Il Blog delle Stelle
Si al referendum in Lombardia e Veneto

Si al referendum in Lombardia e Veneto

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 32

di Movimento 5 Stelle Lombardia e Veneto

Il M5S si è battuto per coinvolgere i cittadini su una possibilità prevista dalla Costituzione: permettere a Lombardia e Veneto di gestire “in casa” molte delle risorse che ora è lo Stato a decidere come spendere. Altro che Padania e le bugie che i governi leghisti hanno raccontato per venti anni ai cittadini.

Nell’attuale legislatura i Consigli Regionali delle due regioni hanno votato la nostra proposta e dato il via alla consultazione in programma il prossimo 22 ottobre, con le rispettive maggioranze leghiste costrette ad abbandonare definitivamente utopie indipendentiste totalmente incostituzionali come lo Satuto Speciale o la gestione del Residuo Fiscale, nonostante la Lega continui a usarle come leve elettorali per promuovere questo referendum.

La soluzione del M5S è democratica, costituzionale e non toglie risorse alle altre regioni. Questo referendum affronta il tema del “Regionalismo differenziato”, trattato nell’articolo 116 della Costituzione italiana, ovvero la possibilità di gestire direttamente le risorse che lo Stato già spende in trasferimenti e servizi per le Regioni. Risorse legate a determinate materie che, in caso di esito referendario positivo, saranno oggetto di una trattativa tra Regioni e Stato. Parliamo di competenze molto importanti come il sostegno alle imprese, la ricerca e l'innovazione, l'ambiente, l'istruzione, la valorizzazione dei beni culturali, e il governo del territorio, che avvicinate verso il basso e verso i territori troverebbero maggiore efficacia.

Dare la voce ai cittadini è una prerogativa di questo Movimento, tanto più su un tema così importante, tanto più se in passato le stesse regioni hanno provato ad aprire una trattativa ricevendo solo porte in faccia anche dal Governo, a guida PD, che tentò, con la riforma costituzionale seppellita dagli italiani il 4 dicembre, di togliere alle regioni anche molte delle attuali competenze, per non parlare della “clausola di supremazia” che avrebbe permesso allo Stato di passare sopra qualsiasi decisione locale.

Il M5S vuole salvaguardare le specificità e le esigenze di ogni territorio, nel “quadro dell’unità nazionale”, esattamente come richiede questo referendum. Siamo un popolo unito, senza bandiere politiche ed ideologiche che fa valere e sentire la propria voce con un referendum consultivo, esattamente come successo in Gran Bretagna sul tema Brexit. Abbiamo da sempre denunciato e combattuto contro lo spreco di risorse pubbliche anche degli enti locali, ma per il M5S al strada da percorrere non è l'accentramento, ma portare le risorse pubbliche il più vicino possibile ai cittadini. Da qui, da questa responsabilizzazione delle comunità, passa il miglioramento delle strutture pubbliche locali che in mano ai partiti si sono trasformate troppo spesso in mangiatoie.

I soldi spesi per interpellare i cittadini non sono mai uno spreco, soprattutto davanti ai 360 milioni di euro bruciati da Stato e Regione Lombardia per sostenere la vuota BreBeMi, i 300 milioni della Regione Veneto per la Superstrada Pedemontana veneta con cui si colma un buco creato dai privati, o il miliardo di euro speso tra defiscalizzazione e garanzie pubbliche del fallimentare progetto della Pedemontana lombarda, o i miliardi bruciati nel Mose, ma sono un’opportunità e un investimento futuro per permettere di rispondere al meglio alle esigenze dei cittadini.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

20 Lug 2017, 10:05 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 32


Tags: italia, lombardia, referendum, regioni, veneto

Commenti

 

Ciao


da prestito di due anni, la banca credito investimento è brio di fare di buona cosa nel mondo. questa banca è brio di fare di prestito ha tutto i nostri cittadini che sono nella necessità di prestito. Allora io presi di condividervi questo messaggio, la questa azione di questa banca non è riconosciuta il nostro stato. Allora se avete realmente bisogno di prestito, vi chiedo di contattarli su questa mail poiché, hanno già fanno di prestito ha molta persona ed anche.


Ecco la mail: infos@cibanque.com


Ecco il nostro contatta whatsapp: +330644146852

romeo garcio, turin Commentatore certificato 23.07.17 18:18| 
 |
Rispondi al commento

buona sera Mr. e Mrs.
Vi offriamo prestiti di 5000 euro 1 milione
o è più breve e lungo termine con un tasso del 2%
Godetevi veloce le vostre offerte per i vostri progetti
Contattare prestitobancario2017@gmail.com

roso nathalie Commentatore certificato 23.07.17 16:07| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno

Voi che avete bisogno del finanziamento, io presi più non di fuorviarveli. Contattare direttamente paga i cui tassi sono meno alzare come CIBANQUE.


Ecco il loro sito web: https://cibanque.com/


Ecco il loro indirizzo mail: infos@cibanque.com


Ecco il loro numero Whatsapp; +330644146852


Non fuorviarli su questo ladro che vanno soltanto pubblicare della sciocchezza tutti i giorni su questo sito, questo pagano il mio fanno un prestito di 300.000 euro tra due mesi passare e molti dei miei amici hanno ricevuto il loro prestito in questa banca.


Grazie per la perturbazione

pieroo giuseppe, molise Commentatore certificato 23.07.17 09:39| 
 |
Rispondi al commento

BRAVI .. un'altra cantonata.
Le regioni, nel loro avvento, sono state e tuttora lo sono, causa dell'esplosione del debito pubblico italiano. E voi /noi dovremmo sostenere le ambizioni di politicanti come il governatore della Lombardia, che da ministro degli interni garantiva l'identità di tale Ruby, quale nipote di Mubarack?

sergio girelli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 23.07.17 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Il 22 ottobre si vota per l'autonomia della regiona Lombardia.
I Lombardi sono stanchi di versare 54 miliardi ogni anno a Roma senza avere nulla in termini di servizi e diritti. Credo che il referendum sia la cosa giusta per far decidere i cittadini delle Regioni.

Autonomia, competenze forme e condizioni ma soprattutto risorse per la regione. La Costituzione prevede gli art. 116 e 117 ma nessun governo ha mai tenuto conto di questo.

Ricordo a tutti i cittadini che l'autonomia non è indipindenza.

Daniele Quattrini, Milano Commentatore certificato 22.07.17 19:22| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace ma io voterò contro per un semplice motivo. La regione ha dato l'ok per la strage delle volpi compresi i cuccioli insieme all'ambito territoriale di Brescia. Si dovrebbero vergognare. Spero che tutti gli animalisti della Lombardia votino NO. Poi per voi il voto ci darà sempre.

Miriam Acquaviva 22.07.17 15:20| 
 |
Rispondi al commento

Contrarissimo nel merito. Non mi risulta il M5S sia mai stato "federalista", e questo di fatto è un referendum dai contenuti autonomisti (=leghisti). Visto che giustamente si sottolineano gli sprechi Stato-Regioni su Brebemi e Pedemontana, che senso ha tenere più risorse, per farne sprecare ancora di più? Se ci sono sprechi e corruzione il punto in cui intervenire è quello, non la distribuzione delle risorse, perché altrimenti ci saranno sempre altre Regioni in sofferenza e uno squilibrio che noi come Movimento nazionale non possiamo accettare. Posizione davvero sbagliata questa del M5S Lombardia, che oltretutto fa aumentare la percezione nei media (e negli elettori) che il M5S stia inseguendo l'elettorato leghista. Un errore di merito e e un errore strategico.

Paolo Castellani 22.07.17 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Donata Saggiorato: purtroloi hau capito davvero poco di quello che intendevo dire ; peccato!! Sarà per la prossima volta

Umberto Tordone Commentatore certificato 22.07.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

In merito al REFERENDUM sull'autonomia regionale, lo ritengo un'inutile esercizio di "potere" ed un asssaggio per capire quanto gli Italiani possano amare le Regioni e la loro autonomia: LE REGIONI VANNO SEMPLICEMENTE ABOLITE, SENZA SE E SENZA MA!
Esse costituiscono un enorme aggravio dei costi, centri periferici di potere la cui maggiore autonomia sarebbe un disastro (Sicilia docet), maggiore autonomia = maggiore potenzialità affaristico-mafiosa....in definitiva creare baronie locali non aiuterebbe il cittadino contribuente ma solamente il sistema basato sul clientelarismo politico espandendo e rafforzando il loro brodo di coltura! ABOLIAMO LE REGIONI!!!!!!!

Paolo Mencaraglia, Milano Commentatore certificato 22.07.17 09:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1)Le regioni e' meglio abolirle
2)E' un referendum che serve solo a Zaia per porsi come leader politico nazionale (ha anche dei meriti)
3)Se vince il SI: ha vinto Zaia
4)Se non vince il SI: perde il M5S che non ha saputo movimentare la sua parte e Zaia sparisce .

5) Qualsiasi sia 3) o 4) non cambia nulla stante l'attuale assetto costituzionale e trattati europei.

E fare una legge costituzionale con i chiari di luna che stanno arrivando.....

AldoMasotti 21.07.17 01:38| 
 |
Rispondi al commento

a proposito delle condanne per roma capitale, vedo che alcuni cittadini perbene hanno espresso perplessità e sdegno: ma era tutto più che prevedibile !!! Carminati ha l'aggravante di essere fascista : quale migliore occasione per inserire un fascista nel ruolo di parafulmine ? È incredibile come lui si sia beccato quello che un processo giusto (da paese civile) SAREBBE DOVUTO TOCCARE A FUNZIONARI ED AMMINISTRATORI CHE DI FATTO, HANNO PROVOCATO IL DANNO MAGGIORE E COMMESSO I REATI PIÙ GRAVI DATO CHE ERANO LORO AD AVERE ACCESSO AI MECCANISMI BUROCRATICI, ALLE CARTE OLTRE CHE AVERE IL POTERE DI MOVIMENTARE SOLDI DEL COMUNE, ERANO LORO CHE RENDEVANO GLI APPALTI MANOVRABILI. ERANO LORO CHE OPERAVANO SUGLI IMPEGNI DI SPESA DA TAROCCARE. Carminati e Buzzi, erano i cervelli dell'organizzazione, ma gli attori principali (TUTTI FUNZIONARI PUBBLICI... OLTRE AI POLITICI OVVIAMENTE DIMENTICATI) : quelli hanno giurato fedeltà allo Stato e alla funzione istituzionale che ricoprono nel suo ambito !!!! CHE SCHIFO !!!! E questa sarebbe la giustizia espressa da questa democrazia del caxxo ? !!!!! Però Carminati è fascista... e si merita, quindi, di pagare per tutti... il bastardo.....

Umberto Tordone Commentatore certificato 20.07.17 23:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da anni seguo il percorso del cosiddetto federalismo fiscale, il quale a mio avviso, è la vera soluzione al problema delle regioni sperperone e quelle virtuose. Non ho ben capito a questo proposito, quale passo avanti in questo senso, consente di ottenere questa interessante proposta. Per chiarire il concetto, ritengo assolutamente giusto che i cittadini di un ente (la regione nella fattispecie) BEN AMMINISTRATO possano e debbano usufruire degli ovvi benefici (diritti) che la corretta e onesta amministrazione comporta per gli stessi cittadini. Insomma, per esempio, io abito in una regione amministrata non male e non mi piace affatto la realtà costituzionale CHE I MIEI SOLDI VADANO A FINIRE NELLE CASSE DI REGIONI CHE SPERPERANO DELIBERATAMENTE IL LORO DENARO (OLTRE CHE IL NOSTRO)! Personalmente me ne infischio se questo può sembrare un discorso qualunquistico e antisolidale: anche all'asilo sanno che la buona amministrazione è una chimera in quasi tutte le regioni meridionali e che quelle regioni (ancor prima della liro nascita istituzionale) si sono prima divorati migliaia di miliardi di lire ai bei tempi della CASSA PER IL MEZZOGIORNO e che ora continuano ad ingolare soldi pubblici perpetrando vergognosamente la solita politica del voto di scambio (per non parlare delle solite infiltrazioni mafiose camorristiche). Ergo, ben venga un provvedimento che inizi il percorso del "chi amministra bene, distribuisca bene il giusto e chi amministra male... SE LA VEDA CON I SUOI ELETTORI..."

Umberto Tordone Commentatore certificato 20.07.17 21:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In linea di principio è condivisibile,cosa mi lascia molto perplesso è che tutte le regioni nessuna esclusa hanno buchi contabili anche piuttosto consistenti,non voglio assolutamente che sì ripeta cose già viste in questi anni debiti e tasse locali per coprirli oppure meno servizi.

Prega Gianni 20.07.17 19:25| 
 |
Rispondi al commento

NON SONO ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO! E' un'imbecillità che avrà conseguenze nefaste!
Le regioni sono da ABOLIRE tutte! Si è creato un'altro apparato burocratico che sperpererà ancora più dell'amministrazione centrale!
Sono basito per la superficialità.

aldino c., Messina Commentatore certificato 20.07.17 16:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

20 ANNI DI RECLUSIONE A CARMINATI E 19 A BUZZI.....
Pensa chi c'era in Campidoglio e stavano tutti tranquilli a governare Roma SENZA CHE NESSUNO DICESSE NIENTE e adesso TUTTI A CRITICARE IL M5S che sta facendo pulizia...proprio vero OGNUNO VOTA I SUOI SIMILI e chi vota i corrotti ladri assassini vuol dire CHE E' COME LORO E GLI SERVE QUALCOSA DA LORO che può ottenere solo ILLEGALMENTE!!!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 20.07.17 15:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Lo Statuto Speciale non è utopico, bisogna però cambiare la Costituzione.

Mike Sciking 20.07.17 14:38| 
 |
Rispondi al commento

Meno soldi arrivano allo Stato centrale e meno, i politici, hanno possibilità di rubare.

giorgio peruffo Commentatore certificato 20.07.17 14:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella delle Regioni virtuose contrapposte allo Stato sprecone e' una balla spaziale, contraddetta perfino dagli esempi citati (pedemontana veneta e lombarda, brebemi, ecc) la cui responsabilita' e' proprio delle rispettive regioni.
Cosi si da' alla Lega di Maroni e Zaia un.formidabile assist per reclamare al rialzo piu soldi e deleghe dallo Stato , incolpando poi I governi di non dar loro mai abbastanza. Ed accentuando il divario e le rivalita' tra Nord e Sud. Diverso sarebbe invece di battersi per I costi standars e le verifiche di efficienza/efficacia per costringere ad adeguarsi le regioni piu sprecone.
Con queste politiche da "Lega 5.0"' ( come definisce il M5S un consigliere pentastellato veneto che, almeno, ha il coraggio dirlo esplicitamente ) , il Movimento di Grillo e Casaleggio in Veneto (e Lombardia ) ha fatto un flop dietro l'altro, passando dal 26% delle elezioni politiche al 11-12 % delle regionali al 3% delle comunali di Belluno.e al 5% di Padova.
Perdendo voti a destra perche I filoleghisti votano l'originale, essendo Zaia molto piu credibile dei suoi imitatori, ed a sinistra perche' gli iscritti ed attivisti "dissidenti" ( rispetto a tale linea politica ) se ne stanno andando o vengono emarginati / estromessi con il risultato che molti elettori non votano piu

carlo c., cavarzere Commentatore certificato 20.07.17 12:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"... che, in caso di esito referendario positivo, saranno oggetto di una trattativa tra Regioni e Stato."

Quindi, se lo stato dice no, non si fa nulla e tutto resta com'è.

Roggi G. Commentatore certificato 20.07.17 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Ognuno deve pagare un determinato importo fiscale soprattutto ai servizi e la qualità di vita che il suo territorio può offrire.

Lorenzo 20.07.17 11:45| 
 |
Rispondi al commento

Non sono d'accordo. Io auspico l'abolizione delle regioni che costano tantissimi miliardi di euro.
In particolare vedi la Sicilia dove un governo disastroso, purtroppo sostenuto dal Movimento 5 Stelle, ci ha portato sul lastrico. Crocetta è ststo un fallimento. Non è riuscito a realizzare nessuna delle promesse fatte in campagna elettorale, neanche l'abolizione dei vitalizzi e la riduzione degli stipendi ai burocrati e ai deputati regionale: se ricordo bene a costoro , con una mano ha ridotto in misura ridicola
Lo stipendio, e con l'altrs ha subito dopo aumentato le indennità.

Giovanni Cadili 20.07.17 11:22| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori