Il Blog delle Stelle
Tutto quello che devi sapere sulla proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle

Tutto quello che devi sapere sulla proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 429

di Danilo Toninelli

Leggo commenti critici anche autorevoli sul modello tedesco di legge elettorale a cui stiamo lavorando in Commissione alla Camera. Voglio dire anzitutto che il lavoro, in questo momento, è in pieno svolgimento, e non c’è niente di definitivo che si possa giudicare correttamente.

Mi preme tuttavia chiarire alcuni punti:
1) gli elementi caratterizzanti del "modello tedesco" sono tre: sistema proporzionale, 5% di sbarramento e divisone tra collegi uninominali e liste plurinominali. Sono presenti nel testo su cui stiamo lavorando e sono ciò che gli iscritti del M5S hanno votato;

2) in Germania non ci sono le pluricandidature, né i capilista privilegiati nell'assegnazione dei seggi. Non sono elementi essenziali nella definizione di un modello elettorale, ma certamente sono dettagli per noi estremamente importanti. Stiamo lavorando incessantemente per cancellare entrambi;

3) in Germania il vincitore del collegio si vede assegnato il seggio senza che ciò tolga nulla ai partiti che hanno preso una certa percentuale di voti e dovrebbero quindi avere un certo numero di seggi. Lo possono fare perché lì possono aumentare il numero dei parlamentarie. In Italia, per fortuna, non si possono aumentare gli "onorevoli", perché il loro numero è stabilito dalla nostra Costituzione: anche qui stiamo lavorando per inserire modifiche ben fatte che garantiscano, come in Germania, il seggio al candidato più votato nel collegio anche senza modificare il numero complessivo dei parlamentari;

4) il sistema tedesco prevede sì il voto disgiunto, ma su un'unica scheda, non su due come dice qualcuno. Stiamo lavorando anche su questo particolare, che tuttavia è collegato anch’esso al numero complessivo dei parlamentari;

5) in Germania non ci sono le preferenze. Nonostante ciò, stiamo provando ad inserirle. Se non ci dovessimo riuscire ricordatevi che il M5S fa le parlamentarie. Non come i partiti che ora ci attaccano ma che alla prova dei fatti nomineranno tutti i loro candidati dimenticandosi delle primarie.

Spero di aver contribuito a fare un po' di chiarezza. Non abbiamo cambiato faccia. Siamo sempre gli stessi ragazzi che danno l'anima per il bene del Paese, in questo caso per riuscire ad ottenere nelle condizioni date, dopo 12 anni, una legge elettorale che non sia incostituzionale e che ci consenta di andare al voto subito, invece di rischiare di andarci con due leggi elettorali diverse o con le altre porcherie incostituzionali, come il Verdinellum-Rosatellum, che sono ancora la prima scelta dei partiti che hanno la maggioranza.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

4 Giu 2017, 09:30 | Scrivi | Commenti (429) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 429


Tags: legge elettorale, m5s, movimento 5 stelle, proporzionale tedesco, toninelli

Commenti

 

Offro di prestito di 5.000 euro ha 10.000.000 euro ha ogni persona capace di rimborsare con un tasso d'interesse del 2%. Per un prestito contattarlo per mail: chouinardromaine@hotmail.com

benoit gerou Commentatore certificato 19.06.17 18:48| 
 |
Rispondi al commento

Avete bisogno di assistenza finanziaria per i vostri progetti?
È rifiutata dalla banche diverse?
Abbiamo compagnia di assistenza finanziaria mondiale Credit Finance per aiutarti a finire le vostre preoccupazioni finanziarie.
Sito web: www.world-credit-finances.tk
Si prega di contattarci per ulteriori informazioni per posta
Direttore: bekatima10@onet.pl

tima b., italia Commentatore certificato 11.06.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Il PD e Berlusconi tendono ad avere sistemi diversi di elezione tra il Senato e La Camera perché in tal modo se un "outsider" vincesse alla Camera possano aver in mano il Senato e questo, come già accade, interferisce con la "pretesa" governabilità. E' un po' lo stesso trucco che Renzi (per conto di...) voleva proporre con la riforma costituzionale dove il Senato era costituito da persone provenienti dalle Regioni o da sindaci delle città metropolitane:avendo in mano quasi tutte le regioni, il senato sarebbe stato nelle mani di Renzusconi ed anche se il M5S avesse avuto una schiacciante maggioranza alla Camera, sarebbe stato problematico governare. Rendiamoci conto di avere, per il momento, accettato di entrare in un covo di serpenti che sulla legge elettorale hanno un disperato bisogno di BARARE... l'importante è, di volta in volta, far capire con chiarezza ogni cosa ai cittadini. Dobbiamo fare anche il lavoro che non fanno i media....

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 09.06.17 15:37| 
 |
Rispondi al commento

io penso che come abbiamo sempre detto ,non possiamo prescindere dalle preferenze .

gino rossignoli, caorle Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 09.06.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusate il fuori tema, ma ieri da "otto e mezzo" ho visto Toninelli non rispondere, dribblando la domanda fatta da Salvini, sulle case popolari in Liguria.
Volevo dire al deputato 5 Stelle che una non risposta ha comunque un significato.

Angelo Sanfi 09.06.17 09:48| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
Prendo atto della comunicazione anche se non mi è chiaro perché avete votato in aula in modo diverso dagli accordi presi in commissione, e questo a prescindere da quello che sono i problemi interni al PD, e quindi i loro franchi tiratori che cumunque non sarebbero stati sufficienti a far passare l'emendamento ove il m5s avesse votato in base agli accordi. Inoltre, non mi è chiaro il motivo perché andare alle urne dal 4/12/2017 in poi e non dal 4/09 in poi. Non ditemi che vi state affezionando alla poltrona e fa gola il vitalizio che di fatto sarà anche un vostro diritto acquisito, a quanto rilevo.
Grazie per un eventuale chiarimento!


Ciao dico subito che non sono iscritto a nessun partito...... ma simpatizzo per il movimento.....
QUANDO SARA' IL MOMENTO DITELO AD ALTE VOCE CHE LI MANDERETE TUTTI IN GALERA PER ALTO TRADIMENTO ALLO STATO........sono sicuro che molti non si presenteranno .... perchè saranno tutti scappati all'estero....... e quelli che saranno rimasti convinti di manipolare ancora il PAESE saranno RINCHIUSI IN CARCERE......CON IL SEQUESTRO DI TUTTI I LORO BENI.
GRAZIE......

orlando vecchi 08.06.17 10:44| 
 |
Rispondi al commento

Nell'insieme è una legge che mi trova d'accordo ma vi sono due punti fondamentali : voglio scegliere chi mi rappresenta e poi voglio vincolo di mandato. Senza questi due punti non si firma nulla perchè si tratta solo di gazzosa.

gianfranco f. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 08.06.17 09:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo un appello accorato al M5S affinché blocchi l'iter di una legge elettorale in cui gli elettori non potranno decidere NULLA, né i governanti né i parlamentari, e che non darà nessun vincitore se non i partiti e i trafficoni dell'inciucio centrista e moderato, impedendo qualsiasi cambiamento in questo Paese.
(MRS)


ottima e logica scelta quella di condividere, tra gli iscritti del Movimento, la proposta di legge elettorale che sarà votata questa settimana in Parlamento. E' necessario puntare su un premio di governabilità, mentre per il M5S il problema dei nominati non esiste, dato il nostro sistema basato sulle parlamentarie. infine, per noi non cambia molto il discorso del voto disgiunto: chi vota M5S traccia una unica e convinta croce su questo meraviglioso simbolo.

andrea caneva 07.06.17 23:59| 
 |
Rispondi al commento

Emergono, da questi commenti, molti simpatizzanti del sistema maggioritario ma ricordo che questo sistema ha le seguenti caratteristiche:
- i partiti impongono agli elettori i soggetti da eleggere dato che ci sarà un unico candidato per ogni collegio (equivale dunque alle liste bloccate);
- è un sistema elettorale adatto a un sistema politico bipartitico nel quale la dialettica democratica è estremente semplificata (il passo successivo è il partito unico e la dittatura).

Altra cosa che mi lascia perplesso è che si pretenda un vincitore all'indomani delle elezioni ma questo, in una vera dialettica democratica, mi pare impossibile. Se un partito prende il 30 o il 40% dei voti non si può pretendere che abbia il potere assoluto anche perché seppur rappresentando il partito più votato è comunque inviso alla restante maggioranza dei cittadini. La rappresentanza è il principio da salvaguardare, la governabilità è un concetto fascistoide che lascerei volentieri ai renziani e alla loro bulimia di potere.

Andrea Binetti 07.06.17 17:46| 
 |
Rispondi al commento

Grillo , carattere a parte, ha una intuizione non da poco..e la sua imprevedibilità in realtà è una buona garanzia......vogliamo un'Italia migliore....così com'è non può peggiorare ancora!!!!la legge elettorale non sarà affatto male.

Nadia Zolezzi Rabaioli 07.06.17 17:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io credo che tu stai facendo un ottimo lavoro, sei molto preparato in questo campo e penso anche che Grillo, al momento giusto, farà la mossa migliore per avere una legge seria.

Nadia Rabaioli Zolezzi 07.06.17 17:29| 
 |
Rispondi al commento

A me questa legge elettorale non piace.
Torniamo al proporzionale, ovvero facciamo un salto indietro di 25 anni. Assurdo.

Al di là delle liste bloccate e queste sciocchezze che si possono superare con le primarie/parlamentarie, io vorrei sapere l'unica cosa fondamentale... perchè fare una legge elettorale che non garantisce la governabilità?!?

O meglio, la garantisce alleandosi (dopo) con qualcuno. Assurdo.

Era meglio l'Italicum con il ballottaggio. Almeno il giorno dopo avevamo un vero vincitore.

marcello Ercole 07.06.17 15:40| 
 |
Rispondi al commento

La legge elettorale riguarda tutti gli italiani. Mi permetto di suggerire ai nostri rappresentanti al parlamento, di essere intransigenti circa la scelta dei parlamentari operata dai cittadini e non dai capibastone. NO AI NOMINATI !!!!

giovanni valentino 07.06.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Ma il testo della legge effettivamente votata dalla rete dove si può visionare?

Sapere di più per fare di più Commentatore certificato 07.06.17 13:47| 
 |
Rispondi al commento

E il candidato al collegio uninominale non è un nominato dai partiti? I candidati del Pd nei collegi uninominali delle regioni rosse non sono nominati? Quanta ipocrisia......la verità è che l'unico modo per non avere nominati è votare 5 stelle. Tutto il resto sono solo palliativi che nessuna legge elettorale potrà mai risolverle, nemmeno se la scrivesse Gesù Cristo

roberto b. Commentatore certificato 07.06.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un sommesso suggerimento.
Al di là dei dubbi sulla bellezza ed efficacia di questa legge elettorale(ma meglio votare in qualsiasi modo anche con il merdillenum)vista la convergenza politica raggiunta(fin'ora ma ..)perchè non vi attivate per cambiare i regolamenti parlamentari:chi viene eletto in una lista NON cambia casacca nè si fà il suo cespuglietto.
Partiti eletti in parlamento=gruppi parlaentari.STOP.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 07.06.17 10:17| 
 |
Rispondi al commento

Così com'è questa legge elettorale è ancora insufficiente non può rappresentare il M5S e deve essere fatto ogni sforzo possibile per cercare di cambiarla e nel caso il partito unico si rifiutasse che ciò sia ben chiaro a tutti. Quello che non va è che con questa legge avremo solo il 38% di eletti (225 deputati e 122 senatori uninominali) contro il 62% di nominati (385 deputati e 189 senatori proporzionali), e la mancanza del voto disgiunto, il problema non è il numero di schede, ma di caselle da riempire. In Germania, sulla scheda del Bundestag (unico ramo direttamente elettivo), l’elettore mette due croci: una sul nome del candidato uninominale e una sul listino bloccato del partito. Quindi, volendo, se gli piace un candidato ma non la lista del suo partito, o viceversa, può votare per due formazioni diverse. O, meglio: sceglie liberamente la persona e il partito che preferisce. Così sia il candidato sia il partito devono darsi da fare in campagna elettorale fra la gente per convincere il maggior numero di elettori a votarli. Non solo: i partiti sono costretti a candidare il meglio che esprime ogni singolo territorio per non rischiare che altre liste, magari minori, conquistino il collegio con un candidato più popolare e prestigioso del loro.

Stefano M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 07.06.17 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Punto primo: io da cittadino e non suddito di questo paese esigo di poter scegliere i miei rappresentanti in parlamento e dunque sono indispensabili le preferenze.
Punto secondo: un misto tra maggioritario e proporzionale è un papocchio indigeribile dato che si prevedono, tra l'altro, soglie di sbarramento al 5% (mutilazione già di per se non irrilevante al principio di rappresentanza), ci deve essere il proporzionale puro (il maggioritario lasciamolo agli statunitensi che hanno una finta dialettica democratica con due soli partiti finanziati, sostenuti e guidati dalle stesse lobby economiche).

Andrea Binetti 07.06.17 09:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi sembra di poter affermare che in mancanza di un rapporto diretto, di un rispecchiarsi negli occhi dell'Altro, cosa buona e giusta sarebbe, secondo me, scrivere le proprie valutazioni, sensazioni ed emozioni in modo diretto senza finzioni e demagogie. Ciò che voglio affermare è la certezza che questo nostro indirizzo politico, per molti versi nuovo, abbia segnato e potrà sempre più segnare un risvolto profondo in questa palude arida della nostra politica.
Credo che questo nuovo indirizzo sia fondamentale per battere non tanto il RenzUsconi di turno, ma ciò che ha rappresentato e che ormai non può più rappresentare. Questo equivoca e rende falso e inquietante quel principio Innovatore che decade nel Nichilismo demagogico, dove sembra che banalità e superficialità siano l'Essenza originale e fondante della Società. Come se l'UOMO con tutto il suo universo di emozioni e sensazioni dell'Animo fosse solo una comparsa, una figura di secondo piano. Ci dobbiamo riappropriare della nostra Essenza e dei nostri Valori, senza mai delegarli o barattarli. Per questo ritengo fondante chiarire e spiegare ai cittadini tutti, con parole che non riflettano un influsso demagogico ma che arrivino al cuore delle persone, tutte le azioni che, programmate per essere attuate, metteranno al centro la Vita di noi tutti. Anche a costo di bussare porta a porta per chiarire e specificare ciò. Battiamoci non contro questo o quel leader o questo e quel partito ma per riprenderci la nostra Vita. Portiamo nelle case degli Italiani, fuori dai palazzi, tutte le nostre iniziative e soluzioni programmatiche. Oltre che essere in contatto informatico, è indispensabile guardarci negli occhi e scoprire nel profondo la nostra verità. Una sana politica ed un sano movimento, proprio perché sano, nasce dalla volontà popolare di alimentare quelle che sono le esigenze sia avvertite che vissute dalla base, cioè dagli elettori. NON RINNEGHIAMO LA NOSTRA NATURA, LA NOSTRA ANIMA

Pietro P., Roma Commentatore certificato 07.06.17 07:35| 
 |
Rispondi al commento

E' un radicale capovolgimento culturale. Da un Parlamento chiaro, pulito e fresco eletto da noi cittadini (e questa è DEMOCRAZIA), ad un Parlamento formato al 65/70% da nominati ( e questa è OLIGARCHIA/PARTITOCRAZIA). Abbiamo passato anche noi il Rubicone. COMPLIMENTI.

Pietro P., Roma Commentatore certificato 07.06.17 07:16| 
 |
Rispondi al commento

Cari Danilo e Beppe,
al di là dei buoni propositi è evidente che "...Siamo sempre gli stessi ragazzi che danno l'anima per il bene del Paese, in questo caso per riuscire ad ottenere nelle condizioni date, dopo 12 anni, una legge elettorale che non sia incostituzionale..." risulta parzialmente veritiero perchè l'accettazione di una legge per superare la sua eventuale incostituzionalità, diviene un abominio, una grottesca realtà, quando la stessa legge rinnega, anzi uccide uno dei cardini, se non il principale, della NOSTRA NATURA. State uccidendo l'ANIMA stessa del Movimento per fini di opportunità politica. MA NON AVETE NE' IL DIRITTO NE' LA CAPACITA' DI UCCIDERE LA NOSTRA ANIMA. Sembrate ricalcare le orme più che di Dorian Grey, quelle del Dottor Faust. PER PIACERE FERMATEVI. Fateci guardare allo specchio senza terrore. Non c'è alcun motivo per mutare o rinnegare la nostra ANIMA, la nostra NATURA. Credo che sia un abominio voler entrare nelle stanze del potere, VENDENDO la nostra ANIMA a dei dilettanti sconsiderati. FERMATEVI

Pietro P., Roma Commentatore certificato 07.06.17 07:06| 
 |
Rispondi al commento

iL M5S DEL QUALE SONO ISCRITTO e me ne vergogno, con la legge elettorale è passato a pieno titolo con i mafiosi .... i NOMINATI COSI COME INCLUSI NE

MARIO FARINA, Pattada (SS) Commentatore certificato 06.06.17 23:09| 
 |
Rispondi al commento

QUELLO CHE DEVI sapere .... Toninelli Grillo e c. e che .. i nominati fanno parte di tutto quello che abbiamo ostacolato ...chiaro..... io nn ci sto
VI SIETE UNIFORMATI AI MAFIOSI !!!

MARIO FARINA, Pattada (SS) Commentatore certificato 06.06.17 23:03| 
 |
Rispondi al commento

Pretendo da iscritto al movimento che sia sottoposto a votazione dagli iscritti il testo finale della legge elettorale.

pietruccio mannino Commentatore certificato 06.06.17 22:08| 
 |
Rispondi al commento

State sbagliando qualcosa. Sta passando l'informazione che la legge non ha le preferenze e che a voi va bene così. Ovvio che se passa con i vostri voti la legge deve avere le preferenze, tra l'altro siete li anche per questo (e le preferenze sono nella legge che ho contribuito a scrivere qualche anno fa). Senza di esse io non voto!

giubbe de giubbix 06.06.17 22:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo vero che noi scegliamo i parlamentari, però non bisogna essere complici dei "listoni" altrui,perché sono listoni della Repubblica. Domani questi unti del partito faranno le leggi o faranno le alleanze anti movimento.Il Movimento col suo modo di fare ha costretto"gli altri" a correggersi, anche se poco.E' il concetto che deve cambiare, xché forse un parlamentare liberamente scelto seguirà la sua coscienza e non l'ordine del segretario

Domenico Perulli 06.06.17 21:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Toninelli senza il VOTO DISGIUNTO non bisogna votare la legge elettorale,sarebbe un regalo a a RENZUSCONI e pagheremo un prezzo altissimo come consenso . FRANCESCO FAZIO

undefined 06.06.17 21:42| 
 |
Rispondi al commento

Il trucco c'è e si vede pure.

Ottima la soglia di sbarramento al 5%, vista la diffusione dei nuovi simboletti che stanno uscendo fuori che, nel momento in cui riuscissero a passare, venderebbero i propri voti in parlamento al maggior offerente, com'è noto.

Non mi è chiaro, però, se avverrà ciò che è successo alle scorse elezioni.

La soglia di sbarramento valeva per chi "correva" da solo.

Invece, "coalizzandosi" con un'altra forza politica, si entrava in parlamento con qualsiasi percentuale.

Così, partiti che avevano lo 0.x%, sono riusciti ad "rubacchiare" una quantità di seggi in parlamento, azzeccandosi come parassiti (letteralmente) al partito di base, "genuflettendogli" i propri voti in cambio di stipendi & privilegi.

E' il caso di SEL - 3,2%; Centro democratico - 0,49%; SVP - 0,43%, che ottennero un totale di ben QUARANTOTTO seggi e addirittura IL PRESIDENTE (...tessa...) della Camera, seggi presieduti da parlamentari che non avrebbero neanche diritto a prendere il taxi per andare a montecitorio e che, invece, ci vanno con l'auto blu e si riempiono le tasche con il "patto" di regalare voti al PD ad ogni votazione.

Idem per berlusconi con una lista di partitelli che qui neanche c'entra, ma basta andare su google, digitare "risultati elezioni 2013" per vedere, sul sito del ministero degli interni, le percentuali di quei partitelli privi di programmi, se non quello di farsi i fatti propri, sono entrati in parlamento e i relativi seggi intascati.

Quindi, affinché la soglia di sbarramento abbia un senso, spero che sia applicata ANCHE ai partiti che "si coalizzano", e non che questi possano, a prescindere, entrare in parlamento anche con 100mila e spicci voti.

Inutile dire che chi ha avuto la reale maggioranza (non faccio nomi...) è finito all'opposizione con una miserrima manciatina di seggi e... neanche la presidenza della Camera.

Ovviamente, meglio ancora sarebbe eliminare del tutto le coalizioni, ma poi... si toglie il trucco e il gioco non riesce più

Inca Tsato 06.06.17 21:19| 
 |
Rispondi al commento

Valeva la pena aspettare quattro anni per perdere la virtù con Fiano? Dico FIANO !
E con una legge palesemente incostiutionale
(collegi calcolati sul censimento sbagliato)

Corrado P. Commentatore certificato 06.06.17 21:07| 
 |
Rispondi al commento

Se Napolitano si è lamentato per la corsa al voto, allora siamo sulla strada giusta! AL VOTO PRESTO..PRESTISSIMO!!! FORZA 5 STELLE

Giacomo E. Commentatore certificato 06.06.17 19:40| 
 |
Rispondi al commento

non voglio polemizzare.. non sono un bastan contrario. a prescindere.. ma mi preme dire come iscritto ed elettore del M5s che non si puo usare l'alibi del compromesso al ribasso per giustificare certe scelte fatte dal M5S (forse in buona fede') ... coerenza e rispetto del voto online vuol dire dare cittadinanza e dignità a voto degli elettori 5s. gli altri partiti nel bene o nel male fanno il loro interessi.. noi dobbiamo fare gli interessi degli italiani ..diciamo che quella sinora discussa e uscita dalla commissione è la meno peggio ma non è cio che abbiamo votato nella piattaforma Rousseau dove c'erano due sole risposte possibili Si o No al modello "tedesco puro" ..quindi Puro non vuol dire non ibrido ergo dare valore al voto disgiunto che ci consente di decidere se ci piace quel candidato o meno anche se deciso a maggioranza dalle parlamentarie.io voglio decidere pur restando legato al mio credo politico di scegliere se lui è degno di rappresentarmi oppure no

Pier luigi 06.06.17 19:12| 
 |
Rispondi al commento

premetto di essere un vs. simpatizzante nonché elettore condividendo il 99% delle vs. proposte, ma la vs. proposta di listone proporzionale SENZE PREFERENZE la trovo odiosa, liberticida, antidemocratica e soprattutto INCOSTITUZIONALE anche alla luce della recente sentenza della Corte sull'italicum. Inoltre è completamente allineata con il PD che di democratico ha solo il nome.
CHE PENA.

carmelo Di Leo 06.06.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

La legge elettorale licenziata dalla Commissione si presenta come un cocteil che finisce col non avere né gusto né colore.E' diventato un calice non bevibile sopratutto da parte di coloro che alla democrazia hanno creduto e credono e che in nome di quella democrazia che veniva negata dalle caste dominanti hanno fin dalla prima ora aderito,sostenendolo col proprio voto, il Movimento 5 stelle anche quando non si era in comdizione di raggiungere in caso di elezione quel 5 % che ora si vuole imporre come sbarramennto e quando non avendo rapprentnza bisognava cercare le firme per la presentazione delle liste. Si sostiene che in italia ci si trova dii fronte ad un tri partitismo che ha superato il preccdente bipartitismo.In vero caro Toninelli in Italia le formazioni politiche danno luogo ad una specie di rosa dei venti e tutti hanno diritto di ottenere di essere rappresentati in parlamento in rapporto ai suffraggi che in occsone della consultzione elettorale riusciranno ad ottenere. Ho l'impressione che da un minuto all'altro arriverà uno sbarrameto relativamente alle firme per la presentazione delle liste per coloro che non hanno a monte un partito costituito nelle forme volute dalla legge o che non hanno un elevato numero di iscritti o tesserati. Ad ogni buon fine penso e come me tanti altri che al movimento aderiscono che sia giusto lasciare, essendo la nostra ancora ,per furtuna una democrazia rappresentativa. ai partiti ed ai movimenti stabilire i candidati ma che non si possa e si debba negare agli elettori scegliere con le preferenze i candidati da eleggere. Gli elettori hanno capacità di discernimento e potranno con raziocinio scegliere da chi farsi rappresentare.

amoroso francesco 06.06.17 15:58| 
 |
Rispondi al commento

Doppio turno, ballottaggio, chiamatelo come volete, è l'unica soluzione possibile

Luca G. Commentatore certificato 06.06.17 15:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

REFERENDUM PER LA LEGGE ELETTORALE...CIÒ CHE DECIDE LA CONSULTA E TUTTI GLI.ORGANISMI, L'OK FINALE SPETTA AL POPOLO CHE HA TUTTO IL DIRITTO DATO CHE ABBIAMO IL DEBITO PUBBLICO DAL 1861 .... QUINDI .... VOTO REFERENDARIO ON-LINE PER LA LEGGE ELETTORALE ...E SEMPLICE BASTA CHE IL CITTADINO SI RECA AL SEGGIO ELETTORALE...INVIA CON POSTA PEC DEL SEGGIO L'@, ED RISPARMIAMO I COSTI DEL DIPENDENTI PUBBLICI E TUTTI CIÒ CHE GIRA ATTORNO, A DISCAPITO DI TASSE PAGATE E BILANCIATA MALE. IL COSTO DI UN REFERENDUM E PARI A 100 VOTAZIONI. IL CITTADINO A TUTTO IL TEMPO PER VOTARE IL REFERENDUM...LA CAMERA E IL SENATO PER FARE UNA LEGGE FANNO PASSARE 1 MILIONE DI ANNI? ECCO, UN REFERENDUM DURA MASSIMO 30 GIORNI....NON OCCORRE SPENDERE MILIONI PER ORGANIZZARE LA CAMPAGNA....ELETTOSCRITTURALE certificatapec NON ELETTOORALE comma e matita e intrallazzi

G.Briuglia 06.06.17 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno

Vorrei dare un'idea al riguardo della legge. Il sistema Tedesco o Francese sono leggi che riguardano le loro costituzioni. Fino a prova contraria chi vota sono i cittadini, quindi la legge deve essere fatta chi vince va ad ricoprire le funzioni...Il popolo deve scegliere i competenti, chi ha studiato, chi è capace di scrivere, chi è capace di fare le cose. SIAMO 60 MILIONI, LA GARA E A CHI PRENDE VOTI DI PIÙ. ..CHI PERDE SI ALZA A CASA , I PERDENTI SONO SCONFITTI QUINDI RITIRATA... SALUTI

Gabriele Briuglia 06.06.17 11:10| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mr / Mrs / Ms
E ' con profonda gratitudine che ringrazio
portare qui la mia testimonianza, È che sono alla ricerca
pronti i soldi, non so come condividere con voi
la mia gioia perché me di essere ancora alla ricerca per il prestito, io sono
cadde sulla Signora Anissa KHERALLAH donna d'affari. Lei mi ha concesso
un prestito di 20.000 euro, con un tasso di 3% e ho parlato
diversi colleghi che hanno anche ricevuto prestiti in
questo Madame senza preoccupazioni. Soprattutto a me,
Ho ricevuto la mia domanda di credito, tramite bonifico bancario in un
durata di 72 ore senza protocollo e sono abbastanza
soddisfatto. Il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio
è questa donna continua a fare
meraviglie per le persone che sono veramente nel bisogno.
Così ho deciso di condividere questa opportunità
che non hanno il favore delle banche, o che aveva dovuto
fare finanziatori disonesti che fanno abuso
la personalità degli altri; hai un progetto o di un bisogno
il finanziamento, è possibile scrivere a lui e spiegare a lui
la vostra situazione, vi aiuterà se lei è convinto di
la tua onestà. Ecco la sua email : developpement.aide@gmail.com

omelia rico soukpo Commentatore certificato 06.06.17 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Danilo,
se vi siete trovati in minoranza sulle preferenze, non potevate cedere sul voto disgiunto. Prima di disattendere il mandato degli iscritti del Movimento, prima di produrre l'ennesimo testo incostituzionale, dovevate alzarvi e abbandonare i lavori della Commissione.
Andrea Pirro

Andrea Maria Pirro, Cagliari Commentatore certificato 06.06.17 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Egregio,secondo mio modestissimo parere poco conta quale che sia l'"algoritmo elettorale"essendo evidente che ogni gruppo s'attrezzò già dal '48 al proprio presunto vantaggio più che a "concorrere" nell'interesse generale del Popolo Sovrano,secondo il dettato di Cui all'art.49C.,a competere per un potere,personale e di gruppo che NON si vorrebbe MAI cedere.
Ciò premesso la sfida sarà nel conquistare la fiducia di milioni di cittadini e questo sarà possibile nella misura in cui Le Persone che La chiederanno saranno credibili...e poco conterà il nome in testa alla lista...i Cittadini Italiani sceglieranno per Credibilità,Onestà,e Coerenza delle PERSONE e della PARTE che Le Propone Voi Primi Parlamentari a 5S siete stati dotati,fra tante difficoltà,dalla genialità e rigore dei Fondatori di un originale Viatico Politico,siatene degni e convinti continuatori altrimenti tutta l'azione decennale del Movimento 5S rischierà,come accaduto ad altri tentativi di cambiamento del passato,di finire frantumata,fogocitata e digerita.
Con molte cordialità a Tutti Voi ed a tutti i frequentatori del sito dalla solare e calda RROMAgna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 06.06.17 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Ragazzi,da un po' di tempo state facendo troppi calcoli sui sondaggi.
Attenzione che ora che c'è MDP sono loro che passano per quelli DALLA PARTE DEL CITTADINO, che difendono le preferenze ecc.
Alcuni miei amici delusi stanno pensando di astenersi alle prossime politiche.
Purtroppo la vedo brutta se non cambiate ORA, ADESSO, IMMEDIATAMENTE rotta!

peppe 06.06.17 08:33| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo fatto grossi sacrifici con l'obiettivo di mandarli a casa. Il Pd ha una rappresentanza di oltre 400 parlamentari. Con le elezioni ne perderanno più di 100. La legge elettorale ha l'accordo tacito di andare al voto a settembre. Ora far rispettare gli accordi è l'esigenza imprescindibile

roberto b. Commentatore certificato 06.06.17 07:57| 
 |
Rispondi al commento

Ma che legge elettorale è??? Toninelli se è vero che in commissione avete votato contro il voto disgiunto e le preferenze è gravissimo!!! Inoltre non ho visto grandi sforzi per abbassare la soglia di sbarramento. La proposta passata in commissione è un'altra porcata all'italiana dove l'elettore non conta nulla, l'unica cosa che potra' fare è di andare a mettere una crocetta sulla scheda, tappandosi il naso per l'ennesima volta in quanto è gia' tutto deciso, sorbendosi candidati che non avrebbe mai voluto votare e il maledetto voto utile.
Voto disgiunto, preferenze e abbassamento della soglia possono garantire il ripristino di un minimo di democrazia in Italia.
Adesso, nella discussione in parlamento, pensate bene a queste cose e a quello che avete chiesto quando ci è stato chiesto di esprimerci sul sistema elettorale.
grazie

Francesco Quaranta 06.06.17 07:56| 
 
  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

È successo quello che doveva succedere. Il Movimento Cinque Stelle ha gettato la maschera in Commissione Affari Costituzionali votando contro un emendamento che prevedeva l‘introduzione del voto disgiunto. Lo abbiamo già detto ieri: il voto disgiunto costituisce il cuore del sistema elettorale tedesco. No Martini, no party. Non voto disgiunto, no sistema tedesco.

Come mostra la scheda elettorale che qui alleghiamo, i tedeschi hanno a disposizione due voti: uno per il candidato che si decide di scegliere con l’uninominale, a sinistra della scheda elettorale, ed uno, il secondo, a destra della scheda, che rappresenta il voto per il partito. E i due voti sono disgiunti, anche se sono sulla stessa scheda. Contravvenendo a quanto deciso dagli attivisti in Rete, Toninelli & Company in commissione hanno votato contro l’emendamento che introduceva il voto disgiunto nel progetto di legge elettorale. Dovrebbero per questo essere espulsi dal partito, perché se loro sono, come ha richiamato Grillo di persona sul blog, soltanto dei portavoce dovevano votare per quell’emendamento.

Gli attivisti in Rete sono stati chiamati a votare per un sistema tedesco puro. Non c’è sistema tedesco senza voto disgiunto e i parlamentari a Cinque Stelle hanno addirittura votato contro, accampando “motivi politici”. Più che l’onestà, qui ad essere diventato di moda è il tradimento di tutti i propri principi. Ci sarebbe anche molto da dire su un altro tradimento nei confronti delle battaglie del M5s per reintrodurre le preferenze come segno di democrazia.

Del resto proprio in questa direzione andava il modello elettorale costruito grazie all’intelligenza collettiva della rete dagli attivisti del Movimento stesso. Altri tempi. Grillo lo ha preso e lo ha buttato nel cesso per inciuciare con Renzi e addirittura con Berlusconi. E ora anche sul voto di preferenza i parlamentari a Cinque Stelle hanno votato contro, rinnegando tutto quello per cui si erano battuti in precedenza.
Voteranno tutti insiem

giuseppe g., malvagna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 06.06.17 02:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Uno delle nostre battaglie fondamentali era "Contro la casta dei nominati dai partiti".
Una legge elettorale senza preferenze è come un "porcellum-proporzianalizzato" che non cancella tale casta, anzi. Le parlamentarie sono un mezzo parziale, che non riuscirebbe a convincere chi potrebbe/vorrebbe votarci. E non convince nemmeno moltissimi dei nostri. Questo perché si otterrebbe un parlamento che non rappresenta gli Italiani, e quindi sarebbe delegittimato già in partenza, proprio come questo. Noi vogliamo questo???
Se dovessimo vincere (ma come, se già ora diamo questo segnale così simil-pd-ino?), potremo sentirci dire che abbiamo un parlamento non legittimo?
Riflettete! E presentate gli emendamenti per le preferenze. Sapete bene che gli italiani lo vogliono. Tanto questo parlamento non verrà sciolto per fare le elezioni, re..zi & co non mollano l'osso così facilmente!! (credete che la casta rinunci proprio ora alla pensione???)

CarloSca 06.06.17 00:14| 
 |
Rispondi al commento

Ok, ce l'abbiamo quasi fatta. Ora approvazione veloce e subito al voto. Abbiamo fatto dei sacrifici per andare immediatamente al voto. Su questo non ci devono essere trattative al ribasso. SUBITO AL VOTO.

roberto b. Commentatore certificato 05.06.17 23:46| 
 |
Rispondi al commento

Pare che sia arrivato il momento della pacificazione generale nella politica italiana: I quattro maggiori partiti, stando ai sondaggi, si sono accordati su una legge elettorale che ,nelle intenzioni dei leaders,dovrebbe tagliare fuori i cespugli, cioè quei partiti o gruppi politici che non otterranno un consenso superiore al 5 %. La pretesa è perlomeno oscena se non addirittura definibile prepotente e mafiosa se si tiene conto che la nuova legge verrà votata da un Parlamento illeggittimo perche frutto di una elezione avvenuta con una legge dichiatata dalla massima magidtratura incostituzionale. Arroganza e prepotenza vuole ,inoltre, che l'elettore debba esprimersi con un solo voto accettando in blocco candidato dell'uninominale ed elenco degli inclusi in ordine di gradimento da parte dei capi basttone o guappi di partito scelti per meriti di servilismo o di lecchinismo e non per capacità e meriti riconosciuti dagli elettori che dovrebbero andare a rappresentare.
Gli eletti non saranno rappresentanti del corpo ettorale ma della casta politica: evviva la democrazia.
La legge concordata e proposta è manifestamente incostituzinale ma, se verrà impugnata con i tempi che si ritrova la Corte Costituzionale magari fra quattro anni ci ritroveremo con un Parlamento illegittimo nel quale non è stato concesso a quattro o cinque minoranze possibililmente anche del 4,99 % ciascuna di avere almeno il diritto di tribuna. Si tenga presente che nuove formazioni come M5stelle potrebbero in futuro non avere la possibilità di essere presenti.

FRANCESCO AMOROSO 05.06.17 23:28| 
 |
Rispondi al commento

Ma a chi volete prendere per i fondelli ? Voi in commissione avete votato contro la proposta di introduzione del voto disgiunto e preferenze.

undefined 05.06.17 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Proposta: riusciamo ad evitare che dopo elezioni il partito si smembri in altre correnti e modifichino la geografia del voto? La regola deve essere che se un onorevole non è più d'accordo con il programma della propria squadra si dimette e se ne torna a casa . Il suo posto non viene sostituito da nessuno, ne migra in altri partiti. Quindi le persone che il partito stesso selezionano dovranno essere fidate e soprattutto convinte del programma. Basta a cm i di casacca. Ci vuole coerenza e rigore.

Max 05.06.17 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Legge elettorale alla tedesca?
Non mi pare!
Credo che un sistema elettorale "nuovo" non possa non contenere precise norme di comportamento e, prescrizioni precise post voto gravanti sull'eletto.
Prescrizioni a deterrenza: candidature opache,
e alla formazione di piccoli gruppi con fini disonorevoli.
Il 5% è troppo alto, penso alle pluralità di voci non rappresentate, ad un parlamento monco.
Governabilità si, ma con giusta rappresentatività parlamentare.

ugo dellino 05.06.17 22:04| 
 |
Rispondi al commento

Oggi Renato Brunetta ha detto che la legge uscita dalla commissione e che andrà in aula domani è quella voluta da Berlusconi.
Bene e noi perché sosteniamo la legge di Berlusconi? Non abbiamo le preferenze, non abbiamo il voto disgiunto e non abbiamo il premio di governabilità.
Scusate ma questo sarebbe un successo??

Giulio Barra 05.06.17 19:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A votare ci si andrà certamente almeno un giorno dopo che saranno maturati legalmente i requisiti per ottenere i vitalizi, risparmiamoci i countdown. Ciò premesso, considerato che comunque alla scadenza della legislatura si voterà, a meno di cruenti colpi di stato, farlo con una legge che fa schifo adesso per come sta nascendo o che farà schifo successivamente per rendere possibili le elezioni che ci dovranno essere con soli pochi mesi di differenza è esattamente la stessa cosa. Non si capisce quindi l'inciucio del M5S con il PD e FI per creare un mostro di legge che rimarrà nella storia politica dei prossimi decenni. Fate dunque saltare il tavolo e sbrigatevi pure!

Chiara Mente Commentatore certificato 05.06.17 17:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Toninelli,

Hai scritto quello che mi interessava sentirmi dire...Sei un grande!! andate avanti cosi sono sicuro che fare un buon lavoro nell'interesse dell'Italia.

Grazie per il vostro impegno!!!

Marco Solci 05.06.17 16:27| 
 |
Rispondi al commento

GIOVANI!!!!! non diciamo cazzate! Che voi facciate le parlamentarie e quindi siate a posto con il problema preferenze e nominati è una PUTTANATA sesquipedale. Qui si discute di un principio democratico e le preferenze vanno inserite perché il popolo deve tornare a giudicare l'operato dei propri rappresentanti anche se all'opposizione. Inoltre bisogna porre la decadenza in caso di uscita dal gruppo parlamentare. Quindi o si introducono queste semplici norme o si dovrebbe bloccare tutto. Qui rischiate di implodere anche voi prima di aver combinato alcunché.

tiziano dainese 05.06.17 15:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dite che siamo in minoranza sulle preferenze.bene
non è vero perché fino ad ieri sia Berlusconi che salvini che la sinistra quella vera erano favorevoli alle preferenze . allora la base politica c'è ed il pd che non le vuole è in minoranza.in commissione dovete essere bravi a ricreare il fronte del no si con Berlusconi e salvini. che poi è il sentimento anche dei loro elettori, battetevi per le preferenze Berlusconi e salvini non potranno che venirvi dietro è anche il loro interesse isolare il pd in questa battaglia di conservazione di un privilegio odioso agli italiani

francesco degni 05.06.17 15:51| 
 |
Rispondi al commento

come vedete dal blog il problema ''preferenze''è fondamentale sia per gli iscritti ma di più per i nostri elettori. non si possono forzare le menti ma soprattutto i sentimenti di chi ha votato e sperato nei 5s per eliminare i privilegi dalla base.ebbene la prima base su cui siu fondano è la ''nomina'' odiata da tutti gli elettori anche dai nostri avversari. state sul campo di battaglia
si vince inserendo le preferenze.questa piccola parola vale il 30% dei nostri elettori ma anche il 20%degli elettori dei partiti parassitari.
la commissione della legge elettorale è come waterloo o passanio le preferenze e si vince o è una disfatta epocale.

francesco degni 05.06.17 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Proporzionale e preferenze. Tutta l' Italia vuole le preferenze. Penso che l' abbiate capito.

Paolo Rocca 05.06.17 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Qualcuno ricorda FONTAMARA DI SILONE? cinquantanni per la concessione del ruscello, secondo i contadini erano troppi, si sono accordati per dieci lustri. Tornando a noi hanno tolto i capolista bloccati e li hanno sostituiti coi listini bloccati. Noi trattati come quei poveri cafoni di FONTAMARA che forse erano piu' impotenti ma certo piu' svegli e piu' saggi.

luci 05.06.17 14:55| 
 |
Rispondi al commento

Un po' di delusione per il mancato rispetto del voto per la legge elettorale

gaetano giuffrè 05.06.17 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Rinominandum. :)

Roberto 05.06.17 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Se capisco bene, deframmentando le notizie che pervengono, i nostri in commissione, dopo aver negoziato il negoziabile con le forze che partecipano all'"accordo", portando a casa alcuni punti importanti e altri no, avrebbero votato A FAVORE degli emendamenti "concordati" e CONTRO gli emendamenti "non concordati" nel perimetro dell'accordo stesso, fra cui preferenze e voto disgiunto, presentati da chi non rientrava nell'"accordo". Sono persuaso che in fase di trattativa sia stato fatto il possibile ma ciò che mi fa riflettere è il cambio di paradigma sul metodo: in pratica PRIMA avremmo pattuito un certo compromesso in sede informale e POI in sede di voto l'avremmo sostenuto in sede ufficiale, come fanno i sindacalisti quando vanno a presentare gli accordi, a costo di opporci alle nostre stesse richieste originarie. Certamente così il M5S si dimostra più "affidabile" verso i partiti, però mi pare rinunci a una sua caratteristica paramentare di sempre: votare a favore delle proposte buone, votare contro le cattive.
E più forte si fa il dubbio che questo sia una sorta di prezzo da pagare all'anticipazione del voto a ottobre.
Lo scrivo oggi a futura memoria pur suonando sgradevole (e me ne scuso): se un ipotetico qualcuno nutrisse la personale ambizione di fare il presidente del consiglio e una conseguente azzardata precipitazione del voto conducesse invece a un governo consociativo degli altri, con relativa stangata ai cittadini in sede di legge di stabilità (già il tipo di Arcore parlò qualche giorno fa di "provvedimenti impopolari"), questo ipotetico "qualcuno" porterebbe una responsabilità pesante sia verso il M5S che soprattutto verso l'Italia.
Marco Signori, Milano/Bagnolo in Piano

Marco S., Milano Commentatore certificato 05.06.17 13:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Il MoVimento 5 Stelle è a favore delle preferenze e vogliamo aggiungerle al modello tedesco anche se non le prevede.

Nelle votazioni di oggi in commissione ci siamo astenuti su tutti gli emendamenti di coloro che non vogliono andare a votare e cercano di sabotare la legge.

La battaglia sulle preferenze la faremo in aula, ma tra ieri e oggi abbiamo già ottenuto tre importanti risultati:
1) l'eliminazione dei rischi di incostituzionalità con la diminuzione del numero dei collegi uninominali, di fatto garantendo l'elezione a tutti i loro vincitori

2) la cancellazione delle pluricandidature

3) l'eliminazione dei capilista bloccati.
Ora la nostra battaglia continua sugli altri tre argomenti: il voto disgiunto, le preferenze e il premio di governabilità.

Non sappiamo se riusciremo a soddisfare tutte queste nostre ulteriori richieste, per il semplice fatto che non abbiamo la maggioranza in parlamento per poterlo fare.

Di certo già oggi possiamo affermare che grazie a noi, dopo 12 anni di leggi incostituzionali, siamo di fronte ad una legge elettorale rispettosa della nostra Costituzione" (di Danilo Toninelli). Toninelli).

massimo m., Roma Commentatore certificato 05.06.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Come tanti, stanco di questi partiti di labri e bugiardi, confidavo molto su di voi, ma visto il tipo di legge elettorare che sta uscendo, mi sono cadute le braccia, se uscirà cosi, non contate più si di me e su moltissimi altri che vedono questa legge solo un'altra ennesima porcata.

Franco Crotta 05.06.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe. ho seguito sin dalla nascita il Movimento 5 Stelle e pian piano mi sono affezionato sempre di più ad esso, perché sentivo "MIE" le idee che venivano portate avanti da Te e dal Gruppo. Per tale ragione ho deciso di iscrivermi a questo Movimento. Sin da giovane mi sono interessato di politica e continuo a farlo informandomi attraverso la lettura dei quotidiani e seguendo in TV i programmi di politica. Ciò che spesso mi domando in questo periodo è se la Legge Elettorale di cui in queste ore si sta discutendo con i Signori "B.R." sia effettivamente quella giusta. Si dice che la nuova Legge Elettorale si ispiri al modello Tedesco, ma in realtà è un modello all'Italiana, creato ad immagine dei Signori "B.R.", i quali ancora una volta così facendo vogliono assicurarsi la presenza di persone di loro fiducia, "scelte" da loro stessi e non votate dai cittadini. Caro Beppe, in democrazia vince chi riceve un voto in più e soprattutto a scegliere è sempre il popolo, come recita l'articolo 1 comma 2 della Costituzione Italiana, "La Sovranità appartiene al POPOLO".
Permettimi di dirti che se saranno i cittadini a scegliere i loro rappresentanti in Parlamento, il Movimento avrà sempre più sostenitori e riceverà più voti. Solo così dimostreremo veramente agli Italiani di essere persone "DIVERSE" che vogliono il cambiamento dal Paese, altrimenti saremo solo il surrogato di chi ci ha preceduto in Parlamento in quest'ultimo ventennio e continueremo a fare ciò che loro hanno fatto: disastri.
Cordiali saluti.
Mario

MARIO DE PAOLIS 05.06.17 13:13| 
 |
Rispondi al commento

Da quel poco che ho capito nel baillame generale di dichiarazioni l'unica cosa che accomuna sta roba al sistema elettorale tedesco è la soglia di sbarramento al 5%.Ed anche qua non ho capito a che livello viene posta.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 05.06.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento

Sono iscritto al M5 Stelle, IMBECILLE!

sabino petilli 05.06.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Danilo,
è vero che voi del M5S avete votato in commissione contro il voto disgiunto? O è una falsità della stampa?
Saluti,
Andrea Pirro

Andrea Maria Pirro, Cagliari Commentatore certificato 05.06.17 12:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimi i nostri portavoce, tuttavia da eletore del 5 stelle ho chiesto una cosa a Toninelli ma non mi risponde. Cme la rislviamo la questione che non fa dormire, sul premio di maggioranza? Anche se prendessimo il 45% perderemmo contro le coalizoni che hanno preso il 30% 30% o 30% 30% 30%. E' questo il mio dubbio atroce. caro e bravo Toninelli, mi togli questo crucccio per favore?

cromwell nel suo pugno la forza del popolo, Zena Commentatore certificato 05.06.17 12:22| 
 |
Rispondi al commento

Copiato da W.P. - Limiti e problemi dei collegi uniniminali.

Secondo molti osservatori, i meccanismi elettorali basati sui collegi presentano una serie di implicazioni negative, tra le quali la limitata possibilità, per gli elettori, di scegliere i candidati da eleggere. È invalsa infatti la consuetudine a candidare nei cosiddetti "collegi sicuri" gli esponenti politici di maggiore rilievo, in modo da accrescerne la probabilità di elezione.

Inoltre, i collegi vengono tendenzialmente disegnati in base a criteri di omogeneità e continuità territoriale e sociale cercando di racchiudere in ogni unità un numero di elettori che non si discosti dalla media in una misura maggiore di quella tollerata dalla legge. Tuttavia col tempo i diversi tassi di variazione della popolazione possono alterare significativamente la consistenza numerica degli elettori per collegio, rendendo così periodicamente necessaria una delicata opera di revisione dei confini dei collegi uninominali. La definizione dei collegi è in genere ritenuta un'attività delicata, che dovrebbe pertanto richiedere commissioni imparziali: diversamente, tale attività può essere affetta dal fenomeno del gerrymandering, ossia un'artificiosa definizione dei collegi finalizzata ad accrescere oltremisura la vittoria elettorale di una delle parti a scapito delle altre.

ROCCO F., Galatina Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.06.17 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Copiato da W.P. - I collegi uninominali nei sistemi proporzionali

Più raro è il ricorso ai collegi uninominali anche nell'ambito di sistemi elettorali di tipo proporzionale. In tal caso i collegi hanno lo scopo di stabilire quali candidati eleggere all'interno di ciascuna lista e costituisce pertanto un'alternativa al voto di preferenza o alle liste bloccate. Un sistema siffatto è stato adottato in Italia sino al 1993 per l'elezione del Senato.

Fatta salva la possibilità, per le singole liste elettorali, di candidare una sola persona per ciascun collegio, l'attribuzione dei seggi prevede in questi casi anzitutto il computo dei voti complessivamente conseguiti dai candidati collegati a una stessa lista in tutti i collegi o in quelli appartenenti alla medesima circoscrizione elettorale. Sulla base di tali aggregazioni, a ciascuna lista viene attribuito un certo numero di seggi. Generalmente, risultano eletti i candidati che abbiano conseguito, ciascuno nel proprio collegio, le più alte percentuali di voto rispetto agli altri candidati della medesima lista.

In tal caso, viene in genere meno il principio che prevede l'elezione di un solo candidato per collegio: è possibile che un collegio non esprima alcun eletto, oppure che ve ne siano più d'uno, e non necessariamente i più votati all'interno del collegio stesso.

ROCCO F., Galatina Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.06.17 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Come fa a rientrare Alfano in Parlamento se il suo partito non arriva al 5%? Coi voti dei collegi uninominali!

ROCCO F., Galatina Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.06.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Grazie innanzitutto ai nostri per il defatigante lavoro in commissione. Dalle rassegne stampa sembra che:
1) Siano state eliminate le pluricandidature (massimo 1 in collegi e 1 in listini) e modificando la quota di proporzionale "diretto" sia stata attribuita la priorità nell'elezione al candidato di collegio anzichè al capolista di listino. Per me, bene.
2) Non siano state introdotte le preferenze (la fatua quota di genere sì) né il premio di maggioranza. Può anche andare per me.
3) Non sia stato nemmeno trattata la questione dei tre mandati diretti e non sia passaro il voto disgiunto. Per i mandati diretti transeat, ma sul voto disgiunto molto male.
Il voto disgiunto non solo è elemento di democrazia essenziale perché consente all'elettore di articolare maggiormente la propria scelta avvicinando i sistemi che tendono alla democrazia "più" diretta (Borda, Condorcet, etc.) ma - pur del tutto secondario - a noi M5S conviene anche perché il candidato di collegio dei partiti sarà spesso figura del territorio (amministratore locale etc.) e attrarrà personalmente il voto senza riguardo a chi sia nel listino bloccato dell'altra metà della scheda, E già lo sbarramento non ci aiuta perché spinge al c.d. "voto utile" che poco ci premia.
Sacrosanto guardare alla democrazia e ai cittadini, non all'interesse di bottega, nello scrivere le regole elettorali. Qui però sembra mancare almeno un elemento di democrazia essenziale del sistema germanico per cui, allo stato delle conoscenze, la mia personale valutazione non può essere positiva. Non è che per votare a ogni costo in ottobre, obiettivo che del resto NON condivido perché si rischia una successiva stangata con la legge di stabilità in caso di governo renzusconi o simili, sia da indulgere a un compromesso qualechessia sulle regole. Bisogna almeno pensrci bene.
Marco Signori, Milano/Bagnolo in Piano

Marco S., Milano Commentatore certificato 05.06.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

UN PREMIO DI MAGGIORANZA CI VUOLE!!!
(SCUSATE IL MAIUSCOLO ED I PUNTI ESCLAMATIVI)
in modo che non si perda altro tempo per arrivare a governare questo presepe.

Giovanni F. Commentatore certificato 05.06.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Visto che altre 3/4 del parlamento hanno trovato un accordo per fare una legge elettorale, non sarebbe stato il caso, dati i numeri, di trovare un accordo anche per riformare la costituzione sui numeri e le funzioni del nostro parlamento nazionale ei parlamenti regionali?
Esempio: un deputato ogni 150.000 abitanti aventi diritto al voto (circa 280 deputati variabili in base al variare della popolazione) Con funzioni di legislative d’interesse nazionale.
Un accorpamento delle regioni in 5 macroregioni. I deputati regionali dovranno essere eletti con lo stesso criterio e sistema dei deputati nazionali ma sulla base di un deputato ogni 100.000 abitanti aventi diritto al voto (circa 400 deputati regionali) dei quali 1/4 andranno a costituire il il senato delle regioni con funzioni legislative in materia locale e territoriale.
Le due camere, congiuntamente, dovranno occuparsi di trattati internazionali, elezioni della presidenza della repubblica, della corte costituzionale, delle alte cariche dello stato:
Tutte le votazione, eccetto quelle per di tipo etico, dovranno essere palesi e pubblicate. Non si potrà cambiare gruppo politico e ogni deputato potrà essere espulso dal suo gruppo se almeno 2/3 del suo gruppo lo riterranno necessario.
Le retribuzioni non potranno superare, in nessun caso e per qualsiasi carica, le dieci volte la retribuzione minima. Le pensioni saranno regolate e godute con gli stessi criteri di qualsiasi cittadino.
Ecc ECC.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 05.06.17 11:43| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sulla legge elettorale i 5S si stanno muovendo veramente bene, il voto di ieri contro gli emendamenti di MDP e LN lo dimostra.

Stanno provando a portare a casa la miglior legge elettorale possibile.

Una legge condivisa è l'unico modo.

Toninelli proverà a reintrodurre preferenze e voto disgiunto.

Sarebbero stati ridicoli se avessero votato gli emendamenti di MDP e LN, che avrebbero avuto come risultato solo il naufragio della trattativa in corso tra i partiti, con un effetto contrario rispetto al voto.
Anche perché non sarebbero comunque stati sufficienti per farli passare.

andrea ravizzini, formello Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.06.17 11:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Grillo sono iscritto dal 2009, ho votato per il modello proporzionale alla Tedesca. Spero che non ci siano capi e capetti bloccati, capo-mandamenti che decidano chi candidare. Io ho votato per un modello Tedesco, non per una porcata all'Italiana. Credo che il proporzionale sia per l'Italia la legge che ricomprenda le varie anime di questo paese. La ns costituzione alla sua nascita indicava questo modello, ma non la inseriva, purtroppo, nella nostra Carta. Occorre inserire nel modello proporzionale, solo stabilità di governabilità. Individuata una legge seria e condivisa, efficace ed efficiente, occorrerà inserirla in costituzione.

gianni g., sassari Commentatore certificato 05.06.17 11:04| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO 5S

VOGLIO LE LISTE BLOCCATE.

NO.
VOGLIAMO LE LISTE BLOCCATE.
NOI, TUTTI, NESSUNO ESCLUSO.
SUONA MEGLIO. ;-)

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.06.17 11:00| 
 |
Rispondi al commento

Bonifichiamo il Parlamento. Abbiamo centinaia di persone che non hanno mai fatto nulla per il Paese e che oggi vivono nascosti, ma con la pancia al sole. Parassiti dello Stato a nostre spese.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.06.17 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

senza premio di maggioranza per il M5S sarà quasi impossibile governare anche se risulterà primo , e ci ritroveremo l'inciucione renzi-berlusconi - Caro Toninelli , tienilo bene a mente ,o premio di maggioranza o niente .

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.06.17 10:18| 
 |
Rispondi al commento

Sempre chiaro e ottimo Toninelli, condivido praticamente tutto.
Unico appunto è riguardo le parlamentarie. Fatte on line su un sistema proprietario privo di controlli reali sono poco credibili.


Ragazzi, se Besostri porta la legge elettorale davanti alla Corte e ve la bocciano, perdete il 10% dei consensi. Mi raccomando non fate scherzi. Avete votato contro il voto disgiunto! Ma non era una delle cose che volevate inserire? Va bene la politica ma almeno potevate far finta di votare a favore, tanto non sarebbe passato lo stesso. Siate furbi su!

alessandro calloni 05.06.17 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Un commento sui fatti di Torino, non saprei dove postarlo, premesso che la mia fiducia nel M5S è intatta e sulla legge elettorale spero che la migliorino ancora.
Mi chiedo come mai in piazza San carlo ci fosse tanta gente e come mai la gente abbia potuto portare tanta roba di vetro.
Mi chiedo anche perchè Chiara Appendino sia andata a Cardiff, come sindaca avrebbe dovuto essere in piazza coi suoi concittadini. Così almeno avrei fatto io.
E' giovane e spero che da questa esperienza capisca che un sindaco ha il dovere di (far) presidiare la città quando ci siano assembramenti di questa portata.
Se esistono ordinanze che vietano la vendita di bottiglie si sa che gli abusivi ci sguazzano. E gente coi zaini a vedere una partita che dure 2 ore proprio non capisco cosa ci debbano fare. Una bottiglietta di plastica in tasca con acqua è più che sufficiente. Io sono un fumatore ma vieterei anche il fumo. In ogni caso troppa gente. Inutili le polemiche politiche. Si tratta solamente di stare più attenti in una prossima occasione.

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.17 10:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Guarda
Guarda là
Guarda
La complicità
Quanti
Cosi che
Sembrano più grandi
ma son poi pesanti
Guarda quante!
Verità ?
Quante
Tutte qua ?
Quante!
Quanti che
Corrompono felici
Guarda nei partiti
Cosa non....farei
Io non voglio corrompere
E tu, non riderai
Cosa non...darei
Per stare su una nuvola
Oh, oh, oh

Grande
La complicità
Grande
Guarda là
Grandi
Novità
Macchinazioni veloci
Gentiloni più incapaci
Guarda...quante
complicità quante?!
Non si sa
Oh, oh, oh
Quanti.
rubano
Altri inciuciano
Io non lo so?
Cosa non farei
Io non voglio perdere
Non ridere
Cosa non darei
Per vivere su un'isola
Cosa non farei
Io non voglio corrompere
E tu non maiale riderai
Cosa non darei
Per vivere col M5S una favola

Aldo B. 05.06.17 09:38| 
 |
Rispondi al commento

Le vostre consultazioni escludono quelli che si sono iscritti al movimento dal primo luglio 2016... ho sollevato la questione, ma nessuno mi ha dato una spiegazione plausibile. A parte il consigliere regionale Casili...

Pep Gatto, Galatone Commentatore certificato 05.06.17 09:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo sono sparite le preferenze , diciamola chiara, se nella mia circoscrizione il candidato che proporrete non mi piace non avrete il mio voto, questo per esser chiari.e in tanti la pensiamo così anche se siamo fieri sostenitori del movimento.

Dino ., Bolotana Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 05.06.17 09:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho visto un documentario sul dopoguerra e sulla ricostruzione. Il popolo italiano è stato grandioso nel risorgere dalle ceneri di tanta barbarie. Sono nato dopo 10 anni dalla fine della guerra, a scuola c'erano ancora i manifesti che riproducevano bombe a mano e mine, e c'era scritto:'se trovate un di questi oggetti non toccateli! Chiamate subito i Carabinieri o la Polizia!
Oggi spero che tanta operosità e buona volontà non vengano distrutte, che il popolo italiano risorga da questa nuova subdola guerra scatenata da poteri finanziari e politici compiacenti. Spero che non si arrivi ad un altro baratro.

Giovanni F. Commentatore certificato 05.06.17 09:10| 
 |
Rispondi al commento

Chiarissimo Toninelli, a lui va la mia FIDUCIA, il resto sono chiacchiere inutili!!!

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.17 09:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo sempre gli stessi!!! finalmente una legge elettorale Costituzionale!!! piena fiducia Danilo!!! Buon lavoro:

oreste giudice 05.06.17 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Voglio trovare un senso a questo sbarramento
Anche se questo sbarramento un senso non ce l'ha

Voglio trovare un senso a questa legge
Anche se questa legge un senso non ce l'ha

Voglio trovare un senso a questo 5%
Anche se questo 5% un senso non ce l'ha

Voglio trovare un senso a questa soglia
Anche se questa soglia un senso non ce l'ha

Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà...
Domani arriverà lo stesso
Senti che bel Movimento
Non basta mai il tempo
Il M5S è un nuovo giorno che arriverà...

Voglio trovare un senso a questa situazione
Anche se questa situazione un senso non ce l'ha

Voglio trovare un senso a questa condizione
Anche se questa condizione un senso non ce l'ha

Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà
Domani arriverà lo stesso
Senti che bel Movimento
Non basta mai il tempo
il M5S è un nuovo giorno che arriverà...
il M5S è un nuovo giorno... ormai è qua!

Voglio trovare un senso a tante cose
Anche se tante cose un senso non ce l'ha

Lalalalala
Lalalalala

Domani arriverà
Domani arriverà lo stesso
Senti che bel Movimento
Non basta mai il tempo
il M5S è un nuovo giorno che arriverà...
il M5S è un nuovo giorno... ormai è qua!

Aldo B. 05.06.17 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Se ci mettiamo a fare una discussione in rete sulla legge elettorale, non ne usciamo più ragazzi.Fidiamoci dei nostri rappresentanti che sicuramente sapranno scegliere il meglio. L'importante è andare al più presto al voto e avere un parlamento eletto dal popolo.

mariopepe 05.06.17 08:52| 
 |
Rispondi al commento

Scrivo listino bloccato e leggo minetti regione Lombardia avremo tante minetti in parlamento, non aggiungo altro

lucia 05.06.17 08:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non ci capiamo nulla!!
troppo complicato!
qualcuno ci spieghi cosa voteremo con parole semplici:
non vogliamo capilista bloccati!
non vogliamo che uno si possa candidare in piu collegi!
vogliamo i nomi da votare!
e cosi difficile?

ruggiero carpagnano 05.06.17 08:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ok, sulla legge elettorare siete sempre gli stessi!? Ma sui vaccini? Non ne parlate piu' perche' non conviene? Ci avete lasciati SOLI!!! Sono molto deluso che non dite nulla davanti ad un DL FASCISTA.

sergio buscemi 05.06.17 08:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MI fido di Voi ragazzi.

Andiamo al voto il più presto possibile.

W M 5 * * * * *

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.17 08:30| 
 |
Rispondi al commento

Passi pure il sistema elettorale tedesco ma bisognerebbe "adattarlo" aggiungendo un premio di maggioranza quanto basta per evitare che le forze politiche di minoranza si coalizino per destabiluzzare il governo.
Ipotesi immaginabile con il M5s vs pd+pdl....

Filippo 05.06.17 08:21| 
 |
Rispondi al commento

Ed è proprio quello che non si potrebbe che vorrei
Ed è sempre quello che non si farebbe che farei
Ed è come quello che non si direbbe che direi
Quando dico che non è così la legge elettorale che vorrei

Non si può
Sorvolar lo sbarramento
Non puoi andare
Dove vorresti andare.
Sai cosa c'è
Sti maiali restan qui.
con questi qui
si può solo piangere
ma col M5S non si piange proprio più.

Ed è proprio quando arrivo li che già ritornerei
Ed è sempre quando sono qui che io ripartirei
Ed è come quello che non c'è che io rimpiangerei
Quando penso che non è così la legge che vorrei.

Non si può
Fare quello che si vuole
Non si può fare
alleanze con chi è dittatore
Guarda un po
Ci si deve accontentare
con sti qui si può solo perdere
ma col solo M5S non si perde proprio più

Aldo B. 05.06.17 08:11| 
 |
Rispondi al commento

Mi sono letto, "la bozza in discussione" presso la commissione elettorale,(ancora sono in tilt)pubblicata sul FQ. Concordo pienamente,con la Taverna è un MAXI, MAXI, PORCELLUM. E'un groviglio di norme ,fatte apposta,per non farci capire nulla e far fare,ai soliti noti, "e meno noti", quello che gli pare.Non mi sembra, che questo sia, nel DNA del M5S,con quella gente, non ci si può ..prendere neanche un caffè insieme,figuriamoci farci una legge elettorale,CHIARA.

Canzio R. Commentatore certificato 05.06.17 08:04| 
 |
Rispondi al commento

MASADA n° 1857 5-6-2017 L’ESTATE DEL NOSTRO SCONTENTO

E’ stato firmato il Trattato euro-canadese CETA che distruggerà le piccole e medie imprese europee aumentando la disoccupazione – NAFTA- Avanza il nuovo sistema elettorale- Attaccate il sistema neoliberista non con le bombe ma sul web!- Un nuovo attentato a Londra – Una campagna di odio – Wahhabismo - L‘assurdità delle spese militari italiane- Trump esce dall’accordo sul clima- Attaccate il sistema liberista sul web!

Blog di Viviana Vivarelli

Non abbiamo scelto di vivere
eppure dobbiamo imparare a vivere
come si impara un mestiere
perché esistere è un fatto, vivere è un’arte
(Enzo Bianchi)
.
“Non è iniquo solo chi commette il male ma anche e soprattutto chi glielo lascia fare.”
.
COALIZIONI ELETTORALI
Non siamo più la repubblica delle banane
Ora siamo la repubblica della macedonia.
(Viviana)
.
E’ nato il partito animalista.
Dobbiamo aspettare che siano gli animali a fare quello umano?
.
Siamo nel post Medioevo venturo.
Com'è che la notizia non mi riempie di gaudio e beatitudine?
A quando il post neolitico presente?
....................

Per leggerlo tutto clicca il mio nome
oppure vai su masadaweb.org
https://masadaweb.org/2017/06/05/masada-n-1857-5-6-2017-lestate-del-nostro-scontento/

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.17 07:52| 
 |
Rispondi al commento

ISLAM ? NO GRAZIE


https://www.youtube.com/watch?v=fieiF2D_v_M

https://www.youtube.com/watch?v=0QC_6H0ndZI

http://www.magdicristianoallam.it/blogs/verita-e-libeta/il-monito-di-un-ex-musulmano-%E2%80%9Cl%E2%80%99islam-concepito-come-religione-e-una-trappola-mortale-e-l%E2%80%99arma-principale-per-l%E2%80%99islamizzazione-dell%E2%80%99occidente%E2%80%9D.html


http://www.magdicristianoallam.it/editoriale/i-musulmani--moderati--che-difendono-l-islam-o-non-lo-conoscono-o-mentono.html


https://www.youtube.com/watch?v=XV866O-jNyo

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 05.06.17 07:38| 
 |
Rispondi al commento

Legge elettorale

Ma cosa c'è di così complicato a farla , quando è stabilito un numero di minoranza all'opposizione chi governa deve essere scelto dai cittadini,
Ballottaggio ,alle due forze politiche in prima e seconda posizione
Tre seggi di rappresentanza regionale alla minoranza
Il resto dei seggi all'opposizione suddivisi in percentuale al numero di voti acquisiti.
E siccome siamo in un paese fondato sul sociale ,nessun tipo di sbarramento.

francesco s., Coreglia antelminelli Commentatore certificato 05.06.17 07:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ed ecco gli onesti,i coerenti,dopo 10 anni dal famoso v-day,non hanno votato gli emendamenti depositati dal Movimento democratici e progressisti, da Sinistra italiana e Fratelli d'Italia che prevedeva l'introduzione delle preferenze e la doppia scheda.Grandi voltagabbana...


maurizio buccafusca 05.06.17 06:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

16 ore fa l'Unità ha chiuso
Nessuna perdita per l'informazione e la civiltà
ma il secondo atto dei funerali del Pd dopo la sconftta referendaria in cui Renzi è stato l'assassino e il becchino.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.17 06:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Su Facebook, dopo i recenti attentati, leggo frasi deliranti che fomentano un odio assoluto e non attestano certo grandi livelli di moralità. Dire " Tra noi e il mondo islamico non ci potrà mai essere nessuna integrazione" sarà pure un discorso molto seguito ma è assolutamente privo di senso. Gli Islamici nel mondo sono 1,6 miliardi, circa 1 miliardo vive in Asia, 240 milioni nell’Africa sub-Sahariana e ‘solo’ 320 milioni in Medio-Oriente. I musulmani in Europa sono circa 44 milioni (il 6% della popolazione totale). Ci sono infinite correnti, infiniti modi di praticare l'Islam, infiniti modi di porsi in relazione agli altri.
Sarebbe come se un non cristiano valutasse gli orrori commesi dagli eserciti dei Paesi cristiani o considerasse solo i cristiani integralisti (Nazisti o fanatici religiosi) e dicesse "Tra noi e il mondo cristiano non ci può essere nessuna integrazione".
Non ha nessun senso parlare di un tutto unico quando ci si riferisce a un miliardo e 600 milioni di persone. Ognuna di queste persone è diversa, esattamente come nel mondo che chiamiamo occidentale e che a prevalenza cristiana, ognuna delle persone è diversa.
La frase mostra un integralismo e una ignoranza dell'Islam giganteschi e produce solo un odio e un fanatismo pari a quelli dei fanatici musulmani.
Oltre a ciò anche le fedi più integraliste cambiano, tutto evolve. Noi abbiamo avuto i nostri periodi di totalitarismo religioso, nel Medioevo e fino al 1600, nella lotta alle eresie, nello sterminio di 6 milioni di donne tacciate di essere streghe, nelle Crociate, poi abbiamo prodotto il rigurgito nazista con i suoi milioni di ebrei uccisi.
Chi è più indietro di noi nell'evoluzione delle civiltà produce i fanatismi religiosi e gli attentati, le cui cause non sono solo religiose, ma politiche, sociali e militari.
Ma ogni civiltà, ogni cultura, ogni religione, produce i suoi santi e i suoi fanatici e demoni.


segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.17 06:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Niccolò Ghedini, la mossa a Strasburgo: così può permettere a Silvio Berlusconi di candidarsi. Ottimismo in Forza Italia
30 maggio 2017

La politica, con una vampata, è tornata ad occupare il suo ruolo centrale: la discussione sulla riforma elettorale e gli scossoni che sta portando a governo e partiti, infatti, stanno cambiando le carte in tavola a tempo record. Quanto resisterà Paolo Gentiloni? Come si alleeranno i partiti? Come ne usciranno i rapporti tra Angelino Alfano e Matteo Renzi? La spunteranno i grillini?
E poi c'è Silvio Berlusconi, che ad oggi sembra il vero vincitore della partita: con il sistema tedesco e sbarramento al 5%, di fatto tornerebbe al centro della partita. Nessuno potrebbe prescindere da Forza Italia: né in un'ipotetica alleanza di centrodestra, né in caso di riedizione del Patto del Nazareno, o qualcosa di simile. Ed in questo contesto, il Cavaliere scalpita: vuole correre, vuole candidarsi.
Peccato però che sul suo conto pesi l'ingiustizia della legge Severino che, dopo la condanna definitiva nel processo Mediaset, gli impedisce di candidarsi. Ingiustizia per la retroattività e perché, nel panorama politico italiano, di fatto il leader di Forza Italia è l'unico, o quasi, contro il quale la legge in questione è stata applicata. L'attesa per il verdetto della Corte europea dei Diritti dell'uomo di Strasburgo, dunque, è febbrile.
E una lettera giunta negli ultimi giorni dal tribunale francese ha galvanizzato l'ambiente. La Corte europea infatti ha comunicato all'ex premier e ai suoi avvocati di aver preso - finalmente - in carico il ricorso presentato contro la Severino. I tempi, insomma, iniziano a delinearsi e ad Arcore si attende una seconda lettera che potrebbe arrivare entro le prossime due settimane, una missiva che dovrebbe determinare la data dell'udienza.
La sfida, ora, è proprio sui tempi: stando alle previsioni, l'udienza e la decisione sulle sorti elettorali di Berlusconi potrebbero arrivare tra settembre e ottobre.

Franco Rinaldin 05.06.17 06:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mia figlia che vive a Londra da 12 anni e ha anche preso la cittadinanza inglese e ha i suoceri di Manchester ha passato ore angosciose leggendo su internet fino a notte fonda qualunque cosa si riferisse all’attentato di ieri a Londra, a poco tempo dall'attentato di Manchester che è costato 22 morti.
Ricordo che il sindaco di Londra, Sadiq Aman Khan, è un avvocato laburista pakistano difensore dei diritti umani e membro di una famiglia di immigrati pakistani, specializzato in azioni contro la polizia, diritto del lavoro ed in materia di discriminazione.
Ricordo che Londra è un crocevia di popoli, culture e religioni, dove vige la massima integrazione e dove non è come in Italia dove generalmente un immigrato è accettato solo per i lavori peggiori, a Londra, se uno ha una competenza può trovare il lavoro relativo ad essa. Ricordo però tuttavia che in tutte le ultime guerre di aggressione e predazione del Medio Oriente, l'Inghilterra è stata tra le prime potenze a fianco dell'America e che America e Inghilterra e per terza la Francia (la Francia anche per l'Africa) sono profondamente odiate da milioni di cittadini del mondo che hanno dovuto subire le loro invasioni.
..
Mia figlia mi scrive:
In termini delle bombe che dire. Ci scandalizziamo solo per i nostri morti e non battiamo ciglio a quelli dei paesi fianco. Diventa una specie di droga: se non succede un attentato le notizie quasi non paiono più interessanti. Allo stesso tempo la droga fa assuefazione e si deve avere un trauma sempre più vicino al nostro cerchio o altrimenti non si sente nulla. Ieri sera sono stata fino alle due a leggere le notizie poi oggi la vita è ripresa come se nulla fosse. È' una civiltà dell’informazione e della violenza che assorda i sensi anziché risvegliarli.
Per conto mio oggi abbiamo ospitato una signora rifugiata dallo sri Lanka per due settimane. La mia piccola goccia, cercando di sentirmi ancora viva.
Nico

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 05.06.17 06:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

consiglio ai vostri portavoce di fare una vacanza di 5 giorni non ufficiale in albania a tirana.

niente di ufficiale ma una bella vacanza di gruppo come quelle che si fanno per la maturità e senza impegni politici.

sarà molto istruttiva purche informale e non ufficiale.

consiglio la stessa cosa anche allo staff di casa leggio e company

istruitevi 05.06.17 06:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Salvini vuole: il Lega-licum

i Verdi: il Verdi-nellum

i Dem: il Dem-ocratellum

Grillo: lo sbarramento al 5 Stellum

Berlusconi e la Pascale: il Porcellum ad Personam

Brunetta: il Porcellinum

La Santanché e la Mussolini: il Siliconicum

La De Girolamo e Boccia: il Coniugellum

La Boldrini: il Bordellum

Monti,Grasso,Renzi e Napolitano: il Golpellum

Letta: il Letamaium

Bersani e D'Alema: il Gargamellum

La Bindi e Rutelli: il Ruttellum

Pomicino e Mastella: il Paleoliticum

il Gruppo Misto: il Porcaium

Alfano, Librandi, Lupi: i Trombatellum


ma in fondo in fondo, vogliono andare al voto il 24 settembre perché questi maiali vogliono solo: il Vitalizium!

Aldo B. 05.06.17 03:06| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO 5S

PUNTO 5) DI FORZA

Su questo PUNTO personalmente non sprecherei
troppe energie.Anzi, lascerei fare
agli ALTRI.
Noi desideriamo le PREFERENZE,ma comunque
abbiamo l'alternativa REALE delle PARLAMENTARIE,
che ASSICURA una CONCRETA
DEMOCRAZIA INTERNA del M5S.
Quindi possiamo passare la palla.
E' certo che NANO e PINOCCHIO desiderano
CANI e CAGNE (per rispetto della
parità di GENERE) al GUINZAGLIO che girano
in tondo.
E' insito nella loro NATURA non certo
DEMOCRATICA. Forse, al limite, PINOCCHIO
presenterà a RETI UNIFICATE, un altro
FAKE-SIMILE per salvare la faccia ?
(Rimembrate , Riforma costituzionale ?
Comunque , il senso si riassume:
A noi, M5S, delle PREFERENZE che ce ne fotte ?
Noi l'abbiamo già RISOLTO all'ORIGINE,
con le PARLAMENTARIE.
Il PROBLEMA, però, deve permanentemente
persistere per i PARTITI.
Praticamente,pacatamente, approffittiamo di palese
"privilegio"!


E ,per assurdo, poniamo il caso, che, un giorno, il BRADIPO si svegli e si pronunci:
"LEGGE INCOSTITUZIONALE". E guarda caso
una delle MOTIVAZIONI della SENTENZA è proprio l'esistenza di LISTE BLOCCATE che non assicurano
la RAPPRESENTANZA DEMOCRATICA .
Tranquilli, il GOVERNO
non verrà fatto certo cadere da questa
"insignificante" motivazione. ;-)
Anzi,come successo in passato, il BRADIPO interverrà, poi con un "CONDONO", un "INDULTO POLITICO", per salvare
capre e cavoli. Ma intanto, altra frittata è fatta.
Chi trarrà giovamento da tutto ciò ?

PS: Seriamente, possiamo far passare
le LISTE BLOCCATE. Solo FORMALMENTE,
può essere un nostro problema.
SOSTANZIALMENTE, noi, e solo noi M5S ,
l'abbiamo già RISOLTO. (PARLAMENTARIE)
Invece il problema, probabilmente,
per i PARTITI, è perenne.
Qualcuno potrebbe dire:
"Sì, ma le liste bloccate l'avete votate
anche voi !"
"Sì, ma quando l'abbiamo sfruttate ? Mai!"

PS: OTTIMO TONINELLI

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.06.17 02:21| 
 |
Rispondi al commento

Danilo, grazie di cuore per esservi battuti ed aver ottenuto di eliminare le liste bloccate e le pluricandidature.
Ora però è assolutamente indispensabile battersi per il VOTO DISGIUNTO e le PREFERENZE : sono due obiettivi irrinunciabili.
Approfitto per ricordarti la delicata situazione di Piacenza. Qui il 22 dicembre scorso i consiglieri comunali uscenti hanno provocato la spaccatura del Movimento: avevano già un candidato pre-confezionato per le elezioni comunali e si sono rifiutati di seguire l' iter normale per la scelta del candidato 5Stelle. Per raggiungere il loro obiettivo hanno proceduto all'abiura del loro passato pizzarottiano.
Noi del Meetup Amici di Beppe Grillo di Piacenza abbiamo più volte fatto presente la pesante situazione tentando di comunicare con il Movimento a vari livelli, senza purtroppo ottenere alcuna risposta.
Quali canali si devono seguire per comunicare con lo Staff ed ottenere una risposta. In un movimento democratico come il nostro dovrebbe essere PRASSI NORMALE POTER COMUNICARE. Sembra quasi che ci sia qualcuno che non voglia che ciò avvenga e che si adoperi per impedircelo. Comprenderai senz'altro la nostra delusione per non avere qui a Piacenza (dove sei venuto più volte e dove abbiamo avuto il piacere di conoscerti) una vera lista 5Stelle.
Sentiamo che sei uno di noi, un autentico 5Stelle. Per favore, Danilo, rispondici!
CONFIDIAMO IN UNA TUA RISPOSTA.
Meetup Amici di Beppe Grillo di Piacenza


Un plauso a Toninelli e alla squadra, il risultato che si profila è storico. Nel 2013 i seggi 5 Stelle furono falcidiati dal premio di maggioranza alla coalizione PD-SEL, subito dissoltasi. Poi è comparsa dal nulla una maggioranza basata sui cambi di casacca. I soliti iper-critici farebbero bene a ricordarsi da dove siamo partiti e con chi hai dovuto trattare. Voto disgiunto: forse ha qualche motivazione alle comunali, ma nazionalmente non ha nessun senso (chi vuol votare contemporaneamente M5S e PD è un dissociato). Preferenze: che non ci siano non è incostituzionale, perché la Corte ha ammesso anche la possibilità di liste bloccate, purché "corte". Un vecchio referendum le aveva ridotte da 3 a una, perché con 3 il voto poteva essere controllato. Con la parità di genere nel frattempo introdotta, le preferenze dovrebbero essere almeno 2 e con 2 reintroduci il controllo sul voto. In generale le preferenze aumentano i costi delle campagne elettorali. In Toscana alle parlamentarie votammo su un numero limitato di nomi (i pochi che si erano già candidati in una lista comunale) ed era tutta gente che si conosceva (almeno nell'ambito della propria provincia). Su 9 parlamentari eletti uno è stato accompagnato alla porta per validissimi motivi e altri 4 se ne sono andati verso altri lidi, senza ovviamente la cortesia di dimettersi. Nel 2015, alle regionali, siamo stati capaci di eleggere uno che aveva un paio di società a Malta non dichiarate. Dimessosi dopo che la cosa è venuta alla luce (gesto senz'altro apprezzabile), è andata in Regione la prima dei non eletti, ma piccolo particolare aveva lasciato il MoVimento da tempo. Praticamente in Toscana ci avremmo azzeccato di più con un sorteggio, anziché con le preferenze. Infine la soglia del 5%: se quelli a sinistra del PD fanno una sola lista e i centristi pure, entrambi entreranno ugualmente in Parlamento. Se insistono in divisioni “ad personam”, è giusto che il Parlamento venga salvaguardato dai troppo furbi.

PIERLUIGI P., PISA Commentatore certificato 05.06.17 00:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ottima spiegazione.

Basta polemiche sulla legge elettorale. Non è vero che favorirebbe il PD +/- L

Alex M., Biella Commentatore certificato 05.06.17 00:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimo Di Maio a Civitanova insieme ai candidati M5S delle Marche. Un grande in bocca al lupo a tutti noi!
https://youtu.be/guxllBb8zUE
------
Per la legge elettorale i nostri in commissione faranno il possibile per migliorarla, quante lagne! Andiamo al voto puntando al 40%,sarò illusa ma io ci credo.

Danila R., Porto San Giorgio Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.06.17 00:17| 
 |
Rispondi al commento

Negli anni della prima repubblica, abbiamo votato, come idioti, i partiti che sembravano tanto diversi fra loro, invece erano uno la fotocopia dell'altro.

Sono stati tutti al governo, e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Hanno cambiato nomi, simboli, ma i loro rappresentanti di oggi sono i figli di quelli di allora.

Con il M5S abbiamo la possibilità di cambiare davvero il volto della politica. Una svolta mai vista.

Chi non coglie al volo questa grande opportunità, non ha capito nulla.

Le polemiche sono solo una perdita di tempo.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.06.17 00:09| 
 |
Rispondi al commento

Uninominale e listini bloccati, cancellate definitivamente le preferenze, tutto in mano ai capi dei partiti. Mille volte meglio il sistema uscito dalla Consulta. Avete cancellato tutti i principi che vi avevano ispirato fino ad ora. Tornate indietro! Fate saltare l' accordo e votiamo col consultellum.

Paolo Rocca 05.06.17 00:05| 
 |
Rispondi al commento

Ecco!

Fra un’ora da qui, in un lindo vicolo

gronderà da ogni uomo il vostro flaccido grasso,

io vi ho aperto tanti di quegli scrigni di versi,

io, scialacquatore, sprecone di parole senza prezzo.

Eccovi, uomo, hai tra i baffi del cavolo

resti di zuppe che da qualche parte non hai finito

eccoti, donna, tutta asfaltata di belletti,

avete l’aria di un’ostrica che viene dalle valve delle cose.

Tutti voi, sulla farfalla del poetico cuore

spaparacchiatevi, luridi, chi con calosce chi senza calosce.

La folla si imbestialisce e si struscia,

drizzerà le zampette il pidocchio centocefalo.

E se oggi io, unno tamarro,

non ci sto a farvi da giullare, vedrete

come mi metto a ridere e con gioia sputo,

vi sputo in faccia

io, sprecone, scialacquatore di parole senza prezzo.

-- -- -- -- --
Vladímir Vladímirovič Majakóvskij

scialacquatore di parole 05.06.17 00:00| 
 |
Rispondi al commento

On T.: OK , vediamo cosa esce e poi potremo lamentarci, applaudire , inveire, giudicare .
Ritengo un po' di tutto questo.

Off T.:
leggete questo:
http://vocidallestero.it/2017/06/03/counterpunch-dai-peones-del-debito-agli-schiavi-salariati/

Questa e' la ragione fondamentale per cui il costo dell'istruzione deve essere a carico dello stato: COSTA MENO .

Ma attenzione: non ce lo impone il dottore che i professori siano dipendenti pubblici.

Oggi, con l'informatica, SI PUO' FARE !
+spesa pubblica
-dipendenti pubblici

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 04.06.17 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Mettete le preferenze, altrimenti esce l'ennesima versione delle leggi elettorali precedenti.
Ricordatevi dei bei tempi in cui vi lamentavate del fatto che non c'erano le preferenze. Mettete le preferenze. Discutere su questo punto. Non e' un discorso di parlamentarie o no. Evitiamo che i soliti nominati scelti dai capi di partito finiscano nuovamente al governo. Mettete le preferenze. O avete improvvisamente cambiato idea?

af 04.06.17 23:43| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Bisogna inserire le preferenze nella legge elettorale...altrimenti non si può parlare di Democrazia...oltretutto senza le preferenze non sarebbe Costituzionale...

giordano foltran, treviso Commentatore certificato 04.06.17 23:06| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

https://youtu.be/kUY-wZLo7qw

Dibba a Palermo.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 04.06.17 22:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Faranno di tutto per rimanere in parlamento e mettere il bastone e tra le ruote al M5S, su qualsiasi punto del programmal'unica è il voto degli ital iani, una percentuale al di sotto dell80% ci dovrebbe far vergognare come popolo, viste le condizioni della gente per una partita e in che condizioni lasciano le piazze dopo i lieti eventi, non c'è da stupirsi che il pd con gli altri sono ancora al governo.

Alessandro F. Commentatore certificato 04.06.17 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Parlamentari M5*, fate quello che volete, io mi fido di voi. L'unica cosa importante e' che ricordiate, una volta al governo, di fare piazza pulita dei parassiti, sono stufo, come la maggioranza dei veri grillini, di alzarmi ogni giorno x andare a sgobbare per pagare le tasse che servono a pagare i vitalizi, le superpensioni, e tutti gli altri schifosi privilegi di quegli svergognati fannulloni che ci hanno governato negli ultimi 30 anni.

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 04.06.17 21:44| 
 |
Rispondi al commento

ciao,secondo me questi attentati in inghilterra non sono casuali, hanno uno scopo,destabilizzare un paese che non vuole farsi succhiare il sangue da quei parassiti della .............a

saro' un visionario

giuliano da jesi 04.06.17 21:27| 
 |
Rispondi al commento

oops...

nino celeste (stacchio), bs Commentatore certificato 04.06.17 21:25| 
 |
Rispondi al commento

Il caso di Filippo Esposti, 27 anni, informatico, residente a Pizzighettone (Cr), esponente dei centri sociali, è davvero emblematico. Lo racconta il Corriere, partendo dall’ultima tappa della storia: Filippo Esposti ha fatto causa al Comune di Cremona perché la sua domanda per prestare servizio civile presso l’ente non ha avuto esito fortunato.

E per forza: Filippo Esposti era tra coloro che, nel corteo antifascista del 24 gennaio 2015, parteciparono alla guerriglia che devastò il centro della città (sotto un video della manifestazione). E’ un attivista del Dordoni, il centro sociale autogestito che organizzò quella manifestazione, sfociata negli scontri con le forze di polizia, il danneggiamento delle vetrine di banche e negozi, l’assalto con le molotov al comando dei vigili urbani.

Ora il no global, si legge sul Corriere, “ha partecipato al bando comunale per svolgere la leva regionale volontaria. Inizialmente era stato giudicato idoneo e, dopo il colloquio con un funzionario, si era presentato in Comune con la speranza, dice, di essere assegnato ai servizi sociali. Ma era stato rimandato a casa quello stesso giorno. E questo perché in municipio si erano accorti che aveva sfilato nel sabato di violenze”.

Basta? Macché. Esposti deve ancora essere processato in secondo grado per l’acquisto di materiale utilizzato dai black bloc. Inoltre su di lui pende un rinvio a giudizio per la rissa a colpi di spranghe tra un gruppo del Dordoni e gli attivisti di CasaPound dopo il derby Cremona-Mantova. Insomma un tipino tranquillo. Che ora, tramite il suo legale, Paolo Bregalenti, vuole citare in giudizio il Comune che ha contribuito a danneggiare e chiede a sua volta un risarcimento danni per essere stato escluso dal servizio civile.....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 21:05| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

Sono 23 anni che Massimo Troisi non c’è più: il suo cuore, troppo grande e provato, ha smesso di battere mentre l’attore e regista napoletano riposava in un pomeriggio come tanti, dopo pranzo. Un’impresa rdua quanto inutile, data la sua fama, ripercorrere le tappe del suo successo, dagli esordi all’addio, dal cabaret alla radio, dal teatro comico al cinema di respiro internazionale. Una parabola artistica ed esistenziale, la sua, interrottasi troppo presto, ma che ci ha regalato ingegnose escursioni sui temi di varia natura e umanità, risate grasse e soddisfatte, momenti di profonda commozione e poesia. Uno dei fenomeni cinematografici più clamorosi degli anni Ottanta, per i dubbi e le illusioni di un’intera generazione incastonati nella cornice di una trama sdrammatica, ora divertente, ora struggente, che Troisi ha sempre dedicato ad una sua personalissima filosofia di vita, incentrata sull’arte – tutta napoletana – di sapersi accontentare,sulla capacità di cogliere il particolare delle cose, delle situazioni e delle persone, trasformandolo in intima e originalissima analisi e maschere: le sue. E allora, ci piace ricordarlo in alcuni, indimenticabili momenti dei suoi film che, da Ricomincio da tre a il Postino, hanno contribuito a formare e nutrire il suo mito, la sua poliedrica e ammaliante personalità istrionica.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 21:02| 
 |
Rispondi al commento

"Egr. T.Toninelli,

La invito a rispondere al commento del prof. A. Giannuli, sicuramente
persona preparata in materia, di cui rimetto di seguito il link:
http://www.aldogiannuli.it/le-novita-sulla-legge-elettorale/
Non mi sembra che ci sia molto da essere allegri e cantar vittoria, al
contrario.
In ogni caso, realisticamente, oggi un sistema proporzionale perfetto o
imperfetto non vi permetterà di esprimere un governo M5S e forse renderá
l'Italia ancora più ingovernabile permettendo a Mattarella di dare mandato
di governo ad un soggetto gradito all'establiscmant euoropeo neoliberista.
È questo il vostro fine?
Aggiungo, proporzionale per proporzionale la nostra vecchia legge si adattava perfettamente alla costituzione e aveva le preferenze. Perché scimmiottare modificandolo il sistema tedesco che fa riferimento alla loro costituzione?
Non credo vi voterò ancora.
A. Borgarelli "

Alberto Borgarelli 04.06.17 20:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

C'è poco da modificare il "sistema'' tedesco... Se questi non sbagliano, e tale situazione si mantiene , il PD riunirà le ''vacche'' e continuerà a dirigere la mandria..!!

http://www.termometropolitico.it/1256862_sondaggi-elettorali-index-il-movimento-5-stelle-torna-a-correre-4-sul-pd.html

Tony 04.06.17 20:45| 
 |
Rispondi al commento

Un idiota ha fatto scoppiare un petardo. Poteva essere qualsiasi cosa, anche un'atomica. I nostri governanti si beano del fatto che in Italia non succeda nulla, dicono di essere bravi.
Spero che sia così ma ho l'impressione che siamo esenti da attentati in quanto porta d'ingresso in Europa.
Negli stadi entrano ancora cose strane tipo fumogeni e bastoni non so se petardi. Come si poteva evitare il caos di Torino se non con un impiego di metodi polizieschi. E se non fosse successo nulla? Daie allo Stato fascista.
Non sono nè fascista nè comunista.
Però, amministratori 5S, occhio, non abbassate la guardia, mai.
Se la piazza ha 10.000 metri quadrati, più di 3.000 persone, al massimo, non sarebbero dovuto esserci. E in mezzo qualche decina di poliziotti, in borghese e in divisa.

maidomo 1 Commentatore certificato 04.06.17 20:33| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, caro Toninelli
Il lavoro che state facendo è fantastico e ancorchè superfluo, direi, molto intelligente. Dovete sentirvi supportati da tutti noi. In particolare: a) questa legge è , di massima, in linea con gli obiettivi storici del Movimento; b) la questione "nominati" , al momento, non deve condizionarci, soprattutto se la pretesa delle "preferenze" dovesse portarci alla rottura ed alla esclusione dalla firma di una Legge condivisa; c) è questione di realismo, ed anche di ....opportunismo. Dobbiamo smetterla di fare gli "eroi".....sempre. d) D'altra parte è nota la miriade di trappole che hanno inquinato nel passato le nostre file. Ancora per un pò, è bene che il Movimento si guardi le spalle dal rischio, ancora molto concreto, di infilatrazioni "professionistiche" o deviazionistiche, sempre in agguato in questo paese infestato da politicanti fuorusciti dalle cellule dei partiti o da gente in cerca di gloria e di affarismo; e) il previsto sensibile aumento del numero di nostri parlamentari è ragione più che sufficiente per aderire alla norma senza preferenze. f) Sono loro che nomineranno i soliti servi ladroni; noi no; noi porteremo gente "certificata", e dopo le elezioni sarà ancora più lampante la differenza tra noi e il resto del parlamento: basterà leggere i nomi.
g) col numero di parlamentari che avremo li "tortureremo" quotidianmente sul terreno dell'onestà e della efficienza legislativa. Forza, barra a dritta. Grazie Sandro Santarelli

Sandro Santarelli 04.06.17 20:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Appurato che tutto quello che dovevamo sapere sulla proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle, l'abbiamo capito e chi non l'ha capito, significa che non vuol capire.....

Parliamo di quello che è successo a Londra, che mi pare assai grave e che potrebbe capitare anche da noi, anzi capiterà di sicuro.

Il problema non è con quale sistema di legge elettorale andiamo a votare, il problema è come gestire l'immigrazione selvaggia e rendere sicure le nostre vite da questi animali che, in nome del loro dio, ci distruggono, con il beneplacido di certa parte politica stolta e idiota, ubicata a sinistra e anche oltre...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 20:21| 
 |
Rispondi al commento

ormai io penso solo che bisogna andare a votare e spazzare via la melma!in qualunque modo ma andare a votare e vedere se siamo ancora un popolo o siamo schiavi di un sistema corrotto e menefreghisti assoluti.per cui buon lavoro e al voto!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 04.06.17 20:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La dinamica dell'accaduto nella ricostruzione del prefetto e nei racconti di chi c'era. Qualche testimone dice di aver sentito urlare "bomba", ragione per cui alcuni tifosi in fuga pensavano al peggio: "Queste prime spinte aumentato ancora di più la paura e provocando una seconda ondata di persone". La procura apre un'inchiesta. Oltre 1.500 persone medicate, 3 feriti gravi...

Certo che si quarcuno sentiva dì..."er bischero"..nun succedeva.

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.06.17 20:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Danilo Toninelli :

Emanuele Cozzolino, Andrea Cecconi, io e tutti gli altri portavoce del MoVimento 5 Stelle siamo ancora al lavoro in Commissione Affari Costituzionali. Abbiamo già ottenuto grandi vittorie, come la cancellazione delle pluricandidature e quella dei capilista bloccati.
Ora andiamo avanti per ottenere altri miglioramenti. Vi chiedo solo di ricordare che non ci siamo solo noi a decidere. Oggi l'obiettivo è innanzitutto quello di permettere agli italiani di andare a votare con una legge finalmente costituzionale. E con questa legge impostata sul modello tedesco ci stiamo riuscendo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 20:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La vispa Teresa May; adesso basta! Abbiamo tollerato fin troppo.
Ritardo colpevole nel prendere misure, e quasi lamento di coccodrillo! Vallo a dire ai defunti ed alle loro famiglie!
I nostri buonisti ruspanti e caserecci, continuano a predicare accoglienza ed improbabile integrazione senza se e senza ma?
E il "santo?" Padre che se ne frega delle stragi di non musulmani nelle terre d'islam? A quando mea culpa?

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 04.06.17 20:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

I tiggì stanno creando un nuovo mito, l'ennesima notizia fasulla di distrazione di massa. Per i fatti di Torino, siccome non c'era nessuno attentato, ora hanno individuato come "possibile terrorista" "il ragazzo senza maglietta con lo zainetto che alza le braccia". Se questo è gironalismo serio...

Zampano . Commentatore certificato 04.06.17 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Il m5* è destinato a governare il paese e lo farà con qualsiasi legge elettorale in vigore. E magari questa non è ancora la volta buona. Mentre proseguono le trattative, chi e' italiano , con una dose adeguata di vita vissuta e sufficiente malizia, può dare uno sguardo d' insieme al contesto politico, aggiungendo un pizzico di sano complottismo e una spolverata di retropensiero a certi attori che appena cala il sipario si menano fendenti. "Chi" dice "cosa" e "perché" : niente è come vogliono fare apparire , se siamo italiani dovremmo saperlo, sono una banda di.. Boh , viene in mente il pezzo di m. che bacia le mani al verme mafioso. L' ultima è del minorato morale : se il brodo si allunga troppo circa le elezioni , allora c' è il tempo per la commissione sulle banche. Sembra un auspicio. Forse, invece, è una minaccia .

https://youtu.be/gp5JCrSXkJY

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 04.06.17 19:28| 
 |
Rispondi al commento

ma come mai i nostrani "sinceri democratici" non commentano gli attentati di questi giorni?

Er Caciara ..... Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 19:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma a 'a fine, nun sarà mejo er sistema Tonghese???..

"Ieri, gli abitanti dello stato insulare di Tonga hanno votato con un nuovo sistema elettorale, che ha consentito per la prima volta ai cittadini di eleggere 17 dei 26 membri del parlamento tongano. Il Partito Democratico delle Isole degli Amici, secondo le ultime proiezioni, avrebbe conquistato 14 seggi ottenendo la maggioranza assoluta nel parlamento. Il partito è guidato da ‘Akilisi Pohiva che si è battuto a lungo per ottenere riforme costituzionali nel paese che garantissero un assetto maggiormente democratico, riducendo i poteri della monarchia.
La svolta delle elezioni è arrivata nell’estate del 2008, quando è salito al trono il re George Tupou V, e segue una progressiva riorganizzazione dell’assetto istituzionale del paese. Prima delle elezioni di ieri, i membri dell’Assemblea Legislativa di Tonga erano indicati direttamente dal monarca, che aveva anche il potere di scegliere il ministro e i membri del governo. Solamente nove dei trenta seggi potevano essere indicati dal popolo tramite le elezioni, mentre altri nove seggi venivano indicati dai membri dell’aristocrazia. Il popolo non aveva dunque la possibilità di scegliersi democraticamente i propri governanti, cosa che viene ora consentita dalla nuova riforma della costituzione.
La monarchia ha dovuto cedere alle richieste della popolazione per una maggiore rappresentanza anche in seguito alle proteste del 2006, anno in cui nel paese si registrarono manifestazioni e tumulti. A Nuku’alofa, la capitale di Tonga, i manifestanti incendiarono alcuni edifici e la deriva violenta delle manifestazioni portò all’uccisione di otto persone".

I Tonghesi, se fanno rispetta'.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.06.17 18:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Senza voto di preferenza stanno solo allungando la tavola a nuovi ingressi. Da ecezzioni ad eccezioni si sa cosa si lascia e anche cosa si trova.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Franco Mas

Non mi sento rompicoglioni e non sono un trol, è proprio perchè ci tengo al movimento che temo non si possa governare se non c'è premio di maggioranza. Il 51% penso sia un'utopia anche se spero si realizzi. Comunque temo che con questo tipo di legge il mio voto diventi inutile. Spero solo di essere uno del 51%

cromwell nel suo pugno la forza del popolo, Zena Commentatore certificato 04.06.17 17:55| 
 |
Rispondi al commento

si è detto metà maggioritario metà proporzionale.
con la riduzione dei collegi si aumenta la quota proporzionale (i nominati)
porcellum sempre porcellum!!!

giuliano r., venezia Commentatore certificato 04.06.17 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Si sono fatti paragoni impropri tra il sistema elettorale italiano e quello tedesco o francese.
Non si possono fare paragoni tra Italia e Francia perché la Francia è una repubblica presidenziale e l'Italia è una repubblica parlamentare. Ma non si possono fare confronti nemmeno con la Germania, perché l'Italia è uno Stato unitario e la Germania è uno Stato federale (16 Länder). Il Parlamento (Bundestag) è composto da 631 deputati, eletti con un sistema misto: per metà in collegi uninominali con il sistema maggioritario plurality e per l'altra metà con il sistema proporzionale del quoziente. Metà dei membri del Bundestag è eletto direttamente dalle 299 circoscrizioni uninominali in cui è diviso il Paese. L'altra metà in base alla percentuale di voti ottenuta dal partito in ogni Land. Gli elettori dispongono di due voti: con uno l’elettore sceglie un singolo candidato all’interno del proprio collegio (con sistema maggioritario: chi prende un voto in più degli altri viene eletto), con l'altro sceglie una lista o un partito. Questo secondo voto (il più importante) stabilisce qual è la percentuale di seggi parlamentari che avrà ogni partito (con metodo proporzionale): chi prende ad esempio il 30% di secondi voti, avrà diritto al 30% dei seggi. I candidati della quota proporzionale sono scelti in listini bloccati: ce n’è uno per ogni Land.
In Germania il numero dei seggi è variabile, perché chi vince nel proprio collegio entra automaticamente in Parlamento anche se in numero maggiore rispetto alla quota proporzionale che spetterebbe a un partito.
Noi invece abbiamo numeri fissi.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Suggerimento: visto l'accordo tra le forze politiche, già che ci siamo mettiamo in costituzione, una volta per tutte, che ogni cambiamento della legge elettorale debba essere approvato dai due/terzi del parlamento. Così si smetterà finalmente di modificarla a colpi di maggioranza e secondo le convenienze politiche del momento.

Ferruccio B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.06.17 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Vero è che se non si raggiunge la soglia per governare da soli sarà un bel casino, toccherà inciuciare anche al MoV e alla fine questo sarà il vero problema. Ma al netto di ogni discorso voglio ringraziare tutti voi, stramaledetti e incontentabili rompiscatole, lagnosissimi iscritti e non iscritti, che avete portato questa baracca a diventare il primo schieramento italiano concretizzando un sogno che sembrava irrealizzabile. Tutto ciò è bellissimo anche se le elezioni non si vincono, mi basta vedere in tv le facce false degli ipocriti piddini che ostentano sicurezza e che invece se la fanno sotto davanti allo spettro di una rivoluzione pacifica ottenuta senza armi e sangue, qualcosa che mai avrebbero immaginato. Fottutissimi rompicoglioni vi voglio bene!

Franco Mas 04.06.17 17:28| 
 
  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 13)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sono un iscritto convinto 5 stelle, però proprio perchè credo nell'onestà del movimento chiedo mi sia chiarito un dubbio. Questa legge elettorale non contempla il premio di maggioranza, quindi anche se noi prendessimo il 40% e tre prendono 30% 30% 30%, noi non potremmo governare, a meno che non si prenda il 51%. Quindi dato che non sono tranquillo per questo meccanismo, c'è un portavoce che mi può tranquillizzare? E' come dico?

cromwell nel suo pugno la forza del popolo, Zena Commentatore certificato 04.06.17 17:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E poi fatela bene questa legge elettorale e prendetevi tutto il tempo che occorre..... Non bisogna avere alcuna fretta di andare a votare, lasciamo che i farabutti siano costretti a fare loro la legge finanziaria che ne vedremo delle belle!!

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 04.06.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

senza preferenze la legge è sempre legge per nominati , cosa esclusa da sempre da grillo che sarebbe successa!!ragazzi sono 12 anni che gli italiani non scelgono un deputato.
per noi sarebbe la prima volta .ma vogliamo ancora vedere in tv la boschi o fiano a prenderci per i fondelli??
con le preferenze anche gli elettori del pd potranno archiviare i brutti ceffi che li rappresentano.
perché anche noi abbiamo paura delle preferenze???


Soddisfatto del chiarimento. So benissimo che l'approvazione non dipenderà solo da noi, perciò vorrò chiarezza su quanto i nostri parlamentari voteranno. Se poi PD e destre varie con il nano, voteranno a maggioranza qualche altra cosa, dovrà essere detto chiaramente ai nostri elettori e simpatizzanti. Hanno la maggioranza e che si prendano le proprie responsabilità sulle leggi votate, ed eventuali porcate fatte!

adriano 04.06.17 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Toninelli:
"stiamo lavorando incessantemente"; "stiamo provando a inserire"; "spero di aver chiarito...".
*
... e NO, non hai chiarito l'unica cosa che doveva essere chiarita e che ci teniamo a leggere, cioè:

- se non passano gli emendamenti NOI NON CI STIAMO E SALTA IL TAVOLO, SALVO ESITO DI DECISIVA VOTAZIONE SU ROUSSEAU.

https://www.youtube.com/watch?v=U86kmChYxoY

dear jewel 04.06.17 17:12| 
 
  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 9)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sulla legge elettorale , per la quale avevo votato NO, mi astengo dal commentare per adesso: se ci sarà qualcosa da dire lo dirò alla fine dei negoziati
Fuori tema, ma non troppo, vedo che "cittadini?" Inglesi figliuoli di Allah continuano a scassare la m..chia. Mi raccomando con lo ius soli...

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 04.06.17 17:00| 
 |
Rispondi al commento

Senza preferenze il sistema elettorale non è costituzionale. A sancito fu la Corte Costituzionale nella sentenza 1/14. In quell'occasione anche il Mattarellum venne considerato incostituzionale nella parte che non prevedeva le preferenze. Se i correttivi devono essere compatibili con la Costituzione, allora senza voto di preferenza la compatibilità non c'è. La rappresentanza del Parlamento non è surrogabile con primarie e parlamentarie.

Giuseppe Maniscalco 04.06.17 16:53| 
 |
Rispondi al commento

ci vogliono le preferenze anche perché daremmo la possibilità a che vota pd e fi di eliminare le figure parassitarie inamovibili da decenni e forse con la nostra fermezza faremo,in quel senso,del bene al paese.
ma secondo voi con le preferenze i colonnelli di renzi sarebbero rieletti???boschi,fiano ecc..

francesco degni 04.06.17 16:48| 
 
  • Currently 4.8/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Grazie.Era d'uopo una ulteriore spiegazione.Il fatto che l'attuale proposta sia ancora un prototipo è più rassicurante.
Detto questo,la commissione saprà meglio come muoversi.
Avevo la fantasia del Maggioritario perché mi sarebbe piaciuto votare i candidati direttamente,ma in questo caso dovremmo inizialmente fidarci più del Movimento che dei candidati perché si è visto che alcuni soggetti politici hanno usato il Movimento per i loro opportunismi.
Oltre a voler fare "pulizia" di vecchie forze politiche.

Lorenzo Accornero 04.06.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento

Leggo che NON ci saranno capilista bloccati, quindi non avremo un parlamento di nominati.
Bene se è davvero cosī.

PS Quelli che in questo blog, in nome della governabilità, auspicano premi, sappiano che ciò non è democratico.
Il proporzionale puro è vera democrazia. Il resto è truffa per garantire 5 anni di bella vita a qualcuno.
Si rivota ad oltranza.
Berlusconi ed il pifferaio fiorentino se faranno l'inciucio faranno una fine miserabile. Ben venga il loro inciucio!

Franco Antinori 04.06.17 16:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

art 51 dell'attuale costituzione confermata da tutti i grillini iscritti o non.
tuti coloro che partecipano per accedere alle cariche pubbliche devono concorrere in condizione di parità...senza le preferenze nell'ambito della stessa lista questa condizione non è rispettata.
la preferenza non è tanto imèportante per l'elettore,che nella massima parte non conosce affatto i candidati,ma per i candidati che nel momento che sono nominati senza nessuna possibilità di concorrenza automaticamente si sentono parte di una classe a parte che deve rendere conto non agli elettori ma ai nominatori..
il movimento ''non deve avallare''e rendersi complice di questa stortura democratica.
il movimento ha centinaia di migliaia di seguaci che seguono la vita democratica ed ognuno di loro ha i propri followers,la somma fa milioni.con avallare questo tedeschellum il movimento la cui essenza è ''eliminare i privilegi di ogni tipo''
avallerà il ''privilegio prinncipe''quello della nomina dei parlamentari tradendo dieci anni di lotte portate avanti con il cupore da tutti i grillini con l'unico scopo di eliminare privilegi ruberie appropriazioni.
no al tedeschellum come disegnato dal pd...vogliamo le preferenze...pena la perdita del 30ì% minimo del consenso elettorale.
lasciate che i parassiti se la votino da soli questa nuova porcata.

francesco degni 04.06.17 16:19| 
 |
Rispondi al commento

VIA I CAPILISTA BLOCCATI!?

https://ettorecolombo.com/2017/06/01/cose-il-tedeschellum-come-funziona-il-vero-sistema-tedesco-la-corsa-verso-il-voto-dossier-sulla-nuova-legge-elettorale/

“Il primo eletto è il candidato che, nel suo collegio, ottiene il 50,1% dei voti validi (ma si tratterà di casi rarissimi);
scattano poi i capolista bloccati ...”

Direi un “rarissimo” STOP ai capilista bloccati ... un’impercettibile paraculata!

Patti Chiari 04.06.17 16:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

bravi! avete fatto la cosa giusta. avevate spaventato tutti, in primis grillo. servivano delle spiegazioni. avevo gia' pensato di votarvi e poi mollare tutto. servira' per la prossima volta. a volte bastano poche parole per perdere la fiducia ed altrettante poche parole per riacquistarla. non basta dire: fidatevi di me. la fiducia e' una bella cosa, ma non funziona proprio cosi'. guardate quelli che si sono fidati sempre del pd, hanno scoperto che hanno solo sete di potere e pensato interamente agli affari loro e non ai cittadini. per essersi fidati ci hanno portato nella situazione attuale tutti quanti.
buon lavoro e fate tutto il possibile. in alto i cuori.

rosanna scarpa 04.06.17 16:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bene x il tentativo di fare più chiarezza. Non fatevi prendere dalla smania e dall'illusione di elezioni veloci, per non ripetere errori dettati dalla premura. Caso EDF in Europa insegna. Tanto difficilmente verranno concesse elezioni anzitempo.

enrico caserza, sant'olcese (GE) Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 16:08| 
 |
Rispondi al commento

Via i capilista bloccati e le "pluricandidature".

Questo non è poco! Certo non sarà la legge elettorale sognata dal MoVimento ma, purtroppo sappiamo bene, a differenza degli orchi che seminano solo zizzania, che non abbiamo la maggioranza per approvare da soli una legge elettorale.

La legge elettorale si deve fare con tutto il Parlamento e solo così si potrà dare al Paese una legge costituzionale.

E' ovvio e resta fermo il punto che non ci fidiamo né di renzi né di di nessun altro individuo affetto da sclerosi partitocratica. Ma noi abbiamo fatto votare i nostri iscritti.

E quelli che non sono d'accordo e che hanno votato contro devono rispettare il voto della maggioranza degli iscritti che si è espressa, così come i nostri portavoce in Parlamento devono rispettare, nonostante i loro legittimi dubbi, il mandato che hanno ricevuto.

massimo m., Roma Commentatore certificato 04.06.17 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Quando si perde la via democratica per un mero calcolo elettorale, bisogna essere consapevoli delle conseguenze che si mettono in gioco.Tenete presente che ci sono migliaia di semplici elettori e simpatizzanti che si espongono alla critica dialettica in ogni ambito della vita '' normale''.Queste persone credono ancora che il metodo democratico non deve concedere nulla alla furbizia che purtroppo a contraddistinto la filosofia dei partiti tradizionali.Che a lungo andare spianerà la strada al prossimo regime!

mauro marennghi 04.06.17 15:31| 
 |
Rispondi al commento

Non so se il sistema tedesco potrà essere adattato alle istituzioni della democrazia italiana con cui interagisce, ma vorrei ricordare alcune tappe importanti della evoluzione del nostro sistema elettorale che mi sembra contraddicano quanto sembra essere al momento la scelta condivisa dai più. Nel 1993 il 77% degli elettori italiani si recò alle urne per votare l’abrogazione di alcune parti della legge elettorale proporzionale allora in vigore. L’82,74% degli elettori votò “Si” e con ciò dava avvio al sistema elettorale maggioritario. Pochi mesi dopo veniva approvata la nuova legge elettorale denominata “Mattarellum” che sanciva un sistema elettorale dove il 75% degli eletti risultava da un sistema maggioritario e il 25& da un sistema proporzionale.
La legge venne criticata dai presentatori dei quesiti referendari (partito radicale e movimento Mario Segni) per la parte proporzionale che non rispettava la volontà degli elettori. Un nuovo referendum venne proposto dagli stessi presentatori nel 1999 al fine di eliminare la parte proporzionale del 25%. Alla consultazione parteciparono il 49,6% degli elettori che si espressero per il "sì" al cambiamento (91,5%): erano circa 150 000 i voti mancanti per superare il quorum del 50%. La eliminazione della quota proporzionale non passò, ma la volontà degli italiani fu netta e chiara.
L’ultimo referendum di modifica della legge elettorale è quello Renzi/Boschi del 4 Dicembre 2016. Risultato: votanti 65% degli elettori residenti in Italia e all'estero – e una netta preponderanza dei pareri contrari alla riforma, che superarono il 59% delle preferenze espresse.
Gli italiani si sono espressi, quando chiamati, per un sistema elettorale di tipo maggioritario. Non comprendo perché si voglia ora votare un sistema proporzionale, se non pensando che la democrazia diretta è soltanto fumo negli occhi e una finzione inutile e costosa.

Antonio C., urbino Commentatore certificato 04.06.17 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

se fate saltare il tavolo diranno che avete paura del voto se accettate 1 compromesso sarete criticati per aver accettato ....comunque sarete criticati comunque ...che stress ..il mio voto resta al mov a prescindere punto

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 15:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

COOOSAA??? UNA LEGGE ELETTORALE SENZA PREFERENZE??? Dopo tutte le battaglie fatte adesso stiamo proponendo una legge elettorale senza possibilità di scelta dei candidati?? Ma stiamo scherzando? E mi sbaglierò ma non mi pare proprio che questo fosse evidenziato nelle votazioni online

Marcello Argiolas 04.06.17 15:06| 
 |
Rispondi al commento

*****
" Tutto quello che devi sapere della proposta di legge elettorale del M5S " Sarebbe interessante sapere quello che non si deve sapere delle proposte elettorali, questo vale per tutti i partiti.
Si deve rendere il politico uguale al cittadino normale, stessi diritti, stessi doveri, stessi sipendi a parità di incarichi e sopratutto stesse ore di lavoro proficuo e applicazione della legge 18 e lo statuto dei lavoratori anche per loro. A fine mandato cittadini normali e non presidenti di associazioni inutili e mangiasoldi e sopratutto non vederli più nei palazzi del potere ma pensionati che portano a spasso il cane. Forse lo fanno per volontariato e per il bene del popolo italiano. E'più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che ciò si avveri. Ancora una volta si stà facendo una legge elettorale per il bene dei partiti e non certo per il bene del popolo. Credo che ora il M5S stia passanso alla fase deL Partito 5S.

P.S. Nel clima attuale come si può autorizzare l'assembramento di migliaia di persone in una piazza? La partita si guarda a casa o al bar.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 04.06.17 14:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ce l'hanno fatta su alcuni emendamenti
Prima di far scattare il listino del proporzionale,si fa scattare il miglior perdente per cui i più piccoli non hanno la lista bloccata
Il capolista bloccato non esiste più:riparte dai collegi vincenti e si passa poi alla lista del proporzionale.E non ci sono le pluricandidature.
Il capolista bloccato scompare nel senso che non viene eletto di diritto ma dal 2° seggio in poi (il 1° va al candidato uninominale).
Non è passato però il voto disgiunto.
Il voto sarà semplicissimo: una scheda per il Senato e una per la Camera, una X per il Senato e una X per la Camera. Non ci sarà il voto disgiunto, ma un voto unico. Il sistema è al 100% proporzionale. L’elettore farà un unico segno sulla scheda sul partito dove c’è scritto il nome del candidato del collegio uninominale, il listino della circoscrizione sarà da 2 a 6 persone a seconda della dimensione della circoscrizione.
Abbasseranno il numero di firme necessarie per presentare le liste. E semplificheranno le procedure.
I parlamentari 5stelle sono riusciti a far cancellare capilista bloccati e pluricandidature.
Il collegio prevale sul listino.
“Ce l’abbiamo fatta: via pluricandidature e capilista bloccati – ha twittato il deputato del Movimento 5 Stelle, Danilo Toninelli – ora il sistema è tedesco. Ma cercheremo di migliorarlo ancora!”
I collegi non sono più 303 ma 225.
Non è proprio il sistema tedesco perché quello ha il voto disgiunto. Comunque la cosa positiva è l'eliminazione dei capilista bloccati e delle multicandidature. E' questo combinato disposto che genera i nominati dal capo del partito.
Le multicandidature sono ormai vietate in tutte le democrazie anche dove ci sono i listini corti bloccati (Spagna)
Ora bisognerebbe eliminare anche le liste civetta.
Comunque questa non è ancora la versione definitiva.
Travaglio, Gomez, Scanzi e Padellaro devono chiedere scusa per aver scritto che i 5stelle agivano in modo incostituzionale come il Pd.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se rimangono immutate le proposte finora formulate, per assurdo Caligola potrebbe ancora una volta rieleggere senatore il suo cavallo.
Di certo si guarderebbe bene dal definirlo “sistema tedesco puro”.
Nella fattispecie, adattandola al ronzino, lo definirebbe un sistema puro..sangue, pur mantenendo (ovviamente) le indennità istituzionali a favore della povera bestia.
Pensionamento anticipato (e in caso di immatura scomparsa) reversibilità alla vedova e ai puledrini orfani.
Insigni costituzionalisti delineano già alcuni profili d’incostituzionalità nelle proposte finora formulate. Se fosse vero, che facciamo? Andiamo a votare ancora una volta i nominati dal maschio alfa del partito tappandoci il naso.
E se poi la Consulta boccia la legge elettorale ci ritroviamo un parlamento eletto in modo incostituzionale, e dove, ovviamente, nessuno mai si dimetterà dalla carica istituzionale in modo da mantenere la poltroncina saldamente incollata al deretano con l’Attak.
Inoltre, anche se noi scegliamo con le parlamentarie, gli altri partiti no.
Io preferisco che anche i parlamentari degli altri partiti siano scelti con le preferenze, in modo da assicurare loro la facoltà d’interloquire liberamente in parlamento in nome del mandato ricevuto dagli elettori e non certamente un esercito di yesman a mezzo servizio, per conto terzi.

vito perri 04.06.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Facciamo un esempio, quel 40% di cittadini che sentono che questa legge elettorale non li rappresenta e che vorrebbero spiegare al M5S che con questa "schifezza" nessuno avrà una vera maggioranza per governare, soltanto un modo per organizzare grandi coalizioni spalmate su territorio quindi, sempre questi cittadini che sono l'essenza della vera democrazia in questo Paese si sentiranno ancora una volta liberi di non andare ai seggi perchè non rappresentati, voi come rispondete dopo anni di lotte contro la partitocrazia e gli inciuci programmati? Saluti ai tedeschi

Daniele Quattrini, Milano Commentatore certificato 04.06.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento

LICENZIAMENTO PER GLI ASSENTEISTI DEL PARLAMENTO.
TuTti i parlamentari che superano una percentuale ( es. 65%) di assenze nel Parlamento devono essere licenziati.
Il licenziamento non prevede alcuna votazione di consenso/ assenso nel Parlamento.
Se la causa è palese ed è riconducibile alla loro attività primaria prima che entrassero in politica il licenziamento è immediato.
Se la causa è palese ed è riconducibile a motivazioni che dimostrano disinteresse per la carica ricevuta il licenziamento è immediato.
Diversamente 1 mese di aspettativa, che non modifica la loro posizione nelle presenze e poi licenziamento.
I parlamentari licenziati non potranno rientrare in politica se non dopo 6 anni, a prescindere dalla durata della legislatura. Stipendio, vitalizi e pensione decadono.
I parlamentari licenziati saranno sostituiti da altri parlamentari, regolarmente votati nelle elezioni, senza portafoglio e a decadenza della legislatura la loro posizione decade.
I partiti o movimenti a cui erano iscritti i parlamentari licenziati saranno soggetti ad un abbassamento in percentuale dei finanziamenti attualmente in vigore nella legge dei
finanziamenti pubblici ai partiti.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.06.17 14:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ABOLITI I CAPISLISTA BLOCCATI E PLURICANDIDATURE!

Ottimo risultato! Continuiamo a lavorare

massimo m., Roma Commentatore certificato 04.06.17 14:28| 
 |
Rispondi al commento

le premesse elencate nel Post sono ottime.

Ora non possiamo che augurarvi un Buon lavoro.

Le polemiche sono a questo punto sterili e controproducenti: se ne riparla a giochi fatti

massimo m., Roma Commentatore certificato 04.06.17 14:17| 
 |
Rispondi al commento

ciao,ho' sempre pensato che Berlusconi era un danno per il paese ma almeno mi era simpatico,
renzi oltre che essere una sciagura per il paese e' pure antipatico,ma vorrei dire ai vari PRODI MONTI LETTA DOPO aver fatto i servi delle multinazionali tipo goldman sax,jp morgan eccetera (non so manco come si scrive)e avete devastato il paese ,non so' per quali fini oltre ai soldi che gia avete in abbondanza,almeno abbiate la faccia di scomparire ai nostri occhi,non andate in televisione a dirci cosa dobbiamo fare ,che ci avete preso per il cu lo abbastanza e la nostra pazienza potrebbe finire e magari un giorno un consiglio ..... ve lo diamo noi venedovi a cercare grazie

giuliano da jesi 04.06.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se il "governo" insiste tanto sui vaccini , sotto c'è la fregatura ! Hanno fatto di tutto per farci stare male e ora si preoccupano per noi ? Ma per favore ! Stiamo molto attenti !

vincenzodigiorgio 04.06.17 14:15| 
 |
Rispondi al commento

Questo sistema elettorale somiglia a quello tedesco quanto Greta Garbo a Tina Pica, tanto vale un bel voto in bianco e non ci pensiamo più.


mi sento imbrogliato. Ho votato per il sistema tedesco e mi trovo un merdinellum che non c'entra nulla. Pensavo che Grillo sarebbe intervenuto e lo ha fatto, per ribadire la fregatura. HO VOTATO IL SISTEMA TEDESCO, la volete capire, non le schifezze italiane.


Grazie Danilo, continuate così.
Mai come nelle possime elezioni, al popolo italiano le sarà chiara l'alternativa. La perdida totale della soberania, la sicura macanza di futuro insieme alla perdita del'essere italiano.
Col M5* e chi vorrà, la posibilità di far la guerra per difendere il paese.
Prepariamoci a dare il sangue, se necessario.

gennaro fu 04.06.17 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Negli anni '90 tutti a dare addosso al voto di preferenza accusato di favorire lo scambio politico/ mafioso/corruttivo, adesso tutti lo vogliono, come se i nostri problemi rusiedessero nella legge elettorale...

Mileva 04.06.17 14:05| 
 |
Rispondi al commento

Bene Toninelli rispetto al post pubblicato il 2/6, che mi dispiacque veder firmato Grillo e che commentai così.
Giusto, hanno votato gli iscritti, e anch'io, favorevole al modello germanico. In Germania ci ho vissuto e di quel modello ne so, lo reputo il migliore (o meno peggiore). Ma cosa riprende, di quel modello, la proposta del callido Fiano?
Passi pure che difettino gli aspetti di rilevanza costituzionale come il numero variabile degli eletti o la sfiducia costruttiva, che esigerebbero una Legge costituzionale.
Bene che l'impostazione di fondo sia proporzionalista, rispettosa delle scelte dei cittadini, e non maggioritaria come piacerebbe al mondo degli affari, anche se lo sbarramento al 5% è un premio implicito perché chi lo supera si pappa i voti di chi non lo supera e nel nostro caso è immaginabile che un 15% +/- resterebbe non rappresentato.
Non ci sono le preferenze sul listino ma nemmeno in Germania ci sono solo che le liste sono decise più democraticamente che da Renzi o Berlusconi.
Ma il diavolo è sempre nei dettagli: la proposta NON prevede il voto disgiunto né i tre mandati diretti che consentano di bypassare lo sbarramento del 5%.
Prevede invece multicandidature come nel peggio della tradizione partitocratica e priorità nell'elezione dei capilista in quota listino rispetto ai candidati unici di collegio.
La mancanza del premio nazionale di maggioranza per quanto ipotizzato nel nostro voto online come richiesta da avanzare non la ritengo una sciagura, sia perché distonico con la filosofia del modello sia perché ha troppo l'odore della bottega di chi (magari noi stessi) potrebbe arrivare primo.
Ma voto disgiunto, tre mandati diretti, unicandidature e priorità elettiva ai candidati di collegio sono elementi che, continuando a mancare, impedirebbero di richiamarsi al sistema germanico. Allora, siccome è per quel modello che gli iscritti si sono espressi, vorrebbe dire che la loro decisione non conta? Poco simpatico.
Marco Signori, Milano/Bagnolo in Piano

Marco S., Milano Commentatore certificato 04.06.17 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Il consenso politico si basa, soprattutto, sulla fiducia. Chi non nutre fiducia è bene che traslochi da qualche altra parte.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 14:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ufff... ci siamo giocati anche la Appendino :(

pz 04.06.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non ci interessa se il m5s fa le parlamentarie o no, dimostrate di essere diversi e difendete la rappresentatività anche di coloro che non vi voteranno. E poi il voto disgiunto non c'entra con il numero dei parlamentari! Se davvero volete recuperare dal bacino dell'astensione, puntate i piedi su questi 2 punti. Ve ne saremo (con una sola m) molto grati. Grazie, Marcello


Che io continuerò a votare M5S è fuori di dubbio.
Che io sarò perplesso se non modificherete quanto vorrebbe Fiano anche.
Poi, dalla perplessità a un cambio di idea ci vuole molto poco.
MAI CON LORO, A NESSUN COSTO. DEVONO ACCETTARE LORO LE NOSTRE PROPOSTE.
Pretenzioso? Forse ma io non voglio avere a che fare nulla con loro.
Tanto, sappiatelo, se dovessimo vincere con un proporzionale non cambierà nulla con qualsiasi sistema elettorale. Governeranno loro, le regole chiamano l'inciucio.
E allora non perdiamo la faccia. Duri senza ma.
Paolo Taverna, sto con te.

maidomo 1 Commentatore certificato 04.06.17 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Caro Toninelli, anticipo che ti stimo e ti voglio bene. Io credo che al di là di come chiameremo la nuova legge elettorale quello che effettivamente conta sono i suoi contenuti. Ritengo che al voto con il quale abbiamo acconsentito di portare avanti una legge "alla tedesca" si dovrà aggiungere un altro voto per accettare o meno la legge che uscirà dalla Commissione, aldilà di come la chiamerete. Altrimenti che facciamo votiamo su un progetto ipotetico e poi non ci fate votare sulla legge definitiva?

Maurizio Monti 04.06.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Basta pessimismo, è evidente che sono con Noi, non contro di Noi, aiutiamoli con le nostre critiche, ma ricordiamoci di essere uniti: sarà doloroso scendere a patti con i ladri e i disonesti, ma è politica, è saggezza per un cambiamento che progredisce in più fasi amici miei, iniziando dallo sporco.

Damiano Mancini 04.06.17 13:36| 
 |
Rispondi al commento

caro toninelli pensi veramente che il PD e FI ti facciano modificare i punti(1)(2)(3)(4) e5.ma..
credi ancora alla befana?Quetsi figuri non hanno mai
pensato ad una legge elettorale seria.Auguri..
Se la legge resta questa io non voto.

nino c., brescia Commentatore certificato 04.06.17 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Senza voto disgiunto non andremo da nessuna parte...Sul territorio sono più radicati loro, dopo tutti questi anni di regalie, tangenti, favoritismi, ecc... Con il voto disgiunto possiamo puntare al 40% ...

Stefano D'Onofrio, Zapponeta Commentatore certificato 04.06.17 13:24| 
 |
Rispondi al commento


Gent. Toninelli, non si disconosce l’impegno profuso fin qui dai cittadini attivi nel Movimento. Avete certo il merito di aver svegliato una buona parte degli Italiani dall’incantesimo che faceva accogliere come salvatori della patria personaggi avidi di potere che ci consegnavano senza possibilità di difesa nelle sgrinfie del neoliberismo selvaggio. Si temeva solo che trattare con politici in perenne contraddizione tra il proprio fine segreto e la loro infingarda apparente disponibilità potesse far perdere il senso del vostro impegno verso chi vi abbia votato pur senza essere iscritto. Una legge elettorale finalmente rispettosa del dettato costituzionale che permetta ai cittadini di non essere solo certificatori di giochi stabiliti nelle segreterie dei partiti può smuovere ancora una volta l’energia che portò alla vittoria del NO al referendum.

Cinzia C., Verona Commentatore certificato 04.06.17 13:23| 
 |
Rispondi al commento

mi scuso per il post di prima volevo dire gente attaccata alla poltrona da sempre.....

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Info:

Ciao,
oggi sabato 27 e domani domenica 28 maggio dalle 11 alle 19 si vota su Rousseau la proposta di legge elettorale del MoVimento 5 Stelle che sarà presentata in Parlamento.

Si tratta di un sistema proporzionale, con una soglia di sbarramento nazionale al 5%, così in Parlamento sono ammessi pochi partiti ma rappresentativi. La soglia alta rende sconveniente le spaccature interne per garantire governi stabili, duraturi e supportati dal consenso popolare.
Si tratta di una filosofia molto simile a quella del Democratellum, la proposta elettorale del MoVimento votata online dagli iscritti.
In sostanza, dunque: voto subito, niente coalizioni elettorali, proporzionale rigoroso sulla totalità dei seggi della Camera e soglia di sbarramento al 5%, provando a chiedere al tempo stesso che si rafforzino le prospettive di governabilità nel rispetto della Costituzione.

Per maggiori informazioni consulta il post sul blog

Su questo delicato e importante passaggio chiediamo a tutti i nostri iscritti di esprimersi:
siete favorevoli all’ approvazione di un sistema elettorale di impianto tedesco che sia rispettoso della Costituzione, eventualmente con l’introduzione di correttivi di governabilità costituzionalmente legittimi?

La consultazione online sarà aperta oggi e domenica dalle 11 alle 19 su Rousseau! Accedi subito per votare

Patti Chiari 04.06.17 13:14| 
 |
Rispondi al commento

Chiarimenti utilissimi !! Grazie !!
Premesso che ho votato e votero' CERTAMENTE per il M5 stelle, c'e' una questione che mi tormenta, e forse qualcuno di voi puo' delucidarmi.
Atteso che arrivare al 50% + 1 voto sarebbe bellissimo, ma allo stato attuale mi pare davvero un obiettivo molto difficile da realizzare, cosa capita dopo le elezioni ? Nessuna alleanza e' una scelta ineccepibile sotto il profilo etico, ma sotto quello pratico che significa ? Governo delle destre coese mi sembra improbabile, mentre mi parrebbe piu' che probabile un bell'inciucio PD + PDL, con le conseguenze catastrofiche, stavolta davvero devastanti per tutti noi cittadini. Io molto sommessamente mi chiedo e Vi chiedo, cari amici, se non sarebbe, anche se certamente sgradevole, cercare di iniziare a pensare ad un accordo con la Lega. Si , lo so, non e' etico, ma se l'alternativa sara' quella di consegnare il paese a due soggetti come berlusconi e renzi forse sarebbe piu' opportuno iniziare a riflettere su alternative concrete. Scusatemi se ho scritto una bestialita'.

carlo d., ZAPORIZHZHYA Commentatore certificato 04.06.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E se quella che esce, a pare degli esperti, è un'altra​ legge incostituzionale che fate?
La firmate e pigliate la vostra parte di paternità?

Giancarlo Gizzi 04.06.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Non sarà mai possibile che ci sia accordo ed approvazione generale su qualsiasi tipo di legge elettorale venga fatta. Però per chi si fida del M5S è giusto pensare che stiano lavorando bene e sicuramente non per danneggiarsi. Le ultime modifiche apportate ieri ne sono una conferma. Va bene così.

francesco 04.06.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

A TUTTI QUELLI CHE METTONO DUBBI ..SICURAMENTE PIDDINI..NOI ISCRITTI DEL M5S.CI FIDIAMO GRAZIE RAGAZZI ..MANDIAMOLI A CASA....IL PD E IL CDX SONO UN UNICA COSA DA SEMPRE SOLO CHE CON IL M5S IL TERZO INCOMODO SONO VENUTI ALLO SCOPERTO ...UNA BELLA X SUL SIMBOLO DEL MOVIMENTO 5 STELLE E LI MANDIAMO A CASA STI SCHIFOSI

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 12:58| 
 |
Rispondi al commento

grazie danilo

marco iacovelli, cassano magnago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 12:50| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

V A C C I N I

Intervista a Stefano Montanari (mercurio-glifosato-immunità di gregge minuto 46:18 è una bufala !)
Ha parlato al cospetto del Parlamento francese e al Parlamento Europeo sui vaccini, in I Taglia è considerato un complottista!!!
https://www.youtube.com/watch?v=KzeYBwze9bA&feature=youtu.be

DA FAR GIRARE A TUTTI I C O S T I

Nic 04.06.17 12:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GRILLO, DI MAIO, DI BATTISTA CI STATE CONDANNANDO AD AVERE RENZI COME CAPO DEL GOVERNO PER I PROSSIMI 5 ANNI.
Infatti, col sistema proporzionale tedesco non raggiungendo il 40% alla Camera e al Senato, addirittura al Senato essendo su base regionale, occorrerebbe il 40% in ogni regione, nessuna lista avrà mai la maggioranza dei seggi nei due rami del Parlamento per poter governare. Col sistema che state andando ad approvare rimarremo per sempre all'opposizione, Siete degli illusi: Mattarella vi darà l'incarico ma senza i numeri di seggi che fanno maggioranza non vi manderà mai alle camere per la fiducia. Subito dopo darà l'incarico a Renzi che farà un governo con Forza Italia e la Lega.
UNICA SOLUZIONE POSSIBILE EQUA PER TUTTI I PARTITI:
SISTEMA PROPORZIONALE CON SBARRAMENTO AL 3%
PREMIO DI MAGGIORANZA PER GOVERNARE RAGGIUNGENDO IL 40%
EVENTUALE BALLOTTAGGIO QUALIFICATO POSSIBILE QUANDO LE PRIME DUE LISTE RAGGIUNGONO INSIEME IL 60%.
Nota bene: La Corte Costituzionale ha dichiarato "incostituzionale" il ballottaggio senza un vincolo di qualificazione, cioè che la seconda lista potesse andare al ballottaggio anche con una picccola percentuale!

Edoardo Pellegrini 04.06.17 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Caro Toninelli,
io e milioni di italiani per bene non dubitiamo che voi siete e sarete i ragazzi di sempre. Ma, nonostante le tue spiegazioni i miei dubbi su questa legge reggono. E non vorrei che dopo aver votato Cinquestelle alle regionali in Sicilia, alle Europee e alle Politiche, dovessi rinunciare al voto a causa di una legge che, così com'è, rappresenta un regalo alla Nomenklatura. Spero che le vostre proposte passino in Commissione, a iniziare dal voto disgiunto. Altrimenti, con molta amarezza, passo io e sto a casa.

Enzo Raffaele 04.06.17 12:44| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo i commenti non si può non constatare che la campagna elettorale è già iniziata e la caccia ai voti altrui è in atto con tutti gli strumenti possibili, anche in forma di commenti "amici". Non ascoltate cosa raccontano altri e ragionate con la vostra testa.

Marco F., Nürnberg / Norimberga Commentatore certificato 04.06.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento

I piddini critici che hanno riempito il blog per condizionare i 5stelle per far saltare la legge stanno per essere schiodati dal Parlamento.

roberto b. Commentatore certificato 04.06.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento

Trovo questo post abbastanza inutile. Il 90% dei commenti critici al lavoro che si sta facendo in questi giorni sono di piddini preoccupati che tra tre mesi vanno a casa. Con questa nuova legge elettorale a settembre si vota e la loro rappresentanza parlamentare si dimezzerà. E' chiaro quindi che stanno facendo pressione sui 5Stelle affinchè facciano saltare tutto in modo che possano restare incollati alla poltrona altri sei mesi. FORZA BEPPE NON MOLLARE.

roberto b. Commentatore certificato 04.06.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Danilo, continuate a dare l'anima fino in fondo, nel far ciò sarete
alimentati dalla nostra anima che vi sostiene e riconosce il vostro
impegno.Ottimo chiarimento quello da te fatto stamani.Suggerisco di fare
questi chiarimenti,nonché il punto della situazione,in modo
periodico.Grazie Danilo, a te ed a tutti gli altri che lavorano
incessantemente nell'anonimato."

Giuseppe 04.06.17 12:40| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

Ma dove sono finiti le richieste di una legge elettorale con soli collegi elettorali uninominali, con divieto di candidature plurime e il vincolo di mandato.

Salvatore C., Napoli Commentatore certificato 04.06.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Intanto non ho trovato nulla di fasullo nella votazione, e tanto meno per il sistema tedesco, per quanto fino ad ora deciso, e cioè il proporzionale e la soglia al 5%. Tutto il resto non è ancora deciso e sono sicuro che i ns portavoce si opporranno a tutte le porcate che potrebbero essere proposte. Le prossime correzioni e modifiche potranno essere votate nuovamente sulla piattaforma. Non vedo giustificata tutta questa euforia pessimista sulla legge elettorale, non essendo noi per ora in grado di proporre un'altra legge elettorale che trovi il consenso di tutti. Qualunque sia la legge elettorale, i valori e gli obbiettivi dei 5S non cambieranno. Perché tutto questo pessimismo?
Danilo lo ha spiegato molto bene nel post.

Marco F., Nürnberg / Norimberga Commentatore certificato 04.06.17 12:38| 
 |
Rispondi al commento

L'avvocato Besostri ha già detto che così com'è la legge elettorale (merdinellum) è incostituzionale ed è pronto a farvela (PD+M5S+FI) rimangiare. Alla stessa maniera io, che valgo uno, non vi voterò più. E siccome ho famiglia, conoscenti e amici cercherò di convincere anche loro all'astensione.
ATTENZIONE: non sono un piddino ne un forzitaliota, e neppure un provocatore. Sono esattamente un iscritto certificato al M5Stelle.

sabino petilli 04.06.17 12:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In una legge elettorale votata dal MoVimento credo sia fondamentale rispettare il punto 3 della legge di iniziativa popolare "parlamento pulito" http://www.beppegrillo.it/2007/07/parlamento_puli_3.html

>

Il fatto che il MoVimento 5 Stelle faccia le parlamentarie non è sufficiente, credo sia il punto per cui si debba lottare maggiormente.

Fabio R., Roma Commentatore certificato 04.06.17 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Forza e buona fortuna, non sarà né semplice né facile far approvare una legge elettorale che sia rappresentativa della volontà degli Italiani.

Dario G. 04.06.17 12:26| 
 |
Rispondi al commento

Ma qua sistema tedesco? A parte lo sbarramento del 5% tutto il resto è solo ed esclusivamente "potere ai partiti" ... collegi uninominali, listini... ancora una volta un parlamento di nominati...... spero proprio non venga approvata questa nuova porcheria. Sarà il momento che non andro piu a votare.


Dov'è che si possono vedere i risultati, quesito per quesito, della nostra ultima votazione sul modello tedesco?

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 12:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima della votazione definitiva in parlamento sarebbe giusto chiedere l'approvazione degli iscritti, perché quello che è uscito fuori fino ad ora è diverso da ciò che è stato votato dagli iscritti.

Emanuela D., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 12:16| 
 |
Rispondi al commento

>.
Bene lavorate quanto e come volete ma se non riuscite a portare al movimento tornatevene con dignità e libertà. Altrimenti dovrebbe voler dire che abbiamo fatto parte di due diversi M5S. Io se non passano quelle schifezze importantissime per le quali siete stati eletti e per le quali vi ho dato il via libera al 5% di sbarramento, ho paura di ritornare a non votare per i prossimi decenni. Ed il mio voto vale quanto il tuo. Non di solo pane viviamo, soprattutto ci cibiamo di quella dignità che i liberi cittadini hanno a iosa.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È perfettamente inutile girarci attorno, non cambia niente, vogliamo la rappresentatività e poi la governabilità, non il contrario. La Merkel non ha preso il 51% dei voti ma governa egualmente quindi il Governo si ottiene dopo (e anche di questo occorre parlare). Per me il sistema migliore sarebbe stato l'uninominale maggioritario, 623 collegi (quanti i seggi della camera) chi vince anche di un solo voto prende il posto in parlamento. Invece per manipolare i babbei rovesciamo il volere popolare e "correggiamo" e poi "argomentiamo" ce la prendiamo in quel posto e dobbiamo anche ringraziare perché "è per il nostro bene" e si, a noi non è dato capire, siamo " bambini di 12 anni", copyright Berlusconi.

girolamo gentili 04.06.17 12:12| 
 |
Rispondi al commento

ci terrei a fare presente che non è prsente sul tavolo nessun sistema elettorale simile a quello tedesco...... così... per dire

claudio gardini, claudio.gardini@yahoo.it Commentatore certificato 04.06.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Caro Toninelli,

a parte che le pluricandidature e i capilista privilegiati mi sembrano elementi essenziali nella definizione di un modello elettorale,
e vero che il M5S fa le parlamentarie.

Parlamentarie che, come altri sondaggi, si svolgono sul S.O. Rousseau con il seguente modello/metodo:

poichè ogni iscritto abilitato al voto ha inviato copia della carta di identità,
chi gestisce il S.O. ha modo di verificare come vota Tizio, Caio e tutti gli altri.
Il S.O. non consente però ai votanti di verificare che i voti siano stati correttamente acquisiti e che i risultati comunicati siano perciò quelli reali.
Tizio o Caio possono dunque fidarsi, ma questo non c’entra niente con un Modello/Metodo Trasparente.

C’è da dire inoltre che il S.O. non consente agli iscritti di decidere cosa vada messo in votazione riguardo alla legge elettorale come riguardo al Programma o altre importanti questioni,
quindi Tizio o Caio possono anche adattarsi a votare direttive calate dall’alto,
ma questo non c’entra niente con un Modello/Metodo Orizzontale.

Buongiorno e buon lavoro.

Patti Chiari 04.06.17 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

..ricordatevi che in qualsiasi trattativa,..sino all'ultimo normalmente ci si presenta con le intenzioni di facciata ,che sono esattamente all'opposto... di quelle reali.
Solo alla fine si firma,.. quella che è l'intenzione REALE.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 04.06.17 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente per un profano, capire la complessità di una legge elettorale non è facile. Però quando poi la legge viene commentata e approfondita dagli esperti dei quotidiani, le incongruenze risultano molto chiare. Quindi sarebbe opportuno votare online la versione definitiva della commissione, prima che giunga in parlamento. E' molto scorretto affermare che gli iscritti hanno votato a larga maggioranza il modello tedesco quando tedesco non è. Posso capire che in politica ci siano dei compromessi sulle sfumature, ma mai sui principi

GUIDO 04.06.17 12:01| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per gli opportuni chiarimenti. So di essere in buone mani e quindi fiducioso che Danilo Toninelli saprà gestire al meglio gli interessi del M5S. Buon lavoro!

Gianni M., Cagliari Commentatore certificato 04.06.17 12:00| 
 |
Rispondi al commento

TRAVAGLIO
“A chi servono infatti la precedenza dei nominati sugli eletti, il divieto di voto disgiunto e le multicandidature-paracadute? Ai partiti che devono garantire l’elezione sicura ai servi del capo di solito impopolari e invotabili, anche perché spesso sono in Parlamento dalla notte dei tempi. Non certo ai 5Stelle, che non hanno di questi problemi: non sono inseguiti da eserciti di veterani a caccia di un posto, perché non ricandidano nessuno dopo due mandati."

Per esempio, Verdini, condannato e plurindagato, è in Parlamento dal 2001.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Va bene che ci voglia una legge elettorale ma le preferenze non i nominati io non ci capisco un tubo di colleggi e cazzate varie io so una cosa che se ci saranno i nominati anche dopo che si vota 2/3 del parlamento rimarrà invariato ci ritroveremo Boschi e compani, almeno che il popolo del non voto decida da dare un po di dignità a questo paese cosa molto improbabile ma non impossibile di raggiungere il famoso 40% lo so che anticostituzionale e antidemocratico e che non accetterranno di abbassare al 35% ma questo paese non ha il lusso di aspettare ancora 5 anni di Renzusconi perfavore non fate passare il messaggio del meno peggio qui ci vuole uno che vince e che dopo le elezioni si assume la responsabilità di guidare questo paese siete ultima speranza.A proposito almeno non fate scattare 4 anni 6 mesi e un giorno per il vitalizio cosa che non se ne parla più purtroppo.

Roberto pietropaolo 04.06.17 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo Grillo, come cittadino devo avere il diritto di esprimere la mia volontà e scegliere un candidato di mia fiducia. I migliaia di clic che hanno votato per il presunto sistema elettorale tedesco non possono sostituirsi ai milioni di cittadini che hanno espresso fino adesso fiducia al M5S. Cercate tutti di capirlo !!!...

roberto camporesi 04.06.17 11:54| 
 |
Rispondi al commento

Per me la soluzione migliore è un proporzionale con le preferenze e con lo sbarramento al 5 per cento. Tipo quello che avevamo ai tempi della democrazia cristiana e del partito comunista ma con in più lo sbarramento e senza quindi quella miriade di partitini. Garantisce la democrazia e la rappresentivita'. Costringe le forze politiche vincitrici ad una costruttiva dialettica per trovare degli obiettivi comuni e perseguirli. Le leggi sarebbero in numero minore ma più ponderate. E se non dovessero trovare un accordo si andrebbe ancora al voto. Senza vergogna o timori ma per normale esigenza democratica.

Massimo Toso 04.06.17 11:52| 
 |
Rispondi al commento

Cari M5S, Io voglio decidere chi sarà il candidato da eleggere votandolo nei seggi elettorali, non iscrivendomi ad un gruppo che fa le prime elezioni. Non ha senso dire che voi fate le vere primarie, perché se farete passare questo modello, ci ritroveremo sempre i soliti candidati di Pd, pdl, lega, con l'aggravante dello sbarramento al 5% che cancellerà le voci fuori dal coro. Se voglio votare M5S Di Battista, devo poter scegliere sia l'uno che l'altro, non avere una lista che fa scattare Di Battista sia che lo voglia sia che non lo voglia. Voglio VOTARE, e non essere preso per il culo, e sapete cosa voglio dire. Il rapporto con voi non è fondato, ad oggi, sulle raccomandazioni e i favoritismi, quindi è solo la nostra percezione della vostra onestà e buona fede che vi fa andare avanti. Non ci fate cambiare idea. Avete voluto imposimato? Non utilizzatelo solo come salvacondotto. Ascoltate quello che dice, non è un cretino qualsiasi.

giuseppe marcello parisi 04.06.17 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Mauro Rossi: La lotta contro il parlamento di nominati è l’ELEMENTO ESSENZIALE, fondamentale del modo di concepire la vita politica per il M5S: questo è uno dei FONDAMENTALI motivi per cui il Movimento ha raccolto tanti milioni di voti; un cedimento su questo punto sarebbe interpretato dagli elettori come un cedimento al "solito" modo di fare "politica" (cioè farsi gli affari propri, non gli affari dei cittadini).
Toninelli non se la può cavare scrivendo che "ci proveranno" a reintrodurre le preferenze: Toninelli ci deve ASSICURARE che il Movimento NON voterà la legge se gli elettori non potranno scegliere i candidati: lascino questa pesantissima responsabilità agli altri, ai "soliti": gli elettori sapranno valutare questa responsabilità.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo coscienza del grande lavoro che state facendo è certo non dubitiamo del vostro impegno e della vostra onesta'. Purtroppo avete a che fare con branchi di lupi affamati e senza scrupoli, attenti solo ai propri interessi di bottega. Bisognerà' vedere cosa verrà fuori dalla lotteria degli emendamenti perché', come è noto, il diavolo si nasconde sempre nei dettagli. Correttezza democratica vorrebbe che gli iscritti venissero consultati sul testo finale, prima della sua votazione in aula.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 04.06.17 11:45| 
 |
Rispondi al commento

La Corte Costituzionale era stata chiara nel dire che, se non ci fossero state le preferenze, il sistema scelto sarebbe stato incostituzionale ma Fi e Pd sono incrollabili nella difesa delle loro poltrone e nella violenza con cui intendono circondarsi solo di persone nominate da loro calpestando la democrazia, per cui insistono nella loro volontà perversa di fare listini con capilista nominati dall'alto. La democrazia deve far loro davvero paura se da 30 anni non demordono da questa condotta incostituzionale. E siccome la sentenza della Corte si fa aspettare diversi anni, in tutto quel tempo continuano a governare in modo illecito e illegittimo.
Possibile che gli italiani non riescano a capire che questo partiti lavorano per se stessi e contro di noi?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

Non si devono accettare CAPOLISTA BLOCCATI e PLURICAMDIDATURE.,per tanta gente in buona fede sembrerebbe l"inciucio tra il movimento e renzusconi.Non dobbiamo cadere in questa trappola che sarebbe letale per il movimento.Vogliono una legge su misura che se la votassero.Così sempre un numero maggiore dei nostri concittadini capiranno la differenza tra noi e renzusconi.IL MOVIMENTO e' l'ultima possibilità di recuperare il nostro paese.CARO BEPPE s sbagli la responsabilità sarà tutta tua e le conseguenze le pagheremo TUTTI NOI

undefinedfrancesco Fazio 04.06.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

In risposta al coglioncello dell 11:21
La settimana si è conclusa con tanti suc-cessi.
Rentoloni(il mio idolo preferito)
Firmato l’accordo CETA(giornata del cetriolo)
Sala ha fatto un buco nell’eXpo…si attendono le ricadute dei morti.
La Pino… ha aumentato le vendite delle armi(azione pacifista)
Alla Consip…. Amici fidati,si attendono le decisioni dei Giudici.
Tiziano è rientrato a casa,ma non ai domiciliari ,dopo accordi con la madonna.
La moglie del bischero sta bene a scuola(sottocasa).
Padovan…dell’ostia ha già preso accordi con l’ UE per finanziare il Monte.
Le trivelle continuano a esplorare pure i parchi naturali.
L’Ilva continua a inquinare nonostante i premi governativi.
La Fiat,con il marpione… sta perdendo pezzi…ma è straniera.
Applaudito Trump,nonostante le avversità proclamante prima delle elezioni USA.
Sfilata a Taormina dei più grandi d’europa,l’Italia però ultima.
A Pescia il sindaco arrestato può governare dal carcere.
Regalati a Barbanera 8 milioni di euri(grazie a Rezusconi)

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.06.17 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Era pacifico che avreste lavorato per inserire questi correttivi. Non è certo che ci riusciate.
Mettete al voto tra gli iscritti quanto uscirà dalla Commissione. Un semplice: accettate si o no.

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento

Londra, furgone sulla folla e passanti sgozzati: sei morti e 48 feriti. Gridavano: "Allah akbar"

***********

Allah è anche il dio del sindaco di Londra...

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Euripide
Sicuramente il sistema massimo che garantisce la governabilità (ma che tutti i politici temono come la peste) è il Sistema Inglese Maggioritario: tutti collegi elettorali uninominali, con divieto di candidature plurime. In pratica significa che anche i segretari o capi di partito (e i loro giannizzeri) non sono affatto sicuri di essere eletti in partenza. Così ogni candidato è costretto a presentarsi in un solo collegio, di fronte agli elettori di quel determinato territorio e lì andare ad esporre le proprie idee, sapendo che ha solo una e una sola possibilità di essere eletto. In pratica nel sistema inglese ogni deputato in carica deve ricordarsi tutte le mattine, prima di uscire, che verrà il giorno in cui dovrà dare conto delle sue scelte agli elettori del suo collegio. Fatto questo, può aggiustarsi la cravatta per andare in Parlamento. Questa sarebbe l'unica legge elettorale libera e democratica a favore dei cittadini, perfettamente adatta ai tempi visto che, peraltro, il lavoro non è più garantito a nessun italiano. Perciò, non dovrebbe esserci nessuna garanzia assoluta di essere eletti, per nessun candidato politico.
(Io: Confermo. Mia figlia vive a Londra e ha la doppia cittadinanza italiana e inglese, sceglie lei il suo candidato, anzi la circoscrizione in cui viene eletto ha uno stretto rapporto con lui e riferisce a lui una volta la settimana direttamente per presentare richieste o proteste e il candidato ha un rapporto costante con i suoi elettori. Noi al contrario dovremmpo essere obbligati a subire i candidati scelti dai capipartito, e gli eletti non hanno più rapporti con noi, a meno che non siamo lobbye o potenti, possono tranquillamente calpestare le promesse che avevano fatto oppure transitare in altri partiti o delinquere senza che ricevano alzun danno).

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento

ho votato sì per il sistema "tedesco". Il quesito era fasullo e serviva solo ad ottenere libertà di manovra. Il comportamento di grillo mi sembra orientato a votare ad ogni costo, giocandosi anche la faccia e la credibilità, immagino che speri di arrivare al 40%. Ora sono incerto se votare 5s alle prossime elezioni, dipenderà da come si opporranno ai progetti del bullo di rignano sulla legge elettorale. se grillo ha fatto male i conti, secondo me il movimento si è giocato il proprio futuro immediato

Umberto G. Monti, Milano Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Maurizio
E' incredibile.......tutte le leggi elettorali degli ultimi 30 anni e anche quest'ultima in particolare che i partiti stanno manipolando, configurano una sorta di competizione, di concorrenza, di contrapposizione del tutto anticostituzionale e democraticamente illegittima fra gli interessi dei partiti e gli interessi della popolazione, degli elettori e dei cittadini. La politica e' riuscita a costituire un confine illegale fra se stessa e la cittadinanza, facendo prevalere i propri nominati ai seggi parlamentari rispetto alle persone che i cittadini non possono indicare ne votare, e anche se riuscissero a votare liberamente qualcuno, ecco che interviene un calcolo del tutto arbitrario con un logaritmo che permette ai nominati di scavalcare i votati dalla gente e ad occupare tutti i seggi disponibili abusivamente rispetto al diritto di rappresentanza parlamentare della gente. Ecco ancora una volta una ennesima legge truffa ai danni degli italiani.
Vergognatevi traditori della Repubblica italiana e della Costituzione!
.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento

chiarite bene perchè stanno facendo come al solito propaganda contro il m5s, non possiamo permetercelo

anna quercia, piancogno Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S chiede il voto disgiunto e l’eliminazione dei capilista bloccati“. Anche Sinistra Italiana chiede il voto disgiunto. Esso prevede la possibilità di esprimere due voti, uno per la scelta del partito, l'altro per la scelta del candidato. L'elettore può esprimere la preferenza anche per un candidato di un partito diverso da quello scelto. L’avvocato Besostri, che ha fatto respingere dalla Consulta prima il Porcellum e poi l’Italicum come incostituzionale, dice : "Senza correttivi che evitino il voto congiunto, il testo della legge elettorale proposto da Renzi e Berlusconi rischia di essere incostituzionale. Il sistema proposto fin qui viene chiamato 'alla tedesca', ma non gli somiglia affatto, gli somiglierebbe di più col voto disgiunto.Questo è anche il punto più controverso per la legittimità costituzionale. Per ridare qualche possibilità di scelta agli elettori ci deve essere almeno la possibilità di non votare per la lista o per il candidato dell’uninominale che non si gradisce, scegliendo una lista non collegata .Per non avere un Parlamento tutto di nominati dai partiti occorrono due emendamenti, uno che prevede l’introduzione di preferenze nella lista proporzionale e l’altro di poter cancellare i nomi dalla lista bloccata in modo da invertire l’ordine di presentazione così, se c’è un capolista che ottiene il 20% di cancellature, passa al secondo posto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.06.17 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente un pò di chiarezza, volevo chiedertela sulla tua pagina facebook ma mi hai bannato ingiustamente (Luca Fusaro). Adesso, perfavore, un pò di rispetto verso chi è arrivato primo o secondo alle proposte di legge su Lex Iscritti. Ci sono alcune proposte che state scrivendo e altre no. Come mai questa differenza? L'impegno ce l'abbiamo messo tutti, bisogna rispettare gli iscritti che hanno votato tali proposte.

Lucas Fusaro, Rende (CS) Commentatore certificato 04.06.17 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Beh,comunque visto che ormai fate l'Inciucio a Tre, dire "Siamo sempre gli stessi ragazzi che danno l'anima per il bene del Paese" mi sembra un tantino esagerato

Alfio Barca, Ri Commentatore certificato 04.06.17 11:29| 
 |
Rispondi al commento

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/06/03/pulmino-contro-pedoni-su-london-bridge_71f67dc7-0aaf-4a84-b005-76bdef3aca70.html

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 04.06.17 11:29| 
 |
Rispondi al commento

..allah nostro che sei nei celi dacci il nostro attentato quotidiano (UK)

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 04.06.17 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo e giusto puntualizzare. Turatevi il naso ma occhi e orecchie ben aperti. Mobilitate tutte le risorse disponibili (nessun dorma), comunicate e avrete feedback.

Marco Facchinetti Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 04.06.17 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Io rimango basito da certi commenti critici che commentano al microscopio i tentativi dei portavoce di trovare un’intesa sulla legge elettorale, una legge che dovrà essere necessariamente condivisa altrimenti si vota alle calende greche! Qualcuno si dimentica con chi abbiamo a che fare, cioè coi fautori dello “status quo”, e riuscire a spulciare una legge appena decente sarà un miracolo. Altra storia sarebbe se al governo ci fosse il MoV, anche questo a me pare ovvio ma forse non ancora a tutti. L’Italia è sempre stata il Paese del “meno peggio”, in questo momento negare il sostegno al MoV con prese di posizione “idealistiche” è pura follia.

Franco Mas 04.06.17 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Non è la migliore legge elettorale. ma accettabile purchè si voti, infine. Assolutamente no alle multicandidature e alle "bloccate".

Leonardo Cirasole 04.06.17 11:10| 
 |
Rispondi al commento

VI PREGO state attenti al Gatto (Matteo) e la Volpe (Silvio).

Il compromesso è necessario nella vita..professionale, di coppia, politica...

Ma attenzione a non eliminare alcuni capisaldi della governabilità:
- preferenze
- premio di governabilità a chi prende più voti

Massia Ellecibò, Veneto Commentatore certificato 04.06.17 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Scusate ma senza il premio di maggioranza non rimarrà il problema dell'ingovernabilita`?

undefined 04.06.17 10:56| 
 |
Rispondi al commento

Bene tenete duro e portiamo a casa le modifiche da te specificate e da noi votate , non transigete sia sulle pluricandidature che sul voto disgiunto e sull'elezione del più votato nel collegio ; sulle preferenze se non si raggiungesse l'intesa bisognerà spiegare la nostra posizione . buon lavoro

mimmo f., policoro Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 04.06.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Ottima spiegazione, bisognerebbe chiarire meglio sulle nomine , collegi ecc. per la persone che non sanno in particolare come funzioni in genere il meccanismo elettorale. Mi auguro che tutto si realizzi secondo il migliore dei modi e che i soliti noti non architettino qualche altra scappatoia per gabbarci.

Giovanni F. Commentatore certificato 04.06.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento

le preferenze sono un aspetto importante : capisco il gioco e la dialettica nel parlamento. la "casta" vuole poter salvare il c. ai suoi fedeli.
per bloccare o ridurre questo scempio BISOGNA VOTARE IN MASSA IL M5S più voti ci saranno meno nominati dai partiti della casta ci saranno e noi le preferenze la esprimiamo in rete : non è chiaro ?

Carlo ., Padova Commentatore certificato 04.06.17 10:34| 
 |
Rispondi al commento

Prendo spunto dalle osservazioni giustissime di Danilo per un'osservazione, visto che il PD, a parole ( sappiamo che i fatti in quel partito sono disgiunti dalle parole) è favorevole a tutte quelle modifiche che farebbero di quella bozza votata dagli iscritti una vera legge elettorale, staniamoli, Poiché i nostri rappresentanti chiedono di inserire il voto disgiunto, di vietare le multicandidature e di dare la precedenza agli eletti uninominali sui capilista bloccati, e la preferenza al posto dei listini bloccati dal capo vediamo se sono disposti a votarla in parlamento così si capirà se il patto del nazareno 2 è vivo e vegeto e regna tra di noi.

Stefano M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 04.06.17 10:30| 
 |
Rispondi al commento

"le pluricandidature, né i capilista privilegiati... non sono elementi essenziali nella definizione di un modello elettorale"

mah... sempre peggio :(

pz 04.06.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Nel governo i politici fanno i politici, i ministri fanno i ministri. Il Pres. Della Repubblica nomina i cavalieri del lavoro(!), noi nominiamo I Cavalieri del Fare Quotidiano. Auspico,a fianco di coloro che si candidano, le migliori figure rappresentative, che abbiamo nelle infinite categorie sociali. Io voto M5S, ma vorrei vedere le figure migliori del Paese nel e intorno al Parlamento. Il politico garantisce, ma la realizzazione di progetti immediati, può avere il supporto di esperti che vivono le realtà delle cose quotidiane. Non sponsor, non veline/i,non fantasmi prestanome dietro i politici, ma una rappresentanza riconosciuta, coinvolta direttamente nella realizzazione di progetti innovativi immediati che permettono un cambiamento culturale nel Paese, nelle loro aziende e di fare nuova impresa. Invece di dare consigli in tv, scrivere sui quotidiani, è ora di fare, non serve la tessera. M5S, porte aperte. Da subito, mettiamo 100 categorie sociali e per ognuna 20 rappresentanti del mondo Italiano,i migliori, ma anche i migliori da esempio nelle piccole categorie, senza alcuna discriminazione. Mettiamoli in rete ( autorizzati ) e diamo la possibilità ai cittadini di votare, iscritti e non iscritti. Mi permetto di fare alcuni nomi: L'imprenditore Della Valle, Il Maestro Muti, La Scienziata Gianotti, Rubbia, Don Ciotti, Poeti, Ricercatori, ecc.. Basta Scilipoti, Razzi, Santanchè , Ghedini, Barbareschi & company.... Basta..politica delle parole in tv.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.06.17 10:27| 
 |
Rispondi al commento

Quant'è bello Merdinellum, incostituzionale tuttavia, chi vuol restar Grillino stia, del doman non v'è certezza.

Mauro T., Ventimiglia Commentatore certificato 04.06.17 10:15|