Il Blog delle Stelle
#ProgrammaGiustizia: Magistratura e Politica, separazione delle carriere

#ProgrammaGiustizia: Magistratura e Politica, separazione delle carriere

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 132

La separazione dei poteri è alla base di ogni democrazia moderna. Per questo è fondamentale che il confine che separa la politica e la magistratura sia netto e perfettamente delineato. Un magistrato è certamente libero di dedicarsi alla politica e di essere eletto all'interno delle istituzioni ma, dopo la parentesi politica, può tornare in magistratura giudicante o requirente? Il quesito che vi sottoporremo vi farà scegliere tra due opzioni: quel magistrato non può tornare oppure può tornare dopo un congruo termine di almeno 5 anni.

di Umberto Monti, Sostituto Procuratore della Repubblica

I rapporti politica magistratura sono estremamente delicati e sono disegnati anche a livello costituzionale come una autonomia e indipendenza della magistratura dalla politica.

Quindi le regole che consentono il passaggio di un magistrato alla politica e viceversa, devono essere particolarmente trasparenti e chiare, per garantire sia la politica da un'immagine di possibile strumentalizzazione del magistrato, e sia la magistratura da qualsiasi dubbio sulla sua imparzialità e indipendenza. Perché altrimenti ci possono essere delle opacità e delle criticità che sono arrivate abbastanza in evidenza.

Il tema riguarda tre aspetti fondamentali. L'accesso, quindi l'accettazione di una candidatura da parte del magistrato. L'accettazione di una designazione, che è cosa diversa perché una candidatura comunque passa attraverso un elettorato, un voto, invece la designazione a ministro, assessore regionale, provinciale, comunale è una designazione politica. Quindi l'accettazione di questa destinazione. Cosa succede durante l'espletamento del mandato. E poi il tema molto delicato del rientro dall'esperienza politica, perché si deve evitare che il rientro possa comportare un appannamento dell'imparzialità del magistrato, possa sembrare un premio, possa portare a strumentalizzazioni e a erodere in qualche modo la credibilità sia della magistratura sia della politica.

Quindi è molto importante farle queste regole, e in effetti c'è un vuoto normativo a riguardo, che va sicuramente riempito, e che la magistratura ha chiesto che venisse riempito.

Come buon senso, e come peraltro previsto dalla Costituzione, non si può pensare di vietare a un magistrato di avere un incarico politico o di creargli ostacoli eccessivi che comportino una sorta di divieto. Perché il magistrato può portare alla politica un contributo di trasparenza, un'attenzione, una sensibilità alla legalità, una sensibilità tecnicamente qualificata per come vanno fatte le leggi, guardando ex-post come le leggi vengono applicate e quali criticità ci sono.

Quindi impedirlo sarebbe il contrario al buon senso, perché lo si impedisce semmai a persone che hanno precedenti penali o che portano degli interessi non trasparenti, non alla categoria dei magistrati. D'altra parte c'è la Costituzione che prevede l'accesso alla politica per ogni cittadino, anche quindi i magistrati, e prevede anche la conservazione del posto.

Detto questo l'attuale situazione è normativamente carente e c'è una legge in Parlamento che è in discussione. Questa legge, secondo tutta la magistratura associata, risolve le criticità che riguardano l'accesso alla politica da parte del magistrato cioè l'accettazione delle candidature e l'accettazione di incarichi politici e cosa succede durante il mandato.

Attualmente, tranne alcune regole che il Csm si è dato per mettere delle regole dal punto di vista temporale e territoriale per queste fasi, la legge prevede solo delle regole chiare e nette per le candidature al Parlamento, quindi Camera e Senato. In questo caso c'è l'obbligo di essere in aspettativa quando si accetta la candidatura, e non ci si può candidare nella stessa circoscrizione dove si è esercitato, per un certo periodo di tempo, l'attività giudiziaria. E durante il mandato c'è l'obbligo per il magistrato che viene eletto di mettersi in aspettativa, cioè di andare fuori ruolo e non esercitare più funzioni. Questo è risolto già dall'attuale legge.

Dove la legge invece non risolve il problema è la fase di rientro che si pone in quattro diversi aspetti:

- il rientro del magistrato che si è candidato e non è stato eletto;
- il rientro per il magistrato eletto;
- il rientro per il magistrato designato per un incarico politico o amministrativo;
- il rientro per il magistrato che è stato designato per un incarico di stretta collaborazione con il potere politico o amministrativo o nelle cosiddette autorità di indipendenza.

L'attuale normativa è carente perché consente comunque il ritorno, seppur con ostacoli e con dei limiti di tipo temporale e di tipo locale o territoriale, il rientro all'esercizio di funzioni giudiziarie.

La magistratura associata, nella sua maggioranza, ha ritenuto in un documento anche recentemente approvato, che se si ha un'esperienza politica, (quindi non il candidato non eletto) il candidato eletto o il magistrato designato all'incarico politico di ministro, assessore, non possa più esercitare funzioni giudiziarie.

Una separazione netta che non è un ostacolo ma è un mettere un accento sulla necessità di garantire trasparenza, alla politica e alla magistratura.

Residualmente si può anche pensare a un periodo di tempo congruo, entro il quale il magistrato non possa esercitare funzioni giudiziarie. Questo secondo aspetto potrebbe essere valutato, per esempio, in relazione al candidato non eletto. Per il candidato non eletto si potrebbe pensare ad un periodo limitato e congruo di non esercizio di funzioni giudiziarie, per poi tornare a fare funzioni giudiziarie, evidentemente non nella circoscrizione nella quale si è candidato. Questo potrebbe risolvere seppure in maniera netta, le criticità e le possibili opacità che ci sono.

L'attuale legge che è in discussione in Parlamento non le risolve, perché prevede un rientro alle funzioni giudiziarie che potrebbe essere portatore di criticità varie.

Ultimissima cosa riguarda invece i magistrati che sono destinati ad incarichi di alta collaborazione, che sono le autorità indipendenti, o stretta collaborazione del ministro, o del Parlamento, del Senato, delle commissioni di inchiesta.

In questi casi attualmente non c'è alcuna regola per il rientro. Eppure si tratta di persone che vengono scelte della politica e poi tornano a fare i magistrati.

La legge in discussione prevede che per un anno questi magistrati possano rientrare nelle funzioni giudiziarie ma non possano essere nominati ad incarichi direttivi e semidirettivi, per non dare l'impressione che ci sia un premio.

Io credo che si potrebbe pensare a una soluzione, che mi sembra congrua, (attualmente non ce n'è, ma c'è solo il Csm che detta le regole) di estendere questo periodo, per questa tipologia di incarichi, forse a uno, due, tre anni per i quali non è possibile avere un incarico direttivo o semidirettivo.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

15 Lug 2017, 10:00 | Scrivi | Commenti (132) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 132


Tags: m5s, magistratura, politica, programma giustizia, separazione carriere, Umberto Monti

Commenti

 

PRESTITO OFFERTA DI DENARO SUL SERIO E ONESTO


Ciao Signora e Signore;
Io sono un individuo che concede prestiti a qualsiasi persona che desideri un
assistenza finanziaria. Questo è un prestito tra particolare con condizioni
beh, semplice. La mia offerta è compreso tra 2.000 euro e di euro 8.000.000. Il mio tasso di
di interesse per tutta la durata di questo prestito è del 3% e il rimborso è
fatto su base mensile.
Se qualsiasi volta siete interessati, vi prego di contattarmi tramite il mio indirizzo e-mail al seguente indirizzo:
micheleadante@gmail.com / +1 929 222 7884 Whatsapp solo

MICHELE ADDANTE 19.07.17 23:26| 
 |
Rispondi al commento

Bisogno di soldi per risolvere i vostri problemi finanziari? Ci sono investitori privati e abbiamo messo a vostra disposizione prestiti personali a un
aliquota forfettaria del 2 %. La concessione di tale credito è di 10 mila euro a 50 milioni di euro . L'assicuratore è tenuto a pagare il 15% di rimborso una volta
si sarà sottoscritto l'assicurazione. E la durata del rimborso è determinato in base all'importo del vostro prestito. Per ulteriori informazioni, contatto
noi; PhillippeHuvelin@outlook.fr

giordan giordan12 Commentatore certificato 19.07.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento

Ciao il nostro

contact:prestitobancario2017@gmail.com

Siamo una finanziaria struttura coordinate da

una banca che ci spinge a fare prestiti

disponibili detenute da parte di 6000 un 1

milione di euro e più. in termini molto

semplici per ogni persona che può rimborsare

indipendentemente dalla loro nazionalità, ma

c'è una particolarità che vantaggio più

italiani casi i controlli del governo la nostra

organizzazione economica. Facciamo anche

investimenti e prestiti tra privati di ogni

tipo con l'accordo legale. I trasferimenti sono

garantiti da una banca per i trasferimenti di

sfondo sicurezza che sommiamo operativa in

tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, può

contattare loro: prestitobancario2017@gmail.com

aximiliano bozina Commentatore certificato 19.07.17 10:29| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno


Aiutare è il migliore modo di condividere il suo amore eterno, è ciò che li spinge a mettere a vostra disposizione prestiti rimborsabile da 500 a 1.000.000 EURO ed anche più; a condizioni molto semplici ad ogni persona che può rimborsare senza distinzione di razza. Facciamo anche investimenti e prestiti tra privati di qualsiasi tipo. I trasferimenti sono garantiti da una banca per la sicurezza della traslazione. Per ulteriori informazioni volete contattarle: investissementcrediti@gmail.com


Ecco il nostro contatta whatsapp: +33 644146852

pinéo davila, rome Commentatore certificato 18.07.17 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di diverso pronto per i vostri progetti a 5000 euro a 500.000 euro con un tasso del 2% per il vostro progetto di viaggio e di tasse scolastiche per business costruzione d'oltremare e sostanziali investimenti in vari progetti commercio e costruzione un altro acquisto di casa e Appartamento noleggio auto acquisto e pronto per la salute e l'istruzione di tuo sollievo di bambini pronti per chiunque nel settore agricolo pericolo e business milioni project financing
Contattare il servizio di posta elettronica developpement1985@gmail.com

franssecho milano Commentatore certificato 18.07.17 04:45| 
 |
Rispondi al commento

Email: prestitobancario2017@gmail.com
Ciao signore / E
Sig. ra Josina gomez appello a tutte le persone nel bisogno
il finanziamento del servizio che mi offrono soldi da 1000-
€6.000.000 credibile a chiunque in grado di ripagare con interessi al tasso di
3% all'anno e per periodi che vanno da 1 a 35 anni, a seconda della quantità necessaria. Ho
nelle seguenti aree:
-Preparare finanziaria
-prestito
-Investimenti prestito
-Prestito auto
-Consolidamento del debito
-Rimborso del credito
-Prestito personale
-Sei nella cartella
Sono bloccati, bancario restrizioni, e non avete il favore delle banche
o meglio si dispone di un progetto e hanno bisogno di finanziamenti, bad file
credito o bisogno di soldi per pagare le bollette, i soldi per investire in società.
Possiamo soddisfare i clienti entro 72 ore
Dopo il ricevimento della tua richiesta di credito anche se formulato.
Se si ha realmente bisogno i soldi per fare questo prestito, in buone condizioni
Vi prego di contattarmi al primo oggi per ottenere il prestito entro 72 ore da seguire.
E-mail: prestitobancario2017@gmail.com
PS: ma non grave astensione.
Così, attendo con ansia le vostre richieste di e-mail grazie
Sig. ra Josina gomez

totti maxam Commentatore certificato 17.07.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Ok separare le carriere! Vorrei però sapere che fine ha fatto la proposta di legge del Movimento, presentata in Commissione Giustizia il 17.02.2015: ISTITUZIONE DELL'AGENTE PROVOCATORE PER I DELITTI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a firma Maurizio Buccarella, secondo me ben più dirimente ed utile del WHISTLEBLOWING.

Lorenzo B., Trieste Commentatore certificato 17.07.17 09:57| 
 |
Rispondi al commento

Non vorrei sbagliarmi, perché non sarebbe la prima volta, che spariscano dei commenti. Qualcuno ha delle spiegazioni? Qualcuno saprebbe spiegarmi le ragioni di questo strano, se non censurabile, modo di fare?

Franco B., Prato Commentatore certificato 16.07.17 18:30| 
 |
Rispondi al commento

Alfredo Borgosano,scusami, ma a quale commenti e di che ti riferisci con: il commento 1 a pg.1? Per prenderne visione.
Ciao

Franco B., Prato Commentatore certificato 16.07.17 18:15| 
 |
Rispondi al commento

Che spettacolo Alessandro Di battista:


https://www.youtube.com/watch?v=NYei_m265aU

cristiano i. Commentatore certificato 16.07.17 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Leggetevi questa bella analisi di Francesco Luna sul libro di Renzi

http://www.francescoluna.com/?p=1201

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 09:13| 
 |
Rispondi al commento

Post di Reiyel Rhode
Oltre alle puntuali emergenza caldo ed emergenza roghi in questa torrida estate scopriamo di avere anche l'emergenza fascismo.
Urge correre ai ripari e quindi, visto che all'emergenza caldo ci pensa come sempre il tg2, grazie ai cui ottimi servizi milioni di italiani non muoiono bevendo vin brulé nei parcheggi assolati alle 2 del pomeriggio, e per l'emergenza roghi, non potendo per ovvi motivi incolpare la riforma Madia, si maledice il fato avverso e i napoletani che il caldo lo combattono omeopaticamente dandosi fuoco, politici e giornalisti si stanno giustamente concentrando sull'emergenza fascismo.
Dalla politica arrivano soluzioni concrete, che vanno da quelle democraticamente repressive, tipo mettere in galera e/o al confino (ma solo social) tutti gli idioti (purché non senatori o parlamentari) che postano le foto del duce e chiunque divulghi scritti e simboli sul ventennio - quindi anche ogni accenno nei libri di storia, nei film, nei romanzi e nei musei - alla distruzione stile Isis dei monumenti.
Ma il meglio, come sempre, lo produce la stampa. Specialmente quella 'de sinistra' che, tra la pubblicazione dell'ennesimo stralcio del nuovo vangelo secondo Matteo, la milionesima intervista/monologo al Matteo in questione e il solito resoconto del solito congresso che i soliti personaggi indicono sulla nuova, nuovissima sinistra, ci dicono che forse dipende dal fatto che la politica è un po' troppo autoreferenziale e si rivolge a se stessa e non pensa ai cittadini. Cittadini che oltretutto, nonostante le buone scuole gettate loro come perle ai porci, mancano anche drammaticamente di cultura e, per questo, si fanno irretire dai populismi, fascismi e razzismi.
Ma a nessuno viene in mente che, dovendo scegliere tra il fascismo che stiamo vivendo, quello che priva del lavoro, della casa, che deruba i risparmi, che manganella il dissenso, che fomenta le lotte tra miserabili per un tozzo di pane, che costringe all'espatrio,

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 09:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bruno Sannucci: "Non si può fare un barcone per far sbarcare quelli del Pd in Africa?"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 08:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

FINALMENTE IL PARLAMENTO EUROPEO APPROVA UN EMENDAMENTO SUI MIGRANTI ASCOLTANDO IL M5S
Finalmente ammette la realtà! In Italia la crisi migratoria ha raggiunto un punto di non ritorno e il Parlamento lo riconosce approvando un emendamento del gruppo Efdd - M5s. Il Parlamento europeo "si rammarica - recita l'emendamento approvato dall'aula - dell'assenza finora di un sistema efficace di redistribuzione, che ha provocato un carico disomogeneo per alcuni Stati membri, segnatamente Italia e Grecia; ricorda che nel 2016 sono arrivati nell'Ue 361.678 rifugiati e migranti, di cui 181.405 in Italia e 173.447 in Grecia, e che finora nel 2017 l'Italia ha già accolto l'85% dei rifugiati e migranti arrivati; si rammarica che l'Italia abbia ricevuto finora solo 147,6 milioni di euro, che coprono solo il 3% delle spese totali".
Il M5S sta facendo di tutto nel Parlamento europeo per svegliare questa ipocrita Europa. Il 12 luglio si è tenuta nella Commissione Libertà Civili, Giustizia e Affari Interni l'audizione sulle ONG che chiede trasparenza sul loro ruolo e lotta contro i trafficanti di uomini: ci sono comunicazioni satellitari e telematiche, movimenti delle navi ONG e persino flussi finanziari che devono uscire dall'ombra in cui sono oggi.
Il governo invece brancola nel buio e prende solo schiaffi. A Tallinn i Paesi europei rifiutano le quote e respingono i migranti, fregandosene dell'italia. Un fiasco che ha un solo responsabile: Matteo Renzi. È lui che ha voluto l'operazione Triton che apre i porti italiani a tutte le imbarcazioni che operano nel Mediterraneo. È lui il responsabile di tutti questi sbarchi in Italia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 08:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Sosteniamo i progressi di Forza Italia"

Luigi Zanda,capogruppo PD al Senato, mediatore del patto Renzi-Berlusconi
Non ci sono parole!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 08:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

SONDAGGI 3 ORE FA

Ipr Marketing: Renzi continua a perdere voti ed è sceso sotto il 24%. Il Pd si sta polverizzando, continuando a perdere potenziali elettori. Prima delle primarie oscillava tra il 27 e 28%, ma dopo l'elezione di Renzi a segretario è sceso tra il 25 e 26%. Ora però, dopo la scissione, è finito sotto il 24%, per cui la situazione è diventata critica. E la conoscenza di Triton, quando si allargherà nel Paese, non migliorerà certo le cose perché l'insofferenza per gli sbarchi sta crescendo ovunque come cresce ovunque la reazione negativa all'incapacità del Pd e di Padoan di gestire i fallimenti bancari e alle enormi somme regalate alle banche. C'è un'emorragia di voti causati dal dissenso nei confronti di Renzi. Il calo però non sposta i consensi verso altri partiti, perché il 90% degli elettori che abbandonano il Pd sono disgustati e dichiarano di non voler votare più e quindi vanno a ingrossare il gruppo già affollato degli astensionisti.
Forza Italia è scesa all'11,5%. Meglio la Lega Nord al 14%. Leader preferito Salvini su Berlusconi. Nel Pd il consenso a Gentiloni straccia Renzi 34 a 30, confermando il trend per cui lo stile arrogante e strafottente di Renzi non paga più anzi provoca reazioni di rigetto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 08:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' stolto che Giancarlo o Giampaolo insistano ne chiamare clandestini tutti i migranti
La parola clandestino viene dal latino: clam ('nascosto') e dies ('giorno'), letteralmente 'nascosto di giorno'
e dà l'idea di qualcuno che si nasconde perché sta in un Paese contro la legge
Ma tra i migranti ci sono i richiedenti asilo che possono essere accolti secondo la legge in base a convenzioni internazionali che l'Italia ha firmato e in base allo stesso diritto di asilo che in certi casi è riconosciuto dalla stessa Costituzione.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 08:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Carlo insiste nel voler bollare tutti i migranti come clandestini ma ci sono leggi che lo impediscono
I migranti sono tutti coloro che abbandonano il proprio Paese per andare a vivere altrove
Tra questi ci sono i clandestini e i rifugiati
I primi non hanno diritto di asilo, i secondi sì in base alla Convenzione di Ginevra del 1951 e al Protocollo del 1967 sono alla base del diritto internazionale del rifugiato che l'Italia ha firmato
Quello di "rifugiato" è uno status riconosciuto, dal diritto internazionale (art. 1 della Convenzione di Ginevra del 1951), a chiunque si trovi al di fuori del proprio paese e non possa ritornarvi a causa del fondato timore di subire violenze o persecuzioni. Il riconoscimento di tale status giuridico è attuato dai governi che hanno firmato specifici accordi con le Nazioni Unite, o dall'UNHCR secondo la definizione contenuta nel proprio statuto.
In Italia il diritto di asilo è garantito anche dall'art. 10, comma 3 della Costituzione:
« Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. »
Non si può cambiare a proprio piacimento né il diritto né il vocabolario, mi dispiace ma è così

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 07:58| 
 |
Rispondi al commento

Vi rendete conto che questo governo di sciagurati ci ha messo dentro anche alla guerra in Siria!
Vogliamo buttare altri soldi anche in una nuova guerra in un Paese distrutto?
Vogliamo aprire le porte anche ai profughi siriani?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 07:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL VESTITO INESISTENTE
E' incredibile la capacità dei renzioti che insistono nell'oscurare alle loro stesse menti gli errori clamorosi di Renzi e i suoi delitti verso la legge o verso il popolo italiano: il suo accanimento nel distruggere la democrazia, l'attacco violento alla Costituzione, il suo carattere dittatoriale e fascista, il modo con cui ha spinto alla scissione e demolito il suo stesso partito, la crisi in cui ha buttato l'Italia, la sua incapacità assoluta di governare con giudizio e buon senso, il servilismo verso banche e finanza, la sua nullità in Europa, la mancanza di qualsiasi piano serio di ripresa unita alla megalomania delle spese inutili, la distruzione dei diritti del lavoro, lo scandalo Consip, gli scandali di banca Etruria e Banche venete, gli 86 miliardi regalati alle banche in cambio di niente e senza correggere niente, gli errori plateali di Padoan che ci ha fatto perdere 30 miliardi per la sua incapacità e lentezza, la firma di Triton che ci butterà addosso i migranti di mezza Africa, la guerra inedita in Siria, i 120 reati depenalizzati con l'accorciamento delle prescrizioni, l'insieme costante di menzogne, balle, diffamazioni, intimidazioni, censure... tutto dà l'idea di una mente impazzita o malefica che peggio di così non poteva fare. Renzi è stato il peggior capo di Governo italiano del dopoguerra. Ma le menti accecate dei suoi cloni ancor oggi non vogliono riconoscerlo. Il re è nudo e ancora si pavoneggia in un vestito inesistente, ma i renzioti quel vestito fingono ancora di vederlo nello sghignazzamento generale.

http://identità.com/wp-content/uploads/2013/02/staino_emperor5.jpg

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 16.07.17 07:33| 
 |
Rispondi al commento

...Al tempo dei troll di Bersani, invece, i commenti erano 2/3/4 mila per post: tutti a dire che dovevamo "farci furbi" e fare l'alleanza col PD, così "lo avremmo tenuto per le palle".

Patetico PD, che non hai mai rispettato la democrazia e che ora ti vanti di mandare in galera chi non lo pensa come te!

Gian Paolo ♞ 16.07.17 06:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La notte non si fanno rivoluzioni.

L'ultimo commento era delle 23.37. Poi, si riprende con questo... Buongiorno Blog!

Gian Paolo ♞ 16.07.17 06:06| 
 |
Rispondi al commento

TUTTI UNITI E IMPEGNATI PER L’EMA A MILANO

La sfida del post Brexit che si è aperta col voto al referendum inglese è strategica perché impegna l’Italia e il sistema Milano a ricercare livelli di eccellenza sempre più alti. Una forte comunanza di obiettivi e la volontà di avviare un grande gioco di squadra pubblico/privato per orientare la scelta di Milano come sede dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA), così come è avvenuto per Expo, è quanto è emerso dal convegno tenutosi al Palazzo delle Stelline su iniziativa dell’Associazione Culturale Guido Carli, in collaborazione con la Fondazione Carlo Erba, che ha visto la presenza del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, di Regione Lombardia, parlamentari europei, amministratori della città di Milano e con una folta partecipazione del mondo produttivo e professionale – Achille Colombo Clerici rappresentava Assoedilizia e l’Istituto Europa Asia – dell’industria farmaceutica con il Presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi. Il convegno è stato coordinato da Maurizio Tortorella, Vicedirettore di Panorama ..

https://istitutoeuropaasia.wordpress.com/2016/11/21/ema-a-milano-european-medicines-agency-agenzia-europea-del-farmaco-a-milano-convegno-dallassociazione-guido-carli-e-della-fondazione-carlo-erba-alle-stelline-il/

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin:
«Possiamo volare alto perché abbiamo le carte in regola. Abbiamo molte chance per aggiudicarci EMA. Dobbiamo giocarcele bene perché porta un consistente valore economico al nostro sistema. Milano può farcela grazie al capitale umano, alla capacità di trasferimento tecnologico della ricerca in produzione, alla presenza di una competitiva industria in sinergia con fondamentali istituti di ricerca. E’ un territorio che produce conoscenza trasformandola in valore economico e posti di lavoro. La coesione di tutte le istituzioni . Il mio ministero ha già stanziato in bilancio 56 milioni per l’edificio di EMA ..

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.17 23:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Messaggio di Servizio

Questo metodo partecipativo per la scrittura del Nostro programma Politico Nazionale non ha nulla di condiviso e partecipato con gli iscritti che compongono il MoVimento 5 Stelle .. sono pochi facenti parte delle caste Italiche che valutano e propongono su cosa votare ..


Quando farete passare le Leggi proposte ed elaborate dai cittadini , cioè dal popolo , dirette per essere accolte nelle Istituzioni allora potremo parlare di Democrazia Diretta e Partecipata ..

Ad oggi è gerarchia partitocratica e carrierismo politico Incostituzionale , anche dei magistrati - accata voti

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 15.07.17 23:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
E' chiaro che il "caos" derivato dal fatto che l'opinione pubblica è stata portata a conoscenza del "patto" fatto dal "fu" governo "bomba" con frontex per far si che tutti i migranti "raccolti" in mare venissero sbarcati in Italia, ha portato ad un immediato cambio di "rotta" del governo "fantoccio" insediatosi (per la 4a volta senza elezione alcuna) successivamente alla sostituzione del "bomba" come capo di governo con un suo "pupo".
Ci si chiede come mai negli ultimi giorni si sono susseguiti sbarchi su sbarchi e sono arrivati migliaia e migliaia di migranti in poco tempo??
E' chiaro .... cercano di velocizzare l'arrivo in Italia di più persone possibili prima che vengano presi i GIUSTI provvedimenti per limitare ai solo aventi diritto, il diritto (mi scuso per il gioco di parole) di sbarcare e rimanere in Italia.
Quindi ...... fino a che non saranno prese le giuste decisioni .... non meravigliamoci se giorno dopo giorno vedremo in Italia sbarcare 3-4-5.000/10.000 migranti al giorno/settimana.

luigi 15.07.17 20:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questo governo di cialtroni è smidollato ci sta' facendo precipitare nel rischio di guerra civile a causa di questa invasioni di extra comunitari, solo parole, parole, intanto sbarcano a migliaia, dobbiamo chiudere i porti è uscire immediatamente dalla unione europea. Basta.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 15.07.17 20:12| 
 |
Rispondi al commento

Ultimi sondaggi politici elettorali: Pd numeri drammatici, mai così in basso dal 2013
(15 LUGLIO 2017) – RENZI ALLO SBANDO, PD SOTTO IL LIVELLO DELLE POLITICHE 2013
Oggi i sondaggi elettorali di Ipr Marketing pubblicati dal Fatto Quotidiano.
La notizia è a dir poco clamorosa: il Pd di Matteo Renzi è sotto i livelli raggiunti da Pier Luigi Bersani nelle elezioni Politiche del 2013.
Il Partito democratico è infatti stimato al 24%, contro il 28,5% del M5S.
Renzi non riesce insomma a riprendersi dalla botta del referendum costituzionale, alla quale è seguita – intermezzata dall’autocelebrazione delle Primarie Pd – la mazzata dolorosissima delle Amministrative 2017.
A niente sono servite le apparizioni televisive, le pagine Facebook di propaganda (Matteo Renzi News), il blog, i discorsi di rilancio alla direzioni del partito, il libro “Avanti”: la fiducia in Matteo Renzi è in calo e, di conseguenza, il suo partito personale precipita con lui nelle profondità degli abissi.
Al tracollo del Pd non seguono però grandi benefici per Mdp, partito degli scissionisti capitanato da Bersani: va invece molto bene il Centrodestra. Forza Italia e Lega nord, a livello di somma aritmetica, valgono più del Pd.
Renzi sembrerebbe costretto a rinunciare all’idea di fare tutto da solo: ha bisogno di coalizzarsi con qualcuno per sopravvivere.
La scelta è fra Berlusconi e i partiti alla sinistra del Pd. Ma potrebbe non bastare, dipenderà tutto dalla nuova legge elettorale (il maggioritario favorisce la formazione delle coalizioni prima del voto, il proporzionale invece conduce i partiti a presentarsi da soli, per trovare poi un accordo dopo le elezioni).

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 20:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

_____

Guardate come la politica di Obama ed Hillary che ha finanziato l'ISIS e gli ha fornito armi

per destabilizzare il Medio Oriente ..

come hanno ridotto questa povera ragazza---

This is what Obama's administration and Hillary helped do against these women when his Government help ISIS militarily and financially !
Shame on all of the Dems!
Watch:
https://www.youtube.com/watch?v=I_z32iYS7Qc

John Buatti 15.07.17 19:39| 
 |
Rispondi al commento

La politica della Prima repubblica si defilò, timorosa della contrarietà della Anm. Dell’associazione, ma non di molti singoli magistrati che mostrarono un atteggiamento aperto sulla questione. Il più autorevole fra loro fu Giovanni Falcone.

Fulvio Schiavone (fulvioschiavone), messina Commentatore certificato 15.07.17 18:44| 
 |
Rispondi al commento

*****
M5S vi chiedo se siete in grado di pubblicare i dati ufficiali del viminale dell'immigrazione relativi alle annate 2014, 2015 e 2016 nel senso di: quanti arrivi, quante espulsioni, quanti hanno lavoro e abitazione, quanti sono stati dichiarati profughi, quanti hanno lasciato l'italia. Non capisco perchè in italia la disoccupazione è altissima quando la disponibilità di persone in attività lavorativa è a livelli eccezzionali, o meglio lo capisco ma non lo dico, potrei offendere i buonisti. A Natale e Pasqua ci sono i pranzi per gli italiani indigenti, gli altri 363 giorni abbandonati, si devono arrangiare mentre per i clandestini alloggio, vestiario e tre pasti al giorno, dimenticavo il telefonino per comunicare con la famiglia: questo è uno stato che funziona, che dà il meglio di se stesso per soddisfare i cittadini italiani. La forza vitale, i giovani, se ne vanno, restano gli anziani quindi se le cose non cambiano drasticamente l'italia sarà fagocitata dall'africa sempre che prima non ci siano sommosse sfocianti in una scaramuccia civile armata o che i militari prendano il potere, ma i militari ormai non esistono più eccetto i Carabinieri che un pò alla volta, lentamente, mi sembrano in estinzione. Cosa farà lo stato del vaticano quando sarà circondato da milioni di fratelli islamici magari un pò arrabbiati? Forse emigrerà prima che ciò avvenga. Tranquilli, sono solo fantasie, adesso che gli illuminati del PD hanno capito a fondo il problema immigrazione clandestina lo risolveranno nel giro di qualche settimana.
*****

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 15.07.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

mi scuso in anticipo se parlo in codice segreto sotto..


____

.....toglietemi cio che mi avete impiantato ....

ridatemi la mia vita e andatevene da essa...

poi ci penso io a vivere come facevo nel 2006.

per chi sa di cio che mi hanno fatto.

John Buatti 15.07.17 18:08| 
 |
Rispondi al commento

La magistratura dovrebbe essere a carica elettiva a tempo, persone scelte tra professionisti con alle spalle un congruo numero di anni di onorata e onesta attività. Per come è attualmente strutturata la carriera nella giustizia, inamovibili e incontrollati impiegati statali, pure alla luce delle esperienze pregresse di giudici in politica, ai magistrati andrebbe impedita proprio qualsiasi contaminazione.Molti giudici chiacchierassero meno, e invece di andare nei talk , ai convegni, in tv lavorassero di più.

A L., roma Commentatore certificato 15.07.17 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Se un magistrato entra in politica, può rientrate in magistratura dopo almeno tre anni dalla decadenza politica a prescindere dal ruolo.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 15.07.17 17:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

lo metto in inglese.
____
A town or city in Austria banned pork from the school lunch menu not to offend Muslim children and stopped the Austrian local Christian children from eating pork.
Are the authorities going to remove all the pork and bacon trays from Supermarkets displays for the same reason not to offend a Muslim walking past the pork tray while shopping ?
Are they also going to stop pork chops TV ads or billboards ads for the same reason ?
Are they going to stop the butcher down the road from putting his pork trays on display on the window for fear to offend the Muslim people or remove the Christian cross from our classrooms for fear to offend the Muslim community or change the plain's onboard menu by removing pork on all flights not to offend the Muslim community?
What about the identity and way of life of the locals ?
Why should the majority be denied their traditional way of life to suit a minority of people?
Would these Muslim people put pork on their school menu for a western minority that migrated there in their Muslim countries for us ? I'm sure not !
What happened to the word "integration" that surfaces every time there is a "real not the establishment's " terrorist attack ?
How are these people going to be ever integrated if we western world keep changing our way of life to suit their way of life and culture ?
We western world keep loosing pieces after pieces of our way of life and our identity to suit another culture's identity !
Where is the logic in that where one looses over the other !
Integration means you take up the way of life in the country you migrate to, so if the Christian cross or the pork chop or Christmas isn't like your culture and you don't want to integrate to my culture and way of life you have to find yourself another country closer to your way of life and the authorities and social engineers should not dismantle our social fabric to suit any other culture that finds it hard to integrate into my pizza pasta and -sugue


_____

ecco cosa ha portato l'unione dell'Europa dopo 22

anni parole parole parole (Mina ed Alberto Lupo)


Notizia da RT

Povertà triplicata mentre economia cala.....

Brussels però sta bene e mangia con il pizzo che gli Italiani gli pagano da 20 anni..


Poverty in Italy triples over decade as economy slows
https://www.rt.com/business/396320-italy-poverty-triple-decade-crisis/

John Buatti 15.07.17 17:40| 
 |
Rispondi al commento

Concordo con chi ha proposto la giuria popolare. Ma io non la limiterei ai soli laureati.

Io sono contrario perfino (sentite che bestemmia!) alla selezione dei magistrati mediante concorso pubblico tra laureati in giurisprudenza.

Tutti pensano che il buon giudice sia colui che conosce più norme possibili. Ciò è vero rispetto a una "giustizia" di stampo burocratico, come, ahimè, la vigente.

A me piacerebbe, invece, una Giustizia giusta, dove il colpevole vada in carcere e l'innocente venga assolto. Una giustizia che non si basi sul bla bla bla, sulle capacità oratorie degli avvocati, e tantomeno sull'applicazione cieca di codici e codicilli senza senso.

La "giustizia" burocratica attuale, ha mandato assolti fior di mascalzoni mafiosi, solo perché mancava un timbro su una scartoffia; e, contemporaneamente, detiene in carcere poveri cristi innocenti, ma colpevoli di essere poveri e di essersi affidati all'"avvocato della mutua", il quale abbia tralasciato di richiedere un "subordine"...

Io i magistrati non li vorrei laureati. Li vorrei coscienziosi e saggi. Re Salomone non aveva studiato alla Bocconi, per diventare un campione di equità.

Gian Paolo ♞ 15.07.17 17:37| 
 |
Rispondi al commento

i vari sistemi politico economici spiegati per gli "GNURANT" e senza le etichette politiche e senza giudizio morale.

un sistema economico si divide in 2 tipi

tipo A chi lavora e produce ricchezza ha una coropartita in denaro direttamente proporzionale a quanta ricchezza ha prodotto

tipo B tutti hanno una ricchezza identica indipendentemente se lavorano e producono o se fanno un AZZ.


poi ci sono i sistemi misti


tipo C uguale al tipo a tranne che si concede un po di ricchezza ai disgraziati cioè quelli che hanno problemi di salute o di altro tipo indipendenti dalla loro volontà

tipo D uguale al tipo B tranne che quelli che lavorano e producono hanno un piccolo bonus che non supera normalmente il doppio di quello che percepiscono tutti gli altri sfigati compresi.

in fine c'è l'ultimo tipo......

tipo E che sostanzialmente è simile al tipo B o al limite al tipo D nel senso che prendono tutti una miseria infima finalizzata ad evitare la rivolta popolare e invece la ricchezza finisce in mano ad una piccola elite che dispone a proprio piacimento di quasi tutto l'esistente.


Non voglio mettere etichette ma voglio solo far capire agli italioti in che situazione è adesso ... in A o in B o ..... cosa?


destrorso sinistrorso 15.07.17 17:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con Gentiloni boom del turismo di lungo periodo che poi forse li facciamo cittadini

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-07-14/migranti-oggi-5mila-sbarchi-domani-previsti-altri-1500-151744.shtml?uuid=AErU1WxB
Mi anche i porti calabri e pugliesi
http://www.huffingtonpost.it/2017/07/15/ancora-migliaia-di-sbarchi-a-bari-640-migranti-anche-donne-inc_a_23031322/

Chissà come sarà avere tutta sta gente tra i piedi a chiedere L elemosina o a pietire in giro?

Grazie Renzie sei uno statista
Grazie nano te il sommo statista di Dublino

Pezzi di merda che campano sul l'emergenza creata ad arte da loro così possono gestire fondi pubblici senza controllo

Paolo . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 15.07.17 17:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Viviana (12,59)
“Il M5S ha proposto Nino di Matteo come Ministro degli Interni...”
Concordo.

@ Carlo (11,42)
“smettiamo di chiamarli migranti, sono clandestini”
E se invece di etichettarli li chiamassimo semplicemente persone?
Si potrebbe forse scoprire che qualcuno si chiama Carlo, anche se non è italiano e men che meno un principe inglese.
Si potrebbe poi cercare di capire perché Carlo debba scappare magari da un Paese ricco di diamanti come la Tanzania, o di Coltan come il Congo, o di uranio come il Sudan, oppure di petrolio come il Niger.
Potremmo poi chiederci perchè mai Carlo non possa restare tranquillamente nel suo Paese a godersene le risorse e perchè mai chi se le gode al posto suo lo costringa a fuggire mentre non c’è invece nessuno che costringa lo sfruttatore a risarcire Carlo e i suoi concittadini con almeno una tassa del 30% sui profitti.

Ciao

Lola Lolli 15.07.17 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi senefrega della gabanelli, quella lavora per la RAI, e cioe' vive sulle spalle degli italiani, e il Movimento non dovrebbe avere nessuna simpatia per lei visto come ci ha snobbato


Io ho una pretesa che qualcuno considererà eccessiva: ragionare con la mia testa.

E per me, la separazione delle carriere dovrebbe essere obbligatoria, perché è vergognoso essere giudicati da chi condivide quotidianamente la macchinetta del caffè con la pubblica accusa.

Il tribunale, per altro, dovrebbe essere anche ubicato in luogo diverso e lontano dalla procura della repubblica: accusa e difesa debbono essere sullo stesso piano ed equidistanti da chi giudica.

Quanto, poi, al giudice che si butta in politica e che magari torna al mestiere originario quando trombato, va benissimo per un paese sottosviluppato culturalmente come l'Itaglia odierna.

In una nazione seria, il politico che, dopo aver maturato il vitalizio, pretendesse di tornare a fare il giudice "super partes" , sarebbe accompagnato gentilmente alla porta di servizio...

In più, se l'elettorato fosse maturo, non ci sarebbe un voto a disposizione del magistrato furbetto.

Decadere: questa dovrebbe essere la parola magica riferita a chi della P.A. pretendesse di stare con i piedi in due staffe.

Gian Paolo ♞ 15.07.17 14:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' evidente che la giustizia non funziona , va rivista quando ne avremo la possibilità . Probabilmente i magistrati sono la categoria più importante , senza di loro il caos , senza la loro onestà e indipendenza pure ! Vanno fermati ai primi segni di sbandamenti , non si può permettere nessun errore altrimenti è la fine dello stato di diritto e ci si ritrova con un Paese destabilizzato e incivile ! Mani pulite segna l'inizio del degrado continuo e devastante dell'Italia e , se fosse stato fermato in tempo , non saremmo a questo punto . Molti onori molti oneri , ai magistrati che sbagliano doppia pena !

vincenzodigiorgio 15.07.17 14:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

13 anni fa Emiliano è sostituto procuratore a Bari,si candida sindaco, viene eletto e fa il sindaco senza uscire dalla magistratura.Ma come si candida a segretario del Pd contro Renzi,il Csm che per 13 anni ha dormito, si sveglia di colpo e gli ricorda che c’è una norma che proibisce ai magistrati di fare politica partitica,norma posta a garanzia dell’esercizio indipendente e imparziale della funzione giudiziaria e chiede un provvedimento disciplinare contro di lui perché è iscritto e partecipa alla vita del Pd in forma sistematica e continuativa
Finito di fare il sindaco,Emiliano,nel 2014, per non tornare a fare il magistrato,si fa nominare assessore alla polizia municipale di San Severo per un anno,poi diventa Governatore della Puglia
Giustamente Emiliano si ribella ad ogni contestazione del Pd o del CSM
Dice:“Sono l’unico magistrato nella storia a cui viene contestata l’iscrizione a un partito.Fanno tutti così e ve la prendete con me?L’elenco dei magistrati scesi in politica senza aver abbandonato la toga è sterminato,da Anna Finocchiaro ad Antonio Ingroia,da Doris Lo Moro a Felice Casson,da Stefano Dambruoso a Cosimo Ferri, passando per tutti quelli entrati nelle amministrazioni locali:Giuseppe Narducci con De Magistris a Napoli,Lorenzo Nicastro con Vendola in Puglia,Giovanni Ilarda in Sicilia con Lombardo e Vania Contrafatto con Crocetta”
Ma nei giorni scorsi il Consiglio d’Europa ha scritto che il vero problema non è l’iscrizione dei giudici ai partiti,ma le porte girevoli tra tribunali e incarichi politici,con l'inevitabile rischio di politicizzazione della magistratura per cui in Italia serve una delimitazione più rigorosa tra le funzioni giurisdizionali e la partecipazione dei magistrati nell’attività politica o governativa in quanto quest’ultima rischia di compromettere l’immagine di indipendenza e imparzialità del giudice e minaccia la fiducia nel sistema. Ma in nessun Paese europeo è vietato che un magistrato diventi un politico e viceversa.E allora?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 13:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Con tutto il rispetto di qualsiasi giudice, sono del parere che nessuna riforma seria debba partire dall’interno della categoria interessata. Ampia apertura alle consultazioni, pareri consigni, ma niente di più.
La separazione delle carriere, con l’impossibilità di poterle invertire, è il minimo in un paese sano. Gli altri aspetti che condivido in parte, forse dovrebbero essere affrontati con maggior determinazione, incisività.
1)Incandidabilità, a qualsiasi livello, di magistrati che non abbiano lasciato, da almeno 5 anni, qualsiasi incarico ricoperto.
2)Una volta lasciata la magistratura per incarichi politici, l’ex magistrato non potrà mai più rientrare nei ranghi.
3)Il magistrato, inquirente o giudicante, non potrà, a vita, esercitare nella regione in cui e nato e vissuto.
4)Gli organi disciplinari non potranno essere costituiti da magistrati, come è adesso (la stessa cosa dovrebbe riguardare anche gli avvocati), ma da commissioni composte da cittadini, estratti con le stesse modalità delle giurie popolari, residenti fuori della giurisdizione del magistrato soggetto al giudizio disciplinare. Le commissioni dovranno avvalersi della consulenza tecnica di un magistrato e un avvocato, senza diritto di voto, scelti dalla commissione.
5)In tutti quei casi ove fosse dimostrata la manifesta malafede, leggerezza, incuria, incapacità del magistrato, questi oltre a perdere l’incarico senza appello, dovrà risarcire in solido, coi beni propri, i danni procurati. Non come adesso che a risarcire è lo stato.
6)Oltre una profonda revisione e sfoltimento di leggi, norme, circolari ecc. dei nostri codici, dovremmo prevedere, per tutti quei fatti relativi alla LITIGIOSITA’ove non ci siano danni o lesioni fisici, l’istituto dell’arbitrato .
7)Rivedere le regole ed i reati per quali siano previsti due o tre gradi di giudizio. È assurdo oltre che anacronistico, prevedere per qualsiasi sciocchezza i tre gradi di giudizio.

Franco B., Prato Commentatore certificato 15.07.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il M5S ha proposto Nino di Matteo come Ministro degli Interni
e molti 5stelle avevano pensato a Davigo per lo stesso incarico
Che c'entra allora questa proposta di incompatibilità?
spero che il M5S non sia schizofrenico

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buongiorno, Vorrei dare un consiglio al mio Sindaco Virginia Raggi, visto l'altro incidente della metro, non sarebbe opportuno rimettere i controlli anche con regole di comportamento per i conduttori della metro e stessa sorte per l'Atac, per l'ultima inserendo i bigliettai ci sarebbe un doppio beneficio si creerebbero posti di lavoro in più un maggior introito combattendo i "portoghesi". So comunque che gia qualcosa esiste , rendiamolo piu visibile dando un bel segnale a noi cittadini.
Forza Virginia

Bob55 15.07.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Per separazione delle carriere non si intende quanto enunciato, bensì la separazione della carriera del pubblico ministero da quella del giudice e di questo ho parlato
In quanto, invece, del fatto che un giudice non possa diventare un politico o viceversa, di nuovo ho i miei dubbi.
L'articolo di oggi di Travaglio esamina la tempesta suscitata dal fatto che i 5stelle vorrebbero come Ministro degli Interni Nino di Matteo (il che è in contrasto con quanto presentato qui dal blog). A me sembrerebbe un'ottima scelta. Perché negare allora questa possibilità? Di Ministro degli Interni incapaci mi sembra che ne abbiamo avuto abbastanza.
Dice Travaglio che il Pd si scandalizza dei magistrati che passano in politica solo quando non passano al Pd.
Il quale Pd ha tentato di candidare Piero Grasso a governatore della Sicilia, ha messo a capo della Commissione Giustizia la Ferranti che è un giudice, e come viceministro della Giustizia ferri che è sempre un giudice.
In nessuna democrazia è vietato che si passi dalla magistratura alla politica o viceversa
Emiliano era un magistrato, è passato alla politica e nessuno ha mai avuto niente da dire
Peggio è quando il procuratore di Arezzo è nello stesso tempo consulente di Renzo e giudice sulla Banca Etruria, in pieno conflitto di interessi.
Giovanni Inarda era assessore siciliano di Lombardo (poi condannato)e ora è pg a Trento
Lanfranco Tenaglia era deputato di Renzi e sarà il prossimo presidente del Tribunale di Pordenone
Renzi ha affidato direttamente ruoli di governo a molti giudici in barba a tutte le regole e ora si scandalizza se i 5stelle pensano a Di Matteo
Dunque il Pd tuona contro le toghe politicizzate ma ne è pieno e spinge col suo comportamento le toghe a inseguire amicizie politiche più che a dare giuste sentenze
Dice Travaglio:"Nemmeno Mussolini era riuscito a manomettere così spudoratamnente l'indipendenza della magistratura. Ma oggi, com'è noto, il fascismo è sulle spiagge di Chioggia e sull'obelisco del Foro Italico"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!

Paolo V 15.07.17 12:38| 
 |
Rispondi al commento

Solo il cognome mi fa venire l'orticaria.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.07.17 12:28| 
 |
Rispondi al commento

Su questo non so cosa pensare
In questi giorni i radicali raccolgono firme per la stessa separazione
però Davigo dice:"La separazione delle carriere ha un padre,che l’ha sempre rivendicata come personale copyright:Licio Gelli,fondatore della loggia massonica P2.E’ stato lui a lanciare questo disegno,codificandolo nel suo piano di rinascita democratica"
Anche B voleva fortemente la separazione delle carriere
In realtà l'argomento è complesso
Non si tratta solo di separare chi rappresenta accusa e difesa ma anche di toccare il delicato equilibrio tra i poteri dello Stato e l’indipendenza della magistratura
Falcone parlò della necessità di una specifica formazione professionale del pm,diversa per esperienze,competenze,capacità,tecnica da quella del giudice “figura neutrale,non coinvolta,al di sopra delle parti”,ma nel senso di sì alla separazione delle carriere come percorsi professionali;no a riforme lesive dell’autonomia del pm attraverso la creazione di un ordine distinto,col rischio di attrarre la funzione della pubblica accusa sotto il controllo del Governo e no alla eliminazione del principio di obbligatorietà dell’azione penale
Il timore è che sia il preludio di un bavaglio alla magistratura che finirebbe,come in Francia col dipendere dal Ministro degli Interni
Scrive Libertà e giustizia:"L’Italia è il paese delle mafie e delle sue collusioni e infiltrazioni nella politica;della corruzione endemica;del terrorismo,delle stragi impunite e delle complicità nelle istituzioni;del sovversivismo delle classi dirigenti;della P2,cui risale il progetto di separazione delle carriere;in una parola,della illegalità dominante e quasi sempre vincente da parte delle classi dirigenti in danno dei meno tutelati.Troppo spesso la magistratura, per propri limiti culturali e forse etici,non è stata in grado di garantire adeguatamente i diritti delle persone, soprattutto delle più deboli ma sarebbe assurdo pensare di risolvere questo con la separazione delle carriere".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

la prossima mossa del nuovo ordine mondiale sarà l'abolizione del denaro contante
che unita al marchio della bestia/codice fiscale permetterà ai veri governanti
della terra di controllare la nostra vita dalla nascita alla fine dei tempi/morte.

ultima rivelazione 15.07.17 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Bla...bla...bla...
1-Il magistrato fa il magistrato e non il politico.
2-Il Politico fa il politico e non il magistrato.
3-Il magistrato deve essere all'occorrenza sia Difensore che Accusatore.
Incarichi e nomine non debbono esistere....altrimenti si adito ad interpretazioni di comodo.
Poche regole,chiare,semplici che garantiscono l'indipendenza sia della politica che della Magistratura.
ps: ci sarebbe pure la famosa della Consulta della Magistratura Laica...da abolire!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 15.07.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
capisco che sia altra azienda che gestisce (tramite i cookie) la pubblicità che un sito come questo mi propone tramite i banner ....... ma dico la verità ..... ritrovarmi un banner pubblicitario di sorgenia ..... mi lascia davvero allibito (tra altro noto che uno dei minipost laterali tratta proprio del fotovoltaico.
Siamo sicuri che chi è proprietario di un sito (perchè paga lo spazio del suo dominio) non possa far nulla per far si che chi gestisce i banner pubblicitari sia inibito da presentarne certi????

luigi 15.07.17 11:48| 
 |
Rispondi al commento

la cosa è molto più banale - persona per bene - qualunque sia il suo lavoro - razza - religione - tendenza sessuale - deve poter occuparsi di qualsiasi incarico pubblico a patto di avere il minimo di conoscenza necessaria - se sei perbene cercherai di rispettare il prossimo che è la cosa più indispensabile da fare e che ci manca - ormai siamo in mano a dei gaglioffi che pensano solo al loro tornaconto

giorgio s. 15.07.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento

e, per tornare al post sui migranti,

rimettiamo a posto le parole.

i migranti o viaggiano con passaporto e visto, oppure vengono chiamati da un certo paese ad andarvi. come accadde in USA tanti anni fa.

non sono migranti, sono clandestini. per favore, smettiamo di chiamarli migranti che si fa solo il gioco di chi ci vuole specularci sopra a vario titolo e a chi vuole destabilizzare un paese (l'italia) o addirittura un continente (l'europa).

carlo 15.07.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento

per l'impedimento per un nagistrato di entrare in politica, sono d'accordo.

ma permetterei a un magistrato di diventare ministro, consulente di un governo o di qualche commissione, senza far parte di nessuno schieramento politico, per contribuire con le sue capacita' a fare buone leggi.

carlo 15.07.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento

per il discorso separazione delle carriere, cioe' c'e' il magistrato che fa l'accusatore e quello che di mestiere giudica, non sono per niente d'accordo.

perche' ognuna delle due figure deve avere le stesse capacita' e non deve propendere, come mentalita', a una delle due funzioni.

se dovessi andare a process, non vorrei che chi mi accusa fosse un "avvocato dell'accusa", ma un giudice che vede le cose sempre dal punto di vista della giustizia. con capacita' di investigazione, di sapere cercare e trovare le prove, di saper discernere tra queste, ma sempre con equita'.

perche' un "avvocato dell'accusa" cerchera' le prove solo che possano andare contro l'accusato. e si concentrera' solo su queste.


un pubblico ministero che e' comunque anche, come mentalita' e capacita', anche un giudice, sara' piu' propenso a vedere le cose nel verso della ricerca della verita' e di quello che e' giusto. e non solo alla ricerca di prove per incastrare chi ha davanti in quel momento. lo stato (in questo caso nella veste di pubblico ministero) deve saper investigare, ma per cercare sia le prove di colpevolezza, sia quelle che possono scagionare.

lo stesso discorso si puo' fare per il giudice vero e proprio.

perche' deve essere allo stesso tempo un investigatore, uno capace di vedere le cose dal punto di vista dell'azione vera e propria legale.
cioe', deve essere anche un "pubblico ministero".

quindi, no al "superpoliziotto". e no neanche al "grande saggio" (presunto) che sta li' solo per giudicare, senza sapere pero' di suo promuovere e portare avanti un'azione legale.

l'utilita' della divisione delle carriere serve solo a chi ha soldi per pagarsi megaavvocati che naturalmente batterano l'"avvocato dell'accusa", statale e stipendiato.

ma per la gente comune e' meglio un pubblico ministero che ricerca solo la verita', quindi uno che e' anche un "giudice". non uno che cerca solo di incastrare qualcuno o dare addosso a qualcuno, cioe' fare l'"avvocato dell'accusa".

carlo 15.07.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento

2
Cosa accadrebbe se la Prudence di MSF, che è ben attrezzata, entrasse nel porto di Nizza con un carico di 500 migranti? Cosa farebbe Macron? Per saperlo bisognerebbe osare.
Lo scenario è prevedibile: centinaia di volontari andrebbero in soccorso dei migranti a bordo, con cibo, indumenti, medicinali. Più l’attesa si prolunga e più il caso si allarga alla stampa mondiale. La stessa cosa si può replicare a Barcellona o a Malta. Alla fine qualcosa sui tavoli di Bruxelles succederà!
Alle Ong converrebbe «diversificare» le destinazioni, anche per non correre il rischio di contribuire, inconsapevolmente, ad una crisi sistemica, che qualche Fondo speculativo capitalizzerà. Crisi inevitabile, poiché sulla terra ferma si va avanti con il volontariato, le cooperative e associazioni, senza un progetto complessivo e controllato che solo una gestione pubblica può garantire.
Il Prof Sciortino scrive: «L’immigrazione è un problema da gestire, al pari di tanti altri. Dove i buoni (o malvagi) sentimenti non potranno mai sostituire la competenza e la buona amministrazione».

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 11:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1
Milena Gabanelli

La dichiarazione universale dei diritti umani prevede per ogni cittadino il diritto ad uscire dal proprio Stato, ma non quello di entrare in un altro, l’ingresso è una concessione.

In anni più recenti è stato introdotto l’obbligo di accogliere chi sta fuggendo da una persecuzione. Dove va tracciato il confine per attivare tale obbligo? Un problema complicato con il quale tutti stiamo facendo i conti. L’Italia è di fatto l’hub d’Europa da anni e lo sarà per decenni, e negli ultimi mesi il 90% non sono richiedenti asilo.

Per impedire le partenze possiamo mettere un blocco navale davanti alla Libia? Sì. Può deciderlo il nostro Governo? No, serve l’esplicita richiesta di Tripoli. Potrebbe farlo? Forse, ma solo il giorno in cui le agenzie dell’Onu, che hanno già intascato dall’Ue 90 milioni, saranno in grado di allestire campi di accoglienza e identificazione. Per fare questo servono condizioni di sicurezza che ora non ci sono. Solo il nostro Ministro dell’Interno sta provando a farsi in quattro per costruire dialoghi e accordi con fazioni e tribù, formando e pagando (con i soldi dell’Ue) guardie costiere e di frontiera. Per il momento l’unica organizzazione che funziona è l’industria dei trafficanti di uomini, e il nastro trasportatore umanitario verso la Sicilia.

Per frenare le partenze bisognerebbe ritirare le navi di soccorso. Opzione difficile da praticare. Possiamo invece chiudere i nostri porti alle Ong che battono bandiera non italiana? Sì, usando la stessa modalità con cui gli stati membri si rifiutano di accogliere le loro quote di richiedenti asilo, in violazione degli accordi Ue, senza che l’Ue abbia attivato alcuna sanzione.

Alternativa: le Ong stesse potrebbero «forzare» la mancata condivisione delle responsabilità da parte degli Stati membri, poiché vivono di azioni «dimostrative» che sono all’origine del fundraising.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 15.07.17 11:24| 
 |
Rispondi al commento

per la situazione-clandestiti:

provo molta pieta' per quegli africani (ma anche asiatici, sudamericani o per i cittadini di tutti i paesi del mondo) che vivono in una situazione di miseria profonda, cioe' che non hanno il minimo indispensabile per vivere.

ma non trovo nessuna pieta' (anche se non provo neanche rancore) per quelli che vorrebbero il telefonino, la macchina etcetc.

e sono quelli che arrivano qui' da noi, dal momento che il disperato africano, vistg che solo per il viaggio devono pagare agli scafisti almeno 3 mila euro a testa, non arriva qui'. non puo' farlo.

aiutiamo i veri disperati. quello si'.

ma per i cosiddetti migranti economici, che restino dove stanno, si tolgano i grilli per la testa. dove sono hanno i loro pro e i loro contro (non hanno il telefonino), com'e' dappertutto. la dignita' non si calcola in base a quanto si ha. e quella e solo quella deve essere pretesa.

se vogliono di piu', si sbattano nel loro paese per cambiare le cose a livello politico e per fare, inventarsi una possibilita' (naturalmente regolare) di fare soldi e migliorare cosi' la loro situazione economica. ma non devono pensare di venire a chiedere queste cose da noi.

carlo 15.07.17 11:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

a parer mio l'aver scelto la prestigiosa e delicata professione di magistrato,cioè di colui che applica le leggi in nome del popolo,con gli occhi bendati,non può nè deve aspirare alla carriera politica,e diventare rappresentante di una parte.La storia ci insegna che molti di coloro che hanno fatto questa scelta ,in seguito sono stati ringraziati ricoprendo posti apicali. Se dunque,durante gli anni di lavoro,alcuni di loro scoprono di avere anche la vocazione politica,facciano pure questa scelta,ma dimettendosi definitivamente dalla magistratura.Cosa attuata da pochi,corretti, mentre la maggioranza,vile ed opportunista, sceglie l'aspettativa e così i furbi maturano l'anzianità di magistrato e i vantaggi da parlamentare. Perpetuando lo schifo che regna da noi.

emanuele meli 15.07.17 11:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se eletto o candidato o designato per un partito politico che senso ha poi finito il mandato mandarlo in un altro posto ad esercitare non ci saranno anche la i partiti .le troppe regole uccidono. Basterebbe l'onestà. Discutiamo del nulla.

Rao gaetano 15.07.17 11:03| 
 |
Rispondi al commento

*****
A questo punto se questo governo continua ad importare clandestini, sicuramente ci sarà un'altro accordo perchè non è possibile che non si rendano conto della situazione in italia, continuano ancora a dire che bisogna salvare vite umane mentre gli italiani sono alla fame: tanto vale imbarcarli sulla costa libica evitando di fare le 12 miglia in barcone. Sono una risorsa, ci pagano la pensione, saremo arricchiti della loro cultura, ma c'è qualcuno che ci crede ancora oltre a chi fà affari con i clandestini. Forse è per questo che nessuno parla di controllo delle nascite, ma se ne assistiamo 10 e in Africa ne hanno sfornato 1000 si riesce o no a capire che la situazione è insanabile? 50 anni fà in Africa c'era lo stesso problema ma si parlava di numeri estremamente più bassi. Si pecca di più a usare contraccetivi o a far nascere un bambino destinato alla miseria? Tanti anni fà lo ho chiesto ad un alto prelato, stò aspettando la risposta. In italia vogliamo vivere come vivono in Austria, in Danimarca, in Olanda, in Canada con rispetto per le regole, il patrimonio culturale, con la giustizia veloce e inesorabile, chi sbaglia paga ma adesso diranno che questi concetti sono da fascista. Negli ospedali della mia zona ci sono dei reparti che sono esempio di efficenza perchè gestiti da primari giustamente rigorosi nel rispetto delle procedure: se questi sono considerati fascisti ben vengano.
Il primario di Roma capitale in verità, pur avendo trovato il caos, non è stata rigorosa quanto basta per cui vien da pensare quando il governo sarà affidato al M5S che spero possa avvenire in tempi rapidi per vederli alla prova dei fatti sperando non sia un fallimento perchè in questo caso l'italia sarebbe veramente democraticamente ingovernabile, con altri metodi forse sì.

Debito pubblico. Sempre in aumento e nessuno individua la causa precisa.

Clandestini, lavoro e sicurezza sono i problemi, questi blog mi sembrano atti a sviare, ma si sà come è la politica.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 15.07.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se ritorno sul commento di Di Maio sulla Francia

W MACRON
Sono CLAN..DES...TINI ! Chiamateli con il giusto nome . E dovremmo mantenerli per i prossimi 20 anni ,datosi che nuove fabbriche e lavoro non ce n'e'.
E VOLETE RIEMPIRE L'EUROPA ? E rifilare i CLANDESTINI alle periferie e ai paeselli di provincia ?
DEMOCRAZIA RICHIEDE REGOLE,DISCIPLINA,ORDINE E PULIZIA .
RIPORTALI TUTTI (TUTTI) IN LIBIA CON LA MARINA MILITARE ARMATA.

GIANCARLO V. Commentatore certificato 15.07.17 10:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori