei farmaci che non vengono forniti ai malati cronici per via del loro alto costo e quindi danno dei farmaci meno efficaci ma più economici! la salute del cittadino viene dopo le tasche di lorsignori!
bisogna permettere a tutti coloro che si ritrovano con un disturbo cronico che non si sono cercati di vivere una vita più normale e dignitosa possibile anche utilizzando farmaci di ultima generazione più costosi. altro che brevetti che legano le mani al servizio sanitario nazionale: l agenzia del farmaco è da riformare!!!

mirella de gregorio 08.06.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le case farmaceutiche sono una banda a delinquere di stampo mafioso e, pertanto, sono un cancro della società che dee essere estirpato.

In Italia, addirittura, trovano il loro habitat naturale.

Faccio un esempio. Lo shampoo Sebamed, in Italia si trova esclusivamente in farmacia al costo di 14,00 Euro circa.

In Germania lo stesso shampoo si trova, indifferentemente, in farmacia o nei supermercati ad un prezzo che varia dai 3 ai 3,50 Euro. La trasmissione Report dedicò ampio spazio al latte in polvere che i liguri, vicini alla Francia, andavano a comperare là ad un quinto del costo richiesto nel bel paese.

Per i medicinali non da banco è la stessa storia.

In Italia siamo veramente più furbi del resto d'Europa che, evidentemente, sono dei bischeri seriali.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 08.06.17 13:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo 08.06.17 13:38| 
 |
Rispondi al commento


Chiudono Farmacie Storiche,

quelle aperte nei primi novecento, quelle dove il dottore era anche l'amico con il quale scambiare quattro chiacchiere, che dava consigli, che sapeva sempre come aiutarti a risolvere i tuoi problemi di salute. Quelle farmacie comunque e sempre accorsate, con clientela storica, quelle alle quali i tuoi nonni e i tuoi genitori si erano sempre rivolti, quelle con gli scaffali che ancora conservavano i vasi ceramici con cartiglio e fregi ornamentali a testimonianza della lunga e sperimentata attività professionale.
Chiudono perchè lo Stato non paga. Chiudono perchè non si possono eternamente anticipare le spese senza mai ricevere rimborsi. Chiudono perchè tutto il sistema è marcio ed inservibile. Chiudono senza vergogna e senza colpa perchè di fatto non ne hanno. Chiudono perchè è tutto uno schifo. Chiudono perchè non si può reggere una pressione fiscale che farebbe piegare le ginocchia ad un Ercole. [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 08.06.17 13:18| 
 |
Rispondi al commento

https://twitter.com/DaniloToninelli/status/872524137058754564

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 08.06.17 13:13| 
 |
Rispondi al commento

... e se invece di comprare magari 90.000 confezioni di farmaco dalla ditta produttrice americana a 84.000 dollari cadauna,
ci facciamo spedire le 900.000 che servono a 840 dollari cadauna da qualche rivenditore indiano?

amicizia lunga 08.06.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sul decreto rovina bambini Lorenzin-Glaxo, che introduce 12 vaccini pericolosi obbligatori ed è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale, non vale la pena parlare?

https://autismovaccini.org/2017/06/07/vaccini-via-libera-al-decreto-rovina-bambini-lorenzin-glaxo/

Eppure i temi ci sarebbero tutti: corruzione, conflitto di interessi, illegalità, ignoranza...

Francesco 08.06.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

e sarebbe la scoreggina di Sibilia su quel cesso di fb a illustrare la posizione del ms5 sui vaccini?

12 caxxo di vaccini sotto la Mia responsabilità, sapendo che sono pericolosi

Beppe, 5 minuti li trovi vero...?

Psichiatria. 1 08.06.17 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

qui la diretta dalla Camera!

http://webtv.camera.it/home

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 08.06.17 12:17| 
 |
Rispondi al commento

Neologismi
“Vulnerabilità politica”: antico modo di praticare la politica in Italia, situazione di chi ha scheletri nell’armadio e non vuole che lo si sappia e, per evitare indagini sui propri scheletri, mette in piazza quelli degli altri. Può trattarsi di consumo di droga, di uso o stato non dichiarato di escort o trans, di contatti o contratti con ambienti mafiosi o camorristi, di raccomandazione di bellegnocche a fini istituzionali, di capitali tratti dal riciclaggio di denaro sporco… non c’è limite alla fantasia umana.
Data l’estensione del fenomeno criminogeno che porta alla ricattabilità politica e data l’esagerata diffusione di uso di dossier, spionaggi, ricatti, infamazioni, diffamazioni e intimidazioni, l’Istituto Mondiale della Sanità ritiene che in Italia la vera epidemia sia questa, e non il morbillo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

PREDATORI
Quando un esercito di predatori attacca un villaggio, essi non hanno interesse a lasciare forme di vita o possibilità di salvezza. Saccheggiano e devastano tutti quello che c’è. Per un predatore non esiste futuro ma solo presente, e nel presente c’è solo quello che possono mettere nelle loro saccocce o sui loro carri come bottino. Quando se ne vanno, il villaggio è messo a ferro e fuoco e ai superstiti non resta che andarsene altrove.
Davanti al neoliberismo, alla politica militare occidentale, alla violenza delle multinazionali, alla perturbazione dell'Unione europea, ai giochi della Borsa, alle riunioni del Bilderberg, alle vergognose riforme, al tentato massacro della Costituzione non riusciamo a pensare ad alcunché di diverso.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Se nella vita uno è disonesto lo allontano per sempre. Il movimento 5 stelle non può patteggiare nulla con dei disonesti perchè alla fine, bene che gli vada gli resta la puza di merda addosso.

salvatore ., palermo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 08.06.17 11:49| 
 |
Rispondi al commento

le querele ricevute dai mafiosi al potere e senza potere debbono DIVENTARE UN MERITO DI ONORABILITà NEL M5S. Bisogna quindi discriminare tra fatti illeciti e lecita espressione verbale ai danni di chi profitta del potere per servire lobby, mafie, partiti/mafie, propaganda di regime (non ascrivibile all'informazione veritiera e civica).

mauro 08.06.17 11:47| 
 |
Rispondi al commento

RENZUSCONI
Beoti gli ultimi, che di lui sarà il regno se saranno tanti.
..
Non so decidere che razza siano.
Razza canara o razza beota?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Con le nuove soglie di sbarramento è d'uopo riammucchiarsi. Ma come?
Solo la coca li riunisce tutti.
Quello della coca sarebbe l’unico partito di conciliazione nazionale.
Più che una piattaforma, una pista allargata.
Presidente onorario: Tarantino, con contorno misto a piacere. Esclusi dal Parlamento i cani anti droga.
Pusher avanti! Per il bene della Nazione!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento

RIMEMBRANZE DI VECCHI SPINOZA
(Ah,le belle memorie della gioventù...era il novembre del 2009)

Carabinieri a casa Mastella.Al loro arrivo il cane ha scodinzolato

Secondo i Pm la moglie di Mastella deve lasciare la Campania.Ma non si è capito a chi

Tremonti:"Credo nel posto fisso".Co-co-cosa? (Subito dopo ha specificato:"Dopo la morte")

Anche molti giovani credono nel posto fisso.Di solito è la casa dei genitori

Maroni:"Nuove misure per integrare gli islamici" Con i leghisti sono bastati 2 o 3 ministeri

Visita lampo di B in Russia.Un Putin tour

B-Putin,accordo sui tram:uno la distrae e l'altro le tocca il culo

B:"Sono nel cuore di molti italiani".Sappiamo tutti da dove è entrato

B:"Mai fatto gaffe".Solo qualche figura di merda "Non ho mai fatto alcuna gaffe,nemmeno una".(Mi ha preso per stanchezza:io gli credo)

"Radici cristiane sempre più ignorate" ha detto quel tizio vestito di bianco
..e ha ribadito: "L'Europa si fonda su radici cristiane".Per esserne tanto sicuro deve aver confessato parecchi banchieri

Il bandito Graziano Mesina all'Isola dei Famosi.Ha voglia di riscatto.(Che tempi!Di questo passo avremo presto dei pregiudicati in Parlamento!! :-)))

Polemica nel Pdl:“E’ ingiusto che chi ha commesso crimini odiosi vada in tv".Al massimo può esserne il proprietario

Gesù appare all'Ikea.Disorientati i teologi: questo dimostrerebbe che ha una moglie

Facebook,migliaia gli iscritti al gruppo "Uccidiamo B" (era il 2009! Sono gli stessi che ora 'si alleano' con B!!). Immediatamente creato un altro gruppo per contrastare l'iniziativa: "No, uccidiamolo noi"

Dopo il caso Lapo, la Fiat si è ripresa.
Dopo il caso Marrazzo 3 milioni di elettori in più.
A volte, dopo una crisi, non c’è nulla di meglio di un bel trans.
Lo diceva anche mia nonna: "in caso di inappetenza variare il menù".
E ora dopo 20 anni passati a parlar male di Berlusconi, lo sdoganano..?! Davvero in questo Paese non se ne sono mai viste abbastanza!!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Tensione in aula.

Cavolo che grinta, Toninelli, così mi piacete, bravi ragazzi del Movimento.

Franchi tiratori del ca..o.

Sono tutti una banda di corrotti.

E' tutto un marasma di me..da.

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.06.17 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Politiche del farmaco? Politiche del cacchio, in Italia!

Angelo B., Napoli Commentatore certificato 08.06.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Che cosa è successo con la legge elettorale?

Rosa 08.06.17 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Un governo, uno Stato non complice con le multinazionali del farmaco ( come è sempre complice il PD e in questo caso PD -Lorenzin ) propone al ''fabbricante- bottegaio-multinazionale'' un costo del farmaco equo per lo stato e per il ''bottegaio''.Se lo ''strozzino multinazionale del farmaco'' non recepisce, lo Stato inizia a produrlo direttamente come farmaco generico!
Il problema verrà quando i governi mafiosi alla Riina si accorderanno con le multinazionali con trattati tipo ceta e tpp che sono stati studiati per legare mani e piedi a lo Stato che non volesse sottostare ai ricatti e truffe delle multinazionali!!

Tony 08.06.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Qual è la motivazione per cui in India il farmaco costa 800 dollari, mentre in Italia se va bene €.40.000 ?

Forse i nostri non sanno trattare, oppure bisogna fare posto a stecche varie .

Tutti a casa ,

INCAPACI se va bene,

CORROTTI fino al midollo ,

W M 5 * * * * *

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 08.06.17 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Lo sbarramento del 5% disturba i sogni di molti della cosiddetta-fu-ex sinistra.
La sinistra italiana ma pure europea ha solo due vocazioni genetiche: dividersi e disideologizzarsi.
Nella sinistra non si sa più come rinnegare le proprie radici e come inventarsi nuove divisioni. Ci sono persino quelli che, avendo due piedi, se ne staccano uno per camminare meglio o li usano entrambi ma in diverse direzioni. Rizzo si separa da Diliberto per fondare un partito nuovo: Comunisti sinistra popolare. Sono già fuori dal parlamento, non so a quale altro fuori aspirino.
Ora, quante sinistre abbiamo?
Rifondazione Comunista,
il Partito dei Comunisti Italiani,
il Movimento per la Sinistra,
la Federazione dei Verdi,
Sinistra Democratica.
Cinque partiti facenti parte della Sinistra radicale.
Poi il Partito Comunista dei Lavoratori
e Sinistra Critica.
Ora abbiamo anche Comunisti sinistra popolare.
Sfido una qualunque persona fermata a caso per strada a dirmi chi sono i segretari di tutte queste sinistre, a cosa servano e che differenze abbiano.
In psicoanalisi serve una nuova definizione per la patologia autoframmentatrice cronica della sinistra, ma forse schizofrenia basta e avanza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Montanelli diceva che per votare Pd bisognava turarsi il naso. Oggi i trinariciuti viaggiano senza naso. Come fosse una cosa normale. Una evoluzione genetica. Non sentoni pià la puzza. Cosa votano ancora? Un ricordo? Una memoria? Una reminiscenza? Un'esile, sbiadita speranza? O, come dice Gilioli, votano e bona lè!
E' incredibile come il Pd continui a esistere a dispetto della sua classe dirigente, che da Berlinguer in poi ha fatto di tutto per annientarlo.
Ora ricominceremo con la bazze renziane ricordando i bei tempi in cui D'Alema diceva in tv: "il più antiberlusconiano è quello che manda B a casa”. Ma se finora l'hanno sempre e solo salvato???
E ancora votano 'assieme a Berlusconi'? ...E bona lè!”

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vaccini si vaccini no.
Obbligatori si obbligatori no.
Certo che la vaccinazione obbligatoria è un ottimo business.
Oso appena ricordare che già prima della guerra 1940/45 non ti iscrivevano a scuola se non eri vaccinato: vaiolo, difterite, morbillo e qualche altra. L’antipolio è venuta dopo.
Quelle malattie erano quasi scomparse.
Poi è cambiato tutto; non sempre in meglio

La ineffabile ministra Lorenzin ha FEDE incrollabile nei vaccini. Tale da renderne obbligatori ben dodici per i bambini.
Io no. Io sono fermo a quelli collaudati da decenni di esperienza su scala mondiale.
Che sono cinque o sei almeno per ora.
Invidio la FEDE della ministra.
Intendiamoci: non contesto l’efficacia possibile dei più recenti vaccini.
Ma purtroppo ho solo la SPERANZA che funzionino bene e senza aver nuovi incomodi che si chiamano
Effetti collaterali più o meno gravi. Che purtroppo, solo dopo milioni e milioni e milioni di casi possono ritenersi ragionevolmente accettabili. Comunque accettabili per la Sanità pubblica solo per le malattie più contagiose.
Un’antitetanica in un quasi lattante io non a vedrei obbligatoria
Forse vale appena ricordare il caso eclatante degli anni 50/60 di un sedativo antinausea efficacissimo per le gravide: il talidomide. Dopo qualche anno emersero quali effetti collaterali: bimbi focomelici. Migliaia su scale europea. Che costrinsero a ritirare il farmaco.
Rendere obbligatori i vaccini di massa con ancor fresco collaudo è un bell’atto di FEDE magari sostenuto dalla SPERANZA che la Corte costituzionale passi sopra a tutto.
Per i vaccinandi è però una solenne mancanza di CARITA.
Non si aspetti la ministra l’assoluzione.

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 08.06.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

*****
Questi blog sono molto interessantiper le informazioni date ai cittadini però tutti mancano di un confronto con gli altri stati europei. Sarebbe interessante sapere chi stà meglio e chi stà peggio. Lavoro, sanità, scuola, giustizia, sicurezza, ecc. potrebbero essere messi a confronto valutando i dati ufficiali presi da fonti ministeriali credo attendibili, forse.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 08.06.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ormai viene meno anche la "salute".... i soldi vengono messi a disposizione per l'accoglienza degli immigrati....vengono prima gli italiani cari politici

antonio pompili 08.06.17 10:16| 
 |
Rispondi al commento

OTTTTT:
Ultime notizie ormai non ci si riesce a stare dietro..troppi,troppi e pur li votano:
Milano, truffa su contributi Provincia: condannato ex vicepresidente Maerna:
L’ottava sezione penale del tribunale di Milano, presieduta da Maria Luisa Balzarotti, ha condannato l'imputato a 1 anno e 2 mesi di reclusione e all'interdizione dai pubblici uffici
di Ersilio Mattioni | 8 giugno 2017
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Senato, Bonfrisco indagata per corruzione e associazione a delinquere: gip chiede uso intercettazioni telefoniche:
La parlamentare, secondo quanto si legge nel documento pubblicato sul sito internet del Senato (disponibile qui), avrebbe favorito, "in cambio di denaro e altre utilità", con interventi legislativi e organizzando incontri con "vertici istituzionali" Gaetano Zoccattelli, direttore generale del Consorzio Energia Veneto
di F. Q. | 7 giugno 2017
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Qui invece un po’ di pulizia fa bene:
Un ritorno al passato. Anzi, ormai “al futuro”, vista la dichiarazione d’intenti formulata presso gli uffici capitolini di via del Tritone. Paolo Pace, ormai ex presidente dimissionario del Municipio VIII di Roma, nonché ex esponente del Movimento 5 stelle, è passato ufficialmente con Fratelli d’Italia.

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 08.06.17 09:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
In effetti però non se ne può più di questi scioglimenti anticipati delle Camere, come quelli decisi nel gennaio 2008 (anziché nel 2011) e nel dicembre 2012 (anziché nella primavera 2013). Da chi? Da Napolitano, naturalmente.
Ma forse non è l’aggettivo “anticipate” a fargli saltare la mosca al naso: è il sostantivo “elezioni”. Cioè quella brutta cosa dove gli elettori scelgono da chi vogliono essere governati senza chiedere il permesso a lui. Infine, come se il suo voto in Senato non valesse 1 su 319, l’emerito minaccia di “esprimermi come mio diritto” da par suo contro la legge che lui chiama “trovata”, sempreché – precisa stizzito – “il passaggio in Senato non sia quasi un volo d’uccello” (come prevedeva la sua controriforma costituzionale).
A questo punto qualcuno che gli vuol bene dovrebbe prendere da parte l’anziano ex regnante e avviarlo alle virtù auree del silenzio e della rassegnazione: non ne hai mai azzeccata una in vita tua, il tuo mondo non c’è più, i tuoi moniti servono giusto a fare il brodo, il Parlamento dopo la lunga quarantena monarchica ha riscoperto la Repubblica e s’è rimesso all’opera senza prendere ordini da un pensionato come te. Invece no. Su Repubblica Ezio Mauro prende per oro colato il suo sbocco di bile, perché spera che negli ultimi 6 mesi di legislatura il Parlamento ci regali tutte le mirabolanti “riforme” che non ha varato in 4 anni e mezzo (come gli studenti somari che fanno tre anni in uno, non essendo neppure riusciti a farne uno). E domanda a Renzi – meglio tardi che mai – “quando mai il Pd ha discusso questo esito programmato e pilotato della sua storia”: il governo Renzusconi prossimo venturo.
Come se fosse la prima volta che il Pd governa con FI. A noi pare di rammentare che nel 2013 Napolitano si fece rieleggere, dopo aver giurato per un anno il contrario, apposta per battezzare il governo Letta, sostenuto da Pd e FI e benedetto urbi et orbi da Repubblica. Come passa il tempo.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 09:48| 
 |
Rispondi al commento

2
Nacque così il governo-fotocopia Gentiloni per dare il tempo al Parlamento di approvare un nuovo sistema di voto proprio nel periodo meno indicato: il finale di legislatura. E lì è avvenuto il miracolo: per la prima volta i maggiori partiti han trovato un’intesa su un modello proporzionale che non avvantaggia né svantaggia nessuno. Cioè, una volta tanto, hanno partorito una legge elettorale condivisa dall’80% del Parlamento (sul testo nutrivamo e ancora nutriamo molte riserve, sperando che siano superate in aula, ma qui parliamo del metodo, non del merito). Che, diversamente dalle ultime, pare addirittura costituzionale. Un presidente emerito normale s’inchinerebbe alla stragrande maggioranza parlamentare.
E si congratulerebbe con i leader che sono riusciti là dove, sotto la sua guida, avevano fallito. Un emerito normale, appunto: non Napolitano. Il quale infatti, schiumando di rabbia e battendo i pugni come i misirizzi del Far West, davanti agli adoranti corazzieri Cassese, Manzella, Bassanini, Dini e Bonino, insomma la meglio gioventù, si scaglia contro il Parlamento che dopo due lustri osa approvare una legge che non piace a lui (infatti è legittima).
Accusa i quattro leader dell’accordo di “calcolare esattamente le proprie convenienze”, mentre ai suoi tempi – quando B. e Renzi imponevano agli altri le loro leggi illegali a colpi di maggioranza e di fiducie – si seguivano solo gli interessi del Paese. E attacca la decisione dei 4/5 del Parlamento di staccare la spina al quarto governo consecutivo mai voluto dagli elettori: un “patto extracostituzionale… semplicemente abnorme” solo perché non piace a lui. E perché “in tutti i Paesi democratici europei si vota alla scadenza naturale”. Con tanti saluti al capo dello Stato, che casomai non lo sapesse non è più lui e che, sulle elezioni anticipate, ha tutt’altra posizione.

aegue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 09:47| 
 |
Rispondi al commento

1
Marco Travaglio - Senti chi monita
Se Napolitano non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. È una bussola all’incontrario, un barometro alla rovescia. Per capire se una cosa è giusta o è sbagliata, basta aspettare che lui moniti. Se è contento, è sbagliata. Se è incazzato, è giusta. Se chiede di fare A, bisogna affrettarsi a fare B. Se auspica X, bisogna augurarsi Y. Se va a Nord, conviene buttarsi a Sud. Basta fare il contrario di quel che vuole lui per avere la certezza pressoché matematica di non sbagliare. Vi pare poco, in tempi così confusi? Fateci caso: qualunque politico abbia seguito i suoi amorevoli consigli, ne ha poi subìto le mortifere conseguenze; viceversa chi non gli ha mai dato retta oggi gode di ottima salute.
È così dal 1956, quando esaltò l’Armata Rossa che reprimeva nel sangue la rivolta di Budapest, poi appena 50 anni dopo dovette chiedere scusa. Dagli anni 80 al 1992 voleva l’alleanza del Pci col Psi di Craxi, poi sappiamo com’è andata. Nei nove anni al Quirinale ne combinò di tutti i colori. Eletto e rieletto da due Parlamenti figli del Porcellum dunque illegittimi, nel 2014 avallò la partenza dell’Italicum in Parlamento e poi, il 4 maggio 2015, appena sceso dal Colle, cazziò chi osava votare contro alla Camera. Peccato che anche quello fosse incostituzionale. E per giunta valeva solo per la Camera perché – negli auspici di Napo&Renzi – il Senato non l’avremmo più eletto noi, ma l’avrebbero nominato i Consigli regionali.
Non avevano pensato che al referendum poteva pure vincere il No, e infatti vinse: gl’italiani rasero al suolo anche la riforma costituzionale di Re Giorgio, con dentro il povero Matteo che gli aveva dato retta. Così Camera e Senato si ritrovarono con due leggi elettorali diverse. E il 5 dicembre, quando Renzi si dimise, Mattarella scoprì con grande sorpresa che non si poteva votare con due sistemi disomogenei.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 08.06.17 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo su tutto quanto espresso da Gavino Maciocco. La Sanità, o meglio, la Malattia, è un settore che, come quello delle Pompe Funebri, non conoscerà mai crisi. Il capitalisti non vedono l'ora di appropriarsi di ogni sistema sanitario statale che ancora sopravviva nel mondo. Governi di destra, come tutti quelli che abbiamo avuto negli ultimi 23 anni, ovvero esecutivi dalla parte delle elite finanziarie e oligarchiche, nulla faranno per affermare la supremazia dello Stato sulle logiche del mercato. Altro che licenza obbligatoria e riduzione del ticket. Con i Berlusconi, Monti, Letta e Renziloni, si va verso la privatizzazione del servizio sanitario nazionale.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 08.06.17 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

- Sarebbe anche da rinnovare periodicamente il personale addetto all'iter della registrazione dei farmaci dagli uscieri ai vertici estremi degli uffici competenti.

- Sarebbe da metter fine all'assurdità di prodotti tipo colliri e pomate contenenti dosi di principio attivo da prefisso telefonico
a prezzi assurdi

- Sarebbe indispensabile vietare il commercio
di nomi di prodotti (obsoleti per il marketing) tra aziende distributrici , magari con composizione addirittura diversa, che servono solo a dar l'impressione al medico ed ancor più al paziente che il prodotto è superato clinicamente e che è preferibile usare qest'altro (che magari è dormiente da trent'anni, perché meno positivo del prodotto che viene abbandonato)

Giuseppe Flavio, vicenza Commentatore certificato 08.06.17 09:19| 
 |
Rispondi al commento

non ho tempo di leggere tutto l'articolo, mi scuso..però mi pare che la questione dei farmaci, vaccini e sanità sia prioritaria.
Una legge che parla di patria potestà, nel caso dei vaccini (anche se so che il testo non parla di questo) ci riporta a tempi molto bui. I genitori han chiesto chiarezza su un tema che spesso chiaro non è.
Credo che un Governo vero non è soggetto alle multinazionali, un Governo degno di questo nome le multinazionali le fa rigare dritte, anzi. chiedendo controlli, esami, e non si fa mettere i piedi in testa, anche se ci son affari miliardari. La salute dei cittadini, a partire da bambini e anziani, ma tutti in realtà, è prioritaria. Vogliamo, al Governo, gente che è capace a non farsi corrompere. non è un sogno. Gente che rinuncia a metà stipendio e ai vitalizi, qualche speranza la dà, nel caos generale. Saluti.spero di esser stata chiara e concisa...

Nadia Zolezzi Rabaioli 08.06.17 09:09| 
 |
Rispondi al commento

E il topic sui vaccini? A quando?

Mattarella ha firmato il decreto sui vaccini.
Per fortuna Codacons ha risposto impugnandolo.

Zampano . Commentatore certificato 08.06.17 09:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori