Il Blog delle Stelle
#ProgrammaSviluppoEconomico: l'economia circolare

#ProgrammaSviluppoEconomico: l'economia circolare

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 75

di Stefano Bartolini, docente di economia politica all’Università di Siena

Quale tipo di economia vogliamo? Quale tipo di economia è desiderabile costruire? Per un sacco di gente il problema attuale delle economie è la scarsa crescita economica, io invece penso che il maggior problema economica sia la scarsa qualità della vita; mi riferisco in particolare agli studi sul benessere psicologico: cos’è che fa star bene la gente? Sappiamo che la qualità delle relazioni che pesa più di ogni altra cosa, che influenza il benessere, ci sono tante cose che influenzano il benessere, ma la qualità delle relazioni è quella cruciale. Beh, abbiamo costituito una economia che non fa star bene la gente, perché distrugge ampiamente le relazioni. Vi faccio degli esempi: il modo in cui abbiamo costruito le nostre città, le abbiamo consegnate al traffico, ma le città erano state pensate per far stare la gente insieme, esistono da 5000 anni, il progetto urbano è sempre stato un progetto di aggregare le persone, e le persone si sono sempre aggregate negli spazi comuni: le piazze, le strade, dove la gente si incontrava, e intesseva relazioni, poi le strade e le piazze sono state consegnate alle macchine, e questo ha avuto un effetto disastroso di distruzione del tessuto sociale.

Le vittime principali di questo sono per esempio i bambini, l’infanzia che è stata vissuta fino a pochi decenni fa con i bambini che stavano per la strada, passavano i pomeriggi in gruppo, a giocare a calcio per le strade, in giro con gli amici, non esiste più, perché le città sono diventate pericolose ad esempio per il traffico, che le rende pericolose; l’infanzia si è spostata in casa, abbiamo creato un gigantesco e innovativo problema di solitudine infantile, che nessuna altra società ha mai sperimentato. Beh, il punto è che tutto questo ha reso l’infanzia molto più costosa di prima, perché adesso i bambini che sono sempre soli vanno sorvegliati, abbiamo bisogno di spendere per le baby sitter ad esempio, abbiamo bisogno di riempire il vuoto delle loro vite di giocattoli, perché questi non hanno più compagnia e quindi i giocattoli sono un sostituto della compagnia, ora tutto questo ci fa spendere, è un problema di qualità della vita, che è crollata per i bambini, alla quale reagiamo rendendo l’infanzia più costosa.

Questo aumento del Pil naturalmente, fa girare i soldi, rende l’economia più grande, ma peggiora la qualità della vita, la stessa cosa vale esattamente per gli anziani. Prima gli anziani quando erano soli e malandati, beh, un tessuto sociale di quartiere se ne prendeva cura, qualcuno gli faceva la spesa, qualcun altro passava a trovarli, adesso ci vuole la badante, questo ha peggiorato la qualità della vita degli anziani ma ha alzato il Prodotto interno lordo, e ha prodotto crescita economica. Se la nostra città diventa troppo pericolosa per andare fuori la sera passeremo le serate in casa e per passarle in modo divertente ci compreremo il cosiddetto home intertainment, la mega tv a schermo piatto, il dvd, la playstation, giochetti per il computer di ogni tipo, quelli costano e invece una città vivibile è un bene gratuito.

È la qualità della vita che dobbiamo promuovere, e questo ci farà spendere meno soldi, perché promuoverà la qualità delle relazioni che ci danno gratuitamente tante cose. Vi faccio altri esempi: il nostro modo di lavorare, le imprese son state riorganizzate negli ultimi trent’anni seguendo uno schema più o meno di questo tipo: più pressione, più incentivi, più controlli, più conflitti, peggiori relazioni, nell’illusione che tutto questo stressare i lavoratori rendesse i lavoratori più produttivi, ma gli studi sull’argomento mostrano invece che la gente più stressata, meno soddisfatta del proprio lavoro è meno produttiva, non più produttiva. Possiamo rilassare la tensione all’interno delle imprese, possiamo rilassare le gerarchie, rendendo il lavoro meno stressante e più produttivo, pensate alla sanità per esempio. Gli epidemiologi sanno perfettamente che quello che più fa ammalare le persone è l’infelicità della gente, è la scarsità e la cattiva qualità delle loro relazioni.

Possiamo alleggerire la spesa sanitaria, che è diventata praticamente insostenibile, costruendo un mondo di relazioni migliori e di gente soddisfatta della propria vita, più contenta, più felice, tutto questo di nuovo non alzerà il Pil, perché tutti i soldi che spendiamo in sanità aumentano il Pil e generano crescita economica, ma migliorerà la qualità della vita. Allora perché ci continuano a ripetere che la soluzione è la crescita economica? Generalmente questa cosa viene motivata con l’alleggerimento della disoccupazione. Il motivo per cui si continua a puntare sulla crescita è che questo diminuisce la disoccupazione, ma questa è un’illusione al limite della superstizione ormai, noi sappiamo che lo sviluppo dell’intelligenza artificiale sta togliendo nel mondo milioni e milioni di posti di lavoro, non è la crescita economica che aumenterà i posti di lavoro; inoltre, un mondo di gente che consuma meno è anche un mondo di gente che ha bisogno di lavorare meno ore, c’è meno gente in una famiglia che ha bisogno di un lavoro; immaginatevi ad esempio che la situazione torni ad essere, supponiamo quella degli anni Settanta, in cui normalmente nelle famiglie lavorava solo una persona a tempo pieno.

Perché ad esempio i bambini non costavano quasi niente, gli anziani non costavano quasi niente, avevamo tessuto sociale, tutte quelle cose ci hanno reso la vita più costosa e ci hanno spinto a lavorare di più, per esempio una famiglia ha bisogno di due lavori a tempo pieno. Supponete che rigenerando il tessuto sociale ci sia bisogno delle famiglie di due persone che lavorino part-time e basti questo; questo libererebbe un sacco di posti di lavoro per gente che attualmente non ha lavoro e lo sta cercando. Quindi l’idea che una riduzione del consumo attraverso un aumento della qualità della vita aumenti la disoccupazione è allo stato attuale delle cose semplicemente una superstizione; non c’è alcuna garanzia che la diminuzione dei posti di lavoro che effettivamente ci sarebbe diminuendo il consumo non sia più che compensata dalla quantità di gente che ha bisogno di un lavoro e del numero di ore che desiderano lavorare perché sennò non arrivano a fine mese.

Di questo programma di miglioramento di qualità della vita non c’è praticamente traccia nell’agenda politica dei partiti italiani, tranne che nell’agenda politica dei 5 stelle, dove tracce di puntare sulla qualità della vita, anche più di tracce per la verità, se ne trovano, per esempio è un programma che punta ai consumi responsabili, alla distruzione dell’obsolescenza programmata, quel meccanismo per cui i prodotti devono invecchiare rapidamente per essere sostituiti, meccanismo che di nuovo viene giustificato con il fatto che crea più posti di lavoro; li crea ma crea anche più gente che ha bisogno di lavoro perché aumentano le nostre spese.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

4 Ago 2017, 10:37 | Scrivi | Commenti (75) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 75


Tags: economia circolare, programma, programma sviluppo economico, sviluppo economico

Commenti

 

Buongiorno Sig.ra e signori
Sono un privato che dispone di un capitale finanziario ad assegnare in credito
ad ogni persona nella necessità. Allora se siete nella necessità contattarlo che che siate o qualunque siano i vostri problemi:
- siete un uomo di affari o una donna?
- Le vostre necessità di fondo per iniziare la vostra impresa?
- Avete bisogno di prestito per regolare i vostri debiti o di pagare le vostre fatture o cominciare una bella impresa?
- Avete un debole riscontro di credito e trovate difficoltà ad ottenere capitali di prestito presso le banche locali ed altri istituti finanziari?
Avete bisogno di un prestito o di finanziamento per una ragione qualunque?
contattate per e-mail: menghinimarela@hotmail.fr

prestiti tra privato

menghinimarela 14.08.17 16:54| 
 |
Rispondi al commento

Ciao signore/signora
Sommiamo una struttura gestita dalla signora Josina coordinato dalla banca in materia di crediti di micro e macro, CI abbiamo un capitale che verrà utilizzato per concedere l'investimento a breve e a lungo termine di prestiti speciali nelle persone tutto serio, onesto e buono morales che vogliono questo pret.et un gruppo di investitori vicino supporto si su tutto piani secondo i vostri progetti.
Miei contatti
E-mail lectronique:developpement1985@gmail.com
Si prega di contattarci per ulteriori informazioni.
Grazie

ricardo yvano Commentatore certificato 07.08.17 17:00| 
 |
Rispondi al commento

A quanto pare, come tutte le leggi scritte dal governo dei pidokki del PDue, anche il jobs act, secondo un magistrato del lavoro di Roma che ha rimesso alla consulta la causa di una donna assunta e licenziata con un provvedimento di estrema genericità secondo il jobs act, potrebbe essere incostituzionale.
Mentre i membri del giglio magico vengono celebrati sui media a spese nostre ed incuranti del ridicolo, i caposaldi della loro tragica esperienza di potere sono saltati praticamente tutti.

mario genovesi 05.08.17 20:37| 
 |
Rispondi al commento

Facile credito, rapido ed efficace
Il prestito denaro facile non richiede alcuna richiesta di credito.
Non importa quale sia la vostra situazione, non avrete problemi a trovare
Un prestito con noi. Vi garantiamo un'approvazione immediata del credito.
Contattaci direttamente sul nostro indirizzo email: chouinardromaine@hotmail.com

mollonv thomas12 Commentatore certificato 05.08.17 18:44| 
 |
Rispondi al commento

E' chiaro che un'economia che punti solo al consumo e allo sfruttamento delle risorse non è nè lungimirante verso il futuro nè sano verso il presente. Quando si parla di sviluppo sostenibile e crescite inclusiva si intende un modo di lavorare e di produrre meno stressante per le persone e meno invasivo e intensivo.Certo questo non vuol dire smettere di produrre o di consumare, questo non è possibile farlo, ma se si arriva ad un cambiamento in cui lo si fa in maniera consapevole e usando la testa forse tutti quanti ne riusciranno a trarre giovamento.In questo senso sarebbe meglio puntare ad un economia incentrata a valorizzare di più le PMI dove si può ottenere una qualità di lavoro e della vita lavorativa maggiore. Nelle grandi corporations contano i numeri e i fatturati, le persone sono solo pedine da spostare o rimuovere.

Lorenzo P., Cuneo Commentatore certificato 05.08.17 17:00| 
 |
Rispondi al commento

A prescindere dalle discutibili modalità di proposta e votazioni, è tutto chiaro e teoricamente corretto, ma c’è un aspetto chiave del quale, nella formulazione dei programmi, s’ignora l’esistenza.
Cari amici, si parla , si scrive, di programmi economici, modelli di sviluppo e tante altre belle cose. Quello che mi stupisce, se non sconvolge, è l’assoluta ASSENZA sul come il M5S intende comportarsi, cosa intende fare per il reperimento delle risorse. Da sempre, i programmi si fanno sulla base delle risorse, non bastano le idee, i desideri e la volontà. Con la camicia di forza, nella quale ci hanno inseriti, costretti, dettata dall’€., il fiscal compact, per quanto grave, diventa un problema marginale.
Senza la minima autonomia/sovranità monetaria e quindi di scelta, come s’intenderebbe procedere? Non sarebbe il caso d’affrontare, con tutte le sue reali implicazioni, l’argomento che potrà determinare o meno la fattibilità dei programmi??????

Franco B., Prato Commentatore certificato 05.08.17 14:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A parte il fatto che questo BLOG è solo puramente informativo, non ho mai visto un intervento conclusivo del "redattore" che rispodesse o accogliesse le osservazioni espresse, e quindi non produce nulla che non sia stato già deciso, il fatto che un argomento come questo, centrale per ogni forza politica degna di questo nome, venga introdotto quando sono già state prese decisioni che ne "complicano" un'eventuale attuazione, è la dimostrazione che le idee, per chi ha in mano i destini del M5S, sono poche e ben confuse. E' evidente che la visone di Gianroberto Casaleggio non è stata "ereditata" in tuttala sua profondità. Il fatto ancor più grave è che non avendo consapevolezza di questo limite non si faccia ricorso "all'intelligenza" del movimento affidandosi solo a "conoscenze" tecnico-teorico molto specializzate ma assolutamente incapaci di una visione d'insieme. Forse non sono la persona più qualificata per ricordare che l'approccio Aristotelico ha tenuto bloccato lo sviluppo del Mondo Occidentale per quasi 2000 anni. Spero che ci sia la forza per fare un salto di qualità e recuperare la visione di Gianroberto, altrimenti produrremo solo un Movimento di ottimi e onesti Ammininistratori di Condominio

Giovanni Velato, Roma Commentatore certificato 05.08.17 13:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ve lo dico io cosa manca dal programma di tutti i partiti: la riduzione delle tasse. Neanche il movimento rinuncia a 60 milioni di schiavi.

ugo tomasetta 05.08.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Money Back
Opportunità di finanziamento rapido a disposizione di qualsiasi azienda o persona seria. Diamo il nostro sostegno finanziario alle imprese, aziende e buon carattere di persone in cerca di un sostegno finanziario per la realizzazione dei loro progetti. Unitevi a noi per messaggio privato o e-mail per ulteriori informazioni su: developpement.aide@gmail.com o georgerenaut.finance90@yahoo.com
PS: Unitevi a noi dal messaggio privato oppure scrivere sulla nostra pagina: https: //web.facebook.com/creditaidesdeveloppement

veronique lapierre Commentatore certificato 05.08.17 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Credo si stia facendo in un errore grossolano di sostanza e di democrazia, almeno come vorrebbe farla intendere il M5S.
Il programma economia, vitale quanto essenziale, deve essere tacciato nelle linee guida dalla base. Gli esperti dovranno avere il compito di affinarlo, finalizzarlo e renderlo praticabile, senza modificarne l’essenza, la sostanza.
Fino ad oggi gli ESPERTI hanno fatto solo disastri. Il più delle volte, senza niente togliere alle loro competenze specifiche, gli ESPERTI hanno una visione dei problemi monocorde, pregiudiziale, poco fantasiosa, convemzionale, schematica e canonica. Per queste ragioni ritengo gli esperti, se usati in modo scorretto, più dannosi che efficaci.
Dai nemici mi guardo io dagli esperti ci guardi Dio.

Franco B., Prato Commentatore certificato 04.08.17 19:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

@ Aldo Masotti

Non è certo lo Staff che ti ha bannato i commenti e quindi ti ha "fulminato" lo username certificato. Si tratta di qualche imbecille che o si diverte a prendere di mira commenti che, condivisibili o meno, esprimono intelligenza, oppure scientemente cliccano un certo numero di commenti, facendo scattare il ban alla e-mail o allo user.

Contro gli imbecilli non vi è rimedio se non rifarsi lo user, oppure scrivere allo staff (insistentemente e con pazienza ogni giorno), affinchè il tuo user e la tua e-mail vengano ripristinati.

Se sai essere paziente questo avviene sempre e nel frattempo potrai inviare non certificasto.
Mi spiace.
Ciao


produci corri consuma ---e poi dimentichi il bimbo in auto...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 04.08.17 16:47| 
 |
Rispondi al commento

Non piove, governo ladro!
Che tipo di economia?
Le città che prendiamo sono in macerie ed è inevitabile portare i libri in tribunale.
Quando prenderemo l' Italia, che è già fallita, porteremo i libri contabili a Bruxelles e piaccia o no , i loro trattati che sono contratti economici a tutti gli effetti, li arrotolano e se li mettono.. via.
Sono contrattieconomici viziati, prepariamo i dossier : come questa classe politica ha evitato di combattere mafie e corruzione , prepariamo i dossier sui provvedimenti del m5* che sono stati ignorati e che avrebbero permesso di far ripartire l' economia. Prepariamo i dossier che documentano la collusione del potere con le lobby

https://youtu.be/0us30zpeEXI

Prepariamo i dossier, non facciamoci cogliere impreparati.

Non piove, governo ladro, le pannocchie scoppiano, si formano i popcorn nei campi, è vera.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 04.08.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poiche' camuffato riesco a passare:

a)Gli anni 70 come eta' dell'oro? Lo Zep Tepi dell'Italia ? Mi sorgono vari dubbi e contro - fattuali poco edificanti dell'epoca .

b)Vero e' che allora eravamo quasi indipendenti economicamente, la nostra "liretta" funzionava .

c)Il capitalismo finanziario attualmente impersonato dalla UE e' contrario agli interessi nazionali, se vogliamo fare qualcosa va primariamente rimosso tale vincolo.

d)Il fallimento del socialismo applicato attraverso l'impiego di stato (dipendenti pubblici) e' un dato di fatto: da URSS a Venezuela mica sono falliti per cattiveria divina: non funziona.

Dopodiche' tutte le vie di mezzo possono essere percorse con buon senso agganciando le norme all'etica dei popoli altrimenti non funzionano.

In economia non c'e' giusto / sbagliato , c'e' funziona/non funziona.

Indicare cose giuste senza porsi il problema di funzionamento e' gettare fumo negli occhi.

MasottiAldo 04.08.17 16:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io da capitalista pretendo che gli italioti e mezze cicche continuino a fare gli schiavetti per me. Io sono sull' apice della puraminde, mentre voi siete il nulla. I mie soldati di gomma eseguono i mie ordini, in quel posto spazzatura che si chiama camera e senato ha ha ha . Delle marionette che dipendono dal mio denaro, dal mio capitale che voi schiavetti avete generato per me. Frigneri apparte, questo è il mio mondo mentre voi non siete un cxxxæ! Did you understand ???!

undefined 04.08.17 16:00| 
 |
Rispondi al commento

Miei commenti di contenuto critico ma certamente non offensivo sono stati rimossi .

E non riesco a postare col mio nome di commentatore certificato.

Qualcuno ha paura delle mie idee ?


MasottiAldo 04.08.17 15:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LAVORATORI!
Se avete dignità di uomini e coscienza di padri, di sposi, di fratelli, guardate intorno a voi, nel popolo che lavora e soffre; guardate nelle povere famiglie vostre, e un grido vi sorgerà dal cuore: “ Perché noi che produciamo ogni ricchezza, soffriamo ogni miseria?... Perché i ricchi che nulla producono, passano la vita in orgia continua?” E se a queste domande del cuore rispondete con il buon senso, questo concluderà per voi che per diritto di natura e per diritto di lavoro, siete i padroni di tutto, e figli veri della grande famiglia umana, a questa grande famiglia restituirete l’intero patrimonio sociale, quando lo avrete rivendicato da chi, senza merito, lo sfrutta. E sarà questa l’ultima guerra.
Dopo, ma dopo soltanto, verrà la pace, la vera pace sociale, e la fraternità vera, tra il benessere e la libertà

antonnio d., carrara Commentatore certificato 04.08.17 15:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La caratteristica che differenzia l’economia borghese dalle altre forme di economia, è il fatto che i capitalisti non producono al fine di consumare la merce, al fine di accumulare ricchezza. Alla base di questo sistema economico, c’è il capitalista, che investe denaro in merci, le quali vengono usate nel processo produttivo per poi venderne il prodotto e ricavarne una somma di denaro maggiore di quella investita.
Ciò è possibile soprattutto grazie al plusvalore che proviene dal pluslavoro dell’operaio, cioè una eccedenza di lavoro prestato, rispetto a quello che sarebbe necessario per produrre i beni di consumo dei lavoratori o, ciò che è lo stesso, rispetto al lavoro rappresentato dai salari dei lavoratori. Questo lavoro in più, gratuitamente prestato, rimane a disposizione del capitalista ed è l’unica fonte del profitto.
da "il capitale" di Karl Marx.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 04.08.17 15:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutto ciò che era nella mia mente, nel mio cuore, nella mia pancia...tutto ciò che avrei voluto esprimere e per cui avrei voluto combattere, lo trovo sintetizzato perfettamente in questo Post.

Noi da bambini, mi ricordo, giocavamo a biglie, facendo le buchette su quelle stesse strade oggi intasate e piene di morti; ingolosendosi di far nostra qualche biglia "americana", più bella delle altre, rara, di porcellana e finemente colorata...nulla a che vedere con le americane di oggi…

Passavamo 8 ore a giocare, a calcio o altro, su campi sterminati, su strade non ssfaltate...eravamo i padroni del mondo! Dolce adolescenza.

Poi crescendo mi ricordo il baffetto con i suoi, quando a reti unificate, già padroni dei mezzi del potere come lo sono oggi i suoi "poveri" discendenti, urlare a gran voce:

"Italiani, comprate più macchine! Dopo 3 anni la macchina va cambiata, come faccio io. Consumate! Aumenteranno i posti di lavoro e così la qualità della vostra vita!"

Che differenza di vedute!

Per questo mi identifico con questo Post, mi emoziono leggendo ogni sua riga, mentre mi nausea il baffetto, con i suoi ed i finti “non suoi”, ogni volta che lo vedo e che lo sento.
Lui ed i suoi amici interventisti, con la balla delle armi di distruzione, hanno avallato tra le altre nefandezze la distruzione dell'Iraq riempiendolo di distruzione, di uranio radioattivo per secoli, votando tante generazioni alla malattia e alla morte.

"Consumate, fate le guerre “giuste”, ne vale del nostro benessere!",
sì, quello del solito baffetto e dei suoi compari del PD, sempre più scissi in uno.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.08.17 15:03| 
 |
Rispondi al commento

È' l'eterno dilemma tra l'essere e l'avere. Decenni di società capitalistica ci ha "educati" all'avere. Sarà un lavoro lungo e faticoso per tornare all'essere. Questa si che sarebbe una rivoluzione.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 04.08.17 14:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Auguro alla sora frignero una botta di calore, ma di quelle che non ti ripigli più..... allora si, che questa sarebbe un'estate indimenticabile.....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.08.17 14:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanto per dirne una sulle relazioni distrutte....
Feste, sagre e giostre

D: Fino a che ora può durare una festa (o tenere aperta una giostra)?
R: Il limite massimo di orario per le feste o le giostre è fino alle ore 24:00.

Sono stato di recente in Danimarca e di fronte all'hotel facevano una sagra con tanto di giostre e musica sparata ad alto volume fino alle 2 di notte.
Spagna ci vado spesso e li non hanno limiti, festa e musica fino anche alle 4 o 5 pure in centro paese.
Altri paesi europei non so come sono messi ma credo meglio di noi.

Abbiamo distrutto la vera vita, le sagre una volta erano affollate e ci si divertiva, ora sembrano dei funerali..... mi rattrista tutto ciò....


Meraviglioso questo intervento, si pensa a come migliorare la qualità della vita delle persone che il docente ci fa notare passa inevitabilmente dal costruire relazioni sociali soddisfacenti...menomale che qualcuno ci ricordi che l'uomo va contro la sua natura di animale sociale se si isola, e ciò può portarlo ad ammalarsi...molto bello questo intervento.

Donata Saggiorato, Vicenza Commentatore certificato 04.08.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento

Un risparmio sulle risorse,un risparmio sul riciclo dei rifiuti intelligente,porta ad un costo inferiore per la collettività,ma porta pure al profitto ai soliti noti.
Se invece si obbligasse questo risparmio ad essere ridistribuito nella collettività allora si che sarebbe auspicabile.
In sostanza la ridistribuzione della ricchezza.
Stessa solfa per i nostri politici....si sono mai ridotto qualcosa nell'interesse della collettività?
LADRIIIII e maiali!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 04.08.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento

Tutto verissimo!!! Ma non credo che in Italia possa cambiare di molto. L'invidia di avere piú dell'altro o la prepotenza , la fanno da padrone...
E se uno ha bisogno , non gli sputano neanche in bocca per la sete. Purtroppo è la realtà.

Giuseppe 04.08.17 13:37| 
 |
Rispondi al commento

L'economia è circolare, almeno secondo la teoria marginalista, secondo i keynesiani meno, ma anch'essi vogliono che l'economia sia circolare.
Ora raramente mi è capitato di leggere un post sull'economia così poco documentato.
Io penso che se si parla di economia si dovrebbe parlare di economia e non di teorie farlocche tipo la decrescita felice, che non è economia ma qualcosa di più simile alla filosofia zen.
Penso anche che confondere la filosofia zen con l'economia non porti ad altro che a soluzioni tipo il municipio di Roma e non credo che l'Italia possa permettersi due anni di apprendisti stregoni.

Max 04.08.17 13:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sentite come suona leggero economia circolare, come lo dici lo pensi. Tutto rientra in un sistema circolare, la luna con la terra, il sole con i pianeti, il movimento del feto nella pancia. Non occorre molta energia una volta attivata, e può diventare perpetua, se ne hai cura. L 'economia circolare esiste in natura da sempre, quintdi adesso basta con le linee rette, monotoni percorsi per i soliti stupidi ed ignari animali da soma!!

Enrico 04.08.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

IVA al 10% sulle riparazioni di tutti gli elettrodomestici, comprese le schede elettroniche di Caldaie, frigoriferi,lavatrici,ecc...
Nota bene "riparazione delle schede", non sostituzione,con relativo 10% di IVA sui ricambi di esse. Un sacco di spazzatura elettronica in meno.

Davide B., Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 04.08.17 13:02| 
 |
Rispondi al commento

Sono anni che stiamo seduti sulla riva del fiume ma il cadavere del nostro nemico non passa !

vincenzodigiorgio 04.08.17 12:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravissimi!!!

Paolo V 04.08.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate l'OT , ma devo denunciare l'ennesima porcata del FQ on line . Quando posso e mi girano , rispondo a certi commenti cialtroni degli adepti del bollito che ripetono falsità a pappagallo sul M5S per boccaloni disinformati . Oggi ho scritto questo commento , in risposta ad uno dei tanti influencers del PD che accusava la Raggi di essere una “ sindachella collusa “ ,commento che puntualmente mi è stato rimosso dal fantomatico staff del FQ on line : “ la Raggi è il primo sindaco vero che si ritrova roma da 30 anni a questa parte , il primo che combatte il malaffare . La Raggi ieri è andata dai magistrati assieme ad Acerbi, dirigente invisa a Buzzi ( Buzzi intercettato sulla Acerbi : “Basta che se ne va questa, non te riceve, non te parla... e che cazzo, no” ) .la Raggi ha portato un esposto in procura relativo a ipotetici episodi di irregolarità e anomalie delle passate gestioni dell ’Ipa , l’ente previdenziale che si occupa di circa 30mila persone tra dipendenti del Comune e parenti. la Corte dei Conti ha stimato un danno erariale di 2,9 milioni di euro a carico delle casse dell’ente, che sarebbe stato generato da parte del management in carica dal 2002 in poi . distrazione di ingenti somme sottratte ai all'assistenza e previdenza dei dipendenti capitolini. Chiaramente i corrotti ed i telelobotomizzati non sapranno mai delle cose buone che fa la Raggi perchè i loro giornaloni e Tv spazzatura da bravi cani da guardia dei partiti più corrotti d'europa si guardano bene dal pubblicarli. E chi li ha nominati i vertici dell' Ipa ? i soliti noti , il PD , FI , quelli capaci , quelli che sanno scegliere , mica gli inesperti incapaci 5S . la verità è che sono tutte persone marce legate ai partiti più corrotti d'europa , quelli che questi commenti cialtroni vengono a difendere senza vergogna. ( continua nei sottocommenti )

ciro r., napoli Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 04.08.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ritengo che quanto illustrato nel Post accada quando la politica viene decisa dall’ alto e non dal basso, ognuno contando uno.

Se Rousseau me lo consentisse proporrei dunque una votazione relativa a Ordinamenti Federali e Confederali, in cui il potere sia esercitato dal basso verso l'alto:

Tenendo ben presenti i “doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”

1) I cittadini di ciascuna Regione decidono direttamente sull’ammontare del gettito fiscale regionale e su come vadano reperite e investite tali risorse, sia per gli interventi locali sia per quelli -extra locali- nazionali o sovra nazionali, che li coinvolgono.

2) Per il coordinamento degli interventi -extra locali- ognuna delle 20 Regioni elegge da 2 a 5 Portavoce regionali (in proporzione ai suoi abitanti) per un totale di 80 Portavoce.
Ciascuno candidato Portavoce si presenta alle elezioni nella propria Regione, affiancato da un Collaboratore Ufficiale di sua fiducia.

3) Gli 80 Portavoce eleggono poi in Parlamento
- i 60 incaricati del lavoro Legislativo sugli interventi -extra locali- indicati dalle Regioni,
- e i 20 che svolgeranno il conseguente lavoro Esecutivo.

4) In caso di interventi -sovra nazionali- la cui discussione e votazione in sede Confederele
sia richiesta dalla maggioranza dei Portavoce
- verranno designati in Parlamento 73 fra i Collaboratori Ufficiali, i quali affronteranno il caso nel Parlamento Europeo, ognuno sotto la responsabilità diretta del Portavoce di riferimento. (Parlamento EU di cui sarà finanziata dagli italiani una sola sede)

5) Trascorso un anno dalle elezioni, se la maggioranza dei cittadini di una Regione
si dichiara insoddisfatta di un proprio Portavoce, ha diritto di esercitare il recall
e di sostituirlo con il primo nella lista degli esclusi.

Dan Dindon 04.08.17 12:01| 
 |
Rispondi al commento

un capitalismo senza briglie porta all'autodistruzione e al parosssismo:come puo' l'umanta'e a quale prezzo sostenerlo ? lo vediamo ogni giorno ma tutto questo fa P.I.L...

sergio boscariol 04.08.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

https://vimeo.com/29255063

marco ., roma Commentatore certificato 04.08.17 11:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori